Connettiti con Renovato 21

Bizzarria

Uomini ignudi terrorizzano tutta l’Italia

Pubblicato

il

Da mesi, quantità di uomini ignudi stanno seminando terrore e scompiglio in tutta Italia. Il fenomeno è preoccupante non accenna a diminuire la sua devastante portata, che espressasi in tutta la sua virulenta oscenità negli ultimi mesi.

 

Moltissimi di questi casi riguarderebbe, come si può presumere dalle immagini, immigrati da terre lontane, tuttavia non è questo il momento di formalizzarci, e certe battute (tipo che l’immigrazione altro non è se non un arrivare nudi alla meta) lasciamole pure per altre occasioni.

 

L’altra mattina, poco prima delle 8:00, si è verificata un’irruzione in un condominio situato in via Giovanni de Agostini 42, nel quartiere Pigneto a Roma. Un individuo, completamente svestito tranne che per una maglietta, ha fatto ingresso nel palazzo impugnando un ombrello e manifestando evidenti segni di agitazione.

 

Una volta all’interno, ha suonato e bussato ripetutamente alle porte dei residenti, per poi procedere a danneggiare gli interni del palazzo. Utilizzando l’ombrello, ha colpito fioriere, vasi, finestre e vetri, lasciando inoltre tracce del suo sangue sui muri, sulle scale e sui pavimenti dei pianerottoli. Secondo Leggo, che parla anche di «atti di autolesionismo», l’uomo avrebbe «cercato di entrare nella casa di una donna trans brasiliana e, al suo rifiuto, ha seminato il panico».

 

L’individuo coinvolto, secondo quanto riferito dai condomini all’Adnkronos, sarebbe di nazionalità italiana. Questi abitanti del condominio hanno dichiarato di averlo sentito parlare da solo, manifestando deliri a sfondo religioso riguardanti il diluvio universale e Dio. La situazione ha causato terrore tra i condomini, i quali hanno preferito barricarsi nei propri appartamenti e chiamare ripetutamente il numero di emergenza 113. All’arrivo dei carabinieri, l’uomo è stato immobilizzato, portato via e, secondo quanto trapela, potrebbe essere stato ricoverato a causa delle ferite autoinflitte.

 

Negli scorsi giorni a Erbusco, nel Bresciano un uomo completamente denudato è stato avvistato correndo in mezzo alla strada, tra automobili e camion. Ripreso dai telefonini, il filmato è divenuto virale, prima di essere rimosso dalla censura dei social.  Secondo quanto riportato, numerose persone hanno cercato di fermare e calmare l’uomo, non solo per garantire la sua sicurezza, ma anche per prevenire il rischio di incidenti con i veicoli che transitavano sulla trafficata Strada Statale. Successivamente, un’ambulanza è intervenuta per soccorrere l’individuo e lo ha trasportato in ospedale per ulteriori accertamenti. Brescia Today riporta che la provincia di Brescia è stato teatro di precedenti simili episodi, l’ultimo risalente al 2021 a Paratico. In quell’occasione, un uomo di circa 50 anni è stato avvistato lungo la Provinciale mentre faceva jogging in totale assenza di indumento.

 

Domenica 24 settembre, era stata la volta di Milano, con un uomo denudato avvistato mentre camminava con nonchalance in pieno centro a Milano, precisamente in via Fatebenefratelli. La sua condotta ha suscitato ovvia curiosità e costernazione tra le persone che si trovavano in quel luogo in quel momento, riporta la stampa locale. Parrebbe che l’uomo esente di vesti abbia pure lanciato delle bottiglie di vetro contro gli astanti.

 

 

Pochi giorni prima, un 35enne pakistano fu trovato in viale MacMahon, sempre a Milano, completamente svestito: l’asiatico pensò bene di avventarsi contro un’autovettura saltellandovi sul cofano e financo sul parabrezza, al punto da rompere pericolosamente il vetro e staccare i tergicristalli.

 

Il 3 agosto, a mezzogiorno, a Firenze un uomo di colore ma senza veli seminò il panico in strada con calci, pugni e bottigliate contro i passanti. Si tratterebbe di un 23enne senegalese, che ha colpito con una bottiglia di vetro rotta due spedizionieri, per poi picchiare persone a caso. Bloccato dalle forze dell’ordine, è stato tradotto in ospedale.

 

 

A fine settembre, ancora a Firenze, un sedicente artista si mostrò senza vestiti in Piazza della Signoria. Era noto per aver imbrattato di gialloblù (colori dell’Ucraina) la statua del Leone Rampante nella medesima piazza e, in una ulteriore occasione, per aver dato fuoco al telo nero che copriva il David. Da notare come lo stesso, nel 2018, spaccò un quadro in testa a Marina Abramovich, sostenendo che lo aveva fatto «per l’arte». (Interessante)

 

 

Il mese scorso, alle otto del mattino, in pieno centro a Verona vi fu il caso dell’uomo che passeggiava integralmente ignudo sotto la pioggia battente. Segnalato da vari cittadini allarmatissimi, è stato intercettato dal personale sanitario, a cui ha spiegato che si trattava di una «protesta contro i poteri forti».

 

 

A luglio, un altro uomo nudo era stato avvistato mentre compiva una passeggiata notturna nel quartiere San Lorenzo.

 

 

 

A settembre, un signore in totale mancanza di vestiti è stato visto aggirarsi del cimitero di Santa Cristina di Quinto, provincia di Treviso. Erano le 10 del mattino. Secondo quanto riportato, una signora con in mano un mazzo di fiori per i cari estinti lo ha visto «sbucare all’improvviso da una tomba».

 

 

 

A settembre, un signore in totale mancanza di vestiti è stato visto aggirarsi del cimitero di Santa Cristina di Quinto, provincia di Treviso. Erano le 10 del mattino. Secondo quanto riportato, una signora con in mano un mazzo di fiori per i cari estinti lo ha visto «sbucare all’improvviso da una tomba».

 

 

Il mese scorso, a Casale Monferrato  un uomo vestito di nulla ha rincorso una povera ragazza delle superiori, dopo aver tentato – dicono le cronache – tentato un approccio, che al momento non riusciamo ad immaginare.

 

A fine agosto, a Monza, un ulteriore uomo nudo aveva rincorso alcune ragazzine. «Dalla descrizione si tratta di un uomo di circa un metro e 75 centimetri di altezza, di carnagione olivastra, con barba non folta». Del personaggio, chiamato dalla stampa «pervertito», si son perse le tracce, e le autorità brancolano nel bujo.

 

A maggio a Villorba, sempre nel Trevigiano, un signore ebbro ha creato «pericolo per gli automobilisti» sfidando il traffico privo di qualsiasi indumento. Erano solo le 17.

 

A settembre, a Roma, un uomo seminudo è stato filmato mentre fuggiva inseguito da una donna che lo insultava. Si sprecarono le illazioni sulla dinamica della situazione (corna scoperte in flagranza? Semplice messaggino Whatsapp di buon compleanno della ex dei tempi del liceo?), ma anche questo caso di uomo nudo è rimasto inspiegato.

 

 

A metà agosto, a Chieti, ci è scappato il morto: un uomo nudo fermato dai carabinieri col il taser è morto in ambulanza.

 

Il mese scorso, a Barletta, sul lungomare di Ponente – detto lungomare Pietro Mennea – ecco palesarsi l’uomo ignudo presso una fontana. L’uomo parea impegnato a stendere i panni al sole, dopo essersi lavato in grande scioltezza.

 

C’è, ovvio, il caso blasfemo: tutti ricorderanno a giugno l’altare di San Pietro profanato da un uomo nudo, poi bloccato dalla Gendarmeria Vaticana. Nella basilica è stato quindi celebrato un rito di riparazione.

 

 

A settembre, presso Gallese, nel Viterbese, un uomo si è denudato iniziando ad inveire contro i passanti.

 

Il mese scorso, un 50enne privo di vestiti si è manifestato nei pressi di Piazza dei Valdesi a Cosenza, indossando solo una parrucca.

 

Inizio settembre: il quartiere di San Donato, a Torino, sconvolto da un uomo del tutto privo di abiti che corre nel cuore della notte.

 

A marzo l’ennesimo uomo nudo era stato individuato mentre circolava per un quartiere romano. Ore dopo i militari dell’Arma lo hanno trovato in un istituto di suore.

 

Da notare che negli inquietanti episodi si tratta sempre di «uomo nudo»; la donna nuda, alcuni potrebbero ammettere, ha pubblicamente un altro significato, e genera – in tutti, tutte, tutt* – altre emozioni.

 

Si tratta quindi di un ulteriore soverchiante segno del patriarcato? L’uomo patriarcale si sente in diritto di mostrarsi al mondo come matriarca lo ha fatto?

 

Non sappiamo dirlo. Tuttavia, l’Italia si appresa a chiude il Q4 (il terzo quarter, cioè trimestre, dell’anno) con un incredibile bilancio in fatto di randomatico nudismo urbano. E si tratta pure del periodo in cui, se esistessero ancora le mezze stagioni e il cambiamento climatico non fosse indiscutibile realtà, ci sarebbe da vestirsi, e non da svestirsi.

 

È inutile cercare di nasconderselo: le autorità sanno, ma non fanno nulla. Il fenomeno è macroscopico, eppure non se ne parla, e si interviene a fatto compiuto, a danno concretizzato. Un po’ come avviene per certi malori che paiono affliggere autisti, sportivi, cantanti, cercatori di funghi, piloti d’aereo, presentatori TV, calciatori, calciatrici, giornalisti, anziani e giovani a caso.

 

Che sia, ad una certa, il caso di dire che il re è nudo?

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di caso di uomo nudo milanese del 2020 (era lockdown), screenshot da YouTube
 

Continua a leggere

Bizzarria

Trump accusa l’uso dell’Intelligenza Artificiale per farlo ingrassare

Pubblicato

il

Da

L’ex presidente degli Stati Uniti e attuale candidato Donald Trump si è scagliato contro i media americani sulla sua piattaforma Truth Social, accusandoli di diffondere notizie false sul suo conto.   Un post sul suo account venerdì mostrava quattro foto di Trump a metà swing mentre giocava a golf.   In una foto, presumibilmente pubblicata da un quotidiano americano anonimo, Trump mostra un ventre assai prominente dando l’impressione di essere piuttosto in sovrappeso. Nelle altre tre, che si dice siano state scattate venerdì mattina, manca la pancia e Trump appare decisamente più snello e in forma.   «Le Fake News hanno utilizzato l’Intelligenza Artificiale (AI) per creare l’immagine in alto a sinistra. Queste sono persone spregevoli, ma questo lo sanno tutti. Le altre foto sono io che colpisco le palline da golf oggi per mostrare la differenza. Purtroppo, nel nostro Paese, le fake news sono tutto ciò che ottieni!» ha scritto Trump nel post.   Come scrive RT, non è chiaro il motivo per cui Trump abbia deciso di rimproverare i media per il quadro falsificato in questo particolare momento.   Secondo il sito di fact-checking Snopes, la foto è apparsa sui social media – e non sui media – nel maggio 2017.   In effetti è stata modificata, anche se probabilmente non con la tecnologia AI, ha affermato il sito, ma piuttosto con Photoshop. È un’immagine del golfista professionista e sostenitore di lunga data di Trump John Daly, con la testa di Trump sovrapposta al corpo di Daly. L’immagine circolava all’epoca su Twitter e suscitò una serie di commenti e speculazioni sulla salute dell’allora presidente.   Le foto di Trump, comprese quelle di lui che gioca a golf nei suoi numerosi campi da golf, sono spesso alterate e utilizzate dai burloni dei social media. Un’immagine pubblicata online nel 2022 e che lo mostrava con un doppio mento pronunciato e profonde rughe sul viso ha raccolto centinaia di Mi piace e condivisioni su Facebook prima che fosse dimostrato che era alterata digitalmente.   Senza alcuna ragione apparente, il post di Trump con l’immagine alterata è coinciso con la sentenza di venerdì contro di lui da parte di un giudice di New York, che ha vietato al candidato presidenziale di gestire le sue attività nello stato e ha ordinato a lui e alla sua azienda di pagare 354 milioni di dollari di danni per frodi bancarie legate a beni immobili.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia
Continua a leggere

Alimentazione

Birra cinese risponde al video dell’operaio che fa pipì nella vasca di produzione

Pubblicato

il

Da

«La mia birra sa di piscio» potrebbe non essere più un’espressione cameratesca che utilizza una figura retorica, ma una realtà letterale.

 

Le persone di fatto spesso scherzano dicendo che le birre che non sono di loro gradimento sanno di urina. Tuttavia la metafora potrebbe essere divenuta realtà nel caso dell’importante brand di birra cinese Tsingtao: il video di un lavoratore che urina in uno dei suoi serbatoi è diventato virale in tutta la Cina ed oltre.

 

L’emittente statunitense CNBC ha riferito che i rappresentanti della Tsingtao sono corsi ai ripari sostenendo di aver isolato il contenuto del serbatoio. In rete le reazioni sono state divisive, con i commentatori che hanno postato messaggi di sostegno per l’azienda o hanno rinnegato la birra. Da notare che suddetto marchio è il secondo birrificio più grande della Cina, con una quota di mercato del 16%.

 

I problemi sono iniziati diversi giorni fa, quando il video ha iniziato a fare il giro del web.

 

Sostieni Renovatio 21

La CNBC riferisce che il drammatico filmato si è diffuso la piattaforma di social media cinese Weibo, dove è diventato rapidamente virale raccogliendo milioni di visualizzazioni.

 

Il filmato sembra mostrare un operaio che si infila in una vasca in uno degli stabilimenti del birrificio nello Shandong, una provincia sul Mar Giallo, per poi fare pipì su mucchi di malto grezzo.

 

Nonostante la cattiva campagna pubblicitaria del tutto inaspettata, però bere birra contaminata con l’urina probabilmente non danneggerà il corpo umano, soprattutto se si tratta di una quantità relativamente piccola, secondo molti esperti medici. L’urina, che contiene principalmente acqua e vari composti di scarto, è stata addirittura pubblicizzata come bevanda terapeutica in varie culture. Si ritiene che l’urina sia per lo più sterile, ma può ospitare batteri e altri agenti patogeni, motivo per cui i medici sconsigliano di berla.

 

C’è da considerare che la maggior parte delle bevande prodotte nei grandi birrifici come Tsingtao sono testate per i microbi e pastorizzate per eliminare eventuali batteri, se non diversamente indicato sulla bottiglia.

 

Tornando allo scandalo della Tsingtao – glorioso marchio di birra originario di Qingdao, città costiera data in concessione nel 1897 alla Germania, che vi ha lasciato tracce elettroniche ed alcoliche –, secondo quanto riferito, la polizia locale ha arrestato il lavoratore orinatore e la persona che ha girato il video della terribile minzione, anche se c’è ancora una certa confusione nei media cinesi sul fatto se le persone coinvolte nell’incidente fossero dipendenti del birrificio o fossero lavoratori esterni.

 

Una fonte ha anche affermato che l’incidente non è avvenuto in un magazzino di materie prime di Tsingtao, ma in una struttura logistica, anche se dal punto di vista del brand il danno è stato chiaramente fatto.

 

La polizia cinese ha detto che rilascerà maggiori informazioni non appena verrà a conoscenza della vicenda.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Bizzarria

Deputato russo propone di inviare i divorziati al fronte

Pubblicato

il

Da

I divorziati in Russia dovrebbero affrontare ripercussioni sotto forma di una multa o di essere coinvolti nel conflitto in Ucraina, ha proposto un membro della Duma di Stato russa e vice capo del comitato parlamentare per la protezione della famiglia.   Il controverso onorevole Vitalij Milonov ha avuto l’idea mercoledì mentre il Parlamento russo discuteva la proposta del Partito Liberal Democratico Russo (LDPR), partito di destra, che prevede che lo Stato ricompensi coloro che si sposano prima dei 35 anni con 10.000 rubli (circa 100 euro).   Il deputato del partito al potere Russia Unita ha affermato che il problema non è che in Russia si contraggono troppo pochi matrimoni, ma che troppi di essi si stanno sciogliendo.   «Ecco perché propongo, in caso di divorzio, una multa di 100.000 rubli (circa 1000 euro) o il lavoro correzionale nell’area dell’operazione militare russa in Ucraina», ha detto.

Sostieni Renovatio 21

Il Milonov ha quindi aggiunto la proposta per cui «in caso di percosse o di stile di vita sfrenato di uno dei coniugi, se pensa di non essersi divertito abbastanza e continua a tradire a destra e a manca, allora è lui che dovrebbe assumersi la responsabilità del divorzio e quindi subire oneri finanziari».   Secondo i dati pubblicati all’inizio di questa settimana dal Servizio statistico federale russo, tra gennaio e ottobre 2023 nel paese si sono verificati più di 800.000 matrimoni e circa 566.000 divorzi.   Il capo del comitato per la protezione della famiglia, Nina Ostanina, ha poi dichiarato alla testata russa Gazeta.ru che il Parlamento non prenderà in considerazione l’iniziativa di Milonov.   «Il divorzio di per sé è già una punizione, anche per i figli che diventano vittime di incomprensioni tra i genitori. Di norma, nell’80% dei casi, i motivi del divorzio sono di natura materiale: alloggio, salario basso», ha dichiarato la Ostanina, respingendo anche la proposta del LDPR di pagare 10.000 rubli agli sposi, sostenendo che «non ha futuro» perché la somma è troppo piccola per incoraggiare qualcuno a sposarsi.

Aiuta Renovatio 21

«C’è un futuro per tutte le iniziative che prevedono un sostegno globale alle famiglie, in particolare alle famiglie con bambini», ha affermato. Le giovani famiglie non andrebbero in pezzi se alla gente venisse offerto «un alloggio, un salario dignitoso e un lavoro garantito», ha sostenuto l’Ostanina.   Nel corso degli anni, Milonov si è fatto un nome come sostenitore dei valori della famiglia e forte oppositore dell’attivismo LGBTQ.   Questa stessa settimana il Milonov, inarrestabile, ha anche lanciato l’idea di un divieto della sterilizzazione maschile in Russia.   Come riportato da Renovatio 21, una precedente iniziativa del controverso parlamentare consisteva nella schedatura di gruppi che promuovevano uno stile di vita «senza figli» come estremisti.   A novembre la Corte Suprema russa ha messo fuori legge il «movimento pubblico internazionale LGBT» proprio in quanto organizzazione estremista nel paese. L’inclusione dei gruppi nell’elenco delle «organizzazioni estremiste» mette di fatto fuori legge tutte le loro attività e simboli. Non è chiaro quali gruppi e persone saranno colpiti dalla sentenza, arrivata nel contesto della repressione dell’«ideologia LGBT» in Russia.   Il Milonov, divenuto cristiano battista nel 1991 e poi convertitosi alla Chiesa Ortodossa Russa nel 1998 (al punto da indossare nel 2012 una controversa maglietta con su scritto «Ortodossia o morte!»), nel tempo proposto numerose leggi stravaganti, incluso il divieto per gli uomini di camminare a petto nudo per strada, e ha anche suggerito che i padri che non pagano gli alimenti non dovrebbero essere elencati come maschi sui loro documenti ufficiali perché «un vero uomo non abbandonerà mai i suoi figli».   Il deputato è di suo divorziato e ha tre figli, di cui uno adottato.   Milonov si è battuto anche per il divieto delle celebrazioni di Halloween nel Paese.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia
Continua a leggere

Più popolari