Connettiti con Renovato 21

Vaccini

«Sono vaccinato e ho preso il COVID» dice il batterista dei Poison

Pubblicato

il

 

 

 

Riki Rockett è il batterista di un gruppo che a metà degli anni Ottanta ebbe un certo seguito, i Poison, che suonavano un sottogenere che si chiamava hair metal, probabilmente per le belle chiome dei musicisti.

 

Riki Rockett ha un canale YouTube dove parla per lo più delle sue passioni, che sono le leggende metropolitane e le motociclette – delle quali ha una collezione non indifferente, avendo fatto il mestiere di musicista prima di internet e quindi con qualche introito da spendere (a dire il vero, praticamente qualsiasi lavoro prima di internet – a parte il banchiere, il parassita statale, l’oligarca – rendeva bene prima dell’avvento della rete, ma stiamo divagando).

 

Saremo tentati quindi di lasciare Riki Rockett nel suo oblio luccicante come le sue Harley, se non fosse che qualche settimana fa il percussionista ha fatto una dichiarazione importante:

 

«Ho il COVID». La cosa ha una sua rilevanza perché Riki Rockett è vaccinato a ciclo completo.

 

Il musicista racconta che il figlio aveva qualche sintomo, qualche lo ha portato in ospedale.  Long story short, anche lui pochi giorni dopo ha i sintomi, e il tampone dice: positivo anche lui. «Non sono l’unico nella mia famiglia, ora tutti lo hanno».

 

«Ho il COVID. Ma indovinate? Sono vaccinato. Sono completamente vaccinato, da mesi».

«Ma indovinate? Sono vaccinato. Sono completamente vaccinato, da mesi».

 

Rockett non sa se si tratti della temibile variante Delta, ma i dottori dicono che ha tutti i tratti.

 

I sintomi sono stati: secchezza delle fauci per naso intasato, poi naso che cola «profudamente», brividi quando è andato a letto. Si sveglia bagnato fradicio.

 

Il batterista chiama i dottori e si quarantina dentro il suo camper. Un’altro giorno di malessere, sudorazione e male alle spalle. Poi il terzo giorno sta meglio, niente febbre.

 

10 giorni di quarantena, e almeno due senza febbre, raccomanda l’antica celebrità metallara.

 

La quale dichiara di non sentirsi un idiota per essersi vaccinato e aver preso lo stesso il COVID, in quanto, dice, sarebbe stato molto peggio se non fosse stato siringato. Rockett fa capire di temere tantissimo la variante Delta, e ben sette medici gli hanno detto che probabilmente è proprio quella, tanto che dice che adesso vuole ricorrere al sequenziamento genetico.

 

Il drummer dice che le cliniche gli hanno detto di avere dozzine di pazienti vaccinati che risultano positivi al COVID.

 

Rockett è un sopravvissuto al cancro, che ha vinto circa 5 anni fa. La cosa non costituisce un problema per la vaccinazione a tappeto, come abbiamo visto nell’intervista pubblicata ieri da Renovatio 21 sulle vaccinazioni ai soggetti deboli.

 

Il batterista segue e dà dei consigli, prima sulle vitamine, poi sul farsi subito testare, etc.

 

Il conformismo delle rockstar, che invece che ribelli sono tutti in cerca della «vita omologata» (di quelle che dormi sempre), è sempre più imbarazzante

Che dire, il rock si sta rivelando come una delle attività umane più inclini all’asservimento biotico totale – perfino di fronte a fatti che dovrebbero far scattare qualche dubbio.

 

Il conformismo delle rockstar, che invece che ribelli sono tutti in cerca della «vita omologata» (di quelle che dormi sempre), è sempre più imbarazzante.

 

Di questa scelta per l’omologazione vaccinale, alcuni potrebbero pure essere morti.

 

Possiamo dirlo? Preferivamo quando morivano di overdose. Erano più coerenti con il messaggio di cui dicevano di essere portatori.

 

 

 

 

Immagine di don prokect via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Continua a leggere

Vaccini

Bambina di 9 anni senza passaporto vaccinale va al museo, la polizia di New York la arresta

Pubblicato

il

Da

Una protesta anti-obbligo al Museo di Storia Naturale di Nuova York è finito con l’arresto di una bambina di 9 anni.

 

Un gruppo di manifestanti contro l’obbligo vaccinale e il passaporto vaccinale (attivo a New York, tanto che perfino il presidente brasiliano Bolsonaro è stato costretto a mangiare una pizza al trancio per strada) si era recato, con prenotazione, al rinomato Museo di Storia Naturale a Manhattan, rifiutando di  mostrare i documenti di avvenuta sierizzazione genica.

 


«Dovrei avere il permesso di accedervi, ma non mi è permesso» ha dichiarato un membro del gruppo. Si trattava di una protesta contro l’esclusione dei non vaccinati.

 

La sicurezza ha quindi rifiutato di permettere a una donna del gruppo di manifestanti di usare il bagno per motivi, è riportato, «femminili».. Dopo la discussione, il personale impiegato al museo ha deciso che avrebbe potuto usare il bagno, purché scortata.

 


La polizia quindi è arrivata sul posto è arrestato sei manifestanti, tra cui una bambina di 9 anni di nome Jayla.

 

Nel video, è possibile vedere la bimba scoppiare a piangere mentre la polizia la porta nel furgone della pattuglia.

 

 

 

«State traumatizzando una bambina», hanno detto i manifestanti alla polizia. «Questo è un abuso sui minori!».

 

In seguito Jayla è stata rilasciata. Nel video della sua liberazione, si vede la bambina abbracciare un’attivista in sedia a rotelle di nome Julie che è stata multata dalla polizia all’inizio di questa settimana per aver tentato di cenare in un ristorante della catena Bubba Gump Shrimp.

 

Come riportato da Renovatio 21, non si tratta di una prima volta in cui si registrano interventi brutali della polizia di Nuova York contro bambini non vaccinati o privi della documentazione necessaria. Un video del mese scorso mostrava una festa di compleanno di un bambino interrotta dalla polizia.

 


«Se non ce l’hai, dovrai andartene», aveva detto, riferendosi al passaporto vaccinale, un ufficiale di polizia al bambino smascherato, che iniziava a piangere.

 

Un altro poliziotto annunciava poi  ai bambini e ai genitori attraverso un megafono: «Se ve ne andate volontariamente, non avrete accuse contro di voi. Altrimenti verrete arrestati per violazione di domicilio. Questo sarà il vostro unico avvertimento».

 

Il mondo è divenuto con il COVID un luogo spietato. Le istituzioni, ancora di più.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Vaccini

Intorno al papa c’è il COVID. E tanto vaccino Pfizer

Pubblicato

il

Da

Due alti papaveri vaticani dell’entourage del papa sono risultati positivi al COVID-19 nonostante entrambi abbiano fatto tre dosi del vaccino.

 

«Il cardinale Pietro Parolin e l’arcivescovo Edgar Peña Parra sono entrambi risultati positivi al COVID-19, hanno confermato fonti vaticane, con il cardinale Parolin che mostra sintomi. Il Segretario di Stato vaticano e il suo vice hanno entrambi fatto due dosi di vaccino e il vaccino di richiamo», cioè sono ambedue trivaccinati. Lo ha scritto ieri su Twitter l’imbattibile vaticanista Edward Pentin sul National Catholic Register.

 

Immediatamente dopo la notizia, i cattolici si sono rivolti ai social media per esprimere «l’ironia» della situazione, in particolare alla luce dei commenti del Bergoglio che sembravano prendere in giro il cardinale Raymond Leo Burke quando ha contratto il virus, e la misura del Vaticano di licenziare coloro che si trovavano all’interno della città-Stato che rifiutano di farsi iniettare.

 

«Il cardinale Pietro Parolin e l’arcivescovo Edgar Peña Parra sono entrambi risultati positivi al COVID-19, hanno confermato fonti vaticane, con il cardinale Parolin che mostra sintomi. Il Segretario di Stato vaticano e il suo vice hanno entrambi fatto due dosi di vaccino e il vaccino di richiamo», cioè sono ambedue trivaccinati

Il caso del Bergoglio che attaccava Burke, un malato in ospedale, fu particolarmente triste, e visto oggi sprigiona tutta l’imprevidenza dell’argentino. «Anche nel collegio cardinalizio ci sono negazionisti e uno di questi è ricoverato con il virus, ironia della vita». Già, bella ironia. A dire il vero, l’umorismo massimo è pensare che dei casi di prelati malati non stanno parlando in pubblico, la notizia è un leak, e questo ci fa pensare quindi che nel caso ad ammalarsi fosse l’uomo vestito di bianco, vaccinato pubblicamente, promotore globale del siero genico, tenterebbero di non far uscire nessuno spiffero.

 

Avremmo, cioè, la situazione in cui il papa vaccinatore si ammala del morbo cinese contro il quale è vaccinato. La farsa vaticana, a quel punto, raggiungerebbe nuove vette di impresentabilità; tuttavia, ribadiamo, è difficile pensare che la notizia scapperà.

 

In settimana è emersa la notizia, di per sé grave assai, degli incontri segreti di Bergoglio con Albert Bourla, il CEO di Pfizer.

 

Quando Renovatio 21 ha intervistato la guardia svizzera costretta a lasciare il Vaticano per il suo rifiuto di sottoporsi alla siringa mRNA, abbiamo appreso che in effetti la Santa Sede faceva appunto iniezioni di Pfizer.

 

La spirale di riserbo sull’incontro tra Bergoglio e il capo di Pfizer potrebbe essere derivata da un accordo segreto. Come ha riportato il Washington Post che «Pfizer ha formalizzato 73 accordi per il suo vaccino contro il coronavirus. Secondo Transparency International, un gruppo di difesa con sede a Londra, solo cinque contratti sono stati formalmente pubblicati dai governi e questi con “censure significative”».

 

«Il contratto stipulato con il Brasile vieta al governo di fare “qualsiasi annuncio pubblico riguardante l’esistenza, l’oggetto o i termini dell'[accordo]” o di commentare il suo rapporto con Pfizer senza il previo consenso scritto della società».

 

Ora, non sappiamo se l’incredibile silenzio sugli incontri sia stato dettato da un accordo (segreto) di segretezza. Tuttavia, i giornali hanno tirato fuori un altro dato piuttosto pazzesco dai contratti segreti Pfizer emersi.

 

Il Washington Post scrive che alcuni Paesi sono «tenuti a rinunciare all’immunità contro il sequestro “precauzionale” dei loro beni».  La testata peruviana Ojo pubblico, citando l’indagine del Bureau of Investigative Journalism, scrive che «Pfizer è stato accusata di aver “bullizzato” i governi latinoamericani nelle negoziazioni per il vaccino COVID e ha chiesto ad alcuni Paesi di mettere asset sovrani, come edifici di ambasciate e basi militari, a garanzia del costo di eventuali future cause legali».

 

Abbiamo capito che non è stato un grande affare: tre dosi e ti ammali ancora. Non esattamente un farmaco miracoloso. Ma del resto, nel Vaticano bergogliano, chi ci crede ancora ai miracoli?

E lo Stato del Vaticano? Quali asset potrebbe aver ipotecato? La Cappella Sistina? L’obelisco? La pietà di Michelangelo? I giardini? I libri della biblioteca? La cripta dove sono sepolti i papi, molti dei quali si stanno rivoltando al punto da poter immaginare una produzione di energia elettrica rinnovabile, tanto cara al pontefice della spazzatura differenziata?

 

Non lo sappiamo.

 

Tuttavia abbiamo capito che non è stato un grande affare: tre dosi e ti ammali ancora.

 

Non esattamente un farmaco miracoloso. Ma del resto, nel Vaticano bergogliano, chi ci crede ancora ai miracoli?

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Salute

Vergogna all’Australia che rifiuta la scienza: il più grande tennista al mondo è già immune al COVID

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Revocando il visto di Novak Djokovic per aver rifiutato il vaccino contro il COVID dopo essersi completamente ripreso dal virus solo il mese scorso, l’Australia ha abbandonato la scienza dell’immunologia.

 

 

 

L’Australia ha una storia rinomata e gloriosa nella scienza immunologica. In effetti, direi che se c’è una «città sulla collina» immunologica, quella è l’Australia.

 

Dal leggendario Walter and Eliza Hall Institute al Garvan Institute , a importanti premi Nobel australiani e padri fondatori della scienza immunologica (Sir Macfarlane Burnett, Jacques FP Miller e Peter Doherty) ai leader contemporanei della scienza immunologica ( Jonathan Sprent , Christopher Goodnow e Jason Cyster ), l’Australia è stata conosciuta come la mecca del pensiero immunologico e della scienza.

 

Quindi è semplicemente scioccante vedere il governo della nazione comportarsi in modo così immunologicamente disinformato e autoritario quando si tratta della gestione dell’immunità COVID.

 

La deportazione irrazionale e non etica di Djokovic dall’Australia è una macchia sulla reputazione di molti importanti immunologi australiani e leggendari istituti immunologici in quel Paese

La recente deportazione del tennista più importante del mondo, Novak Djokovic, dall’Australia per aver rifiutato un vaccino obbligatorio di cui non aveva bisogno e da cui poteva essere danneggiato, è stata scioccante per me come immunologo.

 

Come mai? Perché so con assoluta certezza che Djokovic, che si è ripreso da un’infezione da COVID nel dicembre 2021, ha acquisito un’immunità naturale al COVID abbastanza potente e robusta, equivalente, se non più potente di quella ottenuta dalla vaccinazione completa e dai richiami.

 

 


 

Quindi è semplicemente scioccante vedere il governo della nazione comportarsi in modo così immunologicamente disinformato e autoritario quando si tratta della gestione dell’immunità COVID

In altre parole, Djokovic, recentemente guarito dal COVID, rappresentava un rischio quasi zero per se stesso o per chiunque altro in Australia, eppure quel governo occidentale liberale democratico si è degnato di un terribile autoritarismo, escludendo irrazionalmente e non eticamente un campione internazionale da uno degli eventi più prestigiosi del tennis: l’Open d’Australia. Deplorevole!

 

Qualsiasi immunologo degno del suo sale sa che l’aspetto più insolito della campagna globale per il vaccino contro il COVID è che il vaccino viene distribuito su vasta scala nel mezzo di un’epidemia di pandemia, quando molti sono già infetti, di recente o al momento della la loro vaccinazione.

 

Questa campagna indiscriminata di salute pubblica è pericolosa. Non solo espone molti milioni di persone già immuni al rischio di cure mediche non necessarie, ma rappresenta anche un grave rischio di danni alle persone infettate di recente o convalescenti, in cui persistono ancora epitopi antigenici virali e in cui una vaccinazione non necessaria potrebbe indurre una risposta iperinfiammatoria.

 

Che eminenti immunologi – in particolare i pionieri australiani contemporanei dell’immunologia – non siano a conoscenza o tacciano su come la nostra disciplina scientifica dell’immunologia sia stata corrotta e abusata dai governi di tutto il mondo in modo che possano imporre obblighi di massa draconiani a milioni di persone con  l’immunità «acquisita» o «ibrida» è stato francamente deludente e scioccante per me.

 

Ma suppongo che tutti gli eroi abbiano i piedi d’argilla – e anche i pensatori attenti possono pensare con noncuranza a volte.

 

Tuttavia, è scioccante sentire il vuoto dei giganti del mondo dell’immunologia — in particolare quelli dell’Australia, che è davvero il luogo di nascita dell’immunologia moderna -– quando si tratta del tema della vaccinazione obbligatoria di persone già immuni e recentemente infette.

 

Che terribile segno del nostro tempo, quando né la scienza e la ragione né l’etica e la difesa occidentale dell’individualità contano più di fronte alla paura irrazionale e agli editti del governo

Che terribile segno del nostro tempo, quando né la scienza e la ragione né l’etica e la difesa occidentale dell’individualità contano più di fronte alla paura irrazionale e agli editti del governo.

 

La deportazione irrazionale e non etica di Djokovic dall’Australia è una macchia sulla reputazione di molti importanti immunologi australiani e leggendari istituti immunologici in quel Paese.

 

Il governo scavalca i principi della scienza immunologica e dell’etica medica, al fine di raggiungere la conformità a livello di popolazione, mentre gli eroi occidentali della scienza immunologica rimangono in silenzio, incantesimi disastri per l’integrità delle civiltà occidentali e delle democrazie autonome.

Vergogna per il governo australiano per aver deportato irrazionalmente Djokovic. E guai a quegli eminenti esperti australiani e alle istituzioni australiane, che in realtà be sanno di più ma hanno scelto di non parlare per motivi di opportunità politica o di conforto personale

 

Vergogna per il governo australiano per aver deportato irrazionalmente Djokovic. E guai a quegli eminenti esperti australiani e alle istituzioni australiane, che in realtà be sanno di più ma hanno scelto di non parlare per motivi di opportunità politica o di conforto personale.

 

In effetti, è più facile non agitare la barca e non parlare, piuttosto che ostacolare una condotta autoritaria non etica da parte di un potente governo democratico smarrito.

 

Ma quel pendio è scivoloso e ci stiamo scivolando tutti giù. Tutto ciò che serve perché un grande male prenda piede è che alcuni uomini buoni rimangano in silenzio e non dicano la loro verità.

 

 

Hooman Noorchashm

medico Ph.D.

 

 

 

 

© 19 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Edwin Martinez via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Più popolari