Connettiti con Renovato 21

Animali

Cani blu scoperti in un impianti chimico abbandonato in Russia

Pubblicato

il

 

 

 

I cani randagi con la pelliccia blu brillante sono stati avvistati vagare per le strade vicino a un impianto chimico abbandonato nella città russa di Dzerzhinsk, riferisce Newsweek, a circa 230 miglia a est di Mosca.

 

I gruppi di attivisti degli animali sospettano che l’esposizione a sostanze chimiche dannose possa aver portato le pellicce degli animali ad assumere la tonalità blu, come suggerito in un tweet di lunedì l’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

 

Non è ancora chiaro quale sia la causa esatta della pelliccia blu

Secondo il giornale russo di lingua inglese Moscow Times , la vicina fabbrica prodotto plexiglass e acido cianidrico. Il cianuro di idrogeno è un composto estremamente velenoso che è il precursore di diversi polimeri.

Il pelo dei cani potrebbe anche essere stato tinto da altre sostanze chimiche tra cui il solfato di rame, un composto inorganico blu brillante utilizzato in una serie di processi industriali

Il pelo dei cani potrebbe anche essere stato tinto da altre sostanze chimiche tra cui il solfato di rame, un composto inorganico blu brillante utilizzato in una serie di processi industriali.

 

In altre parole, non è ancora chiaro quale sia la causa esatta della pelliccia blu, ma è comunque una cattiva notizia per il benessere dei poveri cani.

 

«La tintura sulla loro pelliccia implica che hanno avuto un contatto diretto o addirittura l’ingestione di sostanze potenzialmente tossiche o nocive», ha detto a Newsweek Kelly O’Meara, Vicepresidente per gli animali da compagnia della Humane Society International .

 

I funzionari della città di Dzerzhinsk hanno portato i cani da un veterinario nelle vicinanze per farli testare

«Ciò potrebbe provocare bruciore o prurito doloroso della pelle o emorragie interne e malattie che potrebbero portare alla morte, senza intervento veterinario», ha aggiunto O’Meara.

 

La fabbrica è fallita nel 2015, secondo un rapporto della RIA Novosti della scorsa settimana, permettendo ai cani randagi di frequentare i suoi spazi.

 

Per ora, i funzionari della città di Dzerzhinsk hanno portato i cani da un veterinario nelle vicinanze per farli testare. Le foto pubblicate da Reuters mostrano i cani blu che vengono accuditi in un rifugio a Nizhny Novogrod, una città a un’ora da Dzerzhinsk.

 

Due dei cani hanno già trovato nuovi proprietari.

 

 

 

 

Immagine di RIA Novosti via Twitter

Continua a leggere

Animali

Misteriose uova nere trovate nelle profondità dell’oceano

Pubblicato

il

Da

Alcuni ricercatori in giapponesi hanno ripescato in fondo all’Oceano Pacifico misteriose uova nere, che si presentano lisce e lucenti da sembrare piccole biglie nell’oscurità dell’abisso marino.

 

Come dettagliato in uno studio pubblicato sulla rivista Biology Letters, le uova – tecnicamente capsule o bozzoli – sono state scoperte a circa 6.000 metri di profondità nella fossa delle Curili-Kamchatka nel Pacifico nordoccidentale, una delle fosse oceaniche più profonde dell’intero pianeta.

 

Le capsule di uova apparterrebbero a invertebrati dal corpo molle conosciuti come vermi piatti, e la loro scoperta è la prima prova chiara di tali creature che vivono a una profondità così estrema, superando il precedente ma incerto record di circa 5.000 metri.

 

Il coautore dello studio Keiichi Kakui dell’Università di Hokkaido ha affermato di essere inizialmente rimasto sconcertato da ciò che ha scoperto. «Quando li ho visti per la prima volta, dato che non avevo mai visto bozzoli di platelminti (e non sapevo che aspetto avessero i bozzoli), ho pensato che potessero essere protisti o qualcosa del genere», ha dichiarato lo scienziato nipponico a IFLScience.

Sostieni Renovatio 21

«Sotto uno stereomicroscopio, ne ho tagliato uno e ne è fuoriuscita una cosa simile a un liquido lattiginoso», ha continuato. «A quel tempo, non sapevo quanto fosse raro questo ritrovamento».

 

Utilizzando un veicolo telecomandato, i ricercatori hanno trovato le uova attaccate a due frammenti di roccia. Sebbene ciascuno avesse un diametro di appena 2,5 millimetri, contenevano da tre a sette embrioni di platelminti a vari stadi di sviluppo.

 

Da lì, un’analisi del DNA di due esemplari ha rivelato che appartenevano a un sottordine di vermi piatti Tricladida noti per abitare profondità molto meno profonde. Nella loro fase di sviluppo, i ricercatori hanno affermato che gli esemplari delle profondità marine apparivano praticamente indistinguibili a livello superficiale dai loro cugini che vivevano in superficie.

 

Ciò significa che i platelminti che vivono nelle profondità non sono nati per essere poi così diversi da quelli che vivono nelle acque poco profonde. Ciò suggerisce, hanno concluso i ricercatori, che gli abitanti delle acque superficiali potrebbero aver gradualmente colonizzato le acque profonde nel corso del tempo.

 

«Questa somiglianza nello sviluppo tra gli ambienti relativamente benigni delle acque poco profonde e gli ambienti abissali estremi suggerisce che i tricladi che si adattavano a questi ultimi hanno dovuto affrontare sfide adattative principalmente fisiologiche e/o ecologiche, piuttosto che sfide di sviluppo», hanno scritto gli autori nello studio.

 

«Molti altri campioni preziosi sono stati raccolti durante la crociera in cui abbiamo trovato i bozzoli», ha concluso il dottor Kakui. «Procederò con le loro ricerche».

 

La ricerca mostra ancora una volta quanto poco la scienza umana conosca il mondo che ritiene di poter dominare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine del dottor Keiichi Kakui
 

Continua a leggere

Animali

Orca assassina aggredisce delfino e lo scaglia per aria

Pubblicato

il

Da

Ennesima riprova del momento di turbolenza che vive il mondo delle orche assassine.   Come sa il lettore di Renovatio 21, i cetacei bianconeri hanno fatto notizia sui giornali lo scorso anno a causa di numerosi attacchi a delle barche, in alcuni casi cagionandone l’affondamento e destando grande preoccupazione nel mondo della nautica attorno a Gibilterra.   Le cronache internazionali riportano costantemente di orche assassine che attaccano piccole barche a vela, generalmente utilizzate dai europei abbienti per scopi ricreativi.

Sostieni Renovatio 21

Dal 2020, tali fiere marittime hanno danneggiato navi circa 100 volte nelle acque al largo di Marocco, Portogallo e Spagna, secondo i dati forniti dall’Atlantic Orca Working Group. Alcuni marinai hanno pensato di utilizzare della musica metal nella loro battaglia contro le orche assassine. Uno di loro ha sentito in giro che la musica del metallo pesante, se sparata a tutto volume dagli altoparlanti subacquei. potrebbe scoraggiare l’orrenda serqua di scellerate balene. È stata quindi creata una playlist Spotify condivisa, chiamata «Metal for Orcas», appositamente curata dai naviganti. I risultati paiono essere inesistenti.   Sembra una situazione alquanto comica, ma le orche non arretrano di fronte agli esseri umani, anzi. Diversi mesi fa è stata vista un’orca assassina avvicinarsi addirittura alla riva di una spiaggia affollatissima.   Ora, un nuovo episodio indica che quando non sono impegnate ad assaltare le navi o a ingenerare panico nei turisti, è noto che le orche cacciano i delfini e questo loro comportamento è stato mostrato di recente nelle acque della costa di San Diego.   In un filmato drammatico pubblicato su Instagram, un’orca di grandi dimensioni lancia in cielo uno sfortunato delfino come se fosse una palla da gioco, durante una caccia.   Si tratta di un atto barbaro e crudele, di vero teppismo marino imperdonabile.  
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Un post condiviso da Netzero Expeditions (@netzeroexpeditions)

Aiuta Renovatio 21

«Questa magnifica creatura, con un peso enorme di 6.000 kg e capace di velocità fino a 56 km/h, mostrava un esempio sorprendente di energia cinetica nel mondo naturale», si legge nella didascalia di accompagnamento pubblicata dalla compagnia turistica Netzero Expeditions, che in origine aveva pubblicato il video. «Durante la sua manovra di caccia, l’orca ha generato l’incredibile cifra di 727.087,87 joule di energia, paragonabile alla forza di oltre 450 pugni di pugili professionisti o di un’auto compatta che si muove a 60 km/h e si scontra con un muro, il tutto concentrato in un unico istante».   La musichetta da banca audio montata in sottofondo dagli autori non mitiga la gravità del gesto. Il delfino, che ammettiamo non provenire da una specie di santi, non sembra divertirsi ad essere utilizzato dal balenottero bullo come una palla da football americano, per niente.   Nella stessa clip, vediamo un’orca tuffarsi in acqua e trascinare il povero delfino nelle profondità marine. Netzero ha anche fatto notare nella didascalia, che il gruppo di caccia alle orche aveva due cuccioli, che si accodavano per vedere e imparare l’arte della caccia.   Quando le orche cacciano, si riuniscono in branchi come i lupi e si comportano come una squadra per abbattere la preda. Oltre ai delfini, è noto che mangiano pesci, calamari, squali, tartarughe marine, pinguini, foche, trichechi e leoni marini.   Esse siedono in cima alla catena alimentare animale oceanica. Secondo calcoli di esperti, vi sarebbero 50.000 orche assassine in tutto il mondo. Ricordiamo come vengono chiamate in lingua anglica: killer whales, «balene assassine». Un motivo ci sarà.   Renovatio 21 reitera l’appello per risolvere questa orrenda minaccia il prima possibile, riportando l’educazione tra le bande di cetacei oramai fuori controllo e la serenità nei rapporti interspecifici.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Instagram
Continua a leggere

Ambiente

Miliardi di zanzare create in laboratorio potrebbero essere rilasciate nelle Hawaii

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Fino a 775.992.000 zanzare infette da batteri potrebbero essere rilasciate a Maui ogni settimana per i prossimi 20 anni, secondo Hawaii Unites, un’organizzazione no-profit che il mese scorso ha perso la sua offerta di richiedere allo Stato di condurre una dichiarazione di impatto ambientale prima di procedere con il controverso progetto.

 

 

Fino a 775.992.000 zanzare infette da batteri potrebbero essere rilasciate a Maui ogni settimana per i prossimi 20 anni, secondo Hawaii Unites, un gruppo di difesa ambientale che il mese scorso ha perso la sua richiesta di richiedere allo stato di condurre una dichiarazione di impatto ambientale prima di autorizzare il controverso progetto. procedere.

 

Hawaii Unites nel maggio 2023 ha citato in giudizio lo stato presso la Circuit Court del Primo Circuito delle Hawaii. La presidente e fondatrice del gruppo, Tina Lia, ha dichiarato a The Defender:

 

«Queste zanzare alterate in laboratorio con biopesticidi vengono già rilasciate a East Maui. Hawaii Unites ha portato lo Stato in tribunale chiedendo una sentenza che richieda una dichiarazione sull’impatto ambientale del progetto e studi completi sui rischi».

 

Ha detto che Hawaii Unites si descrive come «un’organizzazione no-profit 501(c)(3) dedicata alla conservazione e alla protezione del nostro ambiente e delle risorse naturali», con un focus sulla «protezione della salute della popolazione delle Hawaii, della fauna selvatica e l’āina [termine che esprime la terra in hawaiano, ndt] dall’esperimento sulle zanzare infettate da batteri biopesticidi dello Stato delle Hawaii.

 

Secondo la causa del gruppo, lo Stato non ha effettuato uno studio sufficiente sull’impatto ambientale prima del lancio del progetto. L’anno scorso, i residenti dello stato hanno presentato 291 pagine di commenti pubblici , sia a favore che contro il progetto.

 

«La valutazione ambientale finale per questo progetto è insufficiente ai sensi dell’Hawai’i Environmental Policy Act», ha detto Lia. «[Non] riesce a descrivere le misure di mitigazione o i protocolli di biosicurezza per le zanzare, e la discussione sulle alternative è inadeguata».

Sostieni Renovatio 21

Secondo Lia, la partnership Birds, Not Mosquitoes afferma di voler sopprimere le zanzare domestiche del sud che trasmettono la malaria aviaria agli uccelli autoctoni, rendendo le zanzare maschi – che portano il batterio Wolbachia che causa la malaria aviaria – incapaci di riprodursi.

 

La tecnologia, la tecnica degli insetti incompatibili Wolbachia (IIT), era stata precedentemente approvata da Gates Philanthropy Partners, un ramo della Bill & Melinda Gates Foundation, sebbene non sembri esserci un collegamento diretto tra queste organizzazioni e il progetto in corso alle Hawaii.

 

Un esperto che ha testimoniato per conto di Hawaii United ha avvertito che il progetto, lungi dal mitigare le malattie trasmesse dalle zanzare, potrebbe portare alla diffusione di batteri, all’invasione di zanzare alterate in laboratorio in aree non previste e ad altre conseguenze ambientali.

 

Ma la corte non è stata d’accordo , stabilendo che la valutazione ambientale finale «è stata compilata in buona fede e ha fornito informazioni sufficienti per consentire al [Board of Land and Natural Resources] di considerare pienamente i fattori ambientali coinvolti e di prendere una decisione motivata dopo aver valutato i rischi. del danno all’ambiente rispetto ai benefici che deriveranno dall’azione proposta».

 

La Corte non ha riconosciuto le «serie preoccupazioni» del testimone esperto

Secondo l’accusa, «documentazione e studi provenienti da diverse fonti, comprese agenzie governative, confermano che l’esperimento potrebbe non funzionare nemmeno per lo scopo previsto e potrebbe avere un impatto ambientale significativo».

 

La causa ha inoltre osservato che il metodo IIT non è mai stato sperimentato alle Hawaii, mentre «la specifica tecnica sperimentale prevista per l’uso a East Maui non è mai stata provata prima in nessuna parte del mondo».

 

Secondo la causa, le regioni di Maui dove avrà luogo il rilascio includono «i fragili ecosistemi del Parco Nazionale Haleakalā di East Maui, della Riserva Forestale di Ko’olau, della Riserva Forestale di Hāna, della Riserva dell’Area Naturale di Hanawī, della Riserva Forestale di Kīpahulu, della Riserva Forestale di Makawao, e Waikamoi Preserve», oltre a terreni gestiti privatamente.

 

«Con la frequenza più alta, ciò potrebbe comportare il rilascio di oltre 807 miliardi di zanzare in uno degli ecosistemi più unici e fragili del mondo», si legge nella causa. «Contrariamente a quanto affermato nella [valutazione ambientale finale], il piano potrebbe effettivamente comportare seri rischi per gli uccelli autoctoni, la fauna selvatica, l’āina e la salute pubblica».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Lo Stato delle Hawaii ha confutato queste affermazioni nella sua mozione di rito abbreviato, depositata il 22 dicembre 2023.

 

Hawaii Unites il 9 gennaio ha depositato un memorandum di 70 pagine che dettagliava ulteriormente le argomentazioni del gruppo, ma il giudice della Corte di Prima Circoscrizione John M. Tonaki ha concesso un giudizio sommario a favore dello Stato.

 

Lia ha detto a The Defender che ci sono «diversi problemi» con la sentenza nel caso in cui il gruppo decidesse di appellarsi contro la decisione di Tonaki.

 

Lia ha affermato che ci sono differenze significative tra ciò che è stato proposto nella valutazione ambientale finale e ciò che è attualmente in fase di attuazione a East Maui. Ad esempio, ha affermato che il gruppo ritiene che le zanzare vengano rilasciate esclusivamente tramite elicotteri anziché droni, il che non è coerente con il sistema di rilascio descritto nella valutazione ambientale.

 

«Ciò significa che gli elicotteri volano più vicino alla chioma degli alberi rispetto al livello indicato nella FEA [valutazione ambientale finale], aumentando il potenziale di impatti negativi come i disturbi acustici; disturbi della nidificazione, della riproduzione e del riposo; lavaggio del rotore dell’elicottero; incidenti e collisioni; e incendi boschivi», ha detto.

 

Secondo Lia, Tonaki ha ignorato la testimonianza di un testimone esperto , il dottor Lorrin Pang, esperto di malattie tropicali e vettori , capo dell’ufficio sanitario distrettuale delle Hawaii per Maui, che ha testimoniato come privato cittadino per conto di Hawaii Unites «sulla mancanza di studi da parte dello stato dei rischi del progetto».

 

«La corte non ha riconosciuto le serie preoccupazioni del dottor Pang circa la trasmissione orizzontale dei batteri introdotti, la deriva del vento da parte dei biopesticidi delle zanzare alterate in laboratorio in aree non previste, la superinfezione di zanzare con ceppi batterici multipli, l’aumento dell’infezione da agenti patogeni e la capacità di diffusione della malattia nelle zanzare, e la natura sperimentale del progetto: tutte le questioni che non sono state sufficientemente affrontate o mancanti del tutto dalla FEA e i fatti rilevanti per la causa» ha detto Lia.

 

Il progetto gode di un potente sostegno

Secondo Lia, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha stanziato più di 30 milioni di dollari per la fase del piano statale contro la malaria aviaria. Il progetto ha inoltre ottenuto più di 14 milioni di dollari dall’Infrastructure Investment and Jobs Act bipartisan adottato nel 2021 e altri 16 milioni di dollari attraverso l’Agenda 2023 di investimento in America del presidente Joe Biden per prevenire l’imminente estinzione degli uccelli delle foreste hawaiane.

 

«Si prevede che sovvenzioni, collaborazioni con università del continente e finanziamenti pubblici e privati ​​incentiveranno l’uso della tecnologia delle zanzare modificata in laboratorio alle Hawaii anche in futuro», ha affermato.

 

Birds, Not Mosquitoes afferma che il progetto è finanziato attraverso un mix di donatori pubblici e privati, compresi donatori anonimi, tra cui l’American Bird Conservancy, il Dipartimento del territorio e delle risorse naturali delle Hawaii, l’US Fish and Wildlife Service, il National Park Service, The Nature Conservancy e la National Fish and Wildlife Foundation.

 

I precedenti finanziatori includevano «l’Hawai’i Invasive Species Council e donatori privati ​​anonimi».

 

Un’altra organizzazione partner del progetto, il Kauai Forest Bird Recovery Project, elenca Corteva Agriscience come uno dei suoi partner. Corteva Agriscience è un conglomerato formato dalla fusione di Dow AgroSciences e DuPont/Pioneer e possiede numerosi brevetti per la tecnologia di editing genetico CRISPR.

 

In particolare, però, non è noto che le zanzare utilizzate nel progetto Hawaii siano geneticamente modificate.

Aiuta Renovatio 21

In un’intervista del marzo 2022 con Gates Philanthropy Partners, Scott O’Neill, Ph.D., fondatore del World Mosquito Program , ha elogiato le capacità del Wolbachia, il batterio ora utilizzato nel progetto Hawaii, che secondo lui è «sicuro per gli esseri umani perché prospera nelle api, nelle farfalle, nelle falene e nei moscerini della frutta», poiché lo sono «parte della nostra catena alimentare».

 

O’Neill ha aggiunto:

 

«Ciò che rende Wolbachia un miracolo medico è il fatto che quando viene introdotto nell’Aedes Egypti [zanzare], blocca efficacemente la capacità di molti dei virus che fanno ammalare le persone di crescere nella zanzara. E se i virus non possono replicarsi, non possono essere trasmessi agli esseri umani.

 

«Il nostro team ha introdotto con successo un ceppo di Wolbachia prelevato dai moscerini della frutta nell’Aedes Egypti più di dieci anni fa e, negli ultimi 10 anni, abbiamo dimostrato che quando gli Aedes Egypti portatori di Wolbachia vengono rilasciati nell’ambiente, riducono la trasmissione della dengue in quella posizione. Siamo inoltre fiduciosi che sia efficace contro chikungunyaZika e molti altri arbovirus in base alle nostre ricerche di laboratorio».

 

«Maui è il punto zero per questi rilasci di zanzare»

Lia ha detto che il suo gruppo è preoccupato che le zanzare attualmente rilasciate siano sperimentali.

 

«Lo Stato ha mentito sul fatto che batteri estranei vengono introdotti alle Hawaii attraverso l’infezione di queste zanzare, e le zanzare stesse sono organismi estranei che provengono dall’esterno delle isole. Lo Stato ha anche mentito sulla documentazione che mostra che fino a 3.103 zanzare femmine alterate in laboratorio che pungono, si riproducono e diffondono malattie possono essere rilasciate settimanalmente a Maui», ha aggiunto Lia.

 

«Non esistono protocolli di biosicurezza per queste zanzare importate e nessun piano di mitigazione in atto se qualcosa va storto», ha detto.

 

«Il batterio Wolbachia è una forma di vita e non c’è modo che questo progetto possa essere autonomo. I batteri possono trasmettersi orizzontalmente nell’ambiente alle zanzare selvatiche e ad altri insetti vettori di malattie».

Sostieni Renovatio 21

«Le popolazioni di zanzare a Maui potrebbero essere superate e sostituite da queste zanzare modificate in laboratorio», ha detto Lia.

 

«E se si scoprisse che sono più capaci di diffondere malattie?» chiede Lia. «Le zanzare delle case del sud trasmettono malattie umane tra cui il virus del Nilo occidentale, l’encefalite e l’elefantiasi, e sono un potenziale vettore del virus Zika».

 

«Gli screening degli agenti patogeni per queste zanzare sono sconosciuti e tali informazioni vengono nascoste al pubblico. Le zanzare maschi infette da laboratorio possono trasmettere virus alle femmine che mordono attraverso l’accoppiamento. La deriva dei biopesticidi, la deriva delle zanzare alterate in laboratorio trasportate dal vento verso aree non previste, potrebbe influenzare non solo l’efficacia ma anche la sicurezza del progetto. Anche la superinfezione delle zanzare con ceppi multipli di batteri Wolbachia potrebbe avere un impatto sull’efficacia e sulla sicurezza».

 

«Tutti questi meccanismi possono interagire tra loro e avere cumulativamente effetti negativi sostanziali. Niente di tutto questo è stato studiato dalle agenzie Birds, Not Mosquitoes che rilasciano queste zanzare… La portata e la portata di questo piano hanno potenziali impatti significativi che potrebbero causare effetti catastrofici sulla salute delle nostre isole».

 

Secondo Lia, Hawaii Unites ha lanciato una campagna per raccogliere 30.000 dollari necessari entro la fine del mese per presentare ricorso.

 

«Se la decisione del giudice non verrà impugnata, costituirà un precedente per consentire un’inadeguata revisione ambientale dei futuri progetti sperimentali proposti che potrebbero avere impatti significativi sui nostri fragili ecosistemi», ha affermato Lia.

 

Se dovesse andare avanti un appello, Lia ha detto che il suo gruppo si aspetta «di ottenere da parte dello Stato l’ammissione che non sono stati condotti studi adeguati per valutare i rischi di questo progetto».

 

«Prevediamo inoltre che i documenti, i contratti e le comunicazioni richieste allo Stato riveleranno dettagli importanti su questo progetto che sono stati travisati al pubblico», ha aggiunto.

 

«Maui è il punto zero per questi rilasci di zanzare, e il nostro caso davanti al tribunale ambientale può costituire un forte precedente per impedire che questo programma vada avanti qui alle Hawaii e si espanda a livello globale», ha detto Lia. «Questo caso e le nostre voci come comunità hanno il diritto di essere ascoltate».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 6 febbraio 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari