Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

Washington vuole mandare 50 mila rifugiati afghani nelle Filippine. Manila si oppone

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Gli Stati Uniti parlano di «trasferimento temporaneo» da Paesi terzi. Il governo filippino deve ancora prendere una decisione, ma alcuni senatori hanno già sollevato dubbi. La sorella del presidente ha espresso il timore che alcuni profughi possano essere spie americane. Nel frattempo i richiedenti asilo che avevano lavorato con i militari USA si trovano bloccati in Paesi terzi dove spesso sono perseguitati.

 

 

Alcuni funzionari e politici delle Filippine si sono opposti alla richiesta di Washington di ospitare temporaneamente circa 50mila rifugiati afghani prima che questi vengano trasferiti negli Stati Uniti. «Sebbene l’accordo proposto sia di natura umanitaria, non comporterà l’ammissione o l’accoglienza di rifugiati afghani», ha comunicato il ministero degli Esteri.

 

La richiesta era stata presentata a Manila già a ottobre dello scorso anno, ha spiegato l’ambasciatore filippino a Washington e cugino dell’attuale presidente Ferdinand Marcos Jr., Jose Manuel «Babe» Romualdez. Egli ha sottolineato che se la richiesta dovesse essere accolta, gli Stati Uniti copriranno tutti i costi. Parlando al Senato ha inoltre specificato che non si tratta di rifugiati, ma di ex dipendenti del governo degli Stati Uniti, che arriveranno in blocchi da circa 1.000 persone alla volta.

 

Con il ritorno al potere dei talebani il 15 agosto 2021, decine di migliaia di afghani che avevano lavorato con i militari o i media americani sono stati evacuati nel vicino Pakistan e in altri Paesi terzi in cui vengono valutate le loro richieste di un visto per gli Stati Uniti. Tuttavia il governo di Washington, dopo quasi due anni, deve ancora esaminare circa 150 mila domande.

 

Il Pakistan aveva impedito l’ingresso ai funzionari statunitensi incaricati di condurre interviste con i rifugiati ostacolando la creazione dei centri per il reinsediamento. Nel frattempo negli ultimi 18 mesi sono scaduti i permessi di soggiorno dei richiedenti asilo che erano riusciti ad ottenerli regolarmente. Senza documenti gli afghani non possono studiare o lavorare e sono arbitrariamente rispediti al confine o arrestati dalle autorità locali, che spesso estorcono loro denaro con minacce.

 

L’ambasciatore Romualdez ha specificato che gli Stati Uniti hanno semplicemente chiesto assistenza nell’elaborazione dei visti, che verranno rilasciati da un’apposita struttura nelle Filippine.

 

Mentre il governo di Manila ha dichiarato che sta valutando la proposta (una decisione dovrebbe essere presa verso la metà di luglio), la senatrice Imee Marcos, sorella del presidente e a capo della Commissione per le relazioni estere del Senato, ha avviato un’indagine sull’accordo esprimendo il dubbio che alcuni rifugiati possano lavorare come spie per gli americani: «nell’ultimo anno le minacce di spionaggio e alla sicurezza sono aumentate in modo significativo a causa della forte escalation di tensione tra le superpotenze rivali», ha detto la senatrice in udienza parlamentare.

 

«Il fatto che gli Stati Uniti non vogliano più ospitare questi stranieri all’interno del territorio americano non ci preoccupa? Sostengono che il rischio per la sicurezza sarà molto basso, che arriveranno solo gruppi altamente controllati e che il visto speciale per immigrati è assicurato, eppure non li vogliono», ha continuato Marcos.

 

Il National Bureau of Investigation e la National Intelligence Coordinating Agency hanno dichiarato che temono che possano essere attivate «cellule dormienti» di terroristi e anche la vice presidente delle Filippine, Sara Duterte, figlia dell’ex presidente Rodrigo, si è opposta alla richiesta di Washington, dicendo che la proposta potrebbe minare la sovranità del Paese: «Sembra che il processo di verifica sarà svolto dagli Stati Uniti. Pertanto, questa è un’interferenza nella nostra esclusiva determinazione su chi può entrare nel nostro Paese», ha dichiarato ai media un suo portavoce.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Immigrato «tortura» una capotreno e le urina addosso

Pubblicato

il

Da

È in corso una caccia all’uomo in Germania per un migrante che ha aggredito diverse donne, tra cui la capotreno, che avrebbe picchiato, «torturato e abusato» e sulla quale avrebbe persino orinato davanti ai passeggeri di un treno regionale. Lo riporta il giornale tedesco Bild

 

L’uomo, che secondo quanto riportato sarebbe sui 35 anni e «probabilmente nordafricano», avrebbe aggredito la donna, 57 anni, mentre cercava di verificare che avesse un biglietto per il viaggio a Graben-Neudorf nel Baden-Württemberg.

 

La polizia afferma che il sospettato avrebbe lasciato la donna con gravi ferite «prendendola a pugni, calci e soffocandola», riporta il Bild, secondo cui il presunto migrante sarebbe quindi passato ad un abuso di drammatica oscenità: «voleva costringere la donna a soddisfarlo oralmente», scrive la testata. «La donna è stata portata in una clinica con ferite serie».

 

L’articolo rileva inoltre che l’immigrato avrebbe chiesto agli spettatori di gridare «Heil Hitler», prima di urinare sulla conducente indifesa e di fuggire dal treno. Da quanto si apprende che l’uomo sarebbe poi entrato in un supermercato e ha aggredito altre due donne, una che lavorava lì e l’altra che stava facendo la spesa: «ha lanciato un piatto da torta ad una commessa e ha colpito un cliente che era alla cassa».

Sostieni Renovatio 21

Il migrante sarebbe poi corso nel parcheggio con una bottiglia rotta e aggredendo e ferendo un giovane automobilista, a cui avrebbe rubato l’auto per allontanarsi a tutta velocità, provocando numerosi incidenti stradali, ma riuscendo a fuggire attraverso l’autostrada federale 36.

 

La ricerca su larga scala dell’uomo, anche con elicotteri della polizia nella parte nordoccidentale del Baden-Württemberg e oltre, non ha avuto successo.

 

Un portavoce della polizia tedesca ha dichiarato che la ricerca è per «un sospetto alto circa 1,80 metri, con capelli scuri e corti”» L’autore del reato indossava jeans scuri, una maglietta scura con cappuccio e un berretto con visiera scuro.

 

A causa della follia migratoria, prendere treni in Europa sta divenendo davvero rischioso.

 

Come riportato da Renovatio 21, un immigrato del Mali, a cui l’Italia aveva accordato la protezione sussidiaria per i rifugiati, ha accoltellato persone a caso alla Gare de Lyon di Parigi due settimane fa.

 

La settimana scorsa le forze speciali della Polizia elvetica hanno ucciso un immigrato di origini persiane che, armato di coltello, aveva preso in ostaggio i passeggeri di un treno.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di BlueBreezeWiki via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
 

Continua a leggere

Immigrazione

Scontri tra immigrati e polizia all’Aia: le immagini

Pubblicato

il

Da

La polizia in tenuta antisommossa è stata schierata nelle strade dell’Aia per sedare i violenti scontri scoppiati tra due gruppi rivali nella città olandese ieri sera.   Due gruppi di eritrei si sono scontrati nella sala conferenze dell’Opera. Dopo un primo scontro, la polizia ha portato fuori un gruppo, cercando di tenere i due separati. Nelle strade, i rivoltosi hanno lanciato mattoni, detriti e persino biciclette contro la sala conferenze e la polizia.   La polizia in tenuta antisommossa è stata vista proteggere la sala da centinaia di rivoltosi, mentre altri soccorritori si sono concentrati sui danni già arrecati all’edificio.    

Sostieni Renovatio 21

I rivoltosi hanno dato fuoco ad almeno due veicoli della polizia. I servizi di emergenza hanno tentato di domare gli incendi, mentre gli agenti sono stati richiamati dalle zone circostanti per rafforzare la presenza della polizia.   Il sindaco dell’Aia, Jan van Zanen, ha dichiarato un’emergenza regionale di livello Grip 2, che consente a tutti i servizi di emergenza di coordinarsi sotto un unico comandante. Il gas lacrimogeno è stato autorizzato e l’ordine di emergenza ha consentito alla polizia di fermare e controllare chiunque si trovasse in un raggio di 500 metri attorno alla zona.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«Il Pubblico Ministero ha istituito una squadra investigativa su larga scala per perseguire i responsabili di questo caos. Vorrei chiedere a tutti coloro che possono contribuire alla rapida identificazione degli autori di questa violenza inaccettabile e inutile di collaborare», ha affermato il van Zanen.   In serata, la sala conferenze è stata danneggiata ma messa in sicurezza, mentre una fila di auto all’esterno dell’edificio è stata bruciata. Durante la rivolta circa 800 persone si sono rifugiate all’interno della sala. Sono stati condotti fuori sotto la scorta della polizia per la loro sicurezza e portati via in autobus dopo le 22:30.    

Aiuta Renovatio 21

Secondo notizie date dai media locali, un gruppo di rivoltosi si oppone all’attuale governo dell’Eritrea, mentre l’altro è filogovernativo.   Come riportato da Renovatio 21, scontri violenti generati da gruppi di immigrati eritrei contrapposti si erano visti l’anno scorso anche a Stoccolma. In quel caso più di 50 persone erano rimaste ferite durante un festival assaltato da più di 1.000 manifestanti antigovernativi che avevano quindi hanno combattuto con i partecipanti all’evento dando fuoco alle tende e scontrandosi con la polizia.   Negli scorsi mesi scontri fisici tra fazioni di immigrati eritrei si erano visti a Calgary e Toronto, in Canada, e perfino, nelle stesse ore, a Tel Aviv.       Lo scorso luglio era stato il turno di Giessen, in Germania, dove ulteriori violenze etniche al festival eritreo avevano causato il ferimento di 26 poliziotti.   Tra accoltellamenti radomatici per strada e nelle stazioni, passeggeri dei treni presi in ostaggio, rivolte gratuite e continui sbarchi – anche sotto il governo dei sedicenti nazionalisti – il programma di anarco-tirannia su base migratoria inflitta all’Europa continua tranquilla il suo corso, come da Piano Kalergi – un fatto incontrovertibile ed autoevidente oltre ogni pudore.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Immigrazione

Immigrato terrorizza treno svizzero. La polizia lo uccide

Pubblicato

il

Da

Un «richiedente asilo» armato ha preso più di una dozzina di ostaggi a bordo di un treno svizzero la scorsa settimana. Dopo aver preso in ostaggio dei passeggeri, l’uomo è stato freddato dalla polizia svizzera.

 

L’incidente è avvenuto giovedì intorno alle 18.30 nel cantone svizzero di Vaud.

 

L’uomo armato di ascia e coltello ha preso in ostaggio 14 passeggeri e un macchinista all’interno di un vagone fermo alla stazione di Essert-sous-Champvent vicino a Yverdon-les-Bains.

 

Durante uno stallo durato quasi quattro ore, secondo quanto riportato l’immigrato avrebbe espresso il desiderio di commettere attentati terroristici in Gran Bretagna. Tuttavia le autorità svizzere hanno escluso il movente del terrorismo, scrive il sito TheLocal.ch.

 

Sui social media sono circolati numerosi video girati sia all’interno che all’esterno del treno.

 

 


Sostieni Renovatio 21

Un negoziatore di ostaggi ha comunicato con l’uomo, un iraniano, nella sua lingua – il farsi – ma non è stato possibile raggiungere un accordo.

 

Alla fine, le forze speciali hanno usato esplosivi per distrarre l’iraniano mentre prendevano d’assalto il treno e gli sparavano uccidendolo.

 

«Mentre il sequestratore si lanciava con l’ascia in direzione del gruppo d’intervento, un agente di polizia ha usato la sua arma per proteggere gli ostaggi, colpendo mortalmente l’autore del reato», ha spiegato un portavoce della polizia cantonale. Nessuno degli ostaggi è rimasto ferito

 

«Secondo le prime informazioni, l’uomo di 32 anni è un richiedente l’asilo iraniano assegnato al canton Neuchâtel e parla farsi e inglese», riferisce la testata SwissInfo. Secondo quanto riportato, l’intervento ha richiesto l’intervento di quasi 100 agenti delle forze dell’ordine e soccorritori.

 

Le autorità hanno escluso che alla base dell’attacco non vi sia il terrorismo, tuttavia hanno pure sostenuto che il motivo dell’attacco non è ancora chiaro.

 

Come riportato da Renovatio 21, un immigrato del Mali ha attaccato passeggeri a caso alla Gare de Lyon a Parigi la scorsa settimana. L’uomo arrestato è risultato essere tutelato in Italia con la «protezione sussidiaria», uno status equiparabile a quello del rifugiato che viene assegnato dalla Commissione territoriale competente dopo la presentazione di una richiesta di protezione internazionale.

 

È emerso in seguito un filmato in cui l’immigrato dichiarava il suo odio totale per la Francia ed i francesi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari