Connettiti con Renovato 21

Protesta

Thailandia, la polizia reprime le proteste contro il governo

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Oggi i leader del movimento pro-democrazia sono tornati in strada presentando una denuncia contro gli ufficiali coinvolti nelle violenze. I manifestanti chiedevano la cancellazione del summit economico e le dimissioni del generale e primo ministro Prayut Chan-o-cha. Secondo gli esperti una debole opposizione di piazza potrebbe continuare fino alle elezioni dell’anno prossimo.

 

 

 

La polizia thailandese è stata criticata per la dura repressione delle proteste che si sono svolte ieri nella capitale Bangkok in occasione dell’inizio del summit APEC (Cooperazione economica Asia-Pacifico).

 

Gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine si sono verificati su Din So Road e sono iniziati dopo che un gruppo di attivisti che si fa chiamare «Citizens Stop APEC 2022» ha provato a condurre una marcia dal luogo designato dalla città metropolitana di Bangkok per la manifestazione verso la sede del vertice APEC, a qualche chilometro di distanza.

 

Ai giornalisti – alcuni dei quali sono stati leggermente feriti – era stato ordinato di andarsene.

 

I manifestanti volevano consegnare al governo una lettera in cui chiedevano la cancellazione del vertice economico e le dimissioni del primo ministro Prayut Chan-o-cha. Per opporsi alla polizia hanno bruciato in strada con un fornelletto da campo del peperoncino (v. immagine).

 

Secondo il direttore di Amnesty International Thailandia, Piyanut Kotsan, l’azione della Royal Thai Police «non ha affatto rispettato gli standard internazionali come ripetutamente affermato» dalle forze di sicurezza.

 

La polizia ha spinto gli attivisti in una strada stretta e utilizzato gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ferendo gravemente a un occhio almeno un manifestante. 25 persone che erano state arrestate oggi sono state rilasciate. Questa mattina alcuni leader del movimento sono scesi nuovamente in piazza presentando una denuncia alla polizia contro gli ufficiali coinvolti nelle violenze.

 

«Questo è ciò che accade sotto il governo guidato dal generale Prayut Chan-o-cha. La polizia non ha spina dorsale e sceglie di usare la violenza contro le persone. Cinque manifestanti sono rimasti feriti e molti arrestati», ha dichiarato la giovane attivista Patsaravalee Tanakitvibulpon che si oppone all’attuale amministrazione.

 

Secondo alcuni commentatori, le proteste di ieri si richiamavano a quelle pro-democrazia del 2020, che chiedevano nuove leggi per riformare la monarchia thailandese e la fine de governo salito al potere nel 2014 dopo il colpo di Stato dei militari.

 

Per alcuni il movimento di protesta, seppur indebolito rispetto a un paio di anni fa, potrebbe continuare a opporsi al generale e premier Prayut Chan-o-cha almeno fino alle elezioni previste per il prossimo anno.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Protesta

Proteste di massa in Francia contro le riforme di Macron

Pubblicato

il

Da

Martedì 31 gennaio, si stima che circa 3 milioni di persone abbiano preso parte a manifestazioni, manifestazioni e scioperi in quasi 250 proteste in tutta la Francia, andando oltre le proteste del 19 gennaio, che erano già di per sé massive.

 

Il sindacato CGT ha detto che 2,8 milioni hanno protestato a livello nazionale, di cui 500.000 solo a Parigi. Il ministero dell’Interno francese ha affermato che un totale di 1,272 milioni di persone hanno preso parte alle proteste a livello nazionale e 87.000 a Parigi. Secondo i dati comunicati dalle prefetture, i manifestanti erano 14mila a Rouen, 12mila a Le Havre e 28mila a Nantes, in aumento rispetto ai 25mila del 19 gennaio.  Come in precedenza, le città di medie dimensioni sembravano essere in testa con 7.000 manifestanti ad Alès (popolazione 35.000) e 8.500 ad Angoulême (popolazione 42.000).

 

Le proteste hanno gravemente interrotto i trasporti, cancellando tre quarti dei treni fuori Parigi.

 

La CGT ha affermato che almeno tre quarti dei lavoratori delle raffinerie di petrolio e dei depositi di carburante di TotalEnergies hanno lasciato il lavoro.

 

 

Le centrali elettriche hanno riportato una produzione ridotta dopo che i lavoratori hanno scioperato presso EDF, la principale compagnia elettrica. Uno dei principali sindacati degli insegnanti ha affermato che circa il 55% degli insegnanti delle scuole secondarie si era ritirato. Gli studenti delle scuole superiori hanno organizzato proteste fuori da alcune scuole e gli studenti hanno detto che avrebbero occupato l’università Sciences Po di Parigi a sostegno degli scioperanti.

 

 

Un sondaggio di BFM-TV del 1° febbraio ha rilevato che il 71% dei francesi si oppone alla «riforma» delle pensioni del governo, che ha scatenato queste proteste; Il 28% si dichiara favorevole alla riforma e l’1% è indeciso. Circa il 66% ha risposto che vuole che le manifestazioni e gli scioperi continuino, ordino di costringere il governo a fare marcia indietro.

 

 

La Francia è reduce dal biennio pandemico che ha visto manifestazioni massive invadere tutte le città del Paese, senza tuttavia scalfire il governo di Macron, il quale si è spinto tranquillamente all’insulto nei confronti dei non vaccinati, rivendicando l’azione amministrative per render loro la vita impossibile.

 

Come da tradizione degli anni COVID, la polizia antisommossa francese non ha fatto mancare le botte ai manifestanti.

 

 

EIRN ritiene che nel sostegno del controverso presidente francese siano implicati il Fondo Monetario Internazionale e pure Elon Musk «Sia il FMI, sia il CEO di Twitter e Tesla, Elon Musk, sono consapevoli che una sconfitta di Macron potrebbe ispirare molti altri in altri paesi. Pertanto, hanno deciso di interferire negli affari interni della Francia».

 

«Il 30 gennaio, alla vigilia delle manifestazioni, il FMI ha rilasciato una dichiarazione insistendo sul fatto che la riforma di Macron è essenziale per il sistema finanziario. Da parte sua, il 20 gennaio, un giorno dopo la prima serie di proteste, Musk, che aveva avuto un incontro segreto con il presidente francese il 22 dicembre a New Orleans, ha twittato che “Macron sta facendo la cosa difficile, ma giusta”», riporta sempre EIRN.

 

 

 

Continua a leggere

Protesta

La polizia spara sui sostenitori di Bolsonaro

Pubblicato

il

Da

Rivolta a Brasilia. La polizia spara sui manifestanti sostenitori del presidente Jair Messias Bolsonaro.

 

Durante la protesta di lunedì sera, la tensione è aumentata dopo che la polizia ha arrestato un leader indigeno pro-Bolsonaro.

 

La polizia ha sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma per disperdere i manifestanti. I vigili del fuoco hanno detto che cinque autobus e otto auto sono stati dati alle fiamme. Diverse strade chiave sono rimaste chiuse martedì mattina.

 

In un video molto condiviso in rete, si sente una donna urlare «stanno sparando alla gente!»

 

 

La polizia dichiara che i manifestanti «hanno tentato di invadere» l’edificio della polizia federale, dove era detenuto José Acácio Serere Xavante.

 

Il giudice della Corte Suprema Alexandre de Moraes, considerato un avversario di Bolsonaro e del suo popolo, aveva ordinato che il leader indigeno fosse detenuto per 10 giorni per «presunti atti antidemocratici».

 

 

 

 

Spari, non si sa se davvero di proiettili di gomma o di altro, sono chiaramente udibili in sottofondo.

 

 

 

 

Secondo i pubblici ministeri, José Acácio Serere Xavante aveva «tentato di incitare le persone a tentare di abolire lo stato di diritto e di impedire il giuramento del presidente e del vicepresidente eletti».

 

Nonostante la chiarezza di quest’accusa, i pubblici ministeri brasiliani non hanno fornito dettagli su come il leader indigeno abbia tentato di ostacolare il passaggio di consegne, previsto per il 1° gennaio.

 

Il leader indigeno è ripreso in un video in cui chiede ai manifestanti di cessare le ostilità.

 

 

Ora membri della comunità indigena stanno accusando la polizia di aver usato violenza contro di loro, qualcosa di inaudito.

 

 

 

Gli incidenti sono partiti poco dopo che la commissione elettorale brasiliana aveva certificato Luiz Inácio Lula da Silva come il vincitore ufficiale del sondaggio presidenziale di ottobre. Come noto, Bolsonaro non ha concesso la vittoria di Lula.

 

Come si era già visto negli scorsi anni in Italia e altrove, i manifestanti, dinanzi alla polizia, cantano l’inno nazionale – una situazione impensabile fino a qualche anno fa.

 

 

Si tratta della 44ª giornata di protesta per milioni di sostenitori di Bolsonaro che per un mese e mezzo hanno portato a manifestazioni in ogni città del Brasile.

 

Media globali e establishment di sinistra stanno già paragonando i fatti di Brasilia al 6 gennaio 2021 del Campidoglio americano.

 

 

Continua a leggere

Protesta

Rivolta in Bangladesh: «elezioni truccate»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il Partito nazionalista del Bangladesh chiede le dimissioni della prima ministra Sheikh Hasina, accusata di aver truccato le ultime elezioni. Nei giorni scorsi la polizia ha peso d’assalto le sedi del partito e arrestato centinaia di manifestanti. Da settembre almeno sette attivisti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza.

 

Decine di migliaia di sostenitori del principale partito di opposizione del Bangladesh oggi sono scesi in piazza a Dhaka, la capitale, per protestare contro il governo guidato dalla prima ministra Sheikh Hasina, dopo che da giorni si registrano scontri tra attivisti e forze di sicurezza.

 

«Sheikh Hasina è una ladra di voti», hanno urlato dal campo sportivo di Golapbagh i membri del Partito nazionalista del Bangladesh (BNP), una fazione di destra, invocando le dimissioni della premier. L’opposizione, che accusa il governo di aver truccato le elezioni del 2018, chiede l’istituzione di un governo neutrale prima del voto per il rinnovo del Parlamento previsto per la fine del prossimo anno.

 

Ieri sono stati arrestati due leader del partito con l’accusa di incitamento alla violenza: in base a quanto dichiarato dal portavoce del BNP, Mirza Fakhrul Islam Alamgir, segretario generale, e Mirza Abbas, ex ministro e membro del massimo organo decisionale del partito, sono stati portati via dalle loro case intorno alle 3 del mattino (ora locale).

 

Ma già il 6 dicembre le forze di sicurezza avevano preso d’assalto il quartier generale del partito, provocando almeno un morto e decine di feriti. Gli scontri sono continuati anche il giorno successivo: per timore di una rivolta popolare il governo ha schierato la SWAT, una forza di polizia addestrata dagli Stati Uniti per combattere il terrorismo, che ha utilizzato contro i dimostranti proiettili di gomma e gas lacrimogeni, e arrestato diversi esponenti riuniti davanti alla sede del partito.

 

Secondo il BNP, dal 30 novembre il governo ha arrestato circa 2mila attivisti nel tentativo di impedire che si svolgesse la manifestazione antigovernativa prevista per oggi. Da settembre, almeno sette attivisti del BNP sono stati uccisi dalla polizia mentre stavano partecipando a manifestazioni pacifiche per protestare contro il carovita e le azioni del governo in generale.

 

Mohammad Ashrafuzzaman, dell’Asian Legal Resource Center con sede a Hong Kong, ritiene che le principali istituzioni del Paese come la Commissione elettorale, la magistratura, la Commissione anticorruzione, la polizia e la burocrazia abbiano aiutato Hasina a truccare le elezioni e giustificare le sue azioni: «I cittadini del Bangladesh non credono che in Bangladesh si possano tenere elezioni credibili ed eque senza che Sheikh Hasina venga rimossa dal potere mentre porta avanti una campagna alla ricerca di un perpetuo “potere assoluto”».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari