Connettiti con Renovato 21

Economia

La banca centrale russa chiede la messa al bando delle criptovalute

Pubblicato

il

Lo scorso giovedì la Banca Centrale Russa ha chiesto di vietare il mining di criptovalute in Russia a causa dei rischi significativi per la stabilità economica e finanziaria. Lo riporta la testata russa Sputnik.

 

«La Banca di Russia ritiene che l’attuale portata e l’ulteriore diffusione del mining di criptovalute in Russia comportino rischi significativi per l’economia e la stabilità finanziaria», ha affermato il regolatore in un rapporto.

 

La banca ritiene che l’attività mineraria crei un consumo improduttivo di elettricità e metta a repentaglio l’approvvigionamento energetico degli edifici residenziali e delle infrastrutture sociali.

 

«A questo proposito, secondo la Banca di Russia, la soluzione migliore è introdurre un divieto di mining di criptovalute in Russia».

 

«La Banca di Russia ritiene che l’attuale portata e l’ulteriore diffusione del mining di criptovalute in Russia comportino rischi significativi per l’economia e la stabilità finanziaria»

L’acquisizione di criptovalute potrebbe minacciare direttamente il benessere dei cittadini, afferma la Banca centrale di Mosca, aggiungendo che tali investimenti creano rischi per il mercato finanziario.

 

«L’acquisizione di criptovalute da parte dei cittadini rappresenta una minaccia diretta per il loro benessere, non ci sono garanzie sulla restituzione di questi fondi. In caso di distribuzione massiccia di questo tipo di investimento, ciò può portare alla realizzazione di rischi sociali».

 

I rischi per la stabilità finanziaria derivanti dall’uso delle criptovalute sono ancora limitati, ma aumenteranno in modo significativo con un maggiore coinvolgimento dei cittadini, si legge nel rapporto.

 

La Banca Centrale ha anche affermato che ci sono rischi di una bolla nel mercato in crescita delle criptovalute. Ha quindi proposto di vietare l’emissione, l’organizzazione della circolazione e lo scambio di criptovalute in Russia.

 

Le origini del Bitcoin, la prima criptovaluta del mondo, e del suo introvabile creatore, conosciuto con il nome fittizio di Satoshi Nakamoto, sono ancora avvolte nel mistero. Tuttavia, la scalata del valore del Bitcoin pare inarrestabile. John McAfee disse che si sarebbe mangiato le parti intime in diretta TV se il Bitcoin non fosse arrivato a toccare il valore di 1 milione di dollari. Come noto, McAfee è morto in Spagna l’anno scorso mentre era in attesa di estradizione negli USA.

 

«L’acquisizione di criptovalute da parte dei cittadini rappresenta una minaccia diretta per il loro benessere, non ci sono garanzie sulla restituzione di questi fondi. In caso di distribuzione massiccia di questo tipo di investimento, ciò può portare alla realizzazione di rischi sociali»

A metà 2021, era emerso che i Rothschild avevano triplicato le loro riserve di Bitcoin.

 

Peter Thiel, il geniale venture capitalist che fu il primo investitore esterno di Facebook, a inizio dell’anno passato aveva avvertito che il Bitcoin «potrebbe essere un’arma finanziaria cinese contro gli Stati Uniti». Thiel, che aveva sognato la sostituzione del dollaro prima con PayPal poi con spregiudicate scommesse contro il dollaro del suo defunto fondo speculativo Clarium Capital, nel frattempo pare aver cambiato idea, aumentando i suoi investimenti in cripto e parlandone pubblicamente. Thiel ha altresì dichiarato di avere una possibile idea su chi potrebbe essere Satoshi.

 

A inizio della presidenza Biden fu detto che la nuova amministrazione avrebbe attaccato i Bitcoin. Al contempo, un mese fa, il capo della CIA ha dichiarato che l’agenzia di spionaggio sta lavorando con le criptovalute.

 

Contraddizioni e misteri attorno al Bitcoin paiono non finire mai: lo scorso luglio il 41enne romeno Mircea Popescu, una figura nota nel mondo degli investitori Bitcoin e uno dei primi ad adottare la criptovaluta, fu trovato morto annegato in Costa Rica. Avrebbe lasciato circa 2 miliardi di dollari in Bitcoin, che ora potrebbero forse essere persi per sempre.

 

 

Continua a leggere

Economia

75 mila britannici non pagheranno la bolletta per protesta contro i rincari energetici

Pubblicato

il

Da

Più di 75.000 persone nel Regno Unito si sono impegnate a non pagare la bolletta dell’elettricità questo autunno quando i prezzi saliranno nuovamente.

 

«75.000 persone si sono impegnate a scioperare il 1° ottobre! Se il governo e le compagnie energetiche si rifiutano di agire, lo farà la gente comune! Insieme possiamo imporre un prezzo equo e un’energia accessibile per tutti», ha twittato Don’t Pay UK, un gruppo anonimo che guida lo sforzo per far sì che più di un milione di britannici boicottino la bolletta dell’elettricità entro il 1 ottobre.

 

 

Lo sciopero arriva quando lo tsunami inflattivo globale ha colpito anche le famiglie britanniche, i cui redditi sono devastati dai prezzi dell’energia: l’inflazione in Albione dovrebbe raggiungere il 13%, i timori per una recessione sono sempre più concreti nonostante il governatore della Bank of England (BoE) Andrew Bailey ha aumentato i tassi di interesse a livelli mai visti negli ultimi 27 anni.

 

Il 1° ottobre, la famiglia britannica media pagherà quasi 300 sterline al mese per l’elettricità, ha dichiarato la Bank of England.

 

La situazione, reputano alcuni osservatori, è oramai insostenibile. L’instabilità sociale è dietro l’angolo.

 

Il notiziario britannico Glasgow Live ha affermato che questo sciopero della bollette è simile all’ «azione alla fine degli anni ’80 e ’90 per combattere la tassa elettorale introdotta dal primo ministro Margaret Thatcher. Per protesta, 17 milioni di persone si erano  rifiutate di pagare» quel balzello.

 

 

La scorsa settimana, il governo del Regno Unito ha criticato il movimento, definendolo «altamente irresponsabile».

 

«Questo è un messaggio altamente irresponsabile, che alla fine farà solo aumentare i prezzi per tutti gli altri e influenzerà i rating del credito personali», ha citato un portavoce del governo da The Independent.

 

Don’t Pay UK crede che 6,3 milioni di famiglie britanniche saranno spinte nella povertà delle bollette elettriche questo inverno, con altri milioni che sentiranno lo stress di un’inflazione fuori controllo.

 

La gente su Twitter ha risposto al momento dicendo: «la rivoluzione è iniziata».

 


 

 

 

 

Immagine da Twitter

Continua a leggere

Economia

Manovre militari cinesi intorno Taiwan minacciano il commercio mondiale

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Decine di navi costrette a evitare lo Stretto di Taiwan, dove passa quasi il 50% del traffico container mondiale e l’88% delle imbarcazioni di maggiore stazza. Problemi anche per il trasporto aereo. Secondo Tokyo, quattro missili sparati ieri dai cinesi hanno sorvolato la capitale taiwanese.

 

 

Le esercitazioni militari cinesi intorno a Taiwan stanno creando problemi al traffico commerciale globale, come preventivato da molti esperti.

 

Lanciate ieri in riposta alla recente visita nella capitale taiwanese della speaker della Camera USA dei rappresentanti, Nancy Pelosi, le manovre di Pechino hanno di fatto chiuso lo Stretto di Taiwan.

 

Per evitare di incrociare le zone di operazione indicate dal governo cinese, decine di navi di diverso tipo hanno cambiato rotta e sono passate a est di Taiwan, compiendo un percorso più lungo.

 

L’aumento della distanza da coprire insieme a quello dei costi di assicurazione in una situazione di crisi fanno lievitare i prezzi di trasporto, alimentando ancor di più l’inflazione a livello globale. Lo stesso discorso vale per il traffico aereo.

 

Come calcolato da Bloomberg, nei primi sette mesi dell’anno quasi la metà del commercio container mondiale è passato attraverso lo Stretto di Taiwan; il dato per le navi di maggiore stazza è dell’88%.

 

L’interruzione della via di comunicazione marittima minaccia gli stessi interessi cinesi, considerato che gli esportatori in Cina usano in larga parte questo braccio di mare per far arrivare le proprie merci negli Usa e in Europa.

 

Osservatori fanno notare che quanto sta accadendo in questi giorni è solo un assaggio dei problemi che le catene globali di approvvigionamento avranno in caso di una invasione cinese di Taiwan: uno scenario potenzialmente peggiore di quello che si ha con gli effetti della guerra in Ucraina e dei ripetuti lockdown in Cina per il COVID-19.

 

Oggi le operazioni militari cinesi vicino a Taiwan rimangono intense. Decine di navi e aerei da guerra di Pechino hanno oltrepassato la «linea mediana» che informalmente divide lo stretto tra il territorio taiwanese e la Cina.

 

Con ogni probabilità il regime cinese vuole modificare lo status quo degli ultimi decenni: un modo per affermare che lo Stretto di Taiwan è territorio sovrano della Cina e non uno spazio internazionale.

 

Intanto Tokyo sostiene che quattro dei cinque missili balistici sparati ieri dalle Forze armate di Pechino sulla zona economica esclusiva giapponese hanno sorvolato prima Taipei.

 

Sarebbe la prima volta che accade, anche se il ministero cinese degli Esteri non conferma quanto dichiarato dalle autorità nipponiche.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Economia

I G7 vogliono fermare la produzione petrolifera russa

Pubblicato

il

Da

Un’altra folle mossa suicida nella guerra economica contro Mosca

 

In una dichiarazione, i ministri degli Esteri del G7 hanno affermato che stavano valutando «un divieto totale di tutti i servizi che consentono il trasporto di petrolio greggio marittimo russo e prodotti petroliferi a livello globale, a meno che il petrolio non sia acquistato a un prezzo pari o inferiore da concordare in consultazione con i partner internazionali».

 

Questo è l’ultimo sforzo del G7 per attuare la politica proposta per la prima volta dal segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, per limitare il prezzo pagato alla Russia per il suo petrolio.

 

La risposta di Mosca è chiara. Secondo RT, i funzionari russi hanno affermato che avrebbero semplicemente smesso di rifornire i Paesi che aderiscono all’iniziativa. I russi avrebbero anche indicato che se le esportazioni di petrolio diventano non redditizie, il Paese interromperà del tutto la produzione.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Yellen è nel gruppo di vertice che con la Von der Leyen e Mario Draghi ha deciso per l’incredibile blocco delle riserve russe presso le Banche Centrali straniere – si tratterebbe di 300 miliardi di dollari, un atto che il Financial Times, che ha fatto lo scoop tempo dopo, è considerabile come il primo vero atto di guerra economica della storia.

 

La Russia quindi si dice disposta a cessare la produzione di petrolio: sembra incredibile, ma la classe dirigente occidentale che vuol combattere la Russia non ha mai sentito parlare della campagna orientale di Napoleone, che nell’avanzata trovò che il nemico bruciava le sue stesse città per impedire l’invasione dell’imperatore illuminista (cioè, massone) europeo.

 

Nel frattempo, fuori dall’Occidente NATO, gli affari con Mosca prosperano.

 

Secondo Bloomberg, le esportazioni della Svizzera verso la Russia sono aumentate dell’83% nei primi sei mesi dell’anno; soprattutto i componenti dei jet e le turbine a gas sono saliti alle stelle.

 

Le indicazioni indicano che i fornitori di Paesi terzi hanno utilizzato la Svizzera per sfuggire alle sanzioni dell’UE.

 

«Le esportazioni svizzere verso la Russia di turbojet, pompe ad aria e altri macchinari sono aumentate negli ultimi due mesi mentre i produttori si sono dati da fare per evadere gli ordini firmati prima che le sanzioni sull’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca rendessero illegali alcune vendite», riferisce la testata economica americana.

 

«Dopo aver variato da 1 milione di franchi svizzeri (1,04 milioni di dollari) a 2,5 milioni di franchi al mese da gennaio ad aprile, le esportazioni di turbojet, turboeliche e altre turbine a gas sono balzate a 11,2 milioni di franchi a maggio e 5,9 milioni di franchi a giugno».

 

«Le esportazioni totali svizzere verso la Russia, per un valore di 492 milioni di franchi, sono aumentate di circa l’83% a giugno rispetto a gennaio, il mese prima dell’inizio della guerra, il 24 febbraio, trainate principalmente dalle vendite di prodotti farmaceutici, medicinali, diagnostici e sangue».

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari