Connettiti con Renovato 21

Gender

L’invenzione del gender

Pubblicato

il

 

 

La parola «genere», che già da qualche tempo viene utilizzata nel mondo anglosassone» con un significato del tutto nuovo rispetto a quello corrente e diffuso, ed è entrata – in questa accezione inedita – a far parte del linguaggio delle istituzioni internazionali e nazionali. 

 

Ufficialmente questa modifica semantica «avrebbe lo scopo di andare incontro alla sensibilità delle persone che vedono un significato sgradito nel termine sesso», offrendone una versione più elegante e raffinata, mentre in realtà «la parola genere nasconde un’ideologia è un’agenda ben precise», un chiaro ed esplicito progetto politico: sfruttando l’ambiguità linguistica si sono intraprese riforme che, sotto «il vessillo del progresso e della modernità, mirano allo stravolgimento delle regole di convivenza che i popoli si sono dati nel corso dei secoli».

 

Così, «senza squilli di fanfare e senza alcun dibattito, la parola «genere» ha sostituito la parola sesso» e ha reso possibile un vero e proprio colpo di mano su scala planetaria ad opera di un establishment che fa capo alle agenzie ONU, agli USA, alle potenze europee (Consiglio d’Europa), funzionale a un radicale snaturamento dei principi portanti della vita individuale e collettiva.

Così, «senza squilli di fanfare e senza alcun dibattito, la parola “genere” ha sostituito la parola sesso» e ha reso possibile un vero e proprio colpo di mano su scala planetaria ad opera di un establishment che fa capo alle agenzie ONU, agli USA, alle potenze europee (Consiglio d’Europa), funzionale a un radicale snaturamento dei principi portanti della vita individuale e collettiva

 

 

La tragedia di Bruce/Brenda: il dottor Money e i gemelli Reimer

Il termine gender (in italiano «genere») fu letteralmente coniato dal dottor John Money – un endocrinologo sessuologo e psicologo dell’Università John Hopkins di Baltimora, allievo di Alfred Kinsey – il quale se ne servì per dare una veste pretesamente scientifica agli esperimenti di trasformazione sessuale sui pazienti. 

 

In realtà – si sa–- è impossibile cambiare il sesso di un individuo perché questo è un a priori inscritto nel patrimonio genetico di ogni singola cellula del suo organismo, sin dal momento del concepimento; è cioè una realtà organica e morfologica da cui non si può prescindere. Quello che si può fare, e che Money faceva, è alterare irreversibilmente il corpo e l’aspetto fisico delle persone.

 

Egli, teorizzando la distinzione tra l’«identità sessuale» (cioè l’identità biologica) e la cosiddetta «identità di genere» (intesa come identità percepita, frutto dei condizionamenti sociali ed educativi), si precostituisce le condizioni che lo legittimerebbero a intervenire sullo sviluppo psico-fisico dei pazienti per dirottarlo in senso dis-armonico rispetto al sesso di appartenenza. Sostiene che il dato biologico sia ininfluente sulla formazione della personalità maschile o femminile dell’individuo, la quale di norma è coartata dagli stereotipi di natura sessista imposti prepotentemente dalla società.

Quello che si può fare, e che Money faceva, è alterare irreversibilmente il corpo e l’aspetto fisico delle persone

 

Nel 1965 Money fonda la «Clinica per l’Identità di Genere».

 

Gli si presenta un’occasione imperdibile e irripetibile per tentare di dimostrare la presunta fondatezza della sua dissennata teoria quando si imbatte nel caso di due gemellini maschi omozigoti (i fratelli Bruce e Brian Reimer), nati nel 1965, uno dei quali aveva riportato una lesione dei genitali a sette mesi di età, a seguito di un banale intervento chirurgico di circoncisione.

 

Money convince i genitori, disperati, a risolvere l’incidente crescendo Bruce come una femmina. Il piccolo Bruce viene così ribattezzato Brenda, bombardato di ormoni, sottoposto a interventi chirurgici correttivi e a continue sedute psicologiche. Durante queste sedute, tra l’altro, Money mostra ai due gemellini immagini pornografiche e li incita a intrattenere tra loro rapporti incestuosi, al fine di rafforzare la rispettiva identità/ruolo di genere. I due sono obbligati a simulare atti sessuali mentre Money li fotografa.

Money convince i genitori, disperati, a risolvere l’incidente crescendo Bruce come una femmina. Il piccolo Bruce viene così ribattezzato Brenda, bombardato di ormoni, sottoposto a interventi chirurgici correttivi e a continue sedute psicologiche

 

Nonostante tanto accanimento, Bruce/Brenda continua a voler giocare con i maschi, cerca di fare la pipì in piedi e, crescendo, è attratto dalle donne. È anche sempre più disperato, e con lui tutta la sua famiglia.

 

Un giorno il padre decide di rivelargli la verità. Questa produce in lui uno shock enorme, ma in qualche modo è anche ragione di sollievo perché lo convince finalmente di non essere pazzo. Decide allora di fare marcia indietro, assume il nome maschile di David – ovvero, il fanciullo che combatte Golia e lo sconfigge –si fa amputare i seni, e qualche anno dopo si innamora di una giovane vedova, la sposa e ne adotta i tre figli.

 

Nel frattempo però il suo gemello, l’esistenza rovinata dalle vicende famigliari (oltre al fratello, il padre alcoolizzato, la mamma depressa), si suicida. David non regge questo ulteriore dolore e, sentendosi responsabile della catastrofe familiare, si toglie pure lui la vita, a 38 anni di età

Money mostra ai due gemellini immagini pornografiche e li incita a intrattenere tra loro rapporti incestuosi, al fine di rafforzare la rispettiva identità/ruolo di genere. I due sono obbligati a simulare atti sessuali mentre Money li fotografa

 

Sulla vicenda di Bruce Reimer, Money pubblica un libro di grande successo, Sexual Signatures, in cui racconta dell’esperimento compiuto su Brenda, che – ha l’impudenza di riferire – «stava attraversando felicemente l’infanzia come una vera femmina”. 

 

Successivamente dà alle stampe anche Lovemaps, uno studio di pratiche come il sadomasochismo, la coprofilia, il feticismo, l’auto-strangolamento e altri comportamenti che egli chiama non perversioni, ma «parafilie», per destigmatizzarle e decriminalizzarle.

 

Si appassiona in particolare del tema della pedofilia, tanto che ne sposa pubblicamente la causa. «Un’esperienza sessuale nell’infanzia», spiega Money alla rivista Time nell’aprile 1980, «come essere partner di un parente o di una persona più grande, non ha necessariamente un influsso negativo sul bambino».

 

Money appassiona in particolare del tema della pedofilia, tanto che ne sposa pubblicamente la causa. «Un’esperienza sessuale nell’infanzia», spiega Money alla rivista Time nell’aprile 1980, «come essere partner di un parente o di una persona più grande, non ha necessariamente un influsso negativo sul bambino»

 

Gli epigoni di Money

Il dottor Money, anzichè venire archiviato nel libro degli orrori come criminale seriale, ha continuato ad essere premiato dalla comunità scientifica internazionale ed è morto tra gli onori del mondo accademico. 

 

La sua opera è stata ripresa da tutta una schiera di clinici, sociologi, psicologi, impegnati a trasferire i disturbi sessuali dei pazienti sul piano della normalità sociale dei comportamenti, pretendendo di sostituire categorie artificiali alla realtà umana.

 

Mentre la tragedia aveva divorato la vita dei due gemelli Reimer e della loro famiglia, alla scomparsa del principale responsabile di questa tragedia e di altre consimili, avvenuta nel 2006, i colleghi lo hanno pianto come «il primo scienziato che ha dato un linguaggio all’identità sessuale».

 

Il dottor Money, anzichè venire archiviato nel libro degli orrori come criminale seriale, ha continuato ad essere premiato dalla comunità scientifica internazionale ed è morto tra gli onori del mondo accademico

Il caso dei gemelli Reimer – è stato detto – «fu decisivo perché venisse universalmente accettata la teoria secondo la quale gli esseri umani sono alla nascita psicosessualmente plastici». Fu, di fatto, l’inizio di una ideologia potentissima che considera i bambini come oggetti sessuali, come cavie da plasmare in laboratorio.

 

Migliaia di bambini furono sottoposti al protocollo chirurgico e psicologico del famigerato dottor Money.

 

Il lavoro di Money ebbe un impatto prepotente soprattutto sul movimento femminista radicale, che sfruttò l’invenzione del «genere» (a dispetto dei suoi esiti pratici fallimentari) come conferma della idea che le differenze tra maschio e femmina non sono naturali e immutabili, ma costruite socialmente, e quindi artificiali oltre che oppressive per la donna, costretta in ruoli subordinati al maschio secondo gli schemi rigidi della cultura patriarcale. 

 

Migliaia di bambini furono sottoposti al protocollo chirurgico e psicologico del famigerato dottor Money

Non è un caso che le più rinomate esponenti degli «studi di genere» e teorizzatrici dell’indifferentismo sessuale siano tutte femministe lesbiche.

 

Dunque il fondamento empirico, il supporto pretesamente «scientifico» della ideologia di genere – e di tutta la valanga di follia che ne è derivata – coincide con la vicenda della presunta trasformazione in femmina di un bambino nato maschio, tradottasi in una vera e propria via crucis per una creatura innocente e per tutta la sua famiglia.

 

Epperò questa teoria devastante, nata da una colossale bugia ma scaltramente coltivata e sostenuta dall’esercito femminista e omosessualista, riesce addirittura ad approdare all’ONU, ad essere recepita nei documenti ufficiali delle conferenze internazionali e, da lì, promossa in tutto il mondo.

 

Questa teoria devastante, nata da una colossale bugia ma scaltramente coltivata e sostenuta dall’esercito femminista e omosessualista, riesce addirittura ad approdare all’ONU, ad essere recepita nei documenti ufficiali delle conferenze internazionali e, da lì, promossa in tutto il mondo

L’ONU – scrive Dale O’Leary – «ha prestigio e risorse economiche tali da consentirle di promuovere l’agenda di genere nel mondo intero, a partire dai leader politici per arrivare ai bambini delle scuole passando per i mass media». L’agenda di genere «si muove tra le comunità non come un grande veliero, ma come un sottomarino manovrato in modo da rivelare il meno possibile di se stesso».

 

 

Elisabetta Frezza

 

 

Questo è un brano del libro Malascuola: «Gender», affettività, emozioni. ll sistema «educativo» per abolire la ragione e manipolare i nostri figla di Elisabetta Frezza. È possibile acquistarne copia presso il sito dell’editore.

 

 

 

ABBIAMO PARLATO DI


Per approfondire

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Bizzarria

Telescopio spaziale omofobo fa dimettere consigliere della NASA

Pubblicato

il

Da

 

Il mese scorso, la NASA ha deliberato e deciso di non cambiare il nome del James Webb Space Telescope, un osservatorio orbitale che dovrebbe rivoluzionare l’astronomia e che prende il nome da un ex amministratore della NAS, James Webb (1906-1992).

 

Il problema è che Webb è ritenuto un «omofobo».

 

Dal 1950 al 1952, in seguito alle regole del Dipartimento di Stato messe in atto nel 1947, Webb svolse un ruolo di leadership in quello che oggi è chiamato il Lavender Scare, una purga durante la quale centinaia di membri del personale sospettati di omosessualità furono licenziati dal dipartimento dove lavorava come sottosegretario.

 

L’agenzia spaziale ha annunciato, senza fornire dettagli, che era stata avviata un’indagine e che non aveva trovato alcun motivo per il nome al telescopio spaziale

L’agenzia spaziale ha annunciato, senza fornire dettagli, che era stata avviata un’indagine e che non aveva trovato alcun motivo per il nome al telescopio spaziale, nonostante Webb stesso avesse permesso alla sicurezza della NASA di interrogare i dipendenti sulla loro sessualità durante il suo incarico in azienda negli anni ’60.

 

Ma nonostante il tranquillo tentativo di risolvere il problema, la NASA è di nuovo sotto tiro: l’astronoma Lucianne Walkowicz ha da poco annunciato di essersi dimessa dal suo incarico di consulente dell’agenzia spaziale per protestare contro quella che lei chiama un’indagine farsa.

 

Nella sua lettera aperta alla NASA, la Walkowicz ha criticato l’agenzia per aver ignorato le preoccupazioni degli oltre 1.200 astronomi – alcuni dei quali lavorano per la NASA – che hanno firmato una petizione chiedendo che il James Webb venisse rinominato.

 

«È evidente da questa scelta che qualsiasi promessa di trasparenza e completezza erano, in effetti, bugie», ha scritto la Walkowicz.

 

«Sembra anche chiaro che la NASA preferirebbe un comitato di Yes Men, un comitato che co-firma cose che la NASA aveva già pianificato di fare, o forse li rimprovera per correzioni di rotta moderate che in realtà non mettono affatto in discussione la NASA».

 

«È anche chiaro che mentre Sean O’Keefe [l’ex amministratore della NASA,ndr] può semplicemente suggerire James Webb come nome del telescopio perché pensa che sia una buona idea», ha aggiunto la scienziata per poi continuare sostenendo che «le persone queer sono tenute a giustificare le loro opinioni tramite un’indagine».

 

Benvenuti nella nuova era del politically correct cosmico, del gender spaziale, dell’omosessualismo astronomico

La Walkowicz ha contiuato dicendo che non è mai stata ottimista sul fatto che la NASA avrebbe ascoltato le critiche e poi agito secondo le sue richieste, ma ritiene comunque che valga la pena spingere l’agenzia nella giusta direzione. Nel frattempo, ha terminato la sua lettera invitando la comunità scientifica a non utilizzare il vero nome del telescopio spaziale James Webb.

 

Grazie, ora abbiamo visto anche il telescopio orbitante omofobo, che in effetti ci mancava.

 

Benvenuti nella nuova era del politically correct cosmico, del gender spaziale, dell’omosessualismo astronomico.

 

Sono cose belle.

Continua a leggere

Gender

Utero in affitto, uomo di affari gay vuole diventare il padre «surrogato» più anziano della Gran Bretagna

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un uomo d’affari omosessuale di 66 anni nel Regno Unito progetta di diventare padre di un bambino da una madre surrogata.

 

Ha detto con aria di sfida al Mail di domenica : «Non penso di fare nulla di sbagliato».

 

«Non penso di fare nulla di sbagliato»

L’uomo e il suo compagno di 40 anni sono attualmente alla ricerca di una madre surrogata. In caso di successo, sarà probabilmente l’uomo più anziano della Gran Bretagna ad avere un figlio attraverso la maternità surrogata.

 

«La gente mi chiamerà egoista – ha detto al giornale – ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due».

 

L’uomo anonimo afferma che il suo partner aveva suggerito la maternità surrogata l’anno scorso durante il blocco del Regno Unito e avevano deciso che era preferibile all’adozione.

 

«La gente mi chiamerà egoista, ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due»

«Lo sto facendo per lui, per amore – ha detto – Ho chiesto quando me l’ha suggerito per la prima volta se era sicuro. Ho un sacco di nipoti, quindi per me non fa differenza, ma volevo farlo per lui. Il mio compagno ha 40 anni. Vuole essere biologicamente connesso al bambino e questo lo posso capire».

 

L’uomo ha ammesso che ci saranno difficoltà.

 

Avrà circa 70 anni quando il figlio della coppia andrà alla scuola secondaria.

 

«Sono preoccupato per l’imbarazzo per il bambino ai cancelli della scuola e per i bambini che chiedono: “Quello è tuo nonno?” I bambini possono essere crudeli e non voglio che questo influenzi il bambino».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Gender

La Bioetica a favore delle gravidanze trans

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Le donne transgender (cioè gli individui nati maschi) hanno il diritto di vivere una gravidanza? Due medici italiani dell’Università di Roma Sapienza sostengono in Acta Biomedica che la tecnologia sta avanzando così velocemente che dobbiamo affrontare questa domanda.

 

Al momento i trapianti uterini (UTx) sono rari e spesso senza successo. Ma man mano che i chirurghi migliorano le loro tecniche, potrebbe essere possibile che un nato maschio partorisca.

 

«Una tale opzione segnerà un punto in cui l’insieme dei precetti morali ed etici che adottiamo potrebbe presto diventare obsoleto» scrivono.

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche il trapianto di utero x deve essere etico

 

I sondaggi mostrano, affermano, che le donne trans credono che «avere un utero e una vagina trapiantati e funzionanti andrebbe a beneficio della loro vita sessuale e del senso percepito di femminilità, migliorando la qualità della vita in generale».

 

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche l’UTx deve essere etico:

 

«Non è irragionevole presumere che nelle donne transgender, UTx possa fare molto per il raggiungimento delle aspirazioni riproduttive, beneficiare della qualità della vita in generale ed essere efficace nell’alleviare i sintomi disforici… Se UTx diventa mainstream, sicuro ed efficace per le donne biologiche con [infertilità assoluta del fattore uterino], ci sarebbero motivi moralmente sostenibili per cui alle donne transgender dovrebbe essere negata una tale opportunità di gestazione?»

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente»

Lo scrittore di bioetica Wesley J. Smith ha notato nella National Review che gli autori non menzionano nulla sul benessere del bambino.

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente. Perché, è come se il problema non esistesse».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di North Dakota National Guard via Flickr pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

Continua a leggere

Più popolari