Connettiti con Renovato 21

Vaccini

5.300 errori nella somministrazione della dose di vaccino nei bambini, secondo il CDC

Pubblicato

il

Più di 5.300 errori nella somministrazione della dose di vaccino nei soli bambini sono stati segnalati al CDC prima dell’autorizzazione delle nuove iniezioni di richiamo bivalenti COVID-19 , ha riferito STAT.

 

Gli errori includono la somministrazione della dose sbagliata o del prodotto sbagliato per l’età di un ricevente, l’utilizzo di un vaccino non diluito quando era necessaria la diluizione o la somministrazione di un vaccino oltre la data di scadenza.

 

Secondo STAT, una ricerca in VAERS ha mostrato rapporti di bambini a cui è stata somministrata una quantità di vaccino 10 volte superiore a quella che avrebbero dovuto ricevere.

 

In almeno un rapporto, a un bambino di età inferiore a 2 anni è stato iniettato per errore l’intero contenuto di un flaconcino da 10 dosi.

 

Secondo il CDC , non ci sono prove che errori di somministrazione abbiano innescato eventi avversi più gravi di quelli tipicamente riportati nei bambini a cui è stata somministrata la dose corretta di vaccino.

 

Tuttavia, il comitato consultivo sui vaccini del CDC il 1° settembre «ha espresso serie preoccupazioni» sulle difficoltà di mantenere dritte fino a 11 diverse marche e formulazioni di vaccini COVID-19, poiché gli studi medici, le cliniche e le farmacie negli Stati Uniti danno un’idea primaria serie per i bambini piccoli, dosi di richiamo regolari per i bambini più grandi e nuovi richiami bivalenti per le persone di età superiore ai 12 anni.

 

L’attuale programma vaccinale COVID-19 consente di somministrare dosi di più vaccini in volumi diversi, alcuni dopo la diluizione e molti no, con intervalli tra le dosi che vanno da tre settimane a diversi mesi.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 16 settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Donna americana danneggiata dal vaccino: «mai vista una tale meschinità»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Sheila Bath, una chef di 60 anni e life coach del Connecticut, ha sospettato per la prima volta di essere stata ferita dal vaccino COVID-19 monodose J&J l’11 aprile 2021, esattamente 14 giorni dopo aver ricevuto il vaccino .

 

In un’intervista esclusiva con The Defender, la Bath ha detto che i suoi sintomi iniziali includevano una sensazione di bruciore che correva dalle gambe alla colonna vertebrale e intorpidimento ai piedi. I sintomi sono durati due mesi.

 

«Mi bruciavano le gambe dalla caviglia fino alla parte inferiore della colonna vertebrale su entrambi i lati. Bruciavano, bruciavano, bruciavano», ha detto Bath. «I miei piedi erano insensibili. Stava bruciando i nervi delle mie gambe e della mia spina dorsale».

 

La signora ha detto di aver anche subito «terribili lividi» sulle estremità, secchezza delle fauci, peggioramento della vista, incapacità di camminare, cisti ai reni, calcoli biliari nella vescica, crampi al polpaccio, spasmi muscolari, depressione, nebbia cerebrale e 9 chili di aumento del peso da acqua acqua.

 

Questi sono «i classici sintomi della sindrome di Guillain-Barré», ha detto Bath.

 

Bath sospettava che il vaccino scatenasse i sintomi, ma inizialmente i medici erano riluttanti a trarre la stessa conclusione.

 

Ha detto a The Defender:

 

«Non sapevo cosa fosse Guillain-Barré, ma è risaputo che devi andare direttamente in ospedale. E [il mio neurologo] avrebbe potuto mandarmi direttamente in ospedale. Il neurologo ha trascurato di seguire il protocollo per portarmi in ospedale quando avrebbero potuto curarla».

 

«Tre volte sono tornata da lui e lui mi ha mandato a casa», ha detto, dicendole: «Non c’è niente che non va in te. Hai la neuropatia perché sei più vecchia».

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 16 settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Sanità

Vaccino COVID, il direttore del CDC ammette che l’agenzia ha fornito informazioni false sul monitoraggio della sicurezza

Pubblicato

il

Da

 

Il direttore del CDC, la dottoressa Rochelle Walensky, ha riconosciuto pubblicamente per la prima volta che l’agenzia ha fornito informazioni false sul monitoraggio della sicurezza del vaccino COVID-19.

 

In una lettera resa pubblica il 12 settembre, Walensky ha affermato che il CDC non ha affatto analizzato alcuni tipi di segnalazioni di eventi avversi nel 2021, nonostante l’agenzia avesse precedentemente affermato di aver iniziato ad analizzare tali segnalazioni nel febbraio 2021.

 

«CDC ha eseguito l’analisi PRR [Proportional Reporting Ratio] tra il 25 marzo 2022 e il 31 luglio 2022», ha affermato la Walensky.

 

«Il CDC ha anche recentemente indirizzato una precedente dichiarazione rilasciata a Epoch Times per chiarire che i PRR non sono stati eseguiti tra il 26 febbraio 2021 e il 30 settembre 2021».

 

Il CDC aveva promesso in diversi documenti, a partire dall’inizio del 2021, di effettuare un tipo di analisi chiamato Proportional Reporting Ratio (PRR) sulle segnalazioni presentate al VAERS.

 

Ma l’agenzia ha dichiarato a giugno di non aver eseguito i PRR e che eseguirli era «al di fuori delle competenze dell’agenzia».

 

Di fronte alla contraddizione, il dottor John Su , un funzionario del CDC, ha dichiarato a The Epoch Times a luglio che l’agenzia ha iniziato a eseguire PRR nel febbraio 2021 e «continua a farlo fino ad oggi».

 

Ma poche settimane dopo, il CDC ha detto che Su si sbagliava.

 

«CDC ha eseguito PRR dal 25 marzo 2022 al 31 luglio 2022», ha detto una portavoce a The Epoch Times ad agosto.

 

La recente lettera della Walensky, datata 2 settembre, mostra che la stessa Walensky sarebbe consapevole che la sua agenzia ha fornito informazioni false.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 16 settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Pensiero

Il primato dell’essere umano sugli interessi della società e della scienza

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

 

 

 Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB)

Parere relativo al primato dell’essere umano sugli interessi della società e della scienza, alla demedicalizzazione della società e alla revisione critica della nozione di progresso tecnologico

 

 

L’attuale fase della gestione del COVID – sebbene parzialmente oscurata dalla sovrapposizione tra pausa estiva, crisi di governo, polemiche relative all’adozione dei vari «Decreti Aiuti» e campagna elettorale per le elezioni politiche del 25 settembre 2022 – sta evidenziando anche sul mainstream le contraddizioni e le incoerenze che hanno preceduto e accompagnato, sul piano scientifico, l’immissione in commercio dei cosiddetti vaccini.

 

L’incertezza circa la sicurezza e l’efficacia di questi ultimi, e per converso la certezza circa la loro natura sperimentale, sono oggi ben note: ma è appena il caso di ricordare che lo erano molto meno nel novembre 2021, quando il CIEB richiamava – per la prima volta in Italia – l’attenzione dell’opinione pubblica sul fatto che i «vaccini» in questione erano stati autorizzati, in via condizionata e provvisoria, sulla base di un regolamento europeo applicabile a «medicinali» per i quali non fossero forniti «dati clinici completi in merito alla sicurezza e all’efficacia». (1)

 

A quasi un anno di distanza dal suo I Parere, il CIEB non può fare a meno di constatare che – tra l’indifferenza della politica, dei media e conseguentemente dell’opinione pubblica – l’assenza di dati oggettivi in merito alla sicurezza e all’efficacia dei cosiddetti vaccini è divenuta il tratto caratteristico ed essenziale destinato a stimolare e ad accelerare l’intera campagna vaccinale, in Europa come nel resto del mondo.

 

Una conferma in tal senso è fornita dalla decisione della Food and Drug Administration statunitense di autorizzare nuovi vaccini per le varianti del COVID pur in assenza di qualsiasi studio clinico (2); un’altra conferma è fornita dalla raccomandazione dell’European Medicines Agency di autorizzare nuovi vaccini per le varianti Ba.4 e 5 del COVID sulla base dei dati ottenuti per i vaccini relativi alle precedenti varianti Ba.1 e 2, a loro volta ottenuti mediante mera comparazione con i dati di laboratorio – e, quindi, non clinici – relativi ai vaccini concepiti per la versione primigenia del Sars-CoV-2 (3); un’ulteriore conferma è fornita dall’invio massiccio di vaccini nei Paesi africani – cui ha contribuito anche il governo italiano donando 100 milioni di euro alla GAVI Alliance, come segnalato dal CIEB nel suo XIV Parere del 19 agosto 2022 – ciò che potrebbe condurre alla accidentale o incauta somministrazione di vaccini adenovirali a soggetti sieropositivi (4); ma la conferma più eclatante è fornita dalla comunicazione della Commissione Europea del 2 settembre 2022, in cui si afferma, in modo emblematicamente apodittico, che «lo sviluppo dei vaccini COVID-19 può essere considerato un trionfo scientifico (sic!) e si stima (sic!) che il loro successo nell’implementazione abbia salvato circa 20 milioni di vite (sic!) in tutto il mondo» (5).

 

Questo scavalcamento delle evidenze scientifiche avviene mentre in Italia si discute più o meno oziosamente dei «poteri speciali» che il Presidente del Consiglio ha ritenuto di disciplinare in materie di rilevanza strategica solo dopo la crisi di governo e le sue dimissioni, nell’assoluto silenzio dei media e della politica e, soprattutto, al culmine del periodo più buio dell’intera storia repubblicana per la tutela dei diritti e delle libertà fondamentali (6); mentre il dibattito pre-elettorale sta progressivamente soffocando, secondo un processo non imprevedibile e forse non indesiderato dagli stessi movimenti anti-sistema, il dissenso della parte ancora raziocinante della società civile nei confronti dell’evidente mancanza di eticità del potere politico, mediatico, tecno-scientifico e finanziario; mentre taluni partiti, chiaramente interessati al mantenimento dello status quo, strizzano l’occhio a quanti si mostrano critici nei riguardi della gestione del COVID, in vista di eventuali successi elettorali; mentre dovrebbe essere di palmare evidenza che la cosiddetta pandemia è servita, prima di ogni altra cosa, a sdoganare la strategia volta a legittimare l’adozione di meccanismi e strumenti premiali ispirati ai principi dell’economia comportamentale e finalizzati all’instaurazione di regimi neomalthusiani di stampo totalitario mediante l’utilizzo del terrore, della propaganda e dello scientismo; e mentre già si delineano le nuove emergenze pianificate dalle corporazioni finanziarie multinazionali in grado di controllare in profondità, su scala globale, i circuiti scientifici, tecnologici, produttivi, industriali, culturali, mediatici e politici.

 

Poiché da più parti si colgono segnali in grado di far presagire che, qualsiasi governo nascerà dalle prossime elezioni politiche, gli italiani si troveranno comunque a fronteggiare ulteriori restrizioni ispirate a nuove emergenze sanitario-climatico-energetiche, il CIEB ritiene necessario ribadire fin d’ora, ancora una volta e con forza, il principio del primato dell’essere umano sugli interessi della società e della scienza, come recepito anche da strumenti di diritto internazionale (7). Questo principio, richiamato in diversi Pareri del CIEB, non ha che una sola declinazione: guidare le scelte politiche e le decisioni normative concernenti le applicazioni dei risultati scientifici conseguiti, in particolare, nei campi della genetica, della biologia e della medicina, ossia le applicazioni tecnologiche che più di altre suscitano dubbi e sollevano interrogativi etici in merito alla salvaguardia dell’integrità psico-fisica dell’essere umano e alla tutela della dignità e dei diritti fondamentali dell’uomo.

 

A tal fine, il CIEB ritiene improcrastinabile:

 

  • riportare i principi e i valori cui si ispira la riflessione bioetica e biogiuridica al centro del processo di revisione della gestione del COVID – che talune istituzioni pubbliche e private stanno avviando solo ora, con ingiustificabile ritardo, a emergenza apparentemente conclusa – superando in particolare la sterile contrapposizione tra dati scientifici su cui indulgono in modo strumentale gran parte dell’accademia, la politica, i media e, conseguentemente, l’opinione pubblica;

 

  • creare le condizioni affinché la società civile possa dotarsi degli strumenti intellettuali e culturali necessari per valutare criticamente le misure di gestione della cosiddetta pandemia, nonché quelle che saranno adottate per gestire le future, nuove emergenze, tenuto conto della diffusa tendenza, avallata anche dalle istituzioni, a ridicolizzare, criminalizzare o addirittura psichiatrizzare le opinioni dissenzienti e minoritarie, riducendole a teorie cospiratorie o complottismi di varia natura e finalità; (8)

 

  • anche in considerazione delle gravi violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali commesse durante la gestione del COVID, tali da prospettare veri e propri crimini contro l’umanità, riaprire il dibattito sull’esigenza di demedicalizzare la società – allo scopo di recuperare e valorizzare la funzione tradizionale della medicina – e di rivedere, più in generale, nozione e prospettive del progresso tecnologico allo scopo di salvaguardare i diritti dell’uomo nei confronti della biomedicina, delle biotecnologie e delle «tecnologie convergenti» verso la prospettiva postumana e transumana, con specifico riferimento alle nanotecnologie, alle tecnologie dell’informazione e comunicazione, alle applicazioni delle neuroscienze, alla biologia sintetica, all’intelligenza artificiale e alla robotica.

 

 

CIEB

 

17 settembre 2022

 

 

NOTE

 

1) Cfr. l’art. 4, n. 1, del regolamento della Commissione europea n. 507/2006 del 29 marzo 2006, in Guue n. L92 del 20 marzo 2006.

2) Cfr., tra gli altri, https://ilmanifesto.it/vaccino-pfizer-senza-test-gli-usa-corrono-leuropa-frena.

3) Cfr. https://www.ema.europa.eu/en/news/adapted-vaccine-targeting-ba4-ba5-omicron-variants-original-sars-cov-2-recommended-approval.

4)  Sui rischi di tale somministrazione cfr. Buchbinder, S.P.; McElrath, M.J.; Dieffenbach, C.; Corey, L.; Use of Adenovirus Type-5 Vectored Vaccines: A Cautionary Tale, in Lancet Lond. Engl. 2020, 396, e68–e69, doi:10.1016/S0140-6736(20)32156-5.

5) Cfr. l’incipit della comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni, intitolata «Risposta dell’UE al COVID-19: preparazione per l’autunno e l’inverno 2023», documento COM(2022) 452 def. del 2 settembre 2022.

6) Cfr. il D.P.C.M. 1° agosto 2022, n. 133, intitolato «Regolamento recante disciplina delle attività di coordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri propedeutiche all’esercizio dei poteri speciali di cui al decreto-legge 15 marzo 2012, n. 21, e successive modificazioni ed integrazioni, della prenotifica e misure di semplificazione dei procedimenti», in G.U., Serie Generale, n. 211 del 9 settembre 2022. Come è evidente, l’atto in questione è stato adottato a crisi già consumata (risalendo le dimissioni del governo al 21 luglio 2022) e pertanto è quantomeno dubbia la sua riconducibilità all’ambito degli «affari correnti» che il governo dimissionario dovrebbe, come noto, limitarsi a espletare. Ad abundantiam, il D.P.C.M. in questione è stato pubblicato con più di un mese di ritardo sulla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il 24 settembre 2022, ossia il giorno prima della data prevista per le elezioni politiche.

7) Cfr. l’art. 2 della Convenzione per la protezione dei diritti dell’uomo e della dignità dell’essere umano nei confronti delle applicazioni della biologia e della medicina: Convenzione sui diritti dell’uomo e la biomedicina, firmata a Oviedo il 4 aprile 1997.

8) Cfr., emblematicamente, https://www.rivistadipsichiatria.it/archivio/3790/articoli/37742/.

 

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito internet: www.ecsel.org/cieb

 

 

Renovatio 21 offre questo comunicato per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari