Connettiti con Renovato 21

Vaccini

25 ragioni per evitare il vaccino Gardasil

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione su gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Sono passati 13 anni da quando la Food and Drug Administration (FDA) ha concesso l’autorizzazione in tempi rapidi al vaccino Gardasil della Merck – promosso per prevenire il tumore della cervice uterina e altri disturbi causati dai quattro tipi di papilloma virus umano (HPV). Inizialmente, l’agenzia autorizzò il Gardasil unicamente per le donne di età compresa tra i 9 e i 26 anni, ma nuove disposizioni della FDA consentono ora a Merck di somministrare il successore del Gardasil, il vaccino 9-valente Gardasil 9, sia a uomini sia a donne di una fascia d’età più ampia, dai 9 ai 45 anni.

 

Come risultato dell’espansione del mercato del Gardasil, non solo negli Stati Uniti ma nel mondo, il vaccino HPV è diventato il terzo prodotto più venduto della Merck, generando entrate globali per 3.2 miliardi di dollari. Nonostante ciò, il rapporto sulla sicurezza del Gardasil è un vero e proprio disastro. Children’s Health Defense e Robert Kennedy, Jr. hanno girato un video in cui illustrano dettagliatamente i tanti problemi nello sviluppo e sicurezza del Gardasil. Guarda e condividi il video in modo che tu e altri possiate comprendere perché Kennedy si riferisce alle metodologie della Merck come «chiacchiere fraudolente».

«Molte delle cose che dirò oggi sarebbero infamanti se non fossero vere. E se non fossero vere, Merck mi farebbe causa. Ma Merck non lo farà. E non lo farà perché negli Stati Uniti, la verità è la difesa assoluta contro la diffamazione» Robert J. Kennedy jr, video di presentazione del Gardasil Science Day

 

Quelli che seguono sono 25 fatti che riguardano il vaccino Gardasil/Gardasil 9, compresi dati sui test clinici dei vaccini ed esiti negativi osservati da quando Merck, i funzionari del sistema sanitario e i legislatori hanno imposto i vaccini ad una popolazione ignara.

 

Placebo e confronti inadeguati

  1. Un placebo dovrebbe essere una sostanza inerte che somiglia al farmaco da testare. Ma nei test clinici del Gardasil, Merck ha utilizzato un adiuvante neurotossico a base di alluminio denominato AAHS anziché un placebo salino inerte.
  2. Tra le ragazze e le donne a cui è stato somministrato il vaccino e tra le ragazze a cui è stato somministrato AAHS, un impressionante 2,3% di entrambi i gruppi ha sviluppato condizioni di «patologie autoimmuni sistemiche», molte manifestatesi poco dopo la somministrazione del Gardasil.
  3. Numerosi studi scientifici associano l’alluminio non solo a malattie autoimmuni ma anche ad autismo, morbo di Alzheimer, demenza e morbo di Parkinson, così come a comportamenti anomali negli animali.
  4. Merck mentì ai partecipanti allo studio, affermando falsamente che i test clinici non erano studi sulla sicurezza, che il vaccino era già stato dimostrato sicuro e che il placebo era una sostanza salina inerte. [Fonte: The HPV Vaccine on Trial (Prova fotografica, pp. 6 e 12)]
  5. Quando Merck condusse i test clinici per la nuova formulazione del vaccino, il Gardasil 9, utilizzò Gardasil come placebo nel gruppo di controllo, facendo affidamento sulla mancanza di un placebo inerte per mascherare problemi di sicurezza.
  6. I 500 microgrammi di alluminio usato come adiuvante (AAHS) nel Gardasil 9 sono oltre il doppio dell’alluminio presente nel Gardasil; questo fa emergere il dubbio se la comparazione del Gardasil 9 con il Gardasil sia giustificata.
  7. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che utilizzare un vaccino (anziché una sostanza inerte) come placebo crea uno «svantaggio metodologico» e rimarca altresì che potrebbe essere «difficile o impossibile» stabilire con certezza la sicurezza del vaccino senza l’uso di un placebo.

 

«Il rapporto sulla sicurezza del Gardasil è un vero e proprio disastro» Robert F.Kennedy jr

Criteri di inclusione ed esclusione inappropriati

  1. Per i test clinici del Gardasil nel gruppo target con un gruppo di controllo, meno di 1.200 bambini hanno ricevuto il vaccino e meno di 600 erano nel gruppo di controllo. Questo significa che meno di 1.800 bambini hanno posto le basi per la commercializzazione del vaccino a milioni di preadolescenti sani in tutto il mondo.
  2. I test del Gardasil avevano numerosi criteri di esclusione. Non erano idonei a partecipare persone con gravi allergie, risultati anomali nei pap test precedenti, che avevano avuto più di quattro partner sessuali nella vita, disturbi immunologici o altre malattie croniche, reazione agli ingredienti del vaccino, compresi alluminio, lievito e benzonasi, o precedenti di abusi di alcool e droghe. Ciononostante, Merck oggi raccomanda il vaccino per tutti questi gruppi.

 

Monitoraggio insufficiente

  1. Alcuni partecipanti allo studio, ma non tutti, hanno ricevuto dei moduli per registrare le reazioni a breve termine, come prurito e arrossamento. I moduli registravano le reazioni solamente per i successivi 14 giorni e Merck non ha esaminato ulteriormente i partecipanti che hanno riportato gravi reazioni avverse come patologie autoimmuni sistemiche o disturbi mestruali.
  2. I partecipanti danneggiati hanno lamentato che Merck rifiutò di registrare le reazioni avverse. In molti casi, Merck ha sostenuto che «non erano dovute al vaccino».
  3. La metà (49,6%) dei partecipanti ai test che hanno ricevuto il Gardasil hanno riportato gravi condizioni mediche mesi dopo la somministrazione. Per evitare di classificare i danni come reazioni avverse, Merck le ha considerate come «nuove condizioni mediche».

 

Le morti annue dovute al cancro alla cervice negli Stati Uniti sono 2,3/100.000. Il tasso di morte dei test clinici del Gardasil è stato di 85/100.000, 37 volte superiore al cancro.

Il rapporto rischio/beneficio con il cancro non è favorevole

  1. L’età media della morte per tumore alla cervice uterina è 58 anni. Gardasil viene somministrato a preadolescenti e adolescenti sani il cui rischio di morire per il cancro è praticamente nullo. Gli interventi rivolti a persone sane devono avere un fattore di rischio pari a zero.
  2. Le morti annue dovute al cancro alla cervice negli Stati Uniti sono 2,3/100.000. Il tasso di morte dei test clinici del Gardasil è stato di 85/100.000, 37 volte superiore al cancro.
  3. Con 76 milioni di bambini vaccinati con le tre dosi del Gardasil a un costo medio di 420 dollari, la spesa per salvare una vita americana dal cancro alla cervice ammonta a 18,3 milioni di dollari. Per converso, il valore di una vita umana, secondo il National Vaccine Injury Compensation Program facente capo al Ministero della Salute e dei Servizi alla Persona, è di 250.000 dollari – la cifra massima che il governo abbia mai corrisposto per una morte causata da vaccino.
  4. Secondo il foglio illustrativo del Gardasil, le donne sono fino a 100 volte più predisposte a soffrire di gravi patologie in seguito alla somministrazione del vaccino Gardasil di quanto lo sono a contrarre il tumore alla cervice.
  5. Le probabilità di sviluppare malattie autoimmuni derivanti dal Gardasil, anche se il vaccino funziona, sono 1.000 volte superiori a quelle di essere salvate dalla morte da tumore cervicale.
  6. Nei test clinici del Gardasil, le donne che mostravano sintomi di infezione HPV in atto e una precedente infezione da HPV, mostravano il 44% di probabilità in più di sviluppare lesioni uterine o cancro in seguito al vaccino.
  7. Le donne che hanno ricevuto il vaccino Gardasil nella preadolescenza o nell’adolescenza sono più propense a evitare gli screening per il tumore alla cervice uterina da adulte, ritenendo erroneamente che la vaccinazione anti-HPV sia un sostituto del controllo e che il vaccino azzeri il rischio.

Da quando il Gardasil è stato immesso nel mercato statunitense nel 2006, sono state registrate oltre 450 decessi e oltre 61.000 patologie gravi derivanti dal vaccino anti-HPV al Vaccine Adverse Event Reporting System.

 

Effetti sulla fertilità

  1. Le prove raccolte finora mostrano i potenziali danni del Gardasil sulla fertilità, tra cui aborti spontanei e insufficienza ovarica precoce.
  2. Merck non ha mai testato gli effetti del vaccino sulla fertilità. Ad ogni modo, i test clinici su Gardasil e Gardasil 9 hanno mostrato alte percentuali di aborti spontanei, rispettivamente il 25% e il 27,4%, molto più alte del tasso naturale, che si attesta tra il 10% e il 15% nella fascia d’età esaminata.
  3. Il Polisorbato 80 e il borato di sodio (Borax) sono associati a infertilità negli animali. Entrambi sono ingredienti del Gardasil ed entrambi vengono elencati nel protocollo clinico in cui si dichiarava di utilizzare un placebo salino benigno.

 

Post-autorizzazione

  1. Nel 2015 la Danimarca ha aperto cinque nuove cliniche HPV per curare i bambini danneggiati dal Gardasil, che poco dopo l’apertura avevano già in cura 1.300 pazienti.
  2. Da quando il Gardasil è stato immesso nel mercato statunitense nel 2006, sono state registrate oltre 450 decessi e oltre 61.000 patologie gravi derivanti dal vaccino anti-HPV al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).
  3. Merck ha mentito al VAERS sulla morte di Christina Tarsell, affermando falsamente che il suo medico attribuì il decesso a un virus anziché al Gardasil [Fonte: The HPV Vaccine on Trial (p. 144).]

 

Il vaccino non doveva essere autorizzato

Come suggerisce la fine del libro pubblicato nel 2018 The HPV Vaccine on Trial, la commercializzazione del Gardasil in 125 paesi del mondo ha mostrato, in modo terribilmente vero e scioccante, il fenomeno che spinse Hans Christian Andersen a scrivere I vestiti nuovi dell’Imperatore. Nel mondo, sono state riportate alla FDA e all’OMS oltre 100.000 reazioni avverse legate al Gardasil, mentre continuano a moltiplicarsi scandali, cause legali, gravi danni e decessi.

 

Per quasi 200 anni, la storia di Andersen ha insegnato ai lettori l’importanza di raccontare la verità, di fare attenzione all’evidenza e di ascoltare i bambini. La bella favola creata per il pericoloso vaccino Gardasil non deve più esistere. È tempo, per usare le parole delle autrici di The HPV Vaccine on Trial, di proclamare ad alta voce che l’imperatore è nudo».

 

 

Il team di Children’s Health Defense

 

 

© 21 maggio 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Vaccini

Vaccino mRNA: 120 adolescenti ricoverati in ospedale, 3 morti tra i giovani dai 15 ai 17 anni in Vietnam

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

La provincia vietnamita di Thanh Hoa ha sospeso un lotto del vaccino COVID di Pfizer dopo che più di 120 adolescenti sono stati ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati. Secondo le notizie, tre adolescenti vietnamiti sono morti dopo aver fatto il vaccino Pfizer.

 

 

 

La provincia vietnamita di Thanh Hoa ha sospeso un lotto di vaccino COVID di Pfizer-BioNTech dopo che più di 120 adolescenti sono stati ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati.

 

Secondo il Centro per il controllo delle malattie (CDC) della provincia, gli adolescenti sono stati ricoverati in ospedale per sintomi che vanno da nausea e febbre alta a difficoltà respiratorie, con 17 bambini che hanno manifestato reazioni gravi.

 

Le autorità di Thanh Hoa devono ancora confermare che il vaccino COVID di Pfizer abbia causato i sintomi degli adolescenti, secondo quanto riportato da VN Express International.

 

La provincia vietnamita di Thanh Hoa ha sospeso un lotto di vaccino COVID di Pfizer-BioNTech dopo che più di 120 adolescenti sono stati ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati

Vu Van Chinh, direttore dell’ospedale generale del distretto di Ha Trung, ha affermato che gli effetti collaterali dopo la vaccinazione sono normali, ma è più probabile che si verifichino nei bambini rispetto agli adulti.

 

Luong Ngoc Truong, direttore del CDC, ha affermato che sebbene la provincia abbia smesso di utilizzare l’attuale lotto di vaccini, «abbiamo ancora altri lotti, anche vaccini Pfizer, quindi continueremo a vaccinare i bambini».

 

Il lotto sospeso è stato messo in deposito e potrebbe essere utilizzato in seguito per altri gruppi come gli adulti, ha aggiunto Truong.

 

La scorsa settimana, quattro lavoratori della fabbrica di scarpe Kim Viet di Thanh Hoa sono morti – pure a causa di una «reazione eccessiva» – dopo aver ricevuto il vaccino Vero Cell COVID

La scorsa settimana, quattro lavoratori della fabbrica di scarpe Kim Viet di Thanh Hoa sono morti – pure a causa di una «reazione eccessiva» – dopo aver ricevuto il vaccino Vero Cell COVID, autorizzato a maggio dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’uso d’emergenza.

 

 

Tre bambini vietnamiti muoiono dopo il vaccino Pfizer

Il 30 novembre il Vietnam ha lanciato il suo programma di vaccinazione COVID per i bambini dai 15 ai 17 anni con il vaccino Pfizer. Da allora, tre bambini sono morti dopo aver ricevuto la prima dose. La causa della morte è stata «una reazione eccessiva al vaccino».

 

Uno dei tre decessi segnalati in Vietnam include un ragazzo di 12 anni nella provincia meridionale di Binh Phuoc che è morto un giorno dopo la sua prima iniezione di Pfizer.

 

Il ragazzo ha fatto  il vaccino lunedì pomeriggio ed è stato mandato a casa a riposare. Dopo cena ha avuto vertigini, dolori addominali e diarrea. È stato portato in un ospedale locale e poi trasferito in altri due, ma è morto martedì mattina.

 

Il dipartimento della salute di Binh Phuoc ha istituito un gruppo di esperti per determinare la causa della morte del dodicenne.

 

Un ragazzo di 16 anni nella provincia settentrionale di Bac Giang e una ragazza di prima media ad Hanoi sono morti entrambi domenica dopo aver fatto il vaccino COVID di Pfizer.

 

Il ministero della Salute ha affermato che entrambi i decessi sono stati causati da «una reazione eccessiva al vaccino», non da un problema con la qualità del vaccino o il processo di vaccinazione

Il ministero della Salute ha affermato che entrambi i decessi sono stati causati da «una reazione eccessiva al vaccino», non da un problema con la qualità del vaccino o il processo di vaccinazione.

 

I produttori farmaceutici Pfizer e Merck il 24 novembre hanno concordato di concedere licenze alle aziende vietnamite per la produzione di pillole per il trattamento del COVID: Paxlovid (Pfizer) e Molnupiravir (Merck).

 

Il Vietnam è uno dei 95 paesi a basso e medio reddito autorizzati a produrre le pillole attraverso un accordo di licenza volontario con Medicines Patent Pool, un gruppo internazionale di sanità pubblica sostenuto dalle Nazioni Unite.

 

Secondo gli ultimi dati del Vaccine Adverse Event Reporting System degli Stati Uniti, sono stati segnalati 18.558 eventi avversi a seguito del vaccino COVID di Pfizer tra i 12 ei 17 anni.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 6 dicembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Vaccini

«Non ci sarà una fine al programma di vaccinazione»: la premier neozelandese ammette

Pubblicato

il

Da

 

 

«There is not going to be an endpoint in this vaccination program».

 

«Non ci sarà un punto finale per questo programma di vaccinazione» lo ha ammesso Jacinda Ardern, premier goscista della Nuova Zelanda.

 

La Ardern ha parlato in una intervista le cui clip ora stanno facendo il giro della rete.

 

«Non ci sarà un punto finale per questo programma di vaccinazione

L’idea, da una parte, pare essere la vaccinazione universale della popolazione: «finché ci sono persone idonee che non sono state vaccinate, abbiamo del lavoro da fare». Il che significa vaccinare anche coloro che non vogliono.

 

 

Ma non solo. La Ardern pare aprire un futuro fatto di un numero indefinito di richiami:

 

«Una volta che abbiamo… ovviamente stiamo lanciando i richiami ora, quindi c’è un’altra ondata di persone di cui abbiamo bisogno per assicurarci di proteggere di nuovo».

 

«Quindi quelli che sono stati vaccinati sei mesi fa… abbiamo davvero bisogno che tornino… o dobbiamo andare da loro»

«Quindi quelli che sono stati vaccinati sei mesi fa… abbiamo davvero bisogno che tornino… o dobbiamo andare da loro».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Ardern poche settimane fa aveva ammesso, ridendo, che sì, il suo governo stava creando un Paese con «due classi diverse» di persone, in cui «hai tutti questi diritti se sei vaccinato».

 

Il governo di Auckland ha perseguito la fallimentare, pazzoide politica del «COVID zero», a partire da un draconiano lockdown istituito la scorsa estate per un singolo caso su milioni di abitanti.

 

La stessa premier Ardern aveva pubblicamente domandato ai cittadini neozelandesi di non parlare con i vicini di casa.

 

Come Riportato da Renovatio 21, l’anno passato era saltato fuori che, come l’Australia ed altri Paesi, anche la Nuova Zelanda stava approntando «strutture di quarantena» per i positivi al COVID.

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Bioetica

McCullough: la vaccinazione COVID «dovrebbe essere interrotta immediatamente»

Pubblicato

il

Da

 

 

In un evento evento tenutosi il 27 ottobre a Phoenix, in Arizona, il dottor McCullough – famoso cardiologo divenuto specialista di COVID –  McCullough ha posto all’attenzione del pubblico un documento del giugno 2021 di cui è stato coautore con un team internazionale di altri 56 scienziati chiamato «Vaccinazione di massa SARS-CoV-2: domande urgenti sulla sicurezza dei vaccini che richiedono risposte da agenzie sanitarie internazionali, autorità di regolamentazione, governi e sviluppatori di vaccini».

 

Gli autori hanno sollevato molte preoccupazioni, inclusi studi che dimostrano che la proteina spike patogena circola liberamente nel corpo. I ricercatori sono inoltre preoccupati per gli effetti collaterali a lungo termine.

 

«Non ci sono stati test per vedere se l’mRNA o il DNA adenovirale si incorpora nel genoma umano, se causa difetti alla nascita o cancro», ha detto.

 

«Non ci sono stati test per vedere se l’mRNA o il DNA adenovirale si incorpora nel genoma umano, se causa difetti alla nascita o cancro»

«Se non disponiamo dei meccanismi di sicurezza adeguati, pensiamo che saremo nei guai», ha continuato il cardiologo statunitense.

 

«Non ci sono stati comitati per la sicurezza. Questo è estremamente preoccupante».

 

McCullough ha dichiarato al sito pro-life canadeese LifeSiteNews che i comitati di monitoraggio della sicurezza dei dati (DSMB), i comitati di aggiudicazione degli eventi (EAC) e i comitati di etica umana «sono organismi di regolamentazione standard concordati dallo sponsor e dalle autorità di regolamentazione per supervisionare la sicurezza e l’integrità del programma di ricerca».

 

«Questi organismi avrebbero dovuto essere in vigore all’inizio del programma pubblico statunitense e avrebbero dovuto ricevere un rapporto sulla sicurezza mensile dal CDC/FDA».

 

«Non ci sono stati comitati per la sicurezza. Questo è estremamente preoccupante»

Come chiarisce il suo documento del giugno 2021, «i comitati di monitoraggio della sicurezza dei dati (DSMB) e i comitati di aggiudicazione degli eventi (EAC) dovrebbero adottare misure di mitigazione del rischio» in questi programmi.

 

«Se DSMB e EAC non lo fanno, chiederemo una pausa nella vaccinazione di massa», hanno scritto gli autori.

 

«Se DSMB ed EAC non esistono, la vaccinazione dovrebbe essere interrotta immediatamente”.

 

McCullough ha parlato di questo argomento altrove, evidenziandone la natura problematica sia eticamente che giuridicamente.

 

«La FDA e il CDC sono gli sponsor del programma», ha affermato.

 

«Non possono essere i giudici dei rapporti. Non possono. Ciò viola ogni legge normativa che conosciamo».

 

McCullough, cardiologo, internista ed epidemiologo con sede a Dallas, è ampiamente riconosciuto come uno dei maggiori esperti dell’infezione da COVID-19. Ha 51 pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria sulla malattia, tratta i pazienti COVID come parte della sua pratica e si è ripreso dall’infezione.

 

Ex professore di medicina, si è rivolto al pubblico dal vivo e ha fatto molte apparizioni sui media per trasmettere e spiegare i dati scientifici relativi al nuovo coronavirus.

 

In una recente intervista con Robert F. Kennedy jr., il dottore ha affermato che «i vaccini stanno fallendo».

 

In un’intervista con l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich ha invece parlato di «infertilità e cancro come possibili conseguenze del vaccino». Secono McCullough, «le morti legate alle vaccinazioni sono dieci volte il numero ufficiale».

 

Il medico non si è mai tirato indietro davanti alla necessità di denunciare una «collusione globale» per «causare tutti i danni e le morti possibili», per esempio con la proibizione e la demonizzazione dell’ivermectina.

 

Come riportato da Renovatio 21, McCullough non ha esistato a dire che «siamo nel mezzo della più grande catastrofe biologica della storia».

 

Mesi fa aveva dichiarato che il vaccino COVID è «bioterrorismo per iniezione» e ha causato almeno 50 mila morti negli USA.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari