Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Un lato positivo del COVID? Più genitori che mai che mettono in discussione i vaccini pediatrici

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

I tassi di vaccinazione di bambini e adolescenti hanno iniziato a precipitare con l’inizio della pandemia e, per quanto riguarda le preoccupazioni emerse sulla sicurezza dei vaccini COVID-19, alcuni genitori hanno anche iniziato a mettere in discussione la necessità della lunga lista di altri vaccini raccomandati dai funzionari della sanità pubblica.

 

 

Nel 2020, gli ordini del governo di rimanere a casa — insieme alla perdita di posti di lavoro prodotta dal lockdown, alla paura pubblica dovuta al COVID-19 e ad altri fattori — hanno portato a un drastico calo dell’utilizzo di persona dei servizi sanitari tra adulti e bambini, sia negli Stati Uniti che a livello globale.

 

Le visite pediatriche sono state alcuni delle vittime illustri.

 

Negli Stati Uniti, i tassi di vaccinazione di bambini e adolescenti sono crollati drasticamente, diminuendo in quell’anno di ben il 91% a seconda della fascia di età, tra cui una diffusione notevolmente inferiore di vaccini contro difterite, tetano e pertosse (DTaP o DTP), vaccini contro la meningite e vaccini contro il papillomavirus umano (HPV).

 

I funzionari della sanità pubblica si aspettavano che questa «sbornia pandemica» si dissipasse entro il 2021, ma il cambiamento nel comportamento di ricerca sul vaccino da parte dei genitori per i loro figli persisteva.

 

A livello internazionale, 6 milioni di bambini in meno in tutto il mondo hanno ricevuto almeno una dose di vaccino DTP nel 2021 rispetto al 2019, spingendo il capo dell’UNICEF a lamentare «il più grande calo dell’immunizzazione infantile in una generazione».

 

E nelle Filippine — dove il presidente ha minacciato di incarcerare chi avesse rifiutato il vaccino COVID-19 — la percentuale di bambini che hanno ricevuto una prima dose di DTP nel 2021 era solo del 57% rispetto al 92% di un decennio prima.

 

Negli Stati Uniti, lo Stato di Washington ha riferito che la somministrazione di vaccini antinfluenzali nei bambini di età inferiore ai 5 anni è diminuita di circa il 25% nel novembre 2021, rispetto alle due stagioni influenzali precedenti. E il registro statale del Michigan di marzo 2022 ha mostrato che il 24% in meno di bambini «erano considerati vaccinati» rispetto a marzo 2020.

 

Quando il Michigan ha confrontato i suoi dati sullo stato della vaccinazione del 2020 con il periodo 2016-2019, ha scoperto che la copertura vaccinale era diminuita in «tutte le coorti d’età, ad eccezione della copertura dell’epatite B alla nascita».

 

In questo frangente, i funzionari statali stanno apertamente ipotizzando che i vaccini COVID-19 — finora respinti dai genitori del 97% dei minori di 5 anni – siano la ragione per cui i genitori sono sempre più indecisi sulla vaccinazione infantile in generale.

 

Facendo riferimento a questi «dubbi diffusi», un portavoce della sanità pubblica del Michigan ha detto che i genitori che una volta accettavano senza dubbi la vaccinazione infantile ora stanno dicendo: «Aspettate un minuto. Ho davvero bisogno di questi vaccini?» e si chiedono: «Come sono fatti questi vaccini?»

 

Secondo un altro funzionario del Michigan, la «vaccinazione» — la «parola con la V» — è diventata una «parola di innesco» per i genitori arrabbiati che credono che il governo non solo abbia oltrepassato la sua autorità durante il COVID-19, ma stia fraudolentemente spingendo vaccini non sicuri sui loro piccoli.

 

 

Meno bambini che muoiono non è un «disastro»

Nell’ottobre 2020, tre scienziati degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno redatto la Grande Dichiarazione di Barrington e condannato — piuttosto cupamente — il forte declino delle vaccinazioni infantili derivante dai lockdown imposti dal COVID-19.

 

In qualità di storici sostenitori della vaccinazione — professionalmente coinvolti nello sviluppo del vaccino, nella promozione del pericoloso vaccino HPV e nell’accettazione dei vaccini COVID-19 come soluzione alle chiusure— i tre autori della dichiarazione hanno posizionato il calo dei tassi di vaccinazione infantile in cima alla loro lista delle «disastrose» conseguenze dei lockdown.

 

Lungi dall’assistere a un disastro, tuttavia, gli osservatori entro giugno 2020 avevano iniziato a notare un meraviglioso lato positivo — un effetto pandemico «sorprendente» sul tasso di mortalità tra i neonati, in particolare, con oltre 200 decessi neonatali in meno a settimana, pari a una riduzione del 30% dei decessi infantili previsti nei primi mesi di vita.

 

Per spiegare il «mistero» che salva la vita dei neonati, questi analisti, insieme al Chief Scientific Officer Brian Hooker di Children’s Health Defense (CHD), hanno sottolineato come i vaccini per neonati non somministrati abbiano coinciso con un «calo precipitoso» nelle segnalazioni di sindrome da morte improvvisa dei neonati (SIDS) al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

I decessi per SIDS — che per definizione colpisce bambini normali e sani — e i decessi improvvisi e inspiegabili nei bambini di età superiore a 1 anno si verificano tipicamente in stretta vicinanza temporale alla vaccinazione, con nove decessi su 10 per SIDS a seguito delle visite di due o quattro mesi.

 

Un’analisi di tre decenni di dati VAERS ha rilevato che il 75% dei casi di SIDS post-vaccinazione segnalati si sono verificati entro sette giorni dalle vaccinazioni infantili.

 

I patologi giapponesi che hanno identificato i casi di SIDS che si verificano entro una settimana dalla vaccinazione concordano sul fatto che «esistono casi sospetti», incoraggiando i patologi forensi a «dedicare maggiore attenzione alla vaccinazione» negli eventi SIDS.

 

Naturalmente, i «fact-checker» contestano l’associazione ipotizzata tra i minori tassi di vaccinazione del 2020 e la diminuzione dei decessi nei bambini piccoli.

 

 

Indizi aggiuntivi

CHD ha esaminato dozzine di studi che mostrano una salute notevolmente migliore nei bambini non vaccinati, mentre non ha trovato «studi che mostrano risultati di salute superiori nei bambini vaccinati».

 

Tuttavia, poiché gli effetti della vaccinazione sono complessi, cumulativi e sinergici con altre esposizioni tossiche — e poiché la maggior parte dei dati sulle malattie croniche non ha ancora incluso la pandemia — non è così facile eliminare altri aspetti positivi derivanti dai tassi di vaccinazione infantile più bassi del 2020.

 

Tuttavia, ci sono alcuni indizi.

 

Si consideri il calo delle visite al pronto soccorso (PS) e il fatto che il calo maggiore si è verificato in persone di età inferiore ai 15 anni.

 

Normalmente, si stima che un bambino su sette si sottoponga a una visita di PS ogni anno.

 

Un’analisi che confronta le visite pediatriche di PS del 2020 agli accessi di PS nel decennio precedente ha rilevato diminuzioni «sostanziali» per alcune diagnosi — in particolare dolore addominale, infezioni dell’orecchio, asma, polmonite, infezioni delle vie respiratorie superiori e delle vie urinarie e traumi — mentre le visite per diagnosi come convulsioni e complicazioni del diabete sono risultate stabili.

 

Sebbene non esista un modo sicuro per sapere perché gli accessi in PS siano diminuiti per determinate condizioni specifiche, tutte le diagnosi in questione appaiono nei foglietti illustrativi del vaccino come eventi post-vaccinazione, insieme a quasi 400 altri sintomi e condizioni acuti e cronici.

 

Il dolore addominale può non sembrare grave, ma può essere un segno di pancreatite acuta (infiammazione improvvisa del pancreas), tanto che i medici consigliano «sempre» di considerare la pancreatite acuta «nella diagnosi differenziale del dolore addominale nei bambini».

 

La pancreatite acuta ha seguito la somministrazione di vaccini contro l’epatite A e BHPVinfluenza e morbillo-parotite-rosolia (MPR), tra gli altri, nei bambini, negli adolescenti e negli adulti.

 

E si registra una valanga di segnalazioni di casi (ad esempio, da Stati UnitiGiapponePolonia e Nuova Zelanda) che descrivono la pancreatite grave all’indomani della vaccinazione COVID-19.

 

Inoltre, la pancreatite acuta e cronica iniziò misteriosamente ad aumentare nei bambini in seguito all’espansione del programma vaccinale infantile negli anni ’90 e 2000, e il diabete giovanile e i tumori pancreatici nei giovani adulti — due condizioni associate alla pancreatite — iniziarono ad aumentare subito dopo.

 

 

Vaccini COVID — una linea di demarcazione?

La maggior parte degli osservatori ha attribuito l’improvviso calo della vaccinazione infantile di routine nel 2020 esclusivamente a cure non usufruite imposte dalle circostanze («il divario tra il bisogno percepito e l’utilizzo effettivo dei servizi sanitari»).

 

Ora, tuttavia, sono i vaccini COVID-19 — e in particolare l’autorizzazione non scientifica della somministrazione per adolescenti e bambini piccoli — che sembrano essere la ragione principale per cui molti genitori non «percepiscono più il bisogno» di tornare di corsa nel gregge del vaccino.

 

Anche il propagandistico New York Times ha ammesso a un nuovo e robusto contingente di «scettici» del vaccino i cui dubbi sono stati forgiati nel crogiolo delle restrizioni COVID-19, degli obblighi vaccinali COVID-19 e, tragicamente per alcuni, della reazione avversa di un bambino ai vaccini COVID-19.

 

Come un medico ha twittato dalla «prima linea della medicina» all’inizio di agosto, «I genitori hanno FINITO di dare ai loro figli qualsiasi e tutte le [emoji della siringa]. Non solo, ma sono disgustati da ciò che avevano già permesso che venisse iniettato nei loro figli. Vorrebbero poter tornare indietro».

 

La vecchia strategia della sanità pubblica per riconquistare questi genitori ribelli sembra essere (sorpresa, sorpresa) assillare i genitori a «effettuare il maggior numero possibile di vaccini in una singola visita» — rafforzata dalla falsa affermazione che è a vantaggio del bambino ottenere un sacco di iniezioni in una sola volta — mentre alimenta anche le preoccupazioni per una rinascita delle cosiddette malattie «prevenibili con il vaccino».

 

Così, a seguito di un singolo caso di paralisi attribuito alla «poliomielite», lo stato di New York sta attivamente cercando di evocare un’epidemia di poliomielite, senza mai menzionare i decenni di manipolazione della diagnosi di «poliomielite» intesa a mascherare le cause non virali della paralisi che includono vaccinazione e avvelenamento.

 

La Florida, nel frattempo, sta esortando gli studenti universitari e altri gruppi a ottenere vaccini contro il meningococco a seguito della morte di sette uomini gay e bisessuali, presumibilmente da malattia meningococcica.

 

Perché i morti hanno sviluppato la meningite, tanto per cominciare? Nessuno ha condiviso informazioni sullo stato della vaccinazione COVID-19, ma i ricercatori di tutto il mondo segnalano la meningite come evento avverso post-vaccinazione COVID negli adolescenti e negli adulti, ad esempio in GiapponeSingaporeCoreaIraqBelgio e Germania.

 

La meningite è anche un evento avverso elencato per i vaccini DTaP, epatite A e B, influenza e MPR e vaccini contenenti Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) e componenti della poliomielite.

 

E un medico di 28 anni che si è offerto volontario negli studi clinici brasiliani per il vaccino COVID-19 di AstraZeneca è morto dopo aver ricevuto il vaccino contro la meningite somministrato al «gruppo di controllo».

 

 

Ciò di cui i bambini hanno davvero bisogno

Purtroppo, qualunque sia il lato positivo temporaneo o duraturo che può essere emerso dalla pausa indotta dal COVID-19 nella vaccinazione infantile, i bambini e i loro genitori devono ancora affrontare molte sfide.

 

Secondo uno studio dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, lo stato ponderale di bambini e adolescenti che erano già in sovrappeso o obesi è peggiorato in modo significativo durante il 2020 e l’insicurezza alimentare dei bambini sta aumentando sia a livello nazionale che internazionale.

 

Inoltre, i massicci cambiamenti sociali e comportamentali comandati attraverso restrizioni governative hanno fatto scrivere terribili titoli di giornale sulla salute mentale dei giovani — anche se gli esperti avvertono che questi potrebbero portare in maniera controproducente a una sovradiagnosi e a una sovramedicazione con farmaci noti per causare violenza e suicidio.

 

Anziché più vaccini o farmaci che non hanno mai mantenuto il loro slancio o le loro promesse, ciò di cui i bambini e i giovani hanno bisogno per crescere sono i fondamenti della salute pubblica più lenti, ma più sicuri — come una nutrizione solida, alloggi sicuri e sicurezza economica — e l’amorevole attenzione dei loro genitori.

 

 

Lo staff di The Defender

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 12 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

«Influencer» per genitori condannata per abusi su minori

Pubblicato

il

Da

Una madre americana di sei figli, i cui consigli online sui genitori hanno attirato più di due milioni di abbonati su YouTube, è stata condannata il mese scorso ad almeno quattro anni di carcere con l’accusa di aggravamento di abusi su minori.

 

Ruby Franke, 42 anni, che gestiva il canale YouTube «8 Passengers», ora cancellata, è stata arrestata lo scorso agosto nello stato americano dello Utah quando suo figlio dodicenne malnutrito è scappato dalla casa di un’altra donna, Jodi Hildebrandt, 54 anni, per chiedere cibo e acqua a un vicino.

 

Il bambino era stato legato con nastro adesivo e aveva ferite aperte visibili a causa dell’essere stato legato con una corda, secondo i documenti della polizia. Hildebrandt, con il quale Franke collaborava in un’impresa commerciale separata, è stata condannata alla stessa pena detentiva di quattro pene da uno a 15 anni ciascuna.

 

Entrambe si erano dichiarate colpevoli a dicembre delle accuse di abuso aggravato di secondo grado su minori.

 

 

Sostieni Renovatio 21

Scusandosi con i suoi figli dopo la sua condanna, Franke ha detto di aver «creduto che l’oscurità fosse luce e che il giusto fosse sbagliato. Farei qualsiasi cosa al mondo per voi. Ho preso da voi tutto ciò che era tenero, sicuro e buono». Nella sua stessa dichiarazione, la Hildebrandt ha detto che spera che i bambini possano «guarire fisicamente ed emotivamente».

 

Durante il processo dell’anno scorso, il pubblico ministero Eric Clarke ha detto alla corte che due dei figli di Franke erano stati costretti a vivere in un «ambiente simile a un campo di concentramento» e gli erano stati «regolarmente negati cibo, acqua, letti in cui dormire e praticamente ogni forma di divertimento».

 

 

La Franke aveva creato il suo canale YouTube «8 Passengers» nel 2015 e l’estate scorsa aveva accumulato 2,3 milioni di abbonati, molti dei quali attratti dai video della vita familiare suburbana di Franke.

 

Tuttavia, alcuni spettatori si sono preoccupati nel 2020 quando uno dei suoi figli ha detto in un video che aveva dormito su un pouf per sette mesi. Altri video descrivevano Franke che tratteneva il cibo dai suoi figli e «annullava» il Natale come punizione.

 

Il canale YouTube «8 Passengers» è stato cancellato nel 2022, lo stesso anno in cui la Franke si era separata dal marito Kevin.

 

Nell’ambito di un patteggiamento, Hildebrandt – che ha collaborato con Franke in una serie di video di «life coaching» – ha ammesso di essere a conoscenza degli abusi sui minori e di aver costretto uno dei figli di Franke a «saltare più volte in un cactus».

 

Ha aggiunto che Franke aveva detto ai suoi figli che erano «malvagi e posseduti» e dovevano «pentirsi».

 

In una dichiarazione rilasciata dal suo avvocato prima del processo l’anno scorso, Kevin Franke ha chiesto che fosse inflitta la pena massima al suo ex partner per l’abuso «orribile e disumano» dei suoi figli.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Essere genitori

Lucifero vittima ed eroe: i cartoni animati riscrivono il Bene e il Male

Pubblicato

il

Da

Un video girato da una mamma italiana preoccupata sta circolando sui social media.   La signora mostra come su un popolare e onnipresente servizio di streaming vi sia un cartone che, alla prima puntata, riscrive completamente la storia biblica.   Per il cartone, Lucifero era buono, ed è stato punito ingiustamente. Si sarebbe poi trovato, «attratto dalla fiera indipendenza», con Lilith, prima moglie di Adamo poi divenuta demone – e già la presenza di questo personaggio nel cartone animato è indicativa, vista la sua persistenza nella mitologia femminista: di fatto, la vediamo scappare dal primo uomo che ancora prima di essere padre già la tratta come un patriarca.   Il lettore può vedere da sé il livello di inversione a cui si arriva: il «Paradiso» è cattivo, Lucifero è vittima della sua crudeltà; l’atto di dare la mela ad Eva è un atto prometeico di amore per l’umanità…  

Sostieni Renovatio 21

Si resta sbalorditi.   Pare addirittura, ma potremmo sbagliarci, che a San Michele Arcangelo, colui che sconfisse Lucifero, siano assegnate fattezze mostruose.   È semplicemente sconcertante: e provate a pensare a una piccola mente che assorbe questa storia prima di poter frequentare il catechismo, dove, in teoria, dovrebbero raccontargli la versione opposta. A chi crederà, alla TV o al catechista? Cosa sortirà la dissonanza cognitiva prodotta?   Apprendiamo che il cartone si chiama Hazbin Hotel ed è realizzato da un’artista poco più che trentenne, Vivienne Medrano, che sempre a tema infernale produce anche un’altra serie chiamata Helluva Boss. Dopo aver lavorato nei film horror, si è fatta largo su YouTube, per poi fare il suo primo cortometraggio «Son of 666» (2013). Bisessuale, si definisce «una donna queer su internet che ha fatto qualcosa di popolare».   La protagonista di Hazbin Hotel è Charlie Morningstar (Carla Stella del Mattino – anche qui, un riferimento a Lucifero) principessa dell’Inferno, nella sua ricerca per trovare un modo per «riabilitare» i peccatori e ammetterli in Paradiso, tramite il suo «Hazbin Hotel», come alternativa all’annuale «sterminio» delle anime da parte del Paradiso a causa della sovrappopolazione dell’Inferno.   La ragazzina protagonista è aiutata dalla sua «fidanzata» Vaggie, che è anche la sua manager, e da un attore pornografico chiamato Angel Dust. Il prodotto è R-rated, cioè, secondo la classificazione americana, adatto ad un pubblico di under 17 solo se accompagnati da un adulto. Amazon lo segna come «18+», tuttavia sappiamo che almeno al pubblico italiano ogni cartone suggerisce di default l’essere fatto per bambini, e il primo episodio è stato distribuito su YouTube, dov’è ancora possibile vedere liberamente anche il trailer, con violenza e oscenità sin dai primi secondi.   Attacco: «Ciao a te, peccatore perduto, ti piace il sangue, la violenza, e la depravazione di natura sessuale?». Segue turpiloquio vario.     La serie è prodotta in collaborazione con Amazon Studios dalla società di intrattenimento indipendente A24, una casa di produzione basata a Nuova York con all’attivo film e serie controversi come Spring Breakers e Euphoria. Lanciato il 19 gennaio 2024, Hazbin Hotel è il suo primo progetto di animazione, già disponibile con doppiaggio italiano.   Non si dichiara come un cartone per bambini: ma allora, per chi è? Quanti adulti amano vedere disegni stilizzati, caricature in movimento, invece che guardare del cinema? Una domanda antica, a cui forse non sappiamo rispondere perché sottovalutiamo l’infantilizzazione delle masse.   Torniamo un secondo sulla presenza in questo prodotto di intrattenimento del demone Lilith, scritto anche Lilit, Lilitu o Lilis, una figura femminile nella mitologia mesopotamica e giudaica, che secondo alcuni teorie non cristiane sarebbe stata la prima moglie di Adamo e presumibilmente un demone primordiale, una creatura «bandita» dal Giardino dell’Eden per non aver rispettato e obbedito ad Adamo – e per questo oggi citata e riverita dai movimenti femministi che combattono il patriarcato e la figura maschile. Si pensa che sia menzionata nella Bibbia in ebraico nel Libro di Isaia (34, 14), in una lista di animali notturni, dove è tradotto dalla versione CEI con «civetta».   La figura è più consistente nella tarda antichità nella mitologia mandea e nelle fonti della mitologia ebraica dal 500 d.C. in poi. Lilith appare in formule di incantesimo che incorporano una breve storia mitica (conosciuti oggi come historiolas nella mitologia mesopotamica, greca, aramaica, mandea e cabalistica) in vari concetti e località che danno descrizioni parziali di lei. La demonessa è menzionata nel Talmud babilonese, nel testo apocrifo Vita di Adamo ed Eva come la prima moglie di Adamo, e nello Zohar Leviticus come «una donna focosa e focosa che per prima convisse con uomo». Molte autorità rabbiniche tradizionali, tra cui Maimonide e Menachem Meiri, rifiutano l’esistenza di Lilith.   Perché un tale personaggio, di fatto conosciuto per lo più solo da chi è appassionato di esoterismo ed affini, compare in un cartone? Perché gli autori sono immersi nella cultura femminismo e nel gender che glorificano Lilith, le streghe, i demòni, l’Inferno. E credono che sia giusto immergere in questo calderone anche i vostri figli, per cucinarli secondo la ricetta del Moloch perverso-polimorfo che si sta impadronendo dell’Occidente e della sua cultura.

Aiuta Renovatio 21

È molto chiaro quello che sta accadendo, e non parliamo del macro-piano spirituale e morale dove è impossibile non vedere l’insorgenza del demoniaco sulle famiglie: a livello più concreto, è facile rintracciare la genealogia di questa cultura che viene fatta percolare nell’industria dell’intrattenimento, anche infantile. Si tratta del rifiuto radicale del cristianesimo tipico del genderismo, che non esita, come visibile in tanti Gay Pride, ad allearsi a forme e motivi del satanismo – sempre, ovviamente, con la scusa della «satira» a portata di mano.   Non si tratta di un caso isolato. Il principale soggetto dell’industria del family entertainment, Disney, sappiamo bene essere diretto lì. Dopo l’ultimo film di Natale I terribili nove (The Naughty Nine) con personaggi apparentemente LGBT e le scene con baci omoerotici nel cartone Lightyear (2022), vi sarebbe anche il caso della serie TV in via di produzione chiamata Little Demon, che ha suscitato presso i cristiani americani polemiche per la «normalizzazione del paganesimo» e il sostegno a Satana e all’Anticristo.   Come riportato da Renovatio 21, il film natalizio 2022 della Disney conteneva una sequenza che mostrava un gruppo di bambini che tengono in mano cartelli che recitano «WE LOVE YOU SATAN», cioè «TI AMO SATANA». Si tratta di un equivoco che dovrebbe far ridere: «Satan» è l’anagramma di «Santa», cioè Santa Claus, Babbo Natale, quindi nella pellicola i bambini si sono sbagliati, del resto basta invertire due lettere.   Non c’è molto da ridere. Invece c’è da tenere lontani i bambini dall’intrattenimento attuale, la cui agenda di inversione propriamente diabolica non è nemmeno più discutibile.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube    
Continua a leggere

Essere genitori

Bambini travestiti da donne in lingerie bourlesque fatti sfilare per una città spagnola

Pubblicato

il

Da

È emerso online un video di bambini piccoli che prendono parte a una parata in Spagna indossando lingerie in stile burlesque, copricapezzoli e parrucche, con bandiere arcobaleno LGBT attaccate sulla schiena.

 

Il filmato, girato durante un carnevale annuale a Torrevieja, una città nel sud della Spagna ritenuta «gay-friendly», mostra un gruppo di minori che marcia con diversi che sembrano avere circa 9 o 10 anni o meno.

 

Sostieni Renovatio 21

Oltre ai reggicalze e alle calze erotiche e succinte, ai bambini è stata posizionata una «X» di nastro nero sui capezzoli e è stato applicato un trucco completo sui loro volti.

 

Il video mostra i bambini che vengono istruiti a imitare gli adulti eseguendo gesti provocatori per le strade della città di Alicante davanti a spettatori adulti e ad altri bambini.

 

In un video, si vede una donna che mette qualcosa, presumibilmente dolci, nella bocca dei bambini mentre si muovono.

 

Alcuni di coloro che hanno pubblicato il filmato hanno notato che il titolo della «performance» era «Prometer hasta meter» che indica qualcuno che promette qualsiasi cosa e poi se ne dimentica una volta ottenuto ciò che voleva.

 

Altri video mostravano adulti che indossavano gli stessi abiti ed eseguivano gli stessi movimenti.

 

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Secondo l’account Twitter Right Angle News Network gli organizzatori del numero sarebbero noti per il loro «simbolismo antagonista che prende di mira principalmente il cristianesimo».

 

 

Va notato come Torrevieja sia governata in solitario dal Partido Popular (PP), la versione spagnuola della Democrazia Cristiana, sempre pronta a compromessi o a vere e proprie aperture alla dissoluzione del mondo moderno. La scorsa estate il sindaco della città presenziò, tra drappi omotransessualisti, alla lettura di un manifesto gay nel corso delle celebrazioni del Pride, riporta il quotidiano catalano La Vanguardia.

 

Nel manifesto letto alla presenza del primo cittadino del partito conservatore vi erano una presa di posizione sui «divorzi duri che alcuni usano per legittimare la violenza sessista», i quali «hanno bisogno di opposizione» da parte degli omosessualisti. Il machismo come «la violenza di genere esiste e necessita di opposizione. Perché il genere non è un’ideologia e il collettivo LGTBIQ+ non è una lobby. Perché il concetto di famiglia non è impermeabile, non è un uomo e una donna che hanno figli».

 

Pochi mesi dopo, ecco che, con la scusa del carnevale, anche l’immagine dei figli diviene, come dire, «non impermeabile». Alcuni sostengono che si tratti in realtà di bambine, ma la sostanza non sembra cambiare molto.

 


Sostieni Renovatio 21

È piuttosto inutile nascondersi dietro al fatto che si tratta di carnevale: non si tratta nemmeno di adolescenti, si tratta di bambini piccoli, e l’effetto che un simile video fa sull’animo di un genitore è scioccante.

 

Del resto lo avevano detto: «convertiremo i vostri figli». La canzone dei gay organizzati uscita qualche anno fa, poi subito sparita quando si scoprirono i possibili trascorsi di alcuni cantori coinvolti, di fatto si limitava a riprendere un programma noto.

 

Nel febbraio 1987, comparve sulla testata americana Gay Community News un testo (che non sarebbe sbagliato etichettare come un vero hate speech eterofobo, ma per quello la legge non c’è e non ci sarà mai) intitolato Gay Manifesto. Lo firmava un certo Michael Swift, che alcuni credono fosse solo uno pseudonimo. L’incipit di tale «Manifesto omosessuale» recitava:

 

«Sodomizzeremo i vostri figli, emblema della vostra debole mascolinità, dei vostri sogni superficiali e delle bugie volgari. Li sedurremo nelle vostre scuole, nei vostri dormitori, nelle vostre palestre, nei vostri spogliatoi, nei vostri palazzetti dello sport, nei vostri seminari, nei vostri gruppi giovanili, nei bagni dei vostri cinema, nei vostri dormitori dell’esercito, nelle vostre fermate dei camion, nei vostri club per soli machi, nelle vostre Camere dei Deputati, ovunque gli uomini stiano assieme agli uomini. I vostri figli diventeranno i nostri servi e obbediranno ai nostri ordini. Saranno riplasmati a nostra immagine. Verranno a desiderarci e ad adorarci».

 

Fu detto che in realtà si trattava di satira, di uno scherzo. Insomma, una carnevalata, anche qui. Tuttavia il ritornello si ripete nei decenni.

 

Come riportato da Renovatio 21, la marcia delle Drag Queen durante il Pride di Nuova York della scorsa estate ha scandito una coretto in piena lucidità: «We’re here, we’re queer, we’re coming for your children», cioè «Siamo qui, siamo finocchi, stiamo venendo a prendere i vostri figli». Com’era? «Prometer hasta meter»…

 


Il carnevale non può essere la scusa per tale abisso di degrado – soprattutto perché bisogna realizzare che il carnevale non è solo uno strumento, è il fine di tutto questo, un mondo che, come nel momento di festa estrema, inverte qualsiasi legge naturale e sociale.

 

Preparatevi ad una difesa ad oltranza della vostra prole e della sua innocenza.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari