Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Padre americano scrive alla scuola: «state insegnando a mia figlia a sentirsi in colpa per la sua razza»

Pubblicato

il

 

 

Brearley, è una scuola privata per sole ragazze nell’Upper East Side di Manhattan – una delle zone più ricche del pianeta. Costa  54.000 dollari all’anno e le potenziali famiglie apparentemente devono prendere un  «anti-racism pledge» («impegno contro il razzismo») per essere prese in considerazione per l’ammissione.

 

In USA sta andando in onda in tutti i gradi dell’istruzione, dagli asili ai campus universitari, una vera e propria riforma del pensiero degna della Rivoluzione Culturale di Mao, dove il nemico è costituito indiscriminatamente dalle persone dalla pelle bianca. Tale indottrinamento, che possiamo definire in re ipsa razzista, viene trasmesso anche ai bambini bianchi, a scapito della salute loro e pure dei compagni non bianchi, e a scapito dei programmi scolastici, praticamente abbandonati per lasciar posto al lavaggio di cervello razzista antibianco.

 

Il padre di una bambina della prestigiosa scuola Brearly ha ritirato la figlia e ha deciso di scrivere una lettera, che in USA stanno leggendo tutti. Renovatio 21 la traduce per i suoi lettori.

 

 

 

Vi scrivo, come compagno genitore, per condividere le nostre ragioni per lasciare la comunità ma anche per esortarvi ad agire prima che il danno alla scuola, alla sua comunità e all’istruzione di vostro figlio sia irreparabile

 

13 aprile 2021

 

Cari amici genitori di Brearley,

 

La nostra famiglia ha recentemente deciso di non iscrivere nuovamente nostra figlia a Brearley per l’anno scolastico 2021-22. È alla Brearley da sette anni, a cominciare dall’asilo. In breve, non crediamo più che l’amministrazione di Brearley e il Consiglio di fondazione abbiano a cuore i migliori interessi dei nostri figli.

 

Inoltre, noi non abbiamo più fiducia nel fatto che la nostra figlia riceverà la qualità dell’istruzione necessaria per promuovere il suo sviluppo nel pensiero critico, responsabile, illuminato, e civile della mentalità adulta. Vi scrivo, come compagno genitore, per condividere le nostre ragioni per lasciare la comunità Brearley ma anche per esortarvi ad agire prima che il danno alla scuola, alla sua comunità e all’istruzione di vostro figlio sia irreparabile.

 

Non si può affermare con sufficiente forza che l’ossessione di Brearley per la razza debba finire.

Noi non abbiamo più fiducia nel fatto che la nostra figlia riceverà la qualità dell’istruzione necessaria per promuovere il suo sviluppo nel pensiero critico, responsabile, illuminato, e civile della mentalità adulta

 

Dovrebbe essere abbondantemente chiaro a qualsiasi genitore pensante che Brearley ha completamente perso la sua strada. L’amministrazione e il Consiglio di fondazione hanno mostrato una vile e spaventosa mancanza di leadership placando una folla anti-intellettuale e illiberale e permettendo poi alla scuola di essere catturata da quella stessa folla.

 

Quelle che seguono sono le mie opinioni personali sulle iniziative antirazzismo di Brearley, ma queste sono solo alcune delle critiche che so che altri genitori hanno espresso.

 

Mi oppongo all’idea che dovrei essere giudicato dal colore della mia pelle.

 

Non posso tollerare una scuola che non solo giudichi mia figlia dal colore della sua pelle, ma la incoraggi e la istruisca a dare pregiudizi gli altri in base al loro

Non posso tollerare una scuola che non solo giudichi mia figlia dal colore della sua pelle, ma la incoraggi e la istruisca a dare pregiudizi gli altri in base al loro.

 

Osservando ogni elemento dell’educazione, ogni aspetto della storia e ogni aspetto della società attraverso la lente del colore della pelle e della razza, stiamo dissacrando l’eredità del dottor Martin Luther King Jr. e violando completamente il movimento per il quale tali diritti civili i leader credettero, combatterono e morirono.

 

Mi oppongo all’accusa di razzismo sistemico in questo paese e nella nostra scuola. Il razzismo sistemico, correttamente inteso, è costituito da scuole separate e banchi separati. È l’internamento dei giapponesi e lo sterminio degli ebrei. Il razzismo sistemico è inequivocabilmente un numero non piccolo di episodi isolati nell’arco di decenni.

 

Chiedi a qualsiasi ragazza, di qualsiasi razza, se ha e subito insulti da parte degli amici, si è mai sentito offeso dagli insegnanti o ha mai subito l’ingiustizia occasionale da una scuola in cui hanno trascorso fino a 13 anni della loro vita, e sei obbligato a sentire lamentele, alcune meschine, altre no.

 

Osservando ogni elemento dell’educazione, ogni aspetto della storia e ogni aspetto della società attraverso la lente del colore della pelle e della razza, stiamo dissacrando l’eredità del dottor Martin Luther King Jr. e violando completamente il movimento per il quale tali diritti civili i leader credettero, combatterono e morirono

Non abbiamo avuto un razzismo sistemico contro i neri in questo Paese dalle riforme dei diritti civili degli anni ’60, un periodo di oltre 50 anni. Affermare il contrario è una chiara rappresentazione falsa della storia del nostro paese e non aggiunge alcuna comprensione a nessuna delle questioni sociali odierne. Semmai, politiche di lunga data e diffuse come l’affirmative action, puntano esattamente nella direzione opposta.

 

Mi oppongo a una definizione di razzismo sistemico, apparentemente supportata da Brearley, secondo cui qualsiasi risultato educativo, professionale o sociale in cui i neri sono sottorappresentati è una prova prima facie del suddetto razzismo sistemico, o della supremazia e dell’oppressione dei bianchi. Credenze facili e non supportate come queste sono l’opposto polare della verità intellettuale e scientifica per la quale Brearley afferma di difendere.

 

Inoltre, dichiaro che è una cazzata l’affermazione spesso fatta da Brearley per cui la scuola accoglie e incoraggia le conversazioni veramente difficili e scomode riguardanti la razza e le radici delle discrepanze razziali.

 

Mi oppongo all’idea che i neri non possano avere successo in questo paese senza l’aiuto del governo o dei bianchi.

 

Mi oppongo all’idea che i neri non possano avere successo in questo paese senza l’aiuto del governo o dei bianchi

Brearley, adottando la teoria critica della razza, sta sostenendo il punto di vista ripugnante secondo cui i neri dovrebbero essere considerati per sempre vittime indifese e incapaci di avere successo indipendentemente dalle loro capacità, talenti o duro lavoro. Ciò che Brearley sta insegnando ai nostri figli è precisamente la definizione vera e corretta di razzismo.

 

Mi oppongo alla formazione obbligatoria contro il razzismo per i genitori, specialmente se presentata dai ciarlatani in cerca di rendita di Pollyanna. Queste sessioni, sia nel contenuto che nella consegna, sono così scontate e semplicistiche, così poco sofisticate e insensate, che sarei imbarazzato se venissero insegnate agli asili di Brearley. Sono un insulto per i genitori e sconvenienti da qualsiasi istituto scolastico, figuriamoci uno del calibro di Brearley.

 

La scuola, adottando la teoria critica della razza, sta sostenendo il punto di vista ripugnante secondo cui i neri dovrebbero essere considerati per sempre vittime indifese e incapaci di avere successo indipendentemente dalle loro capacità, talenti o duro lavoro

Mi oppongo all’uso vacuo, inappropriato e fanatico da parte di Brearley di parole come «equità», «diversità» e «inclusività». Se l’amministrazione di Brearley fosse veramente preoccupata per la cosiddetta «equità», starebbe discutendo della cessazione delle preferenze di ammissione per i lasciti, i fratelli e le famiglie con tasche particolarmente profonde.

 

Se l’amministrazione fosse veramente seria riguardo alla «diversità», non insisterebbe sull’indottrinamento dei suoi studenti e delle loro famiglie a un unico modo di pensare, che ricorda molto la Rivoluzione culturale cinese. Invece, la scuola promuoverebbe un ambiente di apertura intellettuale e libertà di pensiero.

 

E se Brearley si preoccupasse davvero dell’«inclusività», la scuola tornerebbe ai concetti racchiusi nel motto «One Brearley», invece di insegnare l’idea straordinariamente divisiva che ci sono solo, e sempre, due gruppi in questo paese: vittime e oppressori.

 

Ciò che Brearley sta insegnando ai nostri figli è precisamente la definizione vera e corretta di razzismo

Mi oppongo alla difesa di Brearley per gruppi e movimenti come Black Lives Matter, un’organizzazione marxista, anti-famiglia, eterofobica, anti-asiatica e antisemita che non parla per la maggior parte della comunità nera in questo paese, né in alcun modo, forma o forma, rappresenta i loro migliori interessi.

 

Mi oppongo, come ci è stato ripetuto più volte l’anno scorso, che la prima priorità della scuola è la sicurezza dei nostri figli.

 

Per l’amor del cielo, Brearley è una scuola, non un ospedale! La priorità numero uno di una scuola è sempre stata e sempre sarà l’istruzione. Le priorità sbagliate di Brearley esemplificano sia la cultura della sicurezza che la cultura del «copriti il ​​culo» che insieme si sono rivelate così tossiche per la nostra società e hanno così danneggiato la salute mentale e la capacità di recupero di due generazioni di bambini, e forse di più.

 

Mi oppongo allo sventramento dei programmi di storia, educazione civica e letteratura classica.

Se l’amministrazione fosse veramente seria riguardo alla «diversità», non insisterebbe sull’indottrinamento dei suoi studenti e delle loro famiglie a un unico modo di pensare, che ricorda molto la Rivoluzione culturale cinese

 

Mi oppongo alla censura dei libri che sono stati insegnati per generazioni perché contengono un linguaggio datato potenzialmente offensivo per la pelle sottile e ipersensibile (cosa che è già accaduta nella classe di quarta elementare di mia figlia).

 

Mi oppongo all’abbassamento degli standard per l’ammissione degli studenti e per l’assunzione di insegnanti.

 

Mi oppongo all’erosione del rigore nel lavoro in classe e all’escalation dell’inflazione dei voti. Qualsiasi genitore con gli occhi aperti può prevedere queste cose come inevitabili se le iniziative antirazzismo dovessero persistere.

 

Abbiamo oggi nel nostro paese, da entrambi i partiti politici, e a tutti i livelli di governo, i leader più imprudenti e poco virtuosi nella storia della nostra nazione. Le scuole come Brearley dovrebbero essere i campi di addestramento per quei leader.

 

La nostra nazione non sopravviverà a una generazione di leadership ancora più scarsamente istruita di quella che abbiamo adesso, né sopravvivremo a una generazione di studenti a cui viene insegnato a odiare il proprio Paese e a disprezzare la sua storia

La nostra nazione non sopravviverà a una generazione di leadership ancora più scarsamente istruita di quella che abbiamo adesso, né sopravvivremo a una generazione di studenti a cui viene insegnato a odiare il proprio Paese e a disprezzare la sua storia.

 

Infine, obietto, con un sentimento il più forte possibile, che Brearley ha iniziato a insegnare cosa pensare, invece di come pensare.

 

Obietto che la scuola ora sta promuovendo un ambiente in cui le nostre figlie e le insegnanti delle nostre figlie hanno paura di dire la loro opinione in classe per paura delle «conseguenze».

 

Mi oppongo al fatto che Brearley stia cercando di usurpare il ruolo dei genitori nell’insegnamento della moralità e che i genitori prepotenti adottino quella falsa moralità a casa.

 

Obietto, con un sentimento il più forte possibile, che Brearley ha iniziato a insegnare cosa pensare, invece di come pensare

Obietto che Brearley stia promuovendo una comunità divisiva in cui famiglie di razze diverse, che fino a poco tempo fa facevano parte della stessa comunità, sono ora segregate in dueQuesti sono i motivi per cui non possiamo più mandare nostra figlia a Brearley.

 

Negli ultimi mesi ho parlato personalmente con molti genitori di Brearley e con i genitori di bambini in istituti di pari livello. È assolutamente chiaro che la maggior parte dei genitori crede che le politiche antirazzismo di Brearley siano fuorvianti, divisive, controproducenti e cancerose. Molti credono, come me, che queste politiche alla fine distruggeranno quella che fino a poco tempo fa, una meravigliosa istituzione educativa.

 

Ma come sono sicuro non vi sorprenderà, data l’insidiosa cancel culture che negli ultimi tempi ha permeato la nostra società, la maggior parte dei genitori ha troppa paura per parlare.

 

Mi oppongo al fatto che Brearley stia cercando di usurpare il ruolo dei genitori nell’insegnamento della moralità

Ma dovete alzare la voce. C’è forza nei numeri e ti assicuro che i numeri ci sono. Contattate l’amministrazione e il Consiglio di fondazione e chiedete la fine del ciarlatano distruttivo e anti-intellettuale noto come antirazzismo.

 

E se i cambiamenti non sono imminenti, chiedete una nuova leadership.

 

Per il bene della nostra comunità, della nostra città, del nostro paese e soprattutto dei nostri figli, il silenzio non è più un’opzione.

 

 

Obietto che Brearley stia promuovendo una comunità divisiva in cui famiglie di razze diverse, che fino a poco tempo fa facevano parte della stessa comunità, sono ora segregate in due

Rispettosamente,

 

 

Andrew Gutmann

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Benvenuti nella battaglia biologica per gli asili. Quella per togliervi i figli per davvero

Pubblicato

il

Da

 

La settimana scorsa ha cominciato a circolare un’immagine che il PD avrebbe postato su Twitter. L’ho cercata, ho trovato solo ricondivisioni dello screenshot, l’originale mi sfugge.

 

Non ho idea se l’abbiano tolta, o è semplicemente stata inghiottita dall’algoritmo.

 

La cosa non ha importanza, perché si tratta di una storia vecchia, che credo di poter dire – avendo pagato le conseguenze della sua prima barbara implementazione – di conoscerla bene.

 

Si tratta del tema della scuola dell’infanzia. Gli asili dei nostri figli.

 


 

La card messa in giro riprende semplicemente un discorso sul programma elettorale del leader PD Enrico Letta, pubblicato su Facebook (oggi si usa così: quelli che da Facebook sono bannati, del resto, mica possono votare PD.

 

«La scuola dell’infanzia obbligatoria e gratuita. Oggi in Italia 1 bambino su 10 non frequenta la scuola dell’infanzia, iniziamo a lasciarli indietro prima ancora di insegnargli a leggere e scrivere, creando le prime odiose diseguaglianze nell’accesso a un sistema educativo idoneo e ad un’alimentazione sana. La scuola, invece, deve accompagnare tutti i genitori, le bambine e i bambini, dai primissimi anni di vita».

 

Un vero e proprio punto di programma: i genitori costretti dallo Stato a separarsi dal figlio piccolo. In barba al fatto che, secondo la legge italiana, anche la scuola dell’obbligo può essere, volendo, fatta a casa – l’homeschooling e le scuole parentali sono in pericolo, lo sappiamo, e ne parleremo tra un attimo.

 

Non crediate che si tratti di una questione nuova. Nel 2019 Matteo Renzi, allora ancora dentro al Partito Democratico, in un duello TV con Salvini da Vespa, disse che i bambini devono andare all’asilo nido anche se i genitori possono tenerli a casa, perché sarebbe un «fatto educativo» acclarato da «pedagogisti» – cioè gli «esperti», la categoria politica che più abbiamo imparato a conoscere nel biennio pandemico (immaginate, i «virologi della puericultura»).

 

Gli fece eco il governatore emiliano Stefano Bonaccini, che ad un convegno della FISM (Federazione italiana scuole materne) ha dichiarato di confidare «che il servizio educativo 0-3 anni possa diventare scuola dell’obbligo».

 

Ancora: forti di dati forniti da ONG come Save The Children, a inizio 2020 – prima cioè che gli asili, invece che mandarci tutti i bambini, li chiudessero ermeticamente a chiunque, anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti propose l’asilo obbligatorio. L’idea fu ripresa al governo dal viceministro Anna Ascani.

 

«L’intenzione della maggioranza è quella di far partire l’obbligo entro la fine della legislatura, per il 2023. Ma le scuole paritarie, che oggi garantiscono una buona parte del servizio senza le quali mezzo milione di bambini resterebbe a casa, non resteranno escluse: hanno un’attività molto presente e ben radicata sul territorio e si trovano soprattutto in quelle aree dove mancano le strutture pubbliche, quindi la loro presenza è strategica. L’idea è quella di attivare convenzioni come già accade per gli asili nido nei singoli comuni» disse il viceministro perugino piddino.

 

Il Corriere spiegò che «già ai tempi del governo Renzi, il disegno di legge di Francesca Puglisi, sullo 0-6, che in parte confluì nei decreti attuativi della 107, la Buona scuola, voleva far diventare la scuola materna l’inizio del percorso di istruzione, considerata sia l’importanza della scolarizzazione precoce che il tasso di disoccupazione femminile, che raggiunge picchi altissimi nelle regioni dove i bambini non possono frequentare l’asilo».

 

Abbiamo capito: tutto si muove, da tempo, per estendere la scuola – cioè, l’infusione della cultura di Stato – ai bambini piccolissimi. Lo Stato moderno, come sappiamo, non è l’unico che punta a formattare il cervello dei bambini sempre più piccoli: abbiamo tanti esempi di movimenti e organizzazioni, in giro per il mondo, che stanno facendo lo stesso, in genere con il placet dei genitori succubi del dominio della Necrocultura sessuale dominante.

 

Ecco quindi che i «conservatori» si svegliano e si lanciano nella dura critica dell’asilo obbligatorio: è una cosa sovietica, non è giusto, stanno attaccando la famiglia, vogliono arrivare a togliere i bambini ai genitori, ecco il caso Bibbiano, ecco il caso dei demoni della bassa, e blah blah.

 

I «conservatori» non possono rendersi conto che la situazione è già molto, molto peggiore di quello che possono vedere loro, con i loro monocoli borghesi tipo fondo di bottiglia. La situazione è compromessa e da anni. Lo è da leggi draconiane dello Stato, firmate in ambiti internazionali, perfino, quasi una diecina di anni fa, alla Casa Bianca.

 

Per fortuna, siamo in tanti a poterlo testimoniare. La battaglia per gli asili è iniziata da tanto tempo. E non si tratta di questioni di diritti, di «famiglia», e di tutti i binari su cui vogliono portarvi con la diatriba tra la posizione PD e quella del centrodestra.

 

Non è un dibattito. È una battaglia materiale: una battaglia biologica. La lotta per l’asilo, è stata il primo vero capitolo della guerra civile biotica in Italia, esplosa poi sotto gli occhi di tutti nel biennio pandemico, tra obbligo di sierizzazione mRNA e green pass vari.

 

Perché, se non ci avete fatto caso, nel rilancio dell’asilo obbligatorio fatto dal PD in questi giorni è implicita una piccola conseguenza: i bambini dei no-vax non potranno alla scuola materna dell’obbligo non ci potranno andare, a causa della legge Lorenzin, che è in vigore dal 2017.

 

Forse non eravate fra i nostri, quindi non potete ricordarlo: il DDL Lorenzin, poi convertito in legge, prevede dieci vaccinazioni obbligatorie tra zero e 16 anni. Con una strettoia immensa in partenza: mentre il bambino non vaccinato può frequentare la scuola dell’obbligo (vi sarebbe, altrimenti, un conflitto di diritti costituzionali), non può entrare in un asilo pubblico.

 

La grande protesta dell’estate 2017 nacque così: di fatto si era introdotta una discriminazione biologica tra i cittadini, andandoli a colpire su quanto hanno di più importante, la prole. La gran parte delle famiglie ha la mamma e il papà che lavorano – ecco quale era la base del ricatto: se vuoi lasciare tuo figlio alla scuola materna, devi sottometterti e farci siringare il pargolo con vaccini polivalenti. Ricordiamo, en passant, che il quadrivalente obbligatorio in Italia è prodotto su linea cellulare diploide umana MRC-5, cioè su pezzi di feto abortito.

 

Il movimento no-vax che poi si affacciò, a dire il vero un po’ spaesato, all’era COVID si era addensato lì, dinanzi a quella infame ingiustizia. Masse di persone, anni prima di Wuhan, cominciarono a trovarsi in piazza a protestare, e a comprendere cosa stava succedendo. Per esempio, quel giorno del 2014 in cui alla Casa Bianca, alla presenza del presidente Barack Obama, l’’Italia fu «designata quale capofila per i prossimi cinque anni delle strategie e campagne vaccinali nel mondo». A ricevere il solenne compito, il ministro Beatrice Lorenzin.

 

«Se vogliamo evitare il collasso dei sistemi sanitari del Vecchio Continente dobbiamo rafforzare i processi di vaccinazione verso tutte le persone che vivono in Europa (…) Abbiamo già sufficiente esperienza per coordinare campagne di prevenzione contro nuove possibili epidemie» disse profeticamente la politica già berlusconiana, poi scissionista con il partito neoCD, poi ancora piazzata nel collegio elettorale di Modena con il PD (dove fu eletta, pur non sapendo distinguere tra Gino Paoli ed Enzo Ferrari).

 

Nella foto ancora visibile sul sito dell’AIFA, a fianco del ministro, un altro personaggio di rilevanza internazionale che avremmo imparato a conoscere: Ranieri Guerra, descritto come «Consigliere Scientifico Ambasciata a Washington».

 

Chi protestava in quell’estate 2017 cominciava a capire, insomma, che il disegno che impediva al proprio figlio di andare all’asilo come tutti gli altri bambini aveva radici profonde, che partivano da oceani di potere lontanissimi…

 

Ricordiamo bene lo shock dei primi episodi di apartheid biotica infantile. Chi scrive rammenta una conferenza di una sigla dell’antivaccinismo storico poco prima dell’inizio dell’anno scolastico, quando tutti erano impauriti e nessuno sapeva cosa sarebbe successo. L’avvocato dell’associazione, con stampata perennemente sul volto un’espressione un po’ insolentita, disse – dopo aver sbottato contro la situazione infame – che alla fine si poteva portare i bambini all’asilo, perché voleva vedere, lui, come il personale scolastico avrebbe mai potuto chiamare le forze dell’ordine per impedire al bambino di entrare.

 

Venne il giorno. Trac. Agenti delle forze dell’ordine fuori dagli asili.

 

Mi sa che in molti, pure tra quelli che credevano di vivere nella dimensione dell’antivaccinismo apocalittico, avevano preso male le misure.

 

Un gruppo di genitori emiliano che collaborava con Renovatio 21 dopo una conferenza ci raccontò di scene impressionanti: personale scolastico che si barrica a scuola, perché non vuole i bambini in classe, né parlare con i genitori, che invece pretendono che i bimbi entrino. Tutte e due le parti chiamano i carabinieri. Possiamo solo immaginare i grattacapi degli appuntati accorsi sul luogo.

 

Gli episodi di esclusione scolastica furono una serie pressoché infinita, distribuita su tutto lo Stivale. Non iniziamo nemmeno ad elencarli; ricordiamo tuttavia un film più cupo del pur raccapricciante psicodramma del primo giorno di scuola 2021.

 

Gli incontri fra bambini non vaccinati e forze dell’ordine – anzi, forze armate – mica finì lì.

 

Chi scrive ha notizia di una visita nel 2019 del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità – i celebri NAS – ad un gruppo giochi, quindi non ad un asilo, di sensibilità culturale e pedagogica antica e specifica.

 

I NAS, ricordiamolo, sono carabinieri. Sono quindi parte delle forze armate.

 

Quindi, dipingete nella mente questo quadretto: uno spazio associativo con dentro una trentina di bambini dai 3 ai 6 anni, due maestre sopra i sessanta e una ventenne. Vi entrano, letteralmente, le forze armate.

 

Volevano la lista dei bambini vaccinati? Il gruppo giochi, ovviamente, non poteva averla. Alcuni genitori non capivano: ma scusate, lo status vaccinale di mio figlio lo sa la Sanità e lo sa la Regione, quindi come mai mandano i soldati?

 

Semplice: chiunque avesse mandato i NAS, non aveva un mandato tale da superare la barriera legale per entrare nel silo dei dati vaccinali. Questo, per lo meno, è il modo in cui ho ricostruito la dinamica degli eventi.

 

Il lettore stia tranquillo, perché cose del genere non succederanno più: con il decreto «Riaperture» (il DCPM del 2 marzo 2022si è stabilito che i dati personali di qualsiasi tipo possono circolare liberamente tra un database (silos) statale ad un altro. In pratica, non devono più venirvelo a chiedere, tantomeno devono mandarvi l’Arma.

 

Non sono in grado di verificare ora la voce per cui tanti gruppi giochi in varie parti d’Italia con la medesima impostazione (dove spesso, diciamo, finiscono famiglie contrarie alle vaccinazione pediatriche) hanno subito visite analoghe. Mi riprometto di farlo a breve, così magari da raccontare più chiaramente.

 

Ciò che conta, tuttavia, è capire che la guerra contro l’istruzione non-statale, e non-parificata, è in stato avanzato, ed è partita da molto prima che con il COVID il nodo venisse al pettine.

 

A gennaio di quest’anno, la Lorenzin (c’è ancora, sì) va in TV: «Queste scuole parentali sono contro la legge, è un reato». L’ex ministro ricorda che ne sorsero parecchie dopo il suo DDL. Ora, ovviamente, il fenomeno si è allargato.

 

Per tutto il 2021, a intermittenza, sono saltati fuori sui giornali locali e nazionali titoloni su queste «scuole clandestine per i figli dei no-vax».

 

Bisogna comprendere una questione speciosa, quanto importante: le scuole parentali, l’homeschooling, sono perfettamente legali in Italia. Di più: hanno copertura costituzionale. Articolo 30 della Carta: «È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli (…) Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti». Quindi, in merito all’educazione, i genitori vengono prima dello Stato, che anzi si può porre come alternativa di riserva.

 

È chiaro che si tratta tuttavia di un diritto vestigiale, completamente incompatibile con lo Stato moderno, un po’ come il porto d’armi, che ci pare, in una società del controllo sempre più capillare, una misteriosa libertà residuale arrivataci da qualche tradizione umana non ancora pienamente disinstallabile (in una parola: la caccia e i cacciatori, i loro voti, soprattutto).

 

Ciò non toglie, che la guerra dello Stato-partito contro l’educazione famigliare andrà avanti. E ce lo stanno dicendo in faccia.

 

Anzi, ci stanno dicendo qualcosa di più chiaro: lo Stato non decide solo della cultura dei vostri figli. Decide dei loro corpi, perfino a livello biomolecolare.

 

Quindi, se l’obbligo si estenderà all’asilo, stante la legge Lorenzin, dovrete iniettare nel corpo della vostra discendenza i 10 vaccini, più i richiami, più con estrema probabilità quello del COVID. E questo, come oramai abbiamo capito, ogni anno – considerando in aggiunta, come ci sta dicendo il direttore di Moderna, che saranno basati su mRNA anche altri vaccini che finiranno nel polivalente genico in preparazione. (Mettetevela via: ogni vaccino diverrà un vaccino mRNA)

 

E se non lo faceste? Se non accettaste di siringare il bambino piccolo? Beh, allora, già a tre anni, stareste sottraendo il minore alla scuola dell’obbligo… quindi andreste incontro, chiaramente, a grane giudiziarie, tanto per cominciare un’attenuazione della vostra patria potestà.

 

Non è un tabù per nessuno, non lo era neanche cinque anni fa: la finestra di Overton sui figli da togliere ai no-vax è spalancata da mo’. In alcuni casi, che abbiamo documentato su Renovatio 21, ha già avuto esiti agghiaccianti. In Italia, su vaccini e scelte dei genitori, ci sono già sentenze piuttosto nette.

 

Posso raccontarvi qui, di una grandiosa famiglia che mi ha fatto da esempio, formata da una coppia antivaccinista della prima ora e da tre figli stupendi, nessuno sierizzato, anche quando c’era la regola infame: non vaccini il figli, perdi una parte della patria potestà. Proprio così, come una patente a punti, la Regione dove risiedevano, allora, ti mandava in tribunale dove di fatto ti toglievano percentuali dei tuoi figli.

 

«In pratica, dopo essere stati declassati per le vaccinazioni mancate dei primi due figli, eravamo nella situazione che con un nonnulla, magari una calunnia su uno schiaffo che mai potremo dare ai nostri figli, ci portavano via tutta la famiglia» mi disse il pater familias.

 

La legge regionale nel frattempo è cambiata. La tendenza di fondo, no. Anzi. Ora sta tornando, accresciuta, agguerrita, armata.

 

Dicono che vogliono l’asilo obbligatorio sapendo che una parte della popolazione – quella di cui non avranno mai il voto, quella che quindi considerano sacrificabile – potrebbe perdere i figli e vederseli poi bucati con l’mRNA di Stato e ogni altro possibile intruglio, feti abortiti, sì, sempre inclusi.

 

I «conservatori», quelli che si scandalizzano per l’obbligo «sovietico» dell’asilo piddino, non hanno capito nulla. Non ti vogliono traviare il figlio, te lo vogliono proprio portar via. E non vogliono inquinare la sua mente, ma riprogrammare il suo corpo.

 

In breve, con le parole che usiamo qui su Renovatio 21: non è più questione di sovranità famigliare, quella se ne è andata da un pezzo assieme a quella economica e politica. Si tratta della sovranità biologica.

 

Siamo un gradino più in basso, siamo al livello delle cellule della nostra prole.

 

E, purtroppo, non è finita ancora.

 

Questo progetto va avanti da secoli sotto i nostri occhi, attraverso i vaccini e la corruzione della donna, la perversione della famiglia.

 

Esso è finanziato dai miliardi degli uomini più ricchi del mondo.

 

Esso esiste perché non abbiamo ancora fatto abbastanza per fermarlo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Torna la mascherina per i bambini a scuola: basterà un raffreddore

Pubblicato

il

Da

Il 5 agosto l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato le «Indicazioni strategiche ad interim per preparedness e readiness ai fini di mitigazione delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (anno scolastico 2022 -2023)».

 

Si tratta di un documento «messo a punto da Iss, con i ministeri della Salute e dell’Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome» a cui guardare se vogliamo avere una risposta alla domanda fondamentale che via via pressa sempre di più: i nostri figli dovranno portare la mascherina a scuola?

 

La risposta è: dipende.

 

Si tratta infatti di «misure standard di prevenzione per l’inizio dell’anno scolastico che tengono conto del quadro attuale, dall’altro, ulteriori interventi da modulare progressivamente in base alla valutazione del rischio e al possibile cambiamento del quadro epidemiologico».

 

In pratica, di un «doppio livello», dove con l’aggravarsi dell’epidemia percepita nel Paese si implementeranno varie restrizioni, tra cui le «mascherine chirurgiche, o FFP2, in posizione statica e/o dinamica».

 

Insomma, la porta al mascheramento dei bambini è ancora aperta, così come quella al «distanziamento di almeno 1 m», «somministrazione dei pasti nelle mense con turnazione», «consumo delle merende al banco» etc.

 

Questo, dicevamo, come «misure ulteriori, da implementare singolarmente o in combinazione».

 

Nelle «Misure di prevenzione di base attive al momento della ripresa scolastica», invece, abbiamo l’«utilizzo di dispositivi di protezione respiratoria (FFP2) per personale scolastico e alunni che sono a rischio di sviluppare forme severe di COVID-19». Ammettiamo di non capire bene cosa significhi: stanno forse parlando dei bambini non vaccinati?

 

Nelle misure base spicca anche il ruolo di una non meglio precisata «etichetta respiratoria». Si tratta di un’espressione nuovissima, inedita, ancorché grottesca (il «galateo del respirare»?), la cui piena significazione, pure qui, ci sfugge.

 

Il bambino, viene scritto, non può stare a scuola con «sintomatologia compatibile con COVID-19, quale, a titolo esemplificativo: sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide), perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa».

 

Tuttavia, forse sempre nello spirito dell’avveniristica «etichetta respiratoria», veniamo informati che se i sintomi sono deboli, si potrà andare in classe, purché mascherati con la chirurgica o la FFP2.

 

«Gli studenti con sintomi respiratori di lieve entità ed in buone condizioni generali che non presentano febbre, frequentano in presenza, prevedendo l’utilizzo di mascherine chirurgiche/FFP2 fino a risoluzione dei sintomi, igiene delle mani, etichetta respiratoria» scrive il testo.

 

Quindi: basterà il banale raffreddore, e vostro figlio dovrà vedersi ridotto l’ossigeno dalla nuova «etichetta respiratoria».

 

Basterà un naso che cola, ed ecco che il diritto allo studio sarà subordinato alla museruola di Stato, benché dimostrata essere inutile e nociva per il bambino.

 

«La scuola rappresenta uno dei setting in cui la circolazione di un virus a caratteristiche pandemiche richiede particolare attenzione» dice l’introduzione del documento, che non tiene conto della valanga di studi che attestano il contrario, ad esempio quelle fatte avere al ministero dalla Salute da associazioni come la Rete Nazionale Scuola in Presenza, che ha raccolto tutta la letteratura con le evidenze scientifiche internazionali sull’argomento.

 

A vincere nelle direttive di Stato è l’idea, costante e strisciante, del bambino come untore. È quello che scriveva, in quel 2019 pre-pandemico, il campione del vaccinismo social Roberto Burioni: «I figli sono gioie, felicità, etc, ma anche maligni amplificatori biologici che si infettano con virus per loro quasi innocui, li replicano potenziandoli logaritmicamente e infine li trasmettono con atroci conseguenze per l’organismo di un adulto».

 

Soprattutto, il ministero pare non aver nemmeno lontanamente contezza della quantità di materiale riguardo alla dannosità delle mascherine per i bambini.

 

Lo ha dimostrato, ad esempio, una ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista medica JAMA.

 

Ne ha parlato, ad esempio, l’Agenzia Tedesca per la difesa dei consumatori, dopo test su una quindicina di modelli.

 

Ha preso in considerazione la questione almeno un governo, quello irlandese, che l’anno scorso si è espresso contro le mascherine per i piccoli studenti.

 

Racconti più o meno aneddotici di malattie infantili causate dalle mascherine erano partiti già due anni fa.

 

Studi sulle microplastiche inalate indossando le mascherine, da adulti e bambini, stanno uscendo in questi mesi.

 

Inoltre, non possiamo dimenticare la quantità di danni allo sviluppo mentale dei bambini che il mascheramento globale e le altre restrizioni sembrano aver cagionato: bambini con problemi nel linguaggio e nelle relazioni, bambini che non riconoscono i volti, logopedisti intasati, e miriadi di casi di quello che oramai chiamano «ritardo da COVID»

 

Quella delle mascherine sui bambini, ha scritto il dottor Robert Malone, è «una follia di massa che deve cessare».

 

Liberiamo i bambini dalle mascherine.

 

Intanto, Renovatio 21 ha sottotitolato un video che può aiutarvi a capire quanto la protezione delle mascherine sia efficace e necessaria.

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Hanno ammazzato anche Archie: lo Stato utilitarista uccide il ragazzo «nel suo miglior interesse».

Pubblicato

il

Da

Archie Battersbee, 12 anni, è morto ieri alle 12.15, ora del meridiano di Greenwich, al London Royal Hospital.

 

È morto soffocato: alle 10 le macchine che gli consentivano di respirare sono state spente, come da decisione dei medici e della magistratura britannica – con l’aggiunta della pilatesca Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, il cui pronunciamento era atteso con fiducia, ma che invece non si è opposta per «non interferire» con la giustizia di Albione.

 

A nulla sono valsi i ricorsi legali della famiglia, l’eco della protesta per mantenere in vita il figlio che ha varcato i confini nazionali. Non è mancata, al solito, l’offerta di spostare il bambino in Italia. Come era successo per Alfie, abbiamo visto quanto serve.

 

Tutti i gradi della magistratura parruccona hanno decretato che non era la famiglia a poter decidere se tenere vivo il bambino (concetto di per sé aberrante, ci rendiamo conto), ma i medici, che hanno agito nel suo «best interest».

 

Lo hanno ammazzato nel suo «miglior interesse». Lo hanno trucidato a suo vantaggio. Uccidere un bambino per «tutelarlo» Questa è l’irrazionalità assassina a cui è arrivato il mondo moderno, che si nutre oramai di oscene contraddizioni che provocano ondate di morte.

 

Il bambino era stato trovato privo di sensi nella sua casa del Sussex  lo scorso 7 aprile. Il lettore può notare, quindi, come i tempi nei quali si svolgono questo tipo di fenomeni – famiglie di comatosi contro medici e magistratura – si stiano accorciando. Non è escluso che a breve vedremo processi eutanatici per direttissima: vere e proprie sentenze di morte, comminate nel giro di poche ore.

 

Ricordiamo che erano stati i medici a chiedere alla magistratura di giudicare se fosse giusto proseguire a tener vivo il ragazzino con la ventilazione artificiale. I dottori infatti erano certi che il bambino non avesse possibilità di guarire.

 

Sappiamo cosa ha ucciso Archie. Non sono solo i medici e i giudici. È ciò che li contiene, li giustifica, li aizza nel loro lavoro di morte.

 

È lo Stato utilitarista. Per la filosofia utilitarista – che nasce proprio a Londra nel Settecento con l’inquietante filosofo Jeremy Bentham – il più debole può essere sacrificato al più forte, qualora quest’ultimo tragga dal sacrificio del primo un grande godimento. È la teoria per cui una minoranza della società è giusto che vada schiacciata a vantaggio del «piacere» (Bentham parla proprio di questo, con calcoli matematici) della maggioranza.  Chi ricorda i discorsi su vaccini, green pass e lockdown può capire di cosa stiamo parlando – perché l’utilitarismo è oramai il sistema operativo di ogni Stato moderno, che odia l’umanità e vuole umiliarla e ridurla.

 

Il più debole sacrificato al più forte. Il minore al maggiore. Tale sistema era perfetto per l’impero genocida che sterminava irlandesi e indiani, con carestie programmate, portandone vie le risorse, per il maggior godimento della società londinese.

 

Ecco quindi che l’utilitarismo diventa eugenetica, e chiama all’assassinio massivo degli stessi bambini britannici (Charlie, Alfie, Archie…): le loro vite sono divenute quelle che nella Germania di Hitler – grande discepolo delle teorie antropologiche angloamericane – veniva chiamata lebensunwerten leben, «vita indegna di essere vissuta».

 

Lo Stato utilitarista è quindi lo Stato della Necrocultura. L’utilitarismo è in fondo solo una elaborazione della Cultura della Morte.

 

Quindi, lo Stato utilitarista neonazista ha ucciso un altro bambino, sì: ma ne ammazza decine di migliaia ogni giorno con aborti, riproduzione in provetta, espianto di organi.

 

Perché è grazie agli orrori permessi dalla Necrocultura che lo Stato moderno può nutrirsi e prosperare.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari