Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Biden ha perso l’Arabia Saudita?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

L’ignominioso ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan ha aperto un buco globale nel sistema di dominazione mondiale elaborato dopo il 1945, un vuoto di potere che probabilmente porterà a conseguenze irreversibili. Il caso immediato è se gli strateghi di Washington di Biden – poiché chiaramente lui decide la politica – sono già riusciti a perdere il sostegno del suo più grande acquirente di armi e alleato strategico regionale, il Regno dell’Arabia Saudita. Sin dai primi giorni dell’inaugurazione di Biden a fine gennaio, le politiche statunitensi stanno spingendo la monarchia saudita a perseguire un drammatico cambiamento nella politica estera. Le conseguenze a lungo termine potrebbero essere enormi.

 

 

 

Nella loro prima settimana in carica, l’amministrazione Biden ha indicato un drammatico cambiamento nelle relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Ha annunciato un blocco delle vendite di armi al Regno mentre esaminava gli accordi sulle armi di Trump.

 

Poi, alla fine di febbraio, l’Intelligence statunitense ha pubblicato un rapporto che condannava il governo saudita per l’uccisione del giornalista saudita del Washington Post Adnan Khashoggi a Istanbul nell’ottobre 2018, cosa che l’amministrazione Trump si era rifiutata di fare.

 

MbS si rende conto chiaramente di essere stato giocato sia da Trump che ora da Biden.

A ciò si è unito il ritiro da parte di Washington della leadership anti-saudita yemenita degli Houthi dalla lista dei terroristi statunitensi, mentre poneva fine al sostegno militare degli Stati Uniti all’Arabia Saudita nella sua guerra in Yemen con le forze Houthi sostenute dall’Iran, una mossa che ha incoraggiato gli Houthi a perseguire attacchi missilistici e droni su obiettivi sauditi.

 

 

Politica del Pentagono post-911

Mentre il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman è stato finora attento a evitare una rottura con Washington, i suoi movimenti dal cambio di regime di Biden a gennaio sono stati significativi.

 

Al centro c’è una serie di negoziati segreti con l’ex acerrimo nemico dell’Iran e il suo nuovo presidente. I colloqui sono iniziati ad aprile a Baghdad tra Riyadh e Teheran per esplorare un possibile riavvicinamento.

 

La strategia geopolitica di Washington negli ultimi due decenni è stata quella di accendere i conflitti e portare l’intero Medio Oriente nel caos come parte di una dottrina approvata per la prima volta da Cheney e Rumsfeld dopo l’11 settembre 2001, a volte citata dall’amministrazione George W. Bush come il Greater Middle East, «Grande Medio Oriente», formulata dal defunto ammiraglio americano Arthur Cebrowski dell’Ufficio per la trasformazione della forza del Pentagono di Rumsfeld dopo l’11 settembre.

 

Le placche tettoniche del Medio Oriente e della geopolitica eurasiatica si stanno spostando e le implicazioni sono sbalorditive.

Assistente di Cebrowski, Thomas Barnett, ha descritto questa nuova strategia del caos deliberato nel suo libro del 2004, The Pentagon’s New MapWar and Peace in the Twenty-first Century, subito dopo la non provocata invasione statunitense dell’Iraq. Ricordiamo che nessuno ha mai trovato prove delle armi di distruzione di massa di Saddam.

 

Barnett era un professore presso l’US Naval War College e in seguito stratega per la società di consulenza israeliana Wikistrat.

 

Secondo la sua descrizione, gli interi confini nazionali del Medio Oriente post-ottomano tracciati dagli europei dopo la prima guerra mondiale, incluso l’Afghanistan, dovevano essere dissolti e gli stati attuali balcanizzati in sunniti, curdi, sciiti e altre entità etniche o religiose per garantire decenni di caos e instabilità che richiedono una presenza militare «forte» degli Stati Uniti come controllore.

 

Ciò divenne i due decenni di catastrofica occupazione statunitense in Afghanistan e Iraq e oltre. Era un caos deliberato.

 

Il Segretario di Stato Condi Rice ha affermato nel 2006 che il Grande Medio Oriente, noto anche come Nuovo Medio Oriente, sarebbe stato raggiunto attraverso il «caos costruttivo». A causa di un enorme contraccolpo da parte dell’Arabia Saudita e di altri Paesi della regione, il nome è stato sepolto, ma è rimasta la strategia del caos.

 

Le rivoluzioni colorate della «primavera araba» di Obama, lanciate nel dicembre 2010 con le destabilizzazioni di Tunisia, Egitto e Libia da parte della CIA e del Dipartimento di Stato Clinton, da parte delle reti dei Fratelli Musulmani sostenute dagli Stati Uniti, sono state un’ulteriore attuazione della nuova politica statunitense di caos e destabilizzazione.

La strategia geopolitica di Washington negli ultimi due decenni è stata quella di accendere i conflitti e portare l’intero Medio Oriente nel caos

 

Seguì poi l’invasione per procura degli Stati Uniti della Siria, così come lo Yemen con la rivoluzione Houthi segretamente appoggiata dagli Stati Uniti contro il presidente dello Yemen Ali Abdullah Saleh nel 2012.

 

Il conflitto in corso tra Teheran e Riyadh ha le sue radici in quella strategia Pentagono-CIA Cebrowski-Barnett.

 

Ha segnato e alimentato la spaccatura tra Qatar pro-Fratellanza Musulmana e Riyadh anti-Fratellanza nel 2016, dopo di che il Qatar ha cercato il sostegno di Iran e Turchia.

 

Ha segnato l’amara guerra per procura in Siria tra le forze appoggiate dall’Arabia Saudita contro le forze appoggiate dall’Iran.

 

Ha segnato la guerra per procura tra Arabia Saudita e Teheran nello Yemen e lo stallo politico in Libano.

 

Ora il regime saudita sotto MbS sembra avviarsi a una svolta importante da quella guerra sciita-sunnita per il dominio del mondo islamico, perseguendo la pace con i suoi nemici, compreso l’Iran.

 

 

Teheran è la chiave

Sotto l’amministrazione Trump, la politica è passata da un apparente sostegno degli Stati Uniti all’Iran sotto Obama con il JCPOA nucleare del 2015 e a svantaggio di sauditi e Israele, a un sostegno unilaterale Trump-Kushner per l’Arabia Saudita e Israele, uscendo dal JCPOA, e l’imposizione di sanzioni economiche draconiane su Teheran e altre mosse incarnate per l’ultima volta nei mal concepiti accordi di Abramo  contro Teheran.

 

Ora il regime saudita sotto MbS sembra avviarsi a una svolta importante da quella guerra sciita-sunnita per il dominio del mondo islamico, perseguendo la pace con i suoi nemici, compreso l’Iran.

MbS e i sauditi stanno chiaramente guardando alle spalle con Washington e si stanno muovendo per disinnescare più zone di conflitto che li avevano portati in un vicolo cieco scritto dagli Stati Uniti.

 

Washington sotto Trump aveva alimentato MbS con armi a bizzeffe (pagate con i petrodollari sauditi) per alimentare i conflitti. È stata una catastrofe per i sauditi. Ora che è diventato chiaro che un’amministrazione Biden non significa nulla di buono per loro, MbS e i sauditi hanno iniziato un perno strategico verso la fine di tutti i suoi conflitti all’interno del mondo islamico. La chiave di tutto è l’Iran.

 

 

Colloqui nei canali secondari

Ad aprile i sauditi hanno avviato il primo di quelli che ora sono tre negoziati bilaterali sulla stabilizzazione delle loro relazioni con l’Iran, colloqui segreti prima in Iraq, poi in Oman.

 

Baghdad ha un grosso interesse in una pace come la politica statunitense in Iraq dal 2003 è stata quella di creare il caos mettendo a confronto una maggioranza sciita contro un 30% di minoranza sunnita per seminare la guerra civile.

 

A luglio il primo ministro al Kadhimi si è assicurato che Biden si impegnasse a porre fine alla presenza delle truppe statunitensi entro la fine dell’anno.

 

Secondo quanto riferito, i colloqui tra Teheran e Riyadh riguardano la posizione dell’Iran nei confronti di Washington secondo le politiche del Pentagono di Biden, nonché la volontà dell’Iran di ridurre la presenza militare in Siria, Yemen e Libano.

 

I colloqui indiretti tra Stati Uniti e Iran sul ritorno all’accordo nucleare del 2015 sono stati sospesi dopo le elezioni iraniane di giugno. L’Iran ha anche annunciato che sta intensificando l’arricchimento dell’uranio.

MbS e i sauditi stanno chiaramente guardando alle spalle con Washington e si stanno muovendo per disinnescare più zone di conflitto che li avevano portati in un vicolo cieco scritto dagli Stati Uniti

 

I colloqui tra Arabia Saudita e Iran hanno coinvolto persone di alto livello di entrambe le parti, tra cui il capo saudita della direzione generale dell’intelligence Khalid al-Humaidan e il vice segretario iraniano del Consiglio supremo di sicurezza nazionale, Saeed Iravani.

 

Secondo quanto riferito, le proteste in corso all’interno dell’Iran sui costi economici del dispiegamento di truppe e degli aiuti a gruppi come Hezbollah in Libano e Siria e Houthi in Yemen sono in aumento.

 

Questo, in un momento in cui le difficoltà economiche causate dalle sanzioni statunitensi sono gravi, crea un forte incentivo per Teheran a scendere a compromessi in un riavvicinamento con Riyadh. Se accadrà, sarà un duro colpo per la strategia del caos regionale degli Stati Uniti.

 

Sebbene non sia ancora a portata di mano un accordo, è stato appena annunciato un quarto colloquio che indica la volontà di raggiungere un compromesso non appena il governo del neoeletto presidente iraniano Ebrahim Raisi sarà approvato dal Majlis o dal parlamento. Un accordo non sarà facile, ma entrambe le parti si rendono conto che lo status quo è una proposta perdente.

 

Allo stesso tempo, l’Iran sotto Raisi sta giocando duro con i negoziatori di Biden. Secondo quanto riferito, il leader supremo iraniano Ali Khamenei chiede all’amministrazione Biden di revocare tutte le sanzioni contro l’Iran e di risarcirlo per i danni causati, e di riconoscere l’Iran come uno stato a soglia nucleare con la capacità di produrre una bomba nucleare in breve tempo.

 

Le sanzioni statunitensi imposte nel 2018 hanno causato un aumento annuo del 250% dei prezzi alimentari e una caduta libera della valuta con il crollo delle entrate petrolifere. Raisi è sotto un’enorme pressione interna per cambiare questo, anche se Washington di Biden fino ad oggi si rifiuta di revocare le sanzioni come precondizione per riprendere i colloqui JCPOA.

 

Per Teheran la domanda è se sia meglio fidarsi di un riavvicinamento con gli stati arabi sunniti del Golfo a guida saudita, o fare affidamento su Washington, il cui curriculum di promesse non mantenute è sottolineato dalla loro catastrofica uscita da Kabul

Per Teheran la domanda è se sia meglio fidarsi di un riavvicinamento con gli stati arabi sunniti del Golfo a guida saudita, o fare affidamento su Washington, il cui curriculum di promesse non mantenute è sottolineato dalla loro catastrofica uscita da Kabul.

 

Più di recente Teheran ha ricucito le relazioni con i talebani afghani e l’equipaggiamento militare americano dall’Afghanistan preso dai talebani è stato visto in Iran, suggerendo una stretta cooperazione Iran-Afghanistan che funziona ulteriormente contro Washington.

 

Allo stesso tempo, l’Iran ha concordato con la Cina una cooperazione strategica economica da 400 miliardi di dollari per 25 anni.

 

Tuttavia, finora Pechino è apparentemente cauta nel non contestare in alcun modo le sanzioni statunitensi e sta anche cercando di stringere legami più stretti con l’Arabia Saudita, gli stati arabi del Golfo e Israele. Un riavvicinamento tra Arabia Saudita e Iran allenterebbe ulteriormente le pressioni sull’Iran.

 

Il drammatico crollo della presenza statunitense in Afghanistan dà a tutte le parti una chiara idea che, indipendentemente da chi sia il presidente degli Stati Uniti, i poteri istituzionali statunitensi dietro le quinte perseguono un programma di distruzione e non si può più fare affidamento sulla fedeltà alle loro promesse di sostegno.

 

Il drammatico crollo della presenza statunitense in Afghanistan dà a tutte le parti una chiara idea che, indipendentemente da chi sia il presidente degli USA, i poteri istituzionali statunitensi dietro le quinte perseguono un programma di distruzione e non si può più fare affidamento sulla fedeltà alle loro promesse di sostegno

Le implicazioni di un vero accordo tra Arabia Saudita e Iran sarebbero un importante perno in termini geopolitici. Oltre a porre fine alla guerra in Yemen e alla guerra siriana per procura, potrebbe porre fine allo stallo distruttivo in Libano tra Hezbollah sostenuto dall’Iran e i principali interessi sauditi.

 

È qui che i recenti colloqui sulle armi tra Riyadh e Mosca diventano più che interessanti.

 

 

Il ruolo centrale della Russia

In questo cocktail geopolitico di interessi in competizione, il ruolo della Russia diventa strategico.

 

La Russia è l’unica grande potenza militare straniera che ha mirato a porre fine alle guerre per procura sunniti-sciiti e a creare stabilità in tutta l’Eurasia nel Medio Oriente, una sfida diretta alla strategia Cebrowski-Barnett di Washington di deliberata instabilità e caos.

 

Nell’aprile di quest’anno il presidente russo Vladimir Putin e una delegazione di imprenditori hanno fatto una rara visita a Riyadh, la prima di Putin in 12 anni.

 

È stato annunciato come un incontro di partenariato energetico, ma chiaramente era molto di più. Sono stati segnalati affari per 2 miliardi di dollari con accordi che coprono petrolio, spazio e navigazione satellitare, salute, risorse minerarie, turismo e aviazione.

La Russia è l’unica grande potenza militare straniera che ha mirato a porre fine alle guerre per procura sunniti-sciiti e a creare stabilità in tutta l’Eurasia nel Medio Oriente, una sfida diretta alla strategia Cebrowski-Barnett di Washington di deliberata instabilità e caos

 

Entrambi i Paesi hanno deciso di cooperare per stabilizzare i prezzi del petrolio, un passo importante. Putin e MbS hanno sottolineato che petrolio e gas naturale continueranno a svolgere un ruolo importante negli anni a venire, uno schiaffo all’agenda verde del Grande Reset di Davos. Anche il fondo sovrano russo RDIF ha aperto il suo primo ufficio estero a Riyadh.

 

Preso da solo è stato interessante, ma il fatto che sia stato seguito quattro mesi dopo da una visita del vice ministro della Difesa dell’Arabia Saudita, il principe Khalid bin Salman in Russia all’annuale Forum tecnico militare internazionale (ARMY 2021) vicino a Mosca, conferisce un nuovo significato a anche i crescenti legami sauditi-russi in un momento Biden & Co. stanno «ricalibrando» i legami USA-Sauditi come ha affermato il Dipartimento di Stato, qualunque cosa significhi.

 

Khalid ha twittato: «Ho firmato un accordo con il vice ministro della Difesa russo, il colonnello generale Alexander Fomin, tra il Regno e la Federazione Russa, volto a sviluppare una cooperazione militare congiunta tra i due Paesi».

 

Bin Salman ha anche aggiunto, «ho incontrato il ministro della Difesa russo Sergey Shoygu per esplorare modi per rafforzare la cooperazione militare e di difesa e ha discusso del nostro sforzo comune per preservare la stabilità e sicurezza nella regione».

 

In particolare, la Russia ha condotto esercitazioni militari congiunte con l’Iran negli ultimi anni ed è anche molto adatta a promuovere una distensione tra Arabia Saudita e Iran.

 

I colloqui di Mosca sono arrivati ​​solo poche settimane dopo che l’amministrazione del Pentagono e Biden ha annunciato che stava rimuovendo otto sistemi antimissile Patriot dall’Arabia Saudita, dalla Giordania, dal Kuwait e dall’Iraq, oltre a rimuovere un sistema Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) dall’Arabia Saudita, accelerando il ritiro delle truppe statunitensi dalla regione, mosse che difficilmente aumentano la fiducia in Washington come protettore dell’Arabia Saudita.

 

È chiaro che la monarchia saudita ha capito, soprattutto sulla scia del brusco abbandono dell’Afghanistan da parte di Biden ai talebani, che la continua dipendenza da un ombrello di sicurezza statunitense di cui ha goduto dagli shock petroliferi degli anni ’70, è un’illusione sbiadita

La migliore tecnologia di difesa antimissilistica al mondo, il sistema di difesa aerea S-400, è prodotta in Russia, così come una vasta gamma di altre attrezzature militari.

 

Tutte queste mosse dei sauditi non porteranno chiaramente a una rottura improvvisa con Washington. Ma è chiaro che la monarchia saudita ha capito, soprattutto sulla scia del brusco abbandono dell’Afghanistan da parte di Biden ai talebani, che la continua dipendenza da un ombrello di sicurezza statunitense di cui ha goduto dagli shock petroliferi degli anni ’70, è un’illusione sbiadita.

 

MbS si rende conto chiaramente di essere stato giocato sia da Trump che ora da Biden.

 

Le placche tettoniche del Medio Oriente e della geopolitica eurasiatica si stanno spostando e le implicazioni sono sbalorditive.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Maduro: Israele ha lo stesso sostegno occidentale di Hitler

Pubblicato

il

Da

L’Israele moderno gode dello «stesso incoraggiamento, degli stessi finanziamenti e dello stesso sostegno» dell’Occidente che ebbe la Germania nazista di Adolfo Hitler prima della Seconda Guerra Mondiale, ha affermato il presidente venezuelano Nicolas Maduro.

 

Lo ha affermato il presidente nel corso del programma televisivo Con Maduro Plus, appoggiando la valutazione della situazione in Medio Oriente fornita recentemente dal suo omologo brasiliano Ignazio Lula da Silva.

 

«Cognomi potenti negli Stati Uniti, in Europa e a Londra hanno sostenuto e celebrato l’arrivo di Hitler al potere nel 1933. Lo hanno incoraggiato e gli hanno permesso di perseguitare i miei antenati ebrei», ha affermato il Maduro. Il presidente venezuelano aveva reso pubbliche le sue origini ebraiche all’inizio degli anni 2010, rivelando che i suoi nonni erano ebrei sefarditi convertiti al cattolicesimo.

 

Le élite occidentali «sono rimaste in silenzio perché stavano preparando Hitler affinché lanciasse la sua potenza militare contro l’Unione Sovietica», ha spiegato Maduro, sottolineando che, in definitiva, Hitler era «un costrutto, un mostro» creato dall’Occidente collettivo.

 

Sostieni Renovatio 21

Il moderno Israele si è trasformato nella stessa cosa, ha affermato il presidente, esortando gli ebrei, ancora fedeli alle proprie radici, a porre fine al «massacro» in corso dei palestinesi.

 

«Anche l’apparato militare criminale dello Stato di Israele riceve lo stesso incoraggiamento, gli stessi finanziamenti e lo stesso sostegno» dell’Occidente, ha sottolineato Maduro. «Come ha affermato il presidente Lula da Silva, il governo israeliano sta facendo» ai palestinesi «la stessa cosa che Hitler fece al popolo ebraico”.

 

Il presidente brasiliano da Silva ha pronunciato commenti esplosivi durante il fine settimana, descrivendo l’azione militare di Israele contro i militanti di Hamas a Gaza come «genocidio» e «massacro».

 

«Ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza e al popolo palestinese non esisteva in nessun altro momento storico. In effetti esisteva: quando Hitler decise di uccidere gli ebrei», ha affermato.

 

Le osservazioni hanno avuto un’accoglienza estremamente scarsa in Israele, con diversi alti funzionari che hanno espresso la loro indignazione per i suoi commenti sull’Olocausto. Il primo ministro israeliano Beniamino Netanyahu ha criticato le parole del presidente brasiliano come «vergognose e serie», avvertendo che stavano «oltrepassando una linea rossa».

 

Alla fine, il presidente brasiliano è stato dichiarato persona non grata in Israele, con il ministro degli Esteri Israel Katz che ha avvertito che lo Stato Ebraico «non dimenticherà né perdonerà» il presunto «grave attacco antisemita» del Lula, esortando il leader a prendere la sua posizione. parole indietro.

 

Brasilia, tuttavia, ha apparentemente respinto le critiche, con il consigliere capo di Lula, Celso Amorim, che ha descritto la mossa di dichiarare il presidente persona non grata come «assurda».

Aiuta Renovatio 21

Quella del Maduro costituisce l’ennesima «reductio ad Hitlerum» a cui sta andando incontro lo Stato di Israele.

 

Come riportato da Renovatio 21, negli scorsi mesi il leader turco Erdogan ha paragonato più volte il primo ministro Beniamino Netanyahu ad Adolfo Hitler e ha condannato l’operazione militare a Gaza, per ricordare appena due settime fa come guerra israeliana a Gaza «ricorda i nazisti».

 

La reductio ad Hitlerum costituisce un tentativo di discreditare l’argomentazione di qualcuno basandosi sul fatto che l’idea in questione sia stata promossa o praticata dallo Hitler, attraverso il confronto delle azioni di qualcuno con quelle del partito nazista. Questo termine fu coniato nel 1953 da Leo Strauss, fondatore dei neocon, controverso filosofo di discendenza ebraico-tedesca.

 

Secondo lo Strauss, la reductio ad Hitlerum rappresenta una forma di accusa ad hominem, il cui ragionamento si basa sulla colpa per associazione ideale. È una strategia comunemente impiegata per deviare le discussioni, poiché tali paragoni tendono a distrarre e irritare l’interlocutore.

 

Strauss non aveva contezza della «legge di Godwin», la quale sarebbe emersa nel 1990 durante i primi anni delle discussioni su Internet. La legge di Godwin, nota anche come legge delle analogie naziste, afferma che «man mano che una discussione online si protrae, la probabilità di un confronto che coinvolga nazisti o Hitler si avvicina a 1».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Cancilleria del Ecuador via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic

 

Continua a leggere

Geopolitica

Di nuovo tensioni tra Azerbaigian e Armenia: si teme la ripresa del conflitto

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   A pochi giorni dalla rielezione plebiscitaria di Aliev i soldati azeri hanno aperto il fuoco accusando gli armeni di «provocazione». Pašinyan replica agli ultimatum, mentre si allontanano le prospettive di un accordo di pace. Le nuove rivendicazioni di Baku sull’enclave del Nakhičevan.   Le trattative di pace tra Armenia e Azerbaigian sembrano rimanere ferme a un punto morto, nonostante promesse e annunci da entrambe le parti, e nuove tensioni creano la preoccupazione circa una possibile ripresa del conflitto, dopo la conquista del Nagorno Karabakh da parte di Baku lo scorso settembre.   Il politologo russo Arkadij Dubnov, a lungo consulente dei servizi di intelligence di diversi Paesi, ha commentato la situazione per Novosti Armenia, cercando di individuare i punti nevralgici del contesto caucasico.   Egli osserva che «non è passata una settimana dalla rielezione plebiscitaria di Ilham Aliev a presidente dell’Azerbaigian, che si sono subito delineati i contorni della politica del nuovo-vecchio leader», con la «operazione di risposta» dei soldati azeri di confine nei confronti di quella che è stata definita una «provocazione» degli armeni, iniziando una sparatoria che ha ucciso quattro armeni e ferito gravemente un azerbaigiano.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

A Erevan hanno cercato di prendere tempo per comprendere che cosa fosse effettivamente accaduto, ma da Baku «non hanno voluto aspettare, dando l’ordine di aprire il fuoco». Secondo Dubnov non si tratta di un incidente isolato e casuale, ma di una «recrudescenza assolutamente seria del conflitto», sullo sfondo dell’irrigidimento di Aliev circa le condizioni necessarie per la firma dell’accordo di pace.   Ora il presidente azero insiste sulla riscrittura della costituzione dell’Armenia, tema molto divisivo e molto dibattuto tra gli stessi armeni, pretendendo di escludere qualunque formula o accenno che possa essere riferito al Nagorno Karabakh. Nonostante da Erevan siano arrivati segnali di disponibilità al riguardo, tanto da eliminare il settore che si occupava dell’Artsakh al ministero degli esteri, da Baku continuano a giungere severi moniti e minacce di «usare la forza in caso di mancata esecuzione» delle richieste.   Nella tanto citata intervista di Nikol Pašinyan a The Telegraph di qualche giorno fa, il premier armeno ha ricordato gli ultimatum di Aliev, affermando che «egli ha detto che se vede un riarmo dell’Armenia inizierà un’operazione militare contro di noi, ha ripetuto le sue pretese di aprire un corridoio tra il territorio armeno e l’enclave azera del Nakhičevan, escludendo anche di ritirare le sue truppe dal nostro territorio, dislocate sulle alture strategiche, poiché a suo parere queste zone occupate sono necessarie per tenere sotto controllo le intenzioni degli armeni».   Pašinyan ritiene dunque che «l’Azerbaigian stia compiendo diversi passi indietro rispetto a quanto già accordato precedentemente», mentre l’Armenia intende rivendicare il «diritto sovrano di ogni Paese indipendente» ad avere un esercito forte ed efficiente. Aliev definisce questa aspirazione di Erevan come una «espressione di revanscismo», e Dubnov è convinto che la pretesa di Baku per un disarmo totale armeno sia «semplicemente assurda: l’Armenia del dopoguerra non è la Germania hitleriana del dopoguerra, o il Giappone imperiale dopo la sconfitta, con le inevitabili limitazioni alla forza militare».   Per questo «la possibilità di una nuova guerra nel Caucaso meridionale di nuovo appare ben di più che una possibilità teorica», conclude l’esperto, «e diventa sempre più chiaro perché Aliev abbia voluto affrettarsi così tanto nel tenere le elezioni anticipate».   Secondo il ministero della difesa armeno, la sparatoria iniziata dagli azeri il 13 febbraio contro le postazioni armene del distretto di Nerkin Khanda nella regione di Siunyk è da considerare soltanto «l’inizio di una nuova campagna militare di Baku», che non si sa fin dove potrebbe spingersi nei prossimi giorni.   Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne. Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Geopolitica

I leader di Mali, Burkina Faso e Niger si incontrano per formare una Confederazione. Niamey si accorda con il Marocco per l’accesso all’Atlantico

Pubblicato

il

Da

I leader degli Stati del Sahel del Mali e del Burkina Faso si sono incontrati nella capitale burkinabé Ouagadougou, il 15 febbraio, per preparare un trattato di confederazione.

 

L’incontro fa seguito all’annuncio di gennaio che tutti e tre i Paesi avrebbero rinunciato alla loro adesione alla Comunità Economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS), accusando l’ECOWAS, che aveva imposto sanzioni a tutti e tre i Paesi, di essere diventata uno strumento degli imperialisti.

 

«L’incontro che ha riunito una ventina di ministri dei tre paesi, tra cui il ministro degli Esteri del Burkinabe Karamoko Jean-Marie Traore, vuole diventare un quadro che mira a rivisitare la carta dell’Alleanza degli Stati del Sahel ed elaborare un trattato che istituisca un confederazione che unisce i tre paesi Burkina Faso, Mali e Niger», ha dichiarato il ministero degli Esteri burkinabé in un comunicato sui social media, riferisce Sputnik.

Sostieni Renovatio 21

Il ministro della Difesa del Niger, generale Salifou Modi, ha inoltre affermato che l’incontro «creerà una struttura istituzionale» per l’Alleanza degli Stati del Sahel, aggiungendo che questo meccanismo consentirà all’alleanza e alla confederazione di «funzionare efficacemente con grande gioia delle popolazioni» dei tre Paesi.

 

L’Alleanza degli Stati del Sahel è stata firmata nel settembre 2023 come «architettura di difesa collettiva». Una confederazione di questi tre stati avrebbe una popolazione complessiva di oltre 70 milioni di abitanti. L’ECOWAS sta ancora soffrendo per il ritiro dei tre Paesi.

 

Parlando a nome dell’organizzazione regionale all’incontro dei ministri degli Esteri dell’Unione africana di questa settimana, il ministro degli Esteri delle Comore e presidente del Consiglio esecutivo dell’UA, Dhoihir Dhoulkamal, ha invitato i tre paesi a rientrare nell’ECOWAS e ha chiesto di ripristinare regimi «democratici».

 

Nel frattempo il capo del Consiglio nazionale per la difesa della patria al potere in Niger, generale Abdourahamane Tiani, ha annunciato che il Niger chiederà un risarcimento alla Francia per più di 100 anni di saccheggio coloniale e neocoloniale delle risorse naturali del Niger.

 

Parallelamente, il primo ministro del Niger Ali Mahamane Lamine Zeine ha effettuato una visita di lavoro in Marocco, alla ricerca di un partenariato strategico con il regno nordafricano. Il 15 febbraio Zeine è stato ricevuto a Rabat dal primo ministro marocchino Aziz Akhannouch, al quale ha consegnato un messaggio del generale Tiani, al re Mohammed VI.

Aiuta Renovatio 21

In cima alle discussioni Zeine c’era l’iniziativa reale del re marocchino per consentire ai Paesi del Sahel di accedere all’Atlantico, che secondo il re trasformerà le economie dei Paesi africani senza sbocco sul mare e rafforzerà l’integrazione regionale per la pace e la prosperità condivise.

 

Parte del progetto è un nuovo importante porto all’avanguardia a Dakhla, nella regione del Sahara occidentale. Nonostante le rivendicazioni del Marocco sull’ex colonia spagnola del Sahara Occidentale siano state contestate, il Marocco ha presentato un piano di autonomia che è in fase di approvazione presso le Nazioni Unite.

 

L’iniziativa atlantica del Re è stata applaudita dai Paesi del Sahel, Niger, Burkina Faso, Ciad e Mali, scrive EIRN.

 

Zeine, che è anche ministro dell’Economia e delle Finanze, era accompagnato da una delegazione di alto livello comprendente i ministri degli affari esteri, della difesa e altri alti funzionari.

 

Molti degli alti ufficiali che ora ricoprono ruoli di primo piano nei paesi del Sahel avevano frequentato l’Accademia militare reale marocchina.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari