Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Esperimenti sui bambini: terapie ormonali per cambiare sesso all’età di otto anni

Pubblicato

il

 

 

 

Negli Stati Uniti, gli ormoni per un cambio di sesso possono ora essere somministrati a bambini di otto anni, nonostante i rischi completamente inesplorati.

 

Questo deve essere fatto nell’ambito di programmi di ricerca finanziati dallo stato per il trattamento dei disturbi della cosiddetta «identità di genere».

 

Ne ha parlato l’endocrinologo Dr. Michael Laidlaw, in una riunione di discussione del think tank Heritage Foundation:

 

«Immaginate: ad una bambina di otto viene somministrato il testosterone… questo è inaudito ma è ciò che sta esattamente accadendo».

«Immaginate: ad una bambina di otto viene somministrato il testosterone… questo è inaudito ma è ciò che sta esattamente accadendo»

 

Per mezzo di una richiesta al Freedom of Information Act (FOIA), il medico ha scoperto che l’età minima per la somministrazione di ormoni cross-sex (cioè ormoni dell’altro sesso biologico) come parte di un importante studio di cinque anni presso il Children’s Hospital di Los Angeles è stata abbassata da tredici a otto anni. Un argomento di ricerca di questo studio è stata la riassegnazione di genere a bambini e adolescenti con diagnosi di disturbi dell’identità di genere.

 

Bambini oggetto di esperimenti

Dal punto di vista medico, non esistono prove cliniche – nemmeno che queste terapie possano essere eseguite senza conseguenze per la salute dei bambini

Il Dr. Laidlaw ha accusato il National Institutes of Health (NIH) di consentire «ricerche non etiche su bambini e adolescenti», dal momento che il dott. Johanna Olson-Kennedy, a capo del progetto di ricerca di Los Angeles, ha ricevuto una sovvenzione di 5,7 milioni di dollari dal NIH.

 

Secondo Laidlaw, questi esperimenti supportati dal governo sono utilizzati per guidare un programma con terapie centrate sul transgenderismo. Ma dal punto di vista medico, non esistono prove cliniche – nemmeno che queste terapie possano essere eseguite senza conseguenze per la salute dei bambini. Una misura ad hoc per bloccare la pubertà, le ghiandole sessuali di un bambino di quattro o cinque anni con un «sesso biologico» non ben identificato, per permettere lui di «aggiustare» il proprio genere.

La terapia ormonale di solito rende il bambino sterile per tutta la vita. Inutile dire che i bambini e la maggior parte degli adolescenti non possono avere quella lungimiranza per valutare realisticamente i rischi e le conseguenze che si porteranno poi dietro per tutta la vita

 

Blocco della pubertà per i bambini piccoli. E gli effetti collaterali?

Già negli Stati Uniti i bambini di otto o nove anni possono ricevere prescrizioni per ridurre i livelli di testosterone e di estrogeni, che ne interrompono la pubertà. Questo viene fatto per rallentare lo sviluppo di un bambino e per prepararlo, conseguentemente, all’uso di ormoni cross-sex.

 

Questi poi evocano la formazione delle caratteristiche sessuali secondarie del sesso opposto. L’amministrazione è in accordo con le linee guida della US Endocrine Society e dell’American Academy of Pediatrics (AAP). Tuttavia, questi farmaci non sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA)  per questo scopo, e vengono quindi prescritti di nascosto.

 

Gli effetti collaterali conosciuti comprendono un’interruzione del normale sviluppo del cervello e delle ossa e un aumento del rischio di infarto, oltre ad ictus e vari tipi di cancro. Inoltre, le ragazze trattate con questi farmaci nella famigerata e progressiva Tavistock Gender Identity Clinic del Regno Unito hanno riportato importanti problemi emotivi, insoddisfazione nei confronti del proprio corpo e persino comportamenti auto-lesionisti.

I farmaci blocca pubertà sono somministrati su basi completamente non scientifiche

 

Mancano fondamenti scientifici e i rischi sono completamente ignorati

Ma c’è anche di peggio: i farmaci blocca pubertà sono somministrati su basi completamente non scientifiche. Le somministrazioni si baserebbero sull’identità di genere del bambino – che è stata definita in una recente causa negli Stati Uniti come il Jsentire interiore» del sesso di una persona – come l’indicazione principale per iniziare il trattamento.

 

«Non esiste un test obiettivo per diagnosticare un problema di genere – ha dichiarato ancora l’endocrinologo – eppure ci spingiamo a sperimentare queste terapie dannosissime senza alcuna base di diagnosi oggettiva».

«Non esiste un test obiettivo per diagnosticare un problema di genere eppure ci spingiamo a sperimentare queste terapie dannosissime senza alcuna base di diagnosi oggettiva».

 

I sostenitori delle terapie di validazione di genere spesso minimizzano i rischi che gli adolescenti devono affrontare quando prendono decisioni che cambiano la vita, per non parlare dei bambini, ha fatto intendere ancora il Dr. Laidlaw.

 

Tuttavia, i rischi sono ancora notevoli: la terapia ormonale di solito rende il bambino sterile per tutta la vita. Inutile dire che i bambini e la maggior parte degli adolescenti non possono avere quella lungimiranza per valutare realisticamente i rischi e le conseguenze che si porteranno poi dietro per tutta la vita.

Walt Heyer, un de-Transitioner, definisce l’attuale modello di trattamento ormonale come una sorta di «pedofilia»

 

«Abuso di minori» attraverso la terapia ormonale?

Walt Heyer, un de-Transitioner (persona che ha cessato di identificarsi come transgender) ha partecipato alla discussione del panel di Heritage Foundation. Egli ha definito l’attuale modello di trattamento ormonale come una sorta di «pedofilia». Oltre alla sua esperienza, ha giustificato questo suo forte ma motivato punto di vista con le dichiarazioni di molte altre persone transgender con le quali ha avuto contatti, che hanno definito la trasformazione «l’errore più grande» delle loro vite.

 

 

Fonte: Deutsche RT

 

Continua a leggere

Essere genitori

Lucifero vittima ed eroe: i cartoni animati riscrivono il Bene e il Male

Pubblicato

il

Da

Un video girato da una mamma italiana preoccupata sta circolando sui social media.

 

La signora mostra come su un popolare e onnipresente servizio di streaming vi sia un cartone che, alla prima puntata, riscrive completamente la storia biblica.

 

Per il cartone, Lucifero era buono, ed è stato punito ingiustamente. Si sarebbe poi trovato, «attratto dalla fiera indipendenza», con Lilith, prima moglie di Adamo poi divenuta demone – e già la presenza di questo personaggio nel cartone animato è indicativa, vista la sua persistenza nella mitologia femminista: di fatto, la vediamo scappare dal primo uomo che ancora prima di essere padre già la tratta come un patriarca.

 

Il lettore può vedere da sé il livello di inversione a cui si arriva: il «Paradiso» è cattivo, Lucifero è vittima della sua crudeltà; l’atto di dare la mela ad Eva è un atto prometeico di amore per l’umanità…

 

Sostieni Renovatio 21

Si resta sbalorditi.

 

Pare addirittura, ma potremmo sbagliarci, che a San Michele Arcangelo, colui che sconfisse Lucifero, siano assegnate fattezze mostruose.

 

È semplicemente sconcertante: e provate a pensare a una piccola mente che assorbe questa storia prima di poter frequentare il catechismo, dove, in teoria, dovrebbero raccontargli la versione opposta. A chi crederà, alla TV o al catechista? Cosa sortirà la dissonanza cognitiva prodotta?

 

Apprendiamo che il cartone si chiama Hazbin Hotel ed è realizzato da un’artista poco più che trentenne, Vivienne Medrano, che sempre a tema infernale produce anche un’altra serie chiamata Helluva Boss. Dopo aver lavorato nei film horror, si è fatta largo su YouTube, per poi fare il suo primo cortometraggio «Son of 666» (2013). Bisessuale, si definisce «una donna queer su internet che ha fatto qualcosa di popolare».

 

La protagonista di Hazbin Hotel è Charlie Morningstar (Carla Stella del Mattino – anche qui, un riferimento a Lucifero) principessa dell’Inferno, nella sua ricerca per trovare un modo per «riabilitare» i peccatori e ammetterli in Paradiso, tramite il suo «Hazbin Hotel», come alternativa all’annuale «sterminio» delle anime da parte del Paradiso a causa della sovrappopolazione dell’Inferno.

 

La ragazzina protagonista è aiutata dalla sua «fidanzata» Vaggie, che è anche la sua manager, e da un attore pornografico chiamato Angel Dust. Il prodotto è R-rated, cioè, secondo la classificazione americana, adatto ad un pubblico di under 17 solo se accompagnati da un adulto. Amazon lo segna come «18+», tuttavia sappiamo che almeno al pubblico italiano ogni cartone suggerisce di default l’essere fatto per bambini, e il primo episodio è stato distribuito su YouTube, dov’è ancora possibile vedere liberamente anche il trailer, con violenza e oscenità sin dai primi secondi.

 

Attacco: «Ciao a te, peccatore perduto, ti piace il sangue, la violenza, e la depravazione di natura sessuale?». Segue turpiloquio vario.

 

 

La serie è prodotta in collaborazione con Amazon Studios dalla società di intrattenimento indipendente A24, una casa di produzione basata a Nuova York con all’attivo film e serie controversi come Spring Breakers e Euphoria. Lanciato il 19 gennaio 2024, Hazbin Hotel è il suo primo progetto di animazione, già disponibile con doppiaggio italiano.

 

Non si dichiara come un cartone per bambini: ma allora, per chi è? Quanti adulti amano vedere disegni stilizzati, caricature in movimento, invece che guardare del cinema? Una domanda antica, a cui forse non sappiamo rispondere perché sottovalutiamo l’infantilizzazione delle masse.

 

Torniamo un secondo sulla presenza in questo prodotto di intrattenimento del demone Lilith, scritto anche Lilit, Lilitu o Lilis, una figura femminile nella mitologia mesopotamica e giudaica, che secondo alcuni teorie non cristiane sarebbe stata la prima moglie di Adamo e presumibilmente un demone primordiale, una creatura «bandita» dal Giardino dell’Eden per non aver rispettato e obbedito ad Adamo – e per questo oggi citata e riverita dai movimenti femministi che combattono il patriarcato e la figura maschile. Si pensa che sia menzionata nella Bibbia in ebraico nel Libro di Isaia (34, 14), in una lista di animali notturni, dove è tradotto dalla versione CEI con «civetta».

 

La figura è più consistente nella tarda antichità nella mitologia mandea e nelle fonti della mitologia ebraica dal 500 d.C. in poi. Lilith appare in formule di incantesimo che incorporano una breve storia mitica (conosciuti oggi come historiolas nella mitologia mesopotamica, greca, aramaica, mandea e cabalistica) in vari concetti e località che danno descrizioni parziali di lei. La demonessa è menzionata nel Talmud babilonese, nel testo apocrifo Vita di Adamo ed Eva come la prima moglie di Adamo, e nello Zohar Leviticus come «una donna focosa e focosa che per prima convisse con uomo». Molte autorità rabbiniche tradizionali, tra cui Maimonide e Menachem Meiri, rifiutano l’esistenza di Lilith.

 

Perché un tale personaggio, di fatto conosciuto per lo più solo da chi è appassionato di esoterismo ed affini, compare in un cartone? Perché gli autori sono immersi nella cultura femminismo e nel gender che glorificano Lilith, le streghe, i demòni, l’Inferno. E credono che sia giusto immergere in questo calderone anche i vostri figli, per cucinarli secondo la ricetta del Moloch perverso-polimorfo che si sta impadronendo dell’Occidente e della sua cultura.

Aiuta Renovatio 21

È molto chiaro quello che sta accadendo, e non parliamo del macro-piano spirituale e morale dove è impossibile non vedere l’insorgenza del demoniaco sulle famiglie: a livello più concreto, è facile rintracciare la genealogia di questa cultura che viene fatta percolare nell’industria dell’intrattenimento, anche infantile. Si tratta del rifiuto radicale del cristianesimo tipico del genderismo, che non esita, come visibile in tanti Gay Pride, ad allearsi a forme e motivi del satanismo – sempre, ovviamente, con la scusa della «satira» a portata di mano.

 

Non si tratta di un caso isolato. Il principale soggetto dell’industria del family entertainment, Disney, sappiamo bene essere diretto lì. Dopo l’ultimo film di Natale I terribili nove (The Naughty Nine) con personaggi apparentemente LGBT e le scene con baci omoerotici nel cartone Lightyear (2022), vi sarebbe anche il caso della serie TV in via di produzione chiamata Little Demon, che ha suscitato presso i cristiani americani polemiche per la «normalizzazione del paganesimo» e il sostegno a Satana e all’Anticristo.

 

Come riportato da Renovatio 21, il film natalizio 2022 della Disney conteneva una sequenza che mostrava un gruppo di bambini che tengono in mano cartelli che recitano «WE LOVE YOU SATAN», cioè «TI AMO SATANA». Si tratta di un equivoco che dovrebbe far ridere: «Satan» è l’anagramma di «Santa», cioè Santa Claus, Babbo Natale, quindi nella pellicola i bambini si sono sbagliati, del resto basta invertire due lettere.

 

Non c’è molto da ridere. Invece c’è da tenere lontani i bambini dall’intrattenimento attuale, la cui agenda di inversione propriamente diabolica non è nemmeno più discutibile.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da YouTube
 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Bambini travestiti da donne in lingerie bourlesque fatti sfilare per una città spagnola

Pubblicato

il

Da

È emerso online un video di bambini piccoli che prendono parte a una parata in Spagna indossando lingerie in stile burlesque, copricapezzoli e parrucche, con bandiere arcobaleno LGBT attaccate sulla schiena.   Il filmato, girato durante un carnevale annuale a Torrevieja, una città nel sud della Spagna ritenuta «gay-friendly», mostra un gruppo di minori che marcia con diversi che sembrano avere circa 9 o 10 anni o meno.  

Sostieni Renovatio 21

Oltre ai reggicalze e alle calze erotiche e succinte, ai bambini è stata posizionata una «X» di nastro nero sui capezzoli e è stato applicato un trucco completo sui loro volti.   Il video mostra i bambini che vengono istruiti a imitare gli adulti eseguendo gesti provocatori per le strade della città di Alicante davanti a spettatori adulti e ad altri bambini.   In un video, si vede una donna che mette qualcosa, presumibilmente dolci, nella bocca dei bambini mentre si muovono.   Alcuni di coloro che hanno pubblicato il filmato hanno notato che il titolo della «performance» era «Prometer hasta meter» che indica qualcuno che promette qualsiasi cosa e poi se ne dimentica una volta ottenuto ciò che voleva.   Altri video mostravano adulti che indossavano gli stessi abiti ed eseguivano gli stessi movimenti.    

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Secondo l’account Twitter Right Angle News Network gli organizzatori del numero sarebbero noti per il loro «simbolismo antagonista che prende di mira principalmente il cristianesimo».     Va notato come Torrevieja sia governata in solitario dal Partido Popular (PP), la versione spagnuola della Democrazia Cristiana, sempre pronta a compromessi o a vere e proprie aperture alla dissoluzione del mondo moderno. La scorsa estate il sindaco della città presenziò, tra drappi omotransessualisti, alla lettura di un manifesto gay nel corso delle celebrazioni del Pride, riporta il quotidiano catalano La Vanguardia.   Nel manifesto letto alla presenza del primo cittadino del partito conservatore vi erano una presa di posizione sui «divorzi duri che alcuni usano per legittimare la violenza sessista», i quali «hanno bisogno di opposizione» da parte degli omosessualisti. Il machismo come «la violenza di genere esiste e necessita di opposizione. Perché il genere non è un’ideologia e il collettivo LGTBIQ+ non è una lobby. Perché il concetto di famiglia non è impermeabile, non è un uomo e una donna che hanno figli».   Pochi mesi dopo, ecco che, con la scusa del carnevale, anche l’immagine dei figli diviene, come dire, «non impermeabile». Alcuni sostengono che si tratti in realtà di bambine, ma la sostanza non sembra cambiare molto.  

Sostieni Renovatio 21

È piuttosto inutile nascondersi dietro al fatto che si tratta di carnevale: non si tratta nemmeno di adolescenti, si tratta di bambini piccoli, e l’effetto che un simile video fa sull’animo di un genitore è scioccante.   Del resto lo avevano detto: «convertiremo i vostri figli». La canzone dei gay organizzati uscita qualche anno fa, poi subito sparita quando si scoprirono i possibili trascorsi di alcuni cantori coinvolti, di fatto si limitava a riprendere un programma noto.   Nel febbraio 1987, comparve sulla testata americana Gay Community News un testo (che non sarebbe sbagliato etichettare come un vero hate speech eterofobo, ma per quello la legge non c’è e non ci sarà mai) intitolato Gay Manifesto. Lo firmava un certo Michael Swift, che alcuni credono fosse solo uno pseudonimo. L’incipit di tale «Manifesto omosessuale» recitava:   «Sodomizzeremo i vostri figli, emblema della vostra debole mascolinità, dei vostri sogni superficiali e delle bugie volgari. Li sedurremo nelle vostre scuole, nei vostri dormitori, nelle vostre palestre, nei vostri spogliatoi, nei vostri palazzetti dello sport, nei vostri seminari, nei vostri gruppi giovanili, nei bagni dei vostri cinema, nei vostri dormitori dell’esercito, nelle vostre fermate dei camion, nei vostri club per soli machi, nelle vostre Camere dei Deputati, ovunque gli uomini stiano assieme agli uomini. I vostri figli diventeranno i nostri servi e obbediranno ai nostri ordini. Saranno riplasmati a nostra immagine. Verranno a desiderarci e ad adorarci».   Fu detto che in realtà si trattava di satira, di uno scherzo. Insomma, una carnevalata, anche qui. Tuttavia il ritornello si ripete nei decenni.   Come riportato da Renovatio 21, la marcia delle Drag Queen durante il Pride di Nuova York della scorsa estate ha scandito una coretto in piena lucidità: «We’re here, we’re queer, we’re coming for your children», cioè «Siamo qui, siamo finocchi, stiamo venendo a prendere i vostri figli». Com’era? «Prometer hasta meter»…   Il carnevale non può essere la scusa per tale abisso di degrado – soprattutto perché bisogna realizzare che il carnevale non è solo uno strumento, è il fine di tutto questo, un mondo che, come nel momento di festa estrema, inverte qualsiasi legge naturale e sociale.   Preparatevi ad una difesa ad oltranza della vostra prole e della sua innocenza.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter              
Continua a leggere

Alimentazione

Ricercatori collegano le bevande energetiche ai pensieri suicidi nei bambini

Pubblicato

il

Da

Una nuova ricerca ha rivelato che le bevande energetiche potrebbero rappresentare un rischio maggiore per il cervello dei bambini e dei più giovani di quanto si pensasse in precedenza. Lo riporta Epoch Times.

 

Secondo uno studio di Fuse, un Centro per la ricerca nella sanità pubblica presso la Teesside University e l’Università di Newcastle nel Regno Unito, coloro che consumavano bevande energetiche avevano un rischio maggiore di problemi di salute mentale come depressione, pensieri suicidi, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e ansia.

 

Il paper stato pubblicato sulla rivista Public Health il mese scorso.

Sostieni Renovatio 21

I ricercatori hanno affermato di aver esaminato i dati di 57 studi su oltre 1,2 milioni di bambini e giovani provenienti da più di 21 paesi per giungere alle loro conclusioni.

 

È emerso che i ragazzi consumavano più bevande energetiche rispetto alle ragazze, mentre «molti studi» riportavano un’associazione tra il consumo di bevande energetiche e l’assunzione eccessiva di alcol, e il fumo, nonché l’uso di altre sostanze.

 

«Ulteriori effetti sulla salute rilevati nella revisione aggiornata includevano un aumento del rischio di suicidio, disagio psicologico, sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, comportamenti depressivi e di panico, malattie allergiche, resistenza all’insulina, carie dentale e usura erosiva dei denti», scrive l’abstract del documento.

 

Per quanto riguarda gli impatti sulla salute mentale, è emerso che il consumo «frequente» di bevande energetiche «era associato a tentativi di suicidio e a grave stress», mentre «c’erano anche tassi più elevati di ideazione e tentativi di suicidio con l’assunzione di [bevande energetiche] più di una volta al giorno».

 

“L’analisi longitudinale ha riferito che il consumo di [bevande energetiche] era correlato a un aumento della disattenzione dell’ADHD, disturbi della condotta, sintomi depressivi e di panico», continua lo studio.

 

Una coautrice, Shelina Visram, dell’Università di Newcastle, ha dichiarato in un comunicato stampa di essere «profondamente preoccupata per i risultati secondo cui le bevande energetiche possono portare a disagio psicologico e problemi di salute mentale».

 

«Questi sono importanti problemi di salute pubblica che devono essere affrontati», ha aggiunto. «C’è stata inazione politica in questo settore nonostante le preoccupazioni del governo e le consultazioni pubbliche. È giunto il momento di intervenire sul settore in più rapida crescita del mercato delle bevande analcoliche».

Aiuta Renovatio 21

I ricercatori, che risiedono in Gran Bretagna, hanno anche chiesto al governo di vietare o limitare le bevande energetiche per i giovani e i bambini.

 

«Queste prove suggeriscono che le bevande energetiche non hanno posto nella dieta dei bambini e dei giovani», ha detto a Fox News l’autrice Amelia Lake, professoressa di nutrizione per la salute pubblica presso la Teesside University. «I politici dovrebbero seguire l’esempio dei paesi che hanno posto limiti di età sulle vendite ai bambini» perché, come dimostra il loro studio, i ricercatori hanno «trovato un elenco ancora più ampio di risultati sulla salute mentale e fisica associati al consumo di bevande energetiche da parte di bambini e giovani», ha affermato.

 

«Abbiamo ripetuto [la revisione] solo per trovare uno spazio evidente in continua crescita che suggerisce che il consumo di queste bevande è associato a esiti negativi sulla salute», ha continuato la dottoressa Lake.

 

Diversi paesi hanno già provato a regolamentare le bevande energetiche, compreso il divieto di vendita ai minori in Lettonia e Lituania. Secondo quanto riferito, anche altri paesi come la Finlandia e la Polonia stanno cercando di vietare la vendita dei prodotti ai minori di 18 anni.

 

Lo studio, nel frattempo, ha ottenuto una risposta da parte dei funzionari britannici. Un portavoce del Dipartimento britannico della sanità e dell’assistenza sociale ha detto alla BBC che «ci siamo consultati su una proposta per porre fine alla vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni in Inghilterra, e presenteremo la nostra risposta completa a tempo debito» e che «nel frattempo, molti rivenditori e supermercati più grandi hanno introdotto volontariamente il divieto di vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari