Nuovo virus in Cina: primo morto di Vaiolo delle scimmie

 

 

Il 16 luglio, la Cina ha riportato la prima morte del virus del Vaiolo delle scimmie – chiamato anche Monkey B – nella sua storia. La vittima, identificata come veterinario a Pechino, è stato infettato dalle scimmie a marzo ed è deceduto il 27 maggio.

 

Il virus Monkey B (BV), noto anche come virus Herpes B, ha un tasso di mortalità dal 70% all’80%, secondo il giornale in lingua inglese del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie China CDC Weekly, che cita il caso in un articolo del 17 luglio. Nell’articolo si sostiene che che i contatti stretti del defunto sono stati testati ad aprile ed erano liberi dal virus.

 

Il virus Monkey B (BV), noto anche come virus Herpes B, ha un tasso di mortalità dal 70% all’80%,

Secondo il CDC degli Stati Uniti, gli esseri umani di solito vengono infettati con BV quando sono morsi o graffiato da un macaco infetto, o di avere contatto con gli occhi, il naso o la bocca di un macaco. Il CDC cinese ha evidenziato che nella storia è stato documentato un solo caso di trasmissione di BV da uomo a uomo.

 

Non è è ancora chiaro con quale tipo di scimmia la vittima fosse in contatto quando ha contratto il virus.

 

Il veterinario deceduto aveva 53 anni. Ha lavorato per un istituto sperimentale di allevamento di primati a Pechino.

 

Il CDC cinese ha evidenziato che nella storia cinese è stato documentato un solo caso di trasmissione di BV da uomo a uomo

Il 4 e il 6 marzo il veterinario aveva sezionato due scimmie morte. Un mese dopo le dissezioni, il veterinario «ha avvertito nausea e vomito seguiti da febbre con sintomi neurologici», secondo il rapporto.

 

Poiché i medici di Pechino non avevano alcuna esperienza con le infezioni da BV, al veterinario è stato chiesto di visitare diversi ospedali per il trattamento, ma non è stato diagnosticato fino al 17 aprile quando i medici hanno raccolto il suo liquido cerebrospinale e quello dei suoi due colleghi per testare la scimmia-virus correlati. I risultati hanno mostrato che il veterinario era stato infettato da BV.

 

Un gruppo di scienziati del CDC cinese e della Capital Medical University ha concluso nel suo rapporto che «ciò implicava che la BV nelle scimmie potrebbe rappresentare una potenziale minaccia zoonotica per i lavoratori».

La prima infezione umana è stata identificata nel 1932 e da allora sono stati segnalati solo 50 casi di trasmissione all’uomo. Di questi, la maggior parte era entrata in contatto con una scimmia e 21 sono morti

 

Secondo il CDC statunitense, le infezioni da BV iniziano con sintomi simil-influenzali, che includono febbre e brividi, dolori muscolari, affaticamento e mal di testa. I sintomi in genere iniziano entro un mese dall’esposizione a una scimmia infetta da BV.

 

La prima infezione umana è stata identificata nel 1932 e da allora sono stati segnalati solo 50 casi di trasmissione all’uomo. Di questi, la maggior parte era entrata in contatto con una scimmia e 21 sono morti.