Connettiti con Renovato 21

Stato

I cileni respingono la proposta di Costituzione gender-abortista-climatica

Pubblicato

il

La scorsa domenica gli elettori in Cile hanno respinto una proposta di nuova Costituzione che avrebbe sancito in legge una serie di richieste di sinistra tra cui il «diritto» all’aborto.

 

La proposta di Costituzione era stata portata avanti dopo il collasso dei partiti tradizionali a seguito della grandi proteste nel Paese nel 2019.

 

Un clamoroso 62% dei cileni ha respinto la bozza della Costituzione – risultato quanto mai specifico visto che il voto di domenica era stato reso obbligatorio.

 

La nuova Costituzione avrebbe legalizzato l’aborto, imposto l’assistenza sanitaria universale gestita dal governo, promosso iniziative di genere, concesso diritti agli animali e all’ambiente,  e avrebbe fornito ad cure fornite dal governo dalla nascita alla morte incluso il diritto all’alloggio, all’istruzione, ai benefici pensionistici, a Internet, alla consulenza legale gratuita, ai servizi igienico-sanitari e altro ancora.

 

La Costituzione proposta avrebbe sostituito la carta della nazione vecchia di 41 anni, che molti media di sinistra tacciano di essere stata imposta durante il governo del generale Augusto Pinochet.

 

Un numero uguale di delegati maschi e femmine, eletti democraticamente, aveva redatto la Carta costituzionale ora respinta con veemenza dal popolo cileno.

 

La Carta avrebbe imposto la «parità di genere» in «enti statali e società pubbliche», dichiarato che «la natura ha diritti» e limitato dove potrebbe essere estratto il litio, la principale ricchezza del Paese soprattutto nell’era delle batterie onnipresenti: il Cile, assieme a pochi altri Paesi, è estremamente ricco di litio, nonché di rame, anche quello regolato dalla Costituzione ora bocciata dal referendum popolare.

 

«Il testo includeva impegni per combattere il cambiamento climatico e proteggere il diritto dei cileni di scegliere la propria identità “in tutte le sue dimensioni e manifestazioni, comprese le caratteristiche sessuali, le identità di genere e le espressioni”», ha sintetizzato il New York Times.

 

Il canale pubblico americano NPR ha ammesso che la nuova Costituzione avrebbe «trasformato il Cile in una delle società più progressiste [liberal, ndr]».

 

Manifestazioni massive della fazione che approvava la nuova Costituzioni hanno avuto, nei giorni prima del voto, ampio spazio su media e social media.

 

Delle dimostrazioni e dei festeggiamenti del popolo del «rechazo» («rifiuto») vittorioso invece non si è praticamente visto nulla.

 

Sono partite, ovviamente, già le proteste violente da parte dei goscisti battuti dal voto popolare.

 


 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Stato

L’America verso la violenza del monopartito. E l’Italia?

Pubblicato

il

Da

 

La rete si è subito scatenata. Il terrificante discorso di Philadelphia di Biden sull’«anima della nazione» è stato ribattezzato «Dark Brandon», dove Brandon è oramai codice gergale per definire Biden e il mandarlo a. (Qualcuno, in effetti, ce lo ha mandato: ad una certa, si sente un coretto…)

 

Il discorso, con il fondo rosso, è stato paragonato a quelli visti al cinema coi dittatori di Guerre Stellari o V for Vendetta. Qualcuno ha parlato di un’immagine dall’inferno: il rosso si stagliava al punto sul nero che, non è uno scherzo, la CNN lo ha in diretta virato più verso il rosa, che è più rassicurante e LGBT-friendly.

 

A noi, più concretamente, il tutto ricordava incontrovertibilmente le potenti architetture di luce di Albert Speer, l’architetto del III Reich.

 

L’elemento marziale del quadro aggiungeva un tocco ancora più disturbante: in  una deviazione dalla tradizione dei discorsi presidenziali – e questo lo era, a tutti gli effetti: non il discorso elettorale, ma una comunicazione diretta della Casa Bianca – ecco due Marines in alta uniforme ai lati del Dark Brandon.

 

Proprio così: due miliziani del corpo militare più duro posti accanto al presidente. Non si era mai visto. Il messaggio è chiarissimo.

 

Chiarissimo è stato, tuttavia, anche il discorso letto sul gobbo dal vegliardo del Delaware.

 

Come ha riassunto Sky News, «Joe Biden ha “effettivamente dichiarato guerra” a metà dell’America».

 

«I repubblicani MAGA… abbracciano la rabbia. Vivono nel caos. Vivono non alla luce della verità, ma all’ombra della menzogna» ha proclamato il presidente americano. Ombra, menzogna, rabbia… sta parlando di demoni? La scenografia ci farebbe propendere per il sì.

 

Nonostante i tentativi di Biden all’interno dello stesso discorso di separare i repubblicani tradizionali (cioè quelli corrotti e compromessi, o quelli che chiamano RINO, «repubblicani solo di nome») dai trumpiani ora chiamati «Maga republicans», sappiamo bene che la minaccia è rivolta a chiunque non ha votato per lui.

 

Perché praticamente tutti i candidati sostenuti da Trump hanno vinto le primarie di partito: quindi, dei «repubblicani tradizionali» non resta più nulla, chiedete a Liz Cheney. E  73 milioni di persone hanno votato Donald Trump nelle famigerate elezioni del 2020: più voti di quanti ne prese Obama, ma 7 milioni in meno del presidente più votato di sempre, Joe Biden, i cui voti peraltro sono arrivati nelle ore successive alle votazioni.

 

Quindi, Biden ha dichiarato guerra alla minoranza politica (se credete ai risultati elettorali oppure non volete essere bannati dai social) americana? Ha dichiarato guerra all’intera popolazione che non lo vota?

 

Sì, possiamo dire che lo sapevamo già da tempo. Perché chi non si conforma, oggi, è un problema sistemico da eliminare, piallare via per sempre. L’accusa è radicale: non la pensi come me, sei una minaccia allo Stato stesso.

 

«Donald Trump e i repubblicani MAGA rappresentano un estremismo che minaccia le fondamenta stesse della nostra repubblica», ha avuto il coraggio di dire (cioè, leggere dal teleprompter) Biden, aggiungendo che i MAGA «accendono le fiamme della violenza politica».

 

Chi legge Renovatio 21 sa che questa non è una novità. Lo abbiamo visto in questi anni, e da subito. Una delle prime cose che Biden fece una volta entrato in carica fu lo spostamento dell’attenzione delle agenzie di sicurezza verso i domestic terrorist: cioè, il problema non era più al-Qaeda o l’ISIS (che del resto pochi giorni fa a Kabul colpisce l’ambasciata russa, che coincidenza), ma gli «estremisti» interni. I bianchi suprematisti, i bianchi bigotti, i bianchi tout court o, più semplicemente, i genitori dei bambini a scuola, che rifiutano con veemenza l’indottrinamento dei loro figli a base di gender e nuovo razzismo. Ai genitori degli studenti che osano protestare, ricordiamolo, Biden ha mandato addosso l’antiterrorismo. Sul serio.

 

Non è uno scherzo: lo shift è avvenuto, e da un pezzo. Il dissenso è visto come minaccia radicale, da estirpare senza pietà. L’incredibile raid dell’FBI a Mar-a-Lago, per sequestrare documenti all’ex presidente Trump, va in questa direzione – non c’è trattativa di sorta con l’altra parte, bisogna eliminarla, cancellarla, resettarla. E basta.

 

«I repubblicani MAGA non rispettano la Costituzione, non credono nello stato di diritto… Promuovono i leader autoritari». E chi sarebbero i leader autoritari? Orban, di cui praticamente è proibito parlare in America dopo che Tucker Carlson lo ha intervistato ? Oppure è un riferimento a Trump? Oppure sta parlando direttamente di Putin, che magari, nonostante il tentativo fallito di incolparlo per inflazioni e prezzo della benzina alle stelle, sanno essere più popolare di quanto si creda negli USA?

 

Qui l’unico leader autoritario, per quanto possa sembrare pazzesco visto che si tratta di un vecchio con la demenza senile, parrebbe essere Biden.

 

O meglio, autoritario è il sistema che lo ha messo lì: chiamiamolo Deep State, chiamiamolo Swamp (la «palude»), chiamiamolo Permanent Washington, chiamiamolo «la Cattedrale» (come fa Curtis Yarvin), chiamiamolo complesso militare-industriale, o una somma di tutto questo, che si esprime nei pupari prima facie Ron Klain, Barack Obama etc., cioè coloro che hanno il vero potere oggi alla Casa Bianca. Il vero presidente è chi scrive il teleprompter, cioè il gobbo del presidente , ha detto ieri il futuro candidato presidenziale (e probabile parte del ticket repubblicano finale) governatore della Florida Ron De Santis.

 

Costoro, a dispetto del loro burattino sempre più imbarazzante, stanno costruendo un Paese autoritario davvero: un’autocrazia, nel vero senso della parola. Dissentire, in America, diverrà impossibile: il biennio del COVID, con discriminazioni alienanti e libertà della parola sancita dalla Costituzione distrutta per sempre, sta qua ad indicarcelo.

 

È cos’è una delle prime cose che accadono in un’autocrazia? Beh, qui la storia dà tanti esempi: su tutti, c’è l’imposizione del monopartito.

 

Un partito unico che decide tutto, che si fonde con lo Stato stesso – uno Stato-partito, dove la scelta elettorale per qualsiasi altro movimento, qualora venga lasciato cosmeticamente in vita, è risaputa essere una cosa inutile.

 

L’Italia fascista (proprio lei) aveva l’assetto monopartitico. Ce lo aveva l’URSS. Ce lo aveva anche la Germania nazista, dove lo Stato-partito a tal punto si identificava con la Nazione e la Repubblica che la bandiera del partito divenne bandiera del Paese. In ognuno di questi esempi, il dissenso sappiamo come veniva trattato. E sappiamo con che velocità sono stati eliminati tutti gli altri gruppi politici , compresi quelli che pure magari avevano propositi simili.

 

Il lettore avrà capito che c’è un esempio recente ancora più impressionante di Stato partitico. No, non parliamo dell’Emilia-Romagna piddificata, di cui abbiamo già detto in passato.

 

Ci riferiamo, ovviamente, al capolavoro dello Stato-partitico che è la Repubblica Popolare Cinese. Il Partito Comunista Cinese decide qualsiasi cosa – dall’economia agli affari militari, fino al numero di figli che puoi avere (quelli in più li ammazziamo, o ti multiamo, o tutt’e due) – e si identifica di fatto non solo con la politica cinese tutta, ma con lo stesso Regno di Mezzo.

 

Abbiamo sentito Mario Monti, di recente, lodare la leadership pechinese, parlare di quanto bene sono formati, selezionati, istruiti i quadri. Ancora una dimostrazione di come quello che 11 anni fa ci avevano venduto come un «professore» pieno di «competenza» forse non è esattamente come ce lo dipingevano: caro Monti, l’unica cosa che conta, per la classe dirigente in Cina, e per il potere in generale, è la distanza che si ha da una manciata di famiglie facenti parti dell’aristocrazia del PCC, dove il nonno magari ha fatto la Lunga Marcia con Mao, cose così.

 

Xi Jinping è figlio di Xi Zhongxun, già vicepremier con Deng, uomo che istituì le zone ecnomiche speciali. Il suo è l’esempio più alto, assieme a quello di Bo Xilai, il sindaco di Chongqing ora in galera dopo un trama di spionaggio con contorno di morto britannico. Sono in politica il figlio e la figlia di Deng, il figlio di Zhou Enlai, il nipote di Mao, che è generale dell’Esercito di Liberazione Popolare.  Il loro gruppo è chiamato Taizidang, «principi ereditari di partito». Una lista dei principini principali conta qualcosa come 226 voci.

 

Sì, la Cina è un’aristocrazia monopartitica.

 

I rampolli dei principini non di rado finiscono invischiati in storiacce, Ferrari accartocciate in incidenti, droga, morti, etc. Nessuno però li tocca, nessuno in realtà ne parla. Perché, nello Stato aristo-monopartitico, non c’è altro potere se non quello delle loro famiglie, cioè quello del Partito, che non è – come non lo è ovunque nel mondo – un insieme di persone accomunate da ideali, ma un consorzio di interessi di clan.

 

Quando pensate ad Hunter Biden, alle cose incredibili contenute nel suo laptop – e non parliamo solo di selfie drogastici e di autopornografia estrema, ma di prove del coinvolgimento della famiglia Biden in affari loschi e potenzialmente molto illegali – dovete tenere a mente quanto abbiamo scritto sopra. Del resto Hunter, cioè la famiglia Biden, faceva affari con la Cina, qualcuno dice perfino con operativi direttamente legati al clan Xi.

 

Gli USA si stanno sinizzando? La Casa Bianca sta diventando sempre più una Città Proibita? Le 50 stelle della bandiera americana possono diventare 5 come in quella della RPC?

 

Sì, il monopartito alla cinese – autocratico, aristocratico, totalista – è stato oramai dichiarato definitivamente.

 

E non c’è scampo alla conseguenza più logica ed immediata che avrà il monopartito: la violenza.

 

Perché lo Stato-partito non può accettare alcun potere oltre al suo, pena il crollo della sua raison d’etre principale presso il popolo: ascoltami, votami, obbediscimi perché ci sono solo io.

 

È del tutto possibile, a questo punto, che la Seconda Guerra Civile americana non sarà iniziata dai buzzurri delle militias degli Stati dell’America interna, dove ancora oggi è un tripudio di cappelli rossi MAGA.

 

A iniziare la Guerra Civile sarà con probabilità l’establishment. Certo, magari useranno un false-flag, o chissà quale altre provocazione. Ma la funzione dell’operazione a questo punto deve essere chiarissima: è un’epurazione, un genocidio, un «democidio», dice qualcuno.

 

Perché alla fine non due partiti in lotta, a quanto dice Biden: c’è, da una parte l’establishment di Washington (i politici, i produttori di armi, l’esercito, la CIA, l’FBI, gli interessi del grande capitale finanziario), che si esprime di facciata con un Partito che dice «noi siamo la democrazia, noi siamo gli USA»; dall’altre, settanta e passa milioni di persone di cui non viene più considerata la rappresentanza parlamentare e politica – contro di essa, anzi, vengono fatti raid in casa.

 

Sappiamo anche che il 6 gennaio è stato di fatto un test che il sistema ha organizzato per fare una valutazione riguardo alla Guerra Civile: siamo convinti della teoria di quanti sostengono che il vero obbiettivo della insurrezione di cartapesta del 2021 (per la quale sono ancora in galera, in isolamento, diverse persone…) non fosse né Trump né il suo popolo, ma l’esercito. Una Patriot Purge, la «purga dei patrioti».

 

Il 6 gennaio sarebbe servito come cartina tornasole per capire dove si sarebbero posizionate le forze armate USA in caso di rivolta. Sarebbero state con Trump (ricordate, quelle strane toppe con la Q che comparivano sulle divise dei soldati…) o avrebbero obbedito a generali come Milley (che in quelle ore telefonava a generali cinesi dicendo che nel caso Trump avesse dato l’ordine di attaccare la Cina lui non l’avrebbe fatto: in pratica, un golpe) già compromessi con la mafia democratica della Washington permanente?

 

Il risultato del test lo conosciamo: i militari non si sono uniti alla popolazione. Eliminato per via giudiziaria Flynn (a cui hanno pure cancellato il conto in banca) non sembra che nessun’altra personalità militare americana fosse in grado di guidare i ragazzi in un ammutinamento. E il 7 gennaio, si racconta, nelle basi d’America tutte le automobili dei soldati avevano adesivi mancanti: avevano fatto sparire il teschio, l’aquila dalla testa bianca, lo slogan trumpista, in alcuni casi addirittura la bandiera americana.

 

Ora che lo Stato profondo può contare saldamente sulla base militare, è chiaro che piani di distruzione dell’eventuale opposizione popolare sono stati fatti. Ricordiamolo: l’opposizione popolare americana è, grazie al Secondo Emendamento della Costituzione, assai armata. Tuttavia, essa non può competere al livello di distruttività tecnologica che possiede l’esercito USA.

 

Non sappiamo nulla di piani del genere, ma possiamo immaginare: dopo tanta pratica in Afghanistan negli anni di Obama a far saltare centinaia di persone ai matrimoni fra le montagne, il programma dei droni (diretto dalla CIA) potrebbe essere impiegato anche sul territorio nazionale.

 

In pratica, in una eventuale conflitto interno USA, i dissidenti armati potrebbero fare come i partigiani di Alba Rossa, e salire sulle montagne rocciose, nascondersi nelle foreste di sequoie, sparire nei deserti, inabissarsi in qualche paesino sperduto: sarebbero, tuttavia, scovati e disintegrati all’istante grazie ad un robot assassino volante. Aspettando, come ricordiamo spesso su Renovatio 21, non solo il robot-killer aereo, ma anche il robocane assassino, o quello che sarà.

 

La Seconda Guerra Civile americana è stata predetta da tantissimi in questi mesi. Noi aggiungiamo qualcosa di scioccante: essa potrebbe essere l’unica via di fuga alla situazione di stallo in cui è finito il pianeta. Con gli USA che rivolgono la loro attenzione all’interno invece che all’esterno, le questioni in Ucraina, in Medio Oriente e a Formosa si risolvono in velocità.

 

(Era già successo con l’altra guerra civile, 150 e passi anni fa: Washington muoveva qualche pedina in Mediterraneo per favorire, ovviamente, Garibaldi: la guerra lasciò libero il campo del nostro Risorgimento ai soli inglesi e ai loro minions massonici come Mazzini & Co.)

 

Tuttavia, la Seconda Guerra Civile non può essere vinta dal popolo americano, se non ad un prezzo di sangue infinito, e con alla base una determinazione in grado di farla durare anni e anni. Perché la Bestia di Washington non si farà abbattere con facilità, e non a scrupoli a spargere il sangue del suo popolo, anzi ricordiamo quanti dicono che essa è fondata su un demone che chiede proprio quello, sempre e comunque, nei secoli.

 

E noi? Beh, lo sappiamo, neanche l’Italia è così lontana dal monopartito e dai processi derivati, come non lo sono la Francia, la Germania. Le nostre elezioni, dove in pratica non esiste un partito che sarà rappresentato che si discosta da green pass e attacco alla Russia, stanno ad indicarcelo precisamente. Ma, ripetiamo, è così ovunque. Lo abbiamo visto.

 

Si tratta di una riga di codice che hanno inserito nel sistema operativo di tutto il mondo moderno: sacrifica la minoranza, distruggi il diverso, cancella l’altro da te, resetta il quadro precedente. Odia chi dissente.

 

Tutti devono obbedire – lo dice la Scienza, lo dice la Democrazia, lo dice il Cambiamento Climatico, lo dice l’Ucraina.

 

Sottomettiti. Ti daremo qualche cosa da mangiare, la libertà di drogarti ed essere sodomizzato (i «diritti» del vaiolo delle scimmie), più qualche soldino suo tuo portafogli di euro digitali – sempre che non siano le ore, più o meno concordate, del blackout.

 

La polarizzazione della società è oramai irreversibile. E no, non l’abbiamo voluta noi. Non l’hanno voluta neanche loro, i vicini con la mascherina e la bandiera ucraina fuori dalla finestra.

 

È un disegno. È stato pensato per distruggerci. È stato pensato per schiavizzarci, terminarci, e più ancora per sterilizzarci.

 

Noi la chiamiamo Necrocultura, la Cultura della Morte. Ora, grazie al discorso di Biden possiamo aggiungere una nuova immagine esplicativa al suo album fotografico.

 

Ringraziamo Necro-Brandon, i suoi sceneggiatori, i suoi scenografi.

 

Quindi, infine, ci uniamo anche noi al coro: «Let’s go Brandon»

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine da Twitter, modificata

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Lavrov denuncia la strategia occidentale degli «incidenti inscenati»

Pubblicato

il

Da

In un lungo articolo pubblicato sulla testata russa Izvestia il 18 luglio, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha esaminato come l’apparato NATO USA-Regno Unito abbia cercato di governare il mondo con la falsità dalla fine della Guerra Fredda.

 

Il primo caso storico citato nel suo articolo «Incidenti inscenati come approccio occidentale al fare politica» è il ritrovamento nel 1999 di «diverse dozzine di cadaveri vestiti con abiti civili» in un villaggio nell’allora provincia autonoma serba del Kosovo e Metohija. Una missione dell’OSCE arrivò, guidata da un americano, e ha dichiarato le uccisioni «un atto di genocidio».

 

La NATO ha immediatamente bombardato la Jugoslavia, «distruggendo intenzionalmente un centro televisivo, ponti, treni passeggeri e altri obiettivi civili. Successivamente, è stato dimostrato con prove conclusive che i cadaveri non erano civili, ma militanti dell’Esercito di liberazione del Kosovo, un gruppo armato illegale, vestiti con abiti civili. Ma a quel punto l’incidente inscenato ha già avuto il suo tributo».

 

La NATO – anche grazie alle pressioni dell’allora senatore Joe Biden – ha bombardato la Serbia e le sue infrastrutture civili e «la separazione del Kosovo dalla Serbia con la forza e la creazione di Camp Bondsteel, la più grande base militare statunitense nei Balcani, sono stati i principali risultati dell’aggressione».

 

Tra gli altri casi: l’acrobazia della «polvere bianca» di Colin Powell nel febbraio 2003 alle Nazioni Unite ha portato al bombardamento dell’Iraq, che sta ancora lottando per recuperare la sua statualità.

 

La guerra del 2011 alla Libia non è stata iniziata da tali menzogne ​​dirette, ma da un’altra forma di frode, la grossolana distorsione della risoluzione dell’UNSC; oggi «non resta nulla della statualità della Libia».

 

Allo stesso modo, la mossa tedesca, francese e polacca del febbraio 2014 per costringere il presidente ucraino Viktor Yanukovich «a firmare un accordo con l’opposizione per porre fine allo scontro e promuovere una risoluzione pacifica della crisi intra-ucraina istituendo un governo di unità nazionale di transizione e chiedendo un elezioni anticipate, che si terranno entro pochi mesi. Anche questa si è rivelata una frode: la mattina dopo l’opposizione ha inscenato» il golpe di Maidan sostenuto dall’Occidente.

 

Quindi, anche il pacchetto di Minsk era «l’ennesimo falso», come si è vantato Petro Poroshenko il 17 giugno 2022: «gli accordi di Minsk non significavano nulla per noi e non avevamo intenzione di metterli in atto (…) il nostro obiettivo era per rimuovere la minaccia che abbiamo affrontato (…) e guadagnare tempo per ripristinare la crescita economica e ricostruire le forze armate. Abbiamo raggiunto questo obiettivo. Missione compiuta per gli accordi di Minsk», ha affermato Lavrov.

 

E così via, fino all’uso dell’Ucraina come «materiale di consumo nella guerra per procura occidentale contro la Russia».

 

Gli eventi di oggi, visti attraverso un prisma storico, mostrano «l’intera crisi ucraina … come una “grande partita di scacchi” che segue uno scenario promosso da Zbigniew Brzezinski», ha scritto Lavrov.

 

Come riportato da Renovatio 21, il ministro degli esteri russo si era già scagliato apertamente contro la cosiddetta dottrina Brzezinski.

 

«Gli incidenti inscenati basati sul sangue e sull’agonia non sono affatto divertenti, ma una dimostrazione di una politica cinica nel creare una nuova realtà in cui tutti i principi della Carta delle Nazioni Unite e tutte le norme del diritto internazionale sono tentate di essere sostituiti con il loro “ordine basato sulle regole£ nell’aspirazione a perpetuare il loro dominio in diminuzione negli affari globali».

 

Lavrov afferma con sicurezza, tuttavia, che «l’Occidente collettivo» farebbe meglio a tornare sulla Terra, perché, come ha già ripetuto in questi mesi,  si sta aprendo un mondo unipolare dove il dominio degli USA è finito.

 

«Gli incidenti inscenati, non importa per quanto tempo dureranno, non funzioneranno. È tempo di un fair play basato sul diritto internazionale piuttosto che sull’imbroglio».

 

Si tratta di quello che il presidente russo Vladimir Putin definì, nel suo lungo, storico, acceso discorso alla vigilia dell’Operazione speciale Z, come «l’impero della menzogna».

 

«Possiamo affermare con sicurezza che l’intero cosiddetto blocco occidentale, formato dagli Stati Uniti a propria immagine e somiglianza, è tutto un vero “impero della menzogna“».

 

Al quale la Russia ha infine detto basta.

 

 

 

Continua a leggere

Stato

Putin: la sovranità dello sviluppo sta battendo il sistema occidentale «neocoloniale e razzista» del «miliardo d’oro»

Pubblicato

il

Da

Lo scorso 20 luglio il presidente russo Vladimir Putin è intervenuto a un forum chiamato «Idee forti per un nuovo tempo», organizzato dall’Agenzia per le iniziative strategiche (ASI), che si definisce come una piattaforma per i russi per presentare idee per progetti civili e iniziative necessarie in il Paese, proposte su come migliorare la vita nelle loro regioni a livello nazionale. Lo riporta EIRN.

 

Quest’anno, circa 90.000 proposte sono state presentate da 300.000 russi provenienti da 85 entità.

 

«Questo meccanismo è pienamente in sintonia con i compiti del nostro sviluppo interno e il momento in cui le trasformazioni veramente rivoluzionarie stanno prendendo slancio e si rafforzano», ha detto Putin a proposito degli sforzi dell’ASI.

 

«Sono in corso processi nazionali e globali per sviluppare i fondamenti e i principi di un ordine mondiale armonioso, più equo, più incentrato sulla comunità e più sicuro come alternativa all’ordine mondiale esistente o all’ordine mondiale unipolare in cui vivevamo».

 

«La sovranità riguarda la libertà di sviluppo nazionale e, quindi, lo sviluppo di ogni individuo. Riguarda la solvibilità tecnologica, culturale, intellettuale ed educativa di uno Stato, ecco cos’è. Senza dubbio, la società civile responsabile, attiva e orientata alla nazione e alla nazione è la componente più importante della sovranità».

 

«Sono convinto che per essere forti, indipendenti e competitivi, dobbiamo migliorare i meccanismi che consentono alle persone di partecipare alla vita del Paese e renderle più aperte ed eque. Ciò include meccanismi per la democrazia diretta e il coinvolgimento delle persone nell’affrontare i problemi critici che la società e il pubblico devono affrontare».

 

Putin quindi ha accusato il «modello di dominio totale del cosiddetto miliardo d’oro… Perché questo miliardo d’oro, che è solo una parte della popolazione mondiale, dovrebbe dominare tutti gli altri e far rispettare le sue regole di condotta basate sull’illusione di eccezionalità? Divide il mondo in persone di prima e seconda classe ed è quindi essenzialmente razzista e neocoloniale».

 

«L’ideologia globalista e pseudo-liberale sottostante sta diventando sempre più simile al totalitarismo e sta frenando lo sforzo creativo e la libera creazione storica».

 

Il presidente russo ha quindi fatto l’esempiodel saccheggio dell’India da parte dell’Impero britannico come un esempio di come «il miliardo d’oro ha raggiunto il suo oro», arrivando «dove ora si trova derubando altri popoli in Asia e in Africa. Così è stato».

 

«L’India è stata derubata per un lungo periodo di tempo. Questo è il motivo per cui l’élite del miliardo d’oro è terrorizzata dal fatto che altri centri di sviluppo globali possano potenzialmente inventare le proprie alternative di sviluppo».

 

Sono parole di lucidità assoluta. Solo gli Stati genuinamente sovrani sono in grado di garantire un’elevata dinamica di crescita e diventare un modello per gli altri in termini di standard di vita e qualità della vita, protezione dei valori tradizionali e alti ideali umanistici e modelli di sviluppo in cui l’essere umano è non un mezzo, ma il fine ultimo.

 

È con discorsi come questo che la Russia si rivela dispensatrice, oltre che di risorse, di una vera filosofia politica alternativa a quella della decadenza mondialista e, a questo punto, necessaria per uscire dall’impasse mortale in cui è caduto il mondo moderno.

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari