Connettiti con Renovato 21

IVF

Errore nella fecondazione in vitro: donna israeliana con il feto «sbagliato».

Pubblicato

il

Una donna israeliana incinta dopo un trattamento per la fertilità (cioè, un processo di riproduzione artificiale), sta portando in grembo un feto a cui né lei né il suo partner sono geneticamente imparentati.

 

«Il trattamento è stato sospeso alla clinica per la fertilità» scrive BioNews. Non è chiaro se il feto sia stato quindi abortito, come già avvenuto in altri casi simili avvenuti in altre parti del mondo.

 

«L’incidente è in corso di accertamento. I medici senior di Assuta stanno seguendo il caso. Il ministero della Salute è stato immediatamente informato dell’incidente», ha affermato l’Assuta Medical Center in una dichiarazione, riportato dal quotidiano Times of Israel.

 

Il 14 settembre 2022 l’Assuta Medical Center di Rishon LeZion, in Israele, ha informato il ministero della Salute israeliano di aver effettuato un test genetico sulla donna nel suo terzo trimestre di gravidanza, che ha subito un trasferimento di embrioni dopo la fecondazione in vitro , e ha scoperto che il suo feto era non geneticamente imparentato con lei.

 

«Il Centro ha avviato un’indagine per determinare chi sono i genitori genetici del feto e ha smesso di accettare pazienti con fecondazione in vitro, anche se le notizie hanno suggerito che il Ministero ha ordinato la sospensione del trattamento presso la clinica in attesa delle proprie indagini» scrive BioNews.

 

Prima il Centro ha affermato di aver ristretto i potenziali genitori genetici del feto a 40 pazienti, poi dieci, quindi ha annunciato di aver contattato le donne che riteneva fossero la madre genetica più probabile dell’embrione il 17 settembre 2022. Non è chiaro se l’embrione che doveva essere trasferito è stato localizzato.

 

Sebbene si siano verificati precedenti scambi di embrioni, questo è il primo caso del genere registrato in Israele, dove la scoperta è stata fatta prima della nascita.

 

Un caso recente in Massachusetts, ha visto una donna scegliere di interrompere la gravidanza a sei mesi, giorni prima che sarebbe diventato illegale farlo, dopo aver scoperto che l’embrione trasferito durante la fecondazione in vitro non era suo. La coppia ha deciso di interrompere la gravidanza temendo una battaglia per l’affidamento una volta nato il bambino

 

La scoperta era stata fatta a seguito di un test NIPT (detto anche screening del DNA fetale non invasivo)per anomalie cromosomiche, un tipo di controllo ora purtroppo popolare anche in Italia. I test NIPT sono chiaramente una consistente causa di aborti per motivi espressamente eugenetici, come l’uccisione dei bambini down in grembo materno.

 

Secondo il britannico Times , che raccoglieva dati di 26 organizzazioni ospedaliere del Regno Unito tra il 2013 e il 2017, il numero dei bimbi  Down è diminuito del 30% dall’introduzione dei NIPT.

 

Come riportato da Renovatio 21, il NIPT è arrivato grazie alla giunda del governatore PD Bonaccini (forse futuro leader di partito), con la regione Emilia-Romagna a dichiarare nel 2019 di essere «la prima Regione in Italia ad introdurlo gratuitamente».

 

I casi di «errore» di impianto di embrione sono frequenti. A monte, sono frequenti anche le produzioni di embrioni «sbagliati» perché viene usato lo sperma o l’ovulo sbagliato, estraneo alla coppia o non corrispondente a quello scelto da catalogo (sì: dal catalogo…)

 

Un caso grottesco di «malsanità», se così la possiamo definire, è avvenuto in Olanda dove si scoprì che gli spermatozoi per la fecondazione erano completamente confusi dal fatto che usavano la stessa siringa per le provette di sperma di miriadi di individui.

 

Il caso ci invita a realizzare una volta di più la completa stupidità di una distinzione tra fecondazione omologa (cioè interna alla coppia) o eterologa (cioè con «donatore» di gameti esterno). Si tratta di un distinguo ebete buono per il mondo catto-pro-vita ebete, schiavo del catastrofico episcopato italiano e della gerarchia vaticana oramai giunta al disarmo bioetico più imbarazzante.

 

La riproduzione artificiale va condannata: sempre.

 

La riproduzione artificiale è cosa che avvicina l’umanità all’apocalisse, dove l’Anticristo sarà adorato da coloro «il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello immolato» (Apocalisse 13, 8)

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

IVF

Le cliniche indiane per fecondazione in vitro e maternità surrogata si affrettano a registrarsi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

L’India sta tentando di regolamentare il suo caotico settore della fecondazione in vitro.

 

a pietra miliare Assisted Reproductive Technology (Regulation) Act, 2021 ha stabilito che i servizi riproduttivi come la fecondazione in vitro, la maternità surrogata, le banche dei gameti e l’inseminazione artificiale devono essere forniti da cliniche approvate.

 

Lo stato del Tamil Nadu ha avviato il compito di registrare le cliniche. Attualmente ci sono 200 cliniche autorizzate per una popolazione di 75 milioni.

 

Tuttavia, finora 600 cliniche di fecondazione in vitro e agenzie di maternità surrogata hanno richiesto l’approvazione ufficiale, il che dà un’idea di quanto sia diffuso il settore.

 

«La registrazione di queste strutture è importante in modo che ci sia la standardizzazione del trattamento», ha detto a The Hindu un funzionario del governo.

 

«Verificheremo se la struttura dispone di infrastrutture e manodopera adeguate. Possiamo avere il controllo sui centri e intervenire se violano una qualsiasi delle disposizioni degli Atti».

 

Questo potrebbe anche aprire la strada a opzioni terapeutiche più economiche.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Crioconservazione

Nuovo record mondiale per l’embrione congelato più a lungo: 30 anni

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Lydia e Timothy Ridgeway sono nati nell’aprile 1992 e sono nati nell’ottobre 2022 a Portland, Oregon. Detengono il record di embrioni congelati più lunghi del mondo.

 

Quando sono stati creati in una clinica di fecondazione in vitro per una coppia di sposi anonimi, il loro padre «adottivo», Philip Ridgeway, aveva solo 5 anni.

 

Cinque degli embrioni di quella coppia erano «in eccedenza┌ e sono stati tenuti congelati. Nel 2007 li hanno donati a un gruppo cristiano che sponsorizza «l’adozione di embrioni», il National Embryo Donation Center di Knoxville, Tennessee.

 

I Ridgeways avevano già 4 figli ma erano aperti a più. «Non abbiamo mai avuto in mente un determinato numero di bambini che vorremmo avere», ha detto Philip. «Abbiamo sempre pensato che ne avremo tanti quanti Dio vuole darci, e… quando abbiamo sentito parlare dell’adozione di embrioni, abbiamo pensato che fosse qualcosa che ci sarebbe piaciuto fare».

 

«Non stavamo cercando di ottenere gli embrioni che sono stati congelati più a lungo nel mondo», ha detto. «Volevamo solo quelli che stavano aspettando da più tempo».

 

Gli specialisti della fecondazione in vitro rabbrividiscono alla frase «adozione di embrioni». Preferiscono la «donazione di embrioni».

 

«L’adozione si riferisce ai bambini vivi», afferma il dott. Sigal Klipstein, esperto di etica presso l’American Society of Reproductive Medicine. «È un processo legale mediante il quale viene creata una relazione genitore-figlio quando prima non esisteva».

 

La donazione di embrioni, ha detto, è una procedura medica. «È un modo in cui prendiamo embrioni da una coppia o individuo e poi li trasferiamo in un altro individuo per costruire famiglie».

 

Il programma del NEDC per l’adozione di embrioni è una risposta all’esistenza di un milione di embrioni congelati nelle cliniche americane di fecondazione in vitro. Il centro afferma di aver organizzato la nascita di 1.260 di loro.

 

L’accumulo di embrioni congelati negli Stati Uniti, in Stati con leggi diverse che li regolano, è quasi un dilemma etico insolubile. Molte coppie non sono disposte a usarli, ma non riescono a donare i loro embrioni alla ricerca oa scartarli. Quindi il numero continua a crescere.

 

Come ha osservato l’Istituto Lozier sul suo sito web: «mercificando gli embrioni, la comunità medica e il nostro sistema legale hanno aperto un vaso di Pandora di soluzioni problematiche che non offre protezioni adeguate. Mentre la fecondazione in vitro è stata lodata da molti come la risposta all’infertilità, le migliaia di altre vite che ha creato continuano a essere in bilico».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La Silicon Valley convertita al natalismo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questo mese è venuto al mondo l’8 miliardesimo bambino. I demografi ritengono che la popolazione mondiale si stia muovendo verso i 10 miliardi. Ma a un certo punto, la curva inizierà a muoversi verso il basso. Le persone ovunque (eccetto l’Africa sub-sahariana) diventeranno sempre più anziane, comportando enormi oneri per i servizi sociali del governo.

 

Il problema è che la maggior parte dei paesi ha tassi di natalità inferiori al livello di sostituzione. E nessuno sa come convincere le donne ad avere più figli, come ha scoperto la Cina, con suo sgomento.

 

Che cosa si deve fare? Una soluzione arriva da una fonte improbabile: attivisti pro-natalismo facoltosi, fanatici della tecnologia e venture capitalists.

 

 

Capitolo 1: Elon Musk twitta ossessivamente sul crollo della popolazione

L’eccentrico miliardario è stato sposato due volte ma ora si definisce single. Ha avuto almeno nove figli con una combinazione di mogli, fidanzate e surrogate. Ecco alcuni dei suoi ultimi tweet.

 

 

  • «Contrariamente a quanto molti pensano, più qualcuno è ricco, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un figlio». Elon Musk su Twitter, 25 maggio 2022.

 

 

 

Capitolo 2: Malcolm e Simone Collins fanno qualcosa.

Malcolm e Simone irradiano una potente fiducia in se stessi. Come coppia hanno gestito società in cinque continenti che complessivamente hanno raccolto 70 milioni di dollari ogni anno; lui ha raccolto un fondo di private equity; strategia diretta alle migliori società di capitale di rischio in fase iniziale; ha scritto tre libri bestseller; è stato amministratore delegato di Dialog, un ritiro per leader globali fondato da Peter Thiel; e ha conseguito lauree in neuroscienze, economia e politica tecnologica a St Andrews, Stanford e Cambridge.

 

In un servizio su Business Insider, spiegano che vogliono salvare il mondo dal diventare un’idiocrazia nella vita reale. A cominciare da se stessi. Prima di sposarsi, si sono impegnati ad avere tra i 7 ei 13 figli. Dato che Simone era più grande, ha congelato i suoi ovuli per assicurarsi che l’età non fosse un ostacolo. Hanno già 3 figli. Nel 2018, che chiamano l’anno del raccolto, hanno prodotto e congelato quanti più embrioni possibile. Selezionano gli embrioni per l’alto QI e altri tratti preziosi. Si definiscono «hipster eugenetici».

 

«Finché ciascuno dei loro discendenti può impegnarsi ad avere almeno otto figli per sole 11 generazioni, la linea di sangue dei Collins alla fine supererà l’attuale popolazione umana», dicono a Business Insider.

 

 

Capitolo 3: Scopri tutto sull’imminente implosione della popolazione su pronatalist.org .

Dalla loro casa nella Pennsylvania rurale, la coppia Collins, altamente collegata, predica il vangelo del pro-natalismo, che è l’ultima moda tra i super ricchi della Silicon Valley.

 

Negli ultimi 20 anni circa, i miliardari sono stati ossessionati dalla longevità, aumentando la durata della vita a centinaia di anni. La ricerca su questo continua, ma alcuni hanno rivolto le loro menti alla demografia. «La persona di questa sottocultura vede davvero il percorso verso l’immortalità attraverso l’avere figli», afferma Simone.

 

Pronatalist.org, creato da Malcolm e Simone, avvisa i lettori della crisi e propone una soluzione:

 

«I tassi di natalità stanno diminuendo precipitosamente in tutto il mondo, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Se non verranno intraprese azioni drammatiche, assisteremo all’estinzione di intere società, all’espansione di governi totalitari e all’ascesa incontrollata del tribalismo».

 

Il tasso di natalità della Corea del Sud è di circa 0,81 , molto al di sotto del livello di sostituzione. I Collins lo chiamano «genocidio per inerzia». «Questo equivale a una malattia che spazza via il 94% della popolazione. Abbiamo bisogno di soluzioni radicali per salvare i gruppi etnici in via di estinzione».

 

Vedono la politica contemporanea attraverso una lente demografica:

 

«Se ti sei mai chiesto perché diverse fazioni ideologiche in politica sembrano essere sempre meno d’accordo con il passare del tempo, perché stanno diventando più autoritarie e perché il tribalismo sembra aumentare: stai assistendo alla mano invisibile del collasso demografico al lavoro».

 

«I numeri della popolazione alla fine rimbalzeranno entro poche centinaia di anni, ma i progressi che il mondo ha fatto in termini di diritti delle donne, libertà di parola, ambientalismo, uguaglianza razziale, diritti degli omosessuali, ecc. corre il rischio di una cancellazione sistematica se non interveniamo».

 

Qual è la risposta? Solo un cambiamento culturale ci salverà, sostengono. I crediti d’imposta e i bonus bebè non funzioneranno:

 

«Solo le culture con una forte motivazione esterna ad avere figli sono al momento ben al di sopra del tasso di ripopolamento; tutti gli altri entreranno nella pattumiera della storia. In sostanza, ogni cultura mondiale che non ha forti convinzioni religiose o educa e tratta le donne da pari a pari viene sistematicamente cancellata».

 

Una singola famiglia con otto figli che passa con successo quella pratica ai propri figli può salvare il loro intero gruppo etnico. (Una famiglia con otto figli per dieci generazioni porta a oltre un miliardo di discendenti)

 

 

Capitolo 4: networking per il natalismo

I Collins vogliono che tu ti unisca a loro.

 

«Stiamo costruendo attivamente una rete diversificata di famiglie con la grinta per superare questo vortice. Se ti impegni per un alto tasso di natalità e per costruire una cultura sana per la tua famiglia, vogliamo parlarti!»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari