Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Erdogan sta attaccando la Russia per la grande Turan?

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan è noto per i rapporti sfuggenti con i presunti alleati, sia la NATO che l’UE. Tuttavia la sua più grande perfidia sembra ora essere diretta contro i rapporti della Turchia con la Russia di Putin. Negli ultimi due o più anni nei suoi rapporti con Ucraina, Armenia, Siria, Libia e ora, più recentemente, nella fallita rivoluzione in Kazakistan, Erdogan ha mostrato un chiaro modello non solo di opportunismo, ma in realtà di perfidia o tradimento della fiducia, come in doppio gioco, nei suoi rapporti con la Russia nonostante dipenda dall’energia e dall’equipaggiamento di difesa avanzato. La domanda è: perché?.

 

 

 

Erdogan e la rivoluzione fallita del Kazakistan

Dalle prove emerse dalle recenti sanguinose rivolte e dagli attacchi di militanti armati all’aeroporto di Almaty, ai media e agli edifici governativi del Kazakistan, compresa la raccapricciante decapitazione di almeno due agenti di polizia da parte di jihadisti simili all’ISIS, è chiaro che c’erano due destabilizzazioni parallele in corso. Una era la facciata iniziale delle proteste pacifiche contro l’aumento del prezzo del carburante da parte del governo del paese ricco di energia, che ha permesso a Washington e all’UE di chiedere un «dialogo». Questi erano guidati da attivisti dei «diritti umani»  formati da milioni di dollari dal National Endowment for Democracy legato alla CIA, probabilmente guidati dalla Soros Foundation-Kazakistan e varie altre ONG legate alla CIA o all’MI-6.

 

È chiaro che si trattava di una sorta di copertura della «pseudo-rivoluzione colorata», dietro la quale c’era un tentativo di colpo di Stato, un cambio di regime molto più cattivo.

 

L’attacco più grave è stato da parte di circa 20.000 terroristi addestrati, inclusi jihadisti stranieri, e criminali del crimine organizzato guidati dal capo della criminalità organizzata kazaka, Arman Dzhumageldiev. È questo secondo gruppo violento che deve essere esaminato.

 

Sembra che l’Intelligence e l’esercito del MIT di Erdogan siano profondamente coinvolti nell’addestramento e nell’armamento dei golpisti, insieme alla CIA e all’MI-6

Sembra che l’Intelligence e l’esercito del MIT di Erdogan siano profondamente coinvolti nell’addestramento e nell’armamento dei golpisti, insieme alla CIA e all’MI-6.

 

Il redattore di Asia Times Pepe Escobar afferma che ci sarebbe una «sala operativa segreta per le informazioni militari USA-Turco-Israele con sede nel centro commerciale a sud di Almaty, secondo una fonte di informazioni di alto livello dell’Asia centrale. In questo “centro” c’erano 22 americani, 16 turchi e 6 israeliani che coordinavano le bande di sabotaggio – addestrate in Asia occidentale dai turchi – e poi allineate ad Almaty».

 

 

Erdogan e i Fratelli Musulmani

Per anni Erdogan ha addestrato segretamente jihadisti di Al Qaeda e ISIS (organizzazioni terroristiche, entrambe bandite in Russia) all’interno della Turchia e li ha trasportati segretamente oltre il confine a Idlib e ad altre roccaforti all’interno della Siria per unirsi all’ISIS o al braccio siriano di Al Qaeda, Jabhat al -Nusra, per fare la guerra a Bashar al Assad (e lì di fatto contro la Russia).

 

Inoltre, per anni Erdoğan è stato anche molto vicino ai Fratelli Musulmani (banditi in Russia), l’organizzazione politica islamica segreta che ha lavorato con la CIA e l’MI-6 durante la Primavera Araba e decenni prima.

 

Dopo il colpo di stato militare di al Sisi del 2013 che ha cacciato i Fratelli musulmani in Egitto, circa ventimila quadri della Fratellanza sono stati accolti dall’AKP di Erdogan e sono stati esiliati in Turchia.

 

Da quando il Qatar è stato costretto a ridurre il suo sostegno attivo all’organizzazione segreta dei Fratelli Musulmani, Erdogan è emerso come il principale sostenitore e protettore dell’organizzazione

Da quando il Qatar è stato costretto a ridurre il suo sostegno attivo all’organizzazione segreta dei Fratelli Musulmani, Erdogan è emerso come il principale sostenitore e protettore dell’organizzazione.

 

In un’intervista del 2020 con la TV russa, il presidente siriano al Assad ha affermato che l’ideologia dei Fratelli musulmani di Erdogan, non gli interessi nazionali turchi «è la causa del suo invio illegale di truppe in Siria, per combattere per al Qaeda a Idlib».

 

Mentre Erdogan ha cominciato a diffidare dell’enorme organizzazione di Fethullah Gülen, ora in esilio in Pennsylvania e accusato del fallito colpo di Stato del 2016 contro Erdogan, è chiaro che Erdogan si è avvicinato alla rete internazionale dei Fratelli Musulmani per espandere le sue ambizioni neo-ottomane.

 

Il capo dell’intelligence del MIT di Erdogan, Hakan Fidan, secondo il giornalista francese Thierry Meyssan, è stato attivo nel diffondere l’influenza jihadista turca nelle ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale fin dal 2003. Oggi Istanbul è la capitale de facto dei Fratelli Musulmani.

 

Ciò ha avuto una rilevanza diretta sul recente tentativo di colpo di stato in Kazakistan. Il principale organizzatore sul campo degli attacchi ad Almaty e in altre città chiave contro il governo del presidente Kassim-Jomart Tokaev, era l’ormai estromesso nipote dell’ex presidente Nazarbayev, Samat Abish, un noto membro dei Fratelli Musulmani.

 

Abish è stato appena licenziato come Primo Vice Presidente del Consiglio di Sicurezza Nazionale, un incarico chiave da quando Nazarbayev lo ha nominato nel 2015. La Fratellanza Musulmana è stata designata organizzazione terroristica da Paesi come Egitto, Bahrain, Arabia Saudita, Russia, Emirati Arabi Uniti e Siria .

 

Il fatto che un esperto turco sia stato nominato capo dell’MI-6 è altamente significativo e suggerisce che le agenzie di intelligence anglo-americane utilizzino la Turchia di Erdoğan per destabilizzare l’intera ex Unione Sovietica musulmana è altamente probabile

Il fatto che Erdogan sia oggi il principale sostenitore della Fratellanza Musulmana che sostiene il terrorismo – la «madre» de facto di Al Qaeda e ISIS tra gli altri gruppi jihadisti in tutto il mondo – si combina con il fatto che il MIT di Erdogan, insieme a MI-6, CIA e il Mossad, stava segretamente addestrando terroristi all’interno del Kazakistan per gli attacchi e il fatto che l’organizzatore chiave dell’insurrezione armata kazaka di gennaio, Samat Abish, sia un noto membro dei Fratelli Musulmani, suggerisce che il ruolo di Erdogan negli eventi kazaki fosse molto più centrale di quello viene riportato, nonostante i commenti di stampa di Erdogan a sostegno di Tokaev.

 

In particolare, la persona nominata capo dell’intelligence straniera britannica dell’MI-6 nel giugno 2020 è Richard Moore. Moore è uno specialista turco che ha trascorso tre anni come agente dell’MI-6 in Turchia all’inizio degli anni ’90 e come ambasciatore in Turchia nel 2014-2017.

 

Il ruolo dell’MI-6 contro la Russia è ovviamente molto più profondo di quanto molti immaginino. Il fatto che un esperto turco sia stato nominato capo dell’MI-6 è altamente significativo e suggerisce che le agenzie di intelligence anglo-americane utilizzino la Turchia di Erdoğan per destabilizzare l’intera ex Unione Sovietica musulmana è altamente probabile.

 

L’opportunista Erdogan è chiaramente felice di essere d’aiuto ai suoi amici angloamericani in questo.

 

 

Droni turchi per l’Ucraina

E la destabilizzazione del Kazakistan, uno Stato «quasi estero» vitale per la sicurezza e l’economia russa, è tutt’altro che l’unica area su cui Erdoğan sta esercitando pressioni sulla Russia di Putin.

 

In Ucraina, Erdogan è stato molto provocatorio contro la Russia, sostenendo apertamente l’offerta dell’Ucraina di aderire alla NATO, una linea rossa di sicurezza per Mosca. Ha anche venduto veicoli armati senza pilota Bayraktar TB2, droni turchi, a Kiev per l’uso contro i russi etnici nel Donbass.

In Ucraina, Erdogan è stato molto provocatorio contro la Russia, sostenendo apertamente l’offerta dell’Ucraina di aderire alla NATO, una linea rossa di sicurezza per Mosca

 

Dopo il colpo di stato della CIA di Maidan del 2014 in Ucraina, Erdogan ha iniziato ad avvicinarsi a Kiev. Nell’aprile 2021 il comico ucraino diventato presidente, Volodymyr Zelens’kyj, ha incontrato Erdoğan in Turchia per discutere dell’acquisto ucraino di droni militari turchi dopo il loro grande successo nella guerra azeri-Armenia del Nagorno-Karabakh in precedenza.

 

Zelensky ha chiesto il sostegno turco per la sua disputa con la Russia. Erdogan ha risposto definendo illegale l’annessione della Crimea da parte della Russia, dove la popolazione è ancora per il 12% turco tartara.

 

Erdoğan si sta chiaramente muovendo per contenere il dominio russo sul Mar Nero, dove la Marina turca era dominante prima del 2014.

 

Erdoğan si sta chiaramente muovendo per contenere il dominio russo sul Mar Nero, dove la Marina turca era dominante prima del 2014

In una riunione della NATO del giugno 2021 Erdogan ha detto al Segretario generale della NATO:  «non siete visibili nel Mar Nero e la vostra invisibilità nel Mar Nero lo trasforma in un lago russo».

 

La più grande scoperta di gas naturale della Turchia si trova al largo della costa del Mar Nero, cosa che la Turchia spera le consentirà di ridurre la dipendenza dalle importazioni di gas russe.

 

Nel 2020 circa 41 miliardi di dollari di importazioni di gas provenivano principalmente dalla russa Gazrpom tramite il gasdotto Turk Stream.

 

Se la nuova scoperta di gas della Turchia nel Mar Nero, a circa 100 miglia nautiche dalla Turchia, sarà economica è tutt’altro che chiaro e potrebbe richiedere anni per svilupparsi, rendendo più rischiose le provocazioni di Erdogan alla Russia.

 

Il ritrovamento di gas stimato equivarrebbe a circa 13 anni di importazioni da TurkStream. Ma la scoperta ha chiaramente ha incoraggiato Erdogan nelle sue mosse contro la Russia.

 

 

La Turchia si muove contro l’Armenia

Nel settembre 2020 l’esercito dell’Azerbaigian addestrato dalla Turchia ha rotto un fragile cessate il fuoco nell’enclave prevalentemente armena del Nagorno-Karabakh con la forza militare.

 

Successivamente è stato confermato che non solo i droni turchi hanno inferto un colpo devastante alle forze armene scarsamente preparate, ma anche che il MIT turco aveva segretamente fornito combattenti jihadisti esperti dalla Siria nella guerra dove hanno commesso crimini di guerra contro gli armeni di etnia armena.

 

Il punto di svolta è stato il dispiegamento azero di droni militari turchi mortali contro obiettivi armeni. I droni sono realizzati in Turchia utilizzando motori ucraini.

 

La perdita del territorio armeno è stata una sconfitta umiliante non solo per l’Armenia, ma anche per Putin, poiché l’Armenia è un membro dell’Unione economica eurasiatica russa. Ha dato alla Turchia un enorme aumento di credibilità in tutta l’Asia centrale.

 

 

RAND e Grande Turan convergono

Nel 2019 la RAND Corporation di Washington ha consegnato un rapporto al comando dell’esercito americano con l’obiettivo di costringere Mosca a intervenire nelle minacce alla sicurezza del suo confine per indebolire gravemente la sua stabilità.

 

A parte ulteriori sanzioni economiche, sosteneva il rapporto, «facendo sì che la Russia si espanda militarmente o economicamente o facendo perdere al regime prestigio e influenza interni e/o internazionali».

 

Il rapporto RAND chiedeva tra l’altro di armare l’Ucraina contro la Russia nel Donbass; promuovere il cambio di regime in Bielorussia; il crescente sostegno ai jihadisti in Siria che si oppongono alla presenza russa siriana; sfruttando le tensioni nel Caucaso meridionale, incluso il Nagorno-Karabakh, e riducendo l’influenza russa in Asia centrale compreso il Kazakistan.

È comprensibile il motivo per cui gli strateghi di Washington e Londra sarebbero entusiasti di tali ambizioni di Erdogan. Per loro il desiderio di Erdoğan di creare un’enorme regione di influenza turca del Grande Turan con Istanbul al centro ha uno scopo estremamente utile per la NATO: la distruzione della Russia come Nazione e potenza funzionante

 

Gran parte delle azioni sostenute da Washington contro la Russia negli ultimi tre anni hanno seguito i contorni di quella strategia RAND.

 

Nel 2009 Erdogan ha creato qualcosa chiamato Consiglio di cooperazione degli Stati di lingua turca con il suo segretariato a Istanbul. I suoi membri includono Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Turchia. L’obiettivo nominale è enfatizzare la loro «storia comune, linguaggio comune, identità comune e cultura comune», per citare il loro sito web.

 

Viene chiamato in Turchia il Grande Turan di Erdogan, una sorta di impero neo-ottomano che alla fine includerebbe la maggior parte dell’Asia centrale e vaste parti della Russia islamica, la provincia cinese dello Xinjiang, la Mongolia e l’Iran. Di recente ha mostrato una mappa incorniciata del Great Turan datagli a novembre dal leader del Partito del movimento nazionalista di estrema destra (MHP), Devlet Bahçeli.

 

È comprensibile il motivo per cui gli strateghi di Washington e Londra sarebbero entusiasti di tali ambizioni di Erdogan. Per loro il desiderio di Erdoğan di creare un’enorme regione di influenza turca del Grande Turan con Istanbul al centro ha uno scopo estremamente utile per la NATO: la distruzione della Russia come Nazione e potenza funzionante.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

Continua a leggere

Geopolitica

Zelens’kyj rifiuta l’offerta di pace di Putin

Pubblicato

il

Da

I termini delineati dal presidente russo Vladimir Putin per porre fine al conflitto sono un «ultimatum» per l’Ucraina e come tali inaccettabili, ha affermato Vladimir Zelens’kyj.

 

Venerdì, parlando in un incontro con alti funzionari del ministero degli Esteri russo, Putin ha affermato che Kiev dovrà cedere tutto il territorio delle quattro regioni che hanno scelto di unirsi alla Russia e garantire che non si unirà mai alla NATO prima che possano iniziare i colloqui di pace.

 

«Cosa posso dire? Questi messaggi sono messaggi di ultimatum, non sono niente di diverso da altri ultimatum che ha lanciato in precedenza», ha detto lo Zelens’kyj alla rete televisiva Sky TG24 mentre partecipava alla riunione del G7 di Fasano, provincia di Brindisi.

 

«Vuole che rinunciamo a parte dei nostri territori occupati, ma vuole anche quelli non occupati. Parla delle regioni del nostro Paese e non si ferma», ha affermato il presidente ucraino.

Iscriviti al canale Telegram

La definizione di Zelens’kyj dell’offerta di Putin come un ultimatum è stata respinta come «intesa sicuramente in modo sbagliato», secondo il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov venerdì.

 

«Questa è una proposta completa, molto profonda e costruttiva», ha detto a Izvestia l’addetto stampa di Putin. Se i termini sembrano più duri di quelli proposti da Mosca nella primavera del 2022, ha spiegato, è perché “si è creata una situazione diversa”, con quattro regioni che hanno scelto di diventare parte della Russia.

 

Peskov ha ricordato che l’Ucraina ha ricevuto condizioni di pace molto generose nel marzo 2022, ma le ha respinte «su ordine degli inglesi».

 

Come riportato da Renovatio 21, testate giornalistiche e i funzionari ucraini hanno confermato che Boris Johnson, all’epoca primo ministro britannico, aveva detto loro che non avrebbero dovuto accettare alcun accordo con la Russia.

 

Annunciando l’operazione militare contro il governo di Kiev, nel febbraio 2022, Putin ha affermato che Mosca intendeva ottenere la «smilitarizzazione e denazificazione» dell’Ucraina e garantire che Kiev non avrebbe mai aderito alla NATO o a qualsiasi altro blocco militare anti-russo.

 

Putin nello stesso discorso fatto dinanzi agli alti diplomatici russi aveva rivelato che la Russia non ha mai avuto intenzione di entrare con in tank a Kiev, e li aveva mandati verso la capitale solo per arrivare al tavolo della pace. I carri erano stati infatti rimossi con segno di buona volontà per i colloqui di pace di Istanbul.

 

Il presidente russo ha altresì rivelato che ad inizio conflitto Mosca era disposta a lasciare Kherson e Zaporiggia all’Ucraina, essendo concentrata sulla protezione del Donbass. Tuttavia, dopo i referendum di annessione alla Federazione Russa, questa proposta non è più sul tavolo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr
 

Continua a leggere

Geopolitica

Putin dichiara le condizioni per i colloqui di pace e rivela: la Russia non voleva invadere Kiev ed era pronta a ritirarsi dall’Ucraina meridionale

Pubblicato

il

Da

La Russia era disposta a ritirare le sue truppe dalle regioni di Kherson e Zaporiggia all’inizio del conflitto in Ucraina, a condizione che Kiev accettasse un collegamento terrestre ininterrotto tra la Crimea e la terraferma, ha dichiarato venerdì il presidente Vladimir Putin. Lo riporta il sito legato al Cremlino Russia Today.   Intervenendo in un incontro con gli alti diplomatici del Paese, Putin ha rivelato che all’inizio di marzo 2022, mentre le truppe russe avanzavano nell’Ucraina meridionale, un importante politico straniero che rappresentava l’Occidente aveva proposto di mediare il conflitto tra Mosca e Kiev. Sebbene Putin non abbia nominato il leader, l’ex presidente russo Dmitrij Medvedev lo ha identificato come l’allora primo ministro israeliano Naftali Bennett.   Secondo il presidente russo, Bennett chiese ai funzionari di Mosca dell’epoca perché le truppe russe operassero nelle regioni di Kherson e Zaporiggia, dato che il loro obiettivo dichiarato era aiutare il Donbass.

Iscriviti al canale Telegram

A Bennett è stato detto che la decisione di inviare truppe russe in quelle regioni era stata presa sulla base dei piani elaborati dallo Stato Maggiore, che cercava di aggirare le posizioni ucraine pesantemente fortificate nel Donbass, ha spiegato Putin. Secondo il leader russo, quando Bennett ha chiesto se le truppe russe sarebbero rimaste nelle regioni di Kherson e Zaporiggia dopo la fine del conflitto, Putin si è detto aperto all’idea di riportarle alle loro basi.   «Ho risposto che, in generale, non escludo che l’Ucraina manterrà la propria sovranità su questi territori, a condizione che la Russia abbia un solido collegamento terrestre con la Crimea».   Putin ha osservato che per garantire la garanzia, Mosca e Kiev dovrebbero firmare un accordo di «servitù» giuridicamente vincolante, una legge sulla proprietà che lega diritti e obblighi alla proprietà o al possesso della terra.   L’accordo avrebbe dovuto poi essere finalizzato con il coinvolgimento del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, dei cittadini locali e dell’opinione pubblica russa.   Tuttavia, quando Bennett si è recato a Kiev per presentare la proposta di Mosca al governo ucraino, questa è stata respinta e il leader israeliano è stato etichettato come simpatizzante russo, ha osservato Putin, che afferma quindi che ora questa proposta è fuori discussione, dato che le regioni di Kherson e Zaporiggia, insieme alle due repubbliche del Donbass, hanno votato per unirsi alla Russia nei referendum pubblici nell’autunno del 2022.   «Non si può parlare di violazione della nostra unità nazionale… Questa questione è chiusa per sempre e al di là di ogni dibattito» ha dichiarato Putin.   Allo stesso tempo, il presidente russo ha segnalato che Mosca è pronta per i colloqui con l’Ucraina a condizione che Kiev ritiri completamente le sue truppe dalle regioni di Donbass, Kherson e Zaporiggia e abbandoni i piani di adesione alla NATO. Tuttavia la proposta è stata respinta da Kiev, che insiste per riportare il Paese ai confini del 1991.   Nello stesso denso incontro con i funzionari del Ministero degli Affari Esteri di Mosca, Putin ha rivelato che le forze russe non avevano intenzione di assaltare Kiev quando sono avanzati verso la capitale ucraina nelle prime settimane del conflitto tra i due Paesi.   Il presidente russo ha parlato di continue «speculazioni» in Ucraina e in Occidente sulle intenzioni delle unità russe quando avrebbero raggiunto la periferia di Kiev alla fine di febbraio 2022.   «Ma non c’è stata alcuna decisione politica di prendere d’assalto la città di 3 milioni di abitanti, qualunque cosa dicano gli altri a causa della loro mancanza di riflessione», ha insistito Putin.   Secondo il presidente, l’avanzata russa verso Kiev non era «nient’altro che un’operazione per persuadere il regime ucraino a fare la pace».   «Le truppe erano lì per motivare la parte ucraina a impegnarsi nei negoziati, per cercare di trovare una soluzione accettabile e in questo modo porre fine alla guerra scatenata da Kiev contro il Donbass nel 2014», ha continuato Putin.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Il conflitto tra il governo ucraino e le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, scoppiato dopo il colpo di stato sostenuto dall’Occidente a Kiev nel febbraio 2014, “ha rappresentato una minaccia per la sicurezza del nostro Paese, per la sicurezza della Russia”, ha sottolineato l’uomo al vertice del Cremlino.   La manovra russa ha portato a colloqui che hanno portato ad accordi che «in linea di principio andavano bene sia a Mosca che a Kiev», ha affermato, riferendosi ai negoziati che hanno avuto luogo tra le due parti nella città turca di Istanbul alla fine di marzo 2022.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato Putin aveva mostrato una copia della bozza dell’accordo di pace ad un incontro con politici africani durante un meeting a San Pietroburgo.   «Il 29 marzo 2022 abbiamo ritirato le nostre truppe da Kiev perché ci era stato assicurato che era essenziale creare le condizioni per la conclusione del processo di negoziazione politica», ha ricordato il presidente. «I nostri colleghi occidentali» insistevano allora che le autorità ucraine «non potevano firmare tali accordi… con una pistola puntata alla tempia», ha raccontato Putin.   Tuttavia – come riportarono ridicolmente anche i giornali nostrani in coro – Kiev e i suoi sostenitori occidentali hanno sostenuto che il ritiro russo dall’area della capitale ucraina non sia stato un gesto di buona volontà da parte di Mosca, ma il risultato dei successi militari ottenuti dalle truppe di Kiev. Già nell’aprile 2022, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva affermato che «la “battaglia di Kiev” è stata una vittoria storica… vinta dal popolo ucraino con un’assistenza senza precedenti da parte degli Stati Uniti e dei nostri alleati».   Il giorno successivo alla partenza delle truppe russe, la leadership ucraina ha preso la loro partecipazione al processo negoziale, inscenando «una provocazione» a Bucha, ha detto Putin.   Il 1° aprile 2022, il governo Zelens’kyj ha accusato l’esercito russo di aver massacrato civili nella città di Bucha vicino a Kiev. Mosca ha negato tali accuse, affermando che le presunte prove dei crimini erano state fabbricate.   «Penso che ora sia chiaro che questa sporca provocazione era necessaria per spiegare in qualche modo il rifiuto dei risultati raggiunti durante i negoziati. La strada verso la pace è stata nuovamente chiusa», ha sottolineato il leader russo.

Sostieni Renovatio 21

  Putin ha continuato dichiarando che l’Ucraina deve rimuovere le sue truppe dalle nuove regioni della Russia prima che possa iniziare qualsiasi dialogo di pace significativo.   Mosca respinge le pretese di sovranità di Kiev su cinque regioni ex ucraine, quattro delle quali si sono unite alla Russia nel mezzo delle ostilità in corso. I cittadini delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e delle regioni di Kherson e Zaporiggia hanno votato a favore della transizione alla fine del 2022, sebbene in tutte queste regioni le ostilità continuino.   «Sottolineo: l’intero territorio di quelle regioni, come definito dai loro confini amministrativi nel momento in cui si unirono all’Ucraina» nell’agosto 1991, ha affermato Putin.   «La nostra parte ordinerà un cessate il fuoco e avvierà i negoziati nel momento in cui Kiev si dichiarerà disposta a prendere questa decisione e inizierà il ritiro effettivo delle truppe da quelle regioni, e ci informerà anche formalmente che non intende più aderire alla NATO», ha affermato il leader russo con a fianco il ministro degli Esteri Sergej Lavrov.   Putin ha delineato le condizioni dopo aver condannato i sostenitori occidentali di Kiev per avergli impedito di tenere colloqui di pace con Mosca, accusando la Russia di rifiutare i negoziati.   «Contiamo che Kiev prenda una tale decisione sul ritiro, sullo status neutrale e sul dialogo con la Russia, da cui dipende la futura esistenza dell’Ucraina, indipendentemente sulla base delle realtà attuali e guidati dai veri interessi del popolo ucraino e non a livello degli ordini occidentali» ha affermato Putin.   A questo punto, Mosca non accetterà un conflitto congelato, che consentirebbe agli Stati Uniti e ai loro alleati di riarmare e ricostruire l’esercito ucraino, ha affermato Putin. La piena risoluzione della questione comporterà il riconoscimento da parte di Kiev delle quattro nuove regioni e della Crimea come parte della Russia, ha insistito.

Aiuta Renovatio 21

«In futuro, tutte queste posizioni di principio fondamentali dovranno essere sancite negli accordi internazionali fondamentali. Naturalmente, ciò include la revoca di tutte le sanzioni occidentali contro la Russia», ha affermato Putin.   Accettare questi termini consentirà a tutti i soggetti coinvolti di voltare pagina e ricostruire gradualmente le relazioni danneggiate, ha affermato il presidente. Alla fine, potrebbe essere creato un sistema di sicurezza paneuropeo che funzioni per tutte le nazioni del continente, ha aggiunto Putin, sottolineando che Mosca cerca questo risultato da anni.   Il discorso programmatico del presidente russo è avvenuto prima di un vertice ospitato dalla Svizzera, presumibilmente destinato a promuovere la pace in Ucraina.   Come riportato da Renvatio 21, il politologo americano John Mearsheimer ha definito «ridicoli» i colloqui di pace in assenza della Russia.   Kiev ha insistito sul fatto che Mosca non può essere invitata all’evento perché cercherebbe di «dirottarlo» promuovendo alternative alla «formula di pace» promossa dal governo ucraino.   Putin ha affermato che l’evento aveva lo scopo di distrarre l’opinione pubblica dalle «vere radici» del conflitto e che Zelens’kyj ha usurpato il potere in Ucraina dopo la scadenza del suo mandato presidenziale il mese scorso. Dall’incontro svizzero non potrà uscire altro che demagogia e accuse contro la Russia, prevede Putin.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)
Continua a leggere

Geopolitica

Putin: il pericolo più grande per l’UE sono gli USA

Pubblicato

il

Da

L’Europa ha bisogno di mantenere buoni rapporti con Mosca se vuole conservare il suo status di uno dei centri dello sviluppo mondiale, ha suggerito venerdì il presidente russo Vladimir Putin durante un incontro con i massimi diplomatici del Paese. Lo riporta il sito governativo russo RT.

 

Putin ha sottolineato che la Russia è pronta a collaborare con l’Europa e ha insistito sul fatto che Mosca non ha cattive intenzioni, sottolineando che tutte le recenti dichiarazioni rilasciate da funzionari occidentali su un presunto attacco russo sono «sciocchezze».

 

Il presidente ha sottolineato che la più grande «minaccia» per l’Europa oggi non è rappresentata dalla Russia ma dalla dipendenza sempre più critica dell’Europa dagli Stati Uniti in «sfera militare, politica, tecnologica, ideologica e dell’informazione».

 

«L’Europa viene sempre più spinta ai margini dello sviluppo economico globale e viene immersa nel caos della migrazione e di altri problemi urgenti», ha detto Putin, aggiungendo che anche i cittadini europei vengono privati ​​della soggettività internazionale e dell’identità culturale.

Iscriviti al canale Telegram

Putin ha anche osservato che oggi molti leader politici europei e rappresentanti della burocrazia europea sembrano avere più paura di perdere il favore di Washington che di perdere la fiducia del proprio popolo. Questo fatto è diventato evidente anche dopo i risultati delle ultime elezioni parlamentari dell’Unione europea, ha affermato il presidente russo.

 

Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno semplicemente «sfruttando» i leader europei costringendoli ad acquistare il gas naturale liquefatto americano, che è quasi «tre-quattro volte più costoso del gas negli Stati Uniti», e spingendoli ad aumentare gli aiuti militari all’Ucraina, anche minacciando sanzioni contro coloro che non si conformano, ha detto Putin.

 

Il presidente russo ha anche sottolineato che l’Europa viene ingannata e spreca denaro e risorse per espandere la produzione di proiettili di artiglieria, suggerendo che tali munizioni saranno completamente inutili una volta terminato il conflitto tra Mosca e Kiev e non serviranno a garantire la sicurezza militare dell’Europa. Gli Stati Uniti, d’altro canto, continuano a investire nelle tecnologie militari di domani, che determineranno il potenziale politico-militare dei paesi, ha osservato Putin.

 

Il presidente russo ha sottolineato quindi che la semplice idea che il futuro dell’Europa risiede nelle relazioni amichevoli con la Russia è stata ben compresa in passato da politici di «scala veramente paneuropea e globale», come il francese Charles de Gaulle e il tedesco Helmut Kohl, che Putin ha descritto come «patrioti dei loro Paesi» e «persone che pensavano secondo categorie storiche» in contrapposizione alle «comparse» di oggi che possono solo seguire la volontà di qualcun altro.

 

Tuttavia, Putin ha espresso la speranza che l’eredità dei saggi leader del passato venga alla fine abbracciata ancora una volta da una nuova generazione di politici europei.

 

Durante il discorso, il presidente della Federazione Russa ha fatto anche rivelazioni sulla guerra di Ucraina.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

Continua a leggere

Più popolari