India, immagine manipolata di Sonia Gandhi alimenta l’odio contro i cristiani

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

 

Diffuso sui social network un fermo immagine della presidente del partito del Congresso, modificato inserendo alle sue spalle un libro su «come convertire l’India in una nazione cristiana». Sajan K. George (Global Council of Indian Christians): «I fondamentalisti cercano di sviare l’attenzione dalla catastrofe del COVID»

.

Un’immagine della presidente del Partito del congresso, Sonia Gandhi, con alle spalle un libro intitolato «Come convertire l’India in una nazione cristiana» ha suscitato scalpore sui social network.

 

«I fondamentalisti indù cercano di sviare l’attenzione dalla catastrofe del COVID»

La foto, rivelatasi un grossolano fotomontaggio, è alla radice dell’ennesima campagna dei gruppi nazionalisti indù per alimentare in rete l’odio contro i cristiani. A diffonderla attraverso un tweet – poi cancellato – è stato l’account «No Conversion» che conta oltre 200mila follower. L’immagine mostra ben in vista sullo scaffale anche una Bibbia e una statua del Sacro Cuore di Gesù, ed è stata accompagnata da una didascalia con la scritta «Chi legge tutti questi libri?».

 

Un ulteriore commento denuncia il Congress per le «conversioni dilaganti e il lavaggio del cervello dei giovani».

 

 

Mentre la fotografia circolava sui social è stata ricostruita la fonte: si tratta di un fotogramma di un video di Sonia Gandhi diffuso sul proprio canale YouTube dal suo partito nell’ottobre 2020. Nel filmato, però, sullo scaffale che fa da sfondo non compaiono né il libro incriminato (dal titolo abbastanza improbabile) né la Bibbia con la statua del Sacro Cuore di Gesù.

 

Sajan K. George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) commenta ad AsiaNews:

 

«Da quando Sonia Gandhi ha assunto la guida del partito del Congresso nel 1998 – conclude Sajan K. George – è stata accusata anche di essere un’agente della CIA o della mafia italiana, accuse oggi estese anche a suo figlio Rahul. Dicerie senza alcuna prova che restano in circolazione per alimentare l’odio contro di lei per il semplice fatto di non essere nata in India»

«Quest’immagine modificata mostra fino a che punto possa arrivare l’odio diffuso dalla falsa propaganda. Sonia Gandhi è di continuo nel mirino per le sue origini italiane, che vengono legate alla fede cristiana. Ormai il loro obiettivo di rendere la vita difficile ai 26 milioni di cristiani indiani con queste false accuse di conversioni non è più nemmeno nascosto. E questo mentre le statistiche del censimento, in realtà, mostrano in India un declino nella popolazione cristiana, scesa al 2,3%. Oggi, però, le accuse di conversioni tornano utili per sviare l’attenzione dall’orribile computo delle vittime del COVID-19 e dal crollo del sistema sanitario in questa seconda ondata della pandemia. Si tratta di una politicizzazione della religione per interessi particolari».

 

«Da quando Sonia Gandhi ha assunto la guida del partito del Congresso nel 1998  è stata accusata anche di essere un’agente della CIA o della mafia italiana, accuse oggi estese anche a suo figlio Rahul. Dicerie senza alcuna prova che restano in circolazione per alimentare l’odio contro di lei per il semplice fatto di non essere nata in India».

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.