Il disastroso disegno di legge sulle «infrastrutture» di Biden

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

L’amministrazione Biden ha proposto quella che chiama una legislazione sulle «infrastrutture» da 2,3 trilioni di dollari che chiama «American Jobs Plan». Lungi dall’affrontare l’enorme deficit di autostrade, ponti, ferrovie, rete elettrica, approvvigionamento idrico e infrastrutture così economicamente vitali che affronterebbero problemi critici nel funzionamento dell’economia, i pianificatori di Biden hanno cinicamente preso una parola politicamente popolare, «infrastruttura»,  e ha investito centinaia di miliardi di dollari in iniziative economicamente dispendiose e distruttive che hanno più a che fare con l’agenda verde che con la ricostruzione di un’economia sana. Se approvato, avrà conseguenze negative per l’economia un tempo leader mondiale con gravi implicazioni geopolitiche. 

 

 

A marzo Biden ha firmato un altro enorme disegno di legge extra budget, il «Piano di salvataggio americano» da $ 1,9 trilioni. Quello avrebbe dovuto mirare a far fronte all’impatto di COVID. Il disegno di legge riguardava infatti quasi tutto tranne il COVID. L’atto è una raccolta di progetti di animali domestici partigiani. Tra le altre cose, la legge prevedeva 12 miliardi di dollari per aiuti esteri; 15 miliardi di dollari per l’assistenza sanitaria agli immigrati clandestini; 112 miliardi di dollari per le prestazioni sociali e 350 miliardi di generosi  dollari per gli Stati a guida democratica. Meno del 10% è stato indirizzato alle misure di soccorso COVID-19.

 

In politica il modo in cui inquadri o impacchetta un disegno di legge è più importante del vero contenuto. I critici affermano che queste enormi bollette di spesa mirano a comprare una futura base elettorale democratica con le elemosine del governo.

In politica il modo in cui inquadri o impacchetta un disegno di legge è più importante del vero contenuto. I critici affermano che queste enormi bollette di spesa mirano a comprare una futura base elettorale democratica con le elemosine del governo

 

 

«Tutto è infrastruttura»

Nessuna sorpresa quindi che ora il team di Biden abbia presentato un’altra proposta di legge multimiliardaria al Congresso.

 

L’American Jobs Plan da 2,3 trilioni di dollari è un disegno di legge in cui meno della metà delle misure ha a che fare con investimenti in infrastrutture convenzionali in strade, ferrovie, reti elettriche, forniture idriche, porti o aeroporti, tutte aree essenziali per il funzionamento efficiente dell’economia . Un totale di 750 miliardi di dollari, ovvero solo il 32% del totale, va effettivamente per infrastrutture come la riparazione di autostrade o ponti.

 

Il disegno di legge Biden definisce praticamente tutto come «infrastruttura». Il suo American Jobs Plan prevede, tra le altre voci, la spesa per ciò che definisce «infrastruttura di assistenza». Lo definiscono come 25 miliardi di dollari per aggiornare le strutture per l’infanzia e 400 miliardi di dollari di spesa per l’assistenza agli anziani e ai disabili

Eppure anche quel totale include solo 115 miliardi di dollari di infrastrutture reali per autostrade, ponti e strade di superficie. Ma la sezione delle infrastrutture di trasporto da 750 dollari propone 174 miliardi di dollari per ulteriori sussidi governativi per i veicoli elettrici della Green Agenda in quello che potrebbe essere definito un sussidio per «rendere Elon Musk più ricco». La scheda informativa della Casa Bianca afferma che ciò contribuirà a rendere gli Stati Uniti più competitivi con le auto elettriche cinesi. Ma l’auto elettrica più venduta in Cina oggi è la Tesla di Musk. Quei 174 miliardi di dollari sono molto più del totale di 115 miliardi di dollari stanziati per la spesa infrastrutturale. di autostrade, ponti e trasporti reali. Eppure la Casa Bianca promuove il disegno di legge riferendosi alla necessità di affrontare le autostrade e i ponti in rovina dell’America come se questo fosse ciò su cui si concentra il disegno di legge.

 

Il disegno di legge Biden definisce praticamente tutto come «infrastruttura». Il suo American Jobs Plan prevede, tra le altre voci, la spesa per ciò che definisce «infrastruttura di assistenza». Lo definiscono come 25 miliardi di dollari per aggiornare le strutture per l’infanzia e 400 miliardi di dollari di spesa per l’assistenza agli anziani e ai disabili, spesa che potrebbe essere giustificabile, ma non come «infrastruttura».

 

Sepolta nel testo del disegno di legge 100 miliardi di dollari per la modernizzazione della rete elettrica e altri 27 miliardi di dollari per qualcosa chiamato “acceleratore di energia pulita e sostenibilità”, c’è una proposta che estenderebbe generosi crediti d’imposta per promuovere alternative all’energia solare ed eolica per raggiungere ” elettricità zero carbon” entro il 2035, un’idea rovinosa. È stato stimato che per rendere l’elettricità statunitense al 100% priva di emissioni di carbonio, sarebbe necessario uno sbalorditivo 25%-50% di tutta la terra negli Stati Uniti. L’odierna rete di carbone, gas e nucleare richiede lo 0,5 percento della terra negli Stati Uniti. Chiaramente il piano di lavoro Green di Biden nasconde un’agenda molto più sinistra.

 

Ciò che l’amministrazione nasconde anche è il fatto che sarebbe un enorme vantaggio per la Cina, che ha un quasi monopolio globale sulla produzione di pannelli solari, e la Danimarca o la Germania che oggi producono la maggior parte delle turbine eoliche. Questi non creano posti di lavoro americani come una volta ha affermato lo zar del clima di Biden John Kerry. Ironia della sorte, l’amministrazione Biden vede come modello la Germania, il luogo in cui il programma di energia verde della Merkel ha creato i costi elettrici più alti di tutta Europa.

 

L’amministrazione Biden vede come modello la Germania, il luogo in cui il programma di energia verde della Merkel ha creato i costi elettrici più alti di tutta Europa

Quindi il disegno di legge Biden propone $ 10 miliardi per creare qualcosa chiamato «Civilian Climate Corps» («Corpo Civile per il Clima»), qualcosa che suona deliberatamente come il Civilian Conservation Corps dell’era della Depressione di Roosevelt, ma con l’aggiornamento «woke» del Green New Deal politicamente corretto.

 

La Casa Bianca afferma che «metterà una nuova e diversificata generazione di americani al lavoro per conservare le nostre terre e acque pubbliche, rafforzando la resilienza della comunità (?) e promuovendo la giustizia ambientale (qualunque cosa significhi, noi) attraverso un nuovo Civilian Climate Corps». Senza dubbio in Biden-Harris America questo ha a che fare con la razza e il genere, ma non con le infrastrutture.

 

Altri 20 miliardi di dollari dovrebbero andare «per promuovere l’equità razziale e la giustizia ambientale». Apparentemente ciò significa distruggere l’infrastruttura autostradale esistente nelle città in cui si afferma che dividono i quartieri in base alla razza.

 

Inoltre, ben 213 miliardi di dollari andranno a costruire o ristrutturare 2 milioni di case ed edifici. Quindi aggiunge altri 40 miliardi di dollari per l’edilizia popolare, sostenendo che ciò «beneficerà in modo sproporzionato le donne, le persone di colore e le persone con disabilità». Per chiunque abbia familiarità con i ghetti di edilizia residenziale pubblica all’interno delle città americane, questo non è certo positivo per le persone che dovrebbero vivere in quei luoghi.

Altri 20 miliardi di dollari dovrebbero andare «per promuovere l’equità razziale e la giustizia ambientale». Apparentemente ciò significa distruggere l’infrastruttura autostradale esistente nelle città in cui si afferma che dividono i quartieri in base alla razza

 

In una delle proposte di «infrastruttura» più curiose, Biden vorrebbe spendere 100 miliardi di dollari per nuove scuole pubbliche e per rendere «più ecologici» i pranzi scolastici. Questo arriva subito dopo che il disegno di legge COVID di marzo senza precedenti ha dato 128 miliardi di dollari per le scuole pubbliche. Il sistema americano dà il controllo sull’istruzione ai governi municipali locali e non al governo federale, portando alcuni a suggerire che l’agenda dell’equipaggio di Biden stia imponendo un’acquisizione furtiva del governo federale sull’istruzione pubblica. Ciò che le persone di Biden intendono per «pranzi verdi» include «ridurre o eliminare l’uso di piatti di carta e altri materiali usa e getta». Presumibilmente questo include l’eliminazione di coltelli e forchette di plastica, lasciando magari che i bambini mangino con le dita?

 

E, per una buona misura di «infrastruttura», più miliardi andranno a «eliminare le disuguaglianze razziali e di genere» nella ricerca e nello sviluppo di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM). Non è chiaro come questo aiuti le fatiscenti infrastrutture di base dell’America.

 

Tutto questo pacchetto da 2,3 miliardi di dollari di progetti principalmente dell’Agenda verde sarà finanziato dai maggiori aumenti fiscali dagli anni ’90 e da un più ampio deficit federale.

Biden vorrebbe spendere 100 miliardi di dollari per nuove scuole pubbliche e per rendere «più ecologici» i pranzi scolastici

 

 

Il vero deficit infrastrutturale

L’intero Green New Deal e l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sono una copertura fraudolenta per deindustrializzare deliberatamente non solo gli Stati Uniti, ma anche l’Europa e l’intero mondo industrializzato.

 

Nessuna economia nella storia al di fuori dei danni della guerra o della depressione è passata deliberatamente da un’infrastruttura più efficiente dal punto di vista energetico a una più bassa. In particolare, la Cina, pur promettendo un accordo, afferma anche che si conformerà a Net Zero Carbon, ma solo dieci anni dopo gli Stati Uniti e l’UE, entro il 2060. In questo momento stanno aggiungendo nuove centrali a carbone a un ritmo rapido.

 

Il vero deficit infrastrutturale dell’economia statunitense si trova in centinaia di migliaia di chilometri di autostrade nazionali interstatali. Inoltre, una rete elettrica in deterioramento è resa più vulnerabile dall’acquisto forzato di energia solare o eolica inaffidabile ad alto costo.

 

E, per una buona misura di «infrastruttura», più miliardi andranno a «eliminare le disuguaglianze razziali e di genere» nella ricerca e nello sviluppo di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM). Non è chiaro come questo aiuti le fatiscenti infrastrutture di base dell’America.

A marzo l’American Society of Civil Engineers ha pubblicato la sua analisi delle infrastrutture statunitensi, prima della proposta di Biden da 2,3 miliardi di dollari. Il rapporto valuta lo stato di ponti, strade, trasporti pubblici, porti, aeroporti, vie navigabili interne, approvvigionamenti idrici. Lo fa ogni quattro anni. Stimano che sia necessario un totale di almeno 6 trilioni di dollari per riparare o riparare le deteriorate infrastrutture americane.

 

Questa è l’infrastruttura di base, non l’agenda verde. Il rapporto rileva che le infrastrutture che portano acqua pulita alle principali città, così come migliaia di chilometri di condotte per le acque reflue, sistemi fognari costruiti decenni fa, hanno un disperato bisogno di essere rinnovate. Il rapporto aggiunge che il sistema di infrastrutture per l’acqua potabile, circa 2,2 milioni di miglia di tubi sotterranei, sta invecchiando e ha un disperato bisogno di essere rinnovato. I servizi idrici locali stanno sostituendo dall’1% al 5% all’anno, per mancanza di fondi.

 

 

Il rapporto ASCE rileva che dei 617.000 ponti negli Stati Uniti, «il 42% ha almeno 50 anni e il 46.154, ovvero il 7,5% dei ponti della Nazione, sono considerati strutturalmente carenti, nel senso che sono in condizioni “povere”». Da solo, l’arretrato della riparazione urgente del ponte richiederebbe 125 miliardi di dollari. E stimano che oltre il 40% delle strade e delle autostrade della nazione siano in condizioni mediocri o scadenti.

L’intero Green New Deal e l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sono una copertura fraudolenta per deindustrializzare deliberatamente non solo gli Stati Uniti, ma anche l’Europa e l’intero mondo industrializzato.

 

Questa è solo un’indicazione parziale dell’enorme deficit di infrastrutture economiche reali necessarie per mantenere e migliorare le prestazioni economiche dell’economia statunitense.

 

Il fatto che l’agenda verde dell’amministrazione Biden pro-riscaldamento globale stia abusando degli appelli popolari per il mantenimento di questa infrastruttura di base necessaria a favore di inefficienti e distruttivi schemi verdi e di altro tipo significherà che le basi economiche degli Stati Uniti si indeboliranno a un ritmo accelerato.

 

Alcuni circoli influenti come BlackRock a quanto pare vogliono questo. I due consulenti economici senior di Biden provengono da BlackRock. Brian Deese, responsabile degli investimenti verdi o sostenibili (ESG) di BlackRock, è direttore del National Economic Council, e Adewale «Wally» Adeyemo, ex capo dello staff del CEO di BlackRock Larry Fink, è vice segretario al Tesoro sotto l’ex capo della Fed Janet Yellen.

 

BlackRock, la più grande società di investimento al mondo con oltre 9 trilioni di dollari in gestione, è uno dei principali attori nell’agenda del Grande Reset del Forum economico mondiale di Davos e, chiaramente, nell’agenda delle «infrastrutture» di Biden.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl