Connettiti con Renovato 21

Protesta

Abusi e violenze in Sri Lanka con la «disumana» legge antiterrorismo

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Attivisti e istituzioni internazionali chiedono la sospensione «immediata» del Prevention of Terrorism Act (PTA) voluto dalle autorità srilankesi. La denuncia in occasione della 51ma sessione del Consiglio Onu per i diritti umani. Religiosa dello Sri Lanka: una legge ispirata al «criterio di vendetta», niente è cambiato con l’amministrazione Wickremesinghe.

 

 

 

Attivisti cristiani in Sri Lanka e istituzioni internazionali, fra le quali l’Unione europea, hanno lanciato un appello al governo perché sospenda con effetto «immediato» una legge sfruttata in modo «disumano» per colpire i cittadini.

 

Al centro della controversia il Prevention of Terrorism Act (PTA), utilizzato nel recente passato per colpire manifestanti pacifici come denunciato da rappresentanti UE al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

 

In occasione della 51ª sessione aperta in questi giorni, i delegati europei hanno riaffermato il loro impegno a favore dei diritti umani, della riconciliazione e dell’imputabilità dei responsabili delle violenze nel Paese asiatico.

 

Pur a fronte di enormi sfide rappresentante dalle proteste di piazza e dal cambio alla guida del governo, resta fondamentale garantire i diritti umani e le libertà di base «incluse le persone e i gruppi in condizioni di emarginazione e vulnerabilità».

 

In tema di diritti umani si registra anche l’intervento del Christian Solidarity Movement (CSM), che condanna con forza la legge antiterrorismo da ritirare «immediatamente» perché fonte di «repressione disumana».

 

Durante una conferenza stampa promossa dal Centre for Society and Religion di Maradana, padre Sarath Iddamalgoda ha riferito dell’arresto di «circa 3 mila attivisti e almeno di questi 1.200 sono finiti in prigione». Alcuni sono stati fermati proprio in base alla PTA e «circa una ventina di essi sono giovani Tamil».

 

«Lottare per bisogni di base come il cibo è forse sbagliato?» chiede il sacerdote, secondo cui non è possibile equiparare una protesta ad un «atto di terrorismo».

 

L’appello è rilanciato da suor Rasika Peiris, anch’essa parte del CSM, la quale solidarizza con i giovani scesi in piazza a lottare contro le ingiustizie sociali, le disparità economiche e la povertà diffusa. E, per questo, sono stati vittime di una brutale repressione per mano delle forze di polizia che hanno agito impunite grazie anche alla legge antiterrorismo.

 

«Qui si è operato secondo il criterio della vendetta personale – accusa la religiosa – e non applicando il diritto», per questo è ancora più urgente che «la norma venga cancellata immediatamente» dato che oggi consente nel sud gli stessi abusi che in passato avvenivano nel nord [ai tempi della guerra contro i Tamil].

 

L’avvocato e attivista pro diritti umani Nuwan Bopege è fra quanti sono intervenuti alla 51ª sessione Onu, denunciando abusi e storture legate alla norma.

 

«La violenta risposta del governo – sottolinea – di fronte alle proteste popolari non lascia spazio all’ottimismo» anche sotto l’amministrazione [Ranil] Wickremesinghe.

 

«Molti manifestanti pacifici – prosegue – compreso il sottoscritto, sono stati arrestati da quando il presidente ha assunto l’incarico».

 

In questo clima, conclude l’attivista, «è fondamentale che il Consiglio promuova la responsabilità per le violazioni dei diritti umani, le atrocità compiute in tempo di guerra e i crimini legati all’economia, oltre ad assicurare alla giustizia quanti si sono resi responsabili delle stragi di Pasqua».

 

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Protesta

Enorme manifestazione a Mosca a favore dei referendum in Donbass: le immagini

Pubblicato

il

Da

In Occidente hanno mostrato le immagini delle proteste contro la mobilitazione militare russa – più lo stuolo di fake news del caso.

 

Più difficilmente, vi hanno fatto vedere queste immagini: colossale manifestazione a Mosca per sostenere i referendum in Donbass.

 

«Noi non abbandoniamo i nostri» canta fieramente la folla trovatasi in Manezhnaja ploshad, piazza del maneggio.

 

 

 

Niente di tutto questo è visibile sui canali occidentali, dove circolano invece le fake news dell’interminabile coda di auto russe al confine con la Finlandia.

 

Siamo messi così.
 

Continua a leggere

Protesta

Migliaia protestano a Bruxelles contro le bollette e il costo della vita impazziti

Pubblicato

il

Da

Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Bruxelles lo scorso 21 settembre chiedendo un’azione del governo per abbassare i prezzi impossibili di carburante ed elettricità. Lo riporta Euronews.

 

Si stima che due terzi dei belgi non siano in grado di pagare le bollette energetiche. Il governo sta debolmente considerando di cercare un tetto massimo a livello dell’UE sui prezzi del gas.

 

«L’aumento dei prezzi dei generi alimentari, l’incredibile bolletta energetica e la frustrazione nei confronti di politici e datori di lavoro hanno portato 10.000 persone nelle strade di Bruxelles » scrive Euronews. «Vestiti di verde, blu e rosso, i colori dei tre sindacati principali – la rabbia era palpabile mentre si radunavano nel centro della città».

 

 

Uno sciopero generale è previsto per l’8 novembre in Belgio.

 

Da notare come la chiamata alla mobilizatsija di Vladimir Putin dell’altro giorno sembri aver mobilitato anche un anziano locale, che si è unito alla protesta.

 


Dopo la Babushka Z, ecco il Dedushka Z, il Nonno Z, fare capolino in uno dei quartier generali degli avversari di Mosca.

 

Bene così.

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Protesta

32 mila persone alla manifestazione anti-inflazione di Vienna

Pubblicato

il

Da

Oceanica manifestazione in Austria contro la situazione economica che sta rendendo impossibile sopravvivere.

 

«Wir wollen keine Millionen, wir wollen essen, heizen, wohnen», era una delle scritte visibili durante la protesta:  «Non vogliamo milioni, vogliamo mangiare, riscaldarci, vivere»,

 

La manifestazione si è tenuta nella capitale il 17 settembre, così come le manifestazioni in altre nove grandi città, è state organizzata da una coalizione di numerose organizzazioni, guidate dalla Federazione austriaca dei sindacati (ÖGB).

 

 

 

Secondo l’ÖGB, un totale di 32.600 persone hanno preso parte alle marce di protesta, che si sono svolte in tutte le province, nonostante il clima inospitale.

 

Di gran lunga la più grande manifestazione è stata a Vienna, che ha attirato circa 20.000 persone.

 

La manifestazione di Vienna è stata sostenuta dalla leadership dei socialdemocratici dell’opposizione, nonché dal presidente austriaco Alexander van der Bellen, membro del Partito dei Verdi.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche nella vicina Praga poche settimana fa c’è stata un’immensa manifestazione contro l’aumento dei prezzi, le sanzioni antirusse e la politica di governo. La Repubblica Ceca ha annunciato mesi fa di aver esaurito i depositi di armi per dare tutto all’Ucraina.

 

Vienna era già stata teatro di manifestazioni in quanto era stata, nel cuore del biennio pandemico, epicentro della battaglia per gli obblighi vaccinali, con un apartheid biotico indetto dal governo contro i non-vaccinati, votando una legge che li avrebbe perfino messi in prigioni speciali. Quest’anno il governo di Vienna ha inoltre detto che multerà fino a 50 mila euro i media che violeranno le regole di censura imposte dalla UE.

 

Due mesi fa il capo dell’agenzia di sicurezza e intelligence austriaca (DSN) Omar Haijawi-Pirchner ha dichiarato di non escludere la possibilità di rivolte nel Paese durante la probabile crisi energetica di questo autunno.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari