Moderna annuncia lo sviluppo del vaccino combinato COVID-19 / antinfluenzale

 

 

https://www.lifesitenews.com/news/moderna-ceo-announces-development-of-combined-covid-19-flu-vaccine

 

 

La società americana di biotecnologie Moderna, sviluppatrice di uno dei due vaccini sperimentali a mRNA contro il COVID-19, ha annunciato l’intenzione di creare un vaccino ibrido che prenderà di mira sia il COVID che il virus influenzale, utilizzando ancora la sua nuova tecnologia mRNA.

 

Il nome Moderna, del resto, starebbe per «Mode RNA».

 

La società americana di biotecnologie Moderna ha annunciato l’intenzione di creare un vaccino ibrido che prenderà di mira sia il COVID che il virus influenzale, utilizzando ancora la sua nuova tecnologia mRNA

L’amministratore delegato di Moderna Stéphane Bancel ha fatto l’annuncio durante l’iniziativa Health Forum del quotidiano economico americano Wall Street Journal, dove ha affermato che l’efficacia dei vaccini antinfluenzali sarebbe aiutata dallo sviluppo con la tecnologia mRNA e potrebbero essere sul mercato in appena un paio d’anni.

 

Il doppio vaccino dovrebbe passare attraverso le procedure di approvazione standard della Food and Drug Administration (FDA) prima di essere autorizzato per l’uso, in contrasto con l’«autorizzazione all’uso di emergenza» concessa al suo vaccino mRNA COVID-19 nel dicembre 2020, una settimana dopo che a Pfizer avevano approvato la loro iniezioneequivalente.

 

Bancel ha suggerito che il doppio vaccino aiuterà a immunizzare le persone sia da COVID che dall’influenza. Sarebbe stato necessario, ha anticipato, proteggersi da entrambi su base annuale.

 

L’esecutivo di Moderna ha previsto che «mutazioni più preoccupanti del nuovo coronavirus» inizieranno ad emergere nei prossimi sei mesi e che – sia l’influenza che il COVID-19 sono malattie legate alle vie respiratorie – i vaccini potrebbero essere confezionati insieme rapidamente.

 

L’esecutivo di Moderna ha previsto che «mutazioni più preoccupanti del nuovo coronavirus» inizieranno ad emergere nei prossimi sei mesi e che  i vaccini potrebbero essere confezionati insieme rapidamente

Secondo quanto riferito, Moderna sta lavorando per superare gli ostacoli presentati dall’apparente mutazione del coronavirus, sviluppando una versione modificata della loro attuale terapia con mRNA che prenderà di mira le forme più contagiose del virus e sarà utile contro più di un ceppo alla volta, il Wall Street Journal ha scritto.

 

Inoltre, secondo quanto riferito , l’azienda di tecnologia genetica sta sviluppando cinque vaccini a base di mRNA per diversi tipi di cancro.

 

I vaccini antinfluenzali fluttuano nella loro efficacia da un anno all’altro, con alcuni fino al 30% di efficacia, fino a un massimo di circa il 60%.

 

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’ente epidemiologico USA, i vaccini antinfluenzali creati per la stagione 2019-2020 hanno avuto un’efficacia di circa il 45% contro l’infezione virale, il che significa che i destinatari dell’iniezione erano statisticamente più propensi a contrarre la malattia , nonostante la loro inoculazione.

 

L’azienda di tecnologia genetica sta sviluppando cinque vaccini a base di mRNA per diversi tipi di cancro

«Oggi i vaccini che abbiamo per l’influenza stagionale vanno bene in un anno eccezionale e vanno piuttosto male in un anno brutto, in termini di efficacia» ha osservato Bancel all’evento del WSJ.

 

«Non è impossibile che tra un paio d’anni dovremmo avere il prodotto di cui ho appena parlato – un vaccino contro l’influenza stagionale ad alta efficacia e un vaccino COVID – nelle vostre farmacie su base annuale».

 

Sebbene i titoli dei giornali di tutto il mondo pubblicizzassero le iniezioni mRNA di Moderna e Pfizer / BioNTech come aventi un’efficacia superiore al 90%, e il CDC riportò che Moderna è specificamente efficace al 94,1% in un contesto di sperimentazione di laboratorio, i dati raccolti dagli studi clinici ammettono alcune importanti lacune

 

«Questo, a sua volta, potrebbe significare che l’ottimismo di Bancel sull’efficacia dei vaccini antinfluenzali sviluppati da mRNA è fuori luogo» scrive Lifesitenews.

 

In gergo medico, «efficacia» è un termine usato per denotare i risultati ottenuti da condizioni controllate, come quelle riscontrate negli studi clinici. «Efficacia», d’altra parte, per quanto riguarda l’uso del vaccino, si riferisce ai risultati osservati dall’uso nel mondo reale, al di fuori del laboratorio, dopo che il vaccino è stato lanciato.

Non solo ci sono dubbi sull’efficacia del vaccino per combattere la diffusione di COVID-19, ma rimangono ancora domande sulla sua necessità

 

Con questo in mente, la cifra del 94,1% del CDC potrebbe non essere ciò che si ottiene con un uso diffuso nel mondo reale. In particolare, le prove per il vaccinoCOVID di Moderna sono state testate solo per il virus su coloro che hanno espresso sintomi, rendendo così inconoscibile l’ «efficacia» complessiva del vaccino.

 

Non solo ci sono dubbi sull’efficacia del vaccino per combattere la diffusione di COVID-19, ma rimangono ancora domande sulla sua necessità.

 

Già nel novembre 2020 , il dott.Mike Yeadon, ex vicepresidente e capo scienziato della Pfizer (che produce un’analoga’iniezione di mRNA anti COVID), ha categoricamente respinto qualsiasi necessità di vaccinare la popolazione contro COVID-19.

«Non si vaccinano le persone che non sono a rischio di una malattia»

 

Scrivendo per Lockdown Skeptics della Gran Bretagna , Yeadon ha detto che «non c’era assolutamente bisogno di vaccini per estinguere la pandemia… non si vaccinano le persone che non sono a rischio di una malattia».

 

«Inoltre, non puoi aver intenzione di pianificare la vaccinazione di milioni di persone in forma e sane con un vaccino che non è stato ampiamente testato sugli esseri umani», ha detto.

 

Prove crescenti suggeriscono che la terapia con mRNA di Moderna è responsabile di aver ferito gravemente un gran numero di persone

In effetti, prove crescenti suggeriscono che la terapia con mRNA di Moderna è responsabile di aver ferito gravemente un gran numero di persone che hanno fatto l’iniezione nella speranza di evitare la malattia da COVID-19.

 

Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) del CDC, che raccoglie rapporti autovalutati da individui che registrano effetti collaterali dopo aver ricevuto un vaccino, mostra circa 16.749 segnalazioni di lesioni a seguito dell’uso del vaccino di Moderna.

 

Gli ultimi dati sul sistema, presi dal 14 dicembre 2020 all’11 marzo 2021, mostrano che sono stati registrati 834 decessi, pari a quasi il 5% delle segnalazioni totali.

 

Sono stati registrati 834 decessi, pari a quasi il 5% delle segnalazioni totali

Altre 338 registrazioni di disabilità gravi sono state presentate dopo aver fatto il vaccino Moderna e 1.890 ricoveri.

 

Come riportato da Renovatio 21, Moderna ha di recente iniziato i test del vaccino sui bambini piccoli, compresi neonati di sei mesi.