Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Disegni disturbanti: ecco gli effetti dei lockdown sui bambini

Pubblicato

il

Un professore associato di psicologia ha rivelato inquietanti disegni di bambini in lockdown COVID che mostrano temi di morte, perdita, solitudine e restrizione. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail.

 

In uno studio del dott. Richard Jolley e dei co-ricercatori dott.ssa Sarah Rose, dott.ssa Richard Jolley e dott.ssa Claire Barlowe della Staffordshire University, a 68 bambini tra i 4 e i 14 anni è stato chiesto di riflettere riguardo la loro esperienza con il COVID disegnando cosa sentono e cosa pensano.

 

Un bambino ha disegnato una figura angosciata con tutti e quattro gli arti legati a quello che sembra un letto d’ospedale e ha scritto «legato».

 

 

Un altro ha disegnato una cellula COVID personificata accanto a un’immagine sconvolta di se stesso intitolando l’opera «penso che il COVID sia felice e mi ha rubato il sorriso».

 

Altri temi comuni dei disegni infantili includevano mobili ed edifici mentre sette bambini presentavano la morte e la perdita nel loro lavoro.

 

«Lo studio ha evidenziato che gli impatti dei lockdown sui bambini includevano una maggiore solitudine, una ridotta attività fisica e una diminuzione del benessere mentale» scrive il Daily Mail.

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Lo stress da pandemia ha ridotto il cervello dei bambini

Pubblicato

il

Da

Secondo un nuovo studio, le parti vitali del cervello sono significativamente più piccole nei bambini nati da madri che hanno riferito di aver sofferto di stress durante la pandemia.

 

L’amigdala sinistra, che è legata al rischio di ansia in età adulta; l’ippocampo destro, responsabile delle memorie spaziali visive e verbali; e la sostanza bianca, che fornisce la connettività strutturale nel cervello, erano tutte ridotte nei bambini le cui madri avevano riportato stress. La diminuzione del volume dell’amigdala sinistra era significativa.

 

La ricerca è un’ulteriore prova evidente del fatto che la pandemia avrà effetti sullo sviluppo a lungo termine sui bambini che sopravvivono o sono nati durante la pandemia.

 

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica (MRI) per confrontare il cervello di poco più di 100 bambini nati tra il 2014 e il 2019 e quasi 60 bambini nati durante la pandemia, 2020-2022. Il cervello dei bambini è stato ripreso nell’utero e dopo il parto.

Iscriviti al canale Telegram

Le loro madri sono state valutate per lo stress utilizzando lo Spielberger State-Train Anxiety Inventory e altri test.

 

Prima della pandemia, il 21% delle madri riferiva un’ansia elevata, mentre il 62% delle madri incinte durante la pandemia riferiva sintomi elevati.

 

Queste cifre corrispondevano a una diminuzione del volume del cervello.

 

Lo studio mostra che un’intera generazione di bambini nati durante la pandemia potrebbe aver bisogno di un sostegno aggiuntivo a causa delle conseguenze negative sulla salute derivanti dal lockdown, dalle restrizioni sociali e dall’aumento di stress e ansia.

 

«Guardando al futuro, vogliamo utilizzare queste informazioni – e studi con risultati simili – per consentire alle madri incinte di richiedere supporto per mitigare il loro stress, soprattutto in caso di un’altra crisi sanitaria globale», ha affermato Nickie Andescavage, uno degli autori dello studio.

 

«Vogliamo anche assicurarci che i bambini nati durante il periodo COVID-19 ricevano i servizi di cui hanno bisogno nella vita se sviluppano ansia o altri disturbi di salute mentale».

 

Negli anni Renovatio 21 la quantità di danni allo sviluppo mentale dei bambini che restrizioni pandemiche come l’obbligo di mascherina e le altre restrizioni sembrano aver cagionato: bambini con problemi nel linguaggio e nelle relazionibambini che non riconoscono i voltilogopedisti intasati, e miriadi di casi di quello che oramai chiamano «ritardo da COVID».

 

In Gran Bretagna, per 25 bimbi morti di COVID, centinaia sono morti per suicidio, per non parlare o del ritardo di sviluppo che ora affligge i bambini, con 60 mila piccoli (sempre dato inglese) finiti in depressione e altre decine di migliaia nemmeno in grado di riconoscere i volti o di dire il proprio nome.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Essere genitori

I neonati che fanno più vaccini contemporaneamente hanno un rischio «esponenzialmente» maggiore di malattie e ritardi nello sviluppo: studio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   Secondo uno studio peer-reviewed pubblicato mercoledì sull’International Journal of Vaccine Theory and Practice, più vaccini un bambino riceve contemporaneamente, maggiore è la possibilità che sviluppi un’infezione, una malattia respiratoria o ritardi nello sviluppo in seguito alle vaccinazioni.   «Se i segnali di sicurezza suonassero allarmi, i risultati sarebbero assordanti», ha detto a The Defender l’autore principale Karl Jablonowski, Ph.D., ricercatore senior presso Children’s Health Defense (CHD). «Il numero assoluto di malattie aumenta esponenzialmente con ogni vaccino aggiunto».   Jablonowski e il direttore scientifico del CHD Brian Hooker, Ph.D., hanno analizzato i dati di 20 anni relativi a 1.542.076 combinazioni di vaccini somministrate a bambini di età inferiore a 1 anno.   I dati, raccolti dal 1 luglio 1991 al 31 maggio 2011, provengono dal database Florida Medicaid disponibile al pubblico, che contiene più di 460 milioni di richieste di fatturazione da oltre 10 milioni di persone.   I ricercatori hanno esaminato le diagnosi mediche fornite ai bambini vaccinati entro 30 giorni dalla vaccinazione. Hanno escluso le diagnosi fatte il giorno in cui i bambini hanno ricevuto le iniezioni, per eliminare ogni possibile condizione preesistente.

Iscriviti al canale Telegram

Lo studio ha confrontato i bambini che hanno ricevuto tre «vaccini base» con i bambini che hanno ricevuto gli stessi vaccini più altri in un’unica visita dal pediatra.   Il gruppo di controllo era costituito da 227.231 casi di neonati che in una sola visita avevano ricevuto il DTP, l’Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) e il vaccino contro il poliovirus inattivato (IPV).   Hanno confrontato i risultati medici di quel gruppo con i risultati di coorti di neonati che avevano ricevuto anche il vaccino contro l’epatite B (HepB), il vaccino pneumococcico (PCV) o il vaccino contro il rotavirus, o diverse combinazioni di due o tre di questi vaccini somministrati insieme.   I ricercatori hanno trovato nel database sette coorti di neonati che hanno ricevuto diverse combinazioni di vaccini – che vanno, ad esempio, dai vaccini base più HepB ai vaccini base più HepB, PCV e rotavirus – e li hanno confrontati con il gruppo di controllo.   Hanno utilizzato il modello statistico Fisher’s Exact Test per confrontare la frequenza di una particolare malattia in seguito alle iniezioni in una coorte con la frequenza della stessa malattia in un’altra coorte.   Hanno inoltre utilizzato la correzione Bonferroni, un potente strumento statistico, per eliminare eventuali risultati casuali e hanno implementato una barra alta per identificare la significatività statistica.   «Con qualsiasi test statistico non puoi mai essere sicuro al 100% dei tuoi risultati», ha detto Jablonowski. «Tuttavia, abbiamo fissato il nostro livello così alto che siamo sicuri al 99,99% che le malattie che segnaliamo siano associate alle combinazioni di vaccini».   Hanno identificato 45 diverse diagnosi statisticamente significative per malattie respiratorie, dello sviluppo e sospette infettive in seguito alle diverse combinazioni di vaccini.   Hanno riassunto le malattie e il loro relativo rischio, o la probabilità che si verificassero nel gruppo esposto a vaccini in eccesso, per le varie coorti.   Nel complesso hanno scoperto che con l’aumento del numero di iniezioni somministrate ai bambini in una singola visita medica, il numero di diagnosi di malattie respiratorie o infettive dello sviluppo entro 30 giorni dalle iniezioni è aumentato in modo esponenziale.   Ogni iniezione aggiuntiva ha più che raddoppiato il numero di diverse malattie diagnosticate.   Ad esempio, un vaccino aggiuntivo ha provocato una media di sette malattie aggiuntive che si sono verificate a tassi statisticamente significativi in ​​una data coorte di bambini.   Due vaccini aggiuntivi hanno provocato una media di 15 malattie e tre vaccini somministrati hanno provocato altre 35 malattie.   Le malattie respiratorie – tra cui tosse, asma, bronchite ostruttiva e molte altre – erano le condizioni ricorrenti più comuni a seguito di qualsiasi diversa combinazione di vaccini.   Jablonowski e Hooker hanno affermato che le malattie respiratorie probabilmente si sono verificate a causa di una «risposta immunitaria disadattata e di uno scarso adattamento ai fattori ambientali» indotta dal vaccino.   Condizioni di sviluppo come la «incapacità di crescita» – in cui lo sviluppo fisico, mentale o sociale di un bambino è ritardato, anormale o cessa – si sono verificate in quattro gruppi. I ricercatori hanno suggerito che fosse il risultato dei vaccini che causavano disregolazione nel sistema respiratorio e immunitario.   Un’infezione comune era la leucocitosi, un numero elevato di globuli bianchi che può indicare una serie di infezioni, infiammazioni o disturbi del sistema immunitario. Un altro esempio serio includeva la sepsi, che si è verificata nel gruppo che ha ricevuto il maggior numero di iniezioni contemporaneamente: le iniezioni base più HepB, PCV e rotavirus.

Sostieni Renovatio 21

È «incredibilmente sconsiderato» che finora non siano stati condotti studi sugli effetti di più vaccini

Il programma di vaccinazione infantile 2024 dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) comprende 77 dosi totali di vaccino per i bambini di età compresa tra 0 e 18 anni.   Il programma 2024 è stato ampliato per includere i vaccini pneumococcici e COVID-19 e gli anticorpi monoclonali nirsevimab, che tecnicamente non sono vaccini ma sono inclusi nel programma.   In confronto, nel 1986 il CDC raccomandava 11 dosi di 7 vaccini entro i 16 anni, inclusi i vaccini MMR (morbillo, parotite, rosolia), DTP e antipolio.   Ad eccezione del vaccino HepB, raccomandato per i neonati nelle prime 24 ore di vita, raramente i neonati ricevono un singolo vaccino alla volta.   Molti vaccini, come il DTP, combinano diversi vaccini per più malattie in un’unica dose. Inoltre, per aderire al programma del CDC, i pediatri somministrano comunemente cinque o sei vaccini e combinazioni di vaccini ai bambini ad ogni visita di 2, 4 e 6 mesi.   Tuttavia, affermano gli autori, non sono stati condotti studi appropriati per valutare gli effetti della combinazione dei vaccini.   «Sfortunatamente, c’è una scarsità di ricerche completate sulla somministrazione di vaccini multipli come raccomandato dal programma del CDC», ha detto Hooker a The Defender. «I vaccini sono “magici”, quindi nessuno mette in dubbio di aggiungerne altri al programma».   Il risultato è che, sebbene le agenzie per la sicurezza sanitaria possano affermare che i singoli vaccini sono sicuri, qualsiasi affermazione sulla sicurezza delle combinazioni di vaccini è infondata, hanno scritto gli autori.   «In pochi secondi, un bambino di 2 mesi visitato da un pediatra conforme al CDC può aspettarsi di ricevere vaccini per HepB, rotavirus, difterite, tetano, pertosse, HIB, 15 o 20 diverse varianti pneumococciche, poliomielite e forse RSV», ha detto Jablonowski.   «È incredibilmente sconsiderato che i danni delle combinazioni non siano stati studiati», ha aggiunto.   Hooker ha affermato che è degno di nota il fatto che né la Food and Drug Administration statunitense né il CDC, che formula le raccomandazioni sul programma, abbiano mai condotto questi studi.   «Abbiamo intenzione di continuare a completare questo tipo di ricerca, data l’enorme carenza di dati scientifici accurati e pertinenti sulla sicurezza dei vaccini», ha affermato.   Brenda Baletti Ph.D.   © 29 maggio 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.
Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Essere genitori

Vaccini COVID, il numero di bambini morti dopo le iniezioni è molto più alto di quanto indicato dai rapporti dei database, afferma l’analista

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Molti rapporti VAERS elencano «età sconosciuta» per le persone che sono rimaste danneggiate o sono morte a seguito di un vaccino COVID-19. L’analista del VAERS Albert Benavides ha detto che uno sguardo più attento ai riassunti dei rapporti spesso rivela l’età della vittima, ma il VAERS non aggiorna i rapporti per riflettere questo. Se così fosse, il numero di decessi infantili dopo il vaccino sarebbe molto più alto.

 

Morti fetali e aborti spontanei, arresto cardiaco improvviso, morte improvvisa e suicidi: queste sono alcune delle cause di morte elencate nelle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) sui bambini che hanno fatto un vaccino COVID-19.

 

Tuttavia, questi rapporti non contano nel numero totale di morti infantili elencate nei dati VAERS perché l’età delle vittime è ufficialmente elencata come «sconosciuta», secondo l’analista del VAERS Albert Benavides .

 

Benavides ha esaminato i dati per il suo sito web VAERSAware.com, e ha fornito collegamenti a molti di questi rapporti sulla morte di bambini di «età sconosciuta» sul suo sito.

 

I dati VAERS al 31 maggio elencano 197 decessi infantili in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19.

 

Tuttavia, Benavides ha dichiarato a The Defender: «ci sono circa 418 decessi adeguatamente documentati di bambini di età inferiore a 18 anni. Ci sono altri circa 120 decessi di bambini in cui la narrazione riassuntiva afferma “bambino, neonato, neonato, bambino”».

 

Benavides ha identificato questi rapporti di «età sconosciuta» utilizzando un algoritmo e un «intervento manuale».

 

Benavides ha affermato che i suoi risultati indicano che «il totale attuale è di circa 538» morti infantili. Ha affermato che la sottostima non è insolita per il VAERS, sottolineando che la sua ricerca mostra che «il 30% di tutte le segnalazioni di COVID-19 nel VAERS hanno un’età sconosciuta».

 

«Sembra che ci sia almeno la morte di un bambino nascosto in ogni aggiornamento del VAERS», ha detto Benavides.

Iscriviti al canale Telegram

Un rapporto di Harvard del 2011 ha rilevato che meno dell’1% di tutti gli eventi avversi vengono segnalati al VAERS, ma Benavides ha affermato che le morti infantili sembrano essere nascoste a un tasso superiore alla media rispetto alle segnalazioni di morti adulte.

 

Secondo un articolo di Benavides e del biologo evoluzionista Herve Seligmann, Ph.D., le segnalazioni sui bambini presentano più età mancanti nel campo età VAERS in proporzione o percentuale rispetto alle coorti più anziane.

 

«Seligmann ha analizzato i campi relativi all’età mancante con resoconti riassuntivi adeguatamente documentati e ha quantificato che le coorti di età più giovane hanno una maggiore propensione all’età mancante rispetto agli adulti», ha detto Benavides.

 

«Queste età mancanti non sembrano organiche, soprattutto per i bambini». Benavides ha aggiunto che sono, «oserei dire, nascosti».

 

Benavides ha suggerito che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che amministrano il VAERS, stanno offuscando i dati reali sulla morte dei bambini vaccinati.

 

«Se l’età è adeguatamente documentata nella descrizione riepilogativa, perché non dovrebbe essere presa una decisione manageriale per aggiornare eticamente un campo età vuoto e correggere la supervisione del mittente?» ha detto.

 

«Secondo la mia opinione di esperto in qualità di ex revisore dei sinistri HMO, l’età corretta potrebbe essere stata inserita nel campo dell’età al momento dell’invio, ma nelle minuzie del processo di aggiudicazione, l’elemento dei dati del campo dell’età è stato cancellato o scomparso».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«Ho tra le braccia un bambino morto di 6 anni»

I rapporti di «età sconosciuta» identificati da Benavides suggeriscono numerosi aborti spontanei, morti fetali e morti di bambini. Ci sono anche diverse segnalazioni di bambini morti a causa di miocardite o arresto cardiaco, o morti improvvisamente. Altre segnalazioni riguardano bambini atleti deceduti o bambini deceduti dopo la vaccinazione a scuola.

 

The Defender ha esaminato un campione di denunce di morte infantile di «età sconosciuta» nel VAERS. «Ho un bambino morto di 6 anni tra le mie braccia; Il vaccino non funziona», si legge in un rapporto.

 

In alcuni casi morirono neonati e bambini piccoli.

 

  • Un bambino di 12 giorni di sesso non specificato proveniente da fuori degli Stati Uniti è morto il 9 marzo 2022. La madre 36enne del bambino aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 9 giugno 2021, durante il suo primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «Bambino nato e morto il 9 marzo 2022 di cardiomiopatia. Nessuna storia familiare di patologie cardiache. Tutti e tre i vaccini sono stati ricevuti durante la gravidanza».

 

  • Un bambino di 5 mesi ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 aprile 2021 ed è morto il 2 maggio 2021.

 

  • Una bambina di 2 anni ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 25 febbraio 2021. Il 1 marzo 2021, «la paziente ha subito una sorta di grave reazione avversa. Il rapporto del VAERS indica che la bambina era ricoverata in ospedale dal 14 febbraio, il che suggerisce che potrebbe essersi ammalata alla prima iniezione. Nonostante ciò, qualcuno ha somministrato alla bambina già malata e sofferente una seconda iniezione, che ne ha provocata alla morte» il 3 marzo 2021.

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Moderna il 31 gennaio 2022. Secondo il rapporto, «ha manifestato diarrea, perdita di liquido amniotico e sanguinamento vaginale lo stesso giorno dopo la prima dose». Successivamente «alla madre è stata diagnosticata una cistite acuta con ematuria e rottura prematura delle membrane. Cinque giorni dopo ha avuto delle contrazioni, è andata al pronto soccorso e ha avuto un parto prematuro». Il bambino è morto.

Sostieni Renovatio 21

Diversi bambini sono morti anche per problemi cardiaci

  • Un bambino di 5 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 26 aprile 2022. Ha avvertito dolori addominali ed è morto per arresto cardiaco tre giorni dopo.

 

  • Un bambino di 6 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech l’8 gennaio 2022. È morto il 15 gennaio 2022 per miocardite e arresto cardio-respiratorio.

 

  • Un ragazzo di 11 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 15 dicembre 2021. È morto cinque giorni dopo per «insufficienza respiratoria acuta, irritabilità, malformazione cerebrale, arresto cardiaco, diarrea».

 

  • Un ragazzo di 13 anni è morto tre giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech. Secondo il rapporto, «l’autopsia ha mostrato un cuore ingrossato e del liquido che circondava il cuore».

 

  • Un ragazzo di 15 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 24 novembre 2021 ed è morto il giorno successivo. Secondo il rapporto, «il ragazzo ha accusato dolori al petto poco dopo essere tornato a casa da un centro di vaccinazione». Eppure «i medici hanno detto che il ragazzo è morto a causa del diabete».

 

  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 10 novembre 2021. È morta per «danni cerebrali derivanti da insufficienza cardiaca acuta, scompenso e ipossia il 18 dicembre 2021».

 

  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto un richiamo Pfizer per il COVID-19 il 27 dicembre 2021. Due giorni dopo è morta di «embolia dell’arteria polmonare con arresto cardiaco».

 

  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech «pochi giorni» prima di morire. Secondo il rapporto, «al momento della morte il risultato del test del D-dimero era elevato».

 

  • Una ragazza di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 30 agosto 2021. Il 9 settembre 2021, «la paziente ha avuto un arresto cardiaco ed è morta». Tuttavia, la sua morte è stata attribuita ai «contraccettivi orali iniziati nel luglio 2021» mentre «non è stata presa in considerazione l’eziologia del vaccino».

 

  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori dagli Stati Uniti ha fatto un richiamo Pfizer il 16 giugno 2022 nella sua scuola. Ha «avuto debolezza generalizzata e scarso appetito nel giugno 2022, convulsioni e arresto cardiaco extraospedaliero… il 12 agosto 2022, enzimi cardiaci elevati e sospetta miocardite il 13 agosto 2022» ed è stato ricoverato in ospedale. Secondo il rapporto, ha firmato un ordine DNR (non rianimare) il 18 agosto 2022 ed è morto il giorno successivo. Non è chiaro se fosse legale per lui firmare un DNR alla sua età nella sua giurisdizione.

Iscriviti al canale Telegram

Rapporti riguardanti morti fetali e nati morti

  • Una donna di 31 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel settembre 2021, durante il suo secondo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, la sua gravidanza è stata successivamente interrotta in una data non specificata a causa di un «arresto cardiaco fetale».

 

  • Una donna di 33 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel giugno 2021. Secondo il rapporto, «la madre ha subito un’interruzione legale della gravidanza il 4 settembre 2021 per gravi malformazioni… l’esito fetale è un’anomalia congenita».

 

  • Una donna di 34 anni della Carolina del Sud ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nell’ottobre 2021, durante il primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «all’ecografia a 8 settimane e 4 giorni il bambino misurava piccolo (circa 7 settimane) e aveva una frequenza cardiaca più bassa, all’ecografia a 10 settimane il bambino misurava 7 settimane e 1 giorno senza battito cardiaco, risultando in un aborto spontaneo».

 

  • Una donna di 35 anni del Massachusetts ha ricevuto la sua seconda dose di Pfizer-BioNTech nell’aprile 2021. Secondo il rapporto, «il bambino ha smesso di crescere 5 giorni dopo l’iniezione», provocando un aborto spontaneo.

 

  • Una donna di 36 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 giugno 2021, durante la sua ottava settimana di gravidanza. Secondo il rapporto: «Scoperta di un difetto cardiaco in un feto che ne ha portato alla morte».

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna COVID-19 il 22 settembre 2021. Secondo il rapporto, «la coagulazione della placenta/ha fatto sì che il bambino non ricevesse sangue; Il bambino è deceduto il: 26 ottobre 2021». Tuttavia, «il rapporto rischi-benefici dell’mRNA-1273 non è influenzato da questo rapporto».

 

  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 4 febbraio 2021. Secondo il rapporto, «secondo l’ecografia del 20 febbraio 2021, il feto ha smesso di crescere il 9 febbraio 2021 (8 settimane e 4 giorni); nessun battito cardiaco rilevato. L’aborto spontaneo si è verificato il 22 febbraio 2021».

 

  • Una donna straniera di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna il 18 ottobre 2021. Secondo il rapporto, il parto morto «è avvenuto circa 30 giorni dopo che la madre aveva ricevuto la seconda dose».

 

  • Una donna straniera di età non specificata, alla 40a settimana di gravidanza, ha ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech in una data non specificata. Secondo il rapporto, «il giorno successivo il feto è morto».

Aiuta Renovatio 21

Studente atleta «sempre in salute» tra i giovani morti elencati nel VAERS

Altri incidenti elencati con «età sconosciuta» includono una donna che ha avuto una crescita delle ovaie, la morte di una ragazza di 14 anni con la sindrome di Guillain-Barré, una ragazza di 12 anni che ha subito la «morte improvvisa», una ragazza di 14 anni trovata «morta a letto», una ragazza di 12 anni che si è impiccata lo stesso giorno della vaccinazione e un ragazzo di 17 anni che si è suicidato due giorni dopo la vaccinazione.

 

Tra le segnalazioni di «età sconosciuta« del VAERS sono incluse anche almeno tre segnalazioni di studenti-atleti deceduti, tra cui un ragazzo di 13 anni «sempre in buona salute», un ragazzo di 16 anni morto con «un cuore anormalmente grande» e un ragazzo di 13 anni che soffriva di «schiuma alla bocca» e miocardite.

 

In altri casi, i bambini sono morti dopo aver ricevuto un vaccino contro il COVID-19 nonostante appartenessero a una fascia di età che all’epoca non era autorizzata a ricevere il vaccino.

 

In un altro caso, un’adolescente proveniente da fuori degli Stati Uniti ha riportato «effetti collaterali» dopo la sua prima dose di Pfizer-BioNTech nel dicembre 2021, ma nonostante le preoccupazioni di sua madre, gli operatori sanitari «le hanno chiesto di fare comunque la seconda dose». Ha ricevuto la sua seconda dose il 17 gennaio 2022 ed è morta il giorno successivo dopo essere caduta in coma.

 

Sebbene una «autorità di regolamentazione» abbia segnalato l’incidente al VAERS, il rapporto rileva che «non sono possibili tentativi di follow-up». Sembra che diversi altri rapporti siano stati presentati da organismi ufficiali, ma il VAERS afferma che è impossibile dare seguito.

 

«Non contattabile sembra falso e una violazione di una sorta di etica», ha detto Benavides. «Sicuramente tra la FDA, il CDC e il produttore potrebbero trovare l’ospedale o l’istituzione».

 

Diversi altri rapporti di «età sconosciuta» catturati da Benavides sono stati successivamente cancellati dal VAERS o i loro riassunti scritti sono stati rimossi.

 

Alcuni di questi sono rapporti esteri per i quali l’Autorità europea per i medicinali e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito hanno chiesto la rimozione dei dati a causa del mancato rispetto delle leggi europee sulla privacy, ha affermato Benavides.

 

Tuttavia, per Benavides, «questo numero di cancellazioni è semplicemente troppo elevato e indesiderabile per il presunto miglior sistema di farmacovigilanza al mondo con un processo di aggiudicazione molto ragionevole di 4-6 settimane».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 12 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Più popolari