Connettiti con Renovato 21

Terrorismo

Se anche l’ISIS si fa il vaccino mRNA

Pubblicato

il

 

 

La settimana scorsa i giornali ci hanno informato di un arresto rilevante nella lotta al terrorismo islamico.

 

La polizia avrebbe tratto in arresto «Al Muhajirah», la «sposa pellegrina». Si tratta di una ragazza italo-kosovara di 19 anni, «radicalizzata a 16 anni, sul web» scrive il Corriere della Sera.

 

«Una fanatica dello Stato Islamico che aveva realizzato a gennaio il suo sogno: sposare un “barbuto”, un miliziano di origini kosovare residente in Germania, vicino all’attentatore di Vienna, Fejzulai Kujtim».

 

«Voleva andare a combattere e immolare la sua vita alla causa salafita» scrive il quotidiano. L’arresto è avvenuto ad «una segnalazione dell’intelligence tedesca per i suoi contatti con i “Leoni dei Balcani”, costola europea di Daesh [cioè l’ISIS, ndr] di cui faceva parte il marito».

 

«È stata intercettata al suo ritorno in Italia, a Milano, per rinnovare la carta d’identità e vaccinarsi contro il COVID». Eh?

Si tratta di un pattern già visto in precedenza ad ogni latitudine: ragazzine giovanissime, teenager magari di seconda o terza generazioni di famiglie immigrate integratissime magari perfino poco religiose, negli anni dell’ISIS partivano alla volta della Siria e del Levante per sposare miliziani mai visti prima e combattere per lo Stato Islamico».

 

Casi simili si sono visti in Gran Bretagna, in Sud Africa, negli USA, in Germania.

 

Anche in Italia il fenomeno ha lasciato il segno: una 19enne padovana di origine marocchina nel 2015 era partita per raggiungere lo Stato Islamico, per poi dire di essere pentita l’anno dopo e chiedere di tornare, sparire ancora, far temere per la sua morte, riapparire con forse due figli, risparire ed essere nel 2021 segnalata da «fonti dei servizi segreti» in «Francia, sotto falso nome, pronta a portare avanti gli intenti jihadisti».

 

Non si tratta di una questione semplice.

 

Le ragazzine ISIS sembrano indomabili, inarrestabili – ne abbiamo trattato qui in un vecchio articolo di Renovatio 21, «La jihad come frutto del Concilio». Nel caso del recente arresto di Milano, si tratta di una ragazza di origine kosovara.

 

Cosa che in moltissimi ignorano, il Kosovo è il Paese primo al mondo nella statistica pro-capite foreign fighters mandati in Siria a combattere l’ISIS: un Paese limitrofo radicalizzato, per l’esistenza del quale – cioè, per la secessione dalla Serbia cristiana – il governo D’Alema avallò i bombardamenti del 1999.

 

Il Kosovo fu creato in un piano di ulteriore espansione dell’Islam in Europa: con le precedenti guerre yugoslave, già si era creato un altro primo stato musulmano in Europa, la Bosnia, dove erano accorsi tanti veterani della guerra anti-sovietica in Afghanistan e del massacro della guerra civile algerina. Vi operava liberamente, dissero, Al Qaeda, prima che essa, con l’11 settembre, divenisse il nemico. Nella mente dei padroni del vapore geopolitico atlantico, un altro staterello maomettano avrebbe aiutato, magari attraverso poi le laute donazioni saudite e emiratine, nell’indebolimento della Serbia, cioè della superpotenza nucleare russa: il solito programma visto in Cecenia, Daghestan e soprattutto in Afghanistan. Più potere agli islamisti, più gole slave tagliate, meglio per il dominio geopolitico occidentale…

 

Lo stato albanese-musulmano del Kosovo portò al potere il leader Hashim Thaci, uomo accusato di crimini di guerra, crimini contro l’umanità e traffico di organi. I politici italiani, e internazionali, continuarono ad aver rapporti con lui nonostante le accuse fossero ben note e ufficializzate nel 2010 dal Consiglio d’Europa.

 

Il quadretto è questo. Una ragazzina di origine kosovara che si iscrive ai terroristi ISIS si proietta automaticamente in questo oceano di sangue e di crudeltà belluina, di sanguinario calcolo politico mondiale e di traumi bellici non ancora sopiti: persecuzioni, squartamenti, propositi messianici…

 

Una giovane che aderisce all’ISIS compie la decisione più radicale possibile: un fondamentalismo non tollerabile per lo Stato «laico», l’abbraccio con una cultura di morte massiva, il disprezzo categorico e anticosmico della realtà degli infedeli (cioè, la realtà), la disponibilità a divenire un’arma suicida, la rinuncia alla propria giovinezza secondo i comodi canoni occidentali, l’idea che il mondo intero menta, e l’unica voce è quella del dio jihadista, e tutto il resto è jahiliyya, «miscredenza», menzogna

 

Si tratta, in pratica, della scelta più anticonformista che una ragazza può fare. Il fatto che una scelta del genere sia possibile spaventa il pubblico e le autorità, da quanto è aliena rispetto al cosmo sociale maggioritario.

 

Poi però, leggendo l’articolo sulla sposa ISIS 19enne arrestata a Milano, ci si imbatte in una cosa incredibile.

 

«È stata intercettata al suo ritorno in Italia (era cresciuta a Isernia), a Milano, per rinnovare la carta d’identità e vaccinarsi contro il COVID» Eh?

«È stata intercettata al suo ritorno in Italia (era cresciuta a Isernia), a Milano, per rinnovare la carta d’identità e vaccinarsi contro il COVID» scrive il Corsera.

 

Eh?

 

Il vaccino? Era tornata in Italia per sottoporsi alla siringa mRNA? È una qualche forma di dissimulazione da agente segreto? È il giornalista che non ha capito bene?

 

Cerchiamo un altro articolo sulla vicenda. Leggiamo bene.

 

«La “sposa pellegrina” — come da nickname usato nelle oltre duemila chat su praticamente qualsiasi piattaforma digitale, con una preferenza per la riservatezza di Telegram — aveva da tempo abbracciato l’Islam salafita. Il suo rifiuto per la società occidentale è stato totale. Tanto che gli ultimi quattro mesi, trascorsi in Italia solo per rinnovare la carta d’identità e vaccinarsi, ha preferito passarli barricata in casa. E limitare al minimo il rischio di “contaminarsi” con i miscredenti. Una breve uscita con il fratello per la seconda dose del vaccino anti COVID». Il massimo quotidiano nazionale scrive così. Il corsivo è nostro.

 

A questo punto abbiamo le vertigini. Trasecoliamo.

 

Come si può conciliare il «rifiuto totale» della società occidentale con la sottomissione al vaccino genico, assunto perfino in due dosi, e a 19 anni, senza obblighi precisi di mezzo?

Come si può conciliare il «rifiuto totale» della società occidentale con la sottomissione al vaccino genico, assunto perfino in due dosi, e a 19 anni, senza obblighi precisi di mezzo?

 

Davvero, non sappiamo che dire. Ricordiamo ancora bene il pensiero degli anni Novanta, culminato poi nell’11 settembre e nel mondo successivo: l’Islam radicale non era altro che un rifiuto della globalizzazione occidentale, dicevano. Estrema destra ed estrema sinistra convergevano in questa visione edenica del jihadista buon selvaggio contro il mondo corrotto delle multinazionali e della macchina da guerra bombarola USA.

 

Il libro da leggere era Jihad vs. McWorld del politologo americano Benjamin Barber, tradotto il Italia come Guerra santa contro McMondo. Il «McMondo» consisteva nel dominio imperialista delle multinazionali dietro alla globalizzazione, contro cui si levavano fisiologicamente forze ri-tribalizzate etnicamente, culturalmente, religiosamente (per esempio, appunto, il jihadismo).

 

La jihad non riesce a vedere il McVaccino mRNA come longa manus del McMondo sin dentro i corpi, le cellule della discendenza di Abramo

Quindi, secondo questa logica, la jihad non riesce a vedere il McVaccino mRNA come longa manus del McMondo sin dentro i corpi, le cellule della discendenza di Abramo.

 

L’Islam aveva dato sporadiche prova di resistenza all’imperialismo vaccinatorio – anche prima del COVID.

 

In Pakistan vi è una lunga scia di tremendi episodi di sangue: vaccinatori uccisi da uomini armati che poi spariscono.

 

Twitter ha rimosso il tweet dell’ayatollah Ali Khamenei che poneva dubbi sull’affidabilità dei vaccini occidentali, di cui non si fidava.

 

Nei primi giorni di vita del nuovo emirato di Afghanistan, a fine agosto, riportò un canale indiano affiliato della CNN, i nuovi talebani – quelli armati e vestiti dagli USA e leccati dai nostri politici – proibirono la vaccinazione contro il COVID-19 in Paktia, Afghanistan orientale.

L’Islam aveva dato sporadiche prova di resistenza all’imperialismo vaccinatorio – anche prima del COVID

 

Il lettore di Renovatio 21 può andare ancora più indietro, e leggere già diversi anni di una resistenza di clerici musulmani in Indonesia riguardo ai vaccini creati con cellule fetali e animali – in particolare il maiale, che è haram, proibito.

 

Di recente, abbiamo riportato dell’esitazione della popolazione musulmana cecena verso il siero anti-COVID.

 

La verità è che nessuno è davvero al riparo dall’imperativo vaccinale. L’ayatollah iraniano si è vaccinato con una fiala made in Iran, il CovIran. In Indonesia lo Stato minaccia punizioni pesanti per chi dissente dall’inoculo. In Pakistan mesi fa hanno iniziato a bloccare la SIM telefonica dei non vaccinati.  talebani si sono aperti a Instagram e Twitter, con selfie fichissimi, aprirsi alla siringa genica ci sembra un dettaglio minore.

 

L’unica vera opposizione al mondialismo è quella di chi rifiuta la sottomissione biotica e il siero mRNA

No, neanche la Jihad può qualcosa contro il vaccino.

 

Il che ci porta alle logiche, legittime conclusioni di tutto questo: l’unica vera opposizione al mondialismo è quella di chi rifiuta la sottomissione biotica e il siero mRNA.

 

L’unica vera minaccia all’establishment oggi è l’antivaccinismo, diffuso in ogni angolo della Terra.

 

L’unica vera resistenza al Nuovo Ordine Mondiale è quella di chi difende la dignità dell’uomo e l’inviolabilità della sua materia genetica.

 

L’unica vera resistenza al Nuovo Ordine Mondiale è quella di chi difende la dignità dell’uomo e l’inviolabilità della sua materia genetica. L’unica vera «Guerra Santa» è quella per la libertà e la legge naturale. L’unico vero Dio è Colui che, a ciascun essere umano, ha infuse entrambe tramite il dono della vita

L’unica vera «Guerra Santa» è quella per la libertà e la legge naturale.

 

L’unico vero Dio è Colui che, a ciascun essere umano, ha infuse entrambe tramite il dono della vita.

 

Vi è solo un Dio, il Dio della vita. Vi è solo una battaglia, quella della Vita contro la Morte e la sua Cultura.

 

Questa è la Via. Questa è la Verità che ci renderà liberi.

 

Perché, ha detto il Signore: «Io sono la via, la verità e la vita» (Gv 14,6)

 

 

 

Intelligence

L’Intelligence russa accusa gli Stati Uniti di addestrare militanti dell’ISIS in Siria per la guerra in Ucraina

Pubblicato

il

Da

Il servizio di intelligence estero russo, l’SVR, accusa gli Stati Uniti di portare militanti dell’ISIS dalla Siria in Ucraina per svolgere operazioni di sabotaggio.

 

«Secondo le fonti del servizio di intelligence straniero, gli Stati Uniti stanno attirando attivamente membri di organizzazioni terroristiche internazionali, incluso il gruppo dello Stato Islamico, a partecipare alle ostilità in Ucraina in qualità di mercenari», ha affermato Sergej Ivanov, capo ufficio stampa dell’SVR.

 

Ivanov ha affermato che ad aprile i servizi segreti statunitensi hanno avuto un ruolo nel rilascio di circa 60 militanti dello Stato Islamico di età compresa tra 20 e 25 anni dalle carceri controllate dai curdi siriani.

 

I militanti sono stati poi spostati nell’area della base militare americana di Al-Tanf in Siria, vicino al confine con la Giordania e l’Iraq, per l’addestramento al combattimento ed eventuale trasferimento in Ucraina.

 

«Secondo le fonti dell’SVR, le suddette basi militari e i suoi dintorni sono da tempo diventati un hub terroristico, dove fino a 500 militanti dello Stato Islamico e altri jihadisti fedeli a Washington vengono sottoposti a riqualificazione simultanea», ha affermato Ivanov.

 

Come riportato da Renovatio 21, già tre mesi fa si parlava di miliziani siriani e turchi diretti in Ucraina alla ricerca di una vendetta contro la Russia rea di aver messo fine allo stato di barbarie in cui l’islamismo e i suoi sponsor avevano precipitato la Siria di Assad.

 

Della corposa fuga di vari combattenti ISIS con passaporti falsi ottenuti a Istanbul si parlava a inizio anno.

 

Come scritto in questi anni, miliziani jihadisti sono stati portati dalla Turchia di Erdogan, che tanto per cambiare è in relazione assai ambigua con Mosca, anche in altri teatri come la Libia e il Nagorno-Karabakh, dove hanno combattuto con l’Azerbaigian contro l’Armenia cristiana, da sempre protetta di Mosca.

 

Come riportato da Renovatio 21, il fronte azero-armeno potrebbe seguire l’andamento della guerra ucraina e riaprirsi, coinvolgendo anche altri attori limitrofi e non.

 

 

Continua a leggere

Intelligence

Gli Stati Uniti sanzionano mediatori finanziari ISIS accusati di traffico di bambini

Pubblicato

il

Da

Gli Stati Uniti hanno sanzionato una rete di cinque mediatori finanziari dell’ISIS accusati di assistere il gruppo terroristico nel traffico di bambini  dai campi profughi per il reclutamento come combattenti. Lo riporta Epoch Times.

 

In una dichiarazione ufficiale, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che i cinque individui sanzionati hanno lavorato in Indonesia, Siria e Turchia.

 

Tutte le loro proprietà e beni negli Stati Uniti saranno bloccati a causa delle sanzioni.

 

I cinque sono stati accusati di «facilitare il viaggio di estremisti in Siria e in altre aree in cui opera l’ISIS» e di aver effettuato trasferimenti finanziari per sostenere gli sforzi del gruppo nei campi profughi con sede in Siria. È stato poi affermato che tale rete ha raccolto fondi in Indonesia e Turchia per il gruppo islamista, «alcuni dei quali sono stati utilizzati per pagare il contrabbando di bambini fuori dai campi e consegnarli ai combattenti stranieri dell’ISIS come potenziali reclute».

 

«Con la loro designazione, miriamo a smascherare e interrompere una rete internazionale di facilitazione dell’ISIS che ha finanziato il reclutamento dell’ISIS , incluso [il reclutamento] di bambini vulnerabili in Siria», ha affermato il segretario di Stato Antony Blinken in una nota.

 

«I simpatizzanti dell’ISIS in oltre 40 paesi hanno inviato denaro a persone legate all’ISIS in questi campi a sostegno della futura rinascita dell’ISIS», si legge.

 

Il campo di Al-Hawl è stato riconosciuto come «il più grande campo per sfollati nel nord-est della Siria», che ospita fino a 70.000 persone, la maggior parte delle quali sono donne e bambini.

«Nella sola Al-Hawl, i sostenitori dell’ISIS hanno ricevuto fino a 20.000 dollari al mese tramite hawala, un meccanismo di trasferimento informale; la maggior parte di questi trasferimenti di fondi ha avuto origine al di fuori della Siria o è passata attraverso Paesi vicini come la Turchia», scrive la nota del Dipartimento di Stato USA.

 

Le sanzioni sono seguite alla 16a riunione del Counter ISIS Finance Group of the Global Coalition to Defeat ISIS, il 9 maggio. Il CIFG è co-guidato da Stati Uniti, Arabia Saudita e Italia e comprende quasi 70 paesi e organizzazioni internazionali.

 

«Gli Stati Uniti, come parte della Global Coalition to Defeat ISIS, si impegnano a negare all’ISIS la capacità di raccogliere e spostare fondi in più giurisdizioni», ha affermato Brian E. Nelson, sottosegretario al Tesoro per il terrorismo e l’Intelligence finanziaria.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’ISIS due mesi fa ha rivendicato un attacco ad una moschea sciita in Pakistan che ha causato almeno 58 morti e 200 feriti. Attacchi sanguinari sul finire del 2021 si sono avuti anche in Iraq.

 

Il mese precedente gli USA avrebbero eliminato il nuovo capo ISIS Abu Ibrahim Al-Hashimi al-Qurayshi, che viveva bizzarramente ancora in Siria ma in una zona controllata dalla Turchia e da Al-Qaeda. La Francia di suo avrebbe ucciso nel Sahara Kamel Abderrahmal, un altro vertice residuo dello Stato Islamico. In Africa, ad esempio in Mozambico, l’ISIS continua a mietere proseliti.

 

Nelle stesse settimane era scattato l’allarma per i passaporti falsi prodotti ad Istanbul con i quali i miliziani del fu Stato Islamico starebbero fuggendo in Europa e America. Sempre in Turchia un anno fa l’Interpol ha arrestato un ufficiale dello Stato Islamico fuggito.

 

Miliziani islamisti veterani del macello siriano sarebbero ora attivi in Ucraina contro la Russia, per vendicarsi del ruolo da protagonista di Mosca nella pacificazione dell’area e della piena restaurazione del potere di Bashar al-Assad.

 

 

Continua a leggere

Terrorismo

Kabul, 50 morti nell’attentato in una moschea sunnita

Pubblicato

il

Da

Una potente esplosione ha colpito una moschea nella parte occidentale di Kabul durante le preghiere, uccidendo e ferendo molte persone. Lo riporta Al Jazeera.

 

Si tratta dell’ultimo caso di una serie di attacchi contro luoghi di culto afgani e obiettivi civili durante il mese del Ramadan.

 

Besmullah Habib, vice portavoce del ministero dell’Interno afgano, ha detto che l’esplosione è esplosa venerdì alla moschea Khalifa Aga Gul Jan nella parte occidentale di Kabul verso le 14:00 ora locale

 

Centinaia di fedeli si erano radunati per la preghiera l’ultimo venerdì del Ramadan e la moschea era gremita.

 

Nessun gruppo terrorista ha subito rivendicato la responsabilità.

 

Già venerdì l’ospedale di emergenza nel centro di Kabul ha detto che stava curando 21 pazienti e due erano morti all’arrivo.

 

Varie fonti parlano di almeno 50 morti.

 

Un portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna l’esplosione e afferma che gli autori sarebbero stati trovati e puniti.

 

Decine di civili afgani sono stati uccisi nelle ultime settimane in esplosioni, alcune delle quali sono state rivendicate dall’ISIS.

 

I governanti talebani dell’Afghanistan affermano di aver messo in sicurezza il Paese da quando hanno preso il potere lo scorso agosto dicendo di aver in gran parte eliminato la propaggine locale dell’ISIS, ma funzionari e analisti internazionali affermano che il rischio di una recrudescenza degli attacchi rimane.

 

Molti degli assalti hanno preso di mira la minoranza religiosa sciita. Anche le moschee sunnite sono state attaccate.

 

Lo scorso giovedì, nella città settentrionale di Mazar-i-Sharif, sono esplose bombe su due furgoni passeggeri che trasportavano musulmani sciiti, uccidendo almeno nove persone.

 

Venerdì scorso, un’esplosione ha squarciato una moschea sunnita durante la preghiera del venerdì nella città di Kunduz , uccidendo 33 persone.

 

L’Afghanistan talebano, capolavoro dell’era Biden, non smette di stupirci.

 

 

 

Immagine d’archivio

Continua a leggere

Più popolari