Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Washington e Soros pronti a rovesciare Narendra Modi in India

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Uno dei partner economici più critici della Russia tra le sanzioni economiche occidentali senza precedenti di Washington e dell’UE per la guerra in Ucraina è stato il governo indiano del leader del BJP Narendra Modi. Negli ultimi anni Modi, giocando un delicato atto di bilanciamento tra alleanze con la Russia e anche con l’Occidente, è emerso come un partner commerciale vitale della Russia in mezzo alle sanzioni. Nonostante i ripetuti sforzi dell’amministrazione Biden e dei funzionari britannici, Modi ha rifiutato di aderire alle sanzioni contro il commercio russo, soprattutto il commercio di petrolio. Ora una serie di eventi mirati e programmati in modo sospetto suggeriscono che è in corso una destabilizzazione anglo-americana per rovesciare Modi nei prossimi mesi.

 

 

L’India è un alleato vitale della Russia attraverso la sua partecipazione, tra l’altro, al cosiddetto gruppo di nazioni BRICS. BRICS è l’acronimo di un gruppo informale di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. È un raduno sciolto di cinque degli stati più dinamici delle nazioni non OCSE, principalmente del sud. Dopo che un economista di Wall Street ha nominato quattro potenziali economie emergenti in rapida crescita nel 2001, nel 2009 si è tenuto il primo vertice BRIC e, dopo aver ammesso il Sudafrica nel 2010, i vertici BRICS sono stati annuali.

 

I cinque hanno un impressionante 40% della popolazione mondiale, oltre tre miliardi di persone e circa il 25% del PIL globale, con la Cina che ne rappresenta il 70%, l’India circa il 13% e la Russia e il Brasile il 7%. Con i crescenti problemi per le aziende internazionali che operano in Cina, molte grandi aziende guardano all’India, il Paese più popoloso del mondo con una grande forza lavoro qualificata, come alternativa produttiva sempre più favorita alla Cina.

 

 

India e Modi

L’India sotto il primo ministro del BJP Narendra Modi ha ripetutamente rifiutato di unirsi a Washington nel condannare le azioni della Russia in Ucraina. Ha sfidato le sanzioni statunitensi sull’acquisto di petrolio russo, nonostante le ripetute minacce statunitensi di conseguenze. Oltre ad essere un altro membro dei BRICS, l’India è anche un importante acquirente di lunga data di attrezzature per la difesa russa.

 

Modi sta affrontando un’elezione nazionale nella primavera del 2024, e importanti elezioni regionali quest’anno, che determineranno il suo futuro.

 

A gennaio è stato lanciato un chiaro assalto anglo-americano a Modi e al suo principale finanziatore. Un’oscura società finanziaria di Wall Street, la Hindenburg Research, presumibilmente svolge «ricerche finanziarie forensi» per cercare corruzione o frode nelle società quotate, con le quali poi vende una società «allo scoperto» non appena la loro ricerca viene pubblicata. La misteriosa società è emersa nel 2017 ed è sospettata di avere legami con l’intelligence statunitense.

 

A gennaio Hindenburg ha preso di mira un miliardario indiano, Gautam Adani, capo del gruppo Adani e all’epoca, secondo quanto riferito, l’uomo più ricco dell’Asia. Adani è anche il principale sostenitore finanziario di Modi. La fortuna di Adani si è moltiplicata enormemente da quando Modi è diventato Primo Ministro, spesso in iniziative legate all’agenda economica di Modi.

 

Dal rapporto Hindenburg del 24 gennaio relativo all’uso improprio dei paradisi fiscali offshore e alla manipolazione delle scorte, le società del gruppo Adani hanno perso oltre 120 miliardi di dollari di valore di mercato. Adani Group è il secondo più grande conglomerato in India. I partiti di opposizione hanno sottolineato che Modi è legato ad Adani. Entrambi sono amici di lunga data del Gujarat, nella stessa parte dell’India.

 

Il rapporto Hindenburg, che sostiene essere il risultato di 2 anni di ricerche e visite in una mezza dozzina di Paesi – suggerendo che si trattava di una scommessa di investimento piuttosto costosa per una piccola società di ricerca di Wall Street – ha accusato le società Adani: «che il conglomerato indiano Adani Group da 17,8 trilioni di rupie (218 miliardi di dollari USA) si è impegnato in uno sfacciato schema di manipolazione delle azioni e frode contabile nel corso di decenni… revisionando migliaia di documenti e conducendo visite per due diligence in loco in quasi una mezza dozzina di Paesi».

 

I dettagli dello sforzo di Hindenburg per screditare e mettere in cortocircuito le azioni di una società nella remota India, che spende chiaramente ingenti somme per documentare, suggerisce che potrebbero avere informatori ben informati o fonti di intelligence che li aiutano a prendere di mira un gruppo vulnerabile con stretti legami con Modi. Altrimenti sarebbe stata una scommessa ad altissimo rischio per loro. Oppure sono straordinariamente fortunati.

 

Nello stesso mese in cui è apparsa la denuncia Hindenburg di Adani con un tempismo sospetto, nel gennaio 2023 la BBC di proprietà del governo britannico ha pubblicato un documentario televisivo che denunciava il ruolo di Modi due decenni fa nel 2002 nelle rivolte religiose in Gujarat quando era governatore lì. Il rapporto della BBC, che è stato bandito in India, si basava su informazioni non pubblicate fornite alla BBC dal Foreign Office del Regno Unito. Interessante.

 

Il governo Modi ha adottato misure straordinarie per censurare «India: The Modi Question», il film della BBC in India. Le autorità indiane hanno attaccato la BBC per aver prodotto «propaganda», hanno fatto irruzione negli uffici della BBC in India per presunti reati fiscali e hanno invocato poteri di emergenza per costringere le società di social media a rimuovere i collegamenti ai video della BBC. La polizia ha arrestato studenti manifestanti che stavano organizzando feste di osservazione nei campus di tutto il Paese.

 

La BBC con l’aiuto del Foreign Office del Regno Unito ha toccato un nervo scoperto.

 

 

I legami Russia-India

Rifiutando di aderire alle sanzioni della NATO contro la Russia e mantenendo un rigoroso principio di neutralità come ha fatto dall’era della Guerra Fredda, Modi ha approfittato della disponibilità di greggio russo che Stati Uniti e UE ora rifiutano.

 

La Russia è ora il più grande fornitore di greggio all’India, superando Iraq e Arabia Saudita. A dicembre, l’India ha acquistato 1,2 milioni di barili di greggio dalla Russia ogni giorno, ben 33 volte in più rispetto all’anno precedente. Ironia della sorte, parte di quel petrolio russo viene raffinato in India e riesportato nell’UE, che ha appena vietato il petrolio russo.

 

Secondo gli analisti energetici, «l’India sta acquistando quantità record di greggio russo fortemente scontato, facendo funzionare le sue raffinerie al di sopra della capacità nominale e catturando la rendita economica di crack spread altissimi ed esportando benzina e diesel in Europa».

 

Prima dell’inizio della guerra in Ucraina, l’India acquistava solo l’1% del greggio russo. Quella cifra è salita al 28 percento a gennaio. Nessun altro paese ha aumentato così tanto il suo consumo di petrolio russo, nemmeno la Cina, che ha anche aumentato significativamente i suoi acquisti di petrolio russo.

 

Se aggiungiamo le importazioni di fertilizzanti russi, olio di girasole e altri prodotti, le importazioni dell’India dalla Russia sono aumentate di oltre il 400% in otto mesi a novembre rispetto all’anno precedente.

 

Vale la pena notare che, quando si tratta di realizzare un enorme profitto dall’acquisto di petrolio russo a forte sconto, la più grande azienda indiana per valore di mercato, Reliance Industries Ltd, è stata un importante acquirente privato di greggio russo. Reliance, che possiede la più grande raffineria del mondo per capacità, a Jamnagar, ha ottenuto il 27% del suo petrolio dalla Russia nel maggio 2022 rispetto al solo 5% prima di aprile.

 

Quella somma è probabilmente aumentata da allora. Notevole, in quanto il presidente di Reliance, Mukesh Ambani, fa parte del consiglio di amministrazione del Forum economico mondiale di Davos, che è uno dei principali promotori della fine del petrolio greggio e del gas per l’Agenda verde 2030 delle Nazioni Unite.

 

L’ideologia è bella ma i profitti enormi apparentemente sono più belli.

 

 

Arriva George Soros

Come ulteriore indicazione che Washington e Londra cercano un cambio di regime in India, nientemeno che il «Padrino» delle rivoluzioni colorate sostenute dalla CIA, George Soros, parlando il 17 febbraio all’annuale Conferenza sulla sicurezza di Monaco, ha dichiarato, minacciosamente, che, in effetti, i giorni di Modi sono contati.

 

Il 92enne Soros ha dichiarato: «l’India è un caso interessante. È una democrazia, ma il suo leader Narendra Modi non è un democratico». È un po’ come il bue che dà del cornuto all’asino.

 

Riferendosi chiaramente al recente documentario della BBC, Soros ha aggiunto: «l’incitamento alla violenza contro i musulmani è stato un fattore importante nella sua fulminea ascesa». Soros ha dettagliato la sua accusa contro il leader indiano: «Modi mantiene stretti rapporti sia con società aperte che chiuse. L’India è membro del Quad (che comprende anche Australia, Stati Uniti e Giappone), ma compra molto petrolio russo con un forte sconto e ci guadagna su un sacco di soldi».

 

Soros è stato coinvolto in tutte le rivoluzioni colorate della CIA dagli anni ’80, inclusa la Jugoslavia, l’Ucraina, lo stupro della Russia da parte di Eltsin negli anni ’90, in Iran, contro l’Ungheria di Orban e innumerevoli altri paesi che non seguono l’agenda della «democrazia» del libero mercato di Washington. Questa è una questione di dominio pubblico.

 

Soros ha suggerito con forza che la denuncia dell’Hindenburg Research sull’alleato di Modi Adani non è una coincidenza. Ha dichiarato: «Modi e il magnate degli affari Adani sono stretti alleati; il loro destino è intrecciato… Adani è accusato di manipolazione delle azioni e le sue azioni sono crollate come un castello di carte. Modi tace sull’argomento, ma dovrà rispondere alle domande degli investitori stranieri e in parlamento. Ciò indebolirà in modo significativo la stretta mortale di Modi sul governo federale indiano e aprirà la porta a spingere per riforme istituzionali tanto necessarie».

 

«Potrei essere ingenuo, ma mi aspetto un risveglio democratico in India» ha concluso. Questa è il linguaggio di Soros per il cambio di regime a favore di qualcuno più flessibile all’agenda globalista della NATO.

 

Lo speculatore miliardario di hedge fund George Soros è stato accusato di molte cose, ma mai di essere ingenuo. Aspettatevi che i prossimi mesi segnalino una massiccia escalation delle operazioni sporche occidentali per cercare di rovesciare Modi e indebolire il gruppo di paesi BRICS che stanno sempre più cercando di opporsi ai dettami dei globalisti di Washington e Davos.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Missili contro due basi USA in Siria: l’escalation per la guerra mondiale continua

Pubblicato

il

Da

Le basi statunitensi nei giacimenti petroliferi di al-Omar e di gas Koniko nel governatorato di Deir ez-Zor, nel nord-est della Siria, sono state attaccate da razzi venerdì notte. Lo riporta la TV libanese Al Mayadeen.

 

Otto razzi sono stati lanciati contro la base di Koniko, dicono le fonti dell’emittente di Beirut. Un funzionario statunitense non identificato ha riferito al canale televisivo qatariota Al-Jazeera che un militare americano avrebbe riportato ferite a seguito di attacchi a Deir ez-Zor. È stato anche notato che le difese aeree statunitensi hanno abbattuto due dei tre droni utilizzati nell’attacco.

 

Venerdì scorso, il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha dichiarato che il 24 marzo 10 razzi hanno colpito le forze della coalizione nel complesso Green Village del sito di supporto alla missione nel nord-est della Siria. Nessun membro del personale statunitense o membro della coalizione è rimasto ferito nell’attacco e le strutture e le attrezzature rimangono illese.

 

Uno dei razzi, che ha mancato il complesso di quasi cinque chilometri, ha colpito e danneggiato un’abitazione civile, provocando il ferimento di due donne e due bambini, secondo CENTCOM.

 

Come riporta la testata russa Sputnik, l’ultima serie di attacchi occhio-per-occhio arriva dopo che gli Stati Uniti hanno autorizzato giovedì un attacco aereo contro obiettivi nella Siria orientale in risposta a un sospetto drone iraniano che aveva colpito una base della coalizione che ospitava le forze statunitensi.

 

Un contractor statunitense è stato ucciso e cinque soldati americani e un altro contractor sono rimasti feriti.

 

Venerdì scorso, durante una conferenza congiunta con il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto ai giornalisti che non cerca un conflitto con l’Iran dopo l’attacco aereo di giovedì contro i proxy iraniani della zona. Tuttavia, ha sottolineato di essere pienamente preparato a difendere le forze statunitensi di stanza in Siria.

 

«Gli Stati Uniti non cercano un conflitto con l’Iran, ma preparatevi ad agire con forza per proteggere il nostro popolo», ha detto Biden venerdì.

 

Gli Stati Uniti, che mantengono una forza di circa 900 militari in Siria, hanno mantenuto un’impronta nel paese dilaniato dalla guerra dal 2016. Tuttavia, la loro presenza nella nazione non ha legalità, non avendo acquisito né il permesso di Damasco né un mandato da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

 

Il governo siriano ha ripetutamente paragonato le forze statunitensi nel paese a un’occupazione con l’obiettivo di saccheggiare il Paese dei suoi ricchi giacimenti di petrolio e gas.

 

Due settimane fa il Capo di Stato Maggiore USA Mark Milley ha visitato le truppe americane che occupano parte della Siria. Assad, in visita a Mosca, ha rivelato che nella base di siriana Al Tanf gli USA addestrerebbero terroristi.

 

L’anno passato l’Intelligence russa aveva accusato gli Stati Uniti di addestrare in Siria militanti ISIS da spedire sul fronte ucraino. Alcune foto di combattenti ucraini con le mostrine dello Stato Islamico potrebbero esserne testimonianza.

 

Gli USA hanno ostacolato la risposta umanitaria al sisma in Siria, mentre il loro alleato regionale Israele ne ha approfittato per bombardare Damasco.

 

Nel frattempo, in barba all’evanescente potere di Washington, la Cina sembra aver ricucito la diplomazia tra Iran e Arabia Saudita, mentre la Siria sta riallacciando i rapporti con il mondo arabo.

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Oggetto trovato vicino al Nord Stream: ci porterà al colpevole?

Pubblicato

il

Da

L’agenzia per l’energia della Danimarca ha pubblicato giovedì scorso una foto di un misterioso oggetto cilindrico trovato vicino al gasdotto Nord Stream 2 sul fondo del mare.

 

L’agenzia ha affermato che è «possibile» che l’oggetto sia una boa marittima, alta 40 centimetri e larga 10 centimetri, e che «non rappresenti un rischio immediato per la sicurezza», riporta l’agenzia AFP.

 

Il Cremlino ha definito il recupero e l’esame dell’oggetto trovato accanto al Nord Stream «di fondamentale importanza» e che il reperto sarà attentamente esaminato.

 

Esso infatti potrebbe costituire la prova fisica di chi ha davvero commesso l’atto di terrorismo internazionale che ha distrutto il gasdotto russo-tedesco nel settembre scorso.

 

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha detto durante il quotidiano incontro con la stampa che «è di fondamentale importanza determinare che tipo di oggetto è, se è collegato a questo atto terroristico – a quanto pare lo è – e continuare questa indagine. E questa indagine deve essere trasparente». Come noto, le richieste della Russia di indagini congiunte con i vari Paesi dall’area sono state rifiutate dai governi, pur essendo il Nord Stream una proprietà russa.

 

Tuttavia ora la Danimarca sembra per qualche ragione aver cambiato idea. Il portavoce Peskov ha affermato riguardo alle indagini tedesche, svedesi e danesi in corso che è «una notizia sicuramente positiva» che Copenaghen abbia invitato Nord Stream 2 AG, la società russo-tedesca che controlla il gasdotto, ad assumere un ruolo attivo nelle indagini.

 

In realtà è stato Putin il primo a fare riferimento pubblicamente all’oggetto e agli sforzi investigativi in ​​corso per accertare di cosa si tratti. Il presidente della Federazione Russa aveva detto che esperti ritengono che l’oggetto potrebbe essere un’antenna di segnale per attivare un esplosivo in quella parte del gasdotto.

 

Dagli attentati clandestini del 26 settembre che hanno disabilitato permanentemente i gasdotti dalla Russia alla Germania che passano sotto il Mar Baltico, la narrativa prevalente è cambiata radicalmente. Inizialmente, politici media occidentali avevano incredibilmente puntato il dito contro Mosca, ma poi a febbraio il giornalista premio Pulitzer Seymour Hersh ha pubblicato un’inchiesta specificando che si trattava di un’operazione segreta della CIA e della Marina degli Stati Uniti.

 

Dopo l’accurato reportage di Hersh, le accuse secondo cui la Russia avrebbe bombardato il proprio oleodotto erano terminate, tuttavia è emersa una bislacca nuova teoria, subito sostenuta dai media mainstream: i colpevoli vanno ricercati in un piccolo gruppo filoucraino, con a disposizione competenze e attrezzatura subacquee avanzate, tanto esplosivo, più una barchetta.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Cremlino  ha definito la nuova teoria dei sub «filoucraini» ridicola, sottolineando che solo uno Stato e un esercito avrebbero le risorse per portare a termine un’operazione così complessaHersh ha quindi affermato, sulla base delle sue fonti, che la CIA stessa ha piantato la narrativa dei palombari ucrainisti nei media amichevoli per proteggere la Casa Bianca, che è coinvolta fin nella sua vetta, dal consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, alla sottosegretaria del Dipartimento di Stato Victoria Nuland (artefice, almeno da un decennio e più, delle tensioni ucraine), al presidente Biden stesso.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Ministro israeliano dichiara che non esiste alcun popolo palestinese

Pubblicato

il

Da

Il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich ha dichiarato a una cerimonia commemorativa privata a Parigi che non esiste un popolo palestinese, che è un’invenzione del mondo arabo e che lui e i suoi nonni sono i veri palestinesi. Lo riporta il quotidiano israeliano Times of Israel.

 

Smotrich ha affermato che «non esistono i palestinesi perché non esiste il popolo palestinese», un commento che è stato accolto con applausi dai partecipanti, come si vede in un video dell’evento pubblicato online.

 

«Sai chi sono i palestinesi?” ha proseguito il ministro dello Stato ebraico. «Io Sono palestinese», ha detto, citando anche sua nonna, nata nella città israeliana settentrionale di Metula 100 anni fa, e suo nonno, un gerosolimitano di 13ª generazione come i «veri palestinesi».

 

 

«Esiste una storia o una cultura palestinese? No. Ci sono stati arabi in Medio Oriente che sono arrivati ​​in Terra d’Israele contemporaneamente all’immigrazione ebraica e all’inizio del sionismo. Dopo 2000 anni di esilio, il popolo di Israele stava tornando a casa, e intorno c’erano arabi a cui non piaceva. Quindi cosa fanno? Inventano un popolo fittizio in Terra d’Israele e rivendicano diritti fittizi in Terra d’Israele solo per combattere il movimento sionista».

 

Le comunità arabe occupate dovrebbero «smettere di sputare nel pozzo da cui stanno bevendo», ha detto Smotrich, riferendosi al beneficio che gli arabi avrebbero tratto dal «miracolo» che è Israele.

 

Le ultime osservazioni infiammatorie di Smotrich sono arrivate all’incirca nello stesso periodo in cui i funzionari della sicurezza israeliani e palestinesi si stavano riunendo a Sharm el Sheik, in Egitto, per dare seguito a un incontro di febbraio ad Aqaba, in Giordania, per elaborare accordi di sicurezza per la Cisgiordania.

 

Un comunicato congiunto firmato da Israele e Palestina sottolinea il «diritto legale» che la Palestina ha di svolgere responsabilità di sicurezza sull’Area A della Cisgiordania.

 

Secondo il Times of Israel le forze dello Stato ebraico conducono regolarmente raid nell’Area A che hanno ucciso dozzine di palestinesi nell’ultimo anno.

 

L’affermazione di Smotrich non è nuova: la prima a dire che «i palestinesi non esistono» fu, negli anni Settanta, la premier Golda Meir.

 

 

Dal discorso di Smotrich restano completamente fuori, per qualche motivo, i cristiani palestinesi, in nessun modo assimilabili alla narrativa professata dal ministro, e pure dotati di loro automatiche rappresentanze alla Knesset. Attualmente, i cristiani israeliani si stanno dimostrando inquieti per il nuovo governo Netanyahu.

 

Come riportato da Renovatio 21, un nuovo disegno di legge proposto dall’alleanza partitica Ebraismo della Torah Unito (UTJ) prevede la criminalizzazione dei tentativi di conversione; la proposta pone l’accento sul proselitismo cristiano.

 

Un altro ministro israeliano, il capo del dicastero della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, due mesi fa ha vietato l’esposizione di bandiere palestinesi in luoghi pubblici sostenendo che «incoraggiano il terrorismo».

 

 

 

 

 

Immagine di 4800 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari