Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Biden ha perso l’Arabia Saudita?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

L’ignominioso ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan ha aperto un buco globale nel sistema di dominazione mondiale elaborato dopo il 1945, un vuoto di potere che probabilmente porterà a conseguenze irreversibili. Il caso immediato è se gli strateghi di Washington di Biden – poiché chiaramente lui decide la politica – sono già riusciti a perdere il sostegno del suo più grande acquirente di armi e alleato strategico regionale, il Regno dell’Arabia Saudita. Sin dai primi giorni dell’inaugurazione di Biden a fine gennaio, le politiche statunitensi stanno spingendo la monarchia saudita a perseguire un drammatico cambiamento nella politica estera. Le conseguenze a lungo termine potrebbero essere enormi.

 

 

 

Nella loro prima settimana in carica, l’amministrazione Biden ha indicato un drammatico cambiamento nelle relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Ha annunciato un blocco delle vendite di armi al Regno mentre esaminava gli accordi sulle armi di Trump.

 

Poi, alla fine di febbraio, l’Intelligence statunitense ha pubblicato un rapporto che condannava il governo saudita per l’uccisione del giornalista saudita del Washington Post Adnan Khashoggi a Istanbul nell’ottobre 2018, cosa che l’amministrazione Trump si era rifiutata di fare.

 

MbS si rende conto chiaramente di essere stato giocato sia da Trump che ora da Biden.

A ciò si è unito il ritiro da parte di Washington della leadership anti-saudita yemenita degli Houthi dalla lista dei terroristi statunitensi, mentre poneva fine al sostegno militare degli Stati Uniti all’Arabia Saudita nella sua guerra in Yemen con le forze Houthi sostenute dall’Iran, una mossa che ha incoraggiato gli Houthi a perseguire attacchi missilistici e droni su obiettivi sauditi.

 

 

Politica del Pentagono post-911

Mentre il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman è stato finora attento a evitare una rottura con Washington, i suoi movimenti dal cambio di regime di Biden a gennaio sono stati significativi.

 

Al centro c’è una serie di negoziati segreti con l’ex acerrimo nemico dell’Iran e il suo nuovo presidente. I colloqui sono iniziati ad aprile a Baghdad tra Riyadh e Teheran per esplorare un possibile riavvicinamento.

 

La strategia geopolitica di Washington negli ultimi due decenni è stata quella di accendere i conflitti e portare l’intero Medio Oriente nel caos come parte di una dottrina approvata per la prima volta da Cheney e Rumsfeld dopo l’11 settembre 2001, a volte citata dall’amministrazione George W. Bush come il Greater Middle East, «Grande Medio Oriente», formulata dal defunto ammiraglio americano Arthur Cebrowski dell’Ufficio per la trasformazione della forza del Pentagono di Rumsfeld dopo l’11 settembre.

 

Le placche tettoniche del Medio Oriente e della geopolitica eurasiatica si stanno spostando e le implicazioni sono sbalorditive.

Assistente di Cebrowski, Thomas Barnett, ha descritto questa nuova strategia del caos deliberato nel suo libro del 2004, The Pentagon’s New MapWar and Peace in the Twenty-first Century, subito dopo la non provocata invasione statunitense dell’Iraq. Ricordiamo che nessuno ha mai trovato prove delle armi di distruzione di massa di Saddam.

 

Barnett era un professore presso l’US Naval War College e in seguito stratega per la società di consulenza israeliana Wikistrat.

 

Secondo la sua descrizione, gli interi confini nazionali del Medio Oriente post-ottomano tracciati dagli europei dopo la prima guerra mondiale, incluso l’Afghanistan, dovevano essere dissolti e gli stati attuali balcanizzati in sunniti, curdi, sciiti e altre entità etniche o religiose per garantire decenni di caos e instabilità che richiedono una presenza militare «forte» degli Stati Uniti come controllore.

 

Ciò divenne i due decenni di catastrofica occupazione statunitense in Afghanistan e Iraq e oltre. Era un caos deliberato.

 

Il Segretario di Stato Condi Rice ha affermato nel 2006 che il Grande Medio Oriente, noto anche come Nuovo Medio Oriente, sarebbe stato raggiunto attraverso il «caos costruttivo». A causa di un enorme contraccolpo da parte dell’Arabia Saudita e di altri Paesi della regione, il nome è stato sepolto, ma è rimasta la strategia del caos.

 

Le rivoluzioni colorate della «primavera araba» di Obama, lanciate nel dicembre 2010 con le destabilizzazioni di Tunisia, Egitto e Libia da parte della CIA e del Dipartimento di Stato Clinton, da parte delle reti dei Fratelli Musulmani sostenute dagli Stati Uniti, sono state un’ulteriore attuazione della nuova politica statunitense di caos e destabilizzazione.

La strategia geopolitica di Washington negli ultimi due decenni è stata quella di accendere i conflitti e portare l’intero Medio Oriente nel caos

 

Seguì poi l’invasione per procura degli Stati Uniti della Siria, così come lo Yemen con la rivoluzione Houthi segretamente appoggiata dagli Stati Uniti contro il presidente dello Yemen Ali Abdullah Saleh nel 2012.

 

Il conflitto in corso tra Teheran e Riyadh ha le sue radici in quella strategia Pentagono-CIA Cebrowski-Barnett.

 

Ha segnato e alimentato la spaccatura tra Qatar pro-Fratellanza Musulmana e Riyadh anti-Fratellanza nel 2016, dopo di che il Qatar ha cercato il sostegno di Iran e Turchia.

 

Ha segnato l’amara guerra per procura in Siria tra le forze appoggiate dall’Arabia Saudita contro le forze appoggiate dall’Iran.

 

Ha segnato la guerra per procura tra Arabia Saudita e Teheran nello Yemen e lo stallo politico in Libano.

 

Ora il regime saudita sotto MbS sembra avviarsi a una svolta importante da quella guerra sciita-sunnita per il dominio del mondo islamico, perseguendo la pace con i suoi nemici, compreso l’Iran.

 

 

Teheran è la chiave

Sotto l’amministrazione Trump, la politica è passata da un apparente sostegno degli Stati Uniti all’Iran sotto Obama con il JCPOA nucleare del 2015 e a svantaggio di sauditi e Israele, a un sostegno unilaterale Trump-Kushner per l’Arabia Saudita e Israele, uscendo dal JCPOA, e l’imposizione di sanzioni economiche draconiane su Teheran e altre mosse incarnate per l’ultima volta nei mal concepiti accordi di Abramo  contro Teheran.

 

Ora il regime saudita sotto MbS sembra avviarsi a una svolta importante da quella guerra sciita-sunnita per il dominio del mondo islamico, perseguendo la pace con i suoi nemici, compreso l’Iran.

MbS e i sauditi stanno chiaramente guardando alle spalle con Washington e si stanno muovendo per disinnescare più zone di conflitto che li avevano portati in un vicolo cieco scritto dagli Stati Uniti.

 

Washington sotto Trump aveva alimentato MbS con armi a bizzeffe (pagate con i petrodollari sauditi) per alimentare i conflitti. È stata una catastrofe per i sauditi. Ora che è diventato chiaro che un’amministrazione Biden non significa nulla di buono per loro, MbS e i sauditi hanno iniziato un perno strategico verso la fine di tutti i suoi conflitti all’interno del mondo islamico. La chiave di tutto è l’Iran.

 

 

Colloqui nei canali secondari

Ad aprile i sauditi hanno avviato il primo di quelli che ora sono tre negoziati bilaterali sulla stabilizzazione delle loro relazioni con l’Iran, colloqui segreti prima in Iraq, poi in Oman.

 

Baghdad ha un grosso interesse in una pace come la politica statunitense in Iraq dal 2003 è stata quella di creare il caos mettendo a confronto una maggioranza sciita contro un 30% di minoranza sunnita per seminare la guerra civile.

 

A luglio il primo ministro al Kadhimi si è assicurato che Biden si impegnasse a porre fine alla presenza delle truppe statunitensi entro la fine dell’anno.

 

Secondo quanto riferito, i colloqui tra Teheran e Riyadh riguardano la posizione dell’Iran nei confronti di Washington secondo le politiche del Pentagono di Biden, nonché la volontà dell’Iran di ridurre la presenza militare in Siria, Yemen e Libano.

 

I colloqui indiretti tra Stati Uniti e Iran sul ritorno all’accordo nucleare del 2015 sono stati sospesi dopo le elezioni iraniane di giugno. L’Iran ha anche annunciato che sta intensificando l’arricchimento dell’uranio.

MbS e i sauditi stanno chiaramente guardando alle spalle con Washington e si stanno muovendo per disinnescare più zone di conflitto che li avevano portati in un vicolo cieco scritto dagli Stati Uniti

 

I colloqui tra Arabia Saudita e Iran hanno coinvolto persone di alto livello di entrambe le parti, tra cui il capo saudita della direzione generale dell’intelligence Khalid al-Humaidan e il vice segretario iraniano del Consiglio supremo di sicurezza nazionale, Saeed Iravani.

 

Secondo quanto riferito, le proteste in corso all’interno dell’Iran sui costi economici del dispiegamento di truppe e degli aiuti a gruppi come Hezbollah in Libano e Siria e Houthi in Yemen sono in aumento.

 

Questo, in un momento in cui le difficoltà economiche causate dalle sanzioni statunitensi sono gravi, crea un forte incentivo per Teheran a scendere a compromessi in un riavvicinamento con Riyadh. Se accadrà, sarà un duro colpo per la strategia del caos regionale degli Stati Uniti.

 

Sebbene non sia ancora a portata di mano un accordo, è stato appena annunciato un quarto colloquio che indica la volontà di raggiungere un compromesso non appena il governo del neoeletto presidente iraniano Ebrahim Raisi sarà approvato dal Majlis o dal parlamento. Un accordo non sarà facile, ma entrambe le parti si rendono conto che lo status quo è una proposta perdente.

 

Allo stesso tempo, l’Iran sotto Raisi sta giocando duro con i negoziatori di Biden. Secondo quanto riferito, il leader supremo iraniano Ali Khamenei chiede all’amministrazione Biden di revocare tutte le sanzioni contro l’Iran e di risarcirlo per i danni causati, e di riconoscere l’Iran come uno stato a soglia nucleare con la capacità di produrre una bomba nucleare in breve tempo.

 

Le sanzioni statunitensi imposte nel 2018 hanno causato un aumento annuo del 250% dei prezzi alimentari e una caduta libera della valuta con il crollo delle entrate petrolifere. Raisi è sotto un’enorme pressione interna per cambiare questo, anche se Washington di Biden fino ad oggi si rifiuta di revocare le sanzioni come precondizione per riprendere i colloqui JCPOA.

 

Per Teheran la domanda è se sia meglio fidarsi di un riavvicinamento con gli stati arabi sunniti del Golfo a guida saudita, o fare affidamento su Washington, il cui curriculum di promesse non mantenute è sottolineato dalla loro catastrofica uscita da Kabul

Per Teheran la domanda è se sia meglio fidarsi di un riavvicinamento con gli stati arabi sunniti del Golfo a guida saudita, o fare affidamento su Washington, il cui curriculum di promesse non mantenute è sottolineato dalla loro catastrofica uscita da Kabul.

 

Più di recente Teheran ha ricucito le relazioni con i talebani afghani e l’equipaggiamento militare americano dall’Afghanistan preso dai talebani è stato visto in Iran, suggerendo una stretta cooperazione Iran-Afghanistan che funziona ulteriormente contro Washington.

 

Allo stesso tempo, l’Iran ha concordato con la Cina una cooperazione strategica economica da 400 miliardi di dollari per 25 anni.

 

Tuttavia, finora Pechino è apparentemente cauta nel non contestare in alcun modo le sanzioni statunitensi e sta anche cercando di stringere legami più stretti con l’Arabia Saudita, gli stati arabi del Golfo e Israele. Un riavvicinamento tra Arabia Saudita e Iran allenterebbe ulteriormente le pressioni sull’Iran.

 

Il drammatico crollo della presenza statunitense in Afghanistan dà a tutte le parti una chiara idea che, indipendentemente da chi sia il presidente degli Stati Uniti, i poteri istituzionali statunitensi dietro le quinte perseguono un programma di distruzione e non si può più fare affidamento sulla fedeltà alle loro promesse di sostegno.

 

Il drammatico crollo della presenza statunitense in Afghanistan dà a tutte le parti una chiara idea che, indipendentemente da chi sia il presidente degli USA, i poteri istituzionali statunitensi dietro le quinte perseguono un programma di distruzione e non si può più fare affidamento sulla fedeltà alle loro promesse di sostegno

Le implicazioni di un vero accordo tra Arabia Saudita e Iran sarebbero un importante perno in termini geopolitici. Oltre a porre fine alla guerra in Yemen e alla guerra siriana per procura, potrebbe porre fine allo stallo distruttivo in Libano tra Hezbollah sostenuto dall’Iran e i principali interessi sauditi.

 

È qui che i recenti colloqui sulle armi tra Riyadh e Mosca diventano più che interessanti.

 

 

Il ruolo centrale della Russia

In questo cocktail geopolitico di interessi in competizione, il ruolo della Russia diventa strategico.

 

La Russia è l’unica grande potenza militare straniera che ha mirato a porre fine alle guerre per procura sunniti-sciiti e a creare stabilità in tutta l’Eurasia nel Medio Oriente, una sfida diretta alla strategia Cebrowski-Barnett di Washington di deliberata instabilità e caos.

 

Nell’aprile di quest’anno il presidente russo Vladimir Putin e una delegazione di imprenditori hanno fatto una rara visita a Riyadh, la prima di Putin in 12 anni.

 

È stato annunciato come un incontro di partenariato energetico, ma chiaramente era molto di più. Sono stati segnalati affari per 2 miliardi di dollari con accordi che coprono petrolio, spazio e navigazione satellitare, salute, risorse minerarie, turismo e aviazione.

La Russia è l’unica grande potenza militare straniera che ha mirato a porre fine alle guerre per procura sunniti-sciiti e a creare stabilità in tutta l’Eurasia nel Medio Oriente, una sfida diretta alla strategia Cebrowski-Barnett di Washington di deliberata instabilità e caos

 

Entrambi i Paesi hanno deciso di cooperare per stabilizzare i prezzi del petrolio, un passo importante. Putin e MbS hanno sottolineato che petrolio e gas naturale continueranno a svolgere un ruolo importante negli anni a venire, uno schiaffo all’agenda verde del Grande Reset di Davos. Anche il fondo sovrano russo RDIF ha aperto il suo primo ufficio estero a Riyadh.

 

Preso da solo è stato interessante, ma il fatto che sia stato seguito quattro mesi dopo da una visita del vice ministro della Difesa dell’Arabia Saudita, il principe Khalid bin Salman in Russia all’annuale Forum tecnico militare internazionale (ARMY 2021) vicino a Mosca, conferisce un nuovo significato a anche i crescenti legami sauditi-russi in un momento Biden & Co. stanno «ricalibrando» i legami USA-Sauditi come ha affermato il Dipartimento di Stato, qualunque cosa significhi.

 

Khalid ha twittato: «Ho firmato un accordo con il vice ministro della Difesa russo, il colonnello generale Alexander Fomin, tra il Regno e la Federazione Russa, volto a sviluppare una cooperazione militare congiunta tra i due Paesi».

 

Bin Salman ha anche aggiunto, «ho incontrato il ministro della Difesa russo Sergey Shoygu per esplorare modi per rafforzare la cooperazione militare e di difesa e ha discusso del nostro sforzo comune per preservare la stabilità e sicurezza nella regione».

 

In particolare, la Russia ha condotto esercitazioni militari congiunte con l’Iran negli ultimi anni ed è anche molto adatta a promuovere una distensione tra Arabia Saudita e Iran.

 

I colloqui di Mosca sono arrivati ​​solo poche settimane dopo che l’amministrazione del Pentagono e Biden ha annunciato che stava rimuovendo otto sistemi antimissile Patriot dall’Arabia Saudita, dalla Giordania, dal Kuwait e dall’Iraq, oltre a rimuovere un sistema Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) dall’Arabia Saudita, accelerando il ritiro delle truppe statunitensi dalla regione, mosse che difficilmente aumentano la fiducia in Washington come protettore dell’Arabia Saudita.

 

È chiaro che la monarchia saudita ha capito, soprattutto sulla scia del brusco abbandono dell’Afghanistan da parte di Biden ai talebani, che la continua dipendenza da un ombrello di sicurezza statunitense di cui ha goduto dagli shock petroliferi degli anni ’70, è un’illusione sbiadita

La migliore tecnologia di difesa antimissilistica al mondo, il sistema di difesa aerea S-400, è prodotta in Russia, così come una vasta gamma di altre attrezzature militari.

 

Tutte queste mosse dei sauditi non porteranno chiaramente a una rottura improvvisa con Washington. Ma è chiaro che la monarchia saudita ha capito, soprattutto sulla scia del brusco abbandono dell’Afghanistan da parte di Biden ai talebani, che la continua dipendenza da un ombrello di sicurezza statunitense di cui ha goduto dagli shock petroliferi degli anni ’70, è un’illusione sbiadita.

 

MbS si rende conto chiaramente di essere stato giocato sia da Trump che ora da Biden.

 

Le placche tettoniche del Medio Oriente e della geopolitica eurasiatica si stanno spostando e le implicazioni sono sbalorditive.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Himalaya: Pechino e Delhi rilanciano colloqui di confine, ma armano le truppe

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Stallo sul ritiro delle rispettive forze lungo la frontiera provvisoria. I cinesi posizionano nella regione lanciamissili a lunga gittata; gli indiani obici M777. India: abbiamo le capacità per fronteggiare l’esercito cinese. La Cina è meglio armata, ma i suoi soldati non sono abituati a combattere in alta montagna.

 

 

Cina e India riprenderanno entro fine mese gli incontri militari per risolvere le loro dispute territoriali sul confine himalayano.

 

L’ultimo round negoziale si è interrotto il 10 ottobre. Il fallimento dei colloqui è dovuto al rifiuto dei cinesi di ritirarsi dall’area di Hot Springs, nel Ladakh orientale, e far rientrare le loro forze in una base permanente, come fatto dagli indiani: posizioni che le due parti hanno tenuto fino ad aprile 2020. Allo stesso tempo Pechino accusa Delhi di non voler ridurre le sue truppe sull’altipiano di Depsang.

 

Cina e India condividono un confine di 3.488 km nell’Himalaya, per il quale hanno combattuto un breve ma sanguinoso conflitto nel 1962

Cina e India condividono un confine di 3.488 km nell’Himalaya, per il quale hanno combattuto un breve ma sanguinoso conflitto nel 1962. Delhi rivendica ampi settori dell’Aksai Chin (che i cinesi hanno ottenuto dal Pakistan); Pechino avanza pretese sullo Stato indiano dell’Arunachal Pradesh.

 

Negli ultimi 46 anni le due Forze armate si sono fronteggiate diverse volte, spesso senza registrare vittime.

 

Il 15 giugno 2020 truppe indiane e cinesi si sono affrontate però nella valle di Galwan, tra il Ladakh indiano e l’Aksai Chin cinese: 20 soldati indiani sono morti; fonti non confermate all’inizio parlavano di 45 vittime fra i cinesi.

 

Lo stallo nei negoziati ha portato a una crescente militarizzazione del confine sino-indiano

 

Secondo il South China Morning Post, che cita fonti vicine all’esercito cinese, di recente Pechino ha schierato alla frontiera con l’India più di 100 sofisticati lanciamissili a lunga gittata. La mossa dell’Esercito popolare di liberazione sarebbe una risposta al dispiegamento nelle aree contese di tre reggimenti indiani armati con pezzi d’artiglieria M777.

 

Analisti cinesi osservano che la Cina ha un vantaggio numerico e in termini di armamento rispetto all’India. Gli indiani hanno però una maggiore esperienza nei combattimenti ad alta quota con temperature glaciali

Analisti cinesi osservano che la Cina ha un vantaggio numerico e in termini di armamento rispetto all’India. Gli indiani hanno però una maggiore esperienza nei combattimenti ad alta quota con temperature glaciali.

 

Il generale indiano Vinod Bhatia è convinto che l’esercito indiano abbia la forza per fronteggiare i cinesi lungo la frontiera provvisoria, soprattutto grazie alla sua abilità nel combattere in alta montagna. Il generale a riposo, ex direttore generale delle operazioni militari di Delhi, fa notare che le due parti hanno irrigidito le loro posizioni mentre si preparano a una lunga contesa, con il governo indiano che rimane fedele alla linea della «pazienza strategica» (No blinking no brinkmanship).

 

Secondo Bhatia, però, Cina e India non hanno interesse a drammatizzare la situazione: «dubito – dice l’alto ufficiale indiano ad AsiaNews – ci sarà un escalation, anche se potrebbero aumentare frequenza, intensità e portata delle trasgressioni frontaliere compiute dall’esercito cinese».

 

Il generale indiano Rajiv Narayanan, «l’India ha le capacità necessarie per opporsi alla Cina e al suo “burattino” pakistano»

Anche per un altro generale indiano, Rajiv Narayanan, «l’India ha le capacità necessarie per opporsi alla Cina e al suo “burattino” pakistano».

 

Secondo l’ex direttore generale aggiunto delle operazioni militari dell’esercito, nell’immediato Pechino non tenterà di inasprire la disputa, ma potrebbe farlo in primavera, dato che i soldati cinesi inviati sul confine himalayano hanno problemi ad acclimatarsi.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Geopolitica

Kabul, si muore di fame e freddo nei campi degli sfollati

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

La crisi umanitaria diventa sempre più grave in Afghanistan. Gli ospedali sono al collasso senza gli aiuti umanitari. I funzionari pubblici non ricevono lo stipendio da 4 mesi. Gli sforzi della diplomazia sembrano non portare da nessuna parte.

 

 

A Kabul, nei campi per gli sfollati interni, nei giorni scorsi sono morti cinque bambini per il freddo e la fame. Le famiglie erano scappate dalle province per sfuggire alle rappresaglie dei talebani prima che questi arrivassero alla capitale.

 

Nei campi non ci sono strutture sanitarie, i bambini che nascono restano senza vestiti per ore. Senza i soldi degli aiuti internazionali anche gli ospedali sono al collasso.

 

«Eravamo abituati a far nascere 70 bambini al giorno, ma ora siamo scesi a meno di 15. Avevamo più di 100 ostetriche, ora ne abbiamo 6»

«Non siamo in grado di pagare gli stipendi e le forniture a causa della situazione economica», ha raccontato Atiqullah Kariq, direttore dell’ospedale Dasht-e-Barchi a Kabul. «Eravamo abituati a far nascere 70 bambini al giorno, ma ora siamo scesi a meno di 15. Avevamo più di 100 ostetriche, ora ne abbiamo 6. Stiamo facendo del nostro meglio, ma senza un maggiore aiuto internazionale, non possiamo tornare a lavorare come prima».

 

Circa 9 miliardi di dollari (oltre 7,5 miliardi di euro) di riserve della banca centrale afghana restano bloccati nelle banche americane, per cui i salari dei dipendenti pubblici non vengono ancora pagati.

 

A Herat centinaia di insegnanti si sono uniti in protesta perché da quattro mesi non ricevono lo stipendio. La gente non riesce a pagare le bollette, gli insegnanti lamentano di non avere i soldi e i mezzi per portare i figli dal medico. «Guadagnano i soldi per vivere vendendo elettrodomestici ma ora non hanno più nulla da vendere», ha detto Mohammad Sabir Mashal, capo dell’associazione degli insegnanti.

 

Prima della creazione dell’Emirato islamico dell’Afghanistan, il 75% della spesa pubblica era finanziato da aiuti internazionali.

Prima della creazione dell’Emirato islamico dell’Afghanistan, il 75% della spesa pubblica era finanziato da aiuti internazionali

 

Intanto i Paesi confinanti hanno chiuso le porte ai richiedenti asilo afghani: il governo talebano ha detto che in meno di un mese ricomincerà a rilasciare passaporti, ma intanto la sofferenza di chi è rimasto bloccato in Afghanistan aumenta.

 

Human Rights Watch ha chiesto alle Nazioni unite e alle altre agenzie internazionali di aumentare il sostegno agli afghani che sono fuggiti o vogliono fuggire dal Paese. Chi è già scappato in Occidente ha bisogno di «soluzioni sicure e durature», mentre per chi è rimasto dovrebbe essere stabilito «un programma di partenze controllate».

 

È in questo contesto che va inserita la partecipazione dei talebani alla conferenza internazionale tenutasi ieri a Mosca, alla quale hanno partecipato i rappresentanti di Russia, Cina, Pakistan, India, Iran e cinque «stan» dell’Asia centrale. Nella dichiarazione finale chiedono l’intervento dell’ONU per evitare una crisi umanitaria di proporzioni catastrofiche, soprattutto ora che arriva l’inverno.

 

«L’onere principale dovrebbe essere sostenuto dalle forze i cui contingenti militari sono stati presenti in questo Paese negli ultimi 20 anni», hanno affermato, riferendosi agli Stati Uniti.

I talebani continuano a rassicurare il mondo di essere in grado di controllare il Paese, ma in realtà non hanno i mezzi per tenere a bada i combattenti dello Stato Islamico che nei giorni scorsi hanno condotto l’ennesima serie di attacchi, anche a Kandahar, culla del potere talebano

 

I talebani continuano a rassicurare il mondo di essere in grado di controllare il Paese, ma in realtà non hanno i mezzi per tenere a bada i combattenti dello Stato Islamico che nei giorni scorsi hanno condotto l’ennesima serie di attacchi, anche a Kandahar, culla del potere talebano.

 

La Russia e tutti gli altri Paesi vogliono evitare l’instabilità e l’infiltrazione di «estremisti islamici» (cioè l’ISISs e al-Qaeda), ma restano reticenti a riconoscere il governo dell’Emirato.

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha però dichiarato che bisogna prendere atto che «una nuova amministrazione è ora al potere». E ha chiesto ai talebani un governo più inclusivo, in cui cioè siano rappresentate tutte le fazioni etniche del Paese. Ma su questo punto la diplomazia incontra l’ennesimo stallo, perché i talebani non danno segno di voler fare concessioni.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di ResoluteSupportMedia via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Geopolitica

Pechino costruisce basi militari sul suolo tagiko per controllare l’Afghanistan

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

I cinesi starebbero sviluppando un vecchio avamposto sovietico vicino al Corridoio di Wakhan. L’obiettivo è di bloccare infiltrazioni terroristiche in territorio cinese. I talebani afghani hanno promesso di cacciare gli estremisti uiguri, nemici di Pechino. La Russia osserva le mosse della Cina nella regione.

 

 

La Cina sta costruendo basi militari e punti di osservazione alla frontiera tra Tagikistan e Afghanistan. Pechino vuole controllare la minaccia dei guerriglieri afghani più estremisti.

 

In una località non precisata, non lontano dal Corridoio di Wakhan nella provincia del Badakhshan, i cinesi mostrano ambizioni di controllo sulla regione, anche con l’addestramento di forze tagike.

 

I militari cinesi sono posizionati con ogni probabilità vicino a un vecchio avamposto sovietico (v. foto sotto), dove in realtà sono presenti già da qualche anno, per monitorare questa zona montuosa strategica. Sono state elevate torri d’osservazione e altre strutture difensive.

 

Il governo cinese e quello tagiko negano la presenza del contingente di Pechino

 

Il totale dei soldati di Pechino cresce a dismisura con la giustificazione della garanzia della sicurezza nella regione

Il governo cinese e quello tagiko negano la presenza del contingente di Pechino, ma i corrispondenti locali di Radio Azattyk hanno mostrato alcune foto del complesso in forte sviluppo negli ultimi mesi.

 

Dalle conversazioni con diversi esponenti passati e presenti delle strutture di potere in Tagikistan e Afghanistan, e con gli abitanti della zona, i giornalisti e gli analisti di Azattyk hanno fatto una stima della forza militare cinese.

 

Il totale dei soldati di Pechino cresce a dismisura con la giustificazione della garanzia della sicurezza nella regione. La Cina ha sviluppato il progetto militare basandosi sulle relazioni conflittuali tra il governo tagiko e i talebani.

 

La Cina ha sviluppato il progetto militare basandosi sulle relazioni conflittuali tra il governo tagiko e i talebani

La prima preoccupazione di Pechino rimane il controllo dei combattenti uiguri in Afghanistan, che vengono accusati di tentati attacchi nello Xinjiang.

 

Intervistato da Azattyk, Haiyun Ma, docente dell’università USA di Frostburg, nota che «la situazione in Afghanistan è piuttosto scivolosa per i cinesi, visti i rapporti tra i talebani e i terroristi uiguri, eppure Pechino deve cercare di collaborare con il regime di Kabul».

 

Gli abitanti del versante tagiko del Corridoio di Wakhan raccontano di droni militari che sorvolano continuamente la zona, e di diverse altre tecnologie di sorveglianza sparse sul territorio.

 

Il corridoio di Wakhan, stretto tra Tagikistan e Pakistan fino ai confini cinesi, è la vera zona nevralgica di tutti i possibili sviluppi militari ed economici, e la Cina è interessata a bonificarlo come punto di transito della nuova Via della Seta

Due intervistati sotto anonimato hanno affermato di aver frequentato più volte la struttura militare prima del golpe talebano, e di aver visto all’opera personale cinese insieme a tagiki e afghani: si scambiavano informazioni su entrambi i lati della frontiera. Ora questo equilibrio si è rotto, come conferma un’altra fonte anonima del governo di Dušanbe.

 

Gli afghani (talebani) non si vedono più alle trattative con i militari cinesi e tagiki, che si svolgevano in media ogni due mesi.

 

Basandosi su fonti militari afghane e tagike, a inizio ottobre Azattyk ha scritto che i talebani hanno cacciato gli estremisti uiguri dall’Afghanistan, che condivide 76 chilometri di frontiera con la Cina. Si tratterebbe degli estremisti del «Partito islamico del Turkestan», nemici giurati di Pechino. Essi erano già attivi nell’Afghanistan talebano degli anni ’90, e i rapporti da allora non si sono mai interrotti. L’allontanamento dalle zone più calde non comporta, del resto, la loro consegna ai cinesi, e un’eccessiva pressione in questo senso potrebbe avere conseguenze disastrose, portando gli uiguri a saldarsi con i resti dell’ISIS sparsi nella regione.

 

È in gioco non solo il controllo dell’Afghanistan, ma dell’Asia intera, nel confronto tra le grandi potenze mondiali.

Il corridoio di Wakhan, stretto tra Tagikistan e Pakistan fino ai confini cinesi, è la vera zona nevralgica di tutti i possibili sviluppi militari ed economici, e la Cina è interessata a bonificarlo come punto di transito della nuova Via della Seta (Belt and Road Initiative).

 

I russi hanno ceduto il controllo della zona ai cinesi anni fa, ma rimangono vigili con le loro forze attive in Tagikistan: circa 7mila uomini intorno alla capitale Dušanbe.

 

È in gioco non solo il controllo dell’Afghanistan, ma dell’Asia intera, nel confronto tra le grandi potenze mondiali.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari