Connettiti con Renovato 21

Spirito

Il coro «FuckCancer» («fanculo il cancro») canta per il papa Bergoglio

Pubblicato

il

Un coro chiamato «FuckCancer» (traducibile come «fanculo in cancro») ha cantato per papa Francesco dopo l’udienza papale del mercoledì la scorsa settimana.

 

Il coro italiano chiede «una maggiore accettazione delle persone che vivono con il cancro», riporta Lifesitenews.

 

EuroNews riferisce che il coro ha ottenuto buoni posti con l’aiuto di una suora che lavora con il gruppo.

 

Al termine dell’udienza del mercoledì, il gruppo ha potuto avvicinarsi al papa e ha cantato per cantare, mentre lui sorrideva assiso attorniato dalle coriste tutte vestite con maglietta rossa recante in bella vista la scritta «FuckCancer Choir».

 

Nel video postato su Facebook dal coro, è possibile vedere le risa di Bergoglio che definisce le cantanti FuckCancer «poete» (sic). Immaginiamo che l’argentino di famiglia italiana volesse dire «poetesse», ma non ha importanza: l’infallibilità papale si applica in altri contesti.

 


 

Il papa «apparentemente non era costernato per l’uso di un linguaggio volgare in sua presenza» commenta Lifesitenews.

 

Quest’ultimo fatto arriva poco dopo l’omelia di Pentecoste del papa, in cui egli ha fatto sorprendenti affermazioni sullo Spirito Santo, Terza persona della Trinità Divina, come «autore della divisione».

 

«E alla fine – la cosa che è curiosa – lo Spirito Santo è l’autore della divisione, anche del chiasso, di un certo disordine. Pensiamo alla mattina di Pentecoste: l’autore crea divisione di lingue, di atteggiamenti … era un chiasso, quello! Ma allo stesso modo, è l’autore dell’armonia. Divide con la varietà dei carismi, ma una divisione finta, perché la vera divisione si inserisce nell’armonia. Lui fa la divisione con i carismi e Lui fa l’armonia con tutta questa divisione, e questa è la ricchezza della Chiesa».

 

Non può che rimaner stupito chi negli anni ha ricevuto continue accuse di «essere divisivo»: gli accusatori tirano in ballo l’etimologia della parola diavolo, dal greco diabolos, che traducono come «colui che divide» (motivo per cui Renovatio 21 usa chiamar questo tipo di accusatori «diaballisti»).

 

Ebbene, apprendiamo ora invece dalle auguste labbra del pontefice che colui che divide non è il demonio, è lo Spirito Santo.

 

Con Bergoglio le sorprese, canore, linguistiche e teologiche, non mancano mai.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Spirito

San Giovanni Damasceno: il miracolato della Vergine

Pubblicato

il

Da

Nato a Damasco intorno al 675, sacerdote prima del 726 a Gerusalemme, predicatore legato alla Chiesa del Santo Sepolcro, morì intorno al 749. È il grande difensore delle immagini che rappresentano Cristo e i santi, ma questa difesa è secondaria in una sintesi mirabilmente vasta. Il potere di questo teologo dà una portata singolare ai suoi scritti o ai discorsi sulla Beata Vergine. Condannato ingiustamente a subire il taglio della mano, gli fu restituita dalla Madre di Dio.

 

 

Omelia per la festa della Natività della Vergine Maria

Oggi il ceppo di Jesse ha prodotto la sua progenie, sul quale sboccerà un fiore divino per il mondo. Oggi, colui che una volta fece sorgere il firmamento dalle acque, crea sulla terra, da una sostanza terrena, un nuovo cielo; e questo cielo è molto più bello e più divino dell’altro, perché da esso nascerà il sole della giustizia, colui che creò l’altro sole. (…)

 

Quanti miracoli si uniscono in questa bambina, quante alleanze si stringono in lei! Figlia della sterilità, sarà la verginità che partorisce. Essa sarà l’unione della divinità e dell’umanità, dell’impassibilità e della sofferenza, della vita e della morte, affinché in tutto ciò che era male possa essere vinto dal migliore.

 

O figlia di Adamo e Madre di Dio! E tutto ciò è stato fatto per me, Signore! Tanto era il vostro amore per me, che non avete voluto assicurare la mia salvezza per mezzo degli angeli o di qualche altra creatura, ma per restaurare da voi stesso ciò che voi stesso avevate creato. (…) Oggi, il creatore di tutte le cose, il Dio Verbo compone un nuovo libro, che scaturisce dal cuore del Padre suo, e che scrive per opera dello Spirito Santo, che è la lingua di Dio. (…)

 

O figlia del Re Davide e Madre di Dio, Re Universale! O oggetto divino e vivente, la cui bellezza ha affascinato il Dio creatore, tu la cui anima è tutta sotto l’azione divina e attenta a Dio solo; tutti i tuoi desideri sono diretti verso ciò che solo merita di essere cercato e che è degno di amore; hai collera solo per il peccato e il suo autore.

 

Avrai una vita superiore alla natura, ma non l’avrai da te, tu che non sei stata creata da te. L’avrai consacrata tutta a Dio, che ti ha introdotto nel mondo, per servire alla salvezza del genere umano, per realizzare il disegno di Dio, l’Incarnazione del Figlio suo e la deificazione del genere umano.

 

Il tuo cuore sarà nutrito dalle parole di Dio: esse ti feconderanno, come l’olivo fertile nella casa di Dio, come l’albero piantato presso le acque vive dello Spirito, come l’albero della vita, che ha dato il suo frutto al tempo fissato: il Dio incarnato, la vita di tutte le cose.

 

I tuoi pensieri non avranno altro oggetto che ciò che giova all’anima, e qualsiasi idea che non sia solo perniciosa, ma inutile, la rifiuterai prima ancora di averne sentito il gusto.

 

I tuoi occhi saranno sempre rivolti al Signore, alla luce eterna e inaccessibile; le tue orecchie attente alle parole divine e ai suoni dell’arpa dello Spirito, per mezzo del quale il Verbo è venuto ad assumere la nostra carne. (…) Il tuo purissimo cuore, libero da ogni macchia, vedrà sempre il Dio di ogni purezza e arderà di desiderio per lui. Il tuo seno sarà la casa di colui che nessun luogo può contenere.

 

Il tuo latte nutrirà Dio, nel bambino Gesù.

 

Tu sei la porta di Dio, raggiante di perpetua verginità. Le tue mani porteranno Dio e le tue ginocchia saranno per lui un trono più sublime di quello dei cherubini. (…) Tu sei il tempio dello Spirito Santo, la città del Dio vivente, rallegrata dai fiumi abbondanti, i fiumi santi della grazia divina. Sei tutta bella, tutta vicina a Dio; domini sui Cherubini, più in alto dei Serafini, vicina a Dio stesso. (…)

 

O tu che sei figlia e sovrana di Gioacchino e di Anna, accogli la preghiera del tuo povero servo che è solo un peccatore, e che tuttavia ti ama ardentemente e ti onora, che vuole trovare in te l’unica speranza della sua felicità, la guida della sua vita, la riconciliazione con il tuo Figlio e il pegno sicuro della sua salvezza.

 

Liberami dal peso dei miei peccati, dissipa le tenebre accumulate intorno alla mia mente, liberami dalla mia spessa immondizia, reprimi le tentazioni, governa felicemente la mia vita, affinché io possa essere condotto da te nella beatitudine celeste e concedi la pace nel mondo.

 

A tutti i fedeli di questa città, dona gioia perfetta e salvezza eterna, attraverso la preghiera dei tuoi genitori e di tutta la Chiesa.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Continua a leggere

Spirito

Brasile: più evangelici che cattolici?

Pubblicato

il

Da

Gli evangelici rappresentano un terzo della popolazione in Brasile, e sono riusciti a eleggere il presidente Jair Bolsonaro, estendendo la loro presenza in tutti i settori dello sSato.

 

Con la spinta evangelica alle elezioni del 2018, il numero dei legislatori evangelici alla Camera dei Deputati è salito a 112 (pari al 21% dei 513 deputati), mentre alla Camera alta sono stati eletti 15 senatori evangelici, ovvero il 18,5% dei gli 81 membri del legislatore.

 

Un quarto di secolo prima, appena il 4% dei deputati erano evangelici. Ora è una componente dominante in Brasile.

 

Questo Paese di 215 milioni di abitanti è ancora il più grande paese cattolico del mondo, ma la sua religione dominante è in costante declino di fronte all’aumento delle congregazioni evangeliche sin dagli anni ’70, quando il 92% dei brasiliani si dichiarava cattolico. Nel 2010 erano solo il 64%.

 

Secondo i demografi, le due correnti dovrebbero bilanciarsi nel 2030. Il censimento condotto dall’Istituto Brasiliano di Geografia e statistica (IBGE), iniziato il 1° agosto 2022, mostrerà i progressi degli evangelici in Brasile sul numero dei cattolici.

 

Non abbiamo mai visto un cambiamento così rapido da nessuna parte in un Paese così importante, notano gli osservatori. La crescita evangelica si è sviluppata per quattro decenni. È iniziato con forza negli anni ’80 ed è esploso negli anni ’90 con la crescita di periferie e favelas.

 

Esenti dal pagamento dell’imposta sulla proprietà o sul reddito, le congregazioni evangeliche, attraverso tecniche di riscossione aggressiva dai loro seguaci, dispongono di considerevoli risorse economiche con le quali hanno costruito imperi mediatici che accrescono la loro influenza religiosa e politica.

 

I pastori, predicando il «vangelo della prosperità» nelle zone svantaggiate, offrono loro la prospettiva del successo e dell’arricchimento personale, in cambio della decima riscossa (10% del loro reddito).

 

Nelle città ci sono ospedali evangelici, università evangeliche, scuole evangeliche, media evangelici, case editrici evangeliche, prodotti alimentari evangelici e persino articoli di moda evangelici.

 

I templi crescono da Nord a Sud, nei territori rurali e nelle aree metropolitane, per i milioni di persone colpite dalla disoccupazione, dalla droga, dall’alcolismo o dalla violenza domestica che spesso non sono più pastoralmente servite dalla Chiesa cattolica.

 

L’«ondata evangelica» ha infatti soppiantato il cattolicesimo, in particolare tra i più poveri, nelle periferie delle grandi città, nelle favelas.

 

 

La mancanza di spiritualità e di spirito missionario della Chiesa cattolica

Secondo il Wall Street Journal, i motivi principali per cui tanti cattolici lasciano la Chiesa per altre comunità ecclesiali sono, secondo studi sociologici, che vi trovano «una maggiore unione personale con Dio» (81%) e un maggiore aiuto per i loro membri (60%).

 

adre  Martín Lasarte, sacerdote uruguaiano presente al sinodo sull’Amazzonia, ritiene che il movimento di teologia della liberazione abbia spesso posto le questioni politiche e sociali al di sopra dell’esperienza religiosa. In questo caso, «manca il senso esistenziale della gioia di vivere il Vangelo, questo incontro personale che tante denominazioni pentecostali offrono ai loro fedeli», ha affermato.

 

Alcuni movimenti cattolici in America Latina hanno cercato di riconquistare la pecora smarrita, o imitando il pentecostalismo o attraverso un certo tradizionalismo. Dagli anni ’70, il cattolicesimo carismatico ha cercato di mantenere nelle sue fila molti cattolici attratti dal pentecostalismo, con la «guarigione per fede» e il «parlare in lingue», associati alle pratiche cattoliche, in particolare alla devozione alla Vergine. Nel 2020, il 22,8% dei cattolici in America Latina era carismatico, secondo il World Christian Database.

 

Il cattolicesimo conservatore militante – più recente – enfatizza l’apologetica.

 

Uno dei principali leader è padre Paulo Ricardo, che ha 1,5 milioni di follower su Facebook: ha condannato la teologia della liberazione come eresia. Nato a Recife il 7 novembre 1967, è stato ordinato sacerdote il 14 giugno 1992 da Papa Giovanni Paolo II. Ha conseguito la Licenza in Teologia e il Master in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma.

 

Dal 2006 esercita l’apostolato sul suo blog Internet, dedicato alla «formazione teologica e spirituale dei cattolici nel mondo. Il contenuto più significativo di questo lavoro è condensato nei suoi corsi, tra i quali troviamo: “Terapia delle malattie spirituali” “Rivoluzione culturale e marxismo”, “Ingegneria della santità”, “Lutero e il mondo moderno”, “Il segreto del piccolo Teresa» e molti altri».

 

 

Il potere finanziario degli evangelici

Decime e profitti dell’impero economico gestito dalle congregazioni evangeliche in Brasile – che include reti televisive e compagnie di crociera – hanno dato al movimento forza finanziaria per finanziare campagne politiche.

 

Nel centro di San Paolo, una replica da 300 milioni di dollari del Tempio di Salomone testimonia l’ascesa fulminea dell’evangelicalismo.

 

Costruito nel 2014 da una delle più grandi e ricche denominazioni neo-pentecostali del Brasile, la Chiesa Universale del Regno di Dio, questo tempio può ospitare fino a 10.000 fedeli.

 

Molti pentecostali predicano la «teologia della prosperità» – meglio conosciuta negli Stati Uniti come il Prosperity Gospel  – secondo la quale la grazia di Dio si riflette nella ricchezza materiale.

 

Ad esempio, al Tempio di Salomone a San Paolo, uomini in giacca e cravatta stanno regolarmente davanti all’altare con borse e lettori di carte di credito per ricevere offerte, mentre il pastore promette ai suoi seguaci che se lo faranno diventeranno ricchi, facendo generose donazioni.

 

Purtroppo, nonostante abbia fatto il suo primo viaggio internazionale in Brasile nel luglio 2013 e da allora abbia visitato altri nove Paesi del continente, papa Francesco non sembra voler riconquistare il Brasile al cattolicesimo.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Palacio del Planalto via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Testo liturgico per benedire le coppie omosessuali in Belgio

Pubblicato

il

Da

Il cardinale Josef De Kesel, insieme agli altri vescovi fiamminghi del Belgio, ha pubblicato un testo liturgico destinato alla benedizione delle coppie omosessuali. Un comunicato stampa, diffuso il 20 settembre 2022, ha presentato questa liturgia.

 

 

L’intero episcopato belga non è quindi interessato da questo annuncio, che è limitato alla parte fiamminga. Così, oltre al cardinale De Kesel, arcivescovo di Mechelen-Bruxelles, ha firmato il vescovo di Anversa, mons. Johan Bonny, noto per le sue posizioni progressiste; il vescovo di Gand, mons. Lode van Hecke; quello di Hasselt, mons. Patrick Hoogmartens; e infine quello di Bruges, mons. Lodewijk Aerts.

 

Questa rappresenta ancora la metà delle diocesi del Belgio, anche se contiamo l’Ordinariato militare che fa capo al cardinale De Kesel.

 

 

Un processo guidato da un omosessuale

Il comunicato ha coinciso con l’istituzione di un «punto di contatto» dal titolo «Omosessualità e fede» inserito nel servizio interdiocesano di pastorale familiare.

 

Questo «punto di contatto» è stato posto sotto la responsabilità di Willy Bombeek, portavoce dell’educazione cattolica nelle Fiandre dal 1999 al 2017, che ha coordinato la costituzione di un gruppo di lavoro sull’argomento.

 

Bombeek afferma che «l’esperienza sessuale è un diritto anche per le persone LGBT in quanto si svolge all’interno di una relazione fedele e duratura». Un’affermazione che ha presentato al cardinale De Kesel nel febbraio 2020.

 

Bombeek non si nasconde. Ha definito l’iniziativa «rivoluzionaria». Ha così dichiarato: «Io stesso sono credente e omosessuale. Per questo i vescovi mi hanno chiesto di assumere questa missione. Penso che sia importante che la Chiesa abbia voluto specificamente nominare un credente LGBT a questa posizione».

 

La sua missione principale, ha aggiunto, sarà «ascoltare le domande della comunità LGBT» e mostrare loro chiaramente «che siamo una Chiesa accogliente che non esclude nessuno».

 

 

La «benedizione» liturgica

Il coordinatore commenta il documento dei vescovi:

 

«La Chiesa sentiva che accanto al matrimonio religioso doveva esserci qualcosa per i credenti LGBTI. Spesso ciò era già stato fatto a livello locale, ma non esisteva una forma adeguata. Ora la Chiesa fornisce una struttura che può servire per tale benedizione: un impegno e una fedeltà a lungo termine che possono essere espressi all’interno della Chiesa».

 

Il documento chiarisce che la benedizione non deve essere confusa con un matrimonio. Ma Bombeek spiega:

 

«Nella tradizione della Chiesa la parola “matrimonio” si limita al rapporto tra marito e moglie. La benedizione è del tutto equivalente, ma secondo la tradizione della Chiesa non può chiamarsi matrimonio. Ma è qualcosa di molto innovativo nel fatto che all’interno della Chiesa possiamo avere un servizio di preghiera e una benedizione per le relazioni LGBT».

 

La liturgia offre una lettura tratta dalla Sacra Scrittura, che precede «l’impegno dei due interessati». Per questo impegno si propone un testo che affermi la volontà di «essere presenti l’un per l’altro», di «lavorare per la felicità dell’altro», e che richiede la forza di essere «fedeli l’un l’altro». Conclude: «vogliamo vivere, donati l’uno all’altro per sempre».

 

Segue una preghiera della comunità perché la grazia di Dio agisca in loro per prendersi cura l’uno dell’altro, perché siano fedeli, tolleranti, attenti. Infine, dopo un Pater, viene impartita una benedizione.

 

 

I vescovi fiamminghi si difendono

Dopo delle reazioni che devono aver suscitato clamore, i vescovi fiamminghi si sono sentiti in dovere di fornire dettagli.

 

Le loro spiegazioni rilevano che «i vescovi vogliono accogliere ma non vogliono assolutamente andare oltre Amoris laetitia, nel cui tracciato si iscrivono completamente».

 

Aggiungono che, per questo testo, non si tratta di una «benedizione nuziale», ma di una benedizione che chiude una preghiera.

 

Queste spiegazioni sono tutt’altro che risolutive. In questa «liturgia» si tratta infatti di accogliere nella comunità ecclesiale una coppia omosessuale in quanto tale. Certo, non si tratta di un matrimonio, ma è esattamente ciò che è già stato condannato dalla risposta a un dubium della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF), datata 15 marzo 2021.

 

Come promemoria, il dubium chiedeva: «La Chiesa ha il potere di benedire le unioni omosessuali?» La risposta è stata: «No».

 

I vescovi possono forse credere alla loro confusa spiegazione, ma non possono impedire che il loro testo sia formalmente contrario alla decisione della CDF e, per inciso, contro la legge divina… Questa pseudo-liturgia è chiaramente un tentativo di introdurre una benedizione di coppia, e di una coppia omosessuale.

 

 

E adesso ?

La domanda è se Roma lascerà fare, come ha lasciato fare con la ribellione nelle diocesi tedesche, il 10 maggio degli anni 2021 e 2022, che ha visto la benedizione di centinaia di queste coppie per protestare contro la risposta romana.

 

Quest’anno nel movimento è stato coinvolto anche un vescovo ausiliare.

 

Queste benedizioni non hanno valore come spiega la CDF nel suo documento, perché vanno contro la volontà di Dio.

 

La Chiesa continuerà a lasciarele diffondersi?

 

In ogni caso, questo non è certo il modo per aiutare le persone coinvolte.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Philcotof via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari