Connettiti con Renovato 21

Crioconservazione

Nuovo record mondiale per l’embrione congelato più a lungo: 30 anni

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Lydia e Timothy Ridgeway sono nati nell’aprile 1992 e sono nati nell’ottobre 2022 a Portland, Oregon. Detengono il record di embrioni congelati più lunghi del mondo.

 

Quando sono stati creati in una clinica di fecondazione in vitro per una coppia di sposi anonimi, il loro padre «adottivo», Philip Ridgeway, aveva solo 5 anni.

 

Cinque degli embrioni di quella coppia erano «in eccedenza┌ e sono stati tenuti congelati. Nel 2007 li hanno donati a un gruppo cristiano che sponsorizza «l’adozione di embrioni», il National Embryo Donation Center di Knoxville, Tennessee.

 

I Ridgeways avevano già 4 figli ma erano aperti a più. «Non abbiamo mai avuto in mente un determinato numero di bambini che vorremmo avere», ha detto Philip. «Abbiamo sempre pensato che ne avremo tanti quanti Dio vuole darci, e… quando abbiamo sentito parlare dell’adozione di embrioni, abbiamo pensato che fosse qualcosa che ci sarebbe piaciuto fare».

 

«Non stavamo cercando di ottenere gli embrioni che sono stati congelati più a lungo nel mondo», ha detto. «Volevamo solo quelli che stavano aspettando da più tempo».

 

Gli specialisti della fecondazione in vitro rabbrividiscono alla frase «adozione di embrioni». Preferiscono la «donazione di embrioni».

 

«L’adozione si riferisce ai bambini vivi», afferma il dott. Sigal Klipstein, esperto di etica presso l’American Society of Reproductive Medicine. «È un processo legale mediante il quale viene creata una relazione genitore-figlio quando prima non esisteva».

 

La donazione di embrioni, ha detto, è una procedura medica. «È un modo in cui prendiamo embrioni da una coppia o individuo e poi li trasferiamo in un altro individuo per costruire famiglie».

 

Il programma del NEDC per l’adozione di embrioni è una risposta all’esistenza di un milione di embrioni congelati nelle cliniche americane di fecondazione in vitro. Il centro afferma di aver organizzato la nascita di 1.260 di loro.

 

L’accumulo di embrioni congelati negli Stati Uniti, in Stati con leggi diverse che li regolano, è quasi un dilemma etico insolubile. Molte coppie non sono disposte a usarli, ma non riescono a donare i loro embrioni alla ricerca oa scartarli. Quindi il numero continua a crescere.

 

Come ha osservato l’Istituto Lozier sul suo sito web: «mercificando gli embrioni, la comunità medica e il nostro sistema legale hanno aperto un vaso di Pandora di soluzioni problematiche che non offre protezioni adeguate. Mentre la fecondazione in vitro è stata lodata da molti come la risposta all’infertilità, le migliaia di altre vite che ha creato continuano a essere in bilico».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Cancro

Possibile rischio di cancro con embrioni IVF congelati

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Uno studio su oltre 8 milioni di bambini nei paesi nordici suggerisce che i bambini che iniziano la vita come embrioni congelati (FET) possono avere un rischio maggiore di cancro rispetto ai bambini nati con altri mezzi.

 

In un articolo su PLOS Medicine Nona Sargisian dell’Università di Göteborg, in Svezia, e colleghi scrivono che: «i risultati sollevano preoccupazioni considerando l’uso crescente della FET, in particolare le strategie congelate senza chiare indicazioni mediche»

 

La tecnologia di riproduzione assistita (ART) consente di creare un embrione da un uovo e uno spermatozoo umani in un laboratorio. Un medico può trasferire immediatamente l’embrione nell’utero o, in una pratica che sta aumentando in tutto il mondo, l’embrione potrebbe essere congelato e successivamente scongelato prima dell’impianto.

 

Gli scienziati sapevano già che i bambini nati dopo il trasferimento congelato e scongelato possono avere un rischio a breve termine più elevato di determinati problemi medici rispetto ai bambini nati dopo il trasferimento di embrioni freschi. Tuttavia, i potenziali rischi medici a lungo termine erano meno chiari.

 

I ricercatori hanno analizzato i dati medici di 7.944.248 bambini in Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia nati dalla metà degli anni ’80. 171.744 erano bambini nati fa fecondazione in vitro (IVF) e 7.772.474 sono stati concepiti spontaneamente.

 

Tra i bambini con fecondazione in vitro, 22.630 sono nati dopo il trasferimento congelato e scongelato.

 

Hanno scoperto che i bambini nati dopo il trasferimento di embrioni congelati e scongelati erano a maggior rischio di cancro, sebbene i bambini IVF nel loro insieme non avessero un rischio maggiore di cancro.

 

I tipi più comuni di cancro erano la leucemia e i tumori del sistema nervoso centrale.

 

I ricercatori sottolineano che i loro risultati dovrebbero essere interpretati con cautela, poiché il numero di bambini nati dopo il trasferimento di embrioni congelati e scongelati che in seguito hanno sviluppato il cancro era basso (48 casi).

 

Tuttavia, i ricercatori erano preoccupati e hanno chiesto ulteriori ricerche per confermare un possibile collegamento tra la procedura e l’aumento del rischio di cancro, nonché i meccanismi biologici che potrebbero essere alla base di tale rischio.

 

Gli esperti di fecondazione in vitro hanno notato che il congelamento degli embrioni è diventato parte integrante della riproduzione assistita.

 

Gli embrioni congelati sono necessari come backup se il primo ciclo di fecondazione in vitro fallisce; consentono inoltre ai medici di trasferire gli embrioni uno alla volta, anziché più, il che comporta il rischio di nascite multiple.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Crioconservazione

Le leggi britanniche sugli embrioni stanno per essere riviste

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Il regolatore della fertilità del Regno Unito sta cercando di liberalizzare le tecniche per manipolare gli embrioni umani nella riproduzione assistita e nella ricerca.

 

Il Guardian descrive i suoi piani come «la più grande revisione delle leggi sulla fertilità in 30 anni». Anche la Human Fertilization and Embryology Authority (HFEA) vuole una legislazione «a prova di futuro» in modo che gli scienziati non siano trattenuti da regolamenti datati.

 

L’HFEA prevede di avviare una consultazione a settembre prima di formulare raccomandazioni sugli emendamenti al 1990 Human Fertilization and Embryology Act. Sebbene i suggerimenti siano radicali, sperano che vengano approvati entro la fine dell’anno.

 

Il Guardian ha evidenziato «quattro nuovi trattamenti radicali per la fertilità» che potrebbero ottenere il via libera:

  • Ovuli e spermatozoi cresciuti in laboratorio. Questo non è ancora possibile negli esseri umani, ma è stato raggiunto nei topi. Un’azienda americana, Conception, sta già lavorando alla creazione di cellule uovo da cellule staminali per aiutare le donne infertili a concepire. Il suo fondatore, Matt Krisiloff, è gay e crede che una tecnologia di successo consentirebbe alle coppie gay di avere i propri figli. «Questa potrebbe diventare una delle tecnologie più importanti mai create», afferma il sito web dell’azienda.

 

  • Modifica del genoma umano. Attualmente questo non è consentito e l’opinione pubblica si oppone. Tuttavia, se i problemi di efficacia e sicurezza possono essere risolti, la legislazione dovrebbe essere modificata per accogliere i cambiamenti nella linea germinale.

 

  • Bambini in vitro con tre genitori. La legislazione britannica è stata modificata nel 2015 per consentire la donazione di mitocondri, ma erano consentite due tecniche. L’HFEA vuole liberalizzare questo.

 

  • Embrioni sintetici . Queste sono strutture simili a embrioni che sono prodotte da cellule staminali. La legislazione dovrebbe consentirli.

 

Il ritmo di sviluppo della biologia riproduttiva sta accelerando e gli scienziati britannici e l’HFEA non vogliono essere lasciati indietro. «La legge rischia di essere superata sia dagli sviluppi nella pratica della regolamentazione che dagli sviluppi nella ricerca scientifica», afferma l’HFEA.

 

La Parte 1 e la Parte 2 del documento di discussione dell’HFEA sono disponibili sul suo sito web.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Crioconservazione

Embrioni orfani affidati alle cure di un orfano

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Ci scusiamo per aver trascurato questa storia di sette anni fa. Ma è così stimolante che merita di essere segnalato. Mi sono imbattuto in Above the Law, un blog che a volte si occupa di questioni riproduttive, come gli enigmi legali coinvolti nella conservazione degli embrioni in eccesso.

 

La storia inizia nell’agosto 2012 a Dallas. Una coppia etiope che gestiva un famoso ristorante, Yayehyirad Lemma, 40 anni, e Yenenesh Desta, 31 anni, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco sul portico anteriore senza una ragione apparente.

 

Si è scoperto che un altro etiope era ossessionato da Desta e aveva ucciso lei e suo marito perché gli avevano «mancato di rispetto». L’assassino è stato condannato all’ergastolo senza condizionale.

 

Successivamente è emerso che la coppia aveva lasciato 11 embrioni congelati in una clinica di fecondazione in vitro. Che ne sarebbe stato di loro? Un tribunale di successione ha stabilito che, poiché i suoi genitori sono morti senza lasciare un testamento, il loro figlio di 2 anni dovrebbe «ereditare» gli embrioni, che sono i suoi fratelli.

 

Quando raggiungerà i 18 anni, dovrà decidere se continuare a pagare le tasse di custodia, impiantarle in una madre surrogata, donarle per la ricerca o scartarle.

 

Il defunto studioso di diritto John A. Robertson ha scritto un’analisi di questo oscuro caso nel 2014. La sua conclusione è stata che:

 

«Gli embrioni fanno parte del patrimonio dei suoi genitori defunti e come erede ha il diritto di averli mantenuti per il suo controllo disposizioni fino all’età di 18 anni. Lo stesso risultato dovrebbe verificarsi qualunque sia l’età dell’erede. Assicurarsi che le persone che creano embrioni diano indicazioni su cosa dovrebbe essere fatto con gli embrioni se entrambi muoiono eviterà tali situazioni in futuro».

 

È un mondo strano quello in cui un diciottenne è costretto a decidere se i suoi 11 fratelli e sorelle debbano vivere o morire dopo 16 anni di animazione sospesa in una vasca di azoto liquido.

 

Il figlio della coppia raggiungerà la maggiore età intorno al 2028.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari