Connettiti con Renovato 21

Cancro

Vaccino HPV, donna cita in giudizio la farmaceutica dicendo che le ha causato il cancro

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Una causa intentata martedì presso un tribunale federale sostiene che il vaccino contro il papillomavirus umano Gardasil, o HPV, della Merck abbia causato a una giovane donna dello Utah lo sviluppo di un cancro cervicale e altre lesioni.

 

Una causa intentata martedì presso un tribunale federale sostiene che il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) Gardasil di Merck ha causato a una giovane donna dello Utah lo sviluppo di un cancro cervicale e altre lesioni.

 

La causa, intentata per conto di Caroline Cantera, 25 anni, da Wisner Baum (ex Baum Hedlund Aristei & Goldman), è la prima causa ad affermare che Gardasil può causare il cancro cervicale – lo stesso cancro che Merck afferma che il Gardasil previene.

 

Cantera sostiene che la Merck & Co., Inc., con sede nel New Jersey, e la controllata Merck Sharp & Dohme abbiano venduto il Gardasil come «vaccino contro il cancro cervicale» e minimizzato i rischi per la salute noti per aumentare le vendite.

 

Gli avvocati di Cantera hanno presentato la denuncia presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale della Carolina del Nord nell’ambito del contenzioso multidistrettuale Gardasil (MDL). Dozzine di casi federali di lesioni al Gardasil archiviati in tutto il paese sono stati consolidati nella Carolina del Nord.

 

Secondo la denuncia, Merck non ha mai studiato se Gardasil previene il cancro cervicale. Invece, il produttore di farmaci ha testato Gardasil per determinare se potesse prevenire lo sviluppo di determinate lesioni, alcune delle quali sono considerate correlate al cancro, anche se la maggior parte di tali lesioni, anche le più gravi, regrediscono da sole.

 

I funzionari della sanità pubblica raccomandano da tempo il Pap test come la risposta di salute pubblica più efficace in prima linea per prevenire il cancro cervicale. Molto prima che Gardasil fosse introdotto sul mercato nel 2006, i tassi di cancro cervicale erano crollati fino all’80% con l’implementazione del Pap test di routine.

 

Per coloro a cui vengono diagnosticate lesioni precancerose o peggiori, il cancro cervicale è ampiamente curabile se preso in tempo.

 

Tuttavia, Merck ha richiesto l’approvazione del Gardasil da parte della Food and Drug Administration statunitense «fast track». Una volta approvato, Merck si è impegnato in un’implacabile campagna di marketing proclamando falsamente che Gardasil era un «vaccino contro il cancro cervicale» e che qualsiasi ragazza vaccinata con Gardasil sarebbe diventata «una donna in meno» con cancro cervicale, afferma la causa.

 

Cantera sostiene che Gardasil può effettivamente aumentare il rischio di cancro cervicale. L’etichetta del vaccino Gardasil afferma specificamente: «Gardasil non è stato valutato per il potenziale cancerogeno o genotossico».

 

Gli studi dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) suggeriscono che la soppressione dei ceppi HPV presi di mira da Gardasil (ci sono più di 200 ceppi HPV e Gardasil target tra quattro e nove ceppi) potrebbe effettivamente aprire una nicchia ecologica per la sostituzione con più virulenti ceppi, aumentando così il rischio di cancro cervicale.

 

Gli stessi studi di Merck mostrano che per quelli precedentemente esposti all’HPV (un’enorme percentuale della popolazione) quando vaccinati, c’è un aumento del rischio fino al 44,6% di sviluppare cellule pre-tumorali anormali avanzate o peggio.

 

La denuncia cita anche tassi di cancro cervicale in rapida crescita tra le giovani donne nei Paesi in cui Gardasil ha registrato un’elevata diffusione. Gli studi mostrano anche che le giovani donne che hanno ricevuto il vaccino Gardasil stanno rinunciando al Pap screening di routine a causa di un falso senso di sicurezza che il vaccino HPV le proteggerà dal cancro cervicale.

 

Bijan Esfandiari, co-consulente legale capo per i querelanti nel Gardasil MDL, ha dichiarato:

 

«Merck ha fortemente promosso il Gardasil come vaccino per la prevenzione del cancro anche se gli studi non erano progettati per rispondere a questa domanda, e la sua commercializzazione ha effettivamente portato le giovani donne a rinunciare al Pap screening, il metodo più affidabile e provato per prevenire il cancro cervicale».

 

«Merck inoltre non ha studiato se Gardasil può causare il cancro, ma ora abbiamo le prove che può aumentare il rischio di cancro. Dato che Merck guadagna oltre 6 dollari miliardi all’anno con Gardasil, ha pochi incentivi per fermare l’inganno».

 

«Attraverso il nostro contenzioso, speriamo di esporre la verità e ritenere Merck responsabile del danno che ha arrecato a Caroline e ad altri».

 

 

Cantera ha dovuto affrontare il doloroso fatto: «non potrò mai avere figli miei»

Cantera aveva 19 anni quando ha ricevuto il suo primo delle tre iniezioni di vaccino Gardasil. Ha detto di aver accettato di ricevere Gardasil dopo essere stata convinta dal prolifico marketing di Merck che il vaccino è molto sicuro e previene il cancro cervicale.

 

Prima di ricevere il vaccino contro l’HPV, Cantera era in buona salute e non doveva mai andare dal medico per altro che regolari controlli ed esami fisici per lo sport. Ha ricevuto i Pap test di routine, tutti negativi prima del Gardasil.

 

Al liceo giocava a tennis, andava regolarmente con lo zaino in spalla e amava passare il tempo all’aria aperta. Ha vissuto una vita felice e spensierata piena di amici e attività.

 

Dopo le sue iniezioni di Gardasil, Cantera ha sperimentato una stanchezza inaspettata, intensi dolori allo stomaco e debolezza generale in tutto il corpo. La stanchezza e il dolore addominale occasionale continuarono fino a quando non si accorse che il suo ciclo era durato più di quattro settimane.

 

Dopo quella che pensava fosse una prima visita da un ginecologo, la sua vita ha improvvisamente preso una svolta drastica e inaspettata.

 

A Cantera è stato diagnosticato un cancro cervicale al quarto stadio. Ha ricevuto più biopsie, scansioni TC e risonanza magnetica, ha avuto sei cicli di chemioterapia, 30 trattamenti con radiazioni, tre trattamenti di brachiterapia e ha visto innumerevoli medici.

 

Non è stata in grado di tornare all’università per il suo ultimo semestre e ha lottato per finire i compiti necessari per conseguire la laurea.

 

Poiché la maggior parte del suo trattamento era diretto alla sua cervice, anche le sue ovaie sono state colpite, portandola in menopausa a 20 anni. Non potrà mai avere figli suoi perché le sue uova non sono più vitali a causa del trattamento del cancro.

 

«Ogni giorno dalla mia diagnosi è stata una battaglia. Il mio corpo si sta ancora riprendendo dal bilancio di trattamenti così intensi per combattere il cancro e vivo nella costante paura che il mio cancro possa ripresentarsi in qualsiasi momento» ha detto Cantera.

 

«Oltre a tutto ciò, ho anche dovuto affrontare il doloroso fatto che non potrò mai avere figli miei. Se Merck sapeva che questo vaccino può causare così tanti danni, perché non ha avvertito le persone?»

 

Nel settembre 2022, Wisner Baum e Robert F. Kennedy Jr., presidente in congedo della Children’s Health Defense, hanno intentato la loro prima causa per omicidio colposo contro Merck, sostenendo che il vaccino Gardasil HPV del produttore di farmaci ha causato la morte del tredicenne Noah Tate Foley.

 

Wisner Baum e Kennedy hanno intentato numerose azioni legali contro Merck sostenendo che la società nasconde consapevolmente gli eventi avversi associati al suo vaccino Gardasil. Questi includono:

 

 

Sebbene ogni caso sia unico, tutti i querelanti concordano sul fatto che se Merck avesse detto la verità sui pericoli noti associati al Gardasil, non avrebbero mai acconsentito al vaccino HPV. (…)

 

 

Lo Staff di The Defender

 

 

© 26 aprile 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Cancro

I vaccini COVID possono disturbare il sistema endocrino e innescare una cascata di problemi di salute cronici

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

In un’intervista con The Defender, la dottoressa Margaret Christensen ha affermato che le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche nei vaccini COVID-19, insieme alla salute già precaria di molti americani, «incidono gravemente sulla capacità del nostro sistema immunitario di autoregolarsi correttamente».

 

I vaccini contro il COVID-19 interrompono il sistema ormonale e una serie di condizioni ad esso associate, secondo la dottoressa Margaret Christensen, co-fondatrice del Carpathia Collaborative e membro della facoltà dell’Institute for Functional Medicine.

 

In un’intervista con The Defender, Christensen ha collegato alcuni degli eventi avversi e dei problemi di salute cronici sperimentati da coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 con le interruzioni ormonali causate dai loro ingredienti.

 

Christensen ha detto a The Defender di aver osservato questi effetti nei suoi pazienti.

 

«Per me, sono stati gli squilibri ormonali ad attirare davvero la mia attenzione», ha detto, citando le donne in postmenopausa che improvvisamente «hanno iniziato a sanguinare dal nulla» e le donne con «cicli molto irregolari, con cisti ovariche, dolore pelvico, problemi di infertilità e aborti spontanei».

 

«Ciò che mi ha davvero disturbato è che ci sono state tre morti fetali nel nostro studio» ha aggiunto Christensen. «C’è stata una morte fetale a 35 settimane, una a 37 settimane e una ragazza che ha avuto un distacco di placenta durante il parto. Non l’ho mai avuto prima».

 

Christensen ha affermato che il contenuto delle iniezioni di COVID-19, comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche , insieme alla già precaria salute di molti americani – obesità, resistenza all’insulina ed esposizione a sostanze chimiche nell’aria, nel cibo e nell’acqua – «hanno un impatto grave sul nostro sistema immunitario”. la capacità del sistema di autoregolarsi correttamente».

 

Christensen ha delineato questi fattori nel suo rapporto «Hormonal Havoc: The Covid Fallout and How to Fix It» («Caos ormonale: le conseguenze del COVID e come aggiustarle), per il quale ha intervistato oltre 60 medici specializzati in un’ampia gamma di condizioni di salute.

 

Il rapporto sarà anche oggetto di un prossimo vertice online a cui parteciperanno diverse dozzine di esperti medici e sanitari. Tra i partecipanti figurano il dottor David Brownstein, il dottor Peter McCullough, la dottoressa Michelle Perro, il dottor James Thorp, Stephanie Seneff, Ph.D. e Zen Honeycutt, direttore esecutivo di Moms Across America.

Iscriviti al canale Telegram

I vaccini innescano «disfunzioni del sistema immunitario» e squilibri ormonali

Christensen ha affermato che la proteina spike nei vaccini COVID-19 ha molteplici mezzi per causare lesioni.

 

«Se si comprendono i meccanismi delle proteine ​​​​spike… e si capisce che abbiamo un’alterazione dei mitocondri, una disregolazione del sistema immunitario e infezioni persistenti o ricorrenti di altro tipo, allora si può capire perché vedremmo così tante diverse aree patologiche manifestarsi», ha detto.

 

Christensen ha affermato che i mitocondri «alimentano tutto» nel corpo, con alti livelli riscontrati nelle ovaie, nei testicoli, nel cervello e nel cuore. «I mitocondri sono la centrale elettrica delle nostre cellule e si trovano in quantità elevate in quegli organi, che richiedono molta energia».

 

Il danno ai mitocondri «innesca la disfunzione del sistema immunitario», ha affermato, portando a una bassa produzione di energia, che ha collegato a eventi avversi spesso subiti dai destinatari del vaccino COVID-19.

 

«Se non produci energia nel tuo cervello, il cervello si annebbia. Se non produci energia adeguata nel cuore, inizierai ad avere aritmie e il muscolo cardiaco non funzionerà correttamente. Quando si danneggiano i mitocondri nelle ovaie e nei testicoli, ciò avrà un impatto sulla produzione di ovuli e spermatozoi».

 

Le proteine ​​​​spike possono portare a «sintomi di tipo neurodegenerativo», inclusa la sindrome da tachicardia ortostatica posturale o POTS, ha detto. La tossicità delle proteine ​​Spike e il conseguente danno mitocondriale possono anche innescare malattie autoimmuni, ha detto Christensen.

 

«La proteina Spike sta innescando la produzione di enormi quantità di anticorpi e citochine, e alcuni di questi anticorpi sono anticorpi contro noi stessi e anche anticorpi che sono coinvolti nel non consentire alle cellule tumorali di tenersi sotto controllo», ha detto.

 

«Stiamo trovando proteine ​​​​spike nei testicoli e nelle ovaie. Non solo riceviamo segnali interrotti dall’ipotalamo alle ovaie e ai testicoli, ma stiamo anche ricevendo colpi infiammatori diretti dalla proteina Spike stessa, che viene trovata a causa delle nanoparticelle lipidiche nelle ovaie dei testicoli, che innescano l’infiammazione», ha aggiunto Christensen.

 

«E così, stiamo interrompendo il normale metabolismo e l’escrezione degli ormoni. Quindi, si ottiene il ricircolo di vecchi ormoni, sbilanciando tutto», ha aggiunto Christensen.

 

Secondo Christensen, anche altre forme di contaminazione del vaccino hanno avuto un ruolo nel causare effetti avversi sulla salute, inclusi tumori aggressivi.

 

«Ci sono molte sequenze insolite nel vaccino che sappiamo non si trovano in natura. Questi includono un segmento SV40, che sappiamo essere coinvolto nei tumori e nelle escrescenze cancerose».

 

Di conseguenza, Christensen ha detto:

 

«Stiamo assistendo alla soppressione del sistema immunitario e all’iperattivazione di una parte diversa del sistema immunitario, alla soppressione di quello innato e all’iperattivazione di quello adattivo. Quindi… stiamo assistendo a una rapida crescita dell’insorgenza di tumori al quarto stadio senza alcun sintomo precedente».

 

«Sappiamo anche che ci sono altri insoliti segmenti immunosoppressori all’interno della proteina spike che stanno disregolando in modo significativo il nostro sistema immunitario. Stanno sopprimendo la parte del sistema immunitario chiamata “innata”, che insegue virus, batteri, parassiti e cellule tumorali nel nostro corpo».

 

Secondo Christensen, anche la composizione stessa del virus COVID-19 è responsabile di alcuni effetti negativi sulla salute.

 

«Sappiamo che il COVID non era una normale polmonite virale», ha detto. «Era una vasculite. Si trattava di un’infiammazione, in particolare dei vasi sanguigni molto piccoli, e il trattamento di quell’infiammazione è ciò che ha aiutato a guarire le persone».

 

«L’infiammazione nei vasi sanguigni ha causato la formazione di molti coaguli e micro coaguli. I microcoaguli si riuniscono e formano dei coaguli molto grandi. E questi coaguli hanno anche un’architettura molto insolita. Non sono i normali coaguli di sangue che vediamo. Stiamo osservando moltissimi microcoaguli, molto simili alla tossicità delle muffe» ha aggiunto.

 

Christensen, che ha 23 anni di esperienza nella diagnosi e nel trattamento delle esposizioni a muffe tossiche, ha affermato che portano alla soppressione del «sistema immunitario innato».

 

«Non puoi dare la caccia alle cellule tumorali, non puoi dare la caccia ai virus e ai batteri che sono nel tuo corpo, quindi ottieni infezioni ricorrenti e quindi infiammi eccessivamente il sistema immunitario adattativo».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

I vaccini possono causare una costante modalità di «lotta o fuga»

Christensen ha affermato che la tossicità del vaccino prende di mira l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che secondo lei «controlla l’intero sistema ormonale nel corpo».

 

«L’ipotalamo è il centro regolatore principale del cervello, che riceve input da tutto il resto del corpo» e quindi invia segnali alla ghiandola pituitaria per produrre ormoni che guidano varie funzioni, dall’ovulazione al rapporto sessuale, ha detto.

 

«Se siamo in condizioni di stress cronico o cronicamente infiammati o [abbiamo un] microbioma intestinale cronicamente compromesso… allora stiamo inviando segnali al nostro cervello che dicono: “Sono ansioso”. “Sono angosciato, non riesco a dormire. Sono molto confuso”. L’ipotalamo invia segnali contrastanti al resto del corpo e quindi possiamo osservare un’interruzione dei normali cicli ormonali».

 

Ciò può stimolare la produzione eccessiva di adrenalina, portando a uno «stato cronico» in cui «sei costantemente in modalità lotta o fuga», ha detto Christensen. Di conseguenza, si verifica un’interruzione ormonale e «non puoi guarire».

 

Anche le proteine ​​spike e la contaminazione da vaccino possono avere un impatto sulla salute gastrointestinale, ha affermato Christensen.

 

«Sappiamo che il COVID e la proteina Spike hanno danneggiato gran parte del microbioma intestinale, eliminando i batteri che dovrebbero essere utili e [causando] una crescita eccessiva di alcuni batteri cattivi che finiscono per rimettere in circolo alcuni di questi ormoni usati e creando enormi squilibri e livelli elevati, ad esempio, di estrogeni. Chiamiamo questa dominanza degli estrogeni», ha detto.

 

Ciò porta a quantità eccessive di estrogeni, che possono far «crescere il rivestimento dell’utero», portando a «gravi problemi di sanguinamento, crescita di fibromi uterini… perdita dell’intero rivestimento dell’utero, persino sanguinamento postmenopausale», ha aggiunto Christensen.

 

Le proteine ​​spike causano «danni e infiammazioni nel cervello stesso»

Le conseguenze sulla salute mentale dei vaccini contro il COVID-19, dei lockdown e di altre restrizioni legate alla pandemia hanno attirato meno attenzione, ha affermato Christensen, anche se «la connessione con la salute mentale è multifattoriale».

 

Secondo Christensen, le restrizioni legate al COVID «hanno messo tutta la nostra popolazione in uno stato di “lotta o fuga per mesi e mesi”. Ciò, insieme all’”uso della vergogna e del senso di colpa per le persone che non si adeguavano”, ha contribuito “gravemente all’ansia e alla depressione”».

 

Ansia e depressione innescano altri effetti nel cervello umano, ha detto Christensen. «Quindi si ha di nuovo l’impatto sulle ghiandole surrenali, sull’asse HPA e sul cervello in costante sovraccarico, costante neuroinfiammazione, [essendo] costantemente confuso. Ciò contribuirà all’ansia, alla depressione, all’insonnia, ai comportamenti OCD [disturbo ossessivo-compulsivo] e agli attacchi di panico».

 

Da ciò consegue la disfunzione del sistema limbico, in cui «il nostro sistema limbico ha preso il sopravvento in una sorta di meccanismo di sopravvivenza», ha detto Christensen, sottolineando che ciò ha contribuito a contribuire a «un massiccio aumento del suicidio e dell’impotenza e della disperazione».

 

Christensen ha affermato che i vaccini contribuiscono anche al dumping di istamina nel cervello. L’istamina è una sostanza chimica rilasciata dal sistema immunitario.

«Ora stai distruggendo i neurotrasmettitori e stai rilasciando tutti i tipi di istamina. E l’istamina è ciò che è coinvolto in molti comportamenti psicotici, nella schizofrenia e nella semplice vecchia ansia, insonnia ed emicrania».

 

La lesione cerebrale è un altro risultato dei vaccini COVID-19, ha affermato Christensen.

 

«Stiamo assistendo a danni e infiammazioni nel cervello stesso causati dalla proteina spike e dalla disfunzione mitocondriale, dagli anticorpi autoimmuni ora prodotti contro varie parti del cervello», ha detto. «Molte persone hanno avuto una neuropatia periferica : sensazioni nervose molto gravi e dolorose nelle mani e nei piedi o in altre aree del corpo».

Sostieni Renovatio 21

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo»

Christensen ha avvertito che nei prossimi anni vedremo un numero crescente di persone sviluppare patologie croniche e lesioni a causa dei vaccini COVID-19.

 

«Abbiamo avuto 5 miliardi di persone che hanno ricevuto questa iniezione sperimentale di mRNA», ha detto. «Abbiamo avuto un numero enorme di eventi avversi, ma quasi il 15% delle persone ha avuto eventi avversi significativi, abbastanza gravi da essere ricoverati in ospedale. Questa è stata solo la conseguenza immediata. Ora stiamo vedendo le ricadute un paio di anni dopo».

 

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo», ha detto Christensen.

 

Christensen ha affermato che molti medici, funzionari della sanità pubblica e media mainstream stanno nascondendo l’aumento delle condizioni croniche e degli infortuni, attribuendoli invece al «Long COVID» e ad altri fattori.

 

«I media mainstream e la medicina sono stati, involontariamente o volontariamente, complici nell’imporre questa narrazione “sicuro ed efficace”» ha detto Christensen. «È molto difficile adesso per loro dire “mea culpa, ho sbagliato”… È meglio dire “oh, sì, è normale”».

 

Christensen ha detto che le persone hanno una forte capacità di guarigione a cui possono attingere.

 

«Dobbiamo semplicemente unire i punti: cibo pulito, acqua pulita, aria pulita e una mente pulita. Il nostro corpo ha incredibili capacità di guarigione, capacità di guarigione intrinseche e dobbiamo solo capire come possiamo supportarle», ha detto.

 

Anche la costruzione di una comunità può aiutare nel processo di guarigione, ha affermato Christensen.

 

«Abbiamo bisogno di riunirci nella comunità e parlare tra noi di cosa sta succedendo e di cosa è successo, perché la guarigione avviene quando raccontiamo le nostre storie e quando lavoriamo insieme. C’è sempre speranza per la salute e la guarigione».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 10 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Cancro

Immagini disturbanti dei turbocancri sono sui social media

Pubblicato

il

Da

Immagini dei cosiddetti «turbocancri» stanno venendo pubblicate in rete, in ispecie sul social X, già Twitter.   In un post su X di martedì, «They Keep Saying Its Rare» («Continuano a dire che è raro»), un profilo di segnalazione degli eventi avversi del vaccino COVID, ha documentato un raccapricciante cancro al viso su una vittima del vaccino e ha linkato il relativo studio sul fenomeno.  

Sostieni Renovatio 21

Lo studio del caso clinico descrive quello che dice essere un possibile grave effetto collaterale del siero genico, una reazione avversa, viene asserito, che sarebbe iniziata appena quattro giorni dopo la vaccinazione.   «Segnaliamo un tipo di carcinoma basaloide aggressivo, infiltrante, metastatico e, in definitiva, letale che si manifesta poco dopo una vaccinazione con mRNA per COVID-19», si legge nell’«Abstract» dello studio.   «Inseriamo questo nel contesto di molteplici disturbi immunitari potenzialmente correlati alle iniezioni di mRNA che ci si aspetterebbe di potenziare la presentazione e la progressione più aggressiva del cancro».   Il dottor Peter McCullough ha discusso del fenomeno del cancro al viso in un post martedì, facendo riferimento al suo precedente post su Substack sull’argomento, affermando che il paziente ormai deceduto non ha avuto alcun beneficio dall’essere vaccinato contro il COVID.   «Probabilmente l’origine di questo cancro era la ghiandola parotide con cellule maligne presenti al momento della vaccinazione con mRNA» scrive il medico texano. «Nel giro di pochi giorni si trasformò in un turbo-cancro ORL prototipo e infine letale. Quest’uomo ha sofferto senza alcun beneficio tangibile dalla vaccinazione contro il COVID-19».  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Mentre lo studio ha dettagliato la paralisi di Bell – che colpisce il volto – che porterebbe, secondo quanto detto, al cancro attraverso una serie di passaggi di causa-effetto, anche la semplice paralisi di Bell è stata un effetto collaterale comune dei sieri di terapia genica sperimentale, registrato varie volte anche in Italia. In rete si sospetta, addirittura, che ne sia stata vittima l’inventrice del vaccino COVID.     I passaggi su come le iniezioni di mRNA inducono la paralisi facciale che porta al cancro maligno e infine alla morte sono stati documentati sempre nella sezione «Abstract» dello studio.   Un altro utente di X ha pubblicato un video dal podcast Saturday Patriots with Grit in cui intervistava il dottor William Makis sulla pandemia di cancro turbo.   «Il turbocancro è un fenomeno molto reale e terrificante, causato dai vaccini mRNA. Il Turbocancro non risponde ai trattamento convenzionali, e per questo i trattamenti alternativi sono così importanti!»  

Aiuta Renovatio 21

Per quanto riguarda i turbocancri e la loro estremamente aggressività, il Makis ha anche detto di non aver mai visto nulla di simile.   «Ma poi c’era un sottogruppo piuttosto ampio di medici che stavano sviluppando tumori estremamente aggressivi e tumori a un’età che non avrebbero dovuto contrarre», ha detto. «Questi tumori si presentavano sempre allo stadio quattro e li uccidevano sempre nel giro di pochi mesi ed era sempre meno di un anno».     Un altro utente ha pubblicato mercoledì uno studio del primo anno di lancio dell’mRNA che documenta il fenomeno cancerogeno in risposta a un altro utente che ha pubblicato martedì un video sulle statistiche sull’aumento del cancro.       Come riportato da Renovatio 21, il fenomeno dei cosiddetti «turbocancri» sta creando vaste domande nei medici che osano ancora porsene, mentre è ignorato completamente dai rapporto istituzionali come quelli dell’OMS sull’aumento dell’incidenza dei tumori anche nei giovani.   Secondo una riflessione apparsa su The Defender, il fenomeno dei turbocancri diventerà talmente pervasivo da essere innegabile al punto che per farlo accettare non sarà nemmeno più necessario da parte delle autorità sanitarie e politiche l’uso della Finestra di Overton.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine da Twitter    
Continua a leggere

Cancro

Diagnostica la leucemia ad Asma Assad

Pubblicato

il

Da

Alla moglie del presidente siriano Bashar Assad, Asma, è stata diagnosticata la leucemia, ha detto martedì l’ufficio presidenziale.

 

«Dopo che alla First Lady Asma Assad sono stati diagnosticati diversi sintomi e segni clinici [della malattia] ed è stata sottoposta a una serie completa di test ed esami medici, le è stata diagnosticata la leucemia mieloide acuta», ha affermato l’ufficio della presidenza siriana in una nota.

 

La leucemia mieloide acuta è un tipo di cancro che si verifica quando il midollo osseo del corpo produce cellule del sangue anormali.

 

La first lady manterrà «un adeguato distanziamento sociale» e si ritirerà temporaneamente dagli eventi pubblici come parte del suo piano di trattamento.

 

Nell’agosto 2018 ad Asma Assad è stato diagnosticato un tumore maligno al seno in stadio iniziale. Alla fine di gennaio 2019, i medici avevano eseguito con successo un’operazione per rimuoverlo e nell’agosto 2019 l’ufficio del palazzo presidenziale aveva annunciato che Asma aveva sconfitto la malattia.

Sostieni Renovatio 21

La Signora Assad aveva dichiarato di essersi sottoposta alla chemioterapia in un ospedale militare Siriano, aveva riportato l’agenzia Reuters. Un esperto sentito dalla testata araba Al-Monitor ha dichiarato che si tratterebbe quindi di quella che è chiamata leucemia mieloide acuta correlata alla terapia, dalla quale, dice, è più difficile guarire.

 

Si tratterebbe insomma di un cancro di origine iatrogena.

 

Asma Fawaz al-Assad, nata Akhras, 47 anni, è nata e cresciuta a Londra da una famiglia siriana di religione musulmana sunnita: il padre era cardiologo, la madre lavorava all’ambasciata. Fu introdotta a Bashar Assad, anche lui in Inghilterra per svolgere il lavoro di oftalmologo, da amicizie comuni. In seguito alla morte del padre, Bashar divenne presidente.

 

Il portamento regale di Asma è stato sottolineato da Renovatio 21 in altre occasioni. La «regina» di Siria, che è di fatto una ragazza al contempo siriana ed europea, è amata dal suo popolo, quanto è attaccata, disprezzata e combattuta dalla stampa occidentale.

 

Come riportato da Renovatio 21, la scorsa estate Asma aveva dichiarato che «il neoliberismo è la più grande minaccia per il mondo».

 

«Una sfida universale e su larga scala per il mondo intero è la minaccia del neoliberismo, che viene imposto a tutti i popoli. Lo scopo principale di questo, ovviamente, è quello di offuscare non solo l’identità nazionale, ma anche l’identità umana, così come tutti i suoi elementi costitutivi, come il patriottismo, le tradizioni e i costumi», aveva affermato la signora Assad.

 

I valori tradizionali, inoltre, sono preservati all’interno della famiglia, che dovrebbe diventare il pilastro del «dialogo tra i giovani di tutto il mondo», sostiene la first lady siriana.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari