Connettiti con Renovato 21

Salute

Con le mascherine inaliamo microplastiche nel tessuto polmonare: studio

Pubblicato

il

 

Le mascherine COVID sono un immane problema ambientale – anche se taciuto dallo stesso sistema che vi sta ipnotizzando con il «Cambiamento Climatico».

 

È noto da studi come anche la diminuita quantità di ossigeno causata dall’indossare la mascherina sia nociva, in ispecie per i bambini.

 

Ulteriormente, è noto che esse sono cariche dei germi scartati dal corpo umano.

 

Ora i ricercatori stanno aprendo una nuova, inquietante porta nel danno della mascherina.

 

Un ingrediente chiave nelle onnipresenti mascherine ospedaliere usa e getta – il polipropilene – si degrada in minuscole e microscopiche fibre di plastica che un numero crescente di ricerche mostra creare devastazione sulle creature acquatiche e ha il potenziale di causare malattie, incluso il cancro, negli esseri umani.

 

In un nuovo studio dalla Gran Bretagna, le fibre microplastiche sono state scoperte in profondità nei polmoni inferiori degli esseri umani viventi – in quasi tutte le persone campionate.

 

Gli scienziati della scuola di medicina di Hull York nel Regno Unito hanno trovato frammenti e fibre di plastica microscopiche – alcune lunghe circa due millimetri – in 11 dei 13 pazienti sottoposti a intervento chirurgico di cui hanno campionato il tessuto polmonare.

 

«Non ci aspettavamo di trovare il maggior numero di particelle nelle regioni inferiori dei polmoni, o particelle delle dimensioni che abbiamo trovato», ha detto al quotidiano britannico Guardian Laura Sadofsky, autrice dello studio. «È sorprendente perché le vie aeree sono più piccole nelle parti inferiori dei polmoni e ci saremmo aspettati che particelle di queste dimensioni venissero filtrate o intrappolate prima di arrivare così in profondità».

 

Le implicazioni per la salute dei minuscoli frammenti di plastica che invadono i polmoni delle persone sono sconosciute, ma la questione se il polipropilene e altre maschere raccomandate dai funzionari della sanità pubblica siano una delle principali fonti della crescente preoccupazione per la salute, soprattutto per i bambini, sembra non aver ancora attraversato la mente di esperti di salute pubblica, mentre ci sono prove crescenti che contribuiscono all’inquinamento da microplastica, che, come altri inquinanti atmosferici, potrebbe portare alla morte prematura di milioni di persone.

 

I rischi per la salute umana sono ora una preoccupazione crescente, soprattutto perché le microparticelle sono diventate così onnipresenti.

 

«Le microplastiche aerodisperse (MP) sono state campionate a livello globale ed è noto che la loro concentrazione aumenta in aree ad alta popolazione umana e attività, soprattutto all’interno», secondo lo studio del Regno Unito. “Sono stati segnalati anche sintomi respiratori e malattie a seguito dell’esposizione a livelli occupazionali di parlamentari all’interno delle strutture del settore. Resta da vedere se le microplastiche dell’ambiente possono essere inalate, depositate e accumulate nei polmoni umani.

 

I risultati dovrebbero chiamare ulteriori indagini sul loro ruolo nella malattia.

 

«La cosa strana è che nessuno, meno di tutti coloro incaricati di preservare la salute pubblica, sembra collegare questo problema al mondo improvvisamente saturo a livello globale di mascherine ospedaliere monouso e degradanti in plastica» scrive Lifesitenews.

 

La dottoressa Theresa Tam, responsabile della sanità pubblica canadese, ha aggiornato le raccomandazioni sulle mascherine nell’autunno del 2020, ad esempio, e ha affermato che dovrebbero essere almeno tre strati anziché due, preferibilmente includendo uno strato di tessuto in polipropilene.

 

Lo strato intermedio delle maschere chirurgiche è un tessuto soffiato a fusione che genera nano e microplastiche durante l’uso e il riutilizzo che possono comportare il rischio di inalare le particelle durante l’inalazione.

 

«Non era qualcosa di cui Tam sembrava preoccupata, se era consapevole del potenziale danno, eppure la ricerca aveva già stabilito che le persone potevano respirare minuscole particelle infiammatorie di polipropilene e che anche gli ambienti di lavoro con alti livelli di microplastica avevano alti livelli di malattia tra lavoratori» continua il sito canadese.

 

Nel 1998, uno studio statunitense ha identificato le microplastiche nei polmoni dei malati di cancro e ha concluso che erano «agenti candidati che contribuiscono al rischio di cancro ai polmoni».

 

Le microplastiche sono state rilevate per la prima volta nel sangue umano a marzo ed è stato dimostrato che vengono trasportate intorno al corpo e si depositano in vari organi. In passato sono stati rilevati nelle feci di neonati e adulti e, a livelli particolarmente elevati, nei bambini nutriti con bottiglie di plastica.

 

Un recente studio sulla microplastica di sei diversi tipi di maschere indossate durante la pandemia di COVID-19 ha rilevato che solo le mascherine che non sono mai state pulite e indossate per 720ore hanno comportato un minor «rischio di inalazione di microplastica di tipo sferic» rispetto al non indossare una maschera. Nel frattempo, il rischio di inalazione di microplastiche simili a fibre è aumentato nel tempo in tutti i gruppi, ad eccezione dei portatori di maschere N95.

 

La pulizia delle maschere con varie procedure, tra cui la luce UV, il lavaggio regolare e il lasciarle asciugare all’aria al sole, ha solo portato i materiali delle maschere a degradarsi in microplastiche fibrose, aumentando in tutti i casi il rischio di inalazione di microplastiche.

 

Indossare la stessa maschera per 720 ore senza pulirla, come fanno molte persone compresi i bambini, tuttavia, rappresenta di per sé gravi rischi per la salute. 

 

Un gruppo di genitori preoccupati della Florida ha inviato i tamponi delle mascherine dei loro figli a un laboratorio dell’Università della Florida per i test e li ha trovati contaminati da una moltitudine di agenti patogeni pericolosi, inclusi uno o più ceppi di batteri che causano polmonite, meningite, mal di gola, malattie gengivali, acne, infezioni da lieviti e ulcere, nonché germi resistenti agli antibiotici.

 

Le agenzie sanitarie respingono le preoccupazioni sugli agenti patogeni sulle maschere, dicendo ai consumatori di cambiare frequentemente le maschere ed evitare di toccarle. 

 

 

Altri potenziali inquinanti polmonari sono stati trovati nelle mascherine distribuite a neonati e bambini. Secondo Radio-Canada, gli operatori dell’asilo hanno notato che si sentivano come se stessero ingoiando peli di gatto mentre indossavano maschere SNN200642 grigie e blu importate dalla Cina. Health Canada ha avvertito del potenziale di «tossicità polmonare precoce» dalle microscopiche particelle di grafene all’interno di queste maschere. 

 

Nel marzo 2021 ha richiamato le mascherine senza indagare sulla salute dei bambini che erano stati costretti a indossarle a lungo, giorno dopo giorno.

 

L’agenzia canadese per la salute pubblica ha anche ricordato un altro marchio cinese di maschere vendute in Canada nel luglio 2021 perché contenevano anche grafene inalabile – una sostanza di forza senza precedenti scoperta solo nel 2004 –- che aveva dimostrato di causare infiammazioni nei polmoni degli animali.

 

L’agenzia ha consentito a Shandong Shengquan New Materials Co. Ltd. di riprendere a vendere le sue maschere di grafene in Canada a settembre, tuttavia, dopo che l’agenzia si è dichiarata soddisfatta del fatto che la quantità di grafene tossico inalata fosse insufficiente a causare malattie.

 

In Italia lo scorso settembre si era avuto il caso dei lotti di mascherine prodotte dalla FCA (l’ex FIAT degli Agnelli) di cui il ministero aveva chiesto il ritiro: i pacchi con queste mascherine erano stati distribuiti presso varie scuole.

 

Con l’eccezione del quotidiano La Verità, l’allarme, che si poteva evincere dalle comunicazioni ufficiali tra ministero della Salute e ministero dell’Istruzione  fu passato sotto silenzio.

 

Parimenti, una bella spirale del silenzio si innescò riguardo alla domanda più importante: per quale motivo il lotto veniva ritirato?

 

Quali effetti sulla salute dei nostri figli stavano paventando i ministeri?

 

A pochi importa. Del resto, hanno accettato di farsi sprizzare mRNA sintetico in corpo, figurarsi se ci si deve formalizzare per un po’ di microplastica impiantata per sempre nei nostri polmoni.

 

 

 

Continua a leggere

Cervello

Emergenza demenza in Italia e in Europa

Pubblicato

il

Da

Impennata dei casi di demenza in tutto il mondo, con particolare intensità in Italia e in Europa.

 

Secondo l’OMS la demenza colpisce più di 55 milioni di persone in tutto il mondo, tuttavia l’ente prevede che questo numero salirà a 78 milioni entro il 2030 ea 139 milioni entro il 2050.

 

La demenza è definita da problemi che affliggono il cervello come l’Alzheimer o i postumi di un ictus. I sintomi classici sono l’assenza di memoria, l’alterazione delle funzioni cognitive, l’incapacità di svolgere indipendentemente le attività quotidiane più semplici.

 

Secondo statistiche riportate recentemente dal sito Statista, il numero mondiale di casi di demenza possono raddoppiare nel giro di 30 anni.

 

Secondo l’OCSE in Italia vi potrebbero essere 43 casi di demenza ogni 1.000 abitanti entro il 2050, un aumento di 20 casi rispetto al dato del 2021.

 

Situazione analoga per la Spagna con circa 41 casi ogni 1.000 abitanti; Germania e Francia dovrebbero invece aumentare fino a circa 35 persone ogni 1.000 cittadini.

 

Si tratta di numeri generosi rispetto ad altre statiche uscite mesi fa.

 

Come riportato da Renovatio 21, a inizio anno uno studio intitolato «Global Burden of Disease», pubblicato dalla rivista scientifica Lancet Public Health,  ha fornito foschissime stime previsionali sulla demenza per 204 Paesi.

 

La ricerca ha previsto che il numero di adulti (di età pari o superiore a 40 anni) che convivono con la demenza in tutto il mondo dovrebbe quasi triplicare, da circa 57 milioni nel 2019 a 153 milioni nel 2050, principalmente a causa della crescita della popolazione e dell’invecchiamento della popolazione.

 

Secondo lo studio, in Europa occidentale  il numero di casi di demenza dovrebbe aumentare del 74%, da quasi 8 milioni nel 2019 a quasi 14 milioni nel 2050, con aumenti dei casi in Grecia (45%), Italia (56% ), Finlandia (58%), Svezia (62%) e Germania (65%) Regno Unito (75%).

 

 

 

 

Continua a leggere

Salute

«Rianimazione piena», ma non è il COVID: è l’autunno che aumenta esponenzialmente ictus e infarti!

Pubblicato

il

Da

Il Giornale di Vicenza riporta che l’unità di terapia intensiva dell’ospedale San Bortolo è tutto occupato.

 

La notizia occupa la parte centrale della prima pagina dell’edizione del 25 settembre. «La rianimazione piena, ma il COVID non c’entra» è il titolo.

 

«Ci sono ancora alcuni pazienti positivi al virus, ma emerge un altro fenomeno» scrive l’occhiello.

 

Un altro fenomeno che viene fuori? E cosa può essere?

 

La risposta è data già dal sommario del pezzo: «l’autunno, come la primavera, pare associato a più rischi di ictus infarto e compenso cardiaco».

 

 

«Rianimazione senza tregua» scrive l’articolo all’interno. «I 18 posti sono quasi sempre occupati».

 

Tuttavia, l’origine delle degenze sorprende non poco.

 

«Anche adesso, come già accadeva a maggio nel passaggio dalla primavera all’estate, un aumento esponenziale di infarti, ictus, emorragie cerebrali, dissezioni aortiche, ulcere gastriche perforate. Una spiegazione scientifica certa non c’è anche se si affacciano diverse ipotesi intorno a queste patologie molto gravi che crescono in misura esponenziale nei cambi di stagione».

 

Ripetiamo: una spiegazione scientifica all’aumento esponenziale di malori non c’è, ma già la frase dopo è rassicurante.

 

«La stagione autunnale con l’improvviso calo delle temperature, fra l’altro, è stata associata, da vari studi proprio ad un aumentato rischio di infarto, ictus e scompenso cardiaco».

 

È colpa del cambiamento stagionale, il nonno del cambiamento climatico.

 

«Tra i possibili meccanismi si è parlato di un aumento delle concentrazioni di fibrinogeno e di fattore VII della coagulazione. Si tirano in ballo pure la reazione vascolare, le modifiche dei parametri pressori. L’aumento della pressione arteriosa, della viscosità del sangue e della forza con cui il cuore pompa il sangue, dovuti ai cambi climatici, agli sbalzi di temperatura, alle mutate abitudini di vita, farebbero schizzare in alto il rischio di trombosi e di ischemia» continua il pezzo che virgoletta pure il primario.

 

«Insomma, c’è da stare attenti ed essere molto prudenti».

 

Manfatti, ci guardiamo bene dal sottovalutare il cambio di stagione.

 

Non fa un grinza: con l’arrivo della nuova stagione, partono i malori cerebrali e gli attacchi di cuore.

 

Eccerto: miocardie e emorragia cerebrali si impennano dopo equinozi e solstizi, è sempre stato così. Sul tema negli anni Ottanta i Righeira scrissero una hit riempipista: «l’estate sta finendo / ed ecco il mio malòr». Anni prima, con Maledetta primavera, Loretta Goggi cantava dell’arrivo degli ictus stagionali.

 

Ci risuonano in testa le due frasi, messe una dopo l’altra, che più ci hanno colpito del pezzo.

 

1) «Un aumento esponenziale di infarti, ictus, emorragie cerebrali, dissezioni aortiche, ulcere gastriche perforate».

 

2) «Una spiegazione scientifica certa non c’è»

 

E allora, ci chiediamo, quale mai potrebbe essere la spiegazione di questo fenomeno mortale?

 

Essendo che probabilmente tale fenomeno sta falciando non poche vite di cittadini, esiste qualcuno che lo sta studiando, anche solo per fingere una spiegazione scientifica smarmellata su un paper peer-reviewed?

 

Non è che oramai non fanno più neanche questa fatica?

 

Ricordiamo al lettore come Renovatio 21 aveva oramai un anno fa già notato questa strambissima epidemia di «malori», fornendo anche un grafico, e pure un esercizio facile-facile che chiunque può fare per verificare quanto questi malori siano di fatti aumentati.

 

 

Ci chiediamo: non è che sia lo stesso fenomeno che sta colpendo anche il calcio, il ciclismo e vari altri sport, dall’Hockey alla Mountain Bike?

 

Chissà se lo sapremo mai. Chissà se lo leggeremo sui giornali.

 

 

Continua a leggere

Cancro

Protesi al seno, probabile correlazione con nuovi tumori

Pubblicato

il

Da

Lo scorso giovedì l’ente USA per il controllo di farmaci alimenti e dispositivi biomedici Food and Drug Administration (FDA) ha avvertito le donne che hanno protesi mammarie o stanno valutando di farse impiantare che alcuni tumori potrebbero svilupparsi nel tessuto cicatriziale che si forma attorno alle protesi. Lo riporta il New York Times.

 

I tumori maligni sembrano essere rari, ma sono stati collegati a impianti di tutti i tipi, compresi quelli con superficie strutturata e liscia e quelli riempiti con soluzione fisiologica o silicone.

 

Gli scienziati avevano già collegato un tumore insolito chiamato linfoma anaplastico a grandi cellule principalmente a impianti testurizzati, i cui esterni ruvidi presumibilmente causano più infiammazioni rispetto a quelli degli impianti lisci. Il linfoma è un tumore del sistema immunitario.

 

La FDA ha confermato quel collegamento oltre un decennio fa, ma gli impianti testurizzati, realizzati da Allergan, erano sul mercato fino al 2019. Il nuovo avviso dell’agenzia ha richiamato l’attenzione su un altro cancro, chiamato carcinoma a cellule squamose, e anche su altri tipi di linfoma che potrebbero essere relativi agli impianti.

 

Ci sono tuttavia pochi casi documentati, riporta il quotidiano di Nuova York. La FDA ha affermato di essere a conoscenza di meno di 20 casi di carcinoma e meno di 30 casi di linfomi imprevisti nella capsula attorno alla protesi mammaria. (La capsula è il tessuto cicatriziale che si accumula intorno all’impianto.)

 

Negli USA circa 400.000 donne si fanno impiantare protesi mammarie ogni anno. 300.000 di queste lo fanno per motivi estetici e 100.000 per ricostruzione dopo mastectomie conseguenti al trattamento medico-chirurgico del cancro al seno.

 

Nel 2021 la FDA aveva piazzato sulle protesi mammarie il cosiddetto black box warning (un avvertimento evidenziato in nero sul foglietto illustrativo) , avvertendo che erano state correlate  a una serie di condizioni mediche croniche, tra cui malattie autoimmuni, dolori articolari, confusione mentale, dolori muscolari e affaticamento cronico, nonché al linfoma.

 

Un terzo delle donne che hanno protesi mammarie sperimenterà dolore al seno, sensibilità o perdita di sensibilità al seno o asimmetria. La metà sperimenterà un doloroso restringimento del tessuto cicatriziale attorno all’impianto e un terzo avrà impianti che si rompono o perdono, secondo la FDA citata dal NYT.

 

«Giovedì, la FDA ha dichiarato che non stava raccomandando alle donne di rimuovere le protesi mammarie a causa del nuovo avvertimento. Ma l’agenzia consiglia alle donne di monitorare i loro impianti e di consultare un chirurgo o un operatore sanitario se notano cambiamenti anormali».

 

«Gli impianti testurizzati realizzati da Allergan sono stati richiamati dopo che quasi 600 casi di cancro sono stati collegati agli impianti e 33 decessi sono stati attribuiti ai dispositivi dell’azienda».

 

Tra le persone a più alto rischio di sviluppare malattie successive ci sono le pazienti con cancro al seno che hanno avuto o intendono sottoporsi a chemioterapia o radioterapia e che rappresentano un’ampia percentuale delle donne che sono incoraggiate a sottoporsi a una ricostruzione del seno con protesi.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari