Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Vaccino anti-COVID, la rinuncia preventiva dei vescovi inglesi

Pubblicato

il

 

 

 

 

Renovatio 21 pubblica, su gentile concessione del Direttore e Presidente, il Dott. Jeff Mirus, questo interessante articolo apparso sul sito Catholic Culture da lui diretto. L’articolo, a firma di Phil Lawler, descrive la posizione assunta dalla Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles a proposito del vaccino anti-Covid e delle implicazioni etico-morali che lo riguardano.

 

 

I vescovi cattolici inglesi si sono arresi, prima ancora che la battaglia fosse realmente iniziata. 

 

I vescovi cattolici inglesi si sono arresi, prima ancora che la battaglia fosse realmente iniziata

Peggio: hanno rinunciato a qualcosa che non era loro compito declassare. Hanno ceduto i diritti dei fedeli.

 

In una dichiarazione che pretende di fornire «la posizione cattolica sulla vaccinazione», la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha affermato che i cattolici hanno «il dovere prima facie di essere vaccinati», insieme all’«obbligo morale di garantire la copertura vaccinale necessaria per il bene degli altri».

 

La Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha affermato che i cattolici hanno «il dovere prima facie di essere vaccinati», insieme all’«obbligo morale di garantire la copertura vaccinale necessaria per il bene degli altri»

Potete starne certi: non appena sarà disponibile un vaccino «anti-COVID», questa dichiarazione dei vescovi inglesi sarà citata da zelanti legislatori che si battono per renderlo obbligatorio – e quindi per privare il popolo inglese della libertà di prendere le proprie decisioni mediche per sé e per i propri figli.

 

La stessa dichiarazione dei vescovi è già in realtà chiaramente un argomento a favore della vaccinazione obbligatoria, volta a spingere i cattolici verso questa direzione. 

 

In un comunicato che accompagna la dichiarazione, la conferenza episcopale afferma altresì che il suo obiettivo è quello di «incoraggiare i cattolici a impegnarsi a proteggere i più vulnerabili della società», naturalmente attraverso la vaccinazione (a proposito, questa dichiarazione è firmata dai vescovi Paul Mason e John Sherrington, che sono identificati uno come «Vescovo guida per la salute» e l’altro come «Vescovo guida per le questioni riguardanti la vita».

 

Non so cosa sia un «vescovo guida».

 

Non appena sarà disponibile un vaccino «anti-COVID», questa dichiarazione dei vescovi inglesi sarà citata da zelanti legislatori che si battono per renderlo obbligatorio – e quindi per privare il popolo inglese della libertà di prendere le proprie decisioni mediche per sé e per i propri figli

Ho sempre creduto che un vescovo sia ordinato per il servizio in una diocesi piuttosto che in un campo di politica pubblica).

 

Non c’è un vaccino COVID attualmente disponibile, naturalmente, quindi questa affermazione sta preparando il terreno in anticipo: sgombrare il campo da possibili opposizioni prima dell’inevitabile corsa al vaccino.

 

Ma calma. Alcuni dei vaccini attualmente in fase di sviluppo sono derivati da cellule fetali ottenute da aborti. I vescovi inglesi stanno ignorando le questioni etiche? Non proprio. 

 

Il documento lo ammette: 

 

«La Chiesa è contraria alla produzione di vaccini che utilizzano tessuti derivati da feti abortiti, e riconosciamo il disagio che molti cattolici provano di fronte alla scelta di non vaccinare il proprio bambino o di sentirsi complici dell’aborto».

Non c’è un vaccino COVID attualmente disponibile, naturalmente, quindi questa affermazione sta preparando il terreno in anticipo: sgombrare il campo da possibili opposizioni prima dell’inevitabile corsa al vaccino.

Il «disagio»  che «alcuni» cattolici provano è un bel modo per minimizzare la gravità di un vero problema morale. Ma – si sente il «ma» che arriva, non è vero? – i vescovi inglesi non lasceranno mai che quel problema morale li scoraggi. 

 

La dichiarazione continua:

 

«Tuttavia, la Chiesa insegna che l’importanza fondamentale della salute di un bambino e di altre persone vulnerabili potrebbe permettere ai genitori di usare un vaccino che in passato è stato sviluppato usando queste linee cellulari diploidi».

 

Quindi l’ «importanza fondamentale» della vaccinazione supera il «disagio» che «alcuni» cattolici potrebbero provare. Anche se il primo vaccino «anti-COVID» che emergerà dalla competizione attuale non sarà eticamente accettabile, la logica dei vescovi inglesi insiste affinché venga da noi accettato.

 

Nel giungere a questa conclusione la dichiarazione dei vescovi cita una direttiva del 2005 della Pontificia Accademia per la Vita, che asseriva che «tutte le vaccinazioni clinicamente raccomandate possono essere usate con la coscienza a posto».

 

Ma hanno trascurato un’altra frase di quello stesso documento vaticano, in cui la Pontificia Accademia diceva che «resta il dovere morale di continuare a lottare e di usare ogni mezzo legale per rendere la vita difficile alle industrie farmaceutiche che agiscono senza scrupoli e senza etica».

Hanno trascurato un’altra frase di quello stesso documento vaticano, in cui la Pontificia Accademia diceva che «resta il dovere morale di continuare a lottare e di usare ogni mezzo legale per rendere la vita difficile alle industrie farmaceutiche che agiscono senza scrupoli e senza etica»

Il modo per «rendere la vita difficile» alle aziende farmaceutiche senza etica è combattere valorosamente contro lo sviluppo e l’approvazione di qualsiasi vaccino ottenuto attraverso linee cellulari fetali. 

 

Come ho spiegato alcune settimane fa, il momento di opporsi ai vaccini non etici è ora, prima che qualsiasi vaccino sia approvato per l’utilizzo definitivo. Segnalando in modo così chiaro che sosterranno l’uso anche di un vaccino non etico, i vescovi inglesi si sono arresi prima che la battaglia fosse cominciata sul serio.

 

Peggio ancora, la dichiarazione dei vescovi sminuisce la testimonianza di quei cattolici (e non cattolici) che rifiuteranno un vaccino non etico. La Pontificia Accademia aveva riconosciuto il valore evangelico di questa testimonianza nel 2005. 

 

Più recentemente, Helen Watt del Centro di bioetica Anscombe ha spiegato:

 

I  vescovi stanno dicendo che i buoni cattolici dovrebbero farsi inoculare il vaccino anche se potrebbe non essere efficace? E che dire degli effetti collaterali indesiderati? I cattolici sono moralmente obbligati a prendere un vaccino e a somministrarlo ai loro figli anche se potenzialmente dannoso e non certo efficace?

«Anche se non c’è un dovere assoluto di boicottare i vaccini prodotti attraverso le linee cellulari fetali esistenti – è una questione che riguarda la coscienza individuale e spesso si eleveranno pesanti ragioni contro di essa – alcuni si sentiranno, a torto o a ragione, chiamati al boicottaggio anche se non hanno a disposizione un vaccino alternativo».

 

Se un vaccino «anti-COVID» sviluppato da linee cellulari fetali sarà sviluppato, approvato e imposto nel Regno Unito, considerate la posizione dei cattolici che si opporranno all’obbligo, alla luce della dichiarazione dei vescovi. Verrà detto loro che si sbagliano: che la Chiesa cattolica non sostiene la loro scelta etica. Il governo ordinerà loro di fare qualcosa che considerano moralmente ripugnante, e i loro vescovi sosterranno questa imposizione.

 

E, tra l’altro, l’intera argomentazione presuppone che un vaccino COVID funzioni efficacemente per prevenire la malattia. Poiché il coronavirus agisce come un’influenza, e i vaccini antinfluenzali non sono notoriamente in grado di garantire l’immunità, c’è un’ampia ragione di scetticismo su questo punto. 

 

I  vescovi stanno dicendo che i buoni cattolici dovrebbero farsi inoculare il vaccino anche se potrebbe non essere efficace? E che dire degli effetti collaterali indesiderati? I cattolici sono moralmente obbligati a prendere un vaccino e a somministrarlo ai loro figli anche se potenzialmente dannoso e non certo efficace?

 

Dunque ripetiamolo, non possiamo aspettarci che i vescovi cattolici ci consiglino sull’efficacia dei vaccini o sui loro potenziali effetti collaterali. 

 

I vescovi cattolici non sono esperti di questioni mediche. Ed è proprio per questo che i vescovi cattolici dovrebbero fornire una guida chiara sulle questioni morali – combattete lo sviluppo e l’uso di vaccini non etici – e lasciare le questioni mediche ai medici, ai laici, e alle loro coscienze informate.

 

 

Phil Lawler

 

Continua a leggere

Epidemie

Panico da zero-COVID, immagini drammatiche di cinesi che fuggono dall’IKEA

Pubblicato

il

Da

Immagini disumane provengono dalla Cina ancora nella morsa della folle politica sanitaria dello zero-COVID.

 

Un video divenuto virale mostra clienti Ikea cinesi ​​in preda al panico mentre il personale cerca di sigillare le porte e chiudere le persone dentro al grane negozio.
Il motivo sarebbe nel fatto gli algoritmi di tracciamento dei contatti, che comandano l’incubo totalitarista bioinformatico cinese, aveva segnalato un bambino di 6 anni che era passato per il punto vendita.

 

 

L’incidente è avvenuto sabato presso la filiale Ikea di Shanghai, la città più grande della Cina con oltre 20 milioni di persone.

 

I video che circolano in rete mostrano i clienti che urlano e spingono per uscire dal negozio mentre il personale di sicurezza si avvicinava per cercare di chiudere loro le porte.

 

Alla fine i clienti sono in grado di farsi strada e fuggire verso la libertà.

 

 

Tuttavia, si tratta di una pia illusione: essi sono stati tracciati e messi in quarantena – o peggio, portati in lager COVID – grazie al sistema di sorveglianza informatica dello Stato cinese.

 

Di fatto, domenica, il vicedirettore della Commissione sanitaria di Shanghai Zhao Dandan ha dichiarato in una conferenza stampa  che il negozio e le immediate vicinanze sarebbero ora sotto una gestione «a circuito chiuso» per due giorni. Le persone all’interno di tale «circuito», ha detto il funzionario della Repubblica Popolare, saranno messe in quarantena in una struttura governativa per due giorni e saranno anche sotto sorveglianza sanitaria per cinque giorni.

 

A Shanghai è ancora fresco il trauma del lockdown da zero-COVID che ha sconvolto i 26 milioni di persone della città, tra lager pandemici, porte di casa sigillate, genitori separati dai figli, animali domestici uccisi in strada, rivolte, droni volanti e robocani che girano per le strade impartendo ordini, urla disperate dai condomini.

 

La politica sanitaria zero-COVID, che prevede il blocco totale di un’area (anche di milioni di persone, anche di un’intera nazione, come la Nuova Zelanda, che un anno fa andò in lockdown per un singolo caso) anche per un singolo caso ha i suoi sostenitori anche in Italia, ad esempio qualche persistente figura nel sistema politico-sanitario nazionale.

 

Per qualche motivo, lo zero-COVID è adottato anche dal presidente cinese Xi Jinping, il cui potere forse traballa a causa di una fronda chiamata, appunto «fazione di Shanghai».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo speculatore internazionale George Soros, forse alla sua ultima carica di distruttore di Stati, sta ora attaccando a testa bassa Xi Jinping anche sulla questione dello zero-COVID.

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Paura COVID-19, Pechino dà un colpo alla Corea del Nord: no alla piena riapertura dei confini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

I cinesi non si fidano delle rassicurazioni nordcoreane sul contenimento della pandemia. Rimane chiusa la ferrovia Dandong-Sinuiju, da dove passa di solito il 70% del commercio tra le due parti. I cittadini cinesi trovati a commerciare con i nordcoreani devono pagare una multa fino a 43mila euro.

 

 

 

Il governo cinese non asseconda le richieste del regime di Kim Jong-un e non riapre il confine al commercio terrestre tra le province di Jilin e Liaoning e la Corea del Nord. La Cina è ancora minacciata da focolai di Covid-19 e teme che contatti diffusi con i nordcoreani possano aggravare la situazione.

 

Pyongyang sostiene di aver messo sotto controllo l’emergenza pandemica scoppiata a maggio. Le autorità di Pechino non si fiderebbero delle rassicurazioni che arrivano dai nordcoreani, e ciò nonostante Kim abbia ordinato misure draconiane sul modello di quelle cinesi per contenere la propagazione del coronavirus.

 

La Corea del Nord è isolata a livello internazionale, tranne che dalla Cina e in parte dalla Russia, sottoposta da anni a misure punitive decise dal Consiglio di sicurezza dell’ONU per il suo programma nucleare e missilistico. Il Paese è alle prese con una cronica crisi economica, che la recente ondata di infezioni da COVID-19 e una serie di alluvioni hanno reso ancor più profonda.

 

Il 90% del commercio nordcoreano dipende dagli scambi con la Cina. Secondo dati delle dogane cinesi, nei primi sei mesi dell’anno l’import-export bilaterale si è fermato a 333 milioni di euro: un calo del 73% rispetto allo stesso periodo del 2019 – prima della pandemia.

 

In condizioni normali il 70% degli scambi commerciali tra i due Paesi corrono lungo la ferrovia che collega Dandong in Cina e Sinuiju. Nikkei Asia rivela che Pyongyang ha chiesto la riapertura della tratta, ricevendo però il rifiuto cinese. Per prevenire la diffusione del COVID dalla Cina, il servizio era stato bloccato una prima volta nel gennaio 2020 su iniziativa nordcoreana; riattivato a gennaio di quest’anno, è stato bloccato di nuovo ad aprile.

 

Al momento l’unico passaggio aperto per il commercio sino-nordcoreano è quello di Nampo, porto della Corea del Nord sul Mar Giallo. Le navi cinesi vi attraccano di solito da Shanghai o Dalian.

 

A quanto riporta Daily NK, che cita una propria fonte sul versante cinese del confine, le autorità cinesi impongono multe fino a 300mila yuan (circa 43 mila euro) ai propri cittadini trovati a commerciare con i nordcoreani.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il quadridosato capo di Pfizer positivo al COVID-19

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer Albert Bourla è risultato positivo al test per il COVID-19. Lo ha annunciato lui stesso in un tweet del 15 agosto.

 

«Vorrei informarvi che sono risultato positivo al test per il COVID-19» scrive l’amministratore delegato del colosso farmaceutico.

 

«Sono grato di aver ricevuto quattro dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e mi sento bene mentre avverto sintomi molto lievi. Mi sto isolando e ho iniziato un corso di Paxlovid».

 

Il Bourla sostiene  di avere sintomi lievi e dice di sentirsi bene.

 

 


 

«Siamo arrivati ​​così lontano nei nostri sforzi per combattere questa malattia che sono fiducioso che avrò una pronta guarigione. Sono incredibilmente grato per gli instancabili sforzi dei miei colleghi Pfizer che hanno lavorato per rendere disponibili vaccini e trattamenti per me e per le persone in tutto il mondo”, ha affermato Bourla».

 

Il Bourla quindi si è messo in quarantena e ha iniziato a prendere il Paxlovid, la sempre più controversa pillola COVID-19 sviluppata proprio da Pfizer, presa anche da altri due quadridosati finiti positivi al COVID: il presidente americano Joe Biden e il suo «plenipotenziario pandemico» Anthony Fauci.

 

Sia Biden che Fauci hanno sperimentato quello che chiamano «Paxlovid rebound», un «rimbalzo» (recrudescenza) da Paxlovid: dopo essere risultati negativi, i consumatori di Paxlovid tornano positivi e sintomatici.

 

Malgrado questi casi siano evidenti, nessuno sembra preoccuparsi della cosa: non ci è notizia di un ritiro del costoso farmaco, né di studi sulla questione del Paxlovid Rebound.

 

Vogliamo qui ricordare che il Bourla è tra coloro che in precedenza avevano promosso i vaccini COVID-19 come efficaci al 100% contro le infezioni.

 

In un vecchio tweet dell’1 aprile 2021 – possibilmente non un pesce d’aprile – il veterinario americano di origine greco-ebraica gioiva per i risultati di uno studio che avrebbe dimostrato che il vaccino di Pfizer era efficace al 100% nella prevenzione dei casi di COVID-19 in Sud Africa.

 


 

Come riportato da Renovatio 21, il Bourla ha spesso accusato i critici del vaccino con insulti minacciosi («criminali»), mentre si lasciava scappare il fatto che riceve – per motivi che non comprendiamo bene – briefing da CIA e FBI riguardo alla «diffusione della disinformazione».

 

Habitué del World Economic Forum, anni fa aveva dichiarato sul palco di Davos la prospettiva di piazzare «microchip biologici dentro i farmaci».

 

Bizzarramente, cinque mesi fa il Bourla ha dichiarato che scegliere la strada dell’mRNA per i vaccini COVID fu «controintuitiva».

 

«L’mRNA era una tecnologia, ma avevamo meno esperienza, solo due anni di lavoro su questo, e in realtà, l’mRNA era una tecnologia che non ha mai fornito un singolo prodotto fino a quel giorno, né un vaccino, né nessun altro medicinale», ha ammesso il Bourla durante un’intervista del Washington Post.

 

«Quindi è stato molto controintuitivo e sono rimasto sorpreso quando mi hanno suggerito che questa è la strada da percorrere, e l’ho messo in dubbio», ha continuato il vertice Pfizer. «E ho chiesto loro di giustificare come si può dire una cosa del genere, ma erano molto, molto convinti che questa fosse la strada giusta da percorrere».

 

È emerso negli scorsi mesi che il Bourla ha incontrato privatamente Bergoglio almeno due volte, rafforzando l’idea di un legame solido tra il Vaticano e la Pfizer, fornitore del vaccino in uso nel Sacro Palazzo.

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari