Connettiti con Renovato 21

Spirito

La cura dei corpi dei defunti: No alla cremazione

Pubblicato

il

In questo mese di novembre ci raccogliamo in preghiera ricordando in modo più speciale i nostri morti. La Chiesa intercede per le Sante Anime del Purgatorio con le Messe e i suffragi del 2 novembre e le indulgenze dell’ottavario dei morti.

 

 

Sicuramente, come ci dice sant’Agostino nel suo opuscolo De cura pro mortuis gerenda (un estratto del quale si legge nel mattutino del giorno dei morti) queste suppliche per le anime sono l’essenziale della nostra cura per i trapassati: se non ci fossero, dice il santo Dottore, a nulla servirebbe onorare i corpi defunti e la loro sepoltura; e se a volte queste pie pratiche sono impossibili per delle circostanze estreme, mai si devono tralasciare le preghiere ed i suffragi.

 

 

Gli argomenti di sant’Agostino

Detto questo, sant’Agostino raccomanda con insistenza la cura per gli stessi corpi dei morti, sulla scia della Tradizione divina e apostolica, che trova la sua più autorevole fonte nelle parole del Cristo alla Maddalena nell’unzione di Betania.

 

La sepoltura, prosegue sant’Agostino, se non serve alla salvezza del morto, come pensavano alcuni pagani, è però dovere di umanità, perché nessuno ha in odio la propria carne

Quando Maria ha scioccato tutti versando il profumo prezioso sui piedi del Signore, Egli dice: «Lasciatela in pace […] Versando questo olio sul mio corpo, lo ha fatto in vista della mia sepoltura» (Mt. 26).

 

Sappiamo poi come tale ufficio di onorevole sepoltura fu compiuto nei confronti di Nostro Signore.

 

Per sant’Agostino i corpi dei nostri defunti non vanno disprezzati ma tenuti cari, come si fa perfino con gli oggetti loro appartenuti, essendo il corpo non un accidente ma costitutivo della stessa natura dell’uomo.

 

La sepoltura è professione della fede nell’articolo della resurrezione dei corpi

La sepoltura, prosegue sant’Agostino, se non serve alla salvezza del morto, come pensavano alcuni pagani, è però dovere di umanità, perché nessuno ha in odio la propria carne (cfr. Ef. 5): scomparso colui che si prendeva cura del proprio corpo, il dovere passa a coloro che rimangono, a maggior come testimonianza di fede in coloro che credono nella resurrezione dei corpi.

 

 

Un precetto divino e apostolico, una professione di fede

Il precetto della cura e della sepoltura dei corpi non è un semplice precetto ecclesiastico di origine umana: per la sua costanza dai primordi della Religione, per la sua universalità ed esclusività tra i cristiani, per il suo fondamento nelle Scritture, per il rigore con cui la legislazione della Chiesa lo ha sempre imposto, è paragonabile alla scelta della domenica come giorno festivo.

 

La forza di tale precetto risiede quindi nell’autorità divino-apostolica, e sembra veramente improbabile che la Chiesa possa avere il potere di cambiare un tale precetto divino positivo, come (secondo quasi tutti i teologi) la Chiesa non potrebbe spostare il precetto festivo dalla domenica al sabato o al lunedì. Se la necessità può scusare dall’adempimento di un tale precetto in alcuni casi, come per la Messa domenicale, esso non cessa per questo di esistere.

 

Il permesso dato nel 1963 da Paolo VI di ricorrere alla cremazione è impensabile ed empio per ogni anima cattolica

In più la sepoltura è professione della fede nell’articolo della resurrezione dei corpi. Certo, i corpi risorgeranno anche se bruciati o distrutti: ma con che gesto io posso manifestare esternamente di credere in questa verità, se non con la sepoltura?

 

È come per la Presenza reale: certamente il Cristo è presente nell’Ostia anche se non gli rendo alcun onore esteriore, ma come esprimo la mia fede in questa verità se escludo ogni riverenza esterna, o peggio faccio gesti opposti a tale fede (come per la comunione in mano etc.)?

 

Ecco perché il permesso dato nel 1963 da Paolo VI di ricorrere alla cremazione è impensabile ed empio per ogni anima cattolica.

 

Pare incredibile che sia stato uno dei primi atti di Papa Montini, venendo incontro alla vecchia campagna massonica in favore della cremazione.

Pare incredibile che sia stato uno dei primi atti di Papa Montini, venendo incontro alla vecchia campagna massonica in favore della cremazione.

 

Quello che il vecchio diritto canonico proibiva circa la cremazione, sulla base della tradizione apostolica, non era che espressione del diritto divino e naturale, non legge disciplinare mutevole.

 

 

Precetti circa il rispetto dei corpi dei defunti

Per questo non pare possibile nemmeno oggi passare oltre tali disposizioni, che vorremmo brevemente ricordare, anche se è già stato fatto molte volte.

 

La cremazione è del tutto esclusa per i cristiani. 

Se uno chiede da vivo di essere cremato, in buona o cattiva fede, i suoi eredi non devono rispettare tale volontà, come cosa empia e ingiusta.

Se uno chiede da vivo di essere cremato, in buona o cattiva fede, i suoi eredi non devono rispettare tale volontà, come cosa empia e ingiusta

 

Se non ha mai ritrattato tale volontà, e non se ne può dimostrare la buona fede, il defunto non ha diritto alla sepoltura cristiana, quindi deve essere sepolto senza riti in terra non consacrata. Non vi è alcun dubbio che chi è responsabile di un defunto, e lo lascia cremare potendolo impedire, compia un peccato grave, anche qualora il defunto stesso avesse espresso tale volontà cattiva.

 

Chiaramente non è colpevole chi non ha modo di impedire che una tale volontà si compia in forza di leggi malvagie.

 

Chi non ha mai chiesto di essere cremato, ma lo sarà per volontà (empia) dei parenti o dello Stato (come è successo in Italia durante il primo lockdown), può avere i riti della Chiesa, purché non vi sia cattivo esempio, e il sacerdote chiarisca bene la situazione, escluso sempre l’accompagnamento del clero al luogo della cremazione.

Bruciare un corpo è segno della massima pena possibile che un colpevole impenitente può meritare, non certo un legittimo modo di onorare il defunto, anche per diritto naturale

 

La Chiesa si premura anche di ricordare che i non cattolici, o coloro che non hanno diritto alla sepoltura ecclesiastica, devono avere uno spazio per essere sepolti, seppure fuori dalla terra benedetta del camposanto. Questo a indicare che nemmeno per costoro è possibile la cremazione.

 

Bruciare un corpo è segno della massima pena possibile che un colpevole impenitente può meritare, non certo un legittimo modo di onorare il defunto, anche per diritto naturale.

 

Siamo in un momento in cui del corpo dei morti si fa scempio con la cremazione, o con esperimenti perfino non necessari (per i quali basterebbero cellule o tessuti animali)

Specialmente oggi, è lodevole l’inumazione (certo senza riti cristiani e in terra non consacrata) dei feti abortiti, pur non battezzati, come avviene in alcuni luoghi, ad onorare quelli che sono resti umani, semplice verità naturale oggi negata da molti.

 

In questa epoca è necessario ricordare come la Chiesa raccomandi di onorare i cadaveri.

 

Siamo in un momento in cui del corpo dei morti si fa scempio con la cremazione, o con esperimenti perfino non necessari (per i quali basterebbero cellule o tessuti animali).

 

Mai come oggi, in questo clima gnostico, il corpo umano è visto come un insieme di elementi da riutilizzare o distruggere a piacere, con uno scopo puramente utilitaristico

Mai come oggi, in questo clima gnostico, il corpo umano è visto come un insieme di elementi da riutilizzare o distruggere a piacere, con uno scopo puramente utilitaristico.

 

Ogni utilizzo dei resti umani per scopi «scientifici» o «industriali» deve essere dai cristiani combattuto, a maggior ragione quando ci sono alternative possibili.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.News

 

 

 

Immagine di Georg Lippitsch via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Continua a leggere

Spirito

La polizia israeliana attacca il corteo funebre della giornalista cristiana di Al Jazeera

Pubblicato

il

Da

 

 

La polizia antisommossa israeliana venerdì ha spinto e picchiato i portatori di bara al funerale della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh facendo cascare brevemente la bara. Lo riporta l’agenzia Associated Press.

 

Abu Akleh, palestinese cristiana, secondo testimoni è stata uccisa dalle truppe israeliane mercoledì durante un raid nella Cisgiordania occupata.

 

La Akleh, 51 anni, era un nome familiare in tutto il mondo arabo, veterana della copertura giornalistica del Medio Oriente da 25 anni per il canale satellitare qatariano. Venerdì scorso, il pubblico ministero palestinese ha affermato che i risultati preliminari mostrano che Abu Akleh saremme stata ucciso dal fuoco deliberato delle truppe israeliane. L’esercito israeliano ha dichiarato venerdì che è stata uccisa durante uno scontro a fuoco con militanti palestinesi e che potrebbe determinare la fonte del colpo che l’ha uccisa.

 

Al funerale, migliaia di persone, molte sventolavano bandiere palestinesi e cantavano inni palestinesi. Potrebbe trattarsi che fosse il più grande funerale palestinese a Gerusalemme da quando Faisal Husseini, leader palestinese e rampollo di una famiglia importante, morì nel 2001.

 

L’incredibile repressione ha trasformato la processione funebre  forse nella più grande dimostrazione di nazionalismo palestinese a Gerusalemme in una generazione.

 

 

Prima della sepoltura, una grande folla si è radunata per scortare la sua bara da un ospedale di Gerusalemme est a una chiesa cattolica nella vicina Città Vecchia. Molte delle persone in lutto tenevano bandiere palestinesi e la folla ha iniziato a gridare: «Sacrifichiamo la nostra anima e il nostro sangue per te, Shireen».

 

Poco dopo, la polizia israeliana ha attaccato, spingendo e picchiando le persone in lutto. Quando la polizia antisommossa si è avvicinata, hanno colpito i portatori di bara, facendo perdere il controllo della bara a un uomo mentre cadeva a terra. La polizia ha strappato le bandiere palestinesi dalle mani delle persone e ha sparato granate assordanti per disperdere la folla.

 

 

Al di fuori delle preghiere alla moschea di Al Aqsa, Israele raramente consente grandi raduni palestinesi a Gerusalemme est e reprime regolarmente qualsiasi manifestazione di sostegno allo stato palestinese, scrive AP.

 

La polizia ha detto che la folla all’ospedale cantava «incitamenti nazionalisti», ha ignorato le chiamate a fermarsi e ha lanciato pietre contro di loro. «I poliziotti sono stati costretti ad agire», ha detto la polizia dello Stato ebraico, che ha pubblicato un video in cui un comandante fuori dall’ospedale avverte la folla che la polizia entrerà se non smetteranno di incitare e «canzoni nazionaliste».

 

Poco prima di mezzanotte, la polizia israeliana ha rilasciato una seconda dichiarazione in cui affermava di aver coordinato con la famiglia i piani per il deposito della bara in un veicolo, ma che una «folla aveva minacciato l’autista del carro funebre e poi ha provveduto a trasportare la bara su un veicolo processione non programmata». Ha detto che la polizia è intervenuta «in modo che il funerale potesse procedere come previsto secondo i desideri della famiglia».

 

Al Jazeera ha affermato in una dichiarazione che l’azione della polizia «viola tutte le norme e i diritti internazionali».

 

«Le forze di occupazione israeliane hanno attaccato coloro che piangevano il defunto Shireen Abu Akhleh dopo aver preso d’assalto l’ospedale francese di Gerusalemme, dove hanno picchiato duramente i portatori di bara», si legge. La rete ha aggiunto che rimane impegnata a coprire le notizie e non si farà scoraggiare, riferisce Associated Press.

 

La polizia israeliana alla fine ha scortato la bara in un furgone nero, strappando le bandiere palestinesi dal veicolo mentre si dirigeva verso la chiesa.

 

Abu Akleh era un membro della piccola comunità cristiana palestinese in Terra Santa. Cristiani palestinesi e musulmani hanno marciato uno accanto all’altro venerdì in una dimostrazione di unità.

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Spirito

Lo spirito della Russia: una lettera

Pubblicato

il

Da

L’articolo del fondatore di Renovatio 21 Roberto Dal Bosco sulla questione spirituale della Russia attuale («La bandiera rossa dello spirito trionferà») è stato molto letto e condiviso. Una coppia di lettori di Trieste, viaggiatori incalliti, ci ha scritto una lettera densa e struggente, che abbiamo avuto il permesso di ripubblicare. Laura e Massimo hanno un blog di viaggio, Orizzonti dell’Est, dove sono annotate le loro esperienze di anni e anni in giro per il mondo. Li ringraziamo per averci mandato un messaggio come questo.

 

 

 

Gentile dott. Dal Bosco,

 

chi Le scrive ha percorso quasi 8.000 km di strade in Russia.

 

Al ritorno dal primo viaggio, 10.500 km tra andata e ritorno, con mio marito cercavamo di capire che cosa ci avesse tanto folgorato della terra russa.

 

Col secondo viaggio riuscimmo vagamente a focalizzare il motivo che irresistibilmente ci attraeva verso quella terra.

 

Col terzo, in Artico in pieno inverno, ne avemmo la certezza. Quel mare di terra infinita racchiudeva qualcosa che andava oltre il fascino dell’avventura e della scoperta di un Paese ex proibito, con tutta la sua retorica della falce e martello ancora presente ovunque ed il brivido dei controlli dei doganieri alle dipendenze dell’FSB.

 

Lo comprendemmo appieno nella chiesa di Murmansk, mentre fuori imperversava una pungente nevicata, quando appartati osservammo i fedeli che entravano per una fugace preghierina: la casalinga, l’impiegata, l’uomo d’affari con la 24 ore, la babushka, una scolaresca.

 

Una candelina accesa, una preghiera a bassa voce, un bacio all’icona e via a cominciare la giornata con la benedizione del Signore e della Vergine.

 

Ne avemmo la certezza sotto al gigantesco monumento del soldato sovietico a guardia del mondo, sulla collina più alta della città avamposto nell’Artico, meta di pellegrinaggio nonostante la bufera.

 

Macinando chilometri nel nulla punteggiato da minuscole cappelle con la cupola a cipolla, realizzammo che quel mare di terra è solcato dalle invisibili onde dello Spirito, quello stesso Spirito stordente che immediatamente si percepisce appena varcato il confine, lo stesso spirito che langue nei nostri cuori quando si è giocoforza costretti ad uscire dall’immenso Paese per ritornare a casa.

 

La nostra dusha, la nostra anima, ha incontrato il duh, lo spirito, lo ha riconosciuto nel popolo russo, nei loro sguardi schietti, nella loro accoglienza sincera. In Russia siamo rinati.

 

Nel Suo articolo ci siamo ritrovati. LeggerLa è sempre un piacere. Quando si è in sintonia di percezioni, ancora di più.

 

Cordialmente,

 

 

Laura e Massimo

Trieste

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Mons. Viganò sull’arresto del Cardinale Zen

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questa dichiarazione  di Mons. Carlo Maria Viganò.

 

DICHIARAZIONE

sull’arresto di Sua Eminenza il Card. Joseph Zen

È stata diffusa ieri la notizia dell’arresto del Card. Joseph Zen da parte delle autorità di Hong Kong. Responsabile delle indagini è la sezione di Polizia speciale costituita dal Governo di Pechino per vegliare sulla sicurezza nazionale cinese, ossia per reprimere qualsiasi forma di dissenso o di protesta per le violazioni dei diritti umani della dittatura comunista. 

 

L’anziano Porporato – che in passato espresse forti critiche all’Accordo segreto stipulato tra il Regime cinese e la Santa Sede – è stato interrogato e poi rilasciato su cauzione, mentre gli è stato sequestrato il passaporto.

 

Quanto accaduto costituisce una gravissima violazione delle libertà e dei diritti di cui gode ogni persona umana, tanto più deprecabile trattandosi di un Cardinale di Santa Romana Chiesa.

 

La Sala Stampa vaticana, con evidente imbarazzo, si è limitata ad esprimere «preoccupazione», senza presentare formali proteste al Governo di Pechino.

 

Solo pochi giorni prima altri dieci sacerdoti della comunità di Baoding, appartenenti alla Chiesa clandestina, sono stati prelevati e destinati alla «rieducazione» forzata dal Partito Comunista Cinese perché non disposti ad aderire alla setta patriottica, allungando la serie di soprusi e sopraffazioni contro i Cattolici fedeli della Chiesa sotterranea.

 

I frutti avvelenati dell’Accordo sino-vaticano sono ormai evidenti. La chiesa bergogliana preferisce tacere sulla persecuzione dei Cattolici della Chiesa clandestina, dopo averli consegnati alle ritorsioni della setta patriottica e del Partito Comunista Cinese. In cambio, Pechino ricompensa i suoi servigi con cospicui finanziamenti annui: i mercenari si lasciano comprare per trenta denari, che grondano del sangue dei martiri della Chiesa del silenzio. 

 

Quando il Card. Zen, nel settembre del 2020 alla vigilia del rinnovo di quel famigerato Accordo, venne a Roma per incontrare Bergoglio, questi lo umiliò con uno sdegnato rifiuto, a causa della ben nota posizione del Porporato cinese sull’Accordo e sulle sue ripetute violazioni.

 

Questa offesa a un Principe della Chiesa ha dato un chiaro segnale alla dittatura cinese, che si è sentita libera di agire senza temere conseguenze o prese di posizione da parte del Vaticano; il cui inquilino trova però il tempo per ricevere alti esponenti del Nuovo Ordine Mondiale, rappresentanti del globalismo e della finanza usuraia, dittatori e criminali di guerra, fino alle mogli dei combattenti del battaglione neonazista Azov, che negli scorsi giorni avevano usato i civili come scudi umani durante l’assedio russo dell’acciaieria di Azovstal.

 

Qualcuno ha fatto notare che l’attivista russo-canadese Pyotr Verzilov ha accompagnato le due mogli ucraine all’Udienza papale: si tratta del fondatore e portavoce del gruppo femminista Pussy Riot, noto per le profanazioni e i sacrilegi compiuti in Russia contro le chiese ortodosse, sul modello di Femen in Occidente. Lascia sconcertati che sia ammesso in Vaticano il rappresentante di un movimento anticristiano che ha fatto della blasfemia il cuore della propria azione eversiva.

 

Questo atteggiamento di rara doppiezza, ma tutt’altro che ambiguo, mostra come la deep church di Bergoglio sia totalmente allineata non solo alla narrazione psicopandemica, ma anche alla folle gestione della crisi russo-ucraina da parte del deep state.

 

Il Card. Zen si aggiunge alla lista dei Porporati dei Dubia, ai quali Bergoglio non ha mai risposto né ricevuto, mentre verga di propria mano la lettera a James Martin sj. Con quell’ennesimo endorsement egli conferma la volontà di normalizzare nella Chiesa Cattolica il pansessualismo dell’infame ideologia LGBTQ, con la conseguente perdizione eterna di tante anime.

 

La saggezza e la prudenza della diplomazia vaticana, preziosa eredità di secoli, ammirata da tutte le Cancellerie del mondo, oggi sotto la guida di Pietro Parolin è un lontano ricordo: interessi cortigiani, profitti economici e criminali connivenze prevalgono senza vergogna di fronte a Dio e di fronte agli uomini. I fedeli guardano con scandalo alla trasformazione della Santa Sede in una spelonca di ladri (Lc 19, 46).

 

Esorto i miei Confratelli e i laici a sostenere con la preghiera Sua Eminenza in questo difficile momento, esprimendoGli al contempo vicinanza e solidarietà.

 

Le prove alle quali il Card. Zen è sottoposto possano meritare dal Cielo quella ricompensa che il Signore ha promesso a coloro che servono la Santa Chiesa con fedeltà e che rimangono saldi nella Fede, senza lasciarsi contaminare dallo spirito del mondo.

 

 

+ Carlo Maria Viganò

Arcivescovo

 

13 Maggio 2022

Anniversario dell’apparizione 

della Beata Vergine Maria a Fatima

 

 

 

 

 

Immagine di Jindřich Nosek (NoJin) via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine croppata

 

Continua a leggere

Più popolari