Nature: i decessi per COVID «incredibilmente rari tra i bambini»

 

 

 

«Gli studi hanno scoperto che il rischio complessivo di morte o di malattie gravi da COVID-19 è molto basso nei bambini». Lo scrive la rivista Nature, probabilmente la pubblicazione di maggior prestigio scientifico al mondo.

 

Un’analisi completa dei ricoveri ospedalieri e dei decessi segnalati in tutta l’Inghilterra suggerisce che il COVID-19 comporta un rischio inferiore di morire o richiedere cure intensive tra bambini e giovani di quanto si pensasse in precedenza, scrive Nature.

 

«Gli studi hanno scoperto che il rischio complessivo di morte o di malattie gravi da COVID-19 è molto basso nei bambini»

In una serie di preprint pubblicati su medRxiv, un team di ricercatori ha selezionato tutti i ricoveri ospedalieri e i decessi segnalati per le persone di età inferiore ai 18 anni in Inghilterra. Gli studi hanno scoperto che COVID-19 ha causato 25 decessi in quella fascia di età tra marzo 2020 e febbraio 2021.

 

Circa la metà di questi decessi riguardava individui con una disabilità complessa di base con elevate esigenze di assistenza sanitaria, come l’alimentazione tramite sondino o l’assistenza alla respirazione.

 

In uno dei preprint, i ricercatori hanno cercato resoconti pubblicati di COVID-19 tra bambini e giovani e, infine, hanno analizzato i dati di 57 studi e 19 paesi. Hanno quindi separato dai dati i fattori di rischio per malattie gravi e morte.

 

I bambini neri avevano maggiori probabilità rispetto alle loro controparti bianche di richiedere cure intensive, sia per il COVID-19 che per la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica, una sindrome rara associata all’infezione da coronavirus

Alcune condizioni, tra cui l’obesità e le condizioni cardiache o neurologiche, erano associate a un rischio più elevato di morte o di cure intensive.

 

Tuttavia l’aumento assoluto del rischio è stato molto piccolo, ha detto ai giornalisti durante un briefing con i media l’autrice dello studio Rachel Harwood, un chirurgo pediatrico presso l’ospedale pediatrico Alder Hey di Liverpool, nel Regno Unito.

 

Per gli altri due preprint, i ricercatori si sono concentrati sull’Inghilterra, attingendo ai dati sanitari nazionali sui ricoveri in terapia intensiva e sui decessi tra i minori di 18 anni. Il team ha scoperto che, su 6.338 ricoveri ospedalieri per COVID-19, 259 bambini e giovani hanno richiesto cure in unità di terapia intensiva pediatrica.

 

Nel complesso, la necessità di cure intensive era «incredibilmente rara» tra questi pazienti

I bambini neri avevano maggiori probabilità rispetto alle loro controparti bianche di richiedere cure intensive, sia per il COVID-19 che per la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica, una sindrome rara associata all’infezione da coronavirus.

 

Nel complesso, la necessità di cure intensive era «incredibilmente rara» tra questi pazienti, afferma l’autore dello studio Joseph Ward dell’University College London Great Ormond Street Institute of Child Health.

 

«Dei 3.105 decessi per tutte le cause tra i circa 12 milioni di persone sotto i 18 anni in Inghilterra tra marzo 2020 e febbraio 2021, 25 sono attribuibili a COVID-19, un tasso di circa 2 per ogni milione di persone in questa fascia di età. Nessuno aveva l’asma o il diabete di tipo 1, osservano gli autori, e circa la metà aveva condizioni che li esponevano a un rischio maggiore rispetto ai bambini sani di morire per qualsiasi causa».

«C’è una sensazione generale tra i pediatri che probabilmente troppi bambini sono stati protetti durante la prima ondata della pandemia. In alcuni casi, quegli sforzi potrebbero aver fatto più male che bene»

 

Presi insieme, gli studi insolitamente completi potrebbero fornire un po’ di conforto ai genitori che hanno protetto i bambini che pensavano potessero essere vulnerabili a gravi complicazioni da COVID-19.

 

«C’è una sensazione generale tra i pediatri che probabilmente troppi bambini sono stati protetti durante la prima ondata della pandemia», ha detto ai giornalisti Russell Viner, che studia la salute degli adolescenti presso l’University College di Londra.

 

«In alcuni casi, quegli sforzi potrebbero aver fatto più male che bene, ha aggiunto Elizabeth Whittaker, specialista in malattie infettive presso l’Imperial College di Londra. “Gli scudi hanno molte perdite”, ha detto. “Gli scudi non sono stati perfetti e probabilmente hanno causato più stress e ansia per le famiglie che benefici”».