Le multiple origini di Joe Biden

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo di New Eastern Outlook-.

 

 

 

L’arrivo del nuovo presidente degli Stati Uniti alla Casa Bianca ha naturalmente sollevato molti interrogativi da parte di tutti riguardo alla spinta della sua imminente politica estera e interna, nonché alla sua personalità.

 

Osservatori e politici hanno già notato che, dopo aver occupato lo Studio Ovale, Joe Biden ha firmato una dozzina di ordini esecutivi il suo primo giorno, indicando che la prima cosa che ha fatto è stata combattere l’eredità lasciata dal suo predecessore.

 

Non solo ha annullato le decisioni di Trump che irritavano i Democratici, come costruire un muro lungo il Messico e vietare l’ingresso da diversi paesi musulmani, ma ha anche demolito alcuni progetti economici.

 

Oltre al ritorno all’OMS, Biden ha annunciato la sua intenzione che gli Stati Uniti tornassero ad adempiere ai propri obblighi ai sensi dell’accordo di Parigi, a trattare con la Russia sulla limitazione delle armi strategiche e a dare vita agli accordi sul programma nucleare iraniano.

«Pochi si rendono conto che Joe Biden è un lontano discendente di Baida Vishnevetsky, il fondatore di Zaporizhian Sich. È stato il suo bis-bis-bis-bisnonno, un banchiere di Londra, a ricevere l’oro di Polubotok per custodirlo, grazie al quale gli Stati Uniti d’America sono diventati una potenza»

 

Tra le misure economiche annunciate c’era l’annullamento del progetto per la posa del gasdotto Keystone XL tra gli Stati Uniti e il Canada, e l’introduzione di una moratoria sulla locazione del territorio nell’Artico per la produzione di petrolio e gas naturale. Biden ha già nominato i direttori delle maggiori agenzie statunitensi, telefonato ai leader di molte potenze mondiali, e questo, seppur in modo incompleto, consente già di determinare alcuni dei contorni che si delineano nell’imminente politica del nuovo presidente USA.

 

Tutto questo ha spinto molte potenze straniere a velocizzare lo sviluppo di passi reciproci verso Biden.

 

Sicuramente non poteva fare a meno di esserci qualche eccesso nel desiderio di alcuni Paesi e politici di ingraziarsi espressamente il nuovo maestro alla Casa Bianca, presumibilmente attribuendo l’esistenza di «legami familiari di lunga data con lui». E a questo proposito – cosa di cui quasi nessuno avrebbe potuto dubitare – l’Ucraina aveva fretta di andare avanti.

 

Immediatamente dopo la sua elezione di successo come neoeletto presidente degli Stati Uniti, il professore di scienze politiche presso l’Università nazionale «Ucraina» Valeriy Bebik ha proclamato che Joe Biden era un discendente dell’alta nobiltà ucraina:

 

«Pochi si rendono conto che Joe Biden è un lontano discendente di Baida Vishnevetsky, il fondatore di Zaporizhian Sich. È stato il suo bis-bis-bis-bisnonno, un banchiere di Londra, a ricevere l’oro di Polubotok per custodirlo, grazie al quale gli Stati Uniti d’America sono diventati una potenza» ha dichiarato Bebik al mondo.

 

«L’oro di Polubotok» è un mito pseudo-storico, popolare nell’Ucraina moderna, su come la «plutocrazia ebraica» derubasse gli ucraini nel XVIII secolo, e George Washington e Benjamin Franklin fondarono gli Stati Uniti con quell’oro

Vale la pena notare che «l’oro di Polubotok» è un mito pseudo-storico, popolare nell’Ucraina moderna, su come la «plutocrazia ebraica» derubasse gli ucraini nel XVIII secolo, e George Washington e Benjamin Franklin fondarono gli Stati Uniti con quell’oro.

 

Nel suo testamento, Polubotok avrebbe indicato che l’80% del tesoro dovrebbe andare ad aiutare l’Ucraina a conquistare l’indipendenza, e il resto ai discendenti di Polubotok, grazie ai quali «alcune forze in Ucraina» sperano di restituire questi fondi a Kiev attraverso Joe Biden e poi assistere alla successiva «fioritura di un’Ucraina indipendente».

 

Qualche giorno fa, sulle pagine di Ukrainskaya Pravda, un altro «storico ucraino»ha affermato che le radici ancestrali di Biden possono essere ricondotte al clan di Vishnevetsky-Baida, il fondatore dello Zaporizhian Sich, e ha riportato le sue sensazionali notizie mentre virtualmente in estasi che gli antenati del nuovo presidente includono anche i reali: il Kiev e il galiziano Rurikovich! – Esatto, gli «storici» ucraini con ogni nuovo «studio» devono solo aumentare l’importanza e la gentilezza del nuovo presidente degli Stati Uniti nella speranza che assumerà un atteggiamento più favorevole nei confronti di Kiev!

 

Tuttavia, si scopre che non solo Biden è collegato all’Ucraina per la sua discendenza, ma lo è anche Victoria Nuland, sua nominata alla carica di Sottosegretario di Stato per gli affari politici. Ad esempio, il sito di notizie ucraino Strana racconta avidamente ai suoi lettori di come nel 1982 partecipò a un programma di scambio nel campo dei pionieri delle giovani guardie della città di Odessa, dove i bambini del partito comunista e dell’élite burocratica ucraina andavano a divertirsi.

Tuttavia, si scopre che non solo Biden è collegato all’Ucraina per la sua discendenza, ma lo è anche Victoria Nuland, sua nominata alla carica di Sottosegretario di Stato per gli affari politici

 

Ma i polacchi non sarebbero stati polacchi se non avessero cercato di superare questi «ricercatori» ucraini nella «loro effusione di speciale devozione». E ora l’élite polacca invia un segnale ancora più stravagante e clamoroso: lo storico Jacek Zakhara, dell’Associazione Olszów, in un’intervista a Fakt24 ha dichiarato che Joe Biden è un discendente del primo sovrano della Polonia. A sostegno delle sue parole, Jacek Zakhara ha citato le prove del ritrovamento di un’immagine medievale di una certa persona nella chiesa di San Stanislao, nella città di Bielsko-Biala, che indicava che si trattava del lontano antenato di Biden.

 

Il numero di persone in lizza per la leadership in questa staffetta che esprimono una devozione speciale a Joe Biden cresce ogni giorno che passa. E anche l’ex deputato del Partito turco per la giustizia e lo sviluppo, Orhan Miroglu, che è anche membro del Consiglio esecutivo di quel partito, ha sottolineato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è in realtà un curdo di Yerevan:

 

«Un amico curdo con cui ho parlato di recente ha detto che il vero nome di Biden è Cımoyé Bahattin. A-ha! Viene da una famiglia curda del clan Biruki, trasferitasi negli Stati Uniti da Yerevan», ha scritto su Twitter.

 

Lo storico polacco Jacek Zakhara, dell’Associazione Olszów, in un’intervista a Fakt24 ha dichiarato che Joe Biden è un discendente del primo sovrano della Polonia

Pertanto, non dovrebbe sorprendere se, nel prossimo futuro, appariranno improvvisamente «prove» di un altro lusinghiero ammiratore di Biden, anche riguardo alla sua presunta personalità apostolica o al legame diretto che i suoi antenati avevano con l’Onnipotente!

 

Dopotutto, ci sono già stati «colpi di scena» simili nell’era Trump. Basti ricordare l’apparizione nell’ottobre 2020 nel centro di Manhattan di un’icona dipinta dell’artista americano David Datuna, raffigurante Donald Trump come un «santo» con un libro vuoto tra le mani.

 

È vero, va notato che lo stesso Donald Trump non era schizzinoso riguardo all’associazione con la persona dell’Onnipotente.

 

In particolare, nell’ottobre 2020, Donald Trump, parlando ai suoi sostenitori in North Carolina, ha dichiarato senza mezzi termini: «Qualche giorno fa qualcuno mi ha detto: “Sei la persona più famosa del mondo”. Ho risposto: “No, non io”. Mi hanno chiesto: “Chi è più famoso?” Ho risposto: “Gesù Cristo”», ha dichiarato il giornalista Aaron Rupar, citando Trump sul suo account Twitter e pubblicando un video dalla manifestazione elettorale di Trump.

L’ex deputato del Partito turco per la giustizia e lo sviluppo, Orhan Miroglu, che è anche membro del Consiglio esecutivo di quel partito, ha sottolineato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è in realtà un curdo di Yerevan

 

Quindi sembra che impareremo ancora molte cose nuove su Joe Biden dalle «rivelazioni» che vari storici hanno fatto su di lui.

 

Ciò è tanto più vero se si considera che, sfortunatamente, in molti stati oggi le persone soffrono di disturbi mentali e allucinazioni sulla scia del COVID-19.

 

 

Vladimir Odintsov

 

 

 

 

 

 

Pubblicato su New Eastern Outlolook il 4 febbraio 2021 con il titolo «Who are you, Mister Biden?»

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.