Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

La Turchia di Erdogan, dalla Hagia Sophia alle rive di Tripoli e oltre

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha chiaramente deciso di lanciare un’offensiva su più fronti, approfittando di quello che chiaramente percepisce come un vuoto geopolitico. Dalla sua recente chiamata alla preghiera islamica presso la Basilica di Santa Sofia a Istanbul, alla sua rottura dell’embargo sulle armi per sostenere il regime di Tripoli contro l’avanzata dell’Esercito nazionale libico del generale Khalifa Haftar in Oriente, dalla continua presenza militare in Siria al rifiuto di fermare le trivellazioni di petrolio e gas nelle acque al largo di Cipro, così come azioni in Africa, Erdogan è chiaramente in una modalità aggressiva.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha chiaramente deciso di lanciare un’offensiva su più fronti, approfittando di quello che chiaramente percepisce come un vuoto geopolitico

 

C’è una strategia più ampia dietro tutto questo, molto più che un diversivo dai problemi economici interni turchi?

 

 

 

 

Nelle ultime settimane il governo Erdogan ha compiuto mosse aggressive su più fronti che hanno portato molti a mettere in discussione i propri obiettivi generali. In Libia, la Turchia di Erdogan si è mossa coraggiosamente per dare armi, soldati e altro sostegno al governo libico di intesa nazionale (GNA) assediato a Tripoli di Fayez Mustafa al-Sarraj.

 

Erdogan è chiaramente in una modalità aggressiva

Nel dicembre 2019, Erdogan ha firmato un patto di cooperazione militare con il governo di Tripoli, riconosciuto dalle Nazioni Unite e altamente instabile, per contrastare l’offensiva montata dall’esercito nazionale libico del generale Haftar, con sede nella zona ricca di petrolio della Libia orientale.

 

Il 7 giugno il Cirkin, un cargo battente bandiera della Tanzania, è salpato dalla Turchia al porto libico di Misurata. Vi si unirono tre navi da guerra turche, portando la Francia e altri a credere che stesse contrabbandando armi a Tripoli per combattere Haftar, una violazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite.

C’è una strategia più ampia dietro tutto questo, molto più che un diversivo dai problemi economici interni turchi?

 

Quando un elicottero greco (NATO) ha cercato di salire a bordo di Cirkin per verificare se le armi fossero contrabbandate, le navi da guerra turche hanno rifiutato, portando una fregata francese (NATO), Courbet, parte di un’operazione di sicurezza marittima della NATO, ad avvicinarsi al Cirkin.

 

Il radar della nave da guerra turca ha illuminato immediatamente la Courbet con il suo radar di mira costringendo la  Courbet a ritirarsi e il Cirkin sbarcò in Libia. La Francia ha presentato una denuncia ufficiale alla NATO riguardo alle azioni ostili turche (NATO). I dettagli rimangono oscuri e le probabilità sono che la NATO cercherà di mantenere le cose tranquille piuttosto che forzare una rottura all’interno dell’alleanza.

 

È significativo notare che la mossa militare di Haftar su Tripoli per porre fine alla divisione del paese è sostenuta da Russia, Emirati Arabi Uniti e Giordania. Dopo la serie di destabilizzazioni avviate dagli Stati Uniti dall’Egitto alla Tunisia alla Libia e, finora senza successo, in Siria, la Libia è stata devastata dalle guerre tribali in seguito all’assassinio di Muammar al-Gheddafi nell’ottobre 2011.

 

L’ultima mossa turca di maggio ha consentito al GNA e alle truppe sostenute dalla Turchia di distruggere le difese aeree dell’LNA nella base aerea di Watiya, inclusa una batteria russa Pantsir-1 con il supporto delle truppe turche, per prendere il controllo della base chiave. Quando la Russia avrebbe trasferito sei aerei da guerra dalla Siria alla Libia in risposta, Erdogan minacciò di portare aerei da guerra dell’aeronautica turca per bombardare le truppe di Haftar.

 

Allo stesso tempo Erdogan ha negoziato con l’Algeria per firmare un patto di difesa con il governo libico di intesa nazionale (GNA) a Tripoli

Allo stesso tempo Erdogan ha negoziato con l’Algeria per firmare un patto di difesa con il governo libico di intesa nazionale (GNA) a Tripoli.

 

Il controllo del GNA di al-Watiya non solo pone fine all’uso da parte di Haftar della struttura per organizzare incursioni aeree sulle forze del GNA a Tripoli. Fornisce inoltre alla Turchia una base strategica per costruire una presenza militare in Libia.

 

Il neoeletto presidente algerino Abdelmadjid Tebboune, a differenza del suo predecessore, dipende in modo significativo dal sostegno non ufficiale dei Fratelli Musulmani algerini. Manifestazioni di massa nel 2019 hanno costretto il presidente anti-Fratelli Musulmani, Abdelaziz Bouteflika, a dimettersi.

 

Il neoeletto presidente algerino Abdelmadjid Tebboune, a differenza del suo predecessore, dipende in modo significativo dal sostegno non ufficiale dei Fratelli Musulmani algerini

Un altro alleato chiave di Erdogan nella regione è il Qatar, che è stato sanzionato dall’Arabia Saudita e da altri stati sunniti del Golfo per il sostegno del Qatar ai Fratelli Musulmani.

 

La tv qatarina al-Jazeera è stata definita la portavoce dei Fratelli Musulmani. Nel fine settimana del 18 luglio, il ministro della Difesa di Erdogan Hulusi Akar ha incontrato l’emiro del Qatar, il principe Tamim Bin Hamad Al Thani.

 

Secondo quanto riferito, hanno discusso lo spostamento di combattenti jihadisti somali, addestrati in basi in Qatar, in Libia per prendere parte a un grande assalto turco pianificato a Sirte. Un recente rapporto del Pentagono ha stimato che la Turchia ha già inviato tra 3.500 e 3.800 combattenti jihadisti pagati in Libia dalla Siria per rafforzare l’esercito del GNA.

Un altro alleato chiave di Erdogan nella regione è il Qatar, che è stato sanzionato dall’Arabia Saudita e da altri stati sunniti del Golfo per il sostegno del Qatar ai Fratelli Musulmani.

 

L’israeliano Debka.com rileva l’importanza delle mosse militari turche con Tripoli e l’Algeria: «Se Erdogan riuscirà a imbrigliare l’Algeria al GNA libico, che è già legato al carro turco, potrà spostare gli equilibri di potere in una regione ampia e volatile. I suoi guadagni militari in Libia lo portano già in una posizione tale da avere un impatto sulla sicurezza dei suoi vicini nordafricani – non ultimo l’Egitto – così come sulla navigazione nel Mediterraneo tra quel continente e l’Europa meridionale e sui progetti petroliferi offshore nel mezzo».

 

 

Erdogan e i Fratelli Musulmani

Gran parte della recente strategia di alleanza del regime di Erdogan da quando la Turchia ha interrotto le sue relazioni pacifiche con la vicina Siria nel 2011 e ha iniziato a sostenere vari gruppi terroristici legati ad Al Qaeda per rovesciare il regime di Assad, ha più senso quando i legami di Erdogan con o molto riservati Fratelli Musulmani sono compresi.

Un recente rapporto del Pentagono ha stimato che la Turchia ha già inviato tra 3.500 e 3.800 combattenti jihadisti pagati in Libia dalla Siria per rafforzare l’esercito del GNA

 

In un’intervista a Russia-24 TV a marzo, il presidente siriano Bashar al Assad ha dichiarato apertamente che Erdogan è la Fratellanza Musulmana, che ha messo l’agenda globale di quell’organizzazione terroristica al di sopra di quella del suo stesso paese.

 

Assad ha dichiarato:

 

«A un certo punto, gli Stati Uniti hanno deciso che i governi secolari della regione non erano più in grado di attuare i piani e i ruoli loro assegnati… Hanno deciso di sostituire questi regimi con i regimi dei Fratelli Musulmani che usano la religione per guidare il pubblico… Questo processo di “sostituzione” è iniziato con la cosiddetta Primavera araba. Naturalmente, all’epoca, l’unico paese guidato dai Fratelli Musulmani nella regione era la Turchia, attraverso lo stesso Erdogan e la sua affiliazione alla Fratellanza».

Il presidente siriano Bashar al Assad ha dichiarato apertamente che Erdogan è la Fratellanza Musulmana

 

 

Erdogan aveva salutato apertamente l’ascesa del presidente egiziano dei Fratelli Musulmani Mohamed Morsi, promettendo cinque miliardi in aiuti. Poi un colpo di stato militare appoggiato dai sauditi ha estromesso la Fratellanza e portato al potere il generale Abdel Fattah el-Sisi, con grande dispiacere dell’amministrazione Obama e di Erdogan. Da allora el-Sisi ha imposto un severo divieto all’attivismo dei Fratelli Musulmani in Egitto, giustiziando innumerevoli leader e portando altri in esilio, molti secondo quanto riferito nella Turchia di Erdogan.

 

Anche l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Kuwait, la Giordania e il Bahrain hanno bandito i Fratelli Musulmani, accusandoli di cercare di rovesciare le loro monarchie. Questo crea una massiccia linea di frattura geopolitica in tutto il mondo arabo.

 

Anche l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Kuwait, la Giordania e il Bahrain hanno bandito i Fratelli Musulmani, accusandoli di cercare di rovesciare le loro monarchie. Questo crea una massiccia linea di frattura geopolitica in tutto il mondo arabo

Allo stesso modo, fino alla sua recente cacciata nell’aprile 2019 dopo 20 anni di governo, si diceva che anche il dittatore sudanese, Omar al-Bashir, fosse un membro dei Fratelli Musulmani.

 

Con quei due principali alleati, Egitto e Sudan persi, Erdogan sta chiaramente cercando nuovi fianchi per ampliare la sua influenza e quella della Fratellanza a livello globale.

 

Questo spiega il suo grande sforzo per intervenire in Libia per conto del GNA di Tripoli, sostenuto dai Fratelli Musulmani. Il presidente turco ha già inviato truppe turche in Libia per sostenere Sarraj, insieme a droni, veicoli militari e migliaia di mercenari siriani da Faylak al-Sham (la Legione siriana), un’affiliata dei Fratelli musulmani.

 

 

Con quei due principali alleati, Egitto e Sudan persi, Erdogan sta chiaramente cercando nuovi fianchi per ampliare la sua influenza e quella della Fratellanza a livello globale

Cosa sono i Fratelli Musulmani

La Fratellanza Musulmana è una società segreta di tipo massoneico con una facciata pubblica «amichevole» e un lato interno militare jihadista nascosto.

 

La Fratellanza Musulmana ha ufficialmente rinunciato alla violenza negli anni ’70, ma il loro decreto aveva molte scappatoie.

 

La Fratellanza Musulmana o al-ʾIkḫwān al-Muslimūn, fu creata nell’Egitto governato dai britannici, allora legalmente parte del Califfato ottomano, nel 1928 sulla scia dello sconvolgimento della prima guerra mondiale e dello smembramento dell’Impero Ottomano.

La  società segreta aveva l’unico scopo, non importa quanto difficile e lungo fosse il compito, di ristabilire quel Califfato, di stabilire un nuovo dominio islamico non solo sull’Egitto ma sull’intero mondo musulmano

 

Presumibilmente è stato creato da un oscuro insegnante di scuola musulmana sunnita di nome Hassan Al-Banna. Proprio come l’Ordine dei Gesuiti della Chiesa Cattolica, la Confraternita di Al-Banna si è concentrata su un’educazione speciale della gioventù, presentando al mondo esterno una facciata di carità e buone opere mentre nascondeva un programma interiore mortale e spietato di potere con la forza.

 

Fin quasi dall’inizio, la sua società segreta aveva l’unico scopo, non importa quanto difficile e lungo fosse il compito, di ristabilire quel Califfato, di stabilire un nuovo dominio islamico non solo sull’Egitto ma sull’intero mondo musulmano. L’indottrinamento includeva l’insistenza sull’assoluta obbedienza alla leadership; l’accettazione dell’Islam come sistema totale, come arbitro finale della vita.

 

«Allah è il nostro obiettivo; Il Profeta è il nostro capo; Il Corano è la nostra Costituzione; La jihad è la nostra via; La morte al servizio di Allah è il più alto dei nostri desideri; Allah è grande; Allah è grande». Questo era il Credo dei Fratelli Musulmani stabilito da Al-Banna.

 

In seguito Al-Banna scrisse: «La vittoria può venire solo con la padronanza della “Arte della morte”. La morte di un martire che combatte per l’istituzione del nuovo Califfato è il passo più breve e più facile da questa vita alla vita nell’aldilà».

 

«La vittoria può venire solo con la padronanza della “Arte della morte”. La morte di un martire che combatte per l’istituzione del nuovo Califfato è il passo più breve e più facile da questa vita alla vita nell’aldilà»

La Confraternita di Al-Banna prese contatti precoci con la Germania nazista negli anni ’30. Il braccio militare segreto dei fratelli musulmani, l’Apparato Segreto (al-jihaz al-sirri), in effetti, l’«ufficio degli assassini» era diretto dal fratello di Al-Banna, Abd Al-Rahman Al-Banna.

 

Agenti nazisti vennero dalla Germania in Egitto per aiutare a formare i quadri della Sezione Speciale e fornire anche denaro. Sia i nazisti che Al-Banna condividevano un profondo odio antiebraico e la Jihad o Guerra Santa della Fratellanza era diretta in gran parte agli ebrei in Egitto e Palestina.

 

Hassan Al-Banna ha introdotto l’idea di un tipo speciale di culto della morte all’interno dell’Islam.

 

Hassan Al-Banna ha introdotto l’idea di un tipo speciale di culto della morte all’interno dell’Islam

Questo aspetto della Fratellanza è diventato la fonte più tardi negli anni ’90 e in seguito, per quasi tutte le organizzazioni terroristiche islamiche sunnite, con la diffusione del jihadismo salafita e dei gruppi islamici radicali come Al Qaeda o Hamas.

 

Per molti aspetti, il culto della morte islamica sunnita di Al-Banna fu una rinascita del culto assassino omicida o hashshāshīn islamico durante le Sante Crociate nel XII secolo. Al-Banna l’ha definita «l’Arte della Morte» (fann al-mawt) o «La morte è Arte» (al-mawt fann).

 

Ha predicato ai suoi seguaci che era una sorta di santo martirio da onorare devotamente, che era basato sul Corano.

Durante la seconda guerra mondiale personalità di spicco della Fratellanza Musulmana vissero a Berlino e lavorarono direttamente con il capo delle SS Himmler

 

Durante la seconda guerra mondiale personalità di spicco della Fratellanza Musulmana vissero a Berlino e lavorarono direttamente con il capo delle SS Himmler per creare brigate terroristiche per giustiziare ebrei e altri nemici del Reich.

 

Negli anni ’50, dopo la guerra, la CIA «scoprì» l’effettivo fervore anticomunista della Fratellanza e iniziò una collaborazione pluridecennale, inizialmente sostenuta dalla monarchia saudita. Si diceva che Osama bin Laden fosse inizialmente un devoto membro dei Fratelli Musulmani.

 

Questa è l’organizzazione dietro l’agenda militare di Erdogan in Libia e oltre.

 

Negli anni ’50, dopo la guerra, la CIA «scoprì» l’effettivo fervore anticomunista della Fratellanza e iniziò una collaborazione pluridecennale, inizialmente sostenuta dalla monarchia saudita

Si preannuncia male qualsiasi illusione di accordi diplomatici per porre fine alle guerre in Siria, Iraq o Libia e oltre.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Nove milioni di abitanti per Neom, la città del futuro dei sauditi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Mohammed bin Salman ha presentato la fisionomia della metropoli che i sauditi stanno costruendo dal nulla sul Mar Rosso. Una linea di edifici a specchio lunga 170 chilometri e larga 200 metri, per eliminare auto ed emissioni. Intanto il principe torna per la prima volta in Europa dopo l’omicidio Khashoggi.

 

 

Nove milioni di abitanti su una superficie di appena 34 chilometri quadrati. Tutti in una città senza auto, strade ed emissioni, costruita come un’immensa linea di edifici alti 500 metri lunga 170 chilometri e larga appena 200 metri che si estenderà dalle montagne dell’Arabia Saudita fino alle rive del Mar Rosso. Un luogo costruito ex novo nel deserto dove tutto dovrà essere ecosostenibile e raggiungibile a piedi in 5 minuti, ma anche con la possibilità di spostarsi da un estremo all’altro in 20 minuti su un treno ad alta velocità.

 

Nel quadro economico incerto di oggi il principe saudita Mohammed bin Salman è tornato in queste ore a rilanciare in grande stile il progetto di Neom, l’avveniristica città in costruzione nel nord dell’Arabia Saudita su cui si gioca molto della «Vision 2030», il suo programma di ammodernamento del Paese in aperta concorrenza con le metropoli del Golfo nell’attrarre investimenti.

 

Non a caso – accanto al consueto corredo di immagini futuristiche e promesse di svolte sostenibili – il dato più interessante nella nuova presentazione di Mohammed bin Salman è l’annuncio che questo progetto da 500 milioni di dollari, che nella sua fase iniziale finora era stato finanziato solo dal Fondo sovrano saudita, si prepara ad andare in borsa. La quotazione sul listino è prevista nel 2024 e l’ambizione dichiarata è quella di utilizzarlo come volano per far entrare quella saudita tra le prime tre piazze finanziarie mondiali.

 

La prima fase della costruzione di Neom dovrebbe essere terminata nel 2026. Secondo il principe saudita dovrebbe avere tra 1,5 e i 2 milioni di abitanti nel 2030, per arrivare nel 2045 a 9 milioni («più di Abu Dhabi» ha tenuto a precisare).

 

Intanto – dopo la recente visita in Arabia Saudita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden – in queste ore Mohammed bin Salman sta compiendo il suo primo viaggio in Europa dopo le accuse sul suo coinvolgimento nell’uccisione nel 2018 a Istanbul del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi.

 

Oggi ha incontrato ad Atene il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis con cui ha firmato accordi sui temi della difesa, degli investimenti sauditi nel Paese e sulla cooperazione scientifica.

 

Dopo la prima tappa in Grecia e poi atteso a Parigi dove incontrerà il presidente francese Emmanuel Macron. Sul tavolo c’è sempre la richiesta dell’aumento della produzione di petrolio per compensare il blocco all’export russo legato alla guerra in Ucraina.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

L’Ucraina torna a colpire i suoi ponti

Pubblicato

il

Da

L’Ucraina ha apparentemente rinnovato i suoi tentativi di distruggere il ponte Antonovsky strategicamente importante sul fiume Dnepr, secondo fonti di entrambe le parti del conflitto.

 

L’ultimo attacco notturno ha colpito l’attrezzatura portata sul sito per riparare i danni causati dai precedenti attacchi di artiglieria, tra cui una baracca temporanea e una betoniera, ha detto lunedì il governo locale a TASS.

 

Kirill Stremousov, vice capo dell’amministrazione Kherson, ha affermato che l’incidente «non è niente di terribile», ma probabilmente ritarderà la prevista riapertura del ponte al traffico, prevista per mercoledì.

 

I media ucraini hanno riferito di attacchi di artiglieria durante la notte al ponte da parte delle truppe di Kiev, con alcuni che suggeriscono che siano stati utilizzati sistemi di missili a lancio multiplo HIMARS forniti dagli Stati Uniti.

 

Le immagini che si presume siano state scattate durante il bombardamento mostrano un grande incendio contro la massiccia struttura con il fumo che si alza nel cielo.

 

Il ponte Antonovsky è un collegamento strategicamente importante tra la città di Kherson controllata dalla Russia e il resto dell’Ucraina meridionale. Le forze di Kiev lo hanno danneggiato due settimane fa in un simile attacco notturno, costringendo le autorità cittadine a chiudere il ponte a tutto il traffico.

 

Un traghetto attraverso il Dnepr è stato organizzato vicino al ponte per compensare la sospensione.

 

Kherson, dove si attestano le truppe russe e filorusse e dove alla popolazione è già offerto il passaporto della Federazione Russa, è praticamente l’ultima grande città dell’Ucraina meridionale prima di Odessa, città di storia e di lingua russa che al momento è stata per lo più risparmiata dai combattimenti.

 

A Kherson, come in altri luoghi presi da Mosca, si terrà un referendum per la riannessione con la Russia, nel solco di quel che si vide nel 2014 in Crimea.

 

L’entrata dei russi a Odessa prefigurerebbe forse anche un attacco da Ovest: combattenti russi della Transnistria entrerebbero in Ucraina anche da quel versante.

 

L’entrata in guerra della Transnistria, zona russa incistata nel territorio moldavo, riaprirebbe altri equilibri – per esempio l’annessione della Moldavia con la Romania, che la farebbe entrare immediatamente in Europa e nella NATO.

 

Oltre ai punti, l’Ucraina sembra aver favorito l’attacco sui suoi civili utilizzandoli come scudi umani, dice un recente rapporto Amnesty International che ha scatenato le ire del regime Zelens’kyj.

 

 

 

 

 

Immagine da Telegram, modificata

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

I cinesi ammettono: le esercitazioni servono per simulare l’invasione di Taiwan

Pubblicato

il

Da

L’Esercito Popolare di Liberazione cinese (EPL), con le sue esercitazioni intorno a Taiwan, sta esercitandosi per capire come fare qualora fosse presa la decisione di eseguire piani di battaglia per un’occupazione militare di Taiwan.

 

Ieri il comando del teatro orientale del EPL  ha riferito che gli aerei da combattimento della Repubblica Popolare si stavano avvicinando abbastanza a Taiwan da dove i piloti potevano vedere la catena montuosa centrale dell’isola anche in caso di maltempo, ha riferito la testata in lingua inglese del Partito Comunista Cinese, Global Times.

 

«Oggi, a me e ai miei compagni d’armi è stato ordinato di condurre una missione di deterrenza ravvicinata, in cui abbiamo osservato la costa e la catena montuosa centrale dell’isola di Taiwan nel raggio visivo» ha detto Hou Hong, un pilota in una brigata collegata al Comando Aereo del Teatro Orientale EPL  che ha partecipato alle esercitazioni.

 

«Continueremo a migliorare la nostra preparazione al combattimento in modo da poter affrontare tutti i tipi di crisi», ha aggiunto il pilota.

 

Il video trasmesso dalla CCTV mostrava i caccia Su-30 e J-16, nonché un bombardiere H-6K che partecipavano alle esercitazioni.

 

In mare, il 5 agosto più di 10 cacciatorpediniere e fregate della marina del comando del teatro orientale dell’EPL hanno condotto operazioni di blocco da diverse direzioni che circondano l’isola il 5 agosto, durante le quali le navi hanno anche praticato corsi di addestramento realistici e orientati al combattimento, tra cui attacco terrestre, offesa completa e difesa, nonché missioni congiunte anti-sottomarino durante il giorno e la notte, ha riferito la CCTV.

 

Il ministero della Difesa di Taiwan ha contato ieri un record di 68 aerei EPL nella zona di identificazione della difesa aerea autodichiarata (ADIZ) dell’isola, insieme a 13 navi della Marina EPL, ha riferito la piattaforma Taiwan News.

 

Inoltre, molti di questi aerei e navi hanno attraversato la linea mediana e «hanno gravemente deteriorato l’attuale situazione nello Stretto di Taiwan», si legge nella dichiarazione del ministero della Difesa di Taipei, secondo Taiwan News.

 

Funzionari di Taiwan hanno affermato oggi che aerei e navi da guerra cinesi hanno provato un attacco a Taiwan.

 

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che diverse navi e aerei cinesi hanno condotto missioni nello Stretto di Taiwan, ha riferito Reuters.

 

Le navi da guerra e gli aerei cinesi hanno continuato a «premere» sulla linea mediana dello Stretto di Taiwan nel pomeriggio del 6 agosto, ha detto «una persona che ha familiarità con la pianificazione della sicurezza». Fonti di Reuters hanno aggiunto che le navi da guerra e i droni cinesi hanno simulato attacchi alle navi da guerra statunitensi e giapponesi al largo della costa orientale di Taiwan e vicino alle isole giapponesi.

 

Da parte sua, l’esercito di Taiwan ha trasmesso allarmi e ha schierato forze di pattugliamento e navi di ricognizione aerea per monitorare le manovre dell’EPL, e ha messo in stand-by missili a terra e ha sparato razzi alla fine del 5 agosto per mettere in guardia sette droni che sorvolavano il suo Isole Kinmen e aerei non identificati che sorvolano le sue isole Matsu.

 

Entrambi i gruppi di isole sono vicini alla costa della Cina continentale.

 

Missili cinesi erano caduti in settimana vicino all’isola di Formosa, allertando anche il Giappone. Il cacciatorpediniere americanO USS Benfold è stato inviato attraverso lo stretto di Taiwan il mese scorso.

 

Le attività militari della Repubblica Popolare Cinese intorno a Taiwan possono divenire un blocco navale di fatto che potrebbe danneggiare tremendamente il commercio mondiale.  Taiwan, come noto, è Paese leader al mondo per la produzione di semiconduttori – cioè i microchip necessari ora ad ogni comparto dell’economia.

 

Finora, Formosa è stata protetta dal cosiddetto «scudo dei microchip», ossia la deterrenza di questa produzione industriale rispetto agli appetiti cinesi, che ancora non hanno capito come replicare le capacità tecnologiche di Taipei. Tuttavia, la guerra in Europa Orientale, facendo mancare materie prime necessarie alla produzione di chip come palladio e neon (che provengono da Russia e Ucraina), potrebbe mettere in discussione tale scudo. La Cina, tuttavia, sta accelerando per arrivare all’autonomia tecnologica sui semiconduttori, così da dissolvere una volta per tutte lo scudo dei microchip taiwanese.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’invasione di Taiwan è stata praticamente annunciata da Xi in un discorso per il centenario del Partito Comunista Cinese. In un incidente assai bizzarro, una TV di Taiwan quattro mesi fa ha annunciato per isbaglio un attacco cinese. Poi si è scusata.

 

Secondo alcuni, la Cina invaderà prima del 2025. Altri parlano del 2027.

 

La questione degli sconfinamenti di caccia cinesi non è nuova, tuttavia mai si era arrivati a questa distanza ravvicinata.

 

Ricordiamo  il discorso di un editorialista della Cina comunista davanti al ministero della Difesa taiwanese offeso per l’episodio di fine febbraio in cui 9 jet del EPL erano entrati brevemente nello spazio aereo di Taiwan.

 

«Abituatevi», disse.

 

 

 

 

Immagine di Mil.ru. via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari