Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Il booster bivalente COVID fallisce nel primo test nel «mondo reale»: rapporto CDC

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

I risultati di un recente rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention suggeriscono che il richiamo bivalente COVID-19 fa poco più che ripristinare i livelli di protezione ai livelli pre-vaccinazione.

 

 

 

A settembre, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense – nonostante le obiezioni dei propri consulenti dell’agenzia – ha autorizzato il richiamo bivalente COVID-19 di Pfizer su base di emergenza, senza alcun test o dimostrazione che i prodotti avessero alcun beneficio sugli esseri umani.

 

L’unica «emergenza» era che il crollo della domanda per le iniezioni originali di Pfizer aveva causato un calo dei profitti inaspettati della casa farmaceutica.

 

In risposta a questo imbarazzo, la scorsa settimana i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato i primi dati sull’efficacia dei booster bivalenti.

 

Utilizzando i dati e la metodologia dell’agenzia, calcoliamo un’efficacia del 9% rispetto a nessun vaccino. Tuttavia, inspiegabilmente, il CDC ha riportato un’efficacia compresa tra il 19% e il 50%, a seconda della precedente storia di vaccinazione.

 

Anche accettando il calcolo del CDC, l’autorizzazione della FDA era illegale perché le loro regole richiedono un’efficacia minima del 50% per l’autorizzazione all’uso di emergenza.

 

Diventa più interessante quando guardiamo i soggetti nello studio che sono stati completamente vaccinati ma non hanno ricevuto il nuovo richiamo. Hanno fatto molto peggio dei non vaccinati. Questa è un’ulteriore prova di qualcosa che abbiamo riportato in passato: la modesta efficacia dei «vaccini» COVID-19 dura poco, poi scende a zero e continua a scendere ben al di sotto dello zero.

 

Pochi mesi dopo la vaccinazione, i vaccinati hanno maggiori probabilità di contrarre il COVID-19 rispetto ai non vaccinati.

 

 

Analizzare lo studio

Lo studio in questione è un Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) pubblicato il 22 novembre dal CDC che presumibilmente ha dimostrato un beneficio protettivo del booster bivalente COVID-19 che è stato autorizzato per l’uso di emergenza il 1 settembre di quest’anno.

 

Gli autori del CDC hanno offerto una rara trasparenza in anticipo:

 

«Gli studi di immunogenicità post-autorizzazione hanno mostrato titoli di anticorpi neutralizzanti simili a BA.4/BA.5 dopo aver ricevuto un vaccino monovalente o bivalente contenente BA.4/BA.5 come quarta dose; tuttavia, gli studi di immunogenicità non sono generalmente progettati per misurare l’impatto clinico».

 

Analizziamolo…

 

In primo luogo, «immunogenicità» si riferisce a una risposta immunitaria sotto forma di produzione di anticorpi che può essere rilevata in un esame del sangue. È un ulteriore salto trarre conclusioni su come il tuo corpo risponderà quando sarà esposto a un vero virus.

 

Tuttavia, non è necessario che Pfizer e Moderna dimostrino che la loro nuova formulazione di richiamo preverrà il COVID-19 o qualsiasi altro esito clinico.

 

In secondo luogo, gli studi non hanno dimostrato che il booster bivalente produca una risposta anticorpale alle nuove sottovarianti di Omicron che sia migliore di un booster aggiuntivo con l’iniezione originale di COVID-19.

 

Alla luce di questi primi due punti, la prova di qualsiasi forma di efficacia del richiamo sarebbe una scoperta notevole fin dall’inizio.

 

In terzo luogo, gli studi sono stati condotti dopo il rilascio dell’autorizzazione, vale a dire «post-autorizzazione». Questa è la sceneggiatura di Alice nel paese delle meraviglie, dove il processo si svolge dopo l’esecuzione.

 

E questa nuova «prova» post-fatto non è uno studio in doppio cieco controllato con placebo del tipo che è stato fatto due anni fa per i prodotti originali di mRNA. Lo studio MMWR si è basato sui dati di persone che si sono sottoposte ai test COVID-19 nelle loro farmacie locali.

 

Tutti i «partecipanti» erano malati. Ogni persona aveva una malattia respiratoria con sintomi simili a COVID-19. Quindi lo studio è stato in grado solo di distinguere le persone malate di COVID-19 da persone altrettanto malate ma risultate negative al virus.

 

Se le persone sono ugualmente malate, perché si preoccupano se risultano positive al test per COVID-19? Le persone optano per terapie preventive non per impedire un test positivo, ma per evitare che si ammalino. Questo disegno di studio non offriva informazioni sull’unica domanda interessante.

 

Pertanto, come test di «efficacia del vaccino», questo progetto di studio era morto all’arrivo. Era destinato al fallimento.

 

 

Cosa mostrano i dati del CDC

Il tipo di analisi utilizzato qui è chiamato «disegno di studio negativo al test», nel senso che coloro che risultano negativi vengono utilizzati come gruppo di controllo per coloro che risultano positivi.

 

Questo approccio è stato un mezzo accettato e ampiamente implementato per stimare l’efficacia del vaccino antinfluenzale da parte dei sistemi di sorveglianza dal 2005. Ha il vantaggio rispetto ai tradizionali progetti di coorte o caso-controllo di essere relativamente economico e veloce da condurre.

 

Il CDC ha riferito che il richiamo bivalente ha offerto un modesto vantaggio nell’evitare un test COVID-19 positivo rispetto a coloro che hanno ricevuto la serie primaria con o senza uno o due richiami monovalenti. L’efficacia stimata del richiamo bivalente variava dal 14% al 61%, a seconda dell’età, del numero di richiami monovalenti e del tempo trascorso dall’ultima dose.

 

Numeri di efficacia più elevati sono stati trovati per le persone che avevano avuto l’ultima iniezione più di otto mesi fa. È importante notare che il booster bivalente non ha prodotto una protezione più potente in questo sottogruppo. Piuttosto, la maggiore efficacia è stata il risultato di un calo maggiore dell’immunità mediata dal vaccino in coloro che avevano aspettato più a lungo prima di ricevere il richiamo.

 

Spiegano gli autori:

 

«A causa della diminuzione dell’immunità delle dosi monovalenti, il beneficio del richiamo bivalente è aumentato con il tempo dal ricevimento della più recente dose di vaccino monovalente».

 

Gli autori hanno anche calcolato l’efficacia del richiamo bivalente rispetto a persone che non erano mai state vaccinate. Hanno riportato una «efficacia assoluta» dal 19% al 50%, a seconda dell’età e del numero di dosi monovalenti ricevute.

 

Non siamo stati in grado di replicare i loro risultati perché gli autori non hanno condiviso i numeri grezzi per ciascun sottogruppo nel loro rapporto.

 

Tuttavia, il nostro calcolo, basato sulla loro metodologia applicata ai dati aggregati di tutti i sottogruppi, ha portato a un’efficacia di richiamo bivalente di solo il 9%.

 

Abbiamo presentato una richiesta scritta agli autori per chiarimenti sui loro metodi.

 

 

Leggere tra le righe: efficacia negativa

Le proporzioni di persone con test COVID-19 positivi e negativi sono state fornite in forma aggregata ma non suddivise in sottogruppi per i quali sono stati riportati i numeri di efficacia.

 

A differenza di altri articoli scientifici pubblicati, gli MMWR del CDC non sono sottoposti a revisione paritaria e i loro autori non sono tenuti a rendere i propri dati disponibili al pubblico.

 

Gli autori hanno riportato un «beneficio relativo» maggiore per il richiamo bivalente rispetto alle persone che in precedenza erano state vaccinate e potenziate, e un «beneficio assoluto» minore rispetto ai non vaccinati.

 

Ciò implica chiaramente, anche se non è stato affermato, che i vaccinati hanno maggiori probabilità di risultare positivi al COVID-19 rispetto ai non vaccinati.

 

Secondo il nostro calcolo (basato sui dati e sulla metodologia del CDC), l’efficacia del vaccino nel prevenire un test COVID-19 positivo è stata del -17% per le persone che avevano ricevuto due iniezioni, -36% per tre iniezioni e -45% per quattro iniezioni .

 

Questa è una prova prima facie che più iniezioni monovalenti avevano le persone, meno erano protette.

 

Per ribadire: la vaccinazione con il richiamo monovalente ha dato efficacia negativa. Maggiore è il numero di dosi, maggiore è il rischio di contrarre il COVID-19. Ciò costituisce un effetto dose-dipendente, uno dei tratti distintivi della causalità.

 

Come affermato sopra, l’efficacia del richiamo bivalente in tutte le età e nelle precedenti dosi monovalenti era solo del 9% rispetto a coloro che non erano stati vaccinati. È quindi ragionevole concludere che il richiamo bivalente fa poco più che ripristinare l’immunità ai livelli pre-vaccinazione.

 

E questa scarsa protezione del 9% non è priva di costi. Questi prodotti a mRNA hanno tassi di reazioni avverse gravi , inclusa la morte, molto più elevati rispetto a qualsiasi vaccino in passato.

 

Tuttavia, gli autori del CDC lo hanno riassunto in questo modo:

 

«In questo studio sull’efficacia del vaccino delle formulazioni di richiamo dell’mRNA bivalente autorizzate negli Stati Uniti, i richiami bivalenti hanno fornito una protezione aggiuntiva significativa contro l’infezione sintomatica da SARS-CoV-2 in persone che avevano precedentemente ricevuto 2, 3 o 4 dosi di vaccino monovalente».

 

 

Conclusioni

Perché il CDC dovrebbe preoccuparsi di pubblicare un rapporto con risultati così deboli? Possiamo solo ipotizzare. Tuttavia, come «la voce del CDC», la serie MMWR è servita a guidare la narrativa «basata sulla scienza» dei media mainstream, anche quando le prove del CDC suggerivano conclusioni che contraddicevano i titoli.

 

Lo stesso fenomeno potrebbe essere in gioco anche qui. Questa volta, almeno una grande piattaforma ha fatto un ulteriore passo avanti. Piuttosto che annunciare conclusioni speciose del MMWR come verità inattaccabili, MSN, nella sua copertura di questo MMWR, ha scelto di fabbricare risultati dal nulla:

 

«I ricercatori concludono che il booster bivalente, che contiene materiale genetico sia del virus SARS-CoV-2 originale che delle varianti Omicron BA.4/5, è efficace nel proteggere le persone dal COVID-19 grave».

 

«Proteggere dal grave COVID-19» è esattamente ciò che le persone che considerano il nuovo booster vorrebbero sentire. Ma è assolutamente privo di fondamento. Il rapporto non ha misurato l’incidenza di COVID-19 grave. «COVID-19 grave» non è menzionato da nessuna parte nel rapporto.

 

Tuttavia, miliardi di dollari dei contribuenti sono già stati utilizzati per acquistare 170 milioni di dosi del nuovo prodotto bivalente.

 

Alcuni altri rapporti tradizionali sono stati più scettici nei confronti dei nuovi booster. Il New York Times, un affidabile megafono per le «raccomandazioni» del CDC, non ha dato copertura a questa storia. Tuttavia, diversi giorni prima del rilascio di MMWR, il Times ha pubblicato questo articolo: «I booster Covid impediranno un’altra ondata? Gli scienziati non sono così sicuri». La dottoressa Meryl Nass ha analizzato questa straordinaria critica del Times.

 

Le scoperte più recenti dimostrano che da due a cinque dosi dopo, coloro che hanno diligentemente seguito la «guida» del CDC sono tornati al punto di partenza. Tuttavia, la copertura mediatica di questo esercizio di futilità durato due anni potrebbe finalmente cambiare.

 

 

Josh Mitteldorf, Ph.D.
Madhava Setty, MD

 

 

 

© 30 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccino e danni cardiaci nei giovani, la FDA trova prove di un serio segnale di sicurezza, ma dice che le iniezioni sono «sicure»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

I giovani adolescenti che hanno fatto il vaccino mRNA COVID-19 hanno un rischio più elevato di infiammazione cardiaca, secondo un nuovo studio della Food and Drug Administration degli Stati Uniti – i ricercatori hanno affermato che i risultati dello studio forniscono «prove aggiuntive per la sicurezza dei vaccini COVID-19 in pediatria popolazione».

 

 

I bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che hanno ricevuto il vaccino mRNA COVID-19 affrontano un rischio maggiore di infiammazione cardiaca, secondo un nuovo studio della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

 

Ma poiché lo studio ha identificato solo un segnale di sicurezza per due condizioni cardiache – miocardite e pericardite – nei bambini «questi risultati forniscono ulteriori prove della sicurezza dei vaccini COVID-19 nella popolazione pediatrica», hanno concluso i ricercatori della FDA.

 

Il cardiologo Peter McCullough ha detto di non essere d’accordo. «La mia preoccupazione è che questi dati rappresentino una grave sottostima della frequenza e della gravità della miocardite indotta dal vaccino COVID-19», ha detto McCullough a The Epoch Times.

 

«Ci sono stati più di  200 articoli nella letteratura sottoposta a revisione paritaria e oltre 100 casi mortali documentati in gran parte tra giovani uomini, età massima 18-24 anni, alcuni con infiammazione cardiaca del vaccino COVID-19 provata dall’autopsia che ha portato alla morte», ha aggiunto McCullough.

 

Nello studio, pubblicato lunedì su JAMA Pediatrics, i ricercatori della FDA hanno esaminato i risultati sulla salute di oltre 3 milioni di bambini che hanno ricevuto il vaccino mRNA Pfizer fino alla metà del 2022.

 

I ricercatori hanno scoperto che il numero di casi sia di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, sia di pericardite, infiammazione del tessuto che circonda il cuore, era abbastanza alto da soddisfare i criteri per un segnale di sicurezza.

 

I ricercatori hanno anche trovato segnalazioni di casi di miocardite e pericardite tra i bambini vaccinati dai 5 agli 11 anni, ma non abbastanza per attivare un segnale di sicurezza, hanno dichiarato.

 

Conclusioni «abbastanza ridicole» e «politiche», dicono gli esperti

Norman Fenton, Ph.D., professore emerito di rischio presso la Queen Mary University di Londra, ha definito «piuttosto ridicola» l’affermazione secondo cui i risultati forniscono ulteriori prove che i vaccini sono sicuri nei bambini.

 

Ha detto che la conclusione non aveva senso dato che il segnale era sia forte che «probabilmente sottovalutato date alcune ovvie debolezze dello studio» e anche che i bambini di quell’età non corrono alcun rischio di COVID-19 ma hanno un rischio maggiore di contrarre COVID -19 se sono vaccinati.

 

Anche il dottor Kirk Milhoan, un cardiologo pediatrico, ha dichiarato a The Defender che l’affermazione sulla sicurezza non ha retto perché lo studio ha identificato due segnali di sicurezza. «Il segnale è ciò che indica che non sono al sicuro», ha detto.

 

Ha detto che con precedenti vaccini per bambini come RotaShield, il primo vaccino per prevenire la gastroenterite da rotavirus, circa 100 casi di intussuscezione o ripiegamento dell’intestino correlati al vaccino, hanno portato alla conclusione che non era sicuro ed è stato ritirato dal mercato.

 

Tuttavia con la miocardite nei giovani, ha detto, «siamo a migliaia» e i casi sono probabilmente sottostimati.

 

Gli esperti mettono in dubbio la metodologia dello studio

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche delle richieste di assistenza sanitaria archiviate in tre database di richieste di assicurazione sanitaria commerciali gestiti da Optum, HealthCore e CVS Health.

 

Hanno esaminato le richieste di risarcimento presentate per diversi possibili eventi avversi correlati al vaccino entro una finestra temporale successiva alla vaccinazione che variava per i diversi eventi studiati.

 

Hanno trovato 153 casi di miocardite o pericardite tra i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni. I bambini hanno cercato assistenza per i loro sintomi in media entro sette giorni dalla vaccinazione.

 

Il periodo di studio dei ricercatori è iniziato nel dicembre 2020, quando la FDA ha autorizzato il vaccino Pfizer per uso di emergenza e si è protratto fino a maggio o giugno 2022, a seconda del database.

 

La FDA ha anche monitorato i database per altri 18 potenziali eventi avversi che includevano anafilassiparalisi di Bell, ictus emorragico della sindrome di Guillain-Barré e altri, ma lo studio ha riportato che nessuna delle altre condizioni soddisfaceva i criteri per un segnale di sicurezza.

 

I ricercatori hanno riferito che i loro risultati erano coerenti con altri risultati in pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria che hanno dimostrato un rischio elevato di miocardite e pericardite dopo i vaccini a mRNA, specialmente tra i maschi più giovani di età compresa tra 12 e 29 anni.

 

Alcuni esperti hanno messo in dubbio la metodologia dello studio, osservando che le finestre di rischio erano brevi dato che alcuni effetti possono richiedere del tempo per esprimersi e che la soglia del segnale per alcuni criteri era fissata così alta che avrebbero dovuto verificarsi con una frequenza doppia rispetto ai non vaccinati per essere riconosciuto come segnale.

 

Hanno anche affermato che le categorie di risultati a volte erano eccessivamente ristrette e che alcuni eventi avversi non erano nemmeno stati presi in considerazione.

 

«Penso che l’idea che guardino solo 20 eventi avversi molto specifici [eventi avversi] e poi li dichiarino al sicuro non trovando nulla sia molto miope», il docente dell’Università Ebraica Joshua Guetzkow, Ph.D , ha scritto in una mail.

 

Gli esperti hanno anche affermato che lo studio non ha tenuto conto degli effetti del «pregiudizio dell’utente sano», in cui le persone che assumono determinati trattamenti tendono ad essere più sane delle persone che non lo fanno, solitamente legate a fattori socio-economici.

 

La ricerca ha dimostrato che le persone che decidono di vaccinarsi tendono ad essere più sane di quelle che non lo fanno.

 

In questo caso, tutte le persone nello studio sono state vaccinate, completamente assicurate per l’intera durata dello studio e in grado di visitare un medico che ha mantenuto la loro documentazione sanitaria continua.

 

Milhoan ha aggiunto che prima di COVID-19, non era pratica comune per gli articoli scientifici dare riconoscimenti alla salute pubblica alla fine degli articoli.

 

In precedenza, ha detto, i ricercatori non implicavano raccomandazioni, dicevano semplicemente: «Questo è ciò che abbiamo trovato dal punto di vista medico… Queste affermazioni sulla salute pubblica non sono scientifiche, sono politiche».

 

 

Brenda Baletti

Phd.

 

 

 

© 25 maggio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Vaccini

Cerotti vaccinali per neonati, finanziati da Bill Gates. Esperimenti africani «riusciti»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Una società biotecnologica con sede ad Atlanta la scorsa settimana ha dichiarato di aver concluso con successo il primo test clinico in assoluto – con l’aiuto della Bill & Melinda Gates Foundation – di un vaccino senza iniezione di microarray [microaghi, ndt]su bambini di appena 9 mesi.

 

 

Una società biotecnologica con sede ad Atlanta la scorsa settimana ha dichiarato di aver concluso con successo il primo test clinico in assoluto di un vaccino a microarray [microaghi, ndt] senza iniezione  su bambini di appena 9 mesi.

 

Micron Biomedical ha testato la somministrazione a base di microaghi del vaccino morbillo-rosolia (MR) sui bambini in Gambia con il sostegno della Bill & Melinda Gates Foundation e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

 

Le iniezioni di microarray vengono somministrate tramite un cerotto di microaghi che assomiglia a un cerotto e viene applicato premendolo sulla pelle. Una volta applicati, i microaghi penetrano nello strato superiore della pelle per rilasciare il vaccino.

 

Lo studio, che i ricercatori hanno presentato la scorsa settimana alla conferenza Microneedles 2023 a Seattle, ha valutato la sicurezza, l’immunogenicità e l’accettabilità del principale vaccino MR disponibile in commercio del Serum Institute of India fornito dalla tecnologia dei microarray di Micron in adulti, bambini e neonati.

 

I fautori di questo metodo di vaccinazione, come GAVI Vaccine Alliance – di cui la Gates Foundation è membro fondatore – definiscono i cerotti «il futuro della vaccinazione, dove questi interventi salvavita vengono erogati senza dolore, senza bisogno di siringhe o forse anche addestrati professionisti medici».

 

«Sostenere le innovazioni nella somministrazione dei vaccini è fondamentale per affrontare le disuguaglianze sanitarie in corso», ha affermato nel comunicato stampa James Goodson, co-ricercatore dello studio e scienziato senior ed epidemiologo presso la divisione di immunizzazione globale del CDC.

 

Goodson ha aggiunto che lo studio è anche un passo fondamentale verso l’ottenimento della licenza delle patch.

 

Gli sviluppatori pubblicizzano la tecnologia come indolore – sembra velcro, affermano – e più termostabile dei vaccini tradizionali.

 

Ciò renderebbe più facile la distribuzione globale diffusa dei vaccini, hanno affermato, in particolare nelle aree in via di sviluppo che potrebbero non disporre di infrastrutture, come la refrigerazione, e di professionisti qualificati.

 

 

Il mercato dei vaccini a microaghi vale miliardi

Il CEO di Micron, Steven Damon, ha dichiarato che «Micron, con il supporto della Bill & Melinda Gates Foundation e del CDC, è entusiasta di raggiungere un traguardo importante nel futuro della somministrazione senza iniezione di vaccini e terapie necessari e potenzialmente salvavita».

 

Con questo studio, l’azienda rimane in prima linea nel portare sul mercato prodotti vaccinali basati su microarray, ha affermato Damon.

 

La Fondazione Gates, il CDC, l’UNICEF, il PATH – un’altra organizzazione fortemente finanziata da Gates – e la Georgia Research Alliance hanno fornito a Micron un finanziamento di 40 milioni di dollari per sviluppare la sua tecnologia di cerotti a microaghi.

 

Nel 2017, la Fondazione Gates ha concesso a Micron una sovvenzione di 2,2 milioni di dollari per sviluppare il cerotto con microaghi per il vaccino MR e altri 900 milioni di dollari nel 2022 per la poliomielite.

 

Negli ultimi mesi, Micron ha anche ricevuto finanziamenti significativi da investitori come Global Health Investment Corporation e LTS Lohmann. E meno di due settimane fa, poco prima di presentare i risultati dello studio alla conferenza Microneedles 2023, la società si è assicurata un ulteriore investimento di 3 milioni di dollari da J2 Ventures, portando il finanziamento totale della serie A a 17 milioni di dollari.

 

Il finanziamento di series A, il primo round di finanziamento per una startup dopo che ha dimostrato un certo successo con il finanziamento iniziale, precede un’offerta pubblica.

 

Sono in corso anche le prove per i cerotti vaccinali contro COVID-19l’influenza stagionale e l’epatite B, mentre i cerotti contro il papillomavirus umano, il tifo e il rotavirus sono in fase di sviluppo preclinico.

 

Si prevede che il mercato dei vaccini con microaghi per il solo vaccino antinfluenzale raggiungerà i 2,3 miliardi di dollari entro il 2030.

 

L’anno scorso, Mark Prausnitz, Ph.D., co-fondatore e capo consulente scientifico di Micron Biomedical, ha presentato la tecnologia di Micron a una tavola rotonda della Casa Bianca, Innovation in Vaccine Delivery.

 

Il panel, presieduto dal dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health, ha esplorato «un percorso verso vaccini COVID-19 innovativi e di nuova generazione e tecnologie di somministrazione dei vaccini».

 

«Questa tecnologia ha un potenziale rivoluzionario per estendere la portata dei vaccini in contesti con risorse limitate e durante le pandemie», ha dichiarato a GAVI David Hoey, presidente e CEO di Vaxxas, una società di biotecnologie con sede a Brisbane, in Australia.

 

L’azienda di Hoey ha cerotti contro morbillo e rosolia, COVID-19 e influenza stagionale negli studi sull’uomo.

 

 

«Sicuro e ben tollerato senza reazioni allergiche o eventi avversi gravi correlati»

Quarantacinque adulti, 120 bambini piccoli (15-18 mesi) e 120 neonati (9-10 mesi) sono stati arruolati nella sperimentazione clinica e randomizzati a ricevere il vaccino MR tramite microarray di Micron o tramite iniezione sottocutanea, ovvero sotto la pelle.

 

Lo studio non è stato ancora pubblicato, ma in un comunicato stampa Micron ha riferito che la vaccinazione mediante microarray è risultata «sicura e ben tollerata senza reazioni allergiche o eventi avversi gravi correlati».

 

Lo studio ha riportato tassi di sieroprotezione simili di circa il 90% o più dopo 42 giorni per i gruppi che hanno ricevuto il microarray e le iniezioni sottocutanee.

 

«In generale, i genitori erano molto positivi riguardo alla possibilità di vaccinare i loro bambini piccoli senza ago», ha detto Damon.

 

I cerotti transdermici sono disponibili per malattie come la cinetosi dal 1979, ma molti tipi di farmaci non possono essere somministrati attraverso la pelle perché essa costituisce una barriera efficace.

 

Secondo GAVI, lo sviluppatore di vaccini Prausnitz ha trascorso anni cercando di sviluppare modi per attraversare la barriera cutanea per aiutare nella somministrazione di farmaci, ma è stato solo quando ha iniziato a collaborare con persone esperte in microchip per computer che è stato in grado di trovare modi per penetrare la barriera naturale della pelle.

 

Quindi ogni vaccino ha bisogno della propria formulazione che possa funzionare con quella tecnologia.

 

 

Trasferimento di «sperimentazioni cliniche su larga scala di farmaci non testati o non approvati nei mercati in via di sviluppo»

Secondo Fierce Pharma, la decisione di Micron di lanciare il primo test in assoluto della nuova tecnologia sui bambini in Africa «riflette la convinzione che la tecnologia dei microaghi sia particolarmente adatta alla somministrazione di vaccini in quella parte del mondo».

 

«La tecnologia dei microaghi, come questa, è considerata una componente chiave per il controllo del morbillo nell’Africa sub-sahariana e altrove. Ciò riflette, tra le altre cose, la potenziale facilità di consegna, i ridotti requisiti della catena del freddo e l’assenza di rifiuti taglienti», ha dichiarato Ed Clarke, Ph.D., in una nota.

 

Clarke, il ricercatore della London School of Hygiene and Tropical Medicine che guida lo studio, ha anche ricevuto denaro dalla Gates Foundation per studiare altri vaccini in Gambia.

 

Molti studiosi hanno sollevato la preoccupazione che la ricerca condotta dalle organizzazioni internazionali nel sud del mondo, e dalla Fondazione Gates in particolare, possa mancare di responsabilità e portare a gravi danni alla popolazione sottoposta a test.

 

Un articolo pubblicato nell’Annual Survey of International and Comparative Law ha rilevato che «queste campagne sanitarie [condotte in India e in Africa], con il pretesto di salvare vite umane, hanno trasferito sperimentazioni cliniche su larga scala di farmaci non testati o non approvati verso mercati in via di sviluppo in cui la somministrazione di farmaci è meno regolamentato e più economico».

 

Il comitato editoriale di The Lancet ha anche sollevato domande sulla ricerca finanziata da Gates in contesti a basso reddito, sottolineando la trasparenza limitata della fondazione e l’enorme potere di dirigere i programmi sanitari e la ricerca con i suoi finanziamenti.

 

 

Brenda Baletti

Phd.

 

 

 

© 22 maggio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Essere genitori

Aumento di «miocarditi gravi» tra i bambini britannici

Pubblicato

il

Da

Le autorità sanitarie pubbliche nel Regno Unito stanno indagando su un picco «insolito» nei casi di miocardite grave nei neonati che hanno colpito 15 bambini e causato la morte di almeno due, secondo una dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 

Martedì 16 maggio l’OMS ha emesso un avviso richiamando l’attenzione su un forte aumento dei casi di «miocardite grave» neonatale tra giugno 2022 e marzo 2023 nel Galles meridionale e nel sud-ovest dell’Inghilterra.

 

È stato riferito che questi casi sarebbero «associati all’infezione da enterovirus», che la dichiarazione corrispondente delle autorità sanitarie gallesi affermava «raramente colpisce il cuore».

 

I 15 neonati hanno mostrato sintomi coerenti con la sepsi e il test PCR di nove ha indicato la presenza di due tipi di enterovirus (coxsackie B3 o coxsackie B4).

 

Al 20 aprile 2023, tre di questi nove bambini piccoli erano stati ricoverati in ospedale, quattro erano stati curati come pazienti ambulatoriali e due erano morti. I restanti sei bambini sono stati identificati retrospettivamente e sono in attesa di ulteriori informazioni sul loro stato attuale.

 

«L’aumento segnalato di miocardite grave nei neonati e nei bambini associati all’infezione da enterovirus è insolito», ammette l’OMS. «Nello stesso ospedale (che copre la regione del Galles meridionale) negli ultimi sei anni, è stato identificato solo un altro caso simile».

 

Secondo il quotidiano britannico Daily Mail, un altro neonato è morto di miocardite nel marzo 2022 ma non fa parte del periodo di cluster definito dalla sanità pubblica del Galles e quindi non è oggetto di indagine con gli altri 15 neonati.

 

Joann Edwards, di Mountain Ash nel Galles meridionale, ha dato alla luce suo figlio Elijah il 25 febbraio 2022. Pochi giorni dopo essere tornato a casa, il bambino è diventato letargico, era stitico, ha sviluppato l’ittero ed è stato portato in ospedale da lei e dal suo marito dopo che il figlio ha smesso di nutrirsi.

 

Gli è stata diagnosticata la sepsi e la miocardite ed è morto pochi giorni dopo il ricovero.

 

Riconoscendo la curiosa tempistica di tali tragedie, la consulente anatomopatologa britannica Clare Craig ha dichiarato al giornale americano Epoch Times che c’è «un enorme dubbio sul fatto che questi bambini o le mamme siano o meno vaccinati» per il COVID-19.

 

In una conferenza all’Hillsdale College, Naomi Wolf ha descritto come le nanoparticelle lipidiche delle iniezioni basate sul gene dell’mRNA COVID avrebbero la capacità di attraversare la placenta durante le gravidanze e persino di farsi strada nel latte materno, arrestando la crescita, ferendo e talvolta persino uccidendo i bambini allattati.

 

«I bambini che venivano allattati, nei documenti [del processo] Pfizer, hanno subito convulsioni e un bambino è morto al pronto soccorso dopo essere stato allattato da una madre vaccinata, per insufficienza del sistema multiorgano», ha spiegato Wolf alla conferenza all’Hillsdale, dove era presente anche Robert F. Kennedy jr.

 

Le affermazioni della Wolf sono state attaccate dai fact–checker.

 

La miocardite, che alcuni ritengono che in forma migliore può essere causata anche dall’infezione di COVID-19, è una malattia che può portare alla morte. Casi certificati di morti per miocardite da vaccino mRNA si sono avuti sia tra giovani che tra bambini piccoli.

 

La consapevolezza del ruolo del vaccino nella possibile manifestazione di questa malattia cardiaca, specie nei giovaniè diffusa presso praticamente tutte le istituzioni sanitarie dei Paesi del mondo.

 

Disturbo fino a poco fa abbastanza raro, abbiamo visto incredibili tentativi di normalizzare la miocardite infantile con spot a cartoni animati.

 

Come riportato da Renovatio 21, la miocardite in settori dello sport è oramai un fenomeno impossibile da ignorare.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari