Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

Perseguitati e dimenticati: l’esodo drammatico dei cristiani in Medio oriente

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La denuncia contenuta nell’ultimo rapporto di Aiuto alla Chiesa che soffre. In Cisgiordania si è passati dal 18% a meno dell’1%. Oltre 5mila sono fuggiti negli ultimi mesi. In Siria dall’inizio della guerra nel 2011 dal 10% del totale oggi i cristiani sono meno del 2%. Il prossimo 23 novembre indetto il «mercoledì rosso» per sensibilizzare sul tema.

 

 

La presenza cristiana in molte parti del Medio Oriente si trova ad affrontare una vera e propria «minaccia esistenziale», con le comunità in diversi Paesi un tempo floride e oggi trasformate nell’ombra di se stesse.

 

È quanto emerge nell’ultimo rapporto di Aiuto alla Chiesa che soffre (ACS), intitolato «Perseguitati e dimenticati? Un rapporto sui cristiani oppressi per la loro fede 2020-2022» e presentato al pubblico in questi giorni. Uno spaccato preoccupante per i cristiani, che pur essendo una componente originaria della regione rischiano di scomparire in molti punti a causa del fenomeno migratorio, che lo stesso patriarca caldeo definisce da tempo un «esodo» dalle proporzioni drammatiche.

 

Papa Francesco ha sollevato di recente la questione nel suo incontro con il presidente francese Emmanuel Macron, invitando Parigi a un maggiore impegno per preservare questa presenza, davanti ad un fenomeno migratorio che ha raggiunto livelli allarmanti. Un esodo che riguarda – seppur per cause diverse, dal fondamentalismo islamico alla crisi economica senza dimenticare i conflitti – gran parte dei Paesi della regione, dall’Iraq alla Siria, dalla Palestina al Libano, dalla Giordania al Golfo.

 

Il rapporto mostra come a 75 anni dalla nascita dello Stato di Israele, i cristiani in Cisgiordania sono crollati dal 18% di un tempo a un misero 1% (e anche meno). Il numero di cristiani partiti negli ultimi 20 mesi (compresa Gerusalemme) è stimato in oltre 5mila, la maggior parte dei quali diretti verso l’Europa, gli Stati Uniti e il Canada.

 

Dalla vicina Siria non giungono notizie migliori, anzi: dall’inizio della guerra nel 2011 si è passati da un 10% circa a un numero inferiore al 2%, tanto da metterne in pericolo l’essenza stessa.

 

«A cinque anni di distanza dalla sconfitta militare dell’ISIS – spiega il rapporto – la minaccia di una rinascita su vasta scala non è affatto scomparsa. Una ripresa del movimento jihadista ha il potenziale per dare il colpo finale al cristianesimo» in quello che un tempo era il cuore da cui esso ha avuto origine.

 

«Questo – prosegue – non solo perché il numero dei cristiani ora è basso, ma anche perché la loro fiducia è fragile. Essi potranno aver attraversato tempi di genocidio, ma in assenza di sicurezza l’attrazione per la migrazione è per molti irreversibile».

 

Il tutto è «amplificato» da un «ambiente culturale» che rimane ostile ai cristiani, trattati come «cittadini di seconda classe, discriminati a scuola e sul posto di lavoro, con scarsa retribuzione e disoccupazione» che spinge a cercare una vita «fuori dal loro Paese» di origine.

 

Riguardo ai cristiani iracheni, con l’ascesa dello Stato islamico almeno 50mila avevano trovato rifugio in Libano. Oggi il numero è di poche centinaia, con la maggioranza che ha deciso di lasciare per sempre il Medio Oriente verso il Nord America o l’Australia. Anche la Giordania, seppur stabile sul piano politico e con condizioni di sicurezza relativamente migliori, non rappresenta più un rifugio sicuro e registra anch’essa un crescente fenomeno migratorio. E lo stesso vale per il Libano.

 

Negli ultimi 30 mesi la sola ambasciata canadese ha ricevuto oltre 10 mila richieste di immigrazione per giovani e famiglie, e la spinta alla fuga Dal Paese dei cedri è equiparabile solo al drammatico periodo della guerra civile.

 

In risposta, ACS ha lanciato infine una giornata di preghiera e riflessione intitolata «Mercoledì rosso». Il prossimo 23 novembre tutte le chiese sono invitate a pregare e illuminare di rosso gli edifici come segno di protesta silenziosa contro il dramma della persecuzione.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Gerusalemme, profanata la chiesa della Condanna

Pubblicato

il

Da

Cresce la serie di attacchi e atti di intimidazione perpetrati nelle ultime settimane contro chiese e obiettivi cristiani nella Città Vecchia di Gerusalemme.

 

 

Giovedì mattina, 2 febbraio 2023, un uomo – definito dai media israeliani un «turista americano» – ha fatto irruzione nella Cappella della Condanna all’interno del Santuario della Flagellazione sulla Via Dolorosa, nel cuore del Quartiere Cristiano della Città Vecchia, e ha vandalizzato la statua di Gesù ivi deposta, facendola cadere a terra e poi colpendola con un martello.

 

L’uomo è stato arrestato e consegnato alla polizia israeliana. Nei video della sua cattura si può sentire il vandalo gridare a gran voce che «non ci possono essere idoli a Gerusalemme, che è la città santa». I rapporti diffusi dalla polizia israeliana e trasmessi dai media locali collegano la profanazione ai presunti problemi di salute mentale del vandalo.

 

Allo stesso tempo, va ricordato che nelle ultime settimane i quartieri cristiani e armeni della Città Vecchia di Gerusalemme sono stati teatro di una serie di atti di intimidazione nei confronti di persone e luoghi di culto.

 

La Custodia francescana di Terra Santa, dopo l’attentato alla chiesa della Condanna, ha diffuso un comunicato, a firma del Custode Francesco Patton e del Segretario Padre Alberto Joan Pari, «per esprimere preoccupazione e deplorare questa crescente sequenza di gravi atti di odio e violenza contro la comunità cristiana in Israele».

 

La Custodia parla di «crimine d’odio» e aggiunge: «Non è un caso che la legittimazione della discriminazione e della violenza nell’opinione pubblica e nell’attuale scenario politico israeliano si traduca anche in atti di odio e violenza nei confronti della comunità cristiana».

 

Gli episodi di violenza e intimidazione contro obiettivi cristiani nella Città Vecchia di Gerusalemme hanno subito un’impennata sotto il nuovo governo israeliano, guidato da Benjamin Netanyahu e sostenuto anche da formazioni religiose ultranazionaliste.

 

Gran parte della recente ondata di violenza e intimidazione ha preso di mira luoghi e residenti nel quartiere armeno. L’11 gennaio sui muri degli edifici del quartiere sono apparse iscrizioni intimidatorie, tra cui gli slogan «morte agli armeni» e «morte ai cristiani».

 

Il 26 gennaio, circa 40 coloni ebrei hanno fatto irruzione in un ristorante armeno vicino alla Porta Nuova, gridando slogan sacrileghi contro Gesù. Nei giorni successivi sacerdoti e laici cristiani sono stati aggrediti con sputi e spray al peperoncino per le strade del quartiere armeno.

 

Dopo l’attacco al ristorante armeno, i vescovi cattolici di Terra Santa hanno diffuso un comunicato deplorando “questa violenza non provocata” che “ha seminato la paura tra i commercianti e gli abitanti del quartiere cristiano, così come tra i turisti”, aggiungendo che questo incidente è stato “l’ultimo di una serie di episodi di violenza religiosa che colpisce i simboli della comunità cristiana”.

 

Venerdì 27 gennaio, l’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, patriarca latino di Gerusalemme, ha fatto visita ai proprietari del ristorante attaccato e dei negozi circostanti in segno di solidarietà.

 

La cappella oggi vandalizzata fa parte del Convento francescano della Flagellazione e rappresenta una delle stazioni della pratica della «via crucis» compiuta dai pellegrini che, durante la loro visita alla città santa, ripercorrono il cammino di Gesù al Calvario nel giorno della sua crocifissione.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Israele, icristiani preoccupati per il nuovo governo

Pubblicato

il

Da

Benjamin Netanyahu, il nuovo primo ministro israeliano, ha prestato giuramento il 29 dicembre davanti al parlamento israeliano, la Knesset, dopo il voto di 63 deputati sui 120 parlamentari a favore del suo governo.

 

Al leader del partito Otzma Yehudit [Potere Ebraico], Itamar Ben-Gvir, è stato in particolare concesso il portafoglio della Sicurezza Nazionale. Itamar Ben-Gvir ha così difeso il leader del gruppo Lehava, Bentzi Gopstein, che ha guidato violente proteste contro le manifestazioni cristiane in Terra Santa. Bentzi Gopstein ha anche detto che Israele dovrebbe espellere tutta la sua popolazione cristiana.

 

In qualità di avvocato, Ben-Gvir ha anche difeso nel 2015 un uomo condannato per aver appiccato il fuoco alla chiesa cattolica della Moltiplicazione, a Tabgha, sulle rive del lago di Galilea.

 

In un vertice sui media evangelici dell’11 dicembre 2022, Juergen Buehler, direttore dell’Ambasciata cristiana internazionale a Gerusalemme (ICEJ), ha lanciato severi avvertimenti a Benjamin Netanyahu, riferisce il sito cattolico Crux.

 

Juergen Buehler ha invitato il Primo Ministro a «usare tutta la sua influenza affinché questa prossima legislatura non sia un’era di nuove controversie o nuovi muri, ma un momento in cui le collaborazioni e le relazioni tra ebrei e cristiani continueranno a svilupparsi».

 

Mentre cresce la preoccupazione per il nuovo governo israeliano, considerato il più di destra e nazionalista nella storia del Paese, gli Ordinari di Terra Santa lamentano l’aumento delle discriminazioni nei confronti della comunità cristiana e invitano i giovani a non andarsene.

 

Nel messaggio di Natale del 21 dicembre 2022, i Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme hanno affermato che Gesù, attraverso la sua incarnazione e nascita a Betlemme, «ha rivelato all’umanità l’amore profondo e duraturo di Dio per tutto il suo popolo» e che si è anche «associato alle sofferenze del mondo, sopportando con la Sacra Famiglia le tante lotte della vita sotto l’occupazione».

 

«A questo proposito, esprimiamo la nostra particolare preoccupazione per i fedeli che rimangono come residuo cristiano nella terra in cui è nato Nostro Signore», hanno aggiunto, sottolineando che i cristiani che vivono in Terra Santa negli ultimi anni «hanno subito sempre più attacchi contro il loro libero esercizio della religione: attacchi alla loro persona, diffamazione delle loro chiese e dei loro cimiteri, restrizioni ingiustificate alla loro partecipazione al culto e minacce legali contro la loro proprietà e la gestione dei beni ecclesiastici».

 

In un comunicato del 12 dicembre, gli Ordinari Cattolici di Terra Santa hanno espresso l’auspicio che sotto il nuovo governo «l’attenzione delle autorità civili del Paese sia rivolta con equità alle diverse comunità che compongono la società israeliana, senza discriminazioni o preferenze».

 

Gli Ordinari Cattolici hanno anche lamentato i recenti drastici tagli ai finanziamenti del governo alle scuole cristiane in Israele, che sono ora «sull’orlo della crisi», e hanno segnalato che la mancanza di risorse «metterà a repentaglio il futuro di molte delle nostre scuole che svolgono ancora un ruolo importante nel campo dell’educazione all’interno della nostra società».

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di U.S. Embassy Jerusalem via Flickr pubblicata su licenza Creative  Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Il Pakistan rafforza le leggi contro la blasfemia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La modifica del codice penale prevede un minimo di 10 anni di carcere per chiunque insulti le figure legate al profeta Maometto. Previsto il pagamento di una multa da un milione di rupie. Difensori dei diritti umani hanno espresso preoccupazione: «Servono salvaguardie contro l’utilizzo improprio della normativa». 

 

 

 

Il Parlamento ha rafforzato le famigerate leggi sulla blasfemia. La normativa, che già contempla la pena di morte per chiunque rechi offesa all’Islam, ora prevede anche almeno 10 anni di carcere per chi insulta le mogli, i compagni e i familiari del profeta Maometto.

 

Gli attivisti per i diritti umani hanno espresso grave preoccupazione riguardo a questa modifica del codice penale che rischia, ancora una volta, di essere utilizzata in maniera impropria: già da tempo false accuse di blasfemia vengono infatti lanciate per vendetta o regolamenti di conti.

 

L’Assemblea nazionale ha approvato l’emendamento la settimana scorsa: modificato l’articolo 298 del codice penale, che prevedeva un massimo di sette anni di carcere per coloro che insultano le figure sacre. Oltre a essere stata aumentata la pena detentiva, che va da un minimo di 10 anni all’ergastolo, ora è previsto anche il pagamento di un milione di rupie (circa 4.500 dollari).

 

I difensori dei diritti umani hanno sottolineato che i personaggi a cui fanno riferimento queste leggi sono esempi di tolleranza e perdono e pene così severe sono invece in contrasto con gli insegnamenti da loro promossi.

 

Interpellato da AsiaNews, Joseph Jansen, presidente dell’organizzazione Voice for Justice, ha detto che l’approvazione dell’emendamento «amplierà il campo di applicazione delle leggi sulla blasfemia, quando sarebbe invece necessario introdurre salvaguardie sul loro uso improprio».

 

«Le leggi sulla blasfemia, hanno permesso e incoraggiato la discriminazione e la persecuzione legale in nome della religione», ha aggiunto Jansen. «E sono in contrasto con gli standard internazionali dei diritti umani perché vengono applicate senza indagare se l’accusato abbia commesso un atto di blasfemia intenzionalmente o meno».

 

Secondo l’attivista Ashiknaz Khokhar, ci sono diverse prove che dimostrano che «più la legge è severa, più la punizione è dura, più la società diventa violenta», ha commentato. «Con ogni nuovo emendamento alle leggi sulla blasfemia ci allontaniamo sempre più da una possibile inversione di tendenza».

 

L’avvocata Rana Abdul Hameed ha spiegato, invece, che le accuse di blasfemia non hanno risparmiato lo spazio digitale e «sono diventate una nuova norma in Pakistan, dove le denunce vengono presentate anche solo per aver apprezzato, commentato o inoltrato un contenuto sui social media, ai sensi della legge sulla prevenzione dei crimini elettronici del 2016, che ha portato a un ulteriore aumento della persecuzione verso le minoranze religiose».

 

Al contrario, ha sottolineato l’attivista per i diritti umani, Ilyas Samuel, coloro che presentano denunce «con motivazioni malvagie, dannose per l’ordine pubblico, la pace e la coesione sociale, non vengono perseguiti e godono dell’impunità nonostante siano coinvolti in atti di discriminazione, intolleranza, odio e violenza contro le comunità religiose. Invece – ha continuato – le persone innocenti che condividono le loro reazioni ai post sui social media vengono arrestate e condannate a morte».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

 

Immagine di Mtaylor848 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari