Connettiti con Renovato 21

Economia

L’amico di Soros Jeffrey Sachs spinge i cinesi verso Biden

Pubblicato

il

 

 

 

Il quotidiano cinese China Daily ha dato una copertura favorevole ai commenti di Jeffrey Sachs in un recente webinar in cui ha promosso l’approccio di Joe Biden alla Cina rispetto a quello del presidente Donald Trump, descrivendo Sachs come un «noto esperto .. un professore di economia alla Columbia University e un consigliere senior delle Nazioni Unite».

 

Il China Daily e altri in Cina farebbero bene a ricordare il ruolo principale di Sachs nel promuovere la terapia d’urto devastante – shock therapy – in Russia e in Polonia negli anni ’90 (1); a seguito delle politiche proposte da Sachs, negli anni ’80 la Bolivia si trasformò in un’economia basata sulla cocaina negli anni ’80. (2)

La Cina farebbe bene a ricordare il ruolo principale di Sachs nel promuovere la terapia d’urto devastante – shock therapy – in Russia e in Polonia negli anni ’90; a seguito delle politiche proposte da Sachs, negli anni ’80 la Bolivia si trasformò in un’economia basata sulla cocaina negli anni ’80

 

«Vedo l’attuale percorso [riguardo alla Cina] come molto pericoloso, perché la geopolitica non è un gioco… credo che il successo della Cina sia un successo globale –una grande civiltà che è sfuggita alla povertà e ha sviluppato tecnologie avanzate è un grande vantaggio per il mondo, non una maledizione per il mondo».

 

Sachs ha avvertito che l’attuale retorica anti-Cina è «straordinariamente pericolosa», aggiungendo che la Cina «non dovrebbe essere trattata in questo modo vergognoso… Non hanno rubato tutto. Non tradivano tutto. Non hanno creato tutti questi conflitti. Questo è solo il nostro social media, la follia del mondo di Trump».

 

Poi è arrivata la battuta finale di Sachs:

 

«L’attuale retorica anti-Cina è «straordinariamente pericolosa»,  la Cina «non dovrebbe essere trattata in questo modo vergognoso…»

«Se Trump vincerà (alle elezioni di novembre), penso che il mondo sarà profondamente pericoloso e instabile. Penso che l’attuale approccio in effetti si intensificherebbe probabilmente dopo la rielezione di Trump. E conosco abbastanza la storia per dire che mi preoccupa profondamente. Ma se Biden vince, avremo un periodo di maggiore protezionismo negli Stati Uniti, questo è certo. Ma penso che avremo anche un ritorno alle idee razionali e non a questo tipo di attacchi e insulti piuttosto flagranti, odiosi e provocatori».

 

Professore di macroeconomia, difensore dell’ultraliberismo, terzomondista convinto, propinatore – ovviamente – dell’emergenza del cambiamento climatico, negli ultimi anni, Sachs è penetrato nel Sacro Palazzo, divenendo una sorta di ghost writer del nuovo corso antropologico-scientifico del Vaticano.

 

Professore di macroeconomia, difensore dell’ultraliberismo, terzomondista convinto, propinatore – ovviamente – dell’emergenza del cambiamento climatico, negli ultimi anni, Sachs è penetrato nel Sacro Palazzo, divenendo una sorta di ghost writer del nuovo corso antropologico-scientifico del Vaticano.

In economia, egli è per lo più noto come il progenitore di una forma brutale di ingegneria del libero mercato chiamata «terapia d’urto» (shock therapy), ma al contempo vuole posizionarsi come una voce di progressismo, condannando – secondo il famoso slogan americano di protesta emerso una diecina di anni fa – l’1% dei privilegiati e promuovendo una sua soluzione alla povertà estrema del terzo mondo attraverso il suo «Millennium Villages Project» (finanziato, ça va sans dire, da George Soros), nonché l’uso massivo dell’aborto, posizione che non nasconde nemmeno ora che partecipa in continuazione a eventi della Santa Sede, letteralmente applaudito dal cancelliere della Pontificia accademia delle scienze, il vescovo argentino Marcelo Sanchez Sorondo.

 

L’ultra-abortismo a fini di riduzione della popolazione è scritto nei suoi libri a chiare lettere, persino prendendo ad esempio proprio la nazione italiana. Egli scrive infatti nel suo libro Il bene comune. Economia per un pianeta affollato che  «se l’Italia mantenesse fino al 2300 l’attuale tasso totale di fertilità la sua popolazione diminuirebbe dagli attuali 58 milioni a 600.000 individui. Non sarebbe poi un gran male: proprietà immobiliari e agricole per tutti!»

 

C’è da sottolineare come il Sachs comparve nelle cronache italiane anche negli anni Novanta. Il giornalista del Corriere Flavio Haver scrisse delle indagini del giudice Martellino sulla mega speculazione che distrusse la lira nel 1992. «Le indagini sono appena iniziate, ma i risultati possono essere esplosivi, perché il nome dell’individuo coinvolto nelle indagini può dare l’idea di quanto siano delicate queste indagini: il nome è ancora una volta quello di George Soros.

 

L’ultra-abortismo a fini di riduzione della popolazione è scritto nei suoi libri a chiare lettere, persino prendendo ad esempio proprio la nazione italiana

In un pezzo intitolato «Il primo ministro e lo speculatore» il Corriere torna sull’argomento nel 1996, e chiede direttamente allo stesso Soros quali fossero le sue relazioni con Romano Prodi – lo stesso, rammentiamo, che quell’anno gli assegnò una laurea honoris causa presso l’Alma Mater di Bologna. Soros, per una volta prodigo di risposte, replica al giornale di via Solferino: a presentarmi Prodi è stato Jeffrey Sachs.

 

Sovrappopolazione, neoliberismo, ONU, cambiamento climatico, Soros: il giro è sempre quello. La Necrocultura globale e i suoi signori hanno un’agenda ma non hanno fantasia, né il buongusto di non ripetersi.

 

 

Roberto Dal Bosco

Soros, per una volta prodigo di risposte, disse al Corriere della Sera: a presentarmi Prodi è stato Jeffrey Sachs

 

 

 

NOTE

(1)  Qualcuno ha l’ardire di vedere la tragedia della Yugoslavia negli anni Novanta come un effetto dell’operato di Sachs: «In un senso più fondamentale – scriveva nel 1999 Konstantin George nell’Executive Intelligence Review – il destino è stato segnato due anni fa quando il governo di Belgrado assunse un cosiddetto consigliere economico della mafia di Harvard, Jeffrey Sachs. Sachs e il Fondo Monetario Internazionale che lo raccomandò, imposero sulla Yugoslavia le stesse condizioni che furono comminate alla nazione polacca, con lo stesso risultato: disoccupazione di massa di livello-Depressione combinata con una iperinflazione, rovescio degli standard di vita con ritorno ad anni precedenti prima, a decadi precedenti poi; stop a tutti i progetti di sviluppo nazionale. C’è poi una differenza chiave: la Polonia è etnicamente omogenea. Applicare la Sachsomania in uno stato multinazionale assicura, oltre al lutto economico e agli orrori sociali, una divisione garantita, e in pochi anni, dello stato in linee etniche».

Sovrappopolazione, neoliberismo, ONU, cambiamento climatico, Soros: il giro è sempre quello. La Necrocultura globale e i suoi signori hanno un’agenda ma non hanno fantasia, né il buongusto di non ripetersi.

 

(2) La Bolivia è stata la prima success story del professor Sachs: il paese dell’America Latina era mortalmente indebitato con il Fondo Monetario Internazionale (ma guarda) quando arrivò Sachs a testare la sua prima sessione di shock therapy: dollarizzazione,  liberalizzazioni selvagge , svendita degli apparati produttivi  a privati o a realtà internazionali, riduzione della forza lavoro dello Stato (la COMIBOL, l’ente minerario, passa in due anni da 30.000 lavoratori a 7.000), infine quello che Sachs chiama «consensual default», che altro non è se non il solito metodo di sottomissione al potere del dollaro – il debito estero in cambio delle tremende riforme. L’inflazione, dice la versione ufficiale, passò dall’11.000% al 15% appena. Il dato che pochi hanno avuto il coraggio di tirare fuori, invece, è come dal 1985 al 1990 la quantità di coca prodotta in Bolivia più che raddoppiò, facendola diventare il fornitore del 37% della polvere bianca sniffata negli USA. Nel 1990, il 32% della forza lavoro boliviano era impiegato nella produzione e il traffico di droga: non differentemente da quanto può succedere a Melfi o Termini Imerese, l’operaio che perde il lavoro prima o poi finisce nelle maglie della mafia locale, che almeno garantisce il pane.

 

In definitiva, a comprarsi la Bolivia, grazie alla terapia di Sachs, furono i Narcos.

 

Immagine di APEC 2013 via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Economia

La Bundesbank: la Germania è probabilmente in recessione

Pubblicato

il

Da

L’economia tedesca potrebbe contrarsi ulteriormente nel primo trimestre del 2024, ha avvertito la Banca Centrale del Paese in un rapporto mensile pubblicato lunedì scorso.

 

Secondo le previsioni della Bundesbank, la domanda industriale esterna della Germania rimarrà debole, mentre i consumatori continueranno ad essere cauti con la spesa e gli investimenti interni soffriranno ulteriormente a causa degli alti tassi di interesse.

 

«Non c’è ancora alcuna ripresa per l’economia tedesca (…) Alcuni fattori di stress probabilmente permarranno nel primo trimestre del 2024 (…) la produzione economica mostrerà quindi nuovamente un leggero calo. Con il secondo calo consecutivo della produzione economica, l’economia tedesca si troverebbe in una recessione tecnica», ha affermato la Bundesbank, riferendosi all’ultimo trimestre del 2023, quando il PIL del Paese si è contratto dello 0,3% in termini annuali.

Sostieni Renovatio 21

Gli analisti collegano la debole performance economica della Germania con le conseguenze della crisi energetica che ha colpito il paese dopo l’inizio del conflitto in Ucraina. Gli Stati occidentali hanno imposto numerose restrizioni economiche alla Russia, il che ha portato il blocco a perdere in gran parte l’accesso all’energia russa a basso costo.

 

Ciò ha inferto un colpo particolarmente forte all’economia tedesca, fortemente industriale, che è ora nel suo quarto trimestre consecutivo di crescita zero o negativa.

 

La Germania è stata l’unica economia del G7 a subire una contrazione lo scorso anno. Le analisi economiche, compresi i due maggiori istituti di credito del Paese, Deutsche Bank e Commerzbank, hanno recentemente previsto un’altra contrazione nel 2024.

 

Come riportato da Renovatio 21, gli analisti due settimane fa avevano parlato di un’economia tedesca «nei guai» dopo la contrazione dell’ultimo trimestre 2023 nonostante l’inflazione scesa a gennaio al 3,1% e rimasta costantemente superiore al tasso obiettivo del 2%.

 

Il Fondo Monetario Internazionale ha previsto l’anno passato che la Germania sarà l’unica economia del G7 a subire una contrazione quest’anno, mentre lotta con le ricadute della crisi energetica. Solo pochi mesi fa la Germania ancora parlava di razionamento dell’energia, mentre si spengono gli ultimi reattori nucleari. L’industria chimica tedesca è letteralmente in caduta libera. Lo stesso dicasi per il settore automotive, un tempo fiore all’occhiello dell’industria del continente.

 

Come riportato da Renovatio 21, in Germania si sarebbe registrato anche un forte aumento degli euro falsi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di dontworry via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported

Continua a leggere

Economia

I costi di spedizione dall’Asia all’Europa sono aumentati del 400%

Pubblicato

il

Da

Le interruzioni della navigazione causate dagli attacchi dei ribelli Houthi alle navi nel Mar Rosso hanno aumentato il costo del trasporto di merci su alcune rotte dalla Cina all’Europa di circa il 400%, secondo il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, che ha anche menzionato che i tempi di spedizione su tali tratte erano aumentate di 10-15 giorni.   Il commissario ha espresso la speranza che la crisi su una delle rotte commerciali più importanti del mondo non porti ad un aumento significativo dell’inflazione nell’UE, ma ha aggiunto che «ulteriori interruzioni dell’offerta potrebbero portare a prezzi più alti».   I ribelli Houthi con sede nello Yemen hanno effettuato dozzine di attacchi con droni e missili contro navi commerciali che attraversavano il Mar Rosso dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas in ottobre.   Gli Houthi hanno attaccayo navi commerciali e financo militari che transitano per il Mar Rosso, divenuto, come dice il capo dei Pasdaran iraniani, una «trappola».

Sostieni Renovatio 21

Di conseguenza, molte delle principali compagnie di navigazione hanno smesso di utilizzare il Canale di Suez e stanno invece reindirizzando le navi attorno al Capo di Buona Speranza nell’Africa meridionale.   Secondo quanto riferito, gli attacchi hanno anche causato il raddoppio dei prezzi medi dei container a livello globale nell’ultimo mese, mentre le tariffe delle navi cisterna per carburante per alcune destinazioni sono aumentate al livello più alto degli ultimi anni.   Nonostante gli Stati Uniti e i loro alleati abbiano dispiegato una task force navale nell’area per salvaguardare la navigazione, molte compagnie di trasporto merci hanno interrotto il viaggio attraverso il corso d’acqua e hanno invece intrapreso il viaggio molto più lungo e costoso attorno al Capo di Buona Speranza in Africa. Il capo del colosso marittimo AP Møller-Maersk ha dichiarato che la riapertura della cruciale via d’acqua potrebbe richiedere mesi anziché settimane.   Il mese scorso, i ministri degli Esteri dell’UE hanno raggiunto un accordo provvisorio per lanciare una missione navale nel Mar Rosso per difendere le navi mercantili. Germania, Francia e Italia hanno proposto l’iniziativa in risposta alle richieste dei Paesi Bassi, il cui settore della navigazione mercantile è stato particolarmente colpito dagli attacchi.   Il massimo diplomatico del blocco, Josep Borrell, ha affermato che la missione dovrebbe essere lanciata il 19 febbraio.   Come riportato da Renovatio 21, secondo Goldman Sachs i costi del petrolio potrebbero raddoppiare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di International Labour Organization (ILO) Department of Communications from Switzerland (Photo cred: Crozet M.) via Wikimedia pubblicata su licenza  Creative Commons Attribution 2.0 Generic
Continua a leggere

Economia

Il Giappone perde il titolo di terza economia mondiale

Pubblicato

il

Da

Secondo i dati ufficiali diffusi giovedì, il Giappone non è più la terza economia mondiale dopo essere inaspettatamente scivolato nella recessione alla fine dello scorso anno. La Germania è ora passata al terzo posto in termini di PIL nominale.

 

Il PIL si è contratto dello 0,4% annualizzato nel quarto trimestre dello scorso anno, dopo un crollo del 3,3% nel trimestre precedente. Ciò ha confuso le previsioni del mercato di un aumento dell’1,4% negli ultimi tre mesi dell’anno. Una recessione tecnica è generalmente definita come due trimestri consecutivi di contrazione.

 

Durante il quarto trimestre, i consumi privati ​​sono diminuiti dello 0,9% su base annua e gli investimenti aziendali sono diminuiti dello 0,3%. Le esportazioni sono aumentate dell’11%, mentre le importazioni sono aumentate del 7,0%.

 

«Il consumo di servizi ha subito una battuta d’arresto, i prezzi dei beni continuano ad aumentare e, a causa del caldo inverno, il consumo di abbigliamento è stato fiacco da ottobre in poi», ha detto un funzionario governativo.

Sostieni Renovatio 21

Le famiglie giapponesi sono alle prese con l’aumento del costo della vita e il calo dei salari reali che hanno portato a un calo dello 0,2% nei consumi privati, che rappresentano oltre la metà dell’attività economica del Paese.

 

In termini di dollari, il PIL del Giappone alla fine del 2023 ammontava a 4,2 trilioni di dollari, contro i 4,5 trilioni di dollari della Germania.

 

«Due cali consecutivi del PIL e tre cali consecutivi della domanda interna sono una cattiva notizia, anche se le revisioni potrebbero modificare marginalmente i numeri finali», ha detto a Reuters Stefan Angrick, economista senior di Moody’s Analytics, commentando la notizia.

 

«Ciò rende più difficile per la banca centrale giustificare un rialzo dei tassi, per non parlare di una serie di rialzi».

 

Il Giappone è stato per anni la seconda potenza economica mondiale prima che il gigante cinese si affacciasse sulla scena grazie alla globalizzazione stipulata tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila.

 

Negli anni Ottanta si era ipotizzato che Tokyo, forte della sua industria di precisione e di risparmi molto consistenti da parte delle famiglie, potesse scalzare gli USA dal trono di prima economia globale. Tuttavia i dirigenti nipponici furono portati ai cosiddetti Plaza Accord nel 1985, accordi economici con gli USA che secondo alcuni costarono al Giappone lo scoppio della baboru (bolla) nei primi anni Novanta e il conseguente «decennio perduto» dell’economia del Sol Levante.

 

Come riportato da Renovatio 21, alcuni giapponesi speculano su come il Plaza Accord seguisse di poche settimane il tragico schianto del volo JAL 123 nel quale persero la vita 520 persone, tra cui il celeberrimo cantante Kyu Sakamoto, e soprattutto il banchiere Akihisa Yukawa.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Abubakr Saeed via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Continua a leggere

Più popolari