Connettiti con Renovato 21

Economia

Blackout in Giappone?

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

La concomitanza di un terremoto e di temperature molto basse ha portato il Giappone orientale sull’orlo di blackout in milioni di abitazioni. Dalle autorità l’appello a risparmiare energia: spente insegne, termostati abbassati e luci abbassate persino negli studi tv. Ma il problema della carenza di elettricità è strutturale.

 

 

Il Giappone orientale ha fatto i conti in questi giorni con la più grave crisi energetica dell’ultimo decennio.

 

Per il momento il rischio di un blackout diffuso sembra rientrato, ma i cittadini della capitale hanno vissuto tre giornate movimentate, con tanto di richiesta da parte delle autorità di risparmiare sul consumo di elettricità.

 

A inizio settimana, infatti, lo squilibrio tra domanda e offerta di elettricità nella zona di Tokyo e del Tohoku (una regione che comprende le prefetture nord-orientali del Paese) aveva paventato il rischio concreto di un blackout in tutta la regione

 

La crisi energetica è dovuta a una particolare concomitanza di fattori avversi, alcuni dei quali erano ben noti alle autorità giapponesi.

 

Già durante l’inverno le aziende produttrici e il governo avevano iniziato a tenere sott’occhio le ristrettezze del mercato energetico, dove la domanda di elettricità aveva quasi saturato le capacità massime di fornitura.

 

Una prima avvisaglia della crisi si era verificata lo scorso 16 marzo, quando un terremoto di magnitudo 7,4 ha scosso la costa nord-orientale del Giappone e costretto diversi impianti per la produzione di elettricità a sospendere le attività.

 

L’immediata riduzione della produzione di energia elettrica ha obbligato le autorità a interrompere la fornitura di elettricità in diverse sottostazioni della regione lo scorso 17 marzo per evitare che lo sbilanciamento della domanda-offerta causasse un blackout su tutta la rete.

 

Le interruzioni però sono durate solo poche ore e durante la mattinata la fornitura è stata ripristinata a praticamente tutte le 2,23 milioni di abitazioni colpite.

 

Il brusco peggioramento del meteo a inizio settimana, con temperature che a Tokyo sono tornate a rasentare gli 0 C°, ha riportato in auge il problema della ristrettezza dell’offerta di energia.

 

Gli impianti chiusi dopo il terremoto della settimana scorsa hanno causato una perdita della capacità di fornitura elettrica pari a 4,54 gigawatt mentre il cielo nuvoloso di questi giorni ha ostacolato la produzione di energia solare.

 

Lunedì sera, quando l’utilizzo di elettricità da sorpassato il 97% della capacità di fornitura, la Tokyo Electric Power Company (TEPCO) e la Tohoku Electric Power Company sono corse ai ripari e il ministro dell’economia Hagiuda Koichi ha lanciato l’allarme, invitando cittadini e imprese a ridurre il consumo di energia per evitare di dover ricorrere a interruzioni.

 

L’appello però ha ottenuto risultati molto al di sotto delle aspettative e nel pomeriggio del 22 marzo Hagiuda ha organizzato in fretta un’altra conferenza stampa per invitare di nuovo al risparmio, abbassando i termostati e spegnendo le luci non necessarie.

 

Nel frattempo, TEPCO riportava che se il rapporto domanda-offerta di energia non fosse sceso dal 107% del primo pomeriggio, durante la serata 2-3 milioni di abitazioni nell’area della capitale avrebbero dovuto subire un’interruzione di corrente.

 

A Tokyo e nelle prefetture circostanti la crisi è stata ben visibile la sera di martedì, quando moltissimi locali hanno spento le proprie insegne luminose e l’iconica Tokyo Tower è rimasta al buio, mentre anche la TV pubblica ha ridotto l’illuminazione in studio.

 

Il governo cittadino di Tokyo invece ha impostato i termostati dei propri uffici a 19 C°.

 

Con un rapporto domanda-offerta sceso al 93% la mattina di mercoledì, il governo ha ritirato l’allarme.

 

Tuttavia l’attenzione rimane alta e il governo continua a invitare al risparmio, sottolineando così ancora una volta la vulnerabilità del paese sul fronte energetico.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di burningmonk via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Continua a leggere

Economia

Zakharova: i leader dell’UE hanno spinto l’Europa «verso un collasso energetico globale»

Pubblicato

il

Da

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha dichiarato il 26 novembre al Centro televisivo di Mosca che gli stessi leader dell’UE hanno creato la crisi energetica che ora sta distruggendo la regione, con la loro politica di sanzioni anti-russe.

 

Secondo Zakharova, costoro hanno «spinto l’Europa, in particolare l’Unione Europea, verso un collasso energetico globale». Stanno ancora cercando di convincere i propri cittadini che la crisi «è nel loro interesse», e non è chiaro se ci riusciranno. «È un test per la democrazia», ​​ha osservato.

 

Allo stesso modo, il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha affermato che le politiche anti-russe, comprese le sanzioni, porteranno a «conseguenze molto deplorevoli» per l’UE, con almeno 20 anni di deindustrializzazione davanti alla popolazione europea.

 

Della deindustrializzazione del continente parlano apertis verbis un po’ tutti, oramai, dal premier belga ai giornali europei e internazionali.

 

La Zakharova due giorni fa aveva dichiarato che è in corso «la guerra della NATO contro la Russia in Ucraina». Sembra tuttavia essersi accorta anche lei che in corso c’è la guerra dei vertici dei Paesi NATO contro le loro stesse popolazioni.

 

Il mondo sarà deindustrializzato perché, secondo l’imperativo dell’élite, esso va spopolato e reso barbarico, di modo da procedere con ulteriore sottomissione.

 

In breve: deindustrializzare per deumanizzare.

 

 

Continua a leggere

Economia

Anche il banco di criptovalute BlockFi va in bancarotta

Pubblicato

il

Da

La società di criptovalute BlockFi ha depositato presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto del New Jersey, dove ha sede. L’azienda ha anche una filiale internazionale alle Bermuda che ha presentato istanza di fallimento lunedì.

 

Il prestatore di criptovaluta ha almeno 100.000 creditori, secondo il suo deposito del Chapter 11, la procedure legale americana per dichiarare bancarotta.

 

La notizia rappresenta l’ultimo crollo delle criptovalute in un anno pieno di loro, che risale a Celsius Network (azienda non dissimile da BlockFi), al progetto cripto Terraform Labs e all’hedge fund 3AC quest’anno.

 

La procedura fallimentare di BlockFi estende l’ombra proiettata dall’immane crack FTX, con la quale, scrive il Washington Post, BlockFi aveva un destino intrecciato.

 

Quando la banca di criptovalute BlockFi si è trovata nei guai la scorsa estate, è stato Sam Bankman-Fried, il giovane bizzarro amministratore delegato di FTX ad aiutare per affinché BlockFi potesse «navigare nel mercato da una posizione di forza», secondo le parole del Bankman-Fried a giugno. Poco dopo annunciò che che FTX avrebbe prestato a BlockFi fino a 400 milioni di dollari. In cambio del prestito, FTX si è assicurata il diritto di acquistare un giorno BlockFi a un prezzo non superiore a 240 milioni.

 

«Ora BlockFi è stato reso debole. E Bankman-Fried è il motivo» scrive il WaPo.

 

Almeno 100.000 creditori devono denaro a BlockFi, che ha elencato passività e attività tra 1 miliardo e 10 miliardi di dollari, secondo la dichiarazione di fallimento presentato. La società ha affermato in passato di avere 450.000 clienti al dettaglio, ma questo numero non è stato verificato da fonti esterne.

 

Nel frattempo, proprio i clienti al dettaglio sono quelli che stanno soffrendo di più

 

«Maximillian Kavaljian, un professionista degli investimenti di 26 anni della Virginia del Nord, ha dichiarato al Washington Post di aver depositato ciò che una volta ha affermato essere un valore di decine di migliaia di dollari di criptovalute con BlockFi, trasferendolo da Coinbase. È stato attratto, ha detto, dalla promessa di BlockFi di rendimenti del 9% e da una carta di credito offerta dalla società. Il suo denaro è ora inaccessibile» scrive il quotidiano.

 

BlockFi sino a poco fa era considerata una società in espansione inarrestabile. Lanciata nel 2017, la società aveva raccolto tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 investimenti per per alcuni osservatori si  aggirerebbero attorno al miliardo di dollari.

 

Tra gli investitori vi sarebbe Peter Thiel (che è passato dal dire che il Bitcoin potrebbe essere un’arma della Repubblica Popolare Cinese all’investirci parecchio danaro), l’ hedge fund Morgan Creek Capital e i gemelli Winklevoss, mitici veri fondatori omozigoti di Facebook appassionati del canottaggio dei fratelli Abbagnale e di Mario Cipollini, cui somigliano non poco

 

I dipendenti di BlockFi erano saliti a 850, quasi il triplo del numero di FTX, e si era ambiziosamente espansa in Asia. Offrendo rendimenti fino al 10%, la società ha attirato una base cospicua di depositanti.

 

L’intera portata dei clienti e degli investitori deve ancora essere rivelata, il fallimento interesserà un gran numero di persone: il deposito ha rilevato che a 50 gruppi è dovuto almeno un milione di dollari.

 

Come riportato da Renovatio 21, attorno al crack di FTX vi è un’enorme nuvola politica e geopolitica: il CEO Bankman-Fried, dopo aver ampiamente donato alla campagna Biden 2020 (con tanto di testimonianze in cui nei bilanci aziendali vi sarebbe stata la voce «perdita di Trump» alle recenti midterm 2022 è divenuto il secondo donatore del partito Democratico USA dopo George Soros. Interessante sarebbe anche il ruolo che FTX avrebbe avuto nel finanziamento di studi che sconsigliavano l’uso di ivermectina e idrossiclorochina nella cura del COVID.

 

Bankman-Fried, bizzarro giovane scapigliato ed inelegante che viveva con la sua cerchia di collaboratori in una villa alla Bahamas dove si praticava il «poliamore», aveva altresì lavorato ad un’operazione per finanziare l’Ucraina in guerra tramite criptovalute.

 

Secondo un recente articolo pubblicato dal sito Revolver News, alcune criptovalute sarebbe usate dall’Intelligence americana per riciclare danaro e finanziare fazioni in lotta in altri Paesi come la Birmania.

 

Torniamo a sottolineare quello che potrebbe essere il disegno soggiacente: il crollo a catena delle criptovalute ci potrebbe mandare direttamente alle criptovalute nazionali emesse dalle Banche Centrali, le CBDC, che ogni giorno trovano un leader pronto a dire che il suo Paese è pronto ad adottarle.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Il Ghana si rivolge all’oro per stabilizzare la sua valuta. La de-dollarizzazione avanza

Pubblicato

il

Da

Il vicepresidente del Ghana Mahamudu Bawumia ha annunciato il 24 novembre tramite Facebook che il suo governo sta sviluppando una nuova politica con la quale possono pagare le importazioni di petrolio con l’oro, piuttosto che con il dollaro USA, nel tentativo di fermare la diminuzione delle loro riserve di valuta estera, e per prevenire un’ulteriore svalutazione della loro valuta, i cedi. Lo riporta la testata qatarina Al Jazeera.

 

«Le riserve internazionali lorde del Ghana ammontavano a circa 6,6 miliardi di dollari alla fine di settembre 2022, pari a meno di tre mesi di copertura delle importazioni. Questo è in calo rispetto ai circa 9,7 miliardi di dollari alla fine dello scorso anno, secondo il governo», scrive Al Jazeera.

 

Nei primi nove mesi del 2022, il cedi ghanese ha perso il 40% del suo valore rispetto al dollaro, facendo salire alle stelle i costi di carburante, cibo e altre necessità.

 

Il Ghana è attualmente in trattative con il FMI per un pacchetto di aiuti. Il governo prevede di attuare questa politica nel primo trimestre del 2023, con l’intento di «cambiare radicalmente la nostra bilancia dei pagamenti e ridurre in modo significativo il persistente deprezzamento della nostra valuta», ha affermato  il presidente Bawumia, che ha quindi spiegato che l’uso dell’oro impedirebbe al tasso di cambio di influire direttamente sui prezzi del carburante o delle utenze poiché i venditori nazionali non avrebbero più bisogno di valuta estera per importare prodotti petroliferi.

 

«Il baratto dell’oro per il petrolio rappresenta un importante cambiamento strutturale», dice il presidente dello Stato africano.

 

Tuttavia è il caso di ricoradare che il Ghana è un Paese produttore di petrolio: si tratta del secondo più grande produttore di oro in Africa, con ricche risorse minerarie come manganese, calcare, bauxite e minerale di ferro, quindi perché ha bisogno di importare petrolio?

 

La Repubblica del Ghana, con una popolazione di 31 milioni di persone, ha una raffineria di petrolio, che è stata danneggiata da un’esplosione nel 2017, e non è mai stata ricostruita. Al contrario, lo Stato del Texas ha una popolazione di poco più di 29 milioni e dispone di 31 raffinerie di petrolio.

 

Con la crisi attuale, siamo dinanzi a contraddizioni ebeti ed insondabili.

 

Tuttavia su una cosa c’è certezza: la de-dollarizzazione avanza, non solo in Cina, in Arabia Saudita, nelle Banche Centrali di Paesi come il Brasile e perfino Israele, ma pure negli angoli più remoti della terra.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari