La clonazione degli animali domestici ci avvicina a quella umana

 

 

La clonazione umana sta arrivando, con il solito ricatto dei sentimenti. La borghesia potrà riavere i suoi figli perduti, o copie di essi. Renovatio 21 traduce un articolo della MIT Technology Review.

 

Quando Barbra Streisand ha rivelato a Variety che aveva clonato il suo cane per $ 50.000, molte persone hanno appreso per la prima volta che la copia animali domestici e altri animali è un vero e proprio business.

 

Esatto: puoi pagare per clonare un cane, un cavallo o un toro da carne e ottenere una copia vivente in pochi mesi.

 

La storia che mi ha fatto venire i brividi lungo la schiena, però, è uscita qualche giorno dopo . Si trattava di Monni Must, un ritrattista del Michigan che ha pagato per clonare Billy Bean, un labrador retriever appartenuto alla figlia maggiore, Miya.

Barbra Streisand ha rivelato a Variety che ha clonato il suo cane per $ 50.000

 

Miya si è suicidata 10 anni prima. Per Must, la clonazione del cane anziano era un modo per mantenere viva la memoria della figlia e, dice, per «proteggere» il suo dolore.

 

Durante la procedura di clonazione, Must ha ricevuto aggiornamenti, compresi i sonogrammi del cucciolo in via di sviluppo. La linea del tempo sembrava piena di profonde coincidenze. I veterinari hanno rilevato il battito del clone al compleanno di Miya, l’11 ottobre. Il cucciolo è nato a novembre, lo stesso mese in cui Miya si è uccisa.

 

«È un segno. Per me, è un segno che Miya è coinvolta e consapevole».

 

Campane d’allarme dovrebbero esploderci nella testa. Non solo clonava un animale domestico. La donna stava cercando di preservare un figlio perduto. Ciò sembra terribilmente vicino a un vero scenario di clonazione umana, quello in cui un genitore affranto tenta di sostituire un figlio o una figlia che muore.

Non solo clonava un animale domestico. La donna stava cercando di preservare un figlio perduto. Ciò sembra terribilmente vicino a un vero scenario di clonazione umana, quello in cui un genitore affranto tenta di sostituire un figlio o una figlia che muore.

 

Ho fatto una domanda a Jose Cibelli, uno scienziato di clonazione animale alla Michigan State University: è tempo di preoccuparsi ancora della clonazione umana?

 

Cibelli rapidamente rapidamente ha risposto via e-mail : «Sì».

 

Rabbrividire al pensiero

Ho incontrato Cibelli 15 anni fa, quando ero tra un branco di giornalisti che coprivano la clonazione senza sosta. Allora, sembrava possibile che qualcuno potesse provare a copiare un essere umano.

 

C’era un medico di fertilità italiano, di nome Antinori, che disse che stava provando, e un culto UFO chiamato i Raeliani aveva una società di clonazione umana, Clonaid; sembrava fin troppo plausibile quando hanno esagerato con i media affermando di aver creato un bambino clone di nome Eve. Nel 2002, le Accademie nazionali hanno pubblicato un rapporto di emergenza sulla situazione.

 

Ma la clonazione umana non è mai avvenuta. Il motivo è chiaro a posteriori. Nella procedura di clonazione di base, come quella usata per creare Dolly the sheep nel 1996, gli scienziati prendono un’intera cellula adulta e la iniettano in un uovo che è stato svuotato dal proprio DNA. L’embrione risultante è un clone.

 

Ma quel processo è inefficiente. In molti animali, solo uno su 100 embrioni clonati porta a un parto vivo. Alcuni embrioni muoiono nel vetrino della IVF [In Vitro Fertilization, fertilizzazione in provetta, ndr]. Altri appassiscono nel grembo materno. Di quelli che nascono, alcuni soffrono di anomalie e muoiono rapidamente.

Solo uno su 100 embrioni clonati porta a un parto vivo. Alcuni embrioni muoiono nel vetrino della IVF. Altri appassiscono nel grembo materno. Di quelli che nascono, alcuni soffrono di anomalie e muoiono rapidamente.

 

Si «rabbrividisce a pensare –scriveva un articolo del 2001 del New York Times  – cosa potrebbe accadere se gli umani fossero clonati con le tecniche odierne».

Ciononostante, la clonazione andò avanti nei bovini e nei cani da compagnia. Questo perché le uova possono essere raccolte in quantità sufficienti per consentire alle aziende di superare l’inefficienza intrinseca della tecnologia. I cloni non riusciti sono solo un costo per fare affari.

 

La causa dei problemi è meglio compresa oggi. Perché una cellula della pelle divenga una cellula della pelle, non ha bisogno del pieno complemento di geni. Così tanti sono semplicemente spenti. Il motivo per cui la clonazione funziona è che un uovo ha una notevole capacità di riattivare i geni attraverso un processo chiamato riprogrammazione. Eppure l’uovo ha solo poche ore per fare il lavoro, e alcuni geni sono resistenti.

 

Sono questi geni resistenti, ancora bloccati e non disponibili a svolgere il loro ruolo nell’embrione in via di sviluppo, che «si crede siano responsabili della scomparsa dei cloni», dice Cibelli.

 

Qualcosa è cambiato

Questo è anche il punto in cui arrivano le recenti scoperte. Cibelli mi ha indicato il lavoro di Yi Zhang, un biologo di cellule staminali al Boston Children’s Hospital e un investigatore presso l’Howard Hughes Medical Institute. Ha detto che Zhang ha trovato sostanze chimiche che, se aggiunte a un uovo, possono aiutare a rilasciare i geni bloccati.

Il dottor Zahng, già pioniere della produzione di bambini con 3 DNA

 

Nelle mani di Zhang, l’aggiunta di questi «modificatori» ha portato a notevoli miglioramenti nella clonazione, spazzando via le barriere presenti nelle cellule adulte. Zhang l’ha provato per la prima volta con i topi. Invece di circa l’1% degli embrioni clonati che portano a un cucciolo di topo, dice, ora il 10% riesce a nascere.

 

«Il guadagno di efficienza è enorme», afferma Zhang, che afferma di aver depositato un brevetto basato sulla scoperta.

 

Zhang quindi ha provato il processo su uova umane. Nel 2015, la sua squadra ha reclutato quattro donne per far estrarre le uova dalle loro ovaie. In questi, hanno iniettato cellule della pelle da altre persone.

 

Senza le molecole che rilasciano il gene, gli embrioni clonati non si sono mai sviluppati correttamente. Con i modificatori, però, circa un quarto di loro lo ha fatto. «Abbiamo cercato di eliminare le barriere nelle celle degli adulti – dice – in conclusione: avremmo fallito altrimenti».

 

Per essere molto chiari, Zhang non ha in programma di fare figli. Invece, il suo obiettivo nella clonazione di embrioni umani  è di ottenere le loro cellule staminali. Conosciuta come «clonazione terapeutica», è un modo per creare potenti cellule staminali embrionali geneticamente identiche a quelle del donatore adulto, come fonte di ricambio del tessuto.

L’obiettivo di Zhang nella clonazione di embrioni umani  è di ottenere le loro cellule staminali. Conosciuta come «clonazione terapeutica», è un modo per creare potenti cellule staminali embrionali geneticamente identiche a quelle del donatore adulto, come fonte di ricambio del tessuto

 

La clonazione terapeutica non è una nuova idea. Lo stesso Cibelli fu il primo a provarlo (e fallire) 15 anni fa. Quando non ha funzionato, gli scienziati si sono mossi verso altri modi di produrre cellule staminali riprogrammando le cellule della pelle in laboratorio.

 

All’improvviso, però, la clonazione delle cellule staminali non è più lo schema  di una volta. Con una maggiore efficienza, i medici potrebbero effettivamente usarlo per creare tessuti di corrispondenza per le persone che possono permetterselo, dice Zhang. Sta avviando una società, NewStem, per iniziare a finanziare le cellule staminali clonate.

 

«Prima era teoricamente possibile, ma dovevi usare un sacco di uova, quindi non era una realtà – dice Zhang – ora, con l’efficienza, diventa una realtà».

 

Cloni scimmia

Possiamo fare abbastanza bene embrioni umani clonati. Potremmo andare oltre e far crescere quegli embrioni in un bambino? Un indizio arrivò nel gennaio del 2018, quando i ricercatori in Cina clonarono per la prima volta le scimmie. Le foto di due simpatici primati, Zhong Zhong e Hua Hua, si sono rapidamente diffuse in tutto il mondo.

 

QIANG SUN E MU-MING POO | ACCADEMIA DELLE SCIENZE CINESE | CELL PRESS

Perché i cinesi erano riusciti dove ogni precedente tentativo di clonare le scimmie era fallito? La risposta era che avevano usato le molecole di miglioramento dell’efficienza di Zhang.

 

Non tutti i problemi sono stati risolti. I cinesi sono riusciti a creare gli animali iniziando con le cellule della pelle di un feto di scimmia abortito. Ma altri due cloni, fatti da cellule di un animale adulto, morirono poco dopo la nascita. Sono disponibili pochi dettagli sul motivo per cui quelle due scimmie sono morte. Ma è una scommessa sicura che fosse in qualche modo dovuta alla riprogrammazione incompleta delle cellule adulte.

 

Secondo Zhang, sarebbe comunque folle e poco pratico (e illegale) provare a clonare una persona. Nonostante la maggiore efficienza, osserva che le squadre cinesi hanno usato 63 madri surrogate e 417 ovuli per creare due cloni scimmia. Immagina di organizzare decine di surrogati umani e donatori di ovuli.

I medici potrebbero effettivamente usare la clonazione terapeutica per creare tessuti di corrispondenza per le persone che possono permetterselo, dice Zhang

 

«Nessuna società potrebbe accettarlo», dice Zhang. «D’altra parte, se me lo stai chiedendo, puoi migliorare ancora di più l’efficienza? Bene, la risposta è sì. La mia risposta è che alla fine, da un punto di vista tecnologico, la clonazione umana sarà possibile».

 

Motivazioni per la clonazione

Creare un clone umano non è solo una questione di tecnologia. Avresti anche bisogno di un motivo per farlo, di esperti disposti ad aiutare e di qualcuno che finanzia tutto.

 

Miliardari selvaggi possono essere la parte più facile da organizzare. A marzo, il programma CBS 60 Minutes ha trasmesso un segmento su La Dolfina, una squadra di polo argentina i cui giocatori cavalcano copie dello stesso cavallo. L’imprenditore dietro la clonazione di cavalli, l’uomo d’affari texano D. Alan Meeker, ha detto alla CBS di essere stato «invitato da alcune delle persone più ricche del pianeta a clonare un essere umano». Meeker ha detto che si era rifiutato. La sua ragione: nessuno gli avrebbe detto perché volevano un clone.

 

Ma conosciamo una ragione, forse la più potente di tutte. Quando ho parlato per telefono a Must, la fotografa, ha raccontato la sua devastazione per il suicidio della figlia.

 

Deve aver ereditato il cane di Miya, Billy Bean, e mi ha detto che l’idea della clonazione è arrivata improvvisamente, anni dopo, quando il cane stava per compiere 14. «Avevo paura che tutti avrebbero dimenticato Miya, che ho intenzione di dimenticare Miya . Pensavo che avrei perso il cane, e stavo letteralmente cadendo. Era un fulmine: oh mio Dio, ho intenzione di clonarla. Ero solo disperata».

Il labrador retriever Billy Bean e il suo clone, Gunni.

Deve infine avere un veterinario raccogliere un campione del tessuto cutaneo del cane e inviarlo a una società chiamata PerPETuate. Per una tassa di $ 1300, PerPETuate prepara una linea cellulare dalla pelle di un animale domestico e immagazzina le cellule in azoto liquido per la successiva clonazione.

 

Il servizio è, in effetti, un modo economico per trattenere il DNA di un animale mentre si decide se si paga il costo totale della clonazione di $ 50.000. PerPETuate il fondatore, Ron Gillespie, dice che sta immagazzinando tessuto congelato da cani, gatti e persino un leone da uno zoo messicano. Must non è l’unica persona a clonare un cane appartenente a un bambino morto, dice. Tuttavia, la compagnia non accetterà cellule umane. Non dai genitori in lutto o da nessun altro.

 

«Abbiamo ricevuto molte richieste – afferma Gillespie – io dico che non lo facciamo. E quando le persone mi spingono dove possono, dico «non lo so». L’ho completamente respinto. Una delle lamentele più grandi che abbiamo su questo è che porterà alla clonazione umana, e la gente si oppone molto a questo, cominciando da me».

 

L’imprenditore dietro la clonazione di cavalli, l’uomo d’affari texano D. Alan Meeker, ha detto alla CBS di essere stato «invitato da alcune delle persone più ricche del pianeta a clonare un essere umano»

Le celle di Billy Bean finirono per essere spedite a ViaGen Pets, una società texana che fornisce il servizio di clonazione. Nel settembre 2017, Deve aver appreso che gli embrioni di clone di Blyly sono stati trasferiti a un surrogato canino. Due mesi dopo, prese il nuovo cucciolo. Il cane «ha una vera anima ed è tutto ciò che era mia figlia  divertente, sociale, gentile, e le persone gravitano intorno a lei – dice. «Sento che ho ancora quella connessione tangibile e tattile e non solo una connessione spirituale».

 

Alla fine ho chiesto a Must: avrebbe clonato Miya se ne avesse avuto la possibilità?

 

Ha detto che non è una domanda a cui ha una risposta. «Quando hai un figlio che muore, non sei in un buon posto. Non sei in una posizione per prendere una decisione razionale», dice.

 

Infatti, ammette che la gente pensava che fosse andata «oltre il limite» quando aveva deciso di clonare il cane. «È stato un tentativo particolarmente disperato da parte mia. Le mie altre figlie pensavano che avessi perso le biglie – dice. –ma ha funzionato. È piuttosto spaventoso pensare a cosa significhi».

 

 

Fonte: Technology Review