Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Biden usa cinicamente l’Ucraina per coprire il sabotaggio alimentare

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Sta cominciando a sembrare che alcuni cattivi attori stiano deliberatamente adottando misure per garantire un’imminente crisi alimentare globale. Ogni misura che gli strateghi dell’amministrazione Biden hanno adottato per «controllare l’inflazione energetica» sta danneggiando l’offerta o gonfiando il prezzo del gas naturale, del petrolio e del carbone per l’economia globale. Ciò sta avendo un enorme impatto sui prezzi dei fertilizzanti e sulla produzione alimentare. Questo è iniziato ben prima dell’Ucraina. Ora circolano notizie secondo cui la gente di Biden è intervenuta per bloccare il trasporto merci su rotaia di fertilizzante nel momento più critico per la semina primaverile. Entro questo autunno gli effetti saranno esplosivi.

 

 

 

Con il momento cruciale per la semina primaverile negli Stati Uniti nella sua fase critica, CF Industries di Deerfield, Illinois, il più grande fornitore statunitense di fertilizzanti azotati e di un additivo vitale per motori diesel, ha emesso un comunicato stampa in cui afferma che «venerdì 8 aprile, 2022, Union Pacific ha informato CF Industries senza preavviso che stava obbligando alcuni caricatori a ridurre il volume delle auto private sulla sua ferrovia con effetto immediato».

 

Union Pacific è una delle sole quattro grandi compagnie ferroviarie che insieme trasportano circa l’80% di tutto il trasporto merci su rotaia agricolo degli Stati Uniti.

 

Il CEO della società CF, Tony Will, ha dichiarato:

 

«I tempi di questa azione da parte della Union Pacific non potrebbero arrivare in un momento peggiore per gli agricoltori. Non solo il fertilizzante sarà ritardato da queste restrizioni di spedizione, ma il fertilizzante aggiuntivo necessario per completare le applicazioni primaverili potrebbe non essere affatto in grado di raggiungere gli agricoltori. Ponendo questa restrizione arbitraria solo su una manciata di caricatori, Union Pacific sta mettendo a repentaglio i raccolti degli agricoltori e aumentando il costo del cibo per i consumatori».

 

CF ha presentato ricorsi urgenti all’Amministrazione Biden per rimediare, finora senza alcuna azione positiva.

 

 

Sabotaggio diretto

CF Industries ha osservato che si trattava di una delle sole trenta società soggette alla misura severa, che è a tempo indeterminato.

 

Spediscono tramite le linee ferroviarie della Union Pacific principalmente dal suo Donaldsonville Complex in Louisiana e dal suo Port Neal Complex in Iowa, per servire stati agricoli chiave tra cui Iowa, Illinois, Kansas, Nebraska, Texas e California.

 

Il divieto riguarderà i fertilizzanti azotati come l’urea e il nitrato di ammonio urea (UAN), nonché il fluido di scarico diesel, DEF (chiamato AdBlue in Europa). DEF è un prodotto per il controllo delle emissioni richiesto oggi per i camion diesel. Senza di essa i motori non possono funzionare. È fatto di urea. CF Industries è il più grande produttore di urea, UAN e DEF in Nord America e il suo Donaldsonville Complex è il più grande impianto di produzione di prodotti in Nord America.

 

Allo stesso tempo, la banda Biden ha annunciato un falso rimedio per i prezzi record della pompa di benzina.

 

Washington ha annunciato che l’EPA consentirà un aumento del 50% del mix di biodiesel e etanolo a base di mais per l’estate. Il 12 aprile il Segretario all’Agricoltura ha annunciato un’iniziativa «audace» dell’amministrazione statunitense per aumentare l’uso di biocarburanti a base di mais-etanolo coltivati ​​internamente.

 

Il segretario Tom Vilsack ha affermato che la misura «ridurrà i prezzi dell’energia e affronterà l’aumento dei prezzi al consumo causato dall’aumento dei prezzi di Putin (sic) attingendo a un futuro forte e luminoso per l’industria dei biocarburanti, nelle automobili e nei camion e nei settori ferroviario, marittimo e dell’aviazione e sostenere l’uso di di carburante quest’estate»

 

Solo l’«aumento dei prezzi di Putin» (scritto in maiuscolo) non è il risultato delle azioni russe, ma delle decisioni di Washington Green Energy di eliminare gradualmente petrolio e gas.

 

Anche l’inflazione dei prezzi dell’energia sta per aumentare notevolmente nei prossimi mesi a causa delle sanzioni economiche degli Stati Uniti e dell’UE sull’esportazione di petrolio russo e probabile gas.

 

Tuttavia, il punto centrale è che ogni acro di terreno agricolo statunitense dedicato alla coltivazione del mais per i biocarburanti rimuove quella produzione alimentare dalla catena alimentare, per bruciarla come combustibile.

 

Dall’approvazione del Renewable Fuel Standards Act degli Stati Uniti del 2007, che ha imposto obiettivi annuali crescenti per la produzione di mais per miscele di combustibili a base di etanolo, i biocarburanti hanno catturato una parte enorme della superficie totale di mais, oltre il 40% nel 2015. Questo cambiamento, imposto dalla legge, bruciare il mais come combustibile aveva aggiunto un’importante inflazione dei prezzi del cibo ben prima dell’inizio della crisi inflattiva COVID.

 

Gli Stati Uniti sono di gran lunga il più grande produttore ed esportatore di mais al mondo. Ora imporre un aumento significativo dell’etanolo da mais per il carburante in un momento di prezzi astronomici dei fertilizzanti e, secondo quanto riferito, il trasporto ferroviario di fertilizzanti viene bloccato dagli ordini della Casa Bianca, farà salire i prezzi del mais alle stelle. Washington lo sa molto bene. È deliberato.

 

Non c’è da stupirsi che il prezzo del mais statunitense abbia raggiunto il massimo da 10 anni a metà aprile, poiché le esportazioni da Russia e Ucraina, le principali fonti, sono ora bloccate da sanzioni e guerra.

 

A parte l’uso inefficiente dal punto di vista energetico del mais statunitense per la fornitura di biodiesel, l’ultima iniziativa Biden sull’etanolo si aggiungerà alla crescente crisi alimentare senza fare nulla per abbassare i prezzi della benzina negli Stati Uniti.

 

Un uso importante del mais da foraggio negli Stati Uniti è come mangime animale per bovini, suini e pollame, nonché per le diete umane.

 

Questo cinico ordine sui biocarburanti non riguarda l’«indipendenza energetica» degli Stati Uniti. Biden ha posto fine a ciò nei suoi primi giorni in carica con una serie di divieti alle perforazioni di petrolio e gas e agli oleodotti come parte della sua agenda Zero Carbonio.

 

In quella che sta chiaramente diventando una guerra al cibo da parte dell’amministrazione statunitense, la situazione è drammaticamente aggravata dalle richieste dell’USDA agli allevatori di polli di uccidere milioni di polli negli attuali 27 stati, presumibilmente per segni di infezione da influenza aviaria.

 

Il «virus» dell’influenza aviaria H5N1 è stato smascherato nel 2015 come una bufala completa.

 

I test utilizzati dagli ispettori del governo degli Stati Uniti per determinare l’influenza aviaria ora sono gli stessi test PCR inaffidabili utilizzati per il COVID negli esseri umani. Il test è inutile per questo. Funzionari del governo degli Stati Uniti stimano che da quando i primi casi sono stati «risultati» positivi a febbraio, almeno 23 milioni di polli e tacchini sono stati abbattuti per contenere la diffusione di una malattia la cui causa potrebbe essere il confinamento incredibilmente antigienico in gabbia di polli industriali di massa nelle CAFO [Operazioni di alimentazione concentrata degli animali, ndr].

 

Il risultato è un forte aumento dei prezzi delle uova di circa il 300% da novembre e una grave perdita di fonti proteiche di pollo per i consumatori americani in un momento in cui l’inflazione complessiva del costo della vita è ai massimi di 40 anni.

 

A peggiorare le cose, la California e l’Oregon stanno nuovamente dichiarando l’emergenza idrica in mezzo a una siccità pluriennale e stanno riducendo drasticamente l’acqua di irrigazione agli agricoltori della California, che producono la maggior parte della frutta e verdura fresca degli Stati Uniti. Da allora quella siccità si è diffusa a coprire la maggior parte dei terreni agricoli a ovest del fiume Mississippi, il che significa gran parte dei terreni agricoli degli Stati Uniti.

 

La sicurezza alimentare degli Stati Uniti è minacciata come mai prima d’ora dal Dust Bowl degli anni ’30 e la «Green Agenda» dell’amministrazione Biden sta facendo di tutto per peggiorare l’impatto per i suoi cittadini.

 

Nei recenti commenti il ​​presidente degli Stati Uniti Biden ha osservato senza approfondire che la carenza di cibo negli Stati Uniti «sarà reale».

 

La sua amministrazione è anche sorda alle suppliche delle organizzazioni di agricoltori di consentire la coltivazione di circa 4 milioni di acri di terreno agricolo ordinato che sia stato escluso dalla coltivazione per «motivi ambientali».

 

Tuttavia questa non è l’unica parte del mondo in cui si sta sviluppando la crisi alimentare.

 

 

Disastro globale

Queste azioni deliberate di Washington si stanno verificando in un momento in cui una serie globale di disastri alimentari crea la peggiore situazione di approvvigionamento alimentare degli ultimi decenni, forse dalla fine della seconda guerra mondiale.

 

Nell’UE, che dipende in modo significativo da Russia, Bielorussia e Ucraina per i cereali da foraggio, i fertilizzanti e l’energia, le sanzioni stanno peggiorando drammaticamente la carenza di cibo indotta dal COVID.

 

L’UE usa la sua sciocca Agenda Verde come scusa per vietare al governo italiano di ignorare le regole dell’UE che limitano gli aiuti di Stato agli agricoltori.

 

In Germania, il nuovo ministro dell’Agricoltura del Partito dei Verdi Cem Özdemir, che vuole eliminare gradualmente l’agricoltura tradizionale presumibilmente per le sue emissioni di «gas serra», ha dato una risposta fredda agli agricoltori che vogliono coltivare più cibo. L’UE deve affrontare molte delle stesse disastrose minacce alla sicurezza alimentare degli Stati Uniti e una dipendenza ancora maggiore dall’energia russa che sta per essere sanzionata in modo suicida dall’UE.

 

I principali paesi produttori di cibo del Sud America, in particolare Argentina e Paraguay, sono nel mezzo di una grave siccità attribuita a un’anomalia periodica del Pacifico di La Niña che ha paralizzato i raccolti. Le sanzioni sui fertilizzanti della Bielorussia e della Russia stanno minacciando i raccolti del Brasile, aggravate dalle strozzature nel trasporto marittimo.

 

La Cina ha appena annunciato che, a causa delle forti piogge nel 2021, il raccolto di grano invernale di quest’anno potrebbe essere il peggiore della sua storia. Il PCC ha anche istituito misure severe per convincere gli agricoltori ad espandere la coltivazione a terreni non agricoli con scarsi effetti segnalati.

 

Secondo un rapporto dell’osservatore della Cina Erik Mertz, «Nelle province cinesi di Jilin, Heilongjiang e Liaoning, i funzionari hanno riferito che un agricoltore su tre non dispone di sufficienti forniture di semi e fertilizzanti per iniziare a piantare per la finestra primaverile ottimale… Secondo fonti all’interno di queste aree, sono bloccati in attesa di semi e fertilizzanti che sono stati importati in Cina dall’estero e che sono bloccati nelle navi mercantili al largo della costa di Shanghai».

 

Shanghai, il porto per container più grande del mondo, è stato sottoposto a una bizzarra quarantena totale «zero-COVID» per più di quattro settimane senza fine in vista.

 

In un tentativo disperato da parte del PCC di «ordinare» una maggiore produzione alimentare, i funzionari locali del PC in tutta la Cina hanno iniziato a trasformare i campi da basket e persino le strade in terreni coltivati.

 

La situazione alimentare in Cina sta costringendo il paese a importare molto di più in un momento di carenza globale, facendo salire ulteriormente i prezzi mondiali di grano e cibo.

 

L’Africa è anche gravemente colpita dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dalle esportazioni di cibo e fertilizzanti che hanno posto fine alla guerra dalla Russia e dall’Ucraina. Trentacinque Paesi africani ottengono cibo da Russia e Ucraina. Ventidue Paesi africani importano fertilizzanti da lì. Le alternative sono gravemente carenti poiché i prezzi salgono e l’offerta crolla. La carestia è prevista.

 

David M. Beasley, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha recentemente dichiarato sulle prospettive alimentari globali: «Non ci sono precedenti nemmeno vicini a tutto questo dalla Seconda Guerra Mondiale».

 

In particolare, è stato il Dipartimento del Tesoro di Biden a stilare un elenco delle sanzioni economiche più complete contro Russia e Bielorussia, facendo pressioni su un’UE conforme perché seguisse diligentemente sanzioni il cui impatto sulla fornitura e sui prezzi globali di grano e fertilizzanti e di energia era del tutto prevedibile.

 

Era in effetti una sanzione per gli Stati Uniti e l’economia globale.

 

Questi sono solo gli ultimi esempi di sabotaggio deliberato della catena alimentare da parte del governo statunitense nell’ambito dell’agenda Verde di Biden , del WEF di Davos, di Bill Gates e della Fondazione Rockefeller, come parte del loro programma distopico eugenetico del Great Reset.

 

L’agricoltura tradizionale sarà sostituita da una dieta sintetica coltivata in laboratorio a base di carni finte e proteine ​​di cavallette e vermi, in tutto il mondo. Tutto per la presunta gloria di controllare il clima globale.

 

Questo è davvero folle.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Maiali divengono cannibali per mancanza di cibo: video dalla crisi economica cinese

Pubblicato

il

Da

Di recente è diventato virale un video che mostra i maiali che mangiano un maiale morto in una fattoria in Cina.

 

Alcuni allevatori di suini, che lavorano per un importante gruppo finanziario cinese, hanno affermato che il cannibalismo è avvenuto a causa della carenza di mangime. Un esperto ritiene che la carenza di mangime rifletta i maggiori problemi dell’economia cinese, scrive Epoch Times.

 

Dal 24 luglio, il video – che al momento è stato rimosso da YouTube ed è introvabile su Twitter – è uno degli argomenti più cercati sui social media cinesi, mettendo in luce la società quotata e un’importante azienda di suinicoltura, la Jiangxi Zhengbang Tech, che appalta ai contadini l’allevamento dei maiali.

 

Secondo messaggi circolati online, «la fornitura di mangime per suini agli allevatori è stata interrotta». Il valore delle azioni della società sarebbe quindi crollato. Il gruppo ha quini fatto plurimi annunci rispetto alla crisi.

 

Il 25 luglio, Zhengbang Tech ha ammesso che ci sono state interruzioni nella fornitura di mangimi per suini a luglio, citando il calo dei prezzi dei suini a giugno, il COVID-19, i fondi dell’azienda limitati, problemi logistici e problemi di coordinamento con i produttori di mangimi. Nella dichiarazione non si fa menzione di compensi per gli allevatori di suini.

 

Le dichiarazioni dell’azienda non affermavano né smentivano che negli allevamenti si verificasse il cannibalismo suino.

 

Il commentatore indipendente  Tang Jingyuan ha dichiarato a Epoch Times il 27 luglio che ci sono due ragioni principali per la carenza di mangimi per suini da parte di Zhengbang Tech.

 

«Uno è la carenza di fondi e potrebbe esserci anche un’interruzione nella catena del capitale. L’altro è che l’epidemia di COVID-19 ha causato il blocco del sistema logistico, che è il problema del coordinamento della distribuzione logistica e dei mangimifici menzionato nel comunicato ufficiale dell’azienda. Dietro queste due ragioni, la causa principale è in realtà che l’ambiente economico nella Cina continentale si è deteriorato a causa della politica e delle misure zero-COVID del regime, determinando un circolo vizioso di causalità reciproca tra le due ragioni sopra menzionate».

 

«Il deterioramento dell’economia cinese è in gran parte causato da errori politici piuttosto che da un disastro naturale. Zhengbang Tech è solo una delle innumerevoli aziende che lo pagano», ha affermato il Tang alla testata dei dissidenti cinesi.

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Tagli all’agrochimica, proteste degli agricoltori: il caos alimentare globale continua

Pubblicato

il

Da

Nell’ultima settimana, ci sono stati annunci di forti tagli ai prodotti chimici per l’agricoltura da parte delle più grandi aziende del mondo, e anche più proteste degli agricoltori in Europa.

 

Il 26 luglio nei Paesi Bassi, gli agricoltori hanno bloccato le strade principali scaricando letame sul marciapiede e dando fuoco a balle di fieno. Il traffico è stato interrotto per ore e la pulizia in alcuni luoghi ha richiesto due giorni.

 


Il loro obiettivo di protesta è il nuovo pacchetto approvato dal parlamento olandese a giugno, che chiede riduzioni di raccolti, bestiame e altre misure in nome della riduzione dei composti di azoto e carbonio nelle emissioni e nel deflusso.

 

I nuovi editti dell’Aia fissano le scadenze per il 2023 ed entro il 2030 ci sarà una riduzione del 30% del bestiame.

 

LA tedesca BASF, la più grande azienda chimica del mondo, ha annunciato il 26 luglio che ridurrà significativamente la produzione di prodotti a base di gas naturale come materia prima. Ciò include l’ammoniaca, che è importante per i fertilizzanti, nonché per la plastica e altri beni, in particolare il diesel detto DEF, un altro prodotto necessario alle Nazioni (il trasporto merci avviene per lo più con questo tipo di combustibile) colpito in modo totale dalle sanzioni antirusse.

 

Secondo l’analista William F. Engdahl, le sanzioni NATO provocheranno a breve un disastro mondiale del diesel dalle conseguenze drammatiche.

 

I funzionari di BASF hanno altresì avvertito specificamente che i prezzi dei fertilizzanti aumenteranno. Come riportato da Renovatio 21, la BASF aveva annunciato poche settimane fa che senza una fornitura sufficiente di gas naturale, i centri di produzione potrebbero essere costretti a rimanere inattivi o chiudere completamente e potrebbero anche subire danni tecnici.

 

Yara International, l’enorme azienda globale di prodotti chimici e fertilizzanti con sede in Norvegia, ha annunciato la scorsa settimana che la sua produzione in Europa è inferiore del 27% alla capacità a causa dell’aumento dei prezzi del gas.

 

Come riporta da Renovatio 21 già lo scorso anno, quello alle forniture globali di fertilizzanti sembra un attacco premeditato mesi e mesi prima della guerra ucraina.

 

La mancanza di fertilizzanti non può che portare al crollo della produzione agricola globale – quindi ad una crisi alimentare che sfocerà per  molti Paesi in una vera e propria «carestia di massa»: è il ritorno della fame, anche per i Paesi sviluppati. Con contorno di conseguenze devastanti, come l’immigrazione massiva ipotizzata da Putin.

 

La Russia a marzo ha sospeso le esportazioni di fertilizzanti; come conseguenza molte nazioni sospendono le esportazioni alimentari, tra cui l’Ungheria, che riforniva all’Italia il 23% del grano duro.

 

La più grande cooperativa agricola USA ha avvertito che le sanzioni a Mosca causeranno pericolose mancanze di fertilizzanti.

 

Proteste per i fertilizzanti si sono viste a inizio anno in Perù.

 

In Canada vi è stato lo strano caso del deragliamento di un treno pieno di fertilizzanti.

 

Il bizzarro disastro ferroviario va ad aggiungersi alla stramba sequela di incendi e incidenti che stanno coinvolgendo le industrie di produzione alimentare americana.

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Guerra alla carne bovina: gli allevatori americani a sostegno della protesta degli olandesi

Pubblicato

il

Da

R-CALF USA, la più grande associazione di allevatori di bestiame indipendenti negli Stati Uniti, il 21 luglio, ha rilasciato una dichiarazione di sostegno agli agricoltori dei Paesi Bassi, che stanno protestando contro gli impossibili obblighi del governo dell’Aia per ridurre le emissioni di azoto il 2023.

 

Bill Bullard, il CEO di R-CALF USA, ha dichiarato che «gli agricoltori olandesi stanno affrontando una minaccia immediata per i loro mezzi di sussistenza, libertà e indipendenza. Gli allevatori e gli allevatori di bestiame americani sono sul punto di subire la stessa sorte, motivo per cui R-CALF USA sostiene i contadini-manifestanti olandesi che stanno combattendo in prima linea».

 

Per l’americano il governo olandese sta ignorando «qualsiasi preoccupazione per le riduzioni della produzione alimentare che si verificheranno quasi sicuramente nell’ambito dell’obbligo».

 

R-CALF USA sta per Ranchers-Cattlemen Action Legal Fund United Stockgrowers of America. Con sede nel Montana, ha guidato la battaglia dei piccoli allevatori negli ultimi anni, combattendo nei tribunali, nel Congresso e nell’arena pubblica, contro il cartello dei cosiddetti Big Four , i quattro maggiori confezionatori di carne che dominano l’85% della lavorazione della carne bovina degli Stati Uniti: Tysons, Cargill, JBS e Marfrig.

 

Bullard ha denunciato il governo olandese per aver tentato di «sottomettere molti o tutti gli agricoltori della sua Nazione. Esortiamo tutti gli americani a unirsi a noi nell’ammonire l’azione del governo olandese e a sostenere gli agricoltori olandesi».

 

Bullard ha sottolineato il punto in particolare che il suo gruppo di allevatori si è opposto da tempo a consentire l’importazione di carne bovina negli Stati Uniti dai Paesi Bassi, un grande esportatore di carne bovina, o da altre nazioni di origine dell’esportazione per i cartelli mondiali della carne, ma che R-CALF USA sostiene gli agricoltori olandesi .

 

«Non si tratta di politica commerciale. I Paesi Bassi sono il punto di partenza per uno sforzo globalizzato per controllare l’approvvigionamento alimentare e coloro che lo producono» ha detto Bullard, che ha rilasciato una dichiarazione video sulla protesta degli agricoltori olandesi la scorsa settimana. Le sue dichiarazioni stanno circolando anche in tedesco.

 

R-CALF USA ha quindi rivelato come l’agenda «verde» venga utilizzata come copertura per attaccare gli allevatori di bovini e tagliare l’approvvigionamento alimentare, come nel caso della Global Roundtable for Sustainable Beef (GRSB).

 

Tracy Hunt, un allevatore e avvocato del Wyoming, leader di R-CALF USA, ha smascherato il GRSB come un gruppo di facciata-

 

«Il GRSB è iniziato nel 2014 ed è composto da circa 350 persone che si sono riunite e hanno deciso di voler creare quella che chiamano carne bovina sostenibile. Chi sono queste persone? Confezionatori, ristoranti, trasformatori, rivenditori, associazioni, banche e gruppi ambientalisti. Wal-Mart, McDonalds, JBS, Cargill, Allflex, Merck, Elanco, Rainforest Alliance e il WWF» aveva raccontato Hunt ad un incontro in Sud Dakota ancora nel 2014.

 

In pratica, megagruppi industriali e finanziari, enti iper-ambientalisti. Una sorta di grande cartello, la cui agenda potrebbe coincidere con quella di Davos, che sull’agricoltura ha varato e implementato vari programmi, con l’invito persistente a consumare proteine d’insetto.

 

Il Grande Reset del settore alimentare è finalmente qui. E i soldi di Bill Gates ci sono già, a finanziare la carne sintetica, la bioingegneria CRISPR anche per gli alimentari e supermercati biologici – questi ultimi, in Olanda, hanno avuto qualche recente difficoltà, però: uno di essi ha preso fuoco.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari