Connettiti con Renovato 21

Spirito

Il papa incontra il capo delle Brigate Babilonesi. Il patriarca Sako denuncia il silenzio del Vaticano su cosa sta accadendo ai cristiani d’Iraq

Pubblicato

il

Il patriarca dei Caldei, Louis Raphaël Sako, ha rilasciato un’intervista ad Asia News, nella quale ha espresso il suo stupore che nessuno a Roma abbia voluto difendere la Chiesa in Iraq dopo che il capo dello Stato ha ritirato il suo riconoscimento ufficiale come patriarca.

 

Il patriarca vede questo mancato riconoscimento come «un progetto volto a mettere a tacere la voce della Chiesa e la mia. Durante questi dieci anni come patriarca, (…) ho cercato di proteggere i cristiani e non ho mai voluto giustificare la formazione di una milizia cosiddetta “cristiana”».

 

«Ho rifiutato tutto questo, da qui la voglia di vendetta di una fazione [le Brigate Babilonesi di Rayan al-Kildani, ndr] che ha un secondo fine: spingere i cristiani a partire per impossessarsi delle loro case, dei loro beni, delle loro proprietà . (…) Nel Paese prevale una mentalità settaria in cui le persone lottano per più potere, visibilità e denaro: regnano confusione e anarchia».

 

Questa confusione si manifesta nelle funzioni e nelle attribuzioni delle massime istituzioni, spiega il cardinale Sako: «il Presidente della Repubblica non ha il potere di revocare i decreti adottati in passato, non può annullarli arbitrariamente. Inoltre, ciò va contro una tradizione secolare, che risale al Califfato Abbaside, poi all’Impero Ottomano e infine alla Repubblica».

 

«In un secondo, il capo dello Stato ha voluto cancellare 14 secoli di storia e tradizione, ma io non ho paura e non ho nulla da perdere… forse la vita, ma sono pronto. Tutto questo viene fatto per intimidire i cristiani, affinché abbandonino il Paese: li incoraggio ancora a restare e a sperare!»

 

Il patriarca aggiunge di lottare per tutti gli iracheni: «la comunità cristiana è al mio fianco e mi sostiene. In questo momento vediamo coesione, forte sostegno e unità tra la gente e la comunità cristiana, mentre ci sono divisioni tra le Chiese».

 

E il patriarca accusa che la minaccia abbia «un approccio diverso da quello dell’ISIS, ma con la stessa logica di fondo. Forse è più nascosta e subdola, ma con lo stesso obiettivo: spingere i cristiani ad andarsene».

Sostieni Renovatio 21

 

Mancanza di reazioni da parte della Santa Sede e del Papa

Il patriarca ammette di essere «deluso dalla posizione della Santa Sede che, in quasi cinque mesi, non è intervenuta per sconfessare l’operato del Presidente della Repubblica, per respingere gli attacchi contro la persona del patriarca, per prendere le distanze dalla coloro che si definiscono leader cristiani». Deplora che Rayan al-Kildani [il Caldeo] abbia incontrato Francesco in piazza San Pietro, al termine dell’udienza del mercoledì.

 

 

«Rayan lo ha annunciato in pompa magna per legittimarsi rivendicando l’autorità ecclesiastica: si è presentato come il vero rappresentante dei cristiani, lui e non il patriarca di cui il Papa avrebbe accettato le dimissioni. Il silenzio di fronte a queste affermazioni è inaccettabile».

 

Per Sako, questo silenzio legittima l’usurpatore: «la Santa Sede avrebbe potuto esprimersi, dire che la propaganda di quest’uomo è falsa, e calmare i tanti cristiani e musulmani che in Iraq subiscono queste menzogne ​​che feriscono soprattutto la nostra comunità. Il nunzio apostolico mi invita al dialogo, a non umiliare il presidente… ma è il presidente che umilia la Chiesa e il suo popolo».

 

Il patriarca prosegue amaro: «il nunzio dice che bisogna abbandonare il decreto e accettare una decisione del tribunale. Ma deve comprendere la mentalità locale e sostenere la Chiesa: potrebbe negare la strumentalizzazione e le menzogne ​​di Rayan al-Kildani, chiedere ai vescovi che ricevono soldi da lui di smettere di farlo, trovare una soluzione che non vada contro la Chiesa caldea».

 

«Oggi, quasi ogni settimana, vengono presentate denunce contro di me in tribunale e nei prossimi giorni dovrò comparire e non potrò partecipare agli Incontri del Mediterraneo di Marsiglia. Ho scritto a Papa Francesco dopo la visita di Rayan in Vaticano, non mi ha ancora risposto».

 

E conclude stanco: «siamo una Chiesa perseguitata, da molto tempo… che lotta per sopravvivere, ma per questo abbiamo bisogno di sostegno, vicinanza, solidarietà. La Chiesa deve manifestare la sua presenza, la sua prossimità, deve trovare le parole che finora le sono mancate».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Spirito

L’aeroporto di Dublino esita a cancellare la «benedizione degli aerei» annuale in seguito alla protesta pubblica

Pubblicato

il

Da

L’aeroporto più trafficato d’Irlanda sta rivedendo la sua annuale “benedizione degli aerei”, che ha avuto luogo dal 1947. Lo riporta LifeSite.   L’aeroporto di Dublino conta in media circa 30 milioni di passeggeri all’anno. Fondato nel 1940, dispone di una chiesa cattolica in loco chiamata Nostra Signora Regina del Cielo, aperta nel 1964. È disponibile anche una «sala di preghiera multireligiosa».   Notizie sui social media da parte di organi di stampa irlandesi all’inizio di questa settimana affermavano che l’aeroporto di Dublino ha annullato il rituale della benedizione degli aerei, che si svolge ogni giorno di Natale quando l’aeroporto è chiuso ai viaggi.   Padre Des Doyle ne è il cappellano dal 2008 e ha benedetto gli aerei più recentemente nel dicembre 2023.  

Sostieni Renovatio 21

Il sito conservatore Gript.com ha riferito che l’aeroporto ha ricevuto una richiesta da John Hamill, un noto ateo del Paese, di condurre una benedizione «non religiosa». Il redattore di Gript John McGuirk ha detto su X che la lettera di Hamill avrebbe spinto l’aeroporto a condurre una «revisione» dei suoi protocolli di sicurezza che ha portato all’annullamento della benedizione.   Il team dei social media dell’aeroporto ha risposto a McGuirk su X contestando la sua richiesta. «Per maggiore chiarezza, la decisione non ha nulla a che fare con “un attivista laico che richiede il diritto di tenere una benedizione non religiosa”. È il risultato delle modifiche ai protocolli di sicurezza relativi all’accesso lato volo”, hanno scritto.   Eppure Hamill, in un post su X, ha affermato di aver richiesto una «benedizione per mancanza di fede» e che l’aeroporto ha annunciato in seguito «tutte queste benedizioni saranno cancellate». Poi, dopo la pubblicazione dell’articolo di Gript, i cattolici si sono lamentati e l’aeroporto ha affermato che stava riconsiderando la sua politica.   Un portavoce dell’autorità aerea dublinese DAA, il gestore dell’aeroporto ha risposto a LifeSiteNews con una dichiarazione per cui «a causa delle recenti modifiche ai protocolli di sicurezza, l’accesso lato volo è ora limitato alle sole operazioni aeroportuali. Per questo motivo non potranno più essere agevolate le attività non operative sulla pista. Stiamo attualmente lavorando a un nuovo approccio per facilitare la tradizionale benedizione natalizia degli aerei all’aeroporto di Dublino».   Michael Collins, un membro del Parlamento irlandese che rappresenta Cork South-West, ha detto a Gript di essere «deluso» dalla decisione iniziale e che la benedizione degli aerei «è una tradizione importante» che dovrebbe poter continuare.   Aer Lingus è la compagnia aerea di bandiera del governo irlandese. Originariamente la benedizione annuale aveva luogo ogni estate solo per gli aerei della compagnia, che prendono il nome dai santi. Fu spostato a Natale nel 1967.   All’inizio degli anni ’60 fu pubblicato un mini-documentario che spiegava la natura unica della benedizione.     La popolazione irlandese è circa il 70% cattolica. Nel 1920 Papa Benedetto XV nominò Nostra Signora di Loretta patrona dell’aviazione.   Su YouTube circolano video che mostrerebbero che venivano benedetti anche gli aerei della compagnia irlandese Ryanair.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Anna Zvereva via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic
Continua a leggere

Spirito

Bergoglio sta «ridimensionando» il papato: parla mons. Viganò

Pubblicato

il

Da

L’arcivescovo Carlo Mario Viganò ha scritto su Twitter il suo pensiero riguardo al ritorno del titolo di «Patriarca d’Occidente» per il romano pontefice, come visibile nell’Annuario pontificio 2024 edito dalla Libreria editrice Vaticana. La definizione era stata rimossa nel 2006, quando sul Soglio vi era Joseph Ratzinger.

 

«La decisione di ripristinare il titolo di Patriarca d’Occidente, cancellato da Benedetto XVI, non deve indurre in errore: essa è una mossa – nemmeno troppo dissimulata – con la quale Bergoglio si pone come interlocutore alla pari del Patriarca d’Oriente, non meno asservito di lui agli interessi dell’élite globalista massonica tanto ansiosa di instaurare il Nuovo Ordine Mondiale e la Religione dell’Umanità» tuona il prelato.

 

«In questo modo, dopo un “ridimensionamento” del Papato in chiave sinodale – ossia parlamentarizzando il governo della Chiesa che è un’istituzione monarchica per volontà di Cristo stesso – e dopo la rinuncia al titolo di Vicario di Cristo, Bergoglio può procedere speditamente verso quel progetto ecumenico che costituisce la matrice ereticale del Vaticano II e di tutto il suo nefasto “pontificato”».

Sostieni Renovatio 21

«Non stupisce che questa operazione eversiva sia condotta proprio da chi usurpa la potestà del Romano Pontefice per distruggere il Papato e la Chiesa Cattolica».

 

Nel comunicato emesso nel 2006 dal Pontificio Consiglio per la promozione dell’Unità dei cristiani, si spiegava che il termine «patriarca d’Occidente» fu introdotto nel 642 da Papa Teodoro I. Successivamente, questo titolo divenne comune nel XVI e XVII secolo, «nel quadro del moltiplicarsi dei titoli del Papa» comparve nell’Annuario pontificio 1863.

 

Secondo il comunicato allora emesso dal Sacro Palazzo sotto Benedetto XVI, «non intende descrivere un territorio ecclesiastico né esso può essere adoperato come definizione di un territorio patriarcale», per cui l’espressione «patriarca d’Occidente (…) descriverebbe la speciale relazione del Vescovo di Roma a quest’ultima, e potrebbe esprimere la giurisdizione particolare del Vescovo di Roma per la Chiesa latina».

 

Si trattava di un fatto di «realismo storico e teologico» e non di «“nuove rivendicazioni” papali rispetto alle Chiese d’Oriente», specifica Avvenire.

 

A questo punto, nell’Annuario pontificio i titoli del papa elencati sono vicario di Gesù Cristo, successore del principe degli apostoli, Sommo Pontefice della Chiesa universale, patriarca d’Occidente, primate d’Italia, arcivescovo e metropolita della provincia romana, sovrano dello Stato della Città del Vaticano, servo dei servi di Dio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Nir Hason via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
 

 

 

 

Continua a leggere

Spirito

Vescovo sposa scrittrice di romanzi erotici divorziata – con rito cattolico, grazie alla dispensa di Bergoglio

Pubblicato

il

Da

Dopo aver ottenuto l’approvazione papale e la laicizzazione, l’ex vescovo di Solsona ha avuto un matrimonio cattolico con la scrittrice erotica divorziata che ha sposato civilmente nel 2021. Lo riporta LifeSiteNews.   Il 2 aprile, la scrittrice erotica spagnola Silvia Caballol ha annunciato tramite Instagram di aver recentemente celebrato un matrimonio cattolico con monsignor Xavier Novell. È riportato che le nozze sarebbero divenute possibili grazie ad una dispensa di papa Francesco, che avrebbe regolato la sua situazione canonica.   «Xavier ed io, finalmente, abbiamo potuto sposarci nella Chiesa, grazie alla misericordia del Santo Padre che gli ha concesso la secolarizzazione. Sono rimasto stupito dalla grande qualità umana e spirituale di Papa Francesco», ha scritto la Caballol. Non sono stati forniti dettagli più specifici della cerimonia.

Sostieni Renovatio 21

Ex vescovo di Solsona, monsignor Novell era uno dei vescovi più giovani della Spagna al momento della sua nomina nel 2010. Il 23 agosto 2021 papa Francesco ha accettato pubblicamente le dimissioni del prelato, 52 anni, e i vescovi spagnoli hanno affermato che Novell aveva offerto le sue dimissioni per «motivi strettamente personali» e lo aveva fatto alle condizioni del canone 401 §2 del Codice di diritto canonico della Chiesa.   Alcune settimane dopo emerse che Novell si era dimesso per continuare la sua relazione con Caballol e andare a vivere con lei. La Caballol, 14 anni più giovane di Novell e già divorziata con tre figli da un precedente matrimonio, è psicologa e scrittrice.   Il suo editore la descrive come «una lettrice incallita di romanzi romantici ed erotici» che «trasmette sempre questa debolezza a tutti i manoscritti che scrive». Si è inoltre formata e ora si specializza in psicologia clinica, sessuologia, tecniche antistress e yoga, oltre a corsi sul cattolicesimo e sull’Islam.   Nel curriculum di Caballol figurano infatti opere dai forti toni erotici e satanici, un aspetto ampiamente evidenziato anche dai media laici alla fine del 2021.   Uno dei suoi romanzi, intitolato L’inferno del desiderio di Gabriel, è stato descritto dalla Catholic News Agency e dall’International Business Times come avente «sfumature sataniche».   L’autrice ha difeso le sue opere dalle critiche mediatiche, affermando che sono state scritte «durante un periodo molto particolare» della sua vita, e che «chi è libero dal peccato scagli la prima pietra».   Dopo le sue dimissioni nell’agosto 2021, Novell ha poi contratto un matrimonio civile con Caballol nel novembre 2021, spingendo la diocesi di Solsona ad annunciare che era stato sospeso, ai sensi del canone 1394 §1. Pur rimanendo vescovo, a Novell fu proibito qualsiasi ministero pubblico o privato.   Secondo il Guardian, a dicembre 2021, la coppia starebbe «lavorando per un’azienda», Semen Cardona, «che estrae e vende sperma di maiale».   Nell’aprile 2022, 8 mesi dopo le dimissioni di Novell, è stato annunciato nei notiziari locali che la Caballol aveva appena dato alla luce due figlie gemelle con monsignor Novell. Da allora, le notizie sulla coppia sono rimaste scarse fino all’annuncio di Caballol questa settimana.    «È stata una lunga strada, ma abbiamo potuto regolare la nostra situazione canonica: sposarci come volevamo e poter ricevere di nuovo la comunione», scriveva il 2 aprile. Novell «è ancora vescovo, ma non può svolgere il compito ministero», ha detto la Caballol, in una frase che sembrava contraddire la sua precedente affermazione secondo cui Novell era stato ridotto allo stato laicale.   «Molti avrebbero preferito nascondere queste informazioni, ma io ho sempre creduto che se un uomo è convinto di quello che fa e sente, bisogna scommettere sulla naturalezza, sulla normalità, sulla trasparenza, andare dritto, senza lasciare spazio a speculazioni, e camminare sotto la luce. Non credo che la fossilizzazione sia ciò che merita il nostro amore, e nemmeno la Chiesa».    «Né credo che l’occultamento che ha accompagnato le dimissioni di mio marito due anni e mezzo fa sia stato in alcun modo un errore».   La carriera episcopale di Novell fu segnata da contraddizioni e «volubilità». Era stato esplicito riguardo alla condanna dell’attività omosessuale («l’omosessualità può essere correlata a una figura paterna assente e lontana», aveva detto prima di scusarsi), descrivendosi allo stesso tempo come «conservatore» e «progressista». I precedenti di Novell mentre era in seminario includevano la difesa dell’ordinazione femminile, del celibato clericale facoltativo e dell’assoluzione generale. 

Aiuta Renovatio 21

Secondo quanto riportato, era un fermo oppositore dell’aborto, e video testimoniano la sua passione per Giovanni Paolo II, al punto da essere definito «vescovo-papaboy».   Il prelato aveva anche fatto notizia per la sua azione politica, passando dal divieto ai preti di essere politicamente attivi nel 2014, al sostegno piuttosto chiaro all’indipendenza della Catalogna nel 2017.   «Molti di voi sapranno bene come votare» aveva detto in un articolo pubblicato su un giornale diocesano nel settembre 2015, prima delle elezioni parlamentari catalane. «Conoscete la candidatura che vuole riunire il sì e che facilita un riconoscimento internazionale al processo di indipendenza (Together for Yes). Conoscete l’altra candidatura a favore del sì (CUP). È anche chiaro per noi che votare per uno degli altri candidati significa non indipendenza. Chiedo inoltre a tutti i parroci di suonare le campane questa domenica alle 9 di mattina. Una cosa buona per svegliare tutti e annunciare loro che è arrivato il giorno della libertà: il giorno in cui abbiamo nelle nostre mani la decisione sul futuro della nostra gente».   Curiosamente, due anni prima aveva consigliato ai preti della sua diocesi di non prendere ad una «campagna del suono di campane» indetta in Catalogna.   Dentro la Conferenza Episcopale spagnuola il Novell era stato membro della commissione per le migrazioni dal 2011 al 2020.   Secondo la rivista tedesca Der Spiegel, monsignor Novell avrebbe condotto anche esorcismi. SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Più popolari