Ron Paul: il prossimo disastro dell’incontro tra Biden e Putin

 

 

 

 

 

Ho i miei dubbi sul fatto che il vertice Putin-Biden a Ginevra si svolgerà alla fine di questo mese, ma anche se in qualche modo riuscisse, i recenti errori dell’amministrazione Biden significano che la possibilità di ottenere qualcosa di sostanziale è praticamente nulla.

 

L’amministrazione Biden avrebbe dovuto segnalare un ritorno degli «adulti» nella stanza. Niente più la prepotenza di Trump che dice alla NATO che è inutile, strappa i trattati internazionali sul clima e minaccia di rimuovere le truppe dal Medio Oriente e oltre. La politica estera degli Stati Uniti sarebbe tornata a prosperare sotto le mani ferme ed esperte degli esperti,

Anche se il vertice Putin-Biden a Ginevra se in qualche modo riuscisse, i recenti errori dell’amministrazione Biden significano che la possibilità di ottenere qualcosa di sostanziale è praticamente nulla

 

Poi Biden ha sbottato in un’intervista televisiva che il presidente Putin era un assassino senza anima. Poi il segretario di Stato americano Antony Blinken ha scoperto a proprie spese che i suoi omologhi cinesi non erano dell’umore giusto per ricevere lezioni su un «ordine internazionale basato su regole» che viene regolarmente violato da Washington.

 

Saranno dieci giorni difficili per il presidente Biden. Proprio mentre arriva la notizia che sotto l’amministrazione Obama/Biden gli Stati Uniti spiavano regolarmente e illegalmente i loro alleati europei, si sta preparando a incontrare quegli stessi alleati, prima al vertice del G7 in Inghilterra l’11-13 giugno e poi al 14 giugno Riunione Nato a Bruxelles.

 

Non fate errori, Joe Biden è all’altezza di questo scandalo. Ed Snowden ha twittato alla fine del mese scorso quando è arrivata la notizia che gli Stati Uniti hanno collaborato con i danesi per spiare il resto dell’Europa, che «Biden è ben preparato a rispondere di questo quando visiterà presto l’Europa poiché, ovviamente, era profondamente coinvolto in questo scandalo la prima volta».

Sebbene la tedesca Merkel e il francese Macron siano stati fedeli cagnolini statunitensi, la rivelazione di come Washington tratta i suoi alleati li ha messi nella rara posizione di dover criticare Washington. «Scandaloso» e «inaccettabile» sono le modalità con cui hanno risposto alla notizia

Sebbene la tedesca Merkel e il francese Macron siano stati fedeli cagnolini statunitensi, la rivelazione di come Washington tratta i suoi alleati li ha messi nella rara posizione di dover criticare Washington. «Scandaloso» e «inaccettabile» sono le modalità con cui hanno risposto alla notizia.

 

La Russia è stata regolarmente accusata (senza prove) di condotta maligna e interferenza negli affari interni degli Stati Uniti, ma si scopre che il paese che effettivamente spiava e si intrometteva erano gli Stati Uniti da sempre – e contro i propri alleati!

 

Sicuramente questa ironia non è andata persa su Putin.

 

Forse il presidente Putin gli ricorderà come l’amministrazione Biden continua l’omicidio al rallentatore di Julian Assange per il non reato di essere un giornalista che espone i misfatti del governo

Biden si è vantato nei media statunitensi che avrebbe accusato Putin del trattamento riservato dalla Russia ai dissidenti politici come Alexej Navalnij. Biden ha scritto di recente sul Washington Post, che quando incontrerà Putin, «sottolineerò ancora una volta l’impegno degli Stati Uniti, dell’Europa e delle democrazie affini a difendere i diritti umani e la dignità».

 

Forse il presidente Putin gli ricorderà come l’amministrazione Biden continua l’omicidio al rallentatore di Julian Assange per il non reato di essere un giornalista che espone i misfatti del governo.

 

Forse Putin ricorderà a Biden come vengono trattati i dissidenti politici statunitensi, come le centinaia di arresti per quella che i democratici e i media mainstream chiamano ridicolmente «l’Insurrezione del 6 gennaio». Molti di questi manifestanti non violenti e disarmati sono stati tenuti in isolamento senza possibilità di cauzione, anche se non hanno avuto precedenti arresti o condanne. La maggior parte attende un processo per accuse minori che potrebbero non aver luogo fino al prossimo anno.

 

L’establishment della politica estera di Washington è irrimediabilmente corrotto. L’armamento del dollaro USA per mettere in ginocchio il resto del mondo si sta ritorcendo contro. Solo un serio cambiamento di rotta – verso il non interventismo e la non aggressione – può evitare un disastro

L’establishment della politica estera di Washington è irrimediabilmente corrotto. L’armamento del dollaro USA per mettere in ginocchio il resto del mondo si sta ritorcendo contro. Solo un serio cambiamento di rotta – verso il non interventismo e la non aggressione – può evitare un disastro. Il tempo sta finendo.

 

 

Ron Paul

 

 

Il dottor Ron Paul, medico, è un ex deputato degli Stati Uniti per lo stato del Texas. Ron Paul è padre del senatore del Kentucky Rand Paul.

 

 

Articolo previamente apparso sul sito del Ron Paul Institute for Peace and Prosperity, ripubblicato secondo le indicazioni.