Connettiti con Renovato 21

Bioetica

La pretesa eticità della vaccinazione obbligatoria COVID secondo l’OMS: parere del CIEB

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

 

Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina

Parere sul documento dell’OMS del 30 maggio 2022 concernente la pretesa eticità della vaccinazione obbligatoria anti-Covid

 

 

 

 

Mentre i media continuano a manipolare l’opinione pubblica alternando emergenze strategiche, climatiche e alimentari a presunte crisi sanitarie dai nomi sempre più fantasiosi (vaiolo delle scimmie, morbillo del tricheco), le organizzazioni internazionali che dovrebbero perseguire pace, benessere e prosperità non cessano di attentare alla sicurezza degli italiani nelle sue diverse declinazioni.

 

Con particolare riferimento all’ambito sanitario, oggetto della specifica competenza del CIEB, può qui ricordarsi la raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 7 dicembre 2018, intitolata al «rafforzamento della cooperazione nella lotta contro le malattie prevenibili da vaccino». (1)

 

La raccomandazione equipara qualsiasi malattia prevenibile mediante vaccino ai «grandi flagelli» e, muovendo da questa singolare premessa, invita gli Stati a elaborare e attuare piani di vaccinazione che comprendano non solo l’elaborazione di «informazioni elettroniche sullo stato vaccinale dei cittadini», ma anche «un approccio alla vaccinazione sull’intero arco della vita», nonché la possibilità «di investire nella ricerca nelle scienze comportamentali e … sui fattori determinanti dell’esitazione vaccinale in diversi sottogruppi della popolazione» (dove per «esitazione vaccinale» deve intendersi la sfiducia del pubblico verso i vaccini).

 

Adottata in tempi non sospetti allo scopo di preparare il terreno a quel «biopandemismo» che l’emergenza COVID ha in seguito ampiamente disvelato, e che il CIEB ha denunciato in un suo parere (2), la raccomandazione europea viene in rilievo anche per la tecnica da essa utilizzata, volta a legittimare decisioni politiche lesive di diritti e libertà individuali mediante «spinte gentili» ispirate ai principi dell’economia comportamentale e recepite in strumenti di soft law.

 

Questa tecnica è ora fatta propria anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mediante il documento adottato il 30 maggio 2022 e intitolato «COVID-19 and mandatory vaccination: Ethical considerations» (3), documento che taluni circoli già presentano come una sorta di linea-guida inevitabilmente destinata a ispirare i futuri pronunciamenti etico-giuridici in materia, con particolare riferimento all’attesa sentenza della Consulta concernente la legittimità costituzionale dell’obbligo cosiddetto vaccinale.

 

Redatto con ogni evidenza sulla scorta dell’esperienza italiana degli ultimi due anni, oltreché a misura della normativa europea che ha autorizzato in via condizionata e provvisoria l’immissione in commercio dei cosiddetti vaccini anti-COVID, il documento dell’OMS appare tanto banale e fuorviante quanto inquietante: banale e fuorviante perché muove dal falso assunto che l’obbligo vaccinale persegue interessi generali alla stregua delle norme che in diversi Paesi impongono agli automobilisti di indossare la cintura di sicurezza o agli ipovedenti di guidare utilizzando lenti correttive, posto che indossare la cintura di sicurezza o gli occhiali da vista non comporta rischi significativi per la salute dei soggetti obbligati («in many parts of the world, people are required to wear seatbelts, motorists with poor visual acuity are required to wear corrective lenses»); inquietante perché giustifica l’introduzione dell’obbligo vaccinale nel caso in cui le «preoccupazioni» dei soggetti che scelgono di non vaccinarsi si rivelino d’ostacolo al completamento della campagna vaccinale, posto che siffatte preoccupazioni discendono legittimamente da dati sanitari oggettivi e rilevabili dalla letteratura scientifica e da database medici internazionali («If addressing such concerns is ineffective, and those concerns remain a barrier to the achievement of important objectives … a mandate may be considered necessary»).

 

Ma le criticità del documento dell’OMS non si fermano qui. Singolari appaiono infatti i passaggi del documento relativi:

 

  • alla pretesa correlazione tra i soggetti che possono, ma non vogliono, vaccinarsi e l’aumento del rischio di danni da COVID («if a substantial portion of individuals are able but unwilling to be vaccinated and this is likely to result in significant risks of COVID-19-related harms»), correlazione smentita da copiose evidenze scientifiche in grado di attestare che i cosiddetti vaccini attualmente in commercio non proteggono dal contagio delle varianti del virus SARS- CoV-2 in circolazione (4) e che, in ogni caso, l’efficacia di tali vaccini diminuisce rapidamente nel tempo (5);

 

  • al valore salvifico dei cosiddetti vaccini anti-COVID, ricostruito sulla base di studi clinici sempre più contestati e controversi e di una vigilanza attiva asserita, ma mai effettuata («Evidence generated from clinical trials and real-world use has demonstrated that authorized COVID-19 vaccines meet this condition of safety»), pur a fronte della inesistenza – riconosciuta dallo stesso documento – di evidenze scientifiche in grado di provare al di là di ogni ragionevole dubbio la capacità dei vaccini in questione di limitare la trasmissione del virus SARS-CoV-2 («authorized COVID-19 vaccines have been shown to be safe and highly effective in preventing severe disease, hospitalization and death, and there is some evidence that being vaccinated will make it less likely to become infected and pass the virus on to others»);

 

  • alla strumentalizzazione del principio di precauzione che, mediante una costruzione semantica fuorviante e ingannevole, viene arbitrariamente asservito all’obbligo vaccinale («while an obligation exists to ground decisions about vaccination mandates in the best available evidence, a lack of full certainty regarding the ineffectiveness of other measures should not necessarily preclude the use of vaccination mandates, if there is reason to believe they would be effective at averting significant harm»);

 

  • al tentativo di istituzionalizzare il controllo dell’informazione al fine di sopprimere il dissenso e l’autonomia individuale, bollati come comportamenti da governare e non come valori da alimentare in una società democratica e pluralista («There should, however, be strict scientific and prudential limits to appeals for accommodation or “conscientious objection”, especially when such accommodation might be used by individuals to ‘free ride’ the public health good of community protection» e ancora «Finally, it should be acknowledged that those opposed to the use of vaccination mandates may take advantage of social dissent even when the use of a mandate is ethically justified, which may impact social and community cohesion»);

 

  • al tentativo di sostituire con accordi di compensazione economica di natura forfettaria il ricorso alle garanzie giurisdizionali preposte all’accertamento delle responsabilità civili e penali eventualmente derivanti dai danni collegati o conseguenti alla vaccinazione obbligatoria («mandatory vaccination should be implemented with no-fault compensation schemes to address any vaccine-related harm that might occur. This is important because it would be unfair to require people to seek legal remedy from harm resulting from a mandatory intervention»).

 

Quest’ultimo passaggio in particolare, barattando la salute individuale col denaro, avalla una logica mercificatrice dei diritti e della dignità dell’essere umano che, da sola, basta a smentire la pretesa valenza «etica» del documento dell’OMS.

 

Evidentemente lo scopo del documento è un altro.

 

Come conferma la pervicacia con cui l’OMS si ostina ad ignorare uno dei principi basilari dell’epidemiologia, ossia che la vaccinazione durante una fase epidemica produce l’effetto di incrementare le varianti del virus, lo scopo del documento è quello di favorire l’applicazione elastica dell’obbligo vaccinale a future esigenze e/o emergenze politico-sanitarie, coerentemente con la vaghezza e la genericità delle affermazioni in esso contenute («Consequently, … considerations identified above are described generally so that they can be applied at any point in time and in any context»): ciò che potrebbe indurre taluni a ritenere maliziosamente che la volontà dell’OMS si indirizzi di fatto nel senso di favorire, e non di ostacolare, la diffusione del virus SARS-CoV-2.

 

Sulla scorta di quanto rilevato, il CIEB non può fare a meno di osservare che l’intero documento dell’OMS avrebbe potuto essere utilmente riassunto nella constatazione riportata a pag. 4 dello stesso, secondo cui «No vaccine is perfect».

 

Parafrasando la celebre battuta finale di una altrettanto celebre commedia hollywoodiana (6), una siffatta constatazione da una parte avrebbe contribuito a non esacerbare gli animi degli italiani che da più di due anni sopportano le restrizioni imposte in forza della cosiddetta emergenza sanitaria e, dall’altra, avrebbe offerto prova della residua onestà intellettuale di una organizzazione – quale è l’OMS – che beneficia largamente di finanziamenti erogati dagli stessi soggetti coinvolti nella progettazione, produzione, distribuzione e commercializzazione dei cosiddetti vaccini anti-COVID, nonché nel sostegno politico-mediatico fornito alla cosiddetta campagna vaccinale (7).

 

Così non è stato. Pertanto, il CIEB ritiene necessario sollecitare ancora una volta l’opinione pubblica a:

 

1) prendere coscienza della strategia pianificata da organizzazioni internazionali quali l’OMS e l’Unione europea, nonché dal Governo in carica, al fine di espropriare i cittadini dei loro diritti e delle loro libertà fondamentali mediante il ricorso sistematico a stati d’emergenza di natura diversa, secondo il metodo del biopandemismo;

 

2) valutare i mezzi più idonei per fronteggiare la deriva autoritaria in corso, tenuto anche conto della possibilità, da più parti ventilata, che le elezioni politiche previste per il 2023 vengano procrastinate sine die a causa del conflitto armato in cui il Governo sta trascinando il Paese.

 

 

CIEB

 

13 giugno 2022

 

NOTE

1) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 28 dicembre 2018, n. C-446, pag. 1 e ss.

 

2) Cfr. il Parere (n. 7) sul ruolo della Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 7 dicembre 2018 nel quadro della gestione dell’emergenza COVID.

 

3) Cfr. https://www.who.int/publications-detail-redirect/WHO-2019-nCoV-Policy-brief-Mandatory-vaccination-2022.1.

 

4) Cfr. D. W. Eyre et al., Effect of Covid-19 Vaccination on Transmission of Alpha and Delta Variants, in N. Engl. J. Med., 2022, 386, 744- 756 doi: 10.1056/NEJMoa2116597, nonché O.T. Ng., et al., Impact of Delta Variant and Vaccination on SARS-CoV-2 Secondary Attack Rate Among Household Close Contacts, in The Lancet Regional Health – Western Pacific, 2021, 17, 100299, doi.org/10.1016/j.lanwpc.2021.100299.

 

5) Cfr. N. Andrews et al., Covid-19 Vaccine Effectiveness against the Omicron (B.1.1.529) Variant, in N. Engl. J. Med., 2022, 386, 1532- 1546, doi: 10.1056/NEJMoa2119451, nonché S. Y. Tartof et al., Effectiveness of mRNA BNT162b2 COVID-19 vaccine up to 6 months in a large integrated health system in the USA: a retrospective cohort study, in Lancet, 2021, 398, 1407-1416.

 

6) Il riferimento è al film del 1959 Some Like It Hot (A qualcuno piace caldo) di Billy Wilder, con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon.

 

7) Cfr. https://ilbolive.unipd.it/index.php/it/news/chi-finanzia-lorganizzazione-mondiale-sanita.

 

 

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito internet: www.ecsel.org/cieb

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Riesaminare la bioetica dell’«autonomia del corpo»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La parola d’ordine che attraversa la rumorosa controversia sull’abrogazione da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti di Roe v. Wade è «autonomia riproduttiva». Questo concetto è sollevato su un piedistallo come l’ideale liberale per il quale le donne americane dovrebbero lottare.

 

Ma ci sono altri, più sfumati, punti di vista sull’autonomia, visti soprattutto attraverso una lente femminista.

 

In una rivista europea chiamata Medicine, Health Care and PhilosophyJi Young Lee, dell’Università di Copenaghen, sostiene che «questa lettura liberale dell’autonomia riproduttiva ci offre solo una comprensione etica limitata di ciò che è in gioco in molti tipi di scelte riproduttive, in particolare quando si tratta di usi diversi delle tecnologie riproduttive e della riproduzione di terze parti».

 

La studiosa continua affermando:

 

«Plausibilmente, quindi, l’autonomia riproduttiva è una buona cosa – qualcosa a cui sarebbe del tutto ragionevole, se non ideale, aspirare nel processo decisionale riproduttivo. Tuttavia, gli ambienti sociali oppressivi e inegualitari che costituiscono il nostro mondo non ideale complicano il potere eticamente esplicativo di un quadro liberale di autonomia riproduttiva. Questo perché il quadro liberale da solo non coglie completamente la questione di chi beneficia di quali opzioni riproduttive, l’ entità dei rischi e dei danni coinvolti nei vari interventi riproduttivi e le ragioni per il motivo per cui le persone sono spinte a fare determinate scelte riproduttive».

 

«Ritengo che questi fattori costituiscano tre limiti principali del quadro liberale. Questo dovrebbe fornirci ragioni sufficienti per dubitare dello status dell’autonomia riproduttiva liberale come ideale etico prevalente per il processo decisionale riproduttivo».

 

Il modello liberale di autonomia, sostiene, privilegia il libero processo decisionale. Ma una visione più sana, che lei chiama «autonomia relazionale», tiene conto dei costi della decisione e delle ragioni per cui la decisione viene presa. Non basta avere «opzioni»; bisogna anche esaminare il contenuto ei limiti delle opzioni.

 

Usa l’esempio del congelamento degli ovuli, un metodo riproduttivo che consente alle donne di avere una carriera e anche di vivere la maternità. Aziende come Facebook e Apple lo stanno offrendo come vantaggio occupazionale.

 

Ma chi ne beneficia davvero: le donne o l’azienda?

Conclude che i bioeticisti hanno bisogno di «prendere le visioni relazionali dell’autonomia come base di partenza per ulteriori discussioni, e da lì porre domande critiche sulla natura e sul contenuto del processo decisionale riproduttivo che non si basano semplicemente sulle condizioni liberali della scelta».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Gruppi ebraici USA definiscono le restrizioni all’aborto una violazione della loro libertà religiosa

Pubblicato

il

Da

Alcuni gruppi ebraici hanno denunciato il recente rovesciamento della sentenza della Corte Suprema  del 1973 Roe vs. Wade – la legge che assicurava copertura costituzionale all’aborto, assurto quindi a «diritto» federale fruibile in ogni Stato dell’Unione – come una violazione dei loro diritti di libertà religiosa.

 

Alcuni di questi gruppi, riporta Lifesitenews, avrebbero espresso la convinzione che il bambino non nato sia parte del corpo della madre ed è quindi considerabile come una persona umana solo una volta che fatto il suo primo respiro.

 

Venerdì il Women’s Rabbinic Network (WRN) ha rilasciato una dichiarazione affermando che «i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo non vedono un feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«La Torah, la Mishnah e il Talmud, i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo, non vedono il feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«Infatti, la parola anima – neshama – significa anche respiro, perché l’ebraismo insegna che la vita non inizia al concepimento o al battito del cuore, ma con il primo respiro. Pertanto, costringere qualcuno a portare una gravidanza che non desidera o che mette in pericolo la sua vita è una violazione della legge ebraica perché dà la priorità al feto rispetto all’adulto vivo che è incinta» scrive la Rete rabbinica delle donne WRN.

 

«Questo deve essere inteso come una violazione della Costituzione degli Stati Uniti che garantisce la nostra libertà di praticare la nostra religione e anche la nostra libertà dai dettami di altre religioni».

 

«Le persone che hanno il potere fisico di creare, nutrire e dare la vita hanno anche il potere di decidere quando e se è il momento giusto per farlo».

 

In risposta a queste affermazioni, il rabbino ortodosso prolife  Yehuda Levin ha accusato questo movimento, affermando: «È davvero blasfemo, è doppiezza, ed è disonestà (…) E la mia unica domanda è: queste persone che dicono queste cose, che ci credano nel loro cuore o meno, stanno solo dissimulando?»

 

Fornendo una prospettiva più ampia, il conduttore radiofonico conservatore Dennis Prager ha cercato di rispondere brevemente alla domanda «Perché gli ebrei sono di sinistra?» durante una trasmissione del 2013 su C-SPAN.

 

«Quando gli ebrei lasciarono l’ebraismo rimasero religiosi, ma la religione che affermavano tendeva a essere una qualsiasi forma di sinistra piuttosto che l’ebraismo (…) Rifiutavano la religiosità tradizionale, e così accettavano una nuova religiosità laica (…) Gli ebrei prendevano una nuova religione in sostituzione di ebraismo, e questo era, lo chiami, femminismo, ambientalismo, marxismo, socialismo e, per alcuni, anche comunismo».

 

Affrontando un’apparente tendenza di questi numerosi gruppi ebraici a incorporare ideologie secolari nelle loro formulazioni religiose, il rabbino Levin ha dichiarato LifeSiteNews che «queste persone, queste libertà, tentano di scimmiottare ogni valore liberale, o la sua mancanza, e cercano di applicarlo ai valori ebrei, il che è totalmente segno di doppiezza. È totalmente falso».

 

Secondo l’ente statistico Pew Research Center, gli adulti che si identificano come ebrei costituiscono il 2,4% della popolazione adulta negli Stati Uniti e l’83% di questi ritiene che l’uccisione di bambini prenati dovrebbe essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi – una percentuale inferiore solo rispetto a Unitari, atei e agnostici.

 


Il 17 maggio 140 organizzazioni ebraiche,  inclusa  la famosa Anti-Defamation League (ADL), hanno sponsorizzato  quella che hanno chiamato una «Marcia ebraica per la giustizia sull’aborto» affermando che «l’accesso all’aborto è un valore ebraico» e «vietare gli aborti è un questione della libertà religiosa».

 

Non è una soluzione legale nuova.

 

Si tratta del medesimo argomento utilizzato dal gruppo chiamato «The Satanic Temple» («Il Tempo satanico»), che ha ancora una volta spiegato che intende aggirare le conseguenti restrizioni all’aborto attraverso una «esenzione religiosa», considerando l’uccisione dei feti come parte di un credo religioso, quindi tutelato dalla Costituzione USA.

 

 

 

I fan di Lucifero si sono così definiti, con ebbrezza etimologica «il principale faro di luce nella battaglia per l’accesso all’aborto».

 

È proprio così: la luce, per Satana, è il sacrificio umano degli innocenti.

 

 

 

 

 

Immagine di Fibonacci Blue via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

Aborto negli Stati Uniti: l’Europa vuole salvare il soldato Biden

Pubblicato

il

Da

Mentre negli Stati Uniti imperversa la messa in discussione di un presunto diritto all’aborto, dopo la storica decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza Roe vs. Wade, il Parlamento Europeo ha appena votato una mozione di denuncia delle «minacce» contro la salute riproduttiva delle donne d’oltreoceano.

 

 

La vediamo il più delle volte al seguito dello zio Sam, ma quando si tratta di farsi paladina dei valori progressisti, la vecchia Europa non esita a prendere in mano la bacchetta, pronta a dare lezioni contro i conservatori di ogni tipo.

 

Così, l’8 giugno 2022, il Parlamento europeo ha convocato un dibattito evocativo sul tema : «Minacce contro il diritto all’aborto nel mondo: la possibile messa in discussione del diritto all’aborto negli Stati Uniti da parte della Corte Suprema».

 

Nel mirino della censura di Strasburgo: il progetto esaminato dalla più alta corte d’oltre Atlantico, volto a contestare l’attuale giurisprudenza sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) nel Paese a stelle e strisce, e che da allora ha preso corpo dopo la pubblicazione della sentenza Dobbs da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

 

Il quadro per la risoluzione europea è stato redatto dal deputato Predrag Fred Matic – autore del disastroso rapporto omonimo – e da una trentina di parlamentari.

 

Il loro obiettivo: sostenere la politica dell’amministrazione Biden – attualmente in una posizione delicata nell’opinione pubblica americana – invitando l’Unione Europea (UE) e i suoi Stati membri a «iscrivere il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea» (punto 24).

 

Il testo parlamentare non esita a dichiararsi «profondamente preoccupato per le potenziali conseguenze per i diritti delle donne nel mondo, se la Corte Suprema degli Stati Uniti ribaltasse Roe vs. Wade» (paragrafo 16).

 

Non sorprende che la risoluzione sia stata adottata il 9 giugno con 364 voti favorevoli, 154 contrari e 37 astensioni. Gli eurodeputati di Renew (centristi), S&D (sinistra) e The Left (estrema sinistra) hanno votato a favore del testo, mentre il gruppo PPE (destra) è rimasto diviso sulla questione.

 

Gli eurodeputati appartenenti alle formazioni più conservatrici (ECR e ID) hanno votato contro, protestando contro le ingerenze delle istituzioni europee: «Quello che sta succedendo qui è un’enorme irregolarità», ha dichiarato Margarita de la Pisa Carrión, a nome ECR.

 

E per aggiungere contro dei deputati progressisti: «Cosa pretendete di fare? Essere al di sopra della giurisdizione americana? Interferire illegalmente in un sistema legale democratico? È vergognoso e screditante per l’istituzione che rappresentate».

 

Ma non è detto che la risoluzione europea avrà l’effetto migliore: a pochi mesi dalle cruciali elezioni di metà mandato, che Joe Biden al momento non sembra poter vincere, l’ingerenza dei deputati di Strasburgo potrebbe non essere gradita dall’opinione americana, sensibile in materia.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Più popolari