Connettiti con Renovato 21

Terrorismo

Miliziani siriani e turchi diretti in Ucraina per vendicarsi dei russi

Pubblicato

il

 

 

Combattenti e miliziani del nord della Siria e Turchia cercano, armi alla mano, di andare in Ucraina per combattere contro i russi. Lo riporta il sito del Pontificio Istituto per le Missioni Estere (PIME) Asianews.

 

«Per molti è una questione personale e un tentativo di vendicarsi di Mosca, il cui sostegno al presidente Assad si è rivelato cruciale nel conflitto».

 

«Per molti è anche un modo per combattere, a causa del cessate il fuoco in vigore in Siria e che sembra reggere».

 

Secondo il Pentagono, miliziani jihadisti veterani del macello siriano sarebbero stati usati dalla Turchia anche in Libia, dove combattono per il governo di Tripoli contro la fazione del generale Haftar, che è sostenuto anche dalla Russia.

 

Sempre la Turchia avrebbe inviato l’anno scorso 4 mila mercenari dei tempi dell’ISIS nel Caucaso per combattere contro l’Armenia – un’altro governo sostenuto da Mosca.

 

Alcuni jihadisti sarebbero stati inviati dalla Turchia anche in Afghanistan prima del crollo perpetrato dall’amministrazione Biden.

 

L’uomo ritenuto nuovo vertice dell’ISIS, Abu Ibrahim al-Qurayshi, è stato ucciso da un raid americano in un’area della Siria controllata da Turchi e da Al Qaeda.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Turchia già un anno fa era sospettata di reclutare jihadisti da mandare in Ucraina.

 

Continua a leggere

Terrorismo

Uomo armato attacca l’ambasciata americana in Libano: il video

Pubblicato

il

Da

Un uomo è stato arrestato dopo aver sparato contro il complesso dell’ambasciata americana a Beirut, ha detto l’esercito libanese.

 

L’aggressore è stato colpito dalle truppe di guardia all’ambasciata e portato in ospedale, hanno detto i militari in una nota mercoledì, descrivendo l’aggressore come “un cittadino siriano”.

 

L’emittente saudita Al Hadath ha riferito che l’uomo armato ha legami con il gruppo terroristico l’ISIS. Alcuni organi di informazione libanesi hanno anche pubblicato foto che mostrano l’aggressore che indossa un giubbotto nero con la parola «Stato Islamico» scritta in arabo e le lettere inglesi «I» e «S».

 

Secondo i media locali, lo scontro a fuoco davanti all’ambasciata è durato circa mezz’ora. In un videoclip si possono sentire diversi spari, presumibilmente girati nella zona al momento dell’aggressione.

 

Sostieni Renovatio 21

L’ambasciata americana ha confermato in un comunicato che è stato segnalato un fuoco di armi leggere vicino all’ingresso del complesso alle 8:34 ora locale. «Grazie alla rapida reazione delle LAF (Forze armate libanesi), delle ISF (Forze di sicurezza interna) e del nostro team di sicurezza dell’Ambasciata, la nostra struttura e il nostro team sono al sicuro», ha affermato.

 

L’esercito libanese ha affermato di aver schierato ulteriori truppe fuori dall’ambasciata nell’area circostante in seguito all’incidente.

 

Un funzionario della sicurezza libanese ha detto all’AP che l’attacco ha coinvolto quattro aggressori, tra cui tre uomini armati, che hanno ingaggiato le truppe, e un autista che le ha portate sul posto. Il resoconto ufficiale, tuttavia, menzionava solo un aggressore.

 


 

La missione diplomatica degli Stati Uniti a Beirut subì un grave attacco terroristico il 18 aprile 1983. Un attentatore suicida fece esplodere un furgone carico di esplosivo all’interno del complesso, uccidendo 63 persone, tra cui 17 americani. L’attacco era avvenuto sulla scia dell’intervento degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali nella guerra civile in Libano.

 

Fu incolpato della strage l’uomo che nei decenni successivi fu ritenuto una delle menti del terrorismo internazionale, il fondatore dell’Organizzazione Jihad islamica libanese e alto leader di Hezbollah Imad Mugnyeh (1962-2008), che negli anni avrebbe organizzato quantità attacchi terroristici tramite attentati suicidi, omicidi, rapimenti e omicidi.

 

Dopo anni in cui era considerato come un «fantasma irrintracciabile» (di lui non c’erano foto, né dati di sorta), il Mugnyeh fu ucciso nel febbraio 2008 con un’autobomba a Damasco nell’ambito di un’operazione congiunta CIA-Mossad. Il figlio minore di Mugniyeh, Jihad, è stato ucciso nell’incidente di Mazraat Amal del gennaio 2015 nel settore siriano del Golan il 18 gennaio 2015.

 

Secondo l’ex agente della CIA Robert Baer, autore di libri sulle sue esperienze di spia in Medio Oriente, il ​​«Mugniyeh è probabilmente l’agente più intelligente e più capace che abbiamo mai incontrato, compreso il KGB o chiunque altro. Entra da una porta, esce da un’altra, cambia macchina ogni giorno, non fa mai gli appuntamenti telefonici non sono mai prevedibili. Si avvale solo di persone a lui fedeli di cui può fidarsi completamente. Non si limita a reclutare persone».

 

«Sia bin Laden che Mughniyeh erano assassini patologici», aveva dichiarato Milton Bearden, ufficiale della CIA con 30 anni di esperienza. «Ma c’è sempre stato un fastidioso dilettantismo in Bin Laden: il suo background selvaggiamente pubblicizzato, le sue affermazioni fasulle e false… Bin Laden si è rannicchiato e si è nascosto. Mughniyeh ha passato la vita a farci il dito medio».

 

Dopo la sua morte, Mugniyeh ha acquisito un personaggio storico e folcloristico. Per molti nel suo paese d’origine, il Libano, e in Medio Oriente, simboleggia la resistenza all’occupazione militare straniera, un eroe e una mente che da solo scacciò gli eserciti americano e israeliano. L’uomo dietro l’ accoltellamento di Salman Rushdie aveva una patente di guida falsa con il nome Hassan Mughniyeh, che suggerisce un mix tra il nome e il cognome di Hassan Nasrallah (attuale leader di Hezbollah) e Imad Mughniyeh.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droni

La Francia dice di aver sventato un attacco pianificato alle Olimpiadi. Il Mossad: attenzione al terrorismo durante i Giochi

Pubblicato

il

Da

Gerald Darmanin ha dichiarato in un comunicato che i membri della Direzione generale della sicurezza interna hanno arrestato il 22 maggio un ragazzo ceceno di 18 anni con l’accusa di essere dietro un piano di attacco agli eventi calcistici che si terranno nella città di Saint-Etienne, a Sud-Ovest di Lione. Lo riporta l’agenzia stampa Associated Press.   L’uomo stava preparando un attacco contro lo stadio Geoffroy-Guichard della città di Saint-Etienne, che ospiterà diverse partite di calcio durante i Giochi estivi. L’attacco pianificato avrebbe preso di mira gli spettatori e le forze di polizia, si legge nel comunicato. Il sospettato voleva attaccare gli eventi olimpici «per morire e diventare un martire», si legge anche nel comunicato citato da AP.   Il quotidiano israeliano Jerusalem Post ha citato gli avvertimenti del Mossad, il servizio segreto dello Stato Ebraico, riguardo ai Giochi Olimpici.   Il Mossad, poco sorprendentemente, punta il dito verso l’Iran che, dice, «sta aumentando il suo sostegno al terrorismo in Europa attraverso gruppi criminali per procura nei 60 giorni che precedono le Olimpiadi di Parigi».   «In particolare vengono sottolineate le attività di due gruppi criminali, FOXTROT e RUMBA, che sarebbero “direttamente responsabili di un’attività violenta e della promozione del terrorismo in Svezia e in tutta Europa” e che riceverebbero fondi e indicazioni direttamente dall’Iran».   Il Mossad avrebbe inoltre accusato l’Iran dell’attacco con granate contro l’ambasciata israeliana in Belgio lo scorso fine settimana e degli spari vicino all’ambasciata in Svezia il 17 maggio.   Come riportato da Renovatio 21, il presidente Macron ha chiesto per Parigi una «tregua olimpica» dei conflitti durante i Giochi.   Nel frattempo si è appreso che il sistema antiterrorismo di Parigi scambia i condizionatori per droni – questi ultimi sono il vero incubo per la sicurezza per ogni Stato ed ogni manifestazione, in questo momento. Il potenziale stragista dei droni è ben visibile dai video arrivati in questi due anni dal fronte ucraino.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
     
Continua a leggere

Terrorismo

Vescovo messicano lancia l’allarme sulla sicurezza del Paese

Pubblicato

il

Da

Un vescovo messicano mette in guardia dal clima di estrema violenza che regna nel suo Paese alla vigilia delle elezioni presidenziali previste per il 2 giugno 2024. La criminalità organizzata – soprattutto lo spaccio di droga – impedisce agli elettori di recarsi alle urne in alcuni regioni. Un monito per gli altri Paesi progressivamente afflitti dal traffico di droga.

 

«In alcune zone del Chiapas colpite dalla violenza, i trafficanti di droga controllano il movimento e non ci sono le condizioni per organizzare un voto elettorale», spiega in un video pubblicato sul sito informativo della diocesi di San Cristobal de Las Casas, mons. Rodrigo Aguilar, citato da Crux.

 

Il pastore descrive il caos quotidiano patito dagli abitanti del Chiapas, stato meridionale della Federazione messicana, rovinato dai cartelli della droga. «Vivo qui da sei anni – confida il presule disilluso – e non ho mai visto un tale grado di insicurezza», ha detto a Crux.

 

In questo contesto, non si tratta di incoraggiare i tanti fedeli cattolici a recarsi alle urne il 2 giugno come fanno abitualmente: «molte parrocchie mi hanno detto che la situazione era diventata impossibile e che le autorità non avrebbero potuto non garantire la sicurezza degli elettori», si rammarica mons. Aguilar al giornale.

 

Timori fondati, visto che il 12 maggio i signori della droga hanno terrorizzato la città di Nueva Morelia, uccidendo dodici persone tra cui due catechisti e un diacono: «è uno shock terribile per tutte le parrocchie della regione», lamenta il Vescovo di San Cristobal nella sua intervista.

 

Secondo Le Figaro, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali, più di trenta candidati sono stati assassinati in Messico . «Le vittime appartengono a tutti i partiti, rappresentano tutte le opinioni, ma ciò che hanno in comune è che minacciano le attività di potenti cartelli», spiega questo giornale.

 

«Non ci permettono di condurre campagne nelle comunità povere e remote. Prima la criminalità organizzata non si occupava di politica, ora vuole imporre la sua politica locale per continuare le sue attività», spiega a Le Figaro Jacinto Gonzalez, leader del partito al potere in Chiapas.

Sostieni Renovatio 21

I signori della droga, onnipresenti in questa parte meridionale del Messico, hanno gradualmente «spostato le loro attività dalla produzione di marijuana o oppio ad azioni di estorsione diffuse», spiega Le Figaro. «I conducenti dei trasporti pubblici subiscono estorsioni, proprio come il più piccolo produttore di beni di prima necessità, dal pollo alle tortillas».

 

Geograficamente, «la violenza contro i politici non è distribuita equamente sul territorio», constata il quotidiano francese. «Stiamo osservando alcune zone rosse, in particolare gli stati di Guerrero, Guanajuato e Veracruz», precisa Itzel Soto, membro di Data Civica, un’organizzazione che registra gli attacchi contro il personale politico.

 

E come se non bastasse, molti elettori si chiedono se la scelta politica che viene loro offerta il 2 giugno sia davvero una: da un lato, Claudia Sheinbaum, candidata di sinistra alla successione di Andrés Manuel Lopez Obrador (AMLO), deve prendere responsabilità per la condotta del presidente uscente che non è riuscito a liberare il Paese dalla criminalità organizzata.

 

D’altra parte, Xochitl Galvez, candidato di destra, incarna l’opposizione ma non il rinnovamento, perché la sua candidatura è sostenuta da due partiti, il PRI e il PAN, «che hanno governato il Messico per 88 anni, periodo punteggiato da scandali, massacri e casi di corruzione», che restano nella memoria di molti messicani, ricorda Le Figaro.

 

Un solo cambiamento è quasi certo per i prossimi giorni: una donna dovrebbe per la prima volta esercitare la massima giurisdizione in un Messico di 127,5 milioni di abitanti, dove quasi l’80% della popolazione si identifica come cattolica.

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Sarah Karlson via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic

Continua a leggere

Più popolari