Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

La Svezia abbracci il multiculturalismo o sarà la guerra civile: parla lo stilista ex direttore marketing Diesel

Pubblicato

il

Johan Lindeberg, noto nome della moda, ha affermato che la Svezia deve abbracciare la sua nuova identità multiculturale perché la «guerra civile» è l’alternativa. Lo riporta Summit News.

 

Lindeberg, noto per le sue collaborazioni con Diesel e Absolut, ha commentato in un articolo di opinione pubblicato sul quotidiano nazionale svedese Expressen.

 

Invitando i lettori ad «abbracciare la Nuova Svezia», ​​Lindeberg ha esortato gli svedesi a celebrare «il Paese più progressista del mondo», avvertendo che altrimenti ne sarebbero seguiti caos e disordine.

 

«O tutti aiutiamo a creare una nuova energia inclusiva e diventiamo un chiaro modello internazionale per una nuova comunità multiculturale. Oppure finiamo in una guerra civile. È già iniziata», ha scritto Lindeberg.

 

Lo stilista ha persino suggerito di cambiare la bandiera del paese per rappresentare la sua nuova identità diversificata e per «rendere di nuovo rilevante la Svezia».

 

Affermando che un Paese multiculturale era più sofisticato di uno monoculturale, Lindeberg ha suggerito che coloro che si sentono a disagio dovranno semplicemente abituarsi.

 

«Il cambiamento è iniziato molto tempo fa. Tuttavia, molti di noi hanno difficoltà ad accettarlo», ha scritto l’ex direttore marketing internazionale del brand vicentino Diesel.

 

L’opinione è in controtendenza con il giudizio del premier social democratico di Stoccolma, che dopo le recenti rivolte etno-religiose degli immigrati ha sostanzialmente parlato di fallimento dell’integrazione degli immigrati.

 

Un’indagine dell’anno scorso ha rilevato che la Svezia era passata dall’essere uno dei paesi europei più sicuri 20 anni fa in termini di crimini armati al secondo più pericoloso, con la maggior parte delle sparatorie legate a bande criminali di migranti, scrive Summit News. Dopo essere stata classificata al 18° posto su 22 per crimini armati dal 2000 al 2003, la Svezia è ora al secondo posto, dietro solo alla Croazia.

 

Nel 2019, i media sono stati costretti ad ammettere che il numero allarmante di attacchi con granate ed esplosioni in Svezia rappresentava una «emergenza nazionale».

 

Anche le sparatorie mortali in Svezia sono aumentate di un fattore di 10 in una generazione, esacerbate dall’intimidazione dei testimoni e da «un codice di omertà nelle aree di immigrati socio-economicamente deboli del paese», secondo Neuding.

 

L’anno scorso, il quotidiano tedesco Bild ha titolato «La Svezia è il Paese più pericoloso d’Europa».

 

Come riportato da Renovatio 21, le rifugiate ucraine in fuga dalla guerra non vogliono andare in Svezia, ritenendo che sia troppo pericoloso. È capitato che gruppi di ucraine riparate in Svezia (talvolta con prole piccola) sono state molestate da bande di immigrati. Il senso di sicurezza è tale che una profuga ha dichiarato al notiziario svedese Samnytt  che «quando ci sono bombe, so almeno che posso scendere nel seminterrato e nascondermi lì».

 

Dal multiculturalismo, invece, non v’è via di fuga.

 

 

 

 

 

Immagine di Telefonkiosk via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Migrante siriano sospettato di aver ucciso un’adolescente tedesca e scaricato il cadavere in un impianto fognario

Pubblicato

il

Da

La diciassettenne Tabitha E. ha lasciato un appartamento ad Asperg, non lontano da Stoccarda, in Svevia, martedì pomeriggio della scorsa settimana, ma l’allarme è stato lanciato dopo che non è tornata a casa quella sera.

 

Dopo un’ampia perquisizione della polizia, domenica il corpo della ragazza è stato trovato nell’impianto di trattamento delle acque reflue di Leudelsbach.

 

Dopo che la casa di un sospetto è stata perquisita e gli investigatori hanno stabilito che la morte della ragazza fosse un omicidio, un migrante siriano di 35 anni è stato arrestato.

 

«Alcuni commentatori hanno persino criticato la cancelliera Angela Merkel per le sue “politiche illegali e disumane”, in riferimento all’invito aperto ai migranti siriani a venire in Germania all’indomani del conflitto nel loro Paese» riporta Remix News.

 

La polizia, tuttavia, è all’erta anche su altri possibili crimini collegati, dichiarato che «se necessario… saranno perseguiti» anche i commenti d’odio anti-immigrati postati online.

 

In pratica, uccidono una ragazza ma la reazione immediata e minacciare di metterti il bavaglio se dici qualcosa.

 

Benvenuti nell’Europa del 2022.

 

Facile pensare che anche le discussioni più costruttive, dati alla mano, potrebbero essere censurate, o autocensurate – chi vuole discutere della realtà se poi si può venire perseguiti in tribunale?

 

Del resto pensiamo a Wuerzburg, dove dopo una strage causata da attacco terroristico messo in opera da un rifugiato somalo come «contributo alla Jihad»  il sindaco si è preoccupato di scrivere una lettera aperta in cui lamentava del fatto che l’attacco potesse essere usato per stereotipare altri migranti e rifugiati.

 

I dati diffusi dal governo tedesco mostrano che gli stranieri non tedeschi sono responsabili di oltre il 39% degli omicidi totali e del 56,25% delle condanne per omicidio colposo.

 

Tra il 2000 e il 2020, i non tedeschi condannati per omicidio sono aumentati dal 29,27% al 39,02%.

 

La percentuale di stranieri condannati per omicidio colposo è salita dal 37,53% al 56,25%.

 

Gli stranieri costituiscono circa il 12% della popolazione tedesca, il che significa che sono significativamente sovrarappresentati in reati gravi.

 

Tuttavia, assieme agli LGBT, in città come Hanau hanno parcheggi tutti per loro. Non che tra le due «minoranze sia tutto OK: parate del gay pride tedesche  sarebbero state attaccate  da «uomini di origine meridionale», eufemismo orwelliano per non dire «immigrati».

 

Quattro mesi aveva fatto scalpore a Linz, in Austria, il caso del tentativo di stupro di una ragazzina vicino ad un centro per rifugiati ucraini. Due anni fa a Dortmund c’era stata invece la vicenda di un immigrato arrestato per molestie su una bambina di 11 anni che, rilasciato immantinente, avrebbe abusato di una bambina di 13.

 

«Un caso particolarmente straziante, simile al più recente omicidio, ha coinvolto Maria Ladenburger, la figlia di un funzionario dell’UE che è stata violentata, assassinata e gettata in un fiume a Friburgo» ricorda Summit News.

 

È il caso di dire che l’Europa divora i suoi figli: o meglio, fa violentare e uccidere le proprie figlie da stranieri che essa stessa ha importato secondo un piano autodistruttivo quanto misterioso.

 

 

 

 

Immagine di Tim Reckmann via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Violenza degli immigrati alla Stazione Centrale di Milano

Pubblicato

il

Da

Immagini raccapriccianti da Piazza Duca d’Aosta, davanti al palazzo della Stazione Centrale di Milano.

 

Il video è impressionante.

 

Un ragazzo di etnia levantina, che poi sarebbe risultato un homeless minorenne tunisino secondo quanto riportato, si aggira coperto di sangue.

 

D’un tratto, da fuori l’inquadrature giunge un uomo di colore, che colpisce il ragazzo con un potente calcio volante. Il ragazzo crolla al suolo.

 

Non è finita: l’africano, mentre l’altro è a terra sotto shock,  gli lancia in testa una bottiglia birra, spaccandola in mille pezzi.

 

Le immagini di questa violenza belluina, avvenuta in pieno giorno, circolano in rete.

 

 


Il diavolo è nel dettaglio, si usa dire. Qui di dettagli ce ne sono una marea, e di fatto la cosa ci pare un inferno.

 

Perché il ragazzo circolava seminudo per la piazza antistante la Stazione?

 

Perché l’uomo di colore che lo attacca è scalzo?

 

Particolare anche le brave soccorritrici accorse sul luogo: una sembra cinese, l’altra, quella più attiva, potrebbe essere anche lei immigrata, o forse no?

 

Insomma cosa sta succedendo in quella piazza?

Da tenere a mente anche un’altra cosa: riporta il Corriere che «la polizia è intervenuta intorno alle 20 di venerdì 22 luglio, su segnalazione delle pattuglie dell’esercito che presidiano lo scalo ferroviario».

 

Cioè, fateci capire: c’erano lì i militari? In effetti sì, li ricordiamo. E noi non stiamo pensando al fatto che potevano intervenire loro: no, noi stiamo realizzando che oramai la massa di immigrati senza legge procedono a commettere crimini anche dinanzi a militari armati.

 

Anzi, ci viene in mente quanto successo questo mese a Napoli: la massa africana attacca direttamente le forze dell’ordine, cosa che è successa, di fatto, anche contro la celere schierata contro l’invasione («colonizzazione», la definivano i ragazzini immigrati organizzatori) di Peschiera del Garda.

 

Bisogna tuttavia stare tranquilli: a Milano c’è Beppe Sala, il sindaco già top manager con il calzino LGBT, amatissimo dall’élite dei radical chic ereditieri del capoluogo lombardo, così come dagli avanzi dei centri sociali, che – abbiano o meno i soldi di papà – rappresentano nel loro sostegno a Sala il loro imbarazzante  fallimento storico, personale e generazionale.

 

La grande débacle, per la metropoli progressista e quindi femminista, è stata il capodanno con violenze sessuali di massa – la cosa ha un nome arabo: Taharrush gamea – in Piazza Duomo ai danni di povere ragazze. Gli autori, ma ci sono voluti giorno perché ciò emergesse, erano bande di ragazzini immigrati.

 

Come riportato da Renovatio 21, è curioso anche il caso della Bocconi, dove ad una certa ora gli studenti (cioè, le studentesse) devono essere accompagnate perché rischiano molestie nell’adiacente Parco Ravizza da parte di personaggi non precisati etnicamente da giornalisti e politici.

 

Chissà di dove sono originari.

 

Chissà perché si comportano così.

 

Ah, beh, sì, certo. Come nella violenza in Stazione, forse si sentono davvero, davvero impuniti. Altrimenti non commetterebbero crimini spudoratamente in pubblico, perfino dinanzi ai nostri soldati.

 

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

 

Continua a leggere

Immigrazione

I dati del governo mostrano che i non tedeschi sono responsabili di oltre il 39% degli omicidi

Pubblicato

il

Da

I dati diffusi dal governo tedesco mostrano che gli stranieri sono responsabili di oltre il 39% degli omicidi totali e del 56,25% delle condanne per omicidio colposo.

 

Le statistiche sono state pubblicate dopo che una richiesta ufficiale è stata avanzata dal parlamentare Stephan Brandner, del partito Alternative fuer Deutschland (AfD).

 

Secondo di dati del governo, tra il 2000 e il 2020, i non tedeschi condannati per omicidio sono aumentati dal 29,27% al 39,02%.

 

La percentuale di stranieri condannati per omicidio colposo è salita dal 37,53% al 56,25%.  Gli stranieri costituiscono circa il 12% della popolazione tedesca, il che significa che sono significativamente sovrarappresentati in reati gravi.

 

«Il fenomeno inaccettabile della drammatica criminalità straniera deve essere finalmente risolto», ha affermato Brandner. «Le cifre mostrano chiaramente che in Germania abbiamo un grosso problema con i criminali immigrati. Gli immigrati provenienti da Afghanistan e Siria, in particolare, rappresentano un grave problema di sicurezza per il nostro Paese».

 

Le cifre possono tuttavia ingannare: molti stranieri sono nel frattempo diventati cittadini tedeschi. La statistica, parimenti, non considera i reati commessi da migranti di seconda generazione.

 

«Di conseguenza, non esiste una chiara ripartizione delle statistiche sulla criminalità basate sull’etnia che possa raccontare la storia completa dell’omicidio e di altri crimini gravi» scrive Remix News.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Germania è spesso scioccata da casi di criminalità che coinvolgono immigrati. Nel 2022 un afghano era stato arrestato per molestie ad una bimba di 11 anni; una volta rilasciato, avrebbe abusato di una bambina 13enne.

 

C’è poi il caso degli  attacchi terroristici in Germania nel 2021, dove l’establishment si è preoccupato soprattutto per come negativamente questo potesse riflettersi sulla reputazione degli immigrati: subito dopo la morte di tre donne causata da un somalo, a Wuerzburg il sindaco ha scritto una lettera in cui chiedeva di non stigmatizzare gli stranieri.

 

Lo stesso è avvenuto il mese scorso alle parate Gay Pride tedesche, attaccate da uomini che i giornali locali hanno definito pudicamente «di origini meridionali».

 

Del resto, la città di Hanau aveva lanciato l’anno passato un garage con parcheggi solo per LGBT o immigrati.

 

Continua a leggere

Più popolari