Connettiti con Renovato 21

Cina

Lockdown e obblighi vaccinali: le esportazioni di maggior successo della Cina?

Pubblicato

il

 

 

 

Non è né un’iperbole da terrore rosso né un’attribuzione mal riposta dire che il regime COVID instaurato nel mondo occidentale è principalmente un prodotto del regime cinese.

 

Non mi riferisco strettamente all’affermazione che il COVID-19 abbia avuto origine in un laboratorio di Wuhan ma anche al fatto che la campagna di propaganda che «informa» la risposta COVID è direttamente attribuibile a Pechino.

 

Come Michael P. Senger ha brillantemente dimostrato, l’intera risposta al COVID è un’esportazione del regime di Xi Jinping.

 

La campagna di propaganda che «informa» la risposta COVID è direttamente attribuibile a Pechino. L’intera risposta al COVID è un’esportazione del regime di Xi Jinping.

Per una perversa ammirazione per le misure draconiane di blocco della Cina, a causa di conflitti di interesse finanziari derivanti dal denaro cinese e dalla strana paura di non riuscire a manifestare impulsi sufficientemente totalitari, le agenzie sanitarie occidentali, i governi, gli scienziati, i media e i cittadini hanno adottato e promosso l’iniziativa di Pechino metodi apparentemente efficaci per controllare una pandemia virale, trasformando così le democrazie occidentali, a vari livelli, in stati totalitari in erba.

 

L’Australia rappresenta l’esempio più eclatante, mentre altri paesi, come la Lituania, non sono da meno. Resta da vedere cosa faranno gli Stati Uniti e molte altre nazioni mentre la narrativa del COVID si sgretola di fronte alle crescenti prove di errori e apparenti illeciti.

 

Probabilmente, raddoppieranno.

 

L’assoluta illogicità del regime COVID si basa su un falso sillogismo: la Cina ha contenuto il virus con il lockdown di Wuhan. Il virus è sfuggito contemporaneamente a Wuhan. Pertanto, il resto del mondo deve emulare le misure di blocco della Cina.

 

Gli obblighi di lockdown, di mascheramento e di vaccino sono stati istituiti per affrontare un virus con un tasso medio di mortalità per infezione (IFR) inferiore allo 0,2400%  in tutte le fasce d’età

Il devastante regime COVID è stato istituito con questo pretesto e si è basato su una serie di misure contraddittorie. Innanzitutto, le mascherine erano inutili e quindi non necessarie. Poi servivano le mascherine.

 

Quindi, sono state necessarie due settimane di lockdown per appiattire la curva.

 

Poi, i lockdown sono continuati per mesi. Poi servivano due o più mascherine.

 

Poi, le vaccinazioni hanno reso superflue le mascherine per i vaccinati; con i vaccini si sarebbero scongiurati mascherine e lockdown. Quindi, i vaccinati dovrebbero indossare le mascherine, perché anche loro sono vulnerabili alle infezioni (e possono diffondere il COVID). Quindi, dovrebbero essere ripristinati i lockdown.

 

Queste sono solo alcune delle dichiarazioni e dei capovolgimenti politici che hanno costituito la risposta del regime COVID.

 

Un candidato democratico al Congresso ha chiesto il diritto di sparare a «coloro che non prendono abbastanza sul serio il COVID»

Gli obblighi di lockdown, di mascheramento e di vaccino sono stati istituiti per affrontare un virus con un tasso medio di mortalità per infezione (IFR) inferiore allo 0,2400%  in tutte le fasce d’età, con IFR mediani dello 0,0027 percento, 0,0140 percento, 0,0310 percento, 0,0820 percento, 0,2700 percento e 0,5900 percento per i giovani 0-19 anni, 20-29 anni, 30-39 anni, 40-49 anni, 50-59 anni e 60-69 -anni, rispettivamente.

 

Le morti per le misure di lockdown, nel frattempo, potrebbero aver superato le «morti per COVID», causando sofferenze ancora incalcolabili, inclusa la rovina finanziaria di centinaia di milioni.

 

Inoltre, le «morti per COVID» sono state grossolanamente gonfiate dall’inclusione di coloro che erano risultati positivi o che erano stati in contatto con qualcuno che lo aveva fatto nelle settimane precedenti la loro morte.

 

E i test PCR per il COVID, fissati a soglie di ciclo da 37 a 40, e talvolta fino a 45, producono circa l’85-90% di falsi  positivi, come  confermato  dal  New York Times. Dati questi problemi, è quasi impossibile sapere quanti dei decessi in eccesso del 2020 rispetto al 2019 siano dovuti al covid-19 e quanti siano dovuti ai lockdown.

 

Nel frattempo, l’istituzione dei passaporti dei vaccini rappresenta un’estensione differenziale e discriminatoria dei blocchi.

 

Nonostante il fatto che i vaccinati possano sia contrarre che diffondere il COVID-19 e le sue varianti, il lancio del passaporto vaccinale procede a ritmo sostenuto.

 

I lockdown e gli obblighidi vaccinazione rappresentano l’abrogazione dei diritti di proprietà, in primo luogo il diritto all’autonomia corporea, o il diritto di fare ciò che si ritiene opportuno con il proprio corpo

Gli obblichi vaccinali e le richieste di obblighi ulteriori sono aumentati di volume, nonostante uno studio israeliano dimostri che l’immunità naturale del precedentemente infetto è tredici volte più efficace nel prevenire l’infezione dalla variante delta, attualmente il ceppo più diffuso, rispetto alle doppie dosi del vaccino Pfizer.

 

E i doppi vaccinati hanno sei volte più probabilità di soffrire di malattie gravi rispetto ai non vaccinati precedentemente infettati dal virus selvaggio o da varianti precedenti.

 

Solo negli Stati Uniti, i decessi successivi al vaccino, secondo il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), hanno raggiunto i tredicimila, mentre i feriti superano i cinquecentomila. E questi sono numeri prudenti, dato che molti decessi da vaccino e altri «eventi» legati al vaccino non fanno il VAERS, grazie alla loro soppressione da parte dei professionisti medici del regime COVID.

 

Eppure, il segretario all’istruzione dell’ex presidente Barack Obama ha recentemente paragonato i no-mask e coloro che resistono al vaccino come agli attentatori suicidi di Kabul, e un candidato democratico al Congresso ha chiesto il diritto di sparare a «coloro che non prendono abbastanza sul serio il COVID».

 

È giunto il momento di affermarlo in modo chiaro e diretto: l’onere di proteggersi dal virus e dalle sue varianti spetta a coloro che temono l’infezione, e non agli altri, che siano vaccinati o meno

Tuttavia, né la scienza difettosa né la follia dei fanatici del COVIDrappresentano la giustificazione ultima per opporsi al regime COVID.

 

Per opporsi al regime COVID non è necessario essere «no-vax». Bisogna solo far valere i propri diritti.

 

I lockdown e gli obblighidi vaccinazione rappresentano l’abrogazione dei diritti di proprietà, in primo luogo il diritto all’autonomia corporea, o il diritto di fare ciò che si ritiene opportuno con il proprio corpo.

 

Questo diritto non può essere sostituito dal presunto diritto degli altri a non essere contagiati. Tale diritto non è solo scientificamente spurio nel contesto attuale; è indifendibile in linea di principio, indipendentemente dal contesto.

 

Il comunismo COVID di Xi non rappresenta, prima di tutto, una sfida all’integrità del governo occidentale o alla competenza scientifica. È una sfida a ciò che resta del riconoscimento dei diritti individuali da parte dei regimi occidentali

È giunto il momento di affermarlo in modo chiaro e diretto: l’onere di proteggersi dal virus e dalle sue varianti spetta a coloro che temono l’infezione, e non agli altri, che siano vaccinati o meno.

 

Il regime COVID porta il dispotismo non solo perché sta distruggendo la proprietà dei proprietari di piccole imprese, dei proprietari terrieri e dei lavoratori, mentre aumenta il potere dello stato.

 

Viola anche il diritto fondamentale sulla propria persona, vale a dire che rende schiavi gli individui altrimenti liberi.

 

L’ultimo paragrafo di Senger è a questo proposito:

 

«Per Xi Jinping, il lockdown non ha mai riguardato un virus. Si trattava di inviare un messaggio: che spogliata di ogni travestimento, l’illusione di virtù, competenza e impegno per i diritti umani tra la classe politica occidentale non è altro che conformità a norme e istituzioni facilmente sovvertibili tramandate dalle generazioni precedenti».

 

Il comunismo COVID di Xi non rappresenta, prima di tutto, una sfida all’integrità del governo occidentale o alla competenza scientifica. Piuttosto, è una sfida a ciò che resta del riconoscimento dei diritti individuali da parte dei regimi occidentali.

 

Questi diritti non ci sono stati dati dal governo, ma i governi, compresi i loro rami giudiziari, si sono arrogati il ​​diritto di violarli e abolirli a loro piacimento.

Questi diritti non ci sono stati dati dal governo, ma i governi, compresi i loro rami giudiziari, si sono arrogati il ​​diritto di violarli e abolirli a loro piacimento.

 

Questa dovrebbe essere la collina su cui i libertari mettono in gioco la loro vita.

 

 

Michael Rectenwald

 

 

Articolo apparso su Mises Institute, tradotto e pubblicato su gentile concessione del professor Rectenwald.

Continua a leggere

Cina

La «spina» Taipei e la «grana» Lituania mettono alla prova i rapporti tra Ue e Pechino

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Il 15 ottobre Xi Jinping e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno avuto un colloquio telefonico. Obiettivo: ridurre la tensione. Punita dai cinesi per i suoi crescenti rapporti con Taiwan, Vilnius chiede l’intervento unito della Ue. Deputato lituano: Non siamo come loro, non dobbiamo rispondere con misure coercitive simmetriche.

 

 

Taiwan è un tema sempre più spinoso nelle relazioni tra Cina e Unione europea. Sarà con ogni probabilità argomento di discussione nella telefonata del 15 ottobre tra il presidente cinese Xi Jinping e quello del Consiglio europeo Charles Michel.

 

La tensione tra Pechino ed Europa si è accentuata dopo che i cinesi hanno adottato misure coercitive contro la Lituania, con Vilnius che chiede un approccio comune della UE più duro nei confronti della Cina.

 

Lo scorso 10 agosto Pechino ha richiamato in patria il proprio ambasciatore a Vilnius: una protesta contro la decisione del governo lituano di permettere a quello taiwanese di aprire un ufficio di rappresentanza con il nome «Taiwan».

 

Gli operatori ferroviari cinesi non stanno organizzando treni merci per la Lituania; sul territorio della Repubblica baltica passano solo treni di transito dalla Cina

Come sottolineato ad AsiaNews dal deputato lituano Matas Maldeikis, pur senza un’indicazione ufficiale del proprio governo gli operatori ferroviari cinesi non stanno organizzando treni merci per la Lituania; sul territorio della Repubblica baltica passano solo treni di transito dalla Cina.

 

Per il Partito comunista cinese, Taipei è una provincia «ribelle» da riunificare con la forza se necessario. Dopo le recenti massicce incursioni aeree cinesi nei pressi dell’isola, ieri le truppe di Pechino hanno simulato operazioni di sbarco e attacco nel Fujian, la provincia costiera che si trova di fronte a Taiwan.

 

Lo scorso 6 ottobre, il ministro taiwanese della Difesa Chiu Kuo-cheng ha affermato che la Cina sarà in grado di lanciare un attacco su «vasta scala» contro l’isola entro il 2025.

 

Ieri in collegamento video con la Conferenza Forum 2000, Tsai Ing-wen è tornata a chiedere la conclusione di un accordo bilaterale sugli investimenti tra il proprio Paese e la UE. Secondo la presidente taiwanese, Taiwan può diventare un partner indispensabile per l’Europa in settori chiave come biotecnologie, energie rinnovabili, protezione dei dati, conservazione degli oceani e soprattutto microchip.

 

Per non urtare la sensibilità di Pechino, la UE non sembra intenzionata a sottoscrivere un patto commerciale di ampia portata con Taipei. Malgrado ciò, le frizioni sino-europee continuano a moltiplicarsi.

 

Lo scorso 6 ottobre, il ministro taiwanese della Difesa taiwanese Chiu Kuo-cheng ha affermato che la Cina sarà in grado di lanciare un attacco su «vasta scala» contro l’isola entro il 2025

Il ministero cinese degli Esteri ha condannato la visita a Taiwan di una delegazione parlamentare francese, conclusasi il 10 ottobre. La diplomazia di Pechino ha ribadito che l’isola è una parte «inalienabile» della Cina e che il capo delegazione transalpino, il senatore Alain Richard, o ignora le regole del diritto internazionale o vuole «sabotare» le relazioni franco-cinesi per scopi personali.

 

Richard si è recato più volte a Taiwan. In febbraio, quando è emersa la notizia della sua visita a Taipei, l’ambasciatore cinese in Francia Lu Shaye gli ha scritto una lettera intimandogli di abbandonare il proposito.

 

Maldeikis, capo del gruppo di amicizia con Taiwan del Parlamento di Vilnius, guiderà una delegazione lituana che visiterà Taipei nella prima metà di dicembre.

 

Secondo il politico lituano Matas Maldeikis, l’Europa deve fronteggiare Pechino cooperando con chi gioca secondo le regole, diversificando le catene di approvvigionamento e trovando mercati alternativi a quello cinese

Alla domanda se la UE deve rispondere agli atti coercitivi della Cina con misure commerciali simmetriche, Maldeikis dice che sarebbero controproducenti: «non siamo come loro e non possiamo sacrificare persone e imprese».

 

Secondo il politico lituano, l’Europa deve fronteggiare Pechino cooperando con chi gioca secondo le regole, diversificando le catene di approvvigionamento e trovando mercati alternativi a quello cinese.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da Asianews

Continua a leggere

Cina

Xi Jinping esalta la «democrazia» di Pechino, ma parte del Partito è contro di lui

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Presidente cinese: il sistema politico nazionale è una «grande creazione», la chiave del successo globale del Paese. In attesa del 20° Congresso del PCC emergono tensioni con il vice presidente Wang Qishan e la fazione di Shanghai, impersonata da Zeng Qinghong.

 

Secondo Xi Jinping, il sistema politico della Cina è una «grande creazione» e la chiave del suo successo globale. Il presidente lo ha dichiarato ieri a un incontro del Partito comunista cinese sull’assetto costituzionale del Paese, sottolineando che quella nazionale è una realtà con processi del tutto democratici.

 

Xi ha affermato che la democrazia non si riduce a promesse elettorali, non è un ornamento o una decorazione: «La democrazia è risolvere i problemi reali delle persone». Analisti sostengono che l’intervento del presidente è una risposta agli Stati Uniti e ai suoi alleati, che attaccano la Cina su diritti umani e repressione del dissenso.

 

Xi starebbe preparando anche il campo per il 20° Congresso del PCC, che si terrà tra un anno, quando con ogni probabilità otterrà un terzo mandato come segretario generale del Partito e presidente della nazione.

 

Emergono i segni di una lotta di potere intestina al Partito

Per Willy Lam, Xi ha dei problemi interni. Con sempre più evidenza, sostiene il noto sinologo su China Brief, emergono i segni di una lotta di potere intestina al Partito. Nelle mire di Xi ci sarebbero due pesi massimi del regime: l’attuale vice presidente Wang Qishan e l’ex vice presidente Zeng Qinghong.

 

A dimostrazione delle tensioni interne, lo scorso mese la stampa cinese (semi-ufficiale) ha parlato di un complotto «sinistro e infido» ordito da alcuni funzionari dell’apparato politico-legale contro Xi; le autorità hanno cancellato poi gli articoli in questione dal web.

 

Lo scontro tra Xi e le fazioni a lui avverse arriva in un momento di difficoltà economica per la Cina. Il Paese è alle prese con una pericolosa crisi energetica e la possibile bancarotta di Evergrande. La grande compagnia immobiliare ha accumulato un debito di circa 300 miliardi di dollari (258 miliardi di euro) che non riesce a ripagare. Quello del debito è un problema che interessa altri gruppi cinesi e le società d’investimento create dai governi provinciali. A minacciare la ripresa dell’economia nazionale vi è anche il continuo riaffiorare di alcuni focolai di COVID-19 in molte province.

 

Ieri Li Keqiang ha detto che la Cina ha i mezzi adeguati per fronteggiare le attuali sfide economiche. Alla Fiera di Canton (Guangzhou), il premier cinese ha spiegato che anche se la crescita economica ha rallentato nel terzo trimestre, il Paese può ancora raggiungere l’obiettivo di superare il 6% d’incremento del PIL alla fine dell’anno.

 

Xi non viaggia all’estero da più di 630 giorni, preso dalle sfide interne al suo potere, che al momento arrivano però in forma indiretta

Lam fa notare che Xi non viaggia all’estero da più di 630 giorni, preso dalle sfide interne al suo potere, che al momento arrivano però in forma indiretta.

 

Un recente articolo su Caixin, diretto da Hu Shuli, un protetto di Wang Qishan, sembra usare riferimenti a una ricetta culinaria per criticare il «cocciuto conservatorismo» del presidente e la sua incapacità di stabilire buoni rapporti con l’Occidente.

 

Fino a poco tempo fa Wang era considerato uno stretto alleato di Xi. Lo scenario è cambiato con l’arresto di alcune persone della sua cerchia.

 

Lo scorso anno è stato il turno del magnate Ren Zhiqiang, condannato a 18 anni per corruzione. Membro della fazione dei «principini», gli eredi dei primi rivoluzionari del Partito, Ren aveva dato a Xi del «clown che si pensa imperatore», pur senza nominarlo in modo diretto.

 

L’ala pro-mercato del PCC avrebbe preso di mira la sua dottrina della «comune prosperità»: il tentativo di obbligare i grandi gruppi industriali (privati) a condividere la loro crescente ricchezza con gli strati meno privilegiati della popolazione

A settembre la polizia ha arrestato Chen Feng, presidente del conglomerato HNA Group, una delle diverse compagnie che secondo Lam sono legate a Wang e che il governo ha penalizzato nell’ultimo periodo. Con l’accusa di aver intascato tangenti, ad aprile la Procura generale del popolo ha incriminato anche Dong Hon, stretto collaboratore di Wang.

 

Come Wang, Zeng Qinghong ha forti interessi nel settore finanziario del Paese, sottolinea Lam. Un leader della fazione di Shanghai, espressione dell’ex presidente Jiang Zemin, Zeng è visto come un protettore di grandi gruppi come Fantasia Holding e Huarong. Il primo è guidato da sua nipote ed è sull’orlo della bancarotta; per i guai finanziari di Fantasia, Zeng Baobao ha dato la colpa alle politiche del Partito.

 

L’associazione di Zeng con Huarong è ancora più pesante. Lai Xiaomin, ex presidente della compagnia statale, è stato arrestato alla fine dello scorso anno, per poi essere condannato e giustiziato in gennaio. Era accusato di aver intascato tangenti per 1,8 miliardi di yuan (240 milioni di euro) e di slealtà verso il Partito.

 

C’è un altro problema per Xi. L’ala pro-mercato del PCC avrebbe preso di mira la sua dottrina della «comune prosperità»: il tentativo di obbligare i grandi gruppi industriali (privati) a condividere la loro crescente ricchezza con gli strati meno privilegiati della popolazione.

 

Anche il possibile salvataggio pubblico di Evergrande rientrerebbe nella battaglia politica interna al Partito. La vicinanza di Xu Jiayin, fondatore del gruppo immobiliare del Guangdong, con la Gioventù comunista lo rende meno probabile. Sin da quando è diventato presidente nel 2013, Xi ha emarginato la potente fazione del Partito, legata al suo predecessore Hu Jintao e al premier Li Keqiang.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Cina

In Svizzera, contatti ad alto livello fra Cina e USA

Pubblicato

il

Da

 

Il South China Morning Post ha rivelato che in Svizzera ci sono stati contatti ad alto livello fra Cina e Russia (1).

 

Il consigliere nazionale per la Sicurezza USA, Jake Sullivan, ha incontrato Yang Jiechi, ex ambasciatore cinese negli Stati Uniti e attuale capo della diplomazia del Partito Comunista.

 

I due alti dirigenti hanno discusso di come migliorare le relazioni tra i rispettivi Paesi.

 

L’incontro ha fatto seguito alla presentazione al Centre for Strategic and International Studies, da parte di Katherine Tai, della politica commerciale di Washington verso la Cina.

 

La rappresentante del presidente Biden per il Commercio ha sottolineato come tutto debba ancora essere negoziato. Il rialzo dei diritti d’importazione USA non ha infatti piegato Beijing.

 

Durante l’incontro di sei ore i toni della discussione tra i due Grandi si sono addolciti, ma non ci sono avanzamenti concreti da registrare.

 

 

NOTE

1)«China, US eye further talks with Yang Jiechi set to meet Jake Sullivan» , Catherine Wrong, South China Morning Post, 5 ottobre 2021.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «In Svizzera, contatti ad alto livello fra Cina e USA», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari