Connettiti con Renovato 21

Genetica

Il governo italiano finanzia per legge l’ingegneria genetica

Pubblicato

il

Apprendiamo dalla Gazzetta Ufficiale di mercoledì 15 giugno, anno 163°, numero 138, che è stato ratificato ed è stata data esecuzione all’«Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Centro internazionale per l’ingegneria genetica e la biotecnologia (ICGEB) relativo alle attività del Centro e alla sua sede situata in Italia, con Allegato, fatto a Roma il 21 giugno 2021».

 

«Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare l’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Centro internazionale per l’ingegneria genetica e la biotecnologia (ICGEB) relativo alle attivita’ del Centro e alla sua sede situata in Italia, con Allegato, fatto a Roma il 21 giugno 2021» si legge all’art. 1 della legge promulagata dal Presidente della Repubblica.

 

«Gli immobili di cui all’articolo 2, paragrafo 1, dell’Accordo di cui all’articolo 1 sono messi gratuitamente a disposizione del Centro internazionale per l’ingegneria genetica e la biotecnologia, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato» scrive l’art.3.

 

Nel documento è specificato che «la promozione e la creazione di un Centro Internazionale
di Ingegneria Genetica e Biotecnologie di elevata eccellenza» era stato «raccomandato [sic] in particolare durante l’Incontro di Alto Livello tenutosi a Belgrado il 13-17 dicembre 1982».

 

Il riferimento alla capitale serba suona di primo acchito un po’ oscuro. Nel 1982 a Belgrado c’era ancora la Jugoslavia e le bombe NATO del 1999 erano di là da venire. Cercando sugli archivi della rivista Nature, scopriamo che la United Nations Industrial Development Organization (UNIDO), citata dalla Gazzetta Ufficiale,  aveva lì proposto l’idea di un «International Centre for Genetic Engineering and Bio-Technology». L’articolo del 1983 su Nature descrive con le stesse parole la conferenza, un «high-level meeting» (una riunione di «alto livello») tra i rappresentati ufficiali di 35 Paesi. I motivi dell’incontro internazionale erano riassunti all’inizio dell’articolo: «la biotecnologia, forse più di ogni altra area delle scienze applicate, offre nuove soluzioni a vecchi problemi che continuano a tenere molti Paesi nell’era oscura: malattia, fame, sovrappopolazione e la carenza di energia a basso costo».

 

Sulla Gazzetta Ufficiale è di seguito specificato che lo statuto dell’ICGEB è stato fatto «a Madrid il 13 maggio 1983,», che i protocolli sull’ICGEB sono stati «fatti a Vienna il 4 aprile 1984 e a Trieste il 24 ottobre 2007» (i protocolli inoltre «che stabiliscono la Sede del Centro a Trieste, Italia, Nuova Delhi, India e Città del Capo, Sudafrica), che «la Legge Italiana n. 103 del 15 marzo 1986 (…) autorizza la ratifica lo Statuto dell’ICGEB del 1983 ed il Protocollo del 1984».

 

L’ICGEB nel 1994 sotto la direzione del genetista italiano Arturo Falaschi divenne organizzazione internazionale autonoma e ora conta oltre 65 Stati membri in tutte le regioni del mondo. L’ICGEB dispone di tre laboratori con oltre 45 progetti di ricerca in corso in Malattie infettive e non trasmissibili, Biotecnologie mediche, industriali e di biologia vegetale, scrive l’enciclopedia online.

 

Ora, secondo la legge promulgata, «il Governo della Repubblica Italiana (…) intende fornire all’ICGEB i fondi per le sue attività di ricerca e una sede adeguata sul territorio italiano; (…) il Governo si impegna a concedere al Centro tutti i privilegi, le immunità, le esenzioni e le agevolazioni necessari per consentire lo svolgimento delle sue funzioni».

 

Leggiamo inoltre che «il Governo mette i locali a disposizione dell’ICGEB a titolo gratuito» (art. 2, paragrafo 2).

 

«Il Governo si impegna a sostenere le attività del Centro con un contributo annuo di Euro 10.000.000»(art. 3).

 

L’articolo 7 ha per titolo «Inviolabilità del Centro»: Il Centro è inviolabile e le sue proprietà e i suoi beni, ovunque situati e da chiunque detenuti, godono della immunità di giurisdizione» (art.7, paragrafo 1).

 

Al paragrafo seguente viene descritta una sorta di extraterritorialità del centro per l’ingegneria genetica, che gode di una sovranità specifica: «Nessun funzionario del Governo o chiunque eserciti una pubblica funzione sul territorio della Repubblica Italiana può entrare nella sede del Centro per esercitarvi le proprie funzioni senza il consenso del Direttore e alle condizioni approvate dal Direttore»

 

Non solo gli spazi del Centro mondiale per la bioingegneria saranno inviolabili: lo saranno, per legge, anche i suoi contenuti.

 

«Gli archivi del Centro, e in generale tutti i documenti e i materiali messi a disposizione, appartenenti al Centro o utilizzati dal Centro, ovunque situati in Italia e da chiunque detenuti, sono inviolabili».

 

Il Centro gode pure di sovranità monetaria: «L’ICGEB ha il diritto di detenere valuta nazionale o estera ed altre risorse finanziarie, e di gestire conti correnti bancari in qualsiasi valuta, senza essere soggetto alle leggi e ai regolamenti che disciplinano il controllo dei cambi e le questioni correlate» (art. 10, paragrafo 1).

 

«L’ICGEB ha il diritto di trasferire liberamente fondi in valuta nazionale o estera verso, da e all’interno dell’Italia, e di convertire tali risorse liberamente in altre valute al tasso di cambio più favorevole nel momento della conversione» (art. 10, paragrafo 2).

 

L’articolo 11 prevede l’«esenzione da imposte, dazi, restrizioni all’importazione o all’esportazione».

 

L’articolo 12 riguarda l’immunità di giurisdizione dei funzionari del Centro «per gli atti da essi compiuti in veste ufficiale (parole e scritti comprese)[sic]» nonché l’«esenzione da qualsiasi imposta sugli stipendi e
sugli emolumenti versati dall’ICGEB»; inoltre, i funzionari godranno di «esenzione per se stessi, per i propri familiari e per il proprio personale domestico dalle disposizioni che limitano l’immigrazione e dalle formalità di registrazione degli stranieri» (art. 12, paragrafo 1.e)

 

Non ci è chiaro se l’«esenzione per se stessi nei casi di lavoro ufficiale da qualsiasi restrizione alla circolazione e ai viaggi all’interno dell’Italia» (art. 12, paragrafo 1.f) di cui godrà il personale ICGEB sia un annuncio di lasciapassare speciale in caso di lockdown.

 

L’articolo 15 definisce ancora meglio il tema dell’immunità. «rappresentanti degli Stati Membri, insieme ai loro supplenti, consiglieri, esperti tecnici e segretari delle delegazioni, che partecipano alle riunioni del Comitato dei Governatori e del Consiglio dei Consiglieri scientifici dell’ICGEB godono, senza alcun pregiudizio rispetto ad ogni altro privilegio o immunità di cui possano beneficiare» di «(a) immunità da arresto o detenzione; (b) immunità di giurisdizione per le parole dette o scritte e per tutti gli atti compiuti nell’esercizio delle loro funzioni ufficiali; tale immunità di giurisdizione continuerà ad essere accordata anche se le persone interessate non dovessero più essere impegnate nell’esercizio di tali funzioni; (c) inviolabilità di tutte le carte, documenti e materiale ufficiale; (d) il diritto di fare uso di codici e di ricevere documenti o corrispondenza per corriere o plichi sigillati» (art. 15, paragrafo 1).

 

I rappresentanti degli Stati Membri hanno inoltre «le stesse immunità e agevolazioni per i loro bagagli personali concesse ai funzionari di rango comparabile in servizio presso missioni diplomatiche» (art. 15, paragrafo 1.g)

 

Leggiamo infine che «presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale».

 

In pratica, l’Italia è divenuta la base di un centro di bioingegneria pensato da consessi mondialisti almeno 40 anni fa, un centro dotato di un’extraterritorialità piuttosto spinta epperò finanziato da milionate e milionate del contribuente italiano, un centro che si vuole «inviolabile» nel suo spazio e nei suoi documenti, che può per legge custodire segreti pure cifrati.

 

Come sia saltato in mente di farlo ora, quando nell’aria ci sono ancora gli esperimenti Gain of Function del laboratorio di Wuhan, non è chiaro.

 

Tuttavia, è in Gazzetta Ufficiale.

 

Anno pandemico 2022: la bioingegneria mondialista è ospitata e pagata dall’Italia, per legge.

 

 

 

 

Continua a leggere

Genetica

«Il codice genetico dei vaccini mRNA potrebbe essere tramandato da genitore a figlio». Una nuova razza umana sta emergendo?

Pubblicato

il

Da

In un’intervista sul web, il famoso cardiologo texano dottor Peter McCullough ha reiterato, citando studi pubblicati, la possibilità che la modifica genetica introdotta con i cosiddetti vaccini mRNA – che sono in realtà farmaci per terapie geniche sperimentali – possa entrare nella linea germinale umana, passando quindi alla prole dei vaccinati.

 

«C’è stato un articolo pubblicato a Malmoe, in Svezia, il cui autore principale è Yang De Marinis che ha dimostrato che il codice genetico per il Pfizer viene installato nel nucleo umano della linea cellulare dell’epatoma molto rapidamente entro poche ore» ricorda il medico statunitense. «Gli esperti ritengono che l’intero codice sia effettivamente installato nel genoma umano».

 

«Questo paper non è stato contestato da nessun altro laboratorio. Stiamo cercando conferme, ma tutto ciò è inquietante, perché l’RNA messaggero per il Pfizer, in uno studio condotto a Stanford da Röltgen e colleghi, resta in modo permanente nei linfonodi, almeno per quanto hanno cercato, cioè per diversi mesi. Quindi il codice genetico, una volta che le persone fanno questi vaccini, dura a lungo» continua il cardiologo.

 

Il contenuto genetico del siero «può infatti entrare nel nucleo, modificare il genoma umano e quindi passare alle cellule figlie. Ciò significa che questo potrebbe effettivamente essere trasmesso alla progenie di giovani genitori vaccinati».

 

«Non potrebbero esserci notizie peggiori in questo momento» ammette McCullough.

 

 

 

Non si tratta della prima volta che McCullough richiama questa possibilità. Per aver sottotitolato un video in cui McCullough chiedeva studi in merito, citando gli stessi paper, Renovatio 21 ha ricevuto uno strike da YouTube e la censura del video: come noto, con tre strike saremo depiattaformati dal sito di condivisione video (ecco perché qui sopra lo vedete su Rumble). Di recente McCullough è arrivata inoltre a porsi una domanda ulteriormente inquietante, chiedendosi se l’«mRNA non stia passando dai vaccinati ai non vaccinati».

 

Considerando la possibilità dell’inserzione di una nuova genetica nella linea germinale umana dei sierati, non è difficile arrivare a chiedersi se vaccinati e non vaccinati possano a questo punto davvero evolvere in mondo differente, andando a creare due specie diverse.

 

In realtà, per chi conosce l’universo della biotecnologia applicata agli umani – cioè la produzione degli esseri umani in laboratorio, con provette ora pagate dal contribuente – non si tratta di un pensiero inaudito.

 

Nel 1998 un genetista statunitense, Lee Silver, scrisse Il Paradiso clonato (in originale Remaking Eden) un libro-manifesto che intendeva segnare la via per il futuro della riproduzione umana. Silver era convinto che la tecnologia per bioingegnerizzare e pure portare a gestazione gli esseri umani («i figli») sarebbe diventata talmente diffusa e poco costosa che la «riprogenetica» (l’invenzione del termine è sua) sarebbe finita per essere l’unica via di generazione della vita umana sul pianeta, con l’eccezione di coloro che ancora, per oscuri motivi, avrebbero continuato a preferire la riproduzione sessuale e la gestazione naturale invece di provette e uteri artificiali.

 

Nel libro Silver quindi comincia a delineare una società su due livelli: da una parte i GenRich, i geneticamente arricchiti, cioè le persone nate artificialmente, con il genoma migliorato; dall’altra i Natural, ancora legati alla riproduzione sessuata, meno prestanti intellettualmente e fisicamente, poiché la loro genetica non è ottimizzata. I Naturals finiranno giocoforza a diventare le persone delle pulizie dei GenRich, che sarà la classe biologica dominante.

 

Si tratterà quindi, di due specie «umane» distinte, che continueranno e si evolveranno parallelamente. Silver arriva perfino a ipotizzare che il gap genomico tra i due gruppi sarà tale che non potranno, nemmeno volendo, figliare tra loro per accoppiamento: «La classe dei GenRich e la classe dei Natural (…), specie interamente separate che nessuna possibilità di incrocio, e con lo stesso interesse romantico l’una per l’altra che un umano odierno ha per uno scimpanzè» scrive Silver nell’epilogo futuristico.

 

«Il gap tra GenRich e Naturals non risiede solo nei geni, ma in ogni altro aspetto delle loro vite e delle loro comunità, e, più importante, nelle risorse monetarie». I Naturals saranno poveri. Saranno emarginati. In una parola che forse avete sentito di recente, saranno schiavi.

 

La divisione andrà molto oltre, perfino oltre i l cielo: «altri tipi di gruppi GenRich traslocheranno su altri pianeti, lune, asteroidi nel sistema solare originale, dove useranno l’ingegneria genetica per migliorare ulteriormente l’abilità dei loro figli di sopravvivere nei mondo prescelti».

 

Ora, l’idea di una divisione genetica tra la popolazione di chi ha obbedito all’imperativo di «miglioramento» del proprio corpo e chi ha invece difeso la propria natura ora è più evidente che mai. Così come potrebbe divenire inevitabile la creazione di uno iato tra i vaccinati (con la loro porle) e i non vaccinati (con la loro prole).

 

Tanta intolleranza patita in questi mesi, l’instaurazione di un’apartheid biotica, dove vige una discriminazione granulare al punto da divenire biomolecolare, improvvisamente ci sembrano qualcosa più che semplici episodi di umana follia.

 

Sono, invece, parte di un immenso progetto di riforma biologica dell’umanità. E la popolazione, purtroppo, ha espresso il suo assenso al processo.

 

La prima buona notizia è che con enorme probabilità se state leggendo queste righe potreste essere tra quelli che non si sono piegati. Potreste essere della resistenza Natural.

 

La seconda buona notizia è che per creare questa nuova specie umana parallela nata dalla siringa genica bisogna che gli individui sopravvivono: cosa non certa, visto che abbiamo capito che nascosto da qualche parte dei GenRich mRNA potrebbe esserci un calamaro gigante pronto a mangiarsi la loro vita.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

Continua a leggere

Genetica

Il governo del Regno Unito annuncia finanziamenti per la ricerca sulla genomica

Pubblicato

il

Da

Il governo del Regno Unito ha promesso oltre 175 milioni di sterline per finanziare ricerche genomiche all’avanguardia per neonati, malati di cancro e minoranze etniche. Lo riporta BioNews.

 

Il finanziamento è per uno studio triennale attraverso il Servizio Sanitario Nazionale britannico NHS in collaborazione con Genomics England, specializzata nel sequenziamento diagnostico del genoma. Ciò comporta la lettura del DNA di una persona, a volte per l’intera lunghezza, per identificare le mutazioni che causano malattie.

 

Will Quince, ministro della Sanità e delle cure secondarie, ha affermato che «il sequenziamento genomico può accelerare la diagnosi del cancro, garantire che i bambini con malattie curabili ricevano cure più rapidamente e migliorare la nostra comprensione di come i risultati sanitari differiscano in base all’etnia».

 

105 milioni di sterline sono destinati alla diagnosi e al trattamento delle malattie genetiche rare nei neonati. Attualmente, i neonati vengono testati solo per nove condizioni di salute genetica, tra cui l’anemia falciforme e la fibrosi cistica. Tuttavia, il sequenziamento del loro intero genoma potrebbe eseguire lo screening per centinaia di malattie rare, molte delle quali sono curabili con un intervento precoce.

 

Lo studio pilota, che inizierà nel 2023, sequenzierà i genomi di 100.000 bambini e informerà se introdurre questo test a livello nazionale.

 

Altri 26 milioni di sterline sono riservati a un programma contro il cancro. Questo farà affidamento sull’Intelligenza Artificiale per studiare i dati genomici dei pazienti insieme alle immagini dei loro tumori specifici, sperando di migliorare la velocità e l’accuratezza delle diagnosi.

 

Ulteriori 22 milioni di sterline sono stati promessi per combattere le disuguaglianze sanitarie nella medicina genomica, sequenziando il DNA di un massimo di 25.000 individui di origine non europea. Poiché questa popolazione è attualmente sottorappresentata nella ricerca medica, il governo spera che ciò ridurrà le disuguaglianze sanitarie e migliorerà i risultati dei pazienti.

 

I restanti 25 milioni di sterline saranno utilizzati per una nuova iniziativa a livello britannico sulla genomica funzionale, un campo che identifica le funzioni di specifici geni o proteine. Si spera che questo migliorerà la nostra comprensione di alcune malattie e aiuterà la scoperta di nuovi farmaci.

 

Si ritiene che questo aumento dei finanziamenti per la genomica rafforzi lo status mondiale del NHS e del Regno Unito nell’assistenza sanitaria genomica.

 

Il segretario di stato per la salute e l’assistenza sociale, Steve Barclay, ha dichiarato: «il NHS è un leader mondiale nella genomica e investendo in questa ricerca all’avanguardia stiamo consolidando il nostro status di superpotenza delle scienze della vita».

 

Come noto, Albione è da sempre all’avanguardia per quanto riguarda la riprogenetica: è qui che il dottor Edwards nel 1968 produsse il primo essere umano in laboratorio, Louise Browne. Parimenti, è in Gran Bretagna che si permette la produzione dei cosiddetti «embrioni a tre genitori», dove a mettere il DNA, oltre al maschio, sono due donne, una per il nucleo dell’ovocita, una per i mitocondri.

 

Londra permette la creazione di bambini in provetta, tuttavia c’è pionierismo anche per decretare la morte dei piccoli: i casi Alfie Evans, Charlie Gard, Archie Battersbee etc. stanno a dimostrarlo con estrema chiarezza.

 

È notizia della settimana che il Servizio Sanitario britannico ora offrirà trattamenti di riproduzione artificiale anche a donne single e a transessuali. Non sono mancati, negli anni, annunci di trapianti di utero realizzati da chirurghi britannici.

 

Ora Londra si piazza in testa anche al futuro trend della sorveglianza genetica, con lo screening dell’intero genoma del cittadino – certo, con la scusa della salute, della lotta al cancro, etc.

 

Sappiamo bene dove porta questo pendìo scivoloso… Potete vederne un’anteprima in Cina. Tuttavia riteniamo che si andrà molto oltre…

 

Continua a leggere

Epidemie

Il governo USA ha insabbiato la fuga del virus geneticamente modificato: parla l’ex vicepresidente del partner di laboratorio di Wuhan: il governo degli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

Un libro scritto dall’ex vicepresidente dell’organizzazione medica non governativa EcoHealth Alliance conferma che il COVID-19 è stato creato artificialmente ed è fuggito dall’Istituto di Virologia di Wuhan, questa volta in un nuovo libro sulla situazione. Lo riporta il quotidiano britannico The Sun.

 

«EcoHealth Alliance e i laboratori stranieri non disponevano delle misure di controllo adeguate per garantire un’adeguata biosicurezza, bioprotezione e gestione del rischio, il che ha portato alla fuga del virus dall’Istituto di virologia di Wuhan» sostiene Andrew Huff, che ha anche prestato servizio come soldato di fanteria dell’esercito in Iraq e come ricercatore presso il Department of Homeland Security degli Stati Uniti.

 

Lo Huff ha pubblicato un libro, The Truth About Wuhan («la verità su Wuhan») in cui scrive che «la Cina sapeva fin dal primo giorno che si trattava di un agente geneticamente modificato» e che «il governo degli Stati Uniti è responsabile del trasferimento di pericolose biotecnologie ai cinesi».

 

Huff afferma che già nel 2015 aveva espresso ai funzionari di EcoHealth le sue preoccupazioni sul fatto che la società «non avesse una visibilità sufficiente o una conoscenza diretta di ciò che stava accadendo nei laboratori stranieri appaltati e gestiti”, che il governo federale ha emesso avvertimenti nel 2018 che l’Istituto di Virologia di Wuhan non aveva gli esperti necessari per gestire in sicurezza la ricerca sul coronavirus, che «ha buone ragioni per credere che il governo degli Stati Uniti sia stato allertato dell’epidemia nell’agosto o nell’ottobre 2019» e che quando il COVID è scoppiato per la prima volta alla fine del 2019.

 

Di conseguenza, scrive il libro in uscita, la Cina «e alcuni dei loro collaboratori del governo degli Stati Uniti presso il Dipartimento di Stato, USAID e il Dipartimento della Difesa sono entrati in una modalità di insabbiamento totale».

 

«Ero terrorizzato da quello che ho visto. Stavamo proprio consegnando loro la tecnologia delle armi biologiche» dice lo Huff in un ulteriore commento raccolto dal Sun.

 

Huff ha lasciato EcoHealth Alliance nel 2016 «a causa di un gran numero di preoccupazioni etiche relative al lavoro scientifico e all’EcoHealth Alliance nel suo insieme» e alla fine del 2019 gli è stato offerto un lavoro presso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), che ritiene potesse servire a infliggerli un obbligo legale di tacere.

 

Huff sta attualmente facendo causa a EcoHealth, la quale nega le sue affermazioni, insistendo sul fatto che, poiché «non ha mai lavorato presso o con l’Istituto di Virologia di Wuhan, le sue affermazioni in questo senso non possono essere attendibili».

 

Nell’ambito di tale causa, ha precedentemente attestato che il «processo di sviluppo della SARS-CoV2 è stato anche descritto in dettaglio nella proposta presentata e in ultima analisi finanziata dai National Institutes of Health (HHS NIH), dal National Institute of Allergy and Malattie infettive (NIAID) diretto da Anthony Fauci, da EcoHealth Alliance con l’Istituto di Virologia di Wuhan e un’università americana elencati come collaboratori.

 

Lo scorso maggio, i membri repubblicani della House Intelligence Committee hanno pubblicato un rapporto in cui si trovavano «prove circostanziali significative” che il COVID si è diffuso da una fuga di notizie nel laboratorio di Wuhan. Sotto l’ex direttore e consigliere COVID della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, il National Institute of Allergy & Infectious Diseases (NIAID) ha approvato i finanziamenti per EcoHealth per esplorare la ricerca sul guadagno di funzione (Gain of Function, o GoF), che comporta il rafforzamento intenzionale dei virus per studiarne meglio il potenziale effetti, sui coronavirus, in diversi siti, incluso l’Istituto di Virologia di Wuhano.

 

Fauci e i suoi difensori hanno insistito sul fatto che il lavoro approvato da NIAID non era una ricerca di guadagno di funzione e non avrebbe potuto portare a COVID, ma a gennaio la testata di giornalismo investigativo americano Project Veritas hanno rilasciato documenti che hanno ottenuto dimostrando che, prima di andare a NIAID, EcoHealth aveva precedentemente lanciato la sua richiesta di finanziamento alla DARPA, che l’aveva respinta sulla base del fatto che il progetto avrebbe violato una moratoria preesistente sulla ricerca GoF e non avrebbe tenuto conto dei suoi potenziali rischi.

 

«Da allora, le e-mail trapelate hanno rivelato che i migliori ricercatori del NIAID, del National Institutes of Health (NIH), del Wellcome Trust di Londra e dell’Erasmus University Medical Center dei Paesi Bassi erano a conoscenza della possibilità di fughe dal laboratorio già nel febbraio 2020, ma temevano pubblicamente riconoscerlo avrebbe compromesso “la scienza e l’armonia internazionale”» riassume Lifesitenews.

 

Ricordiamo come il Fauci, nel 2021, disse che la bioingegneria sul virus valeva «il rischio di una pandemia che provoca incidenti in laboratorio». Fauci, dice il senatore del Kentucky Rand Paul, «potrebbe essere il responsabile dell’intera pandemia». La Disney però ha fatto su di lui un documentario agiografico.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros già sei mesi fa riconosceva in privato che il COVID potrebbe essere fuggito dal laboratorio.  Ufficialmente, sempre a metà 2022, anche l’OMS ammise l’ipotesi. Pochi mesi prima, personale dell’indagine OMS sulle origini del COVID aveva sostanzialmente ammesso che la Cina aveva ordinato alla sua squadra cosa scrivere.

 

Alcuni documenti dimostrerebbero che gli USA avevano un contratto per studiare il coronavirus in Ucraina tre mesi prima che il COVID esistesse ufficialmente come fatto sanitario.

 

Un articolo investigativo della collaboratrice di Vanity Fair Katherine Eban, basato su oltre 100.000 documenti dell’EcoHealth Alliance, mostra una realtà inquietante di «contratti di sovvenzione oscuri, supervisione fragile dei NIH e perseguimento di sovvenzioni governative per ricerche globali sempre più rischiose».

 

La bizzarra storia di questo patogeno che viene per coincidenza dalla stessa città che ospita il grande laboratorio BSL-4 non è ancora finita. Tuttavia, altra coincidenza che piace segnalare a Renovatio 21, nell’azienda francese che ha costruito il laboratorio cinese lavorava Stephen Bancel, futuro CEO di Moderna. Patrick Degorce, uno dei primi investitori quando ancora una diecina di anni fa Moderna (che significherebbe «Mode RNA») era solo un’idea peraltro non troppo divulgata all’esterno, è il finanziere hedge fund che fu mentore e collega dell’enigmatico Rishi Sunak, attuale premier britannico.

 

Per aver ipotizzato, ancora a inizio 2020 seguendo alcune fonti che il COVID potesse avere un’origine laboratoriale, Renovatio 21 è stata piazzata in liste internazionali di diffusori di fake news e bannata plurime volte dal noto social network, che è arrivato a disattivare gli account personali di chi gestiva la pagina – account e pagine sono tornati solo dopo essere stati in tribunale.

 

 

Continua a leggere

Più popolari