Connettiti con Renovato 21

Pedofilia

Sesso con bambini robot? Già una realtà

Pubblicato

il

 

 

Pubblichiamo questa nostra traduzione dal sito Lifesitenews. La ripugnante realtà dei bambini-robot per pedofili, già in auge da diversi anni sia in Oriente che negli USA, è ancora sconosciuta in Italia.

 

 

Mentre visitava una fabbrica di giocattoli per adulti in Giappone che produce sexbots –robot realistici creati per l’appagamento sessuale – un giovane giornalista della BBC ha scoperto per caso una sezione dell’edificio dove venivano assemblati sexbots con sembianze infantili.

Child Sexbots: robot realistici dalle sembianze infantili creati per l’appagamento sessuale

Secondo una inchiesta del Daily Star, il giornalista della BBC James Young rimase «visibilmente scosso» e disse in seguito che «quella visione era davvero raccapricciante. Volevo solo andarmene da lì».

 

James Young, reporter della BBC, piange alla visione di una fabbrica di Child Sexbot

 

«Quella visione era davvero raccapricciante. Volevo solo andarmene da lì»

«Il signor Young, che è anche scienziato biologo con protesi ad un braccio e ad una gamba, ha viaggiato in tutto il mondo per incontrare creatori di robot sessuali per il suo documentario», scrive l’articolo. «Durante l’esposizione, ha notato che sembrava proprio “che avessero il potenziale per tirare fuori il peggio di noi”».

 

Mentre alcuni affermano che le bambole sessuali infantili e i sexbots sempre più realistici fungeranno da deterrente contro gli abusi sessuali verso i bambini da parte dei pedofili, molti esperti ritengono invece che la nascente industria incoraggi la predazione sessuale, portando così ad un aumento e non ad una diminuzione dello sfruttamento sessuale dei bambini.

Molti esperti ritengono invece che la nascente industria incoraggi la predazione sessuale, portando così ad un aumento e non ad una diminuzione dello sfruttamento sessuale dei bambini

 

Alcune di queste bambole assomigliano a bambini di appena tre anni e possono essere personalizzate per riprodurre espressioni facciali molto realistiche, tra cui la tristezza e la paura.

 

Ancora più preoccupante è il fatto che i clienti possono personalizzare l’ordine delle loro bambole per farle assomigliare a bambini che conoscono realmente fornendo fotografie al produttore. Nel caso dei sexbots infantili attualmente in fase di sviluppo, i clienti pedofili avranno anche la possibilità di fornire modelli di registrazioni vocali per dare ulteriormente l’illusione di una vera gratificazione sessuale con un bambino specifico conosciuto dal cliente.

I clienti pedofili avranno anche la possibilità di fornire modelli di registrazioni vocali per dare ulteriormente l’illusione di una vera gratificazione sessuale con un bambino specifico conosciuto dal cliente.

 

Secondo thecrimereport.org, «queste bambole che sono state confiscate ai confini di (…) Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda e Canada, per citarne alcuni (…) contengono parti anatomiche e orifizi (bocca, vagina e ano) che possono essere usati per ospitare un pene maschile adulto».

 

YouTube, Instagram, Twitter e Pinterest sono complici.

I colossi dei social media – che sono spesso pronti a censurare i messaggi cristiani e conservatori come «offensivi» o «violazioni degli standard comunitari» – non sono poi così attenti quando si tratta di censurare sulle loro piattaforme la promozione di questi sexbots e bambole sessuali.

 

«Da YouTube a Instagram, da Twitter a Pinterest, i video e i link ai mercati online di bambole sessuali con sembianze infantili appaiono sui più grandi siti di social media», ha recentemente riferito l’affiliata della NBC a New York .

 

«Su un canale YouTube chiamato Pretty Dolls, che è stato rimosso da allora, i video sulle bambole a grandezza naturale simili a bambini e venduti per scopi macabri sono stati guardati più di 100.000 volte», prosegue l’articolo . «Oltre agli annunci sui social media, Google Shopping offriva anche bambole sessuali bambino – e c’erano annunci anche su Amazon».

 

Mentre YouTube e Twitter rimuovono rapidamente link e siti offensivi in ​​risposta all’indagine della NBC, sono apparse ulteriori promozioni di queste bambole sessuali, rivelando quanto questo problema sia dilagante e quanto determinati a fare affari siano sia i fornitori che i clienti.

Mentre YouTube e Twitter rimuovono rapidamente link e siti offensivi in ​​risposta all’indagine della NBC, sono apparse ulteriori promozioni di queste bambole sessuali

 

Legislazione per proibire la vendita e la distribuzione di sexbots per bambini negli Stati Uniti

Il Cebing Realistic Exploitative Electronic Pedofilic Robots (CREEPER) Act, che mira a vietare l’importazione e la distribuzione di bambole sessuali simili a bambini, è stato introdotto dal membro del Congresso di New York Dan Donovan insieme ad una coalizione bipartisan di 32 co-sponsor.

 

«È una persona un po’ vile, chi si approfitta dei bambini per soddisfare orribili impulsi pedofili», dice Donovan. «Durante i miei 20 anni come procuratore, ho messo in carcere quegli animali che hanno perpetrato le loro disgustose fantasie su bambini innocenti. Quello che ho visto e ascoltato è stato abbastanza per dare la nausea a chiunque. Ora, come legislatore al Congresso, sto introducendo un disegno di legge per vietare lo sfogo più attuale per i pedofili: le bambole sessuali infantili. Non fanno parte dele nostre comunità».

 

Importati dalla Cina, da Hong Kong e dal Giappone, le bambole sono volutamente etichettate come manichini o modelli per evitare il rilevamento da parte delle autorità postali.

 

Le forze dell’ordine notano una correlazione tra gli acquisti di bambole del sesso da parte di individui che hanno precedenti di reati contro i bambini. «Delle 128 bambole sequestrate nel Regno Unito, l’85% degli uomini che le hanno importate sono stati trovati anche in possesso di pornografia infantile», afferma un comunicato stampa dell’ufficio di Donovan. «Inoltre, psicologi e ricercatori ritengono che queste bambole rinforzino, normalizzino e incoraggino il comportamento pedofilo, mettendo potenzialmente a rischio un maggior numero di bambini».

 

«In effetti, la psicologia emergente su questo tema dice che tali bambole incoraggiano l’abuso di bambini verso bambini veri», dice Donovan in un editoriale su The Hill. «Peter Fagan della Johns Hopkins School of Medicine ha recentemente dichiarato al The Atlantic che le bambole sessuali infantili hanno probabilmente un “effetto rinforzante” sui pedofili, e “in molti casi causano (l’impulso) di agire con maggiore urgenza».

Peter Fagan,  Johns Hopkins School of Medicine: le bambole sessuali infantili hanno probabilmente un “effetto rinforzante” sui pedofil, e “in molti casi causano l’impulso di agire con maggiore urgenza

 

Una coalizione di esperti di robotica, esperti di etica e protezione dell’infanzia si sono uniti per sostenere la legislazione proposta.

 

«L’abuso sessuale infantile è un crimine abominevole, che nessun bambino dovrebbe mai subire», dice Michael Polenberg, vicepresidente degli affari governativi di Safe Horizon, una delle principali organizzazioni di assistenza alle vittime. «In che modo, allora, si riconcilia l’avversione della società civile per l’abuso di minori con la produzione e l’importazione di bambole a grandezza naturale simili a bambini reali a scopo sessuale? Questo è, sotto più aspetti, profondamente preoccupante».

 

«Attualmente si assiste ad un drammatico aumento alla creazione di robot sessuali parlanti attraverso intelligenza artificiale», ha spiegato Noel Sharkey, condirettore della Foundation for Responsible Robotics. «La possibilità di creare repliche robotiche anatomicamente dettagliate di bambini specifici per l’appagamento sessuale ora è qui ed è sicuramente un passo più lungo della gamba. Tali dispositivi avranno un impatto nefasto sulla nostra società e diventeranno una minaccia per la sicurezza sessuale dei nostri bambini».

«I sequestri di bambole sessuali infantili dimostrano che i predatori sessuali e i pedofili non si fermeranno davanti a nulla per raggiungere questi bambini»

 

«I sequestri di bambole sessuali infantili dimostrano che i predatori sessuali e i pedofili non si fermeranno davanti a nulla per raggiungere questi bambini», ha detto Stacie Rumenap, presidente di Stop Child Predators. «Non c’è dubbio che queste bambole saranno utilizzate per attirare e manipolare i bambini e alla fine porteranno ad un maggiore abuso e sfruttamento sessuale dei bambini veri».

 

Melanie Blow, COO della Campagna Stop Abuse, ha dichiarato: «L’abuso sessuale infantile è ormai un’epidemia nella nostra società, che colpisce un quinto dei bambini della nostra nazione. Un’epidemia con enormi costi umani e finanziari. Tutto ciò che normalizza l’attrazione sessuale degli adulti nei confronti dei bambini contribuirà solo a peggiorarla. Queste bambole infantili e i robot che fanno ciò sono perfettamente legali, e questo è un problema».

 

Kathleen Richardson, fondatrice della Campagna contro i robot sessuali e De Montfort University, professore di etica e cultura di robot e intelligenza artificiale, ha dichiarato: «Ho ascoltato in prima persona le storie delle vittime di abusi sessuali durante l’infanzia e dobbiamo fare tutto il possibile per prevenire incidenti futuri. Dare bambole e robot del sesso ai pedofili non farà altro che incoraggiare atti dannosi nei confronti di bambini innocenti. La sicurezza di un bambino non dovrebbe mai essere messa al di sotto del desiderio di un predatore o dei profitti delle aziende commerciali».

«Dare bambole e robot del sesso ai pedofili non farà altro che incoraggiare atti dannosi nei confronti di bambini innocenti.»

 

I robot sessuali con sembianze infantili possono fermare la pedofilia?

Alcuni suggeriscono che i Child Sexbot (CSB) forniranno uno sfogo sicuro per le persone sessualmente attratte dai bambini.

 

Secondo l’inchiesta della NBC, «essi prefigurano  un futuro in cui ai pedofili vengono prescritti i CSB in modo che possano dare il loro impulso senza reali vittime».

 

«C’è un ampio consenso tra gli esperti sul fatto che né bambole sessuali infantili né CSB debbano essere disponibili per l’acquisto», continua il report. «Ma alcuni esperti dicono che è giunto il momento di condurre ricerche scientifiche per valutare il loro possibile uso come deterrente per la pedofilia, un disturbo psichiatrico che causa attrazione sessuale verso i bambini in età prepuberale e che ora viene trattato attraverso la psicoterapia o, in alcuni casi, con droghe in grado di frenare la libido».

 

Le CSB possono portare alla normalizzazione del sesso con i bambini.

Mentre i sostenitori della fabbricazione e dell’utilizzo di queste bambole e robot sessuali affermano che esse possono avere un valore clinico nel limitare gli atti sessuali criminali contro bambini veri, la scienza e la medicina suggeriscono invece che è una mera illusione.

 

Secondo l’articolo pubblicato dall’Harvard Health, la società ha buone ragioni nell’avere questa visione pessimista rispetto alla pedofilia, che «rimane una sfida importante per medici e amministratori». Il rapporto continua: «La pedofilia è un orientamento sessuale e per questo è improbabile che cambi».

 

C’è il timore che i CSB possano normalizzare il comportamento deviante – conducendo così i pedofili ad andare oltre con le vittime reali. Secondo il gruppo no-profit Campaign against Sex Robots del Regno Unito, non ci sono prove che le bambole sessuali o i sexbots adulti abbiano frenato la richiesta di prostitute», continua la NBC.

C’è il timore che i CSB possano normalizzare il comportamento deviante – conducendo così i pedofili ad andare oltre con le vittime reali.

 

Il direttore del gruppo, la dottoressa Kathleen Richardson, professoressa di etica e cultura dei robot alla De Montfort University di Leicester, ha affermato: «Ho parlato con adulti abusati da bambini e non appoggiano l’uso dei CSB. Dicono che i pedofili sono così lontani dalla loro stessa umanità che dare loro una macchina non risolverebbe affatto il problema di fondo».

 

«Per il bene dei bambini del nostro paese – dice il deputato Donovan – non possiamo assolutamente permettere queste bambole sessuali con sembianze di bambini prendano piede nelle nostre comunità».

 

Fonte: Lifesitenews

 

 

 

Continua a leggere

Pedofilia

Pedofilia, giudice onorario del tribunale dei minori condannato per adescamento di bambine online

Pubblicato

il

Da

 

 

Un giudice onorario del tribunale dei minori napoletano è stato condannato dal tribunale monocratico di Roma.

 

La condanna è di dieci mesi di carcere e interdizione perpetua dai pubblici uffici.

 

«I fatti risalgono agli anni 2016 -2017» scrive Rainews. «Da quanto emerso dalle indagini, i dialoghi avvenivano anche con altre utenze (di cui non è stato possibile risalire all’identificazione e non compaiono nel capo d’imputazione), con una media di 9 contatti al giorno per un totale di quasi ventimila messaggi, attraverso un account fittizio, con cui l’uomo avviava conversazioni con bambine utilizzando espressioni sessualmente esplicite».

 

Si tratterebbe di uno psicologo quarantenne. «Nel corso delle indagini sono state identificate due vittime ma secondo gli inquirenti sarebbero state molte di più, probabilmente decine; l’uomo avrebbe utilizzato per i dialoghi anche altre utenze, di cui non è stato però possibile risalire all’identificazione e che quindi non compaiono nel capo di imputazione» scrive il sito partenopeo Fanpage. «Un incontro reale non ci sarebbe mai stato ma, secondo gli inquirenti, a impedirlo sarebbe stato soltanto l’intervento degli investigatori».

 

Il giudice onorario minorile non segue esattamente la carriera del magistrato, ma possiede una preparazione specifica nel tema dei minori: egli può essere quindi un esperto di psicologia, criminologia, pedagogia, sociologia e perfino biologia.

 

Il giudice onorario minorile è tenuto al rispetto del codice deontologico della magistratura.

 

Si è spesso parlato in anni recenti di conflitti di interesse tra i giudici onorari. Il 26 ottobre 2015 il Consiglio Superiore della Magistratura ha diramato una circolare sull’affidamento degli incarichi dei giudici onorari minorili per la quale dal gennaio del 2017, non era più possibile avere per i giudici onorari minorili  «cariche rappresentative in strutture comunitarie ove vengono inseriti minori da parte dell’autorità giudiziaria». Quello che accadeva, cioè, è che il giudice mandava i bambini in strutture (case famiglia, centri protezione minori, etc.) dove egli aveva delle cariche.

 

L’associazione Finalmente Liberi Onlus aveva approfondito i casi sospetti scoprendo che 151 nei tribunali, più 54 nelle corti d’appello, operavano giudici onorari minorili in possibile conflitto d’interessi: ben 205 giudici, che potevano  decidere sull’affidamento di bambini a strutture di cui erano dipendenti, collaboratori, associati, etc.

 

La domanda drammatica che ci poniamo è: e se alcuni di questi giudici agissero nemmeno per danaro ma per altri interessi?

 

Di strutture dove i minori avrebbero subito violenze vi è qualche esempio macroscopico: qualcuno ricorda il cosiddetto «scandalo Forteto»?

 

Continua a leggere

Civiltà

«Siamo entrati in una lotta metafisica»: il sermone di Cirillo, Patriarca di Mosca e di tutte le Russie

Pubblicato

il

Da

 

Il 6 marzo 2022, nella Domenica dei Latticini, commemorazione della caduta di Adamo (Domenica del perdono), il Santissimo Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Cirillo ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale del Cristo Salvatore a Mosca. Al termine della sacra funzione, il primate della Chiesa Ortodossa Russa ha tenuto il seguente sermone.

 

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

 

Faccio a tutti i voi i miei auguri, miei cari vescovi, padri, fratelli e sorelle, per questa domenica, la domenica del perdono, l’ultima domenica prima dell’inizio dello stadio della Santa Quaresima, il grande digiuno!

 

La Grande Quaresima è indicata da molti venerabili asceti come sorgente spirituale. Coincide con la sorgente fisica e nello stesso tempo è percepita dalla coscienza della Chiesa come sorgente spirituale.

 

Cos’è la primavera? La primavera è rinascita della vita, è rinnovamento, è nuova forza. Sappiamo che è in primavera che il potente succo irrompe fino a un’altezza di dieci, venti, cento metri, facendo rivivere l’albero. Questo è davvero un miracolo straordinario di Dio, un miracolo della vita.

 

La primavera è la rinascita della vita, è una specie di grande simbolo della vita. E quindi, non è affatto un caso che la principale festa primaverile sia la Pasqua del Signore, che è anche un segno, un segno, un simbolo di vita eterna.

 

E noi crediamo che sia così, il che significa che tutta la fede cristiana che condividiamo con voi è una fede che afferma la vita, che è contro la morte, contro la distruzione, che afferma la necessità di seguire le leggi divine per vivere, per non morire né in questo mondo né nel mondo a venire.

 

Sappiamo tuttavia che questa primavera è stata offuscata da gravi eventi, legati al deterioramento della situazione politica nel Donbass, praticamente lo scoppio delle ostilità. Vorrei dire qualcosa su questo argomento.

Nel Donbass c’è stato un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che oggi vengono offerti da chi rivendica il potere mondiale

 

Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che c’è stato nel Donbass. E nel Donbass c’è stato un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che oggi vengono offerti da chi rivendica il potere mondiale.

 

Oggi viene effettuata una specie di test per la lealtà di un governo, una specie di passaggio a quel mondo «felice», il mondo del consumo eccessivo, il mondo della «libertà» visibile.

 

Sapete qual è questo test? Il test è molto semplice e allo stesso tempo terribile: è una parata omosessuale. Le richieste a molti di organizzare una parata omosessuale sono una prova di lealtà a quel mondo molto potente; e sappiamo che se le persone o le nazioni rifiutano queste richieste, allora non entrano in quel mondo, ne diventano estranei.

 

Ma noi conosciamo cosa sia questo peccato, che si promuove attraverso le cosiddette marce dell’orgoglio. Questo è un peccato che è condannato dalla Parola di Dio, sia dall’Antico che dal Nuovo Testamento.

 

Certo il Signore, condannando il peccato, non condanna il peccatore. Lo chiama solo al pentimento, ma in nessun modo può accettare che, attraverso una persona peccatrice e il suo comportamento, il peccato diventi uno standard di vita, una variazione del comportamento umano rispettata e accettabile.

Se l’umanità concorda sul fatto che il peccato sia una delle opzioni per il comportamento umano, allora la Civiltà umana finirà

 

Se l’umanità riconosce che il peccato non sia una violazione della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato sia una delle opzioni per il comportamento umano, allora la Civiltà umana finirà.

 

E le parate omosessuali sono progettate per dimostrare che il peccato è una delle variazioni del comportamento umano. Ecco perché per entrare nel club di quei Paesi è necessario organizzare una parata del gay pride.

 

Non occorre fare una dichiarazione politica «siamo con voi», non occorre firmare accordi, ma organizzare una parata omosessuale.

 

E sappiamo come le persone resistono a queste richieste e che oppongono resistenza vengano represse con la forza. Ciò significa che si tratta di imporre con la violenza un peccato condannato dalla legge di Dio, e quindi, di imporre con la forza alle persone la negazione di Dio e della sua verità.

 

Ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, quindi, non ha solo un significato politico. Stiamo parlando di qualcosa di diverso e molto più importante della politica. Si tratta della salvezza umana, di dove andrà a finire l’umanità: da quale parte di Dio Salvatore, che viene nel mondo come Giudice e Creatore, a destra o a sinistra.

 

Oggi, per debolezza, stupidità, ignoranza, e il più delle volte per riluttanza a resistere, molti vanno lì, sul lato sinistro. E tutto ciò che è connesso con la giustificazione del peccato, condannata dalla Scrittura, si rivela oggi una prova per la nostra fedeltà al Signore, per la nostra capacità di confessare la fede nel nostro Salvatore.

 

Tutto ciò che dico non ha semplicemente un significato teorico, e non solo un intendimento spirituale. Intorno a questo argomento oggi c’è una vera guerra.

Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni?

 

Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni?

 

Otto anni di sofferenza e il mondo intero tace: cosa significa?

 

Ma sappiamo che i nostri fratelli e sorelle stanno davvero soffrendo; inoltre, possono soffrire per la loro fedeltà alla Chiesa.

 

E così oggi, nella domenica del perdono, da un lato, come vostro pastore, invito tutti a perdonare i peccati e gli insulti, anche quando è molto difficile farlo, quando le persone sono in guerra tra loro. Ma il perdono senza giustizia è resa e debolezza.

 

Pertanto, il perdono deve essere accompagnato dall’indispensabile conservazione del diritto di stare dalla parte della luce, dalla parte della giustizia divina, dalla parte dei comandamenti di Dio, dalla parte che ci ha indicato la luce di Cristo, la Sua Parola, il Suo Vangelo, i suoi grandi comandamenti, donati alla stirpe degli uomini.

 

Tutto ciò indica che siamo entrati in una lotta che non ha solo un significato fisico, ma metafisico.

 

So come, sfortunatamente, gli ortodossi, i credenti, scegliendo la via di minor resistenza in questa guerra, non riflettano su tutto ciò che oggi esponiamo, ma seguano vilmente la strada che mostrano loro i poteri costituiti.

 

Non condanniamo nessuno, non invitiamo nessuno a prendere la croce, ma diciamo solo: saremo fedeli alla parola di Dio, saremo fedeli alla sua legge, saremo fedeli alla legge dell’amore e della giustizia, e se vediamo violazioni di questa legge, non sopporteremo mai coloro che la oltraggiano, offuscando il confine tra santità e peccato, e ancor più coloro che promuovono il peccato come esempio o come uno dei modelli di comportamento umano.

 

Oggi i nostri fratelli nel Donbass, ortodossi, stanno indubbiamente soffrendo, e noi non possiamo che stare con loro, prima di tutto nella preghiera. È necessario pregare affinché il Signore li aiuti a preservare la fede ortodossa, a non soccombere alle tentazioni e alle seduzioni.

 

Allo stesso tempo, dobbiamo pregare affinché la pace giunga al più presto, che il sangue dei nostri fratelli e sorelle si fermi, che il Signore inclini la sua misericordia verso la terra sofferente del Donbass, che ha portato per otto anni questo triste segno, generato dal peccato e dall’odio degli uomini.

 

Entrando nello stadio della Grande Quaresima, cerchiamo di perdonare tutti. Cos’è il perdono?

 

Se chiedi perdono a una persona che ha infranto la legge o ha fatto qualcosa di malvagio e ingiusto nei tuoi confronti, non giustifichi il suo comportamento in tal modo, ma semplicemente smetti di odiare questa persona. Essa smette di essere tuo nemico, il che significa che con il tuo perdono lo consegni al giudizio di Dio.

 

Questo è il vero significato di perdonarci a vicenda i nostri peccati e i nostri errori. Perdoniamo, rinunciamo all’odio e alla vendetta, ma non possiamo cancellare la falsità umana in cielo; perciò, mediante il nostro perdono, affidiamo quanti son colpevoli contro di noi nelle mani di Dio, affinché vengano operati su di loro il giudizio e la misericordia di Dio.

 

Perché il nostro atteggiamento cristiano verso i peccati, le delusioni e gli insulti umani, non sia causa della loro morte, ma affinché il giusto giudizio di Dio sia fatto su tutti, anche su coloro che si assumono la responsabilità più pesante, allargando il divario tra fratelli, colmandolo di odio, malizia e morte.

 

Possa il Signore misericordioso compiere il Suo giusto giudizio su tutti noi. E per non essere dalla parte sinistra del Salvatore venuto nel mondo in conseguenza di questo giudizio, dobbiamo pentirci dei nostri peccati.

 

Accostati alla tua vita con un’analisi molto profonda e imparziale, chiediti cosa è bene e cosa è male, e non giustificarti in nessun caso dicendo: ho litigato con questo o quello, perché hanno sbagliato. Questo è un argomento ingannevole, questo è l’approccio sbagliato. Davanti a Dio bisogna sempre chiedere: Signore, cosa ho fatto di male? E se il Signore ci aiuta a realizzare il nostro errore, allora bisogna pentirsi di questo errore.

 

Ed è soprattutto oggi, nella domenica del perdono, che dobbiamo compiere questa opera di autoaccusa dei nostri peccati e della nostra iniquità, l’opera di consegnarci nelle mani di Dio, e l’opera più importante è il perdono di coloro che ci hanno offeso .

Quale gioia ci sarà se alcuni sono in pace, mentre altri sono in balia del male e nel dolore di una guerra intestina?

 

Il Signore ci aiuti tutti a passare i giorni della Santa Quaresima per entrare degnamente nella gioia della luminosa Risurrezione di Cristo.

 

E preghiamo affinché tutti coloro che oggi lottano, che versano sangue, che soffrono, entrino in questa gioia della Risurrezione, nella pace e nella tranquillità. Perché quale gioia ci sarà se alcuni sono in pace, mentre altri sono in balia del male e nel dolore di una guerra intestina?

 

Il Signore ci aiuti tutti, soprattutto in questo modo, e non altrimenti, ad entrare nel campo della Santa Grande Quaresima, per salvare le nostre anime e contribuire alla diffusione del bene nel nostro mondo peccaminoso e spesso terribilmente caduto nell’errore, affinché la verità della Dio regni, domini e guidi il genere umano.

 

Amen.

 

 

Traduzione dal russo di Nicolò Ghigi

 

 

 

Immagine di Serge Serebro via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Misteri

Il socio di Epstein trovato impiccato in cella

Pubblicato

il

Da

 

 

Jean-Luc Brunel era stato coinvolto nella vicenda Epstein per i suoi legami con il defunto enigmatico miliardario pedofilo, con il quale ha lavorato dall’inizio degli anni 2000 fino al 2015.

 

Brunel, accusato di aver preso parte al presunto giro di traffico sessuale gestito dal magnate caduto in disgrazia, era stato arrestato il 16 dicembre 2020 e accusato dai pubblici ministeri francesi di stupro di minore.

 

L’ex scout di modelle considerato «complice di Epstein» Jean-Luc Brunel  è stato trovato morto per impiccagione sabato nella sua cella di prigione a Parigi, secondo quanto riferito da una fonte.

 

Secondo il quotidiano Le Parisien, è stato scoperto intorno all’una di notte durante la pattuglia notturna. Non ha potuto essere rianimato.

 

La procura di Parigi è citata dalla testata per aver confermato che il francese era stato trovato morto e ha indicato che era stata aperta un’indagine sulle cause della morte, affidata al 3° distretto di polizia giudiziaria.

 

Il fondatore dell’agenzia di modelle MC2, che ha lavorato con Christy Turlington, Angie Everheart, Sharon Stone e Milla Jovovich, era stato incriminato a dicembre per stupro di minore e molestie sessuali nell’ambito dell’indagine riguardante Jeffrey Epstein.

 

Brunel sosteneva di aver lanciato la carriera anche della modella texana Jerry Hall ex miss Mick Jagger, ora moglie del media moghul Rupert Murdoch.

 

Nel 2019 era stato riportata di una sua fuga in Brasile. Pare che l’uomo, per un periodo, abbia vissuto anche in un’appartamento della Trump Tower a New York.

 

Brunel aveva incontrato la «dama» di Epstein Ghislaine Maxwell, che ha cittadinanza francese, negli anni ’80. Fu la Maxwell, ora in carcere dopo la condanna di poche settimane fa, che lei lo ha presentato all’uomo d’affari, sono stati i fondi di Epstein di «fino a un milione di dollari» nel 2004 che hanno aiutato lo scout francese a lanciare la sua agenzia di modelle.

 

Come ricorda Infowars, Epstein e l’accusatrice del principe Andrea Virginia Roberts Giuffre avevano affermato che Brunel trafficava sessualmente ragazze per conto del magnate, sostenendo in una dichiarazione giurata del 2015 che il pedofilo si è vantato con lei di essere «andato a letto con oltre 1.000 ragazze di Brunel».

 

Il francese aveva citato in giudizio Epstein nel 2015, sostenendo che lui e la sua agenzia «hanno perso numerosi contatti e affari nel settore delle modelle a causa delle azioni illegali di Epstein».

 

Nel settembre 2019, la casa e gli uffici di Brunel a Parigi sono stati perquisiti da investigatori francesi nell’ambito dell’indagine Epstein. Il 16 dicembre 2020 Brunel è stato intercettato dalla polizia all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi. È stato rinviato in custodia cautelare per accuse relative a stupro, aggressione sessuale, associazione a delinquere e traffico di esseri umani.

 

Brunel era stato formalmente incriminato nel settembre 2021 con un’unica di stupro, derivante dall’accusa di aver drogato una modella di 17 anni in una discoteca e di averla violentata negli anni ’90.

 

Il Senatore Ted Cruz ha scherzato su Twitter: «qualcuno sa dov’era Hillary questo fine settimana?»

 


 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari