Vaccino sperimentale: «danni neurologici a mio marito», dice una signora indiana

 

 

Una signora indiana ha detto a New Delhi Television (NDTV) che il marito,  cui sarebbe stato somministrato un dosaggio del vaccino sperimentale COVID-19, avrebbe sviluppato gravi sintomi neurologici che gli impediscono di completare semplici compiti domestici e lo hanno portato a perdere il lavoro.

 

Il fatto sarebbe accaduto a Chennai, città in India fino a qualche anno fa chiamata Madras.

 

Il marito, cui sarebbe stato somministrato un dosaggio del vaccino sperimentale COVID-19, avrebbe sviluppato gravi sintomi neurologici che gli impediscono di completare semplici compiti domestici e lo hanno portato a perdere il lavoro

La famiglia ha emesso un avviso legale ad AstraZeneca, Oxford e al Serum Institute of India (SII), che è l’organizzazione che esegue l’esperimento, sostenendo che i sintomi sono un grave effetto collaterale della vaccinazione. La famiglia ha citato in giudizio per l’equivalente di $ 676.000, riferisce Forbes, ma il SII nega le accuse e afferma che le affermazioni della famiglia sono «malevole e mal concepite».

 

«La nostra richiesta principale era di portare questo all’attenzione della gente – ha  detto la moglie della cavia umana a NDTV – Questo vaccino è stato chiamato l’opzione per l’India. Non possiamo stare zitti. Avremmo potuto vendere il nostro silenzio, avremmo potuto semplicemente inviare un avviso e guadagnare qualcosa… Ma i nostri cuori non ce lo permettevano».

 

Ora, il produttore del vaccino SII minaccia di portare in tribunale la famiglia e chiedere i danni danni.

Ora, il produttore del vaccino SII minaccia di portare in tribunale la famiglia e chiedere i danni danni.

 

Lo studio Oxford / AstraZeneca è già stato messo in discussione di recente a causa di errori di dosaggio.

 

«Non è impossibile che gli errori – o il vaccino stesso – possano essere collegati a studi clinici rari e severi. Ma non ci sono prove oltre al racconto della famiglia» scrive Futurism.

 

AstraZeneca non ha commentato su Forbes. Da parte sua, SII ha detto a NDTV che il principale investigatore del Data and Safety Monitoring Board e del Comitato Etico aveva «eliminato e valutato in modo indipendente [gli effetti collaterali neurologici] come una questione non correlata alla sperimentazione del vaccino».

«Mio marito ha perso la sua creatività e fiducia dopo che gli è stato somministrato il vaccino. Il nostro scopo non è il risarcimento. Il pubblico dovrebbe saperlo».

 

«Vorremmo assicurare a tutti che il vaccino non verrà rilasciato per uso di massa a meno che non sia dimostrato immunogenico e sicuro», ha aggiunto SII.

 

«Prendendo in considerazione le complessità e le definizioni improprie riguardo vaccinazione e immunizzazione; l’avviso legale è stato quindi inviato per salvaguardare la reputazione della società che viene ingiustamente calunniata».

 

La signora indiana descrive suo marito, professionista di marketing quarantenne, come una persona ben informata e creativa. «La sua capacità di scrivere, presentare le cose in modo creativo erano i suoi punti di forza. Ora non è in grado di fare il suo lavoro».

 

«La nostra domanda era: perché non hanno interrotto il processo quando è stata osservata una tale reazione avversa? Almeno fino a quando non erano sicuri al 100%? Come potrebbero somministrare nuovamente il vaccino ai volontari prima di informarli».

«Mio marito ha perso la sua creatività e fiducia dopo che gli è stato somministrato il vaccino. Il nostro scopo non è il risarcimento. Il pubblico dovrebbe saperlo».

 

«La nostra domanda era: perché non hanno interrotto il processo quando è stata osservata una tale reazione avversa? Almeno fino a quando non erano sicuri al 100%? Come potrebbero somministrare nuovamente il vaccino ai volontari prima di informarli».

 

 

 

 

 

 

Immagine d’archivio