Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

La scuola convince la bambina che è un bambino, ora il tribunale ordina al padre di accettarlo: altrimenti subirà accuse di «violenza familiare»

Pubblicato

il

 

 

 

Il signor Rob Hoogland, canadese di Vancouver, ha ricevuto da un giudice l’ordine di chiamare sua figlia  «ragazzo», altrimenti dovrà affrontare accuse di violenza familiare.

 

La figlia di Hoogland era già sottoposta a trattamento con testosterone contro i suoi desideri dopo essere stata convinta dal suo consulente scolastico di essere un ragazzo.

Rob Hoogland ha ricevuto da un giudice l’ordine di chiamare sua figlia  «ragazzo», altrimenti dovrà affrontare accuse di violenza familiare

 

Per finire, Hoogland non ha potuto nemmeno condividere la sua storia o cercare aiuto al di fuori dei suoi avvocati a causa di un ordine di non pubblicazione emesso dal tribunale. Lo riporta il Van Maren Show, un podcast sy YouTube dell’opinionista di Lifesitenews Jonathon Van Maren.

 

Hoogland, che ha divorziato qualche anno fa, dice agli ascoltatori che sua figlia ha iniziato ad avere difficoltà con i ragazzi alle elementari, quindi le ha consigliato di iniziare a vedere il consulente scolastico.  Hoogland non se ne rese conto, ma per tutto il tempo a sua figlia fu insegnato riguardo al movimento transgender. Guardando indietro, Hoogland ricorda un episodio in cui sua figlia si ha tagliata tutti i capelli e ha iniziato a indossare un berretto.

Per tutto il tempo a scuola alla figlia fu insegnato riguardo al movimento transgender

 

Fu solo quando Hoogland guardò l’annuario di  seconda media che si rese conto che stava succedendo qualcosa. Sua figlia era elencata nell’annuario con un nome diverso. Non gli era mai stato notificato, ma la scuola aveva trattato sua figlia come un ragazzo.

 

L’ex moglie di Hoogland raccomandò di portare la figlia a vedere il dottor Wallace Wong, uno dei maggiori esperti di transgender.

 

Hoogland concordò, pensando che un esperto avrebbe visto chiaramente che sua figlia non pensava di essere un ragazzo (a quel punto aveva avuto una cotta per due dei suoi insegnanti di sesso maschile) e che stava succedendo qualcos’altro.

Quando Hoogland ha sottolineato la chiara infatuazione di sua figlia con gli insegnanti maschi, il dottor Wong ha risposto che era un ragazzo gay nel corpo di una ragazza

 

Sfortunatamente, Hoogland non sapeva che il dottor Wong è noto per aver portato i suoi pazienti ad una percentuale di quasi 100% di completamento di transizioni di genere.

 

Wong raccomandò alla figlia di Hoogland di iniziare subito i trattamenti a base di testosterone. Quando Hoogland ha sottolineato la chiara infatuazione di sua figlia con gli insegnanti maschi, il dottor Wong ha risposto che era un ragazzo gay nel corpo di una ragazza.

 

Incredibilmente, al posto di fare una diagnosi l’ospedale pediatrico provò ad iniziare la terapia con testosterone alla sua prima visita

Hoogland continuò a cercare altre soluzioni per affrontare i suoi problemi di salute mentale della figlia. Il medico di famiglia finì per mandarla all’ospedale pediatrico della British Columbia per ulteriori test e valutazioni.  Incredibilmente, al posto di fare una diagnosi l’ospedale pediatrico provò ad iniziare la terapia con testosterone alla sua prima visita.

 

Dopo aver rifiutato di firmare i moduli di consenso per consentire a sua figlia di iniziare il trattamento, Hoogland ha ricevuto una lettera per posta in cui affermava che non poteva più avere accesso alle cartelle cliniche di sua figlia né era necessario il suo consenso per le procedure future a causa della Legge sui bambini, che consente un minorenne di acconsentire alla propria procedura medica senza il consenso dei genitori.

Non poteva più avere accesso alle cartelle cliniche di sua figlia né era necessario il suo consenso per le procedure future

 

Questa lettera ha scatenato una battaglia legale di Hoogland contro sua figlia, che a questo punto disponeva di un avvocato attivista in lotta per la sua transizione.

 

Il giudice in quel momento ordinò a Hoogland di usare pronomi maschili quando parlava di sua figlia, di assecondare i suoi desideri di transizione, ed emise un gag order, ossia un  ordine di non pubblicazione. Qualsiasi cosa diversa dal sostenere la «transizione» di genere di sua figlia sarebbe considerata «violenza familiare».

Qualsiasi cosa diversa dal sostenere la «transizione» di genere di sua figlia sarebbe considerata «violenza familiare»

 

Hoogland parlò con un giornalista statunitense della testata Federalist  la sera stessa della sentenza. Hoogland fu fu quindi rapidamente ricondotto in tribunale per aver violato il suo ordine di non pubblicazione e, significativamente, per non aver usato pronomi maschili per riferirsi a sua figlia nell’intervista. All’udienza, il giudice dichiarò che Hoogland poteva essere arrestato se avesse violato uno degli ordini iniziali.

 

Hoogland impugnò  entrambe queste sentenze alla corte d’appello, che alla fine decretò che la figlia poteva continuare a prendere ormoni sessuali, cosa che aveva già fatto per un anno, ma rimosse la minaccia di arresto se Hoogland avesse violato gli ordini originali. Inoltre, il tribunale ha osservato che spettava ai medici curanti prendere le decisioni migliori per sua figlia, e non spettava a lui, né spettava a sua figlia.

Medici, psichiatri, pediatri ed endocrinologi avevano insomma il potere sulla vita della ragazza, mentre il padre ne è stato estromesso per ordine del tribunale.

 

Medici, psichiatri, pediatri ed endocrinologi avevano insomma il potere sulla vita della ragazza, mentre il padre ne è stato estromesso per ordine del tribunale.

 

Hoogland oggi ha una fondazione, Caenis.org, che aiuta le famiglie con ragazzini avviati alla transizione a base di ormoni sessuali contro il volere dei genitori. Egli mette in guardia rispetto a quello che succede dentro la scuola oggi.

 

 

 

Immagine d’archivio

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Studio tedesco: zero bambini sani tra i 5 e i 18 anni sono morti per COVID

Pubblicato

il

Da

 

 

Uno studio condotto da ricercatori in Germania ha scoperto che nessun bambino sano di età compresa tra 5 e 18 anni è morto di COVID-19 nei primi 15 mesi della pandemia.

«Nel complesso, il carico associato alla SARS-CoV-2 di un decorso grave della malattia o della morte nei bambini e negli adolescenti è basso», hanno riferito gli scienziati in un documento caricato su Medrxix, un sito Internet che distribuisce eprints inedite sulle scienze della salute dove spesso compaiono paper che stanno per essere sottoposti a peer review.

 

«Questo sembra particolarmente il caso per i bambini di 5-11 anni senza comorbidità».

 

«Nel complesso, il carico associato alla SARS-CoV-2 di un decorso grave della malattia o della morte nei bambini e negli adolescenti è basso»

Sebbene il COVID in Germania non abbia causato la morte di bambini sani di età compresa tra 5 e 18 anni, ha causato solo la morte di sei bambini e adolescenti in quella fascia di età che avevano condizioni preesistenti.

 

La frequenza di un bambino che necessitava di cure ospedaliere intensive per COVID sarebbe, secondo il documento, di 1 su 50.000.

 

Tra marzo 2020 e maggio 2021 sono morti un totale di otto neonati e bambini piccoli, di cui cinque con condizioni preesistenti, per un totale di 14 tedeschi di età inferiore ai 18 anni che sono morti di COVID durante un periodo di 15 mesi.

 

«Le cifre sono simili a quelle registrate nel Regno Unito, dove solo sei bambini sani su 12 milioni sono morti di COVID-19» scrive Summit News.

 

La frequenza di un bambino che necessitava di cure ospedaliere intensive per COVID sarebbe, secondo il documento, di 1 su 50.000

«Dati i noti rischi di miocardite indotta da vaccino nei giovani, il fatto che Pfizer abbia testato i suoi vaccini mRNA su appena 3.000 bambini 5-11 e abbia seguito la maggior parte di loro solo per settimane dopo la seconda dose, i dati tedeschi sollevano nuovamente la questione di come le autorità sanitarie possono giustificare l’incoraggiamento a vaccinare bambini o adolescenti», scrive il giornalista americano ex-New York Times Alex Berenson.

 

«Se lasci che tuo figlio o adolescente sano faccia il vaccino mRNA COVID, sei pazzo», scrive Berenson, le cui posizioni sono ora ovviamente considerate «false» nelle prime tre righe della sua pagina Wikipedia

 

Nonostante i risultati dello studio, è probabile che la Germania farà il vaccino ai bambini di età inferiore ai 12 anni nel primo trimestre del 2022.

 

C’è il rischio che possa perfino divenire obbligatorio, visto  che il Paese implementerà l’obbligo vaccinale per gli adulti entro febbraio 2022.

 

«Se lasci che tuo figlio o adolescente sano faccia il vaccino mRNA COVID, sei pazzo»

L’Italia non si mette in coda: i bambini italiani dai 5 agli 11 anni potranno ricevere due dosi a distanza di tre settimane una dall’altra a partire, generale Figliuolo dixit, dal 16 dicembre, data entro cui arriveranno 1,5 milioni di dosi del vaccino mRNA Pfizer pronte per i piccoli deltoidi dei bimbi italiani.

 

Secondo il presidente dell’AIFA Giorgio Palù, per i piccoli non ci sarà obbligo, «il vaccino si basa sulla libera scelta dei genitori».

 

Vedremo se anche quei cambieranno le carte in tavola per l’ennesima volta: c’è chi scommette che scatterà l’obbligo per genitori e figli, una bella vaccinazione universale di ogni essere umano sul territorio della Repubblica.

 

Nel frattempo in Italia il potere vaccinale ha fatto un passo avanti consistente nello scacchiere simbolico delle nostre vite: militari nelle nostre case per i tamponi a domicilio dei nostri figli. Il prossimo passo riuscite a immaginare quale sarà?

Nel frattempo, come abbiamo riportato, il potere vaccinale ha fatto un passo avanti consistente nello scacchiere simbolico delle nostre vite: militari nelle nostre case per i tamponi a domicilio dei nostri figli.

 

Il prossimo passo riuscite a immaginare quale sarà?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Documento FDA: il rischio di miocardite per bambini di 5-12 anni richiede uno studio di 5 anni

Pubblicato

il

Da

 

Un documento sul sito dell’ente di controllo del farmaco americano FDA scrive che gli studi clinici condotti dal gigante farmaceutico Pfizer sono troppo brevi per determinare i rischi di miocardite a lungo termine nei bambini vaccinati con il siero anti-COVID.

 

La FDA, come noto, è l’ente a cui il mondo politico-farmaceutico spesso guarda per tarare le sue decisioni; soprattutto ora con tre vaccini anti-COVID su quattro prodotti da aziende americane (Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson).

 

L’ammissione riguardo alla vaccinazioni sui bambini appare a pagina 11 di un Meeting document FDA del «Vaccines and Related Biological ProductsAdvisory Committee» («comitato consultivo su vaccini e relativi prodotti biologici) datato 26 ottobre 2021.

 

Nel testo è scritto nero su bianco che la dimensione del campione di volontari degli studi clinici era troppo piccola per rilevare i rischi di miocardite nei bambini di età compresa tra 5 e 12 anni.

 

«Il numero di partecipanti all’attuale programma di sviluppo clinico è troppo piccolo per rilevare potenziali rischi di miocardite associati alla vaccinazione»

Viene inoltre ammesso che la sicurezza a lungo termine del siero mRNA sui bambini sarà studiata in ricerche di durata di un lustro.

 

A pagina 11 del documento – nel capitolo «Conclusioni generali rischio-benefici» è scritto.

 

«Il numero di partecipanti all’attuale programma di sviluppo clinico è troppo piccolo per rilevare potenziali rischi di miocardite associati alla vaccinazione. La sicurezza a lungo termine del vaccino COVID-19 nei partecipanti di età compresa tra 5 e <12 anni sarà studiata in 5 studi sulla sicurezza post-autorizzazione, incluso uno studio di follow-up di 5 anni per valutare le sequele a lungo termine di miocardite/pericardite post-vaccinazione».

 

L’informazione è sepolta in questo fitto documento PDF di 81 pagine.

 

Nonostante questo fatto sconcertante, il mese scorso la FDA ha emesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech da somministrare ai bambini di età compresa tra i cinque e gli 11 anni.

 

In un comunicato stampa diramato il 29 ottobre, la FDA ha dichiarato che il vaccino era sicuro per la fascia di età dell’infanzia perché era stato «studiato in circa 3.100 bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che hanno fatto il vaccino e non sono stati rilevati effetti collaterali gravi nello studio in corso». Gli studi, ovviamente, anche allora erano solo in corso.

 «La sicurezza a lungo termine del vaccino COVID-19 nei partecipanti di età compresa tra 5 e <12 anni sarà studiata in 5 studi sulla sicurezza post-autorizzazione, incluso uno studio di follow-up di 5 anni per valutare le sequele a lungo termine di miocardite/pericardite post-vaccinazione»

 

Il comunicato spiegava che, poiché ci sono stati numerosi casi di miocardite, o infiammazione del cuore, nei maschi vaccinati di età compresa tra 12 e 17 anni, è stata utilizzata un’analisi rischio-beneficio in cui sono stati soppesati possibili casi di Covid, ricoveri e decessi rispetto a quelli che potrebbero essere causata dal vaccino.

 

«I sistemi di sorveglianza della sicurezza FDA e CDC hanno precedentemente identificato un aumento dei rischi di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione del tessuto che circonda il cuore) a seguito della vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, in particolare dopo la seconda dose, e con il rischio osservato più alto nei maschi di età compresa tra 12 e 17 anni».

 

«Pertanto, la FDA ha condotto la propria valutazione rischio-beneficio utilizzando modelli per prevedere quanti casi sintomatici di COVID-19, ospedalizzazioni, ricoveri in unità di terapia intensiva (ICU) e decessi per COVID-19 che il vaccino nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni avrebbe impedito rispetto al numero di potenziali casi di miocardite, ricoveri, ricoveri in terapia intensiva e decessi che il vaccino potrebbe causare».

 

Si specificava inoltre che era un saldo «monitoraggio continuo della sicurezza»

 

«Pfizer Inc. ha aggiornato il suo piano di monitoraggio della sicurezza per includere la valutazione di miocardite, pericardite e altri eventi di interesse nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Inoltre, la FDA e il CDC dispongono di diversi sistemi per monitorare continuamente la sicurezza del vaccino COVID-19 e consentire la rapida individuazione e indagine di potenziali problemi di sicurezza».

 

Quindi, il verdetto finale.

 

«Il modello della FDA prevede che, nel complesso, i benefici del vaccino supererebbero i suoi rischi nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni»

 

I nostri figli sono cavie. Come noi. Di quale altra prova abbiamo bisogno?

Ora scopriamo che nello stesso sito vi è un documento recente che ammette che gli studi sono stati condotti su un numero di bambini «troppo piccolo per rilevare potenziali rischi di miocardite associati alla vaccinazione», aggiungendo che la sicurezza del farmaco mRNA «sarà studiata in 5 studi sulla sicurezza post-autorizzazione».

 

(Importante guardare alle date: il documento con l’ammissione è datato 26 ottobre; il comunicato stampa sull’autorizzazione per l’uso di emergenza 5-11 anni è del 29 ottobre)-

 

In pratica, del vaccino cui vogliono obbligare i vostri figli non si sa nulla, se non che avremo qualche dato forse tra cinque anni (quando una parte di loro sarà quasi maggiorenne…)

 

I nostri figli sono cavie. Come noi. Di quale altra prova abbiamo bisogno?

 

Continua a leggere

Essere genitori

Caso Bibbiano, Foti condannato a quattro anni

Pubblicato

il

Da

 

 

Lo psicoterapeuta Claudio Foti è stato condannato in rito abbreviato a quattro anni dal tribunale di Reggio Emilia.

 

Per Foti, 70 anni, la procura aveva domandato una condanna di sei anni « per le accuse di abuso d’ufficio, frode processuale e lesioni gravissime (il giudice ha quindi ritenuto fondate le accuse mosse nei suoi confronti, in particolare quella di lesioni ai danni di una ragazzina che ebbe in cura tra il 2016 e il 2017, sottoposta a sedute “con modalità suggestive”)» riporta il Corriere della Sera.

 

Tuttavia, «il giudice ha invece deciso di condannarlo a 4 anni e lo ha assolto con la formula “perché il fatto non costituisce reato” dall’ipotesi di frode processuale» riporta Sky TG24.

 

«Foti è stato interdetto dai pubblici uffici per la durata di 5 anni. Il giudice Dario De Luca ha inoltre disposto la sospensione dall’esercizio della professione di psicologo e psicoterapeuta per 2 anni. Il fondatore del centro Hansel e Gretel dovrà inoltre risarcire i danni in favore delle parti civili Gens Nova Onlus, Unione Val d’Enza, Unione dei Comuni Modenesi Area Nord, Ausl di Reggio Emilia, Regione Emilia Romagna, Ministero della Giustizia, Comune di Montecchio Emilia» continua il Corriere della Sera

 

«Ho fiducia che in Appello possa essere rivista questa condanna che ritengo ingiusta. Penso di essermi comportato correttamente in scienza e coscienza. Rifarei tutto ciò che ho fatto» avrebbe commentato Foti fuori dal tribunale secondo Il Resto del Carlino. I suoi avvocati avrebbero quindi affiancato il suo caso a quello di Enzo Tortora

 

Oltre alla condanna a Foti, il GUP ha inoltre disposto 17 rinvii a giudizio, 5 proscioglimenti e un’assoluzione, quella di un assistente sociale unica altra imputata ad aver chiesto il rito abbreviato – nel suo caso «il fatto non sussiste».

 

«Il GUP di Reggio Emilia ha anche rinviato a giudizio il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti per abuso d’ufficio; ma lo ha prosciolto dalle accuse di falso» scrive sempre il Corsera.

 

Secondo Foti si è avuto «uno scontro in quest’aula, che non doveva avvenire in ambito giudiziario ma in accademia, fra posizioni teoriche diverse. Io credo che sia stata criminalizzata la psicoterapia del trauma: una posizione che non c’entra nulla col metodo Foti distorto e criminalizzato» scrive La Repubblica riprendendo dichiarazioni in uscita dal tribunale.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari