Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Washington sta spingendo l’India a muovere guerra contro la Cina?

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl con il consenso dell’autore.

 

 

 

In una recente videoconferenza, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha suggerito che gli Stati Uniti potrebbero spostare alcune truppe dalla Germania verso la regione intorno all’India, citando le crescenti preoccupazioni degli Stati Uniti per la sicurezza nella regione asiatica.

La domanda è se Washington stia deliberatamente cercando di alimentare i venti di guerra tra i due giganti asiatici

 

Visto il drammatico aumento delle tensioni tra India e Cina sui confini contesi nella regione del Nepal e del Bhutan, dove si dice che diversi soldati di entrambe le parti siano morti in combattimenti corpo a corpo, la domanda è se Washington stia deliberatamente cercando di alimentare i venti di guerra tra i due giganti asiatici.

 

Per quanto improbabile al momento, questo dà l’idea di quanto il nostro mondo stia diventando instabile tra la «depressione economica del Coronavirus» e il percepito vuoto di potere degli Stati Uniti in ritirata.

 

 

Parlando a un forum virtuale del Marshall Fund tedesco di Bruxelles il 25 giugno, il Segretario di Stato Pompeo è stato interrogato sulle recenti dichiarazioni secondo cui le forze armate statunitensi avevano pianificato di ritirare un contingente delle sue forze dalla Germania.

Il nostro mondo stia diventando instabile tra la «depressione economica del Coronavirus» e il percepito vuoto di potere degli Stati Uniti in ritirata

 

Ha risposto che la minaccia cinese per l’India e le nazioni del sud-est asiatico era una delle ragioni per cui l’America stava riducendo la sua presenza di truppe in Europa per dispiegarle in altri luoghi.

 

Ha citato le recenti azioni cinesi non specificate come «minacce all’India, minacce al Vietnam, minacce alla Malesia, all’Indonesia e alla sfida del Mar Cinese Meridionale», aggiungendo: «Faremo in modo che le forze armate statunitensi siano preparate in modo adeguato per affrontare le sfide». 

 

 

La linea Radcliffe

I confini tra Cina, India e Pakistan sono una delle regioni più complesse e probabilmente più sensibili per un potenziale conflitto da quando nel 1947 il viceré britannico Lord Mountbatten divise l’Impero indiano britannico in un Pakistan prevalentemente musulmano e un’India prevalentemente indù, ma secolare.

 

A quella spartizione si opposero Gandhi e altri leader politici in India, i quali sostenevano invece un’India federale unificata con la maggioranza degli stati musulmani o indù, che avrebbero mantenuto una discreta autonomia all’interno di un’India unificata.

Mountbatten svelò invece i confini segretamente disegnati di un nuovo Pakistan e India in un modo che alimentava un devastante massacro tra indù e musulmani

 

Mountbatten svelò invece i confini segretamente disegnati di un nuovo Pakistan e India in un modo che alimentava un devastante massacro tra indù e musulmani, mentre 14 milioni di persone furono improvvisamente sfollate sulla base della cosiddetta Linea Radcliffe che divise arbitrariamente le province dell’India britannica del Punjab e del Bengala tra il nuovo Pakistan e l’India.

 

Allo stesso tempo, quando Mountbatten tornò in Inghilterra, lasciò deliberatamente irrisolto lo status di Jammu e Kashmir. Ciò assicurò una tensione permanente e un potenziale focolaio di guerra tra le due ex parti dell’India britannica. Radcliffe, che non era mai stato in India, nel 1948 fu nominato Cavaliere della Grande Croce dell’Ordine dell’Impero britannico per il suo servizio. 

 

Ci occupiamo oggi della regione contesa che è stata un punto di attrito costante dalla divisione britannica, vale a dire il Kashmir.

 

 

Il Ladakh: qui è dove si trova l’intersezione tra Cina, il Pakistan, importante partner della Belt Road Initiative, e l’India, che è rimasta fermamente al di fuori del progetto BRI. Tutti e tre sono anche potenze nucleari

Jammu e Kashmir e Ladakh

Nel 1972 entrambi i paesi, India e Pakistan, hanno concordato una linea di controllo provvisoria in Kashmir che ha ceduto Jammu, Kashmir e Ladakh all’amministrazione indiana e le aree settentrionali al Pakistan. Dalla guerra sino-indiana del 1962, la Cina ha rivendicato la parte nord-orientale del Ladakh. Qui è dove si trova l’intersezione tra Cina, il Pakistan, importante partner della Belt Road Initiative, e l’India, che è rimasta fermamente al di fuori del progetto BRI. Tutti e tre sono anche potenze nucleari.

 

Fino al 2019, il Ladakh era una regione dello stato di Jammu e Kashmir. Quindi, nell’agosto 2019, il Parlamento indiano ha approvato un atto con cui il Ladakh sarebbe diventato un territorio dell’unione dell’India il 31 ottobre 2019. Questo non ha incontrato l’approvazione di Pechino. Poiché il Ladakh fa parte della regione strategica del Kashmir, l’esercito indiano mantiene una forte presenza nella zona.

 

La Cina ha accusato l’India di costruire illegalmente strutture di difesa oltre confine, nel territorio cinese nella regione di Galwan Valley nel Ladakh.

La Cina ha accusato l’India di costruire illegalmente strutture di difesa oltre confine, nel territorio cinese nella regione di Galwan Valley nel Ladakh

 

L’ELP (Esercito di Liberazione Popolare cinese) ha risposto sviluppando la sua presenza nella regione. Pechino ha affermato che anche l’India stava pianificando una base aerea in Ladakh, considerata una minaccia strategica, poiché l’India ha un accordo militare con gli Stati Uniti che potrebbe consentire agli Stati Uniti l’accesso a quella base aerea in una situazione di guerra. A quel punto, secondo quanto riferito, la Cina ha iniziato a muoversi per bloccare i piani dell’India nel Ladakh.

 

Nonostante il fatto che Modi e la Cina di Xi Jinping abbiano concordato di discutere per ridurre i problemi, il 13 giugno la situazione in Ladakh è esplosa con scontri mortali tra soldati indiani e cinesi dell’ELP con numerosi morti per entrambe le parti in combattimenti corpo a corpo.

 

Pechino ha affermato che anche l’India stava pianificando una base aerea in Ladakh, considerata una minaccia strategica, poiché l’India ha un accordo militare con gli Stati Uniti che potrebbe consentire agli Stati Uniti l’accesso a quella base aerea in una situazione di guerra

Questo è stato il contesto in cui Pompeo ha dichiarato: «L’ELP  ha alimentato le tensioni al confine con l’India, la democrazia più popolosa del mondo. Sta militarizzando il Mar Cinese Meridionale e rivendica illegalmente più territorio, minacciando le rotte marittime vitali».

 

Contemporaneamente all’aumento delle tensioni tra Pechino e Washington, tre gruppi d’attacco delle portaerei statunitensi sono stati schierati nella zona indo-pacifica e ci sono piani per dispiegare missili americani in Asia, inclusa l’India, mentre Washington cerca di situare più basi nella regione indo-pacifica. 

 

I giornalisti indiani affermano che il progetto indiano Darbuk – Shyok – DBO Road in Ladakh è visto dai cinesi come uno strumento indiano per compensare il corridoio economico Cina-Pakistan del BRI.

 

Sostengono che la Cina abbia tentato di conquistare la valle di Galwan come misura preventiva per bloccare questo progetto di infrastruttura stradale DBO in Ladakh.

 

Pompeo ha dichiarato: «L’ELP  ha alimentato le tensioni al confine con l’India, la democrazia più popolosa del mondo. Sta militarizzando il Mar Cinese Meridionale e rivendica illegalmente più territorio, minacciando le rotte marittime vitali»

Secondo questo rapporto, «la Cina vuole fermare la costruzione della tortuosa strada di 255 km Darbuk-Shyok-Daulat Beg Oldie che fornirebbe all’esercito indiano un facile accesso all’ultimo avamposto militare a sud del dominante Passo del Karakoram. La parte indiana, tuttavia, è determinata a completare la costruzione dell’intero tratto entro l’estate, compreso il ponte di 60 metri sul ruscello di Galwan o Nallah vicino al punto di confluenza con il fiume Shyok». L’eredità della spartizione britannica del 1947 oggi è netta.

 

 

Il «collo di pollo» dell’India

Dato che gli scontri in Ladakh tra Cina e India erano ancora freschi, sono emerse notizie secondo cui era in corso la costruzione cinese di strutture chiave all’interno del territorio conteso, rivendicato dall’India, dell’Arunchal Pradesh, nell’estremo nord-est dell’India, al confine con la Cina.

 

Secondo un membro del parlamento indiano del BJP, Tapir Gao di Arunchal Est, i lavoratori cinesi dell’ELP stavano costruendo ponti di cemento, progetti idroelettrici, eliporti a circa 12 chilometri all’interno del lato indiano delimitato dalla Linea McMahon dell’Arunachal Pradesh in una zona occupata dall’esercito indiano.

 

«La Cina vuole fermare la costruzione della tortuosa strada di 255 km Darbuk-Shyok-Daulat Beg Oldie che fornirebbe all’esercito indiano un facile accesso all’ultimo avamposto militare a sud del dominante Passo del Karakoram»

Negli ultimi anni l’India ha anche accusato la Cina di aver sconfinato illegalmente sul suo territorio in Bhutan e Nepal, mettendo ulteriormente a dura prova le relazioni.

 

Il Nepal, storicamente un paese cuscinetto prevalentemente indù tra la Cina imperiale e l’India britannica, fu sottoposto a una sanguinosa guerra civile di dieci anni guidata dal Partito Comunista-Maoista del Nepal. Nel 2007 la monarchia nepalese terminò ufficialmente e nel 2008 fu istituita una repubblica secolare.

 

Negli ultimi anni la Cina ha avviato una serie di progetti economici in Nepal. Durante una visita del 2018 a Pechino, il primo ministro nepalese KP Sharma Oli, del Partito comunista-maoista, ha firmato un protocollo d’intesa per la costruzione di una ferrovia che collega Shigatse in Tibet con Kathmandu. Oli ha anche aderito alla Belt Road Initiative di Pechino. Ciò segnò un’importante partenza per il Nepal, che la Cina considerava sotto la sfera di influenza dell’India, separato dalla Cina da un’elevata catena montuosa. Lo stesso anno la Cina ha anche consentito al Nepal l’uso di quattro porti cinesi per porre fine alla dipendenza commerciale del paese dall’India. Sotto il Primo Ministro KP Sharma Oli, i rapporti con l’India si sono deteriorati, rafforzando i legami di Oli con Pechino.

Le azioni combinate della Cina attorno al suo perimetro al confine con il Tibet in Cina ricordano minacciosamente la dichiarazione del 1950 di Mao che considera il Tibet come il palmo della mano destra della Cina, con cinque dita alla sua periferia: Ladakh, Nepal, Sikkim, Bhutan e Arunachal Pradesh e che è responsabilità della Cina «liberare» queste regioni

 

Il Bhutan è un altro stato cuscinetto strategico tra India e Cina. Nel 2017 l’India e l’Esercito Reale del Bhutan hanno accusato la Cina di aver costruito una strada nel territorio conteso verso l’altopiano di Doklam. In seguito, è intervenuta l’India, sostenendo la posizione del Bhutan e chiedendo alla Cina di interrompere i suoi lavori di costruzione. Come descrive un analista indiano, «La valle ha un significato strategico per l’India, la Cina e il Bhutan. L’India lo vede come un pugnale puntato verso il suo cosiddetto settore del “collo di pollo” nel nord-est e la rapida costruzione di strade cinesi in Tibet potrebbe rendere le cose difficili per l’India».

 

Viste da Nuova Delhi, le azioni combinate della Cina attorno al suo perimetro al confine con il Tibet in Cina ricordano minacciosamente la dichiarazione del 1950 di Mao che considera il Tibet come il palmo della mano destra della Cina, con cinque dita alla sua periferia: Ladakh, Nepal, Sikkim, Bhutan e Arunachal Pradesh e che è responsabilità della Cina «liberare» queste regioni. Questa, nota come la politica delle cinque dita del Tibet, che non appare mai stampata, sta causando una notevole tensione nei circoli strategici indiani.

 

Viste da Pechino, poiché le relazioni con Washington sono diventate apertamente ostili negli ultimi anni e mentre l’India e gli Stati Uniti sembrano avvicinarsi, le azioni cinesi lungo il perimetro dell’India dal Kashmir all’Arunachal Pradesh sembrano essere passi prudenti per proteggere i confini cinesi e il corridoio strategico del BRI della Cina in Pakistan da qualsiasi futura minaccia indiana.

In questo campo minato nucleare ora, il Segretario di Stato americano ha accennato ad aumentare il supporto militare per l’India, certamente non una mossa di pace

 

In questo campo minato nucleare ora, il Segretario di Stato americano ha accennato ad aumentare il supporto militare per l’India, certamente non una mossa di pace. Al contrario, la Russia, che intrattiene relazioni costruttive sia con la Cina sia con l’India, si è offerta di mediare.

 

La crisi nel subcontinente indiano sembra pronta a continuare.

 

 

William F. Engdahl

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di Antônio Milena via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Esplosione nella base USA di Al-Tanf

Pubblicato

il

Da

 

 

Nella notte fra il 4 e il 5 dicembre 2021 si sono sentite forti esplosioni nella base di Al-Tanf, territorio siriano occupato illegalmente dagli Stati Uniti.

 

La base è situata alla triplice frontiera fra Siria, Giordania e Iraq, non lontano dal mega-campo di rifugiati di Rukban, controllato dai Fratelli Mussulmani.

 

A ottobre 2021 Al-Tanf era stata attaccata da una milizia sciita irachena.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Geopolitica

Analista strategico turco arrestato per spionaggio a favore dell’Italia. Cosa sta succedendo?

Pubblicato

il

Da

 

 

Metin Gürcan, un ex capitano delle forze armate che oggi svolge il lavoro di analista strategico, è stato arrestato a fine Novembre con l’accusa di «spionaggio politico e militare» a favore dell’Italia.

 

Gürcan, che secondo Radio Radicale era pedinato dai servizi turchi dal 2020, è stato prelevato nella sua abitazione di Istanbul dalla polizia.

 

Lo hanno accusato di aver fornito analisi strategiche ai diplomatici italiani e spagnoli operanti nella capitale Ankara. Gürcan avrebbe ammesso davanti ai giudici di aver consegnato ad ambasciate estere studi a pagamento, ma utilizzando solo OS, cioè quelle che nel gergo dell’Intelligence si chiamano le open sources, cioè le «fonti aperte» come giornali, riviste, post e video pubblicati su Internet etc. Ciò quindi lo metterebbe al riparo dall’accusa di aver tradito segreti militari.

 

Secondo quanto si apprende, l’ex militare avrebbe incontrato un diplomatico del Regno di Spagna presentandogli grafici su «Turchia, Iraq, Iran, Siria, Afghanistan, Libia e occasionalmente Grecia e Ucraina». In cambio avrebbe ottenuto 400 euro mensili.

 

Il 6 gennaio 2020 Gürcan avrebbe incontrato un ufficiale dell’ambasciata d’Italia nel parcheggio di un centro commerciale della capitale turca. Sarebbe seguiti altri due incontri, stesso luogo. Avrebbe quindi ricevuto 500 euro.

 

C’è l’ombra di una purga politica che potrebbe rendere le accuse di spionaggio un mero pretesto per l’arresto: Gürcan è fondatore di Deva, un partito che si oppone al «sultano» Erdogan.

 

L’uomo sostiene quindi di aver condiviso con i diplomatici europei le sue idee sulla politica interna turca in quanto personaggio politico.

 

Si tratta di un arresto pesante, con accuse pesanti anche al nostro Paese.

 

Perché sta accadendo tutto questo? Una risposta potrebbe essere il Trattato del Quirinale.

Perché sta accadendo tutto questo? Una risposta potrebbe essere il Trattato del Quirinale.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Trattato del Quirinale, firmato da pochi giorni, è un accordo che stringe enormemente le relazioni tra Francia e Italia – a discapito dell’Italia, ovviamente, che dispone di un esercito che è la metà di quello di Parigi e che non dispone di testate termonucleari.

 

Il trattato prevede una cooperazione su vari fronti, da quello economico a quello spaziale.

Tuttavia, c’è tutta una serie di questioni non propriamente espresse che sono sottointese al Trattato.

 

Uno degli effetti immediati dell’accordo franco-italiano potrebbe essere un grosso cambio di marcia in Libia, Paese ridotto al collasso proprio da un intervento francese (con contorni di politica interna parigina piuttosto speciosi, ed oscuri). E in Libia si gioca al momento una delle più grandi scommesse per il futuro della Turchia.

 

Uno degli effetti immediati dell’accordo franco-italiano potrebbe essere un grosso cambio di marcia in Libia, e in Libia si gioca al momento una delle più grandi scommesse per il futuro della Turchia

Come noto, gli italiani hanno sostenuto caparbiamente – ma senza mai chiudere la porta agli avversari – il GNA, ossia il governo di Tripoli, riconosciuto dall’ONU. I francesi hanno sempre sostenuto (ufficialmente, solo a livello politico, non militare) le forze del LNA, cioè il generale Haftar – il quale gode di un supporto che include anche russi, egiziani, emiratini e, si mormora, perfino israeliani.

 

La Turchia si frappose inserendosi con il ruolo di protettore del GNA di Tripoli: vi portò migliaia di mercenari, alcuni veterani del macello siriano, e tanta tecnologia militare, tra cui temibili droni di sua produzione. Con il suo intervento, la Turchia scalzò di fatto  l’Italia da storico partner principale di Tripoli: l’immagine plastica fu la chiusura di un ospedale italiano all’aeroporto di Misurata per farvi una base militare turca.

 

Ora, con l’accordo tra italiani e francesi, Erdogan può temere qualche sorpresa in Libia, dove ci si appresta ad andare alle elezioni.

 

L’arresto di Gürcan potrebbe quindi essere un segnale in questa direzione? Si tratta di un avvertimento?

 

Come riportato da Renovatio 21 in vari articoli, la Turchia erdoganiana si trova in una immane crisi economica e in un vicolo cieco diplomatico, attivo su fronti – curdo, libico, ucraino, armeno – in grado di far saltare i nervi a tante potenze regionali e non solo.

 

L’Interpol ha arrestato in Turchia un dirigente ISIS questa primavera.

 

Gli scontri in Nagorno-Karabakh, dove Erdogan supporta apertamente e materialmente l’Azerbaigian contro il armeni, stanno riprendendo in queste settimane.

 

Avendo visto l’attivismo turco di questi ultimi mesi, perfino in Afghanistan, Uuna reazione ancora più violenta da parte di Ankara, di modo anche da distrarre la popolazione sempre più frustrata, non ci pare completamente da escludere.

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Sciami di micro-droni autonomi esplosivi in produzione in Australia

Pubblicato

il

Da

 

 

L’incubo degli Slaughterbots – sciami di micro-droni esplosivi che colpiscono il bersaglio in autonomia – è realtà.

 

Una delle aziende che sta già producendo un simile tipo di micro-drone militare – in grado di volare sino all’obbiettivo ed esplodere – è l’Australia, impegnata in una corsa anche tecnologica alle armi in previsione di un possibile scontro con la Cina.

 

In un reportage della trasmissione di giornalismo d’inchiesta 60 Minutes, la tecnologia dei droni autoesplodenti è stata recentemente rivelata al pubblico.

 

La tecnologia dei droni autoesplodenti è stata recentemente rivelata al pubblico

Il programma TV ha mostrato un poligono per questo nuovo tipo di tecnologia militare situato fuori Melbourne.

 

 

 

L’arma è costituita da squadroni di piccoli droni tubulari che portano una carica esplosiva.

 

Li produce un’azienda dello Stato australiano del Vittoria, la Defentex. Secondo il CEO della società i droni autonomi esplosivi potrebbero rappresentare una parte critica dell’arsenale di Canberra nel caso di scontro con Pechino.

 

«È economico, è spendibile, e si può raggruppare in una massa, o sciame, così da avere un grande impatto sul campo di battaglia»

«È economico, è spendibile, e si può raggruppare in una massa, o sciame, così da avere un grande impatto sul campo di battaglia».

 

Il dirigente conferma al giornalista che l’idea è esattamente quella di sopperire alla sproporzione tra un piccolo esercito come quello australiano contro un titano militare come la Cina: «in ultima analisi, è il motivo per cui esistiamo».

 

Il drone può portare cariche diverse: una munizione anti-uomo, anti-carro, o anche solo fumo.

 

«Se arriviamo ad avere centinaia o migliaia di questi droni che lavorano all’unisono, cosa possiamo aspettarci?» chiede il giornalista di 60 Minutes.

 

«Possono avere un effetto devastante» risponde il responsabile di DefenTex. «Noi siamo una Nazione molto piccola, abbiamo una forza di difesa molto piccola, dobbiamo massimizzare l’impatto che ogni soldato individuale può avere…»

 

Come riportato da Renovatio 21, oramai da diverso tempo che anche  , pubblicando, l’anno scorso, un video di dimostrazione.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, i droni autonomi killer – detti anche «slaughterbots» – stanno già effettuando attacchi aerei senza che nessun essere umano sia coinvolto nel processo decisionale.

 

Il rapporto delle Nazioni Unite pubblicato a marzo ha delineato l’uso di droni STM Kargu-2 di fabbricazione turca che hanno condotto attacchi aerei in Libia senza alcun intervento umano

 

Gli sciami di Slaughterbots – già visti su videogiuochi come Call of Duty – divennero un tema da dibattito quando nel 2017 il Future of Life Institute, un’organizzazione no-profit focalizzata sull’educazione del mondo sui rischi dell’Intelligenza Artificiale letale, pubblicò un video piuttosto sconvolgente.

 

 

 

C’è da chiedersi sul serio: la Turchia, regina di droni (usati in Libia e ora anche in Ucraina) e avversaria dell’Italia (e della Grecia, e della Francia, e della Russia…) per tanti interessi, sta sviluppando anche la tecnologia dei mini-droni autoesplodenti autonomi?

 

È una domanda che la nostra Intelligence e il nostro Ministero della Difesa dovrebbe porsi seriamente.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari